Wimbledon: Federer vince la gara di estetica con Gasquet, trova Norrie al terzo turno

Flash

Wimbledon: Federer vince la gara di estetica con Gasquet, trova Norrie al terzo turno

In una sfida dagli altissimi contenuti tecnici, la verve del francese finisce dopo un set e mezzo. Federer chiude con 50 colpi vincenti in tre set

Pubblicato

il

Roger Federer - Wimbledon 2021 (foto via Twitter, @atptour)

[6] R. Federer b. R. Gasquet 7-6(1) 6-1 6-4

Sono passati 14 anni dalla loro semifinale a Wimbledon; nel 2021 Roger Federer e Richard Gasquet hanno meno gambe, meno resistenza e meno capelli ma non hanno certamente dimenticato come si gioca a tennis: il campione di Basilea si impone in tre set in meno di due ore al termine di un match di pura estetica tennistica in cui per larghi tratti la qualità dei colpi giocati è stata quasi più importante del risultato stesso, che è stato in discussione solo nel primo set nel quale l’otto volte campione ha comunque dominato il tie-break.

Federer ha iniziato di nuovo in maniera stentata, ma se martedì contro Mannarino era stato il diritto a farlo penare, stavolta era sembrato il rovescio ad essere fuori misura. Confeziona sostanzialmente una dozzina di errori gratuiti nella prima metà del primo parziale prima che il suo gioco si assesti. Una volta conquistato il primo set, come detto chiuso con un tie-break senza storia, Roger ha ripreso a giocare a un livello degno di chi ha vinto più partite di tutti nella Storia di questo torneo. Alla fine del match il saldo vincenti/errori dirà +24 (50-26).

 

Il suono della palla soprattutto negli scambi sulla diagonale sinistra, dove si sfidavano due dei rovesci a una mano più eleganti e vari della Storia del gioco, ha fatto sognare i puristi del gioco e spellare le mani al pubblico assai divertito del Campo Centrale. Il punto che sveglia definitivamente Federer dal suo torpore è un capolavoro del suo avversario: un rovescio supersonico da lontanissimo sparato sulla riga di fondo a seguito di uno smash a rimbalzo di Roger. Gasquet alza le braccia al cielo e Federer, che non è abituato a farsi rubare la scena agli applausi, comincia a fare a gara a chi può fare il punto più bello. Recupera quel game e strappa il servizio al suo avversario. Il secondo set diventerà un assolo dell’elvetico proprio a seguito di quel punto incredibile di Richard. Un 6-1 senza appello in 26 minuti.

A quel punto si tratta solo di capire quando arriverà il break decisivo per chiudere anche il terzo set: arriverà nel fatidico settimo gioco, sul 3 pari, con Federer che non si guarderà più indietro. Dopo il doppio impegno con la Francia (che sembra essere impossibile da perdere per gli svizzeri in questi giorni) la testa di serie N.6 affronterà Cameron Norrie, padrone di casa e recentissimo finalista al torneo del Queen’s battuto dal nostro Matteo Berrettini. I segnali di risveglio si sono visti, sabato cercherà di raggiungere di nuovo la seconda settimana, un traguardo che non è mai stato tale per lui negli ultimi 20 anni su questi campi. Si trattava infatti di una fatto acquisito prima ancora che avvenisse. Ora di acquisito per lui c’è ben poco, ma abbiamo appurato che sì, nonostante tutto, a tennis sa ancora giocare…

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP San Pietroburgo, il tabellone: Rublev è il primo favorito

Campione uscente sia in questo torneo che a Vienna, Andrey è a caccia di riscatto. Al via anche Shapovalov e i finalisti di Mosca Karatsev e Cilic

Pubblicato

il

Andrey Rublev - San Pietroburgo 2020 (via Twitter, @atptour)

In contemporanea con l’ATP 500 di Vienna, dove Ruud, Hurkacz e Sinner si daranno battaglia per guadagnarsi gli ultimi posti per le ATP Finals, il circuito ATP farà tappa per la seconda settimana consecutiva in terra russa: dopo il 250 di Mosca, da lunedì sarà la volta del St. Petersburg Open, torneo altresì da 250 punti che si svolgerà sui campi della Sibur Arena (cemento indoor, tabellone da 28 giocatori, total financial commitment di 932.370 dollari).

Il primo favorito del torneo è il campione in carica Andrey Rublev, che, ironia della sorte, è il detentore del titolo in entrambi i tornei della prossima settimana! Nella città fondata dallo zar Pietro il Grande, il ventiquattrenne russo cercherà di riscattarsi dalla precoce eliminazione in quel di Mosca per mano di Mannarino. Dopo il bye al primo turno, l’esordio per il numero sei del mondo sarà contro uno tra il bielorusso Ivashka e il serbo Djere, per poi trovare in un ipotetico quarto il figlio d’arte e Next Gen statunitense Sebastian Korda.

Nella parte alta al via anche la testa di serie numero 3 Roberto Bautista Agut, che per il suo match inaugurale attende il vincente della sfida tra Mackenzie McDonald ed un qualificato. Nello stesso quarto dello spagnolo anche Karen Khachanov, tds N.6, e il croato Marin Cilic, che oggi giocherà la finale a Mosca.

 

Di seguito il tabellone:

Nella parte bassa il ruolo di favorito è per il canadese, nato a Tel Aviv ma con sangue russo, Denis Shapovalov. Il numero 15 del ranking sarà alla ricerca di riscatto dopo una seconda parte di stagione piuttosto deludente, caratterizzata dall’eliminazione al primo turno a Toronto e Cincinnati, al terzo turno dello US Open e al terzo turno di Indian Wells. Shapo beneficerà di un bye al primo turno e attenderà al secondo il vincitore della sfida tra Andujar e Delbonis. Nello stesso quarto di tabellone è presente la testa di serie numero 7, il kazako (russo di nascita) Alexander Bublik.

Tra i protagonisti del torneo al via anche Aslan Karatsev, testa di serie numero 4. Il russo giocherà la finale moscovita contro Cilic prima di volare a San Pietroburgo, dove farà il suo esordio contro il vincente della sfida tra l’australiano John Millman e la wild card israeliana Oliel.

Qui il tabellone aggiornato di San Pietroburgo e degli altri tornei della prossima settimana

Continua a leggere

Flash

WTA Transilvania, il tabellone: riflettori puntati su Halep e Raducanu

Il tennis femminile fa tappa a Cluj-Napoca per la seconda volta in stagione. È notizia degli ultimi giorni che si dovrà giocare a porte chiuse

Pubblicato

il

Simona Halep all'Australian Open 2021 (foto Twitter @AustralianOpen)

Questa settimana nel calendario WTA debutteranno due tornei: oltre a quello di Courmayeur, infatti, si disputerà anche un altro 250, il Transylvania Open di Cluj-Napoca. Quest’anno il circuito femminile aveva già fatto tappa nella regione della Romania centrale, ad agosto, e ora è tornato di nuovo in questa storica città per un secondo evento. Stavolta però non si giocherà all’aperto sulla terra (dove aveva vinto Petkovic), bensì al chiuso e sul cemento della BTarena Sala Polivalentă con un total financial commitment di 235.238 dollari e un tabellone da 32 giocatrici.

Il main draw è di notevole livello, soprattutto se si considera il periodo della stagione e il fatto che si tratta di una prima edizione. A spiccare su tutte ovviamente è il nome dell’ex-numero uno del mondo e favorita di casa Simona Halep. La due volte vincitrice Slam, che in patria ha già vinto due trofei in passato, esordirà in questo torneo contro la connazionale Elena-Gabriela Ruse in una sfida interessante per il contrasto di stili. La ventitreenne Ruse, che quest’anno è sbarcata in Top 100, ha un gioco tutt’altro che difensivo, così descritto sul sito ufficiale del torneo: “Una combinazione di potenza, colpi duri, aggressività soffocante e tanto coraggio”.

Di seguito il tabellone:

 

L’altra grande star del torneo è però ovviamente Emma Raducanu, vincitrice dello US Open e attualmente impegnata nel processo di stabilizzazione dopo un successo così roboante. Sicuramente prendere parte ad tornei più piccoli, dove si respira un’aria più rilassata, potrà aiutarla a sentirsi più a suo agio nella sua nuova dimensione di top player; non dimentichiamo che il padre ha origini rumene, cosa che le avrebbe certamente garantito il supporto del pubblico, pubblico che però purtroppo non sarà presente a causa del forte aumento dei casi di COVID-19 nel Paese. Al primo turno Raducanu affronterà la slovena Polona Hercog.

La seconda testa di serie invece è stata assegnata ad Anett Kontaveit la quale però al momento è ancora impegnata a Mosca nella Kremlin Cup, dove giocherà oggi alle 19 la finale contro Ekaterina Alexandrova; qualora dovesse confermare la sua presenza in Romania, la tennista estone scenderà in campo contro una qualificata. Segnaliamo infine che non sono presenti italiane né nel tabellone principale né nelle qualificazioni.

Qui il tabellone del Transylvania Open e degli altri tornei della prossima settimana

Continua a leggere

Flash

WTA Courmayeur, il tabellone: presenti sette italiane, Giorgi e Paolini teste di serie

Jabeur N.1 del seeding. Giorgi esordirà con Rakhimova, una qualificata per Paolini. Al via anche Trevisan, Bronzetti, Stefanini, Caregaro e Pieri

Pubblicato

il

Camila Giorgi a Montréal 2021 (Credit: @OBNmontreal on Twitter)

Quarto appuntamento in terra italiana per il circuito WTA, che dopo Roma, Parma e Palermo fa tappa in Valle d’Aosta per il Courmayeur Ladies Open (cemento indoor, tabellone da 32 giocatrici, total financial commitment di 235.238 dollari), uno dei nuovi tornei di questa stagione priva dello swing asiatico. Il torneo valdostano sarà a forti tinte italiane, con ben sette azzurre al via.

La favorita d’obbligo è la tunisina Ons Jabeur, numero 8 del ranking mondiale, che in terra italiana potrebbe festeggiare la storica qualificazione alle Akron WTA Finals di Guadalajara nonostante la rapida ascesa di Anett Kontaveit alle sue spalle (l’estone sarà impegnata al Transylvania Open). La tunisina esordirà con la russa Vitalia Diatchenko, numero 133 del ranking, sconfitta nell’unico precedente risalente alle qualificazioni di Wimbledon del 2014.

Nello stesso quarto di Jabeur anche tre delle sette italiane al via: Lucia Bronzetti (N.148) sfiderà l’ucraina Kozlova (N.130), match con in palio il probabile secondo turno con la tunisina; Lucrezia Stefanini (N.188), in gara con una wild card, troverà l’esperta giocatrice lussemburghese Mandy Minella (N.217); Jasmine Paolini, testa di serie numero 7, esordirà invece con una giocatrice proveniente dalle qualificazioni. Completa il novero delle italiane nella parte alta del tabellone la ventiquattrenne Jessica Pieri (N.280) il cui esordio sarà tutt’altro che morbido con la testa di serie numero 8 la cinese Shuai Zhang.

 

Di seguito il tabellone:

Nella parte bassa del tabellone il secondo seed sarà di Camila Giorgi, che dopo la sconfitta in semifinale a Tenerife proverà a riscattarsi sul suolo italiano. Match di esordio in programma con la russa Rakhimova (N.117), per poi trovare la vincente del match tra la polacca Frech ed una qualificata, prima di un ipotetico quarto con la giovane danese Clara Tauson. Nello stesso quarto di Giorgi anche la valdostana Martina Caregaro, che esordirà con una qualificata.

Completa il quadro delle italiane in Martina Trevisan, che, scivolata oltre la centesima posizione, proverà a migliorare il suo ranking sin dal match d’esordio con la russa Kalinskaya (N.125) per poi trovare in un ipotetico secondo turno Alison Riske (tds N.6) o una qualificata.

Qualificazioni iniziate già nella giornata di sabato e che nel turno decisivo vedranno quattro italiane a caccia di un posto in tabellone: la ventenne Federica Rossi (N.733) sarà opposta alla spagnola Bucsa (N.155); avversaria spagnola anche per Di Sarra (N.209) che affronterà Bolsova (N.178); Martina Di Giuseppe (N.283) cercherà di conquistare il pass nel match contro l’indiana Ankita Raina (N.194); infine, Giulia Gatto-Monticone (N.192) affronterà la doppista georgiana Kalashnikova (N.1484 in singolo).

Qui il tabellone aggiornato di Courmayeur e degli altri tornei della prossima settimana

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement