Olimpiadi Tokyo 2020: fuori Medvedev! Khachanov e Carreño Busta si giocheranno un posto in finale

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020: fuori Medvedev! Khachanov e Carreño Busta si giocheranno un posto in finale

TOKYO – La Russia sorride solo a metà: Khachanov in zona medaglie, Medvedev sbattuto fuori da un ottimo Pablo Carreño Busta. “Se gioca così, può vincere facilmente un 1000”

Pubblicato

il

Pablo Carreño Busta - Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter, @ITFTennis)

Niente finale tra i primi due della classe. Il secondo favorito Daniil Medvedev cede al caldo, al senso di prostrazione che ne consegue e soprattutto a Pablo Carreño Busta, che già prima dell’inizio del torneo olimpico era segnalato in grande ripresa. In una semifinale che profuma di medaglia lo spagnolo sfiderà Karen Khachanov, che ha battuto in tre set Ugo Humbert (3-2 in favore di Carreño Busta i precedenti contro Khachanov, l’ultimo vinto quest’anno dallo spagnolo a Montecarlo).

[12] K. Khachanov b. [14] U. Humbert 7-6(4) 4-6 6-3

Terza vittoria in tre set su quattro incontri disputati alle Olimpiadi di Tokyo 2020 per Karen Khachanov, il quale ha rispettato il pronostico contro un convincente Ugo Humbert che gli ha dato filo da torcere fino al parziale decisivo, nel quale ha mollato un po’ la presa permettendo al russo di scappar via e centrare la semifinale. I due si sono affrontati per la prima volta in carriera e hanno dato vita a un match altamente spettacolare ricco di accelerazioni vincenti; buona parte del merito va data al francese, che ha giocato a viso aperto finché aveva energie in corpo e con i suoi angoli stretti ha messo in seria difficoltà il russo.

 

LA PARTITA – Nel primo set le sporadiche palle break concesse da entrambi non si sono mai concretizzate e alla fine il tie-break è sembrato un giusto epilogo. Khachanov è partito deciso, puntando più sulla potenza che sulla precisione mentre il francese, sicuramente grintoso e voglioso di far bene, non ha trovato bene le misure del campo. Ciò gli ha impedito di mantenere i ritmi elevati del russo e quindi Humbert non è riuscito a stargli dietro sia nel punteggio che negli scambi finendo per perdere per sette punti a quattro. L’impressione è che nel primo set la differenza sia stata minima (a conferma delle sole tre posizioni che li separano nel ranking, 25 Karen e 28 Ugo) e la maggior esperienza di Khachanov sia stata fondamentale.

Il mancino transalpino però non si è scoraggiato (del resto non gli accade quasi mai) e nel secondo set è partito come un missile sfondando le difese del suo avversario con servizi e dritti vincenti. Ciò gli ha permesso di guadagnarsi in apertura un break rivelatosi poi decisivo (il primo dell’incontro), e grazie anche al sostegno vocale del nutrito team francese presente sugli spalti ha continuato a mantenere il controllo degli scambi. Khachanov non è rimasto a guardare e si è creato quattro chance di pareggio nell’ottavo game, ma ancora una volta è stato Ugo a dare spettacolo giocando senza paura e a tutto braccio. La suspense non è mancata neanche nel finale di set quando il russo ha tentato l’arrembaggio finale. Humbert ha tenuto duro alla grande e con l’ottavo ace ha rimesso il match in equilibrio chiudendo 6-4.

Nel parziale decisivo Khachanov è salito ulteriormente di livello e ha concesso solamente due punti al servizio, tenendo tre turni di battuta addirittura a zero. Con delle statistiche del genere era davvero impossibile pensare di scalfirlo e infatti non c’è stato nulla da fare per Humbert: un break ottenuto sempre lasciando a zero l’avversario nel quarto game l’ha mandato avanti nel punteggio e senza il minimo sussulto Khachanov ha chiuso il match con una prima vincente dopo 2 ore e 33 minuti di gran tennis per entrambi.

Karen Khachanov – Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter, @ITFTennis)

[6] P. Carreno-Busta b. [2] D. Medvedev 6-2 7-6(4)

La sorpresa è arrivata invece nell’altro quarto di finale della parte bassa del tabellone. Lo spagnolo Pablo Carreño Busta ha battuto in due set il n. 2 del seeding Andrei Medvedev e si è qualificato per le semifinali, entrando così teoricamente in zona medaglia.

Una prova di grande solidità dello spagnolo, che soprattutto nel primo set ha praticamente ribattuto ogni colpo del suo avversario venendo a capo di scambi estenuanti da fondo campo (raramente si andava sotto i 15 colpi, con anche una punta di 37). Medvedev ha retto sino al 2-2 e poi ha subito quattro giochi di fila, risultando del tutto incapace di venire a capo della resistenza del tennista spagnolo. “Se gioca a questo livello, può vincere facilmente anche dei Masters 1000! Non so come mai non giochi sempre così. Oggi non avrei potuto fare molto di più, è stato semplicemente più bravo di me” avrebbe poi detto il russo in zona mista, dopo essersi complimento con Djokovic per aver ottenuto il rinvio dei match a un orario più consono al caldo infernale di Tokyo.

Il tennista russo ha provato poi a recuperare energie al termine del primo set, uscendo dal campo – sosta abbastanza lunga, poco condivisa da Carreño Busta – e l’abbrivio del secondo parziale per un attimo è sembrato ristabilire i valori in campo. Medvedev è andato sul 3-0 per poi farsi recuperare sul 4-4. A questo punto l’equilibrio si è impossessato della partita, con Medvedev che sul 5-6 ha dovuto rimontare da 0-30 prima di riuscire a portare il set al tie break. Nel gioco decisivo, Carreño Busta è scappato più volte in avanti (prima 3-0, poi 4-2 e 5-3) ma Medvedev è riuscito tutte e tre le volte a rintuzzare con tenacia. Sul 5-5 però il russo ha commesso due gratuiti che hanno consegnato la semifinale allo spagnolo, che dopo i saluti di rito sulla rete è corso a festeggiare con il suo clan, Sergi Bruguera in primis. Pochi istanti prima della stretta di mano, invece, si è sentito l’inconfondibile suono di una racchetta fracassata; prevedibilmente era quella di Medvedev.

Ha contribuito Paolo Di Lorito

Il tabellone maschile delle Olimpiadi con i risultati aggiornati

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il tabellone dell’ATP 250 di San Diego: in gara Fognini, Sonego e due top 10

Partecipazione di alto livello negli States. Oltre ai due azzurri saranno in campo Rublev, Ruud, Shapovalov e Aliassime. Supersfida al primo turno tra Murray e Nishikori

Pubblicato

il

Fabio Fognini - US Open 2021 (ph. Pete Staples/USTA)

È quasi un ATP 500 mascherato da ATP 250 quello che si giocherà sui campi di San Diego dal prossimo lunedì. Il torneo di avvicinamento al Masters 1000 di Indian Wells presenta infatti un parterre straordinario, che include ben 6 dei primi 15 giocatori del mondo, di cui due sono nei primi dieci del ranking ATP. Nonostante i punti in palio siano pochi rispetto ad alcuni dei prossimi appuntamenti in calendario (Indian Wells, Parigi Bercy, Vienna), sono presenti diversi giocatori ancora in lotta per la qualificazione alle ATP Finals.

Andrey Rublev e Casper Ruud sono le prime due teste di serie, che usufruiranno di un bye al primo turno, così come Auger-Aliassime e Shapovalov (terza e quarta). I primi quattro giocatori del seeding avranno quindi tutto il tempo per viaggiare da Boston (dove si sta disputando la Laver Cup) a San Diego e riposare prima di iniziare il torneo. Non sarà così invece per Hurkacz e Schwartzman. Mentre l’argentino si trova a Boston assieme al ‘Team World’, Hurkacz è in semifinale a Metz e dovrà volare subito negli Stati Uniti per affrontare un qualificato al primo turno. Non mancano, a tal proposito, sfide molto intriganti al primo round, come quella tra Andy Murray e Kei Nishikori, che non si scontrano da ben 4 anni. L’ultima volta vinse Andy al Roland Garros, nei quarti di finale: lo scozzese conduce anche negli head to head, 9-2. Il vincente dell’incontro affronterà la seconda testa di serie Casper Ruud. Da non perdere anche Dimitrov-Fucsovics e Karatsev-Delbonis.

Gli italiani nel tabellone principale sono due: Fabio Fognini e Lorenzo Sonego. Il ligure affronterà il giovane americano Brandon Nakashima e in caso di vittoria andrebbe ad affrontare il numero 1 del seeding Rublev nel secondo turno. Anche Sonego è atteso da un debutto insidioso, poiché incrocerà la racchetta con il britannico Cameron Norrie.

 

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Flash

Laver Cup, la soddisfazione di Berrettini. E Borg: “Giù il cappello per Matteo”

Il tennista azzurro dopo la vittoria contro Auger-Aliassime: “Vittoria speciale contro un amico. Il super tie-break? Non lo porterei sul circuito ATP”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini con Bjorn Borg - Laver Cup 2021 (foto Facebook Laver Cup)

Mi tolgo il cappello davanti a Matteo”. Per Berrettini dev’essere stata una piccola-grande soddisfazione sentire queste parole da parte di Bjorn Borg, il suo capitano alla Laver Cup. L’investitura del leggendario svedese è arrivata nella conferenza stampa dopo la vittoria dell’azzurro su Felix Auger-Aliassime, al termine del match più lungo della storia della competizione. Matteo, che in seguito ha perso in doppio con Zverev, conferma la sua buona condizione e si candida a un finale di stagione da assoluto protagonista. Prima, però, c’è da aiutare il Team Europe a vincere il trofeo.

“È stata una grande battaglia contro un buon amico, una vittoria speciale – ha detto Matteo, rimarcando il suo rapporto con FAA -. Lui gioca davvero bene e forse ogni tanto ci si dimentica di quanto sia giovane perché è sul circuito da tre-quattro anni. Ci alleniamo spesso insieme e chiacchierando in palestra dopo la partita abbiamo concordato sul fatto che giocare match così combattuti è una cosa che ci fa migliorare davvero molto”.

Al fianco di Berrettini, Borg ha raccontato come ha vissuto il match, spiegando come riesca a mantenere il suo consueto aplomb anche nei momenti con più pathos.Ero nervoso perché voglio assolutamente vincere il trofeo, ma allo stesso tempo mi divertivo a vedere questi due giocare – ha detto Bjorn -. Stiamo vedendo da vicino ragazzi che sono il futuro del tennis e già solo questo mi fa piacere. Io e John McEnroe siamo diversi, certo. Lui parla un sacco, io sto più in silenzio perché penso di essere alla guida di giocatori che sostanzialmente sanno quel che devono fare in campo, essendosi affrontati in diverse occasioni. Io, dunque, penso più che altro a dare energia e motivazioni”.

 

Berrettini ha chiuso parlando della formula con il super-tie break, da lui vinto 10-8 dopo esser stato sotto 5-7. “Fortuna che c’è questo regolamento, altrimenti a quest’ora io e Felix eravamo ancora lì a giocare – è stata la sua battuta -. Giocare per tre ore indoor sul cemento è l’ultima cosa che mi aspettavo. Questa è una formula molto particolare, e penso che sia perfetta per questo tipo di torneo. Ma non la utilizzerei anche sul circuito ATP”.  

Continua a leggere

Flash

Laver Cup, il programma di sabato 25 settembre: è il turno di Kyrgios, Medvedev e Tsitsipas

Seconda giornata di sfide tra Europa e Resto del Mondo (europei in vantaggio 3-1). Iniziano Kyrgios e Tsitsi, avversari anche in doppio. Ogni vittoria vale 2 punti

Pubblicato

il

Laver Cup 2021 (via Twitter, @LaverCup)

Con il Team Europe in vantaggio per 3-1, parte la seconda giornata della Laver Cup 2021. I vincitori delle tre edizioni sinora disputate hanno costruito un vantaggio significativo grazie alle vittorie di Ruud su Opelka, Berrettini su Auger-Aliassime (10-8 al super tie-break) e Rublev su Schwartzman. Attenzione però. La formula del torneo lascia spazio a repentini ribaltamenti nel punteggio complessivo e il Team World potrà tentare il sorpasso già nella sessione diurna del sabato. Infatti a differenza del venerdì, ogni vittoria ottenuta varrà due punti (tre invece per i match della domenica).

Ancora tre singoli e un doppio formeranno il programma di sabato 25 settembre. Alle 19 italiane (le 13 a Boston) toccherà a Stefanos Tsitsipas e Nick Kyrgios rompere il ghiaccio, due personalità molto diverse del Tour che potrebbero dare vita a uno spettacolo straordinario. A seguire si sfideranno Sascha Zverev e John Isner: hanno giocato l’uno contro l’altro nelle ultime due edizioni del torneo. Nel 2019 vinse Isner al terzo, mentre nel 2018 la vittoria andò a Zverev. Il match che aprirà la sessione serale sarà quello tra Daniil Medvedev e Denis Shapovalov, con il russo che parte nettamente favorito, forte del primo trionfo Slam collezionato a Flushing Meadows. Il doppio chiuderà la seconda giornata. Rublev/Tsitsipas sfideranno Isner e Kyrgios.

Il programma

 

Sessione diurna – ore 19 italiane
S. Tsitsipas vs N. Kyrgios
A. Zverev vs J. Isner
Sessione serale – ore 1 italiane
D. Medvedev vs D. Shapovalov
A. Rublev/S. Tsitsipas vs N. Kyrgios/J. Isner

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement