WTA Ranking: volano Paolini e Trevisan, entrambe a best ranking

Flash

WTA Ranking: volano Paolini e Trevisan, entrambe a best ranking

Best ranking per le due italiane che entrano per la prima volta nelle prime 70 del mondo. Giorgi perde tre posti. Krejcikova in top 5

Pubblicato

il

La Slovenia porta bene all’Italia. Nella stessa serata in cui l’Italia del volley vince il suo settimo titolo europeo contro la nazionale del piccolo paese balcanico, Jasmine Paolini conquista il primo torneo della sua carriera a Portorose, battendo in finale la più quotata Alison Riske, ex top 20 con un quarto di finale a Wimbledon come miglior risultato Slam. Con il titolo in Slovenia, Paolini si mette alle spalle 23 posizioni e si issa fino al n.64 della classifica. Fino ad oggi non era mai stata così in alto nel ranking, ma potrebbe non essere finita qui. Entrare in top 50? Sarebbe un sogno, ma oggettivamente servirebbe un’altra prestazione maiuscola per colmare quei 275 punti che la dividono dall’attuale n.50, Katerina Siniakova. Certamente, però, qualche posizione in più entro fine anno potrebbe guadagnarla ancora.

Paolini non è l’unica italiana a gioire oggi. Martina Trevisan raggiunge il suo nuovo best ranking, il n.66. La tennista toscana è riuscita a vincere l’ITF di Valencia, confermando l’ottimo momento di forma dopo la finale al WTA 125 di Karlsruhe. Per lei oggi sono 13 posti in più, che sommati ai 27 della settimana scorsa fanno 40 posizioni guadagnate in 15 giorni. Niente male davvero. Sulle sue prospettive di migliorare la posizione in classifica pesa però l’imminente scadenza (11 ottobre) dei punti guadagnati con i quarti di finale del Roland Garros 2020, ben 470, che la faranno precipitare attorno alla 130° posizione in classifica.

Dopo questa doverosa apertura dedicata alle nostre connazionali, vediamo cosa è successo in top 10 e in top 20. Nonostante si siano giocati solo i due WTA 250 di Portorose e del Lussemburgo, in cui le migliori non erano coinvolte, ci sono movimenti degni di nota. Complice il crollo di 3 posizioni di Naomi Osaka (n.8), che perde per strada i 470 punti di Osaka (ai quali si sommeranno i 1000 di Pechino a fine mese), salgono al n.5  Barbora Krejcikova e al n.6 Iga Swiatek. È superfluo sottolineare che queste posizioni sono il miglior risultato di sempre per le due campionesse del Roland Garros. Raggiungono il best ranking anche Maria Sakkari (+1, n.12), Elena Ribakina (+1, n.16) e Ons Jabeur (+1, n.17). Non è una settimana positiva per Simona Halep (-3, n.14), che si allontana di nuovo dalla top 10, e per Elise Mertens (-2, n.18). Non ci sono nuovi ingressi in top 20.

 

Alle spalle delle migliori, racimola una posizione in più Emma Raducanu (+1, n.22), ma la teenager su cui sono puntati i riflettori oggi è senz’altro Clara Tauson, neo-campionessa in Lussemburgo. La danese fa un salto di 18 posti e si porta al n.52. Altri movimenti in salita: Alison Riske (+6, n.32) e Saisai Zheng (+11, n.83) vincitrice a Caldas da Rainha, sono i movimenti più consistenti oltre a quelli di cui abbiamo già scritto. Molto più nutrito è il gruppo di atlete in discesa. Tra tutte ricordiamo Marketa Vondrousova (-8, n.43), Danka Kovinic (-17, n.80), Johanna Konta (-15, n.81), Svetlana Kuznetsova (-13, n.89), Su-Wei Hsieh (-10, n.93) e Polona Hercog (-7, n.100).

Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
10Ashleigh Barty1910075
20Aryna Sabalenka267720
30Karolina Pliskova225315
40Elina Svitolina274860
5+2Barbora Krejcikova294668
6+2Iga Swiatek154571
7-1Sofia Kenin204413
8-3Naomi Osaka134326
90Garbiñe Muguruza204135
100Petra Kvitova224060
11+1Belinda Bencic263820
12+1Maria Sakkari233750
13+1Anastasia Pavlyuchenkova223285
14-3Simona Halep173152
150Angelique Kerber203115
16+1Elena Rybakina313068
17+1Ons Jabeur252975
18-2Elise Mertens292890
190Cori Gauff232815
200Bianca Andreescu142777
210Jennifer Brady222695
22+1Emma Raducanu152571
23+2Jessica Pegula232425
240Daria Kasatkina282355
25-3Karolina Muchova192353
260Danielle Collins222330
270Paula Badosa332272
280Leylah Fernandez282254
29+1Jelena Ostapenko232220
30-1Anett Kontaveit212146
310Veronika Kudermetova292030
32+6Alison Riske211895
33+1Tamara Zidansek271860
34-1Ekaterina Alexandrova281856
35-3Victoria Azarenka161801
36+1Sara Sorribes Tormo291748
37+3Sorana Cirstea271745
38+1Nadia Podoroska401722
39-3Camila Giorgi221660
40+1Serena Williams111591
41+1Petra Martic271585
42+1Jil Teichmann291564
43-8Marketa Vondrousova221536
44+4Liudmila Samsonova351526
45+1Shelby Rogers331458
46+4Ajla Tomljanovic301400
47-2Viktorija Golubic291387
48+1Shuai Zhang291384
49-5Yulia Putintseva301365
50+1Katerina Siniakova261350

CASA ITALIA

Perde tre posti Camila Giorgi, che scivola al n.39. Le altre atlete in ascesa, oltre a Trevisan e Paolini, sono Lucia Bronzetti (+19, n.148), che ha ben figurato a Portorose, Lucrezia Stefanin (+6, n.199) e Cristiana Ferrando (+20, n.298).

Classifica WTAVariazioneGiocatriceTorneiPunti
39-3Camila Giorgi221660
64+23Jasmine Paolini361075
66+13Martina Trevisan381065
106+4Sara Errani36742
140-3Elisabetta Cocciaretto25545
148+19Lucia Bronzetti46510
197+3Giulia Gatto-Monticone36351
199+6Lucrezia Stefanini43351
210+2Federica Di Sarra35334
274-3Jessica Pieri42232
280-1Martina Di Giuseppe42224
292-6Bianca Turati26215
298+20Cristiana Ferrando35211
365-1Martina Caregaro30166
405+2Camilla Rosatello37133
411+1Stefania Rubini31128
422-1Anna Turati17122
423-1Nuria Brancaccio31121
438-2Dalila Spiteri29115
459-3Anastasia Grymalska13105

NEXT GEN RANKING

Sono stabili le prime quattro in classifica. Risale fino al n.5 Clara Tauson, dopo il successo in Lussemburgo. Si scambiano di posto Clara Burel (n.9) e Anastasia Potapova (n.10). (Nel Next Gen ranking del 2021 rientrano le giocatrici nate dopo il 1° gennaio 2001).

PosizioneVariazioneGiocatriceAnnoClassifica WTA
10Iga Swiatek20016
20Cori Gauff200419
30Emma Raducanu200222
40Leylah Fernandez200228
5+1Clara Tauson200252
6-1Marta Kostyuk200256
70Maria Camila Osorio Serrano200172
80Amanda Anisimova200179
9+1Clara Burel200191
10-1Anastasia Potapova200192

LA RACE TO GUADALAJARA

Quasi tutte stabili le prime 20 della RACE. L’unico movimento riguarda Elise Mertens, che supera Anastasia Pavlyuchenkova e rientra in top10.

PosizioneVariazioneGiocatriceTorneiPunti
10Ashleigh Barty126411
20Aryna Sabalenka164669
30Barbora Krejcikova154398
40Karolina Pliskova163972
50Iga Swiatek122921
60Maria Sakkari142842
70Naomi Osaka92771
80Garbiñe Muguruza152671
90Ons Jabeur162435
10+1Elise Mertens172384
11-1Anastasia Pavlyuchenkova142329
120Cori Gauff162325
130Elina Svitolina172283
140Emma Raducanu42282
150Jessica Pegula162232
160Angelique Kerber142171
170Daria Kasatkina192061
180Paula Badosa142057
190Belinda Bencic171998
200Leylah Fernandez161911

Continua a leggere
Commenti

Flash

Berrettini: “Rispetto al 2019, sono più consapevole di appartenere a questo livello”

Dopo la vittoria su Popyrin, Berrettini parla della qualificazione alle Nitto ATP Finals, del programma di fine anno e della Davis

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Vienna 2021 (Foto Felice Calabro’)

È molto tardi quando Matteo Berrettini arriva davanti ai microfoni della sala interviste alla Stadthalle di Vienna dopo la sua partita di primo turno. Sono quasi le due del mattino, qualcuno dei giornalisti non ce l’ha fatta a rimanere, ma altri hanno resistito fino alla fine, tra malumori e proteste. “Purtroppo ogni volta che gioco, che vinca o che perda, devo fare una serie di trattamenti per prendermi cura del mio corpo. Alcune volte sono arrivato in camera anche alle 5 del mattino, ma è necessario per preservare il mio fisico”.

È una giornata da festeggiare, perché con la vittoria su Popyrin è arrivata anche la certezza matematica di qualificarsi per le Nitto ATP Finals di Torino.È una qualificazione diversa quella di quest’anno rispetto a quella di due anni fa – spiega Matteo In quella occasione è stato tutto uno “scoprire quello che potevo fare”, adesso invece mi sento di appartenere a questo livello. È stata più intensa a livello emotivo nel 2019, ed è per quello che sono arrivato anche stanco all’appuntamento con le Finals”.

Non mi aspettavo all’inizio dell’anno un risultato come quello ottenuto finora. Il risultato di Torino è arrivato dopo una stagione bella, ma nella quale ci sono stati due infortuni importanti, e che è arrivata dopo un’annata 2020 che era stata molto complicata sia dentro sia fuori dal campo”.

 

La partita con Popyrin ha avuto le tipiche incognite che presenta un match dopo un periodo senza partite e dopo il cambio di superficie e di condizione. “Il primo match è sempre difficile. Non mi aspettavo un incontro così complicato, ma dal secondo set in poi ho giocato meglio, quindi sono contento della mia prestazione”.

Naturalmente tra gli obiettivi di fine stagione non ci sono solamente le Nitto ATP Finals, ma ci sono pure le finali di Davis, che l’Italia disputerà a Torino almeno nella fase preliminare e per gli eventuali quarti di finale. Berrettini avrebbe dovuto giocare il doppio con Sinner a Indian Wells, ma è poi stato costretto a rinunciare per un problema al collo, ma in Davis dovrebbe essere schierato in coppia con Fabio Fognini. “Abbiamo dei doppi che si possono intercambiare. Con Fabio abbiamo giocato bene quando abbiamo giocato, sia in Davis sia in ATP Cup. Deciderà ovviamente il capitano, saranno giorni molto intensi, bisognerà gestirsi bene, ma con Fabio mi sento forte in doppio.

Ora che il posto tra gli otto di Torino è stato messo al sicuro, la programmazione potrebbe anche subire qualche cambiamento, soprattutto nel caso in cui ci fosse qualche problemino fisico da sistemare alla fine della settimana austriaca: “Prendo ogni giorno come viene – conferma Matteo – il programma è di giocare qui, Parigi, Torino e la Davis. Poi sappiamo che ogni tanto il mio corpo ha bisogno di un po’ di riposo. Ma per il momento mi sento bene e l’intenzione è quella di giocare tutto quanto.

Continua a leggere

ATP

ATP San Pietroburgo, avanzano Bublik e Korda

Giornata di riscaldamento in Russia, in attesa di Rublev, Shapovalov, RBA e Aslan

Pubblicato

il

Sebastian Korda – ATP 250 Delray Beach 2020 (foto via Twitter @DelrayBeachOpen)

Un classico lunedì tranquillo al St. Petersburg Open, con tre soli incontri di singolare del tabellone principale. Sebastian Korda viene impegnato più del previsto da Nino Serdarusic, wild card croata che cede in due set molto tirati, con un solo break in tutto il match. Il primo parziale si decide al tie-break, con Korda che prende subito il largo aiutato dall’imprecisione del n. 248 ATP e mette a referto il 7-2. Nel secondo set, sul 5 pari, un paio di ottime risposte su altrettante seconde di Serdarusic e due gratuiti consentono a Korda di chiudere con la battuta. “Penso che lui abbia assolutamente giocato a un livello molto superiore alla sua classifica” spiega il classe 2000 di Bradenton. “Entrambi abbiamo servito molto bene, con tante prime in campo”. Tre su quattro, infatti, con percentuali di trasformazione più alte per Sebi, ma di tutto rispetto anche quelle di Nino che ha annullato 6 palle break delle 7 concesse. Non è invece mai riuscito a rendersi pericoloso in risposta e avrebbe forse dovuto provare a cambiare la posizione in ribattuta, sempre molto vicina al campo sulla prima statunitense e raramente aggressiva sulla seconda, contrariamente a quanto proposto da Korda, che ora affronterà il vincente fra van de Zandschulp e Nishioka, un duello tra qualificati.

Prima di loro, Jan-Lennard Struff ha fatto suo in due set il confronto inedito con James Duckworth, il ventinovenne di Sydney tormentato da mille infortuni che ha iniziato la stagione fuori dai primi 100 e ora è un solo passo dal varcare per la prima volta la soglia della top 50. Nell’occasione, ha faticato eccessivamente sulla propria seconda e non è riuscito a prendersi il primo parziale pur servendo sul 5-3 anche per merito della reazione tedesca. Struff si scatena anche nel tie-break per poi incamerare 6-3 la seconda partita in virtù dello strappo in un quarto gioco da ventisei punti. Al secondo turno troverà Alexander Bublik che senza alcun problema apparente supera Evgenii Tiurnev con un break per set in poco più di un’ora. Il numero 304, wild card alla seconda apparizione nel Tour, è in realtà coetaneo e concittadino del naturalizzato kazako nativo però di Gatchina, in Russia, e il bell’abbraccio sorridente fra i due a fine match fa intuire che qualcosa li lega: “Non ci volevo giocare” dirà infatti Bublik. “Siamo cresciuti insieme, è stato un incontro difficile e molto emotivo”.

Risultati:

 

J-L. Struff b. J. Duckworth 7-6(3) 6-3
[8] S. Korda b. [WC] N. Serdarusic 7-6(2) 7-5
[7] A. Bublik b. [WC] E. Tiurnev 6-3 6-4

Continua a leggere

Flash

Oggi l’ultimo saluto ad Alessio Ceccarelli, il fisioterapista sorridente del tennis

Aveva frequentato il circuito per molti anni facendo parte anche dello staff medico delle nazionali

Pubblicato

il

Alessio Ceccarelli (foto tratta dal suo profilo Instagram)
Alessio Ceccarelli (foto tratta dal suo profilo Instagram)

Ha frequentato per anni il circuito maschile come fisioterapista di Aleksandr Dolgopolov jr, e quello femminile al seguito di Laura Siegemund e Andrea Petkovic. Non solo: fino al 2011 è stato membro dello staff medico delle nazionali maschili e femminili di tennis. Alessio Ceccarelli, il “fisioterapista sorridente”, è morto a soli 38 anni nella sua Pisa ed oggi è stato il giorno del suo funerale, al cimitero di Calci. A strapparlo all’affetto del padre Alfredo, della madre Daniela, del fratello Daniele e dell’amata Barbora è stato un tumore fulminante, che se l’è portato via nel giro di pochi mesi.

Ceccarelli era un giovane professionista qualificato e molto onesto che ha sempre portato il suo entusiasmo nelle players lounge in giro per il mondo. “Non ci posso credere. Sono profondamente triste nell’apprendere questa notizia – ha commentato Alexander Dolgopolov -. Era mio amico e mi ha sostenuto per molti anni della mia carriera. Alessio aveva un attitudine positiva ed è dura credere ci abbia lasciato”. A piangere Ceccarelli è anche la FIT, che sul suo sito ufficiale ha esternato le condoglianze della federazione e di tutto il movimento tennistico.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement