Numeri: l'exploit inatteso di Cameron Norrie

Flash

Numeri: l’exploit inatteso di Cameron Norrie

Dopo un 2021 di grande continuità, il britannico firma l’impresa della carriera a 26 anni

Pubblicato

il

 
 

 51- le partite vinte nel 2021 da Cameron Norrie, il primo tennista britannico a imporsi nel Masters 1000 di Indian Wells, torneo la cui prima edizione si è disputata nel 1976. Il successo nel prestigiosissimo appuntamento californiano del circuito tennistico da parte dell’attuale 15 ATP è stato un exploit inaspettato per un ragazzo di 26 anni, che -seppur autore di una stagione giocata in maniera molto continua su buonissimi livelli- era arrivato a Indian Wells non avendo mai giocato nella seconda settimana di uno Slam, con alle spalle appena un ottavo in un Masters 1000 (a Monte Carlo nel 2019) e senza essere mai stato grado di chiudere una stagione nella top 50.

Il tennista nato nell’agosto del 1995 a Johannesburg sino al termine del 2020 aveva raggiunto solo una finale nell’ATP 250 di Auckland nel 2020 e aveva sconfitto appena una volta un top 10 e altre tre un collega tra la 11° e la 20° posizione del ranking.

Norrie ha una storia particolare: nato da padre scozzese e mamma gallese è cresciuto tra i 3 e i 16 anni in Nuova Zelanda, nazione che ha anche rappresentato nella prima parte della carriera da junior, prima di decidere di farsi sostenere dalla ricca federazione britannica, per la quale ha poi giocato già nella seconda parte della carriera juniores, arrivando nel marzo del 2013 sino al 10° posto della classifica di categoria. Trasferitosi successivamente negli Stati Uniti per completare la sua maturazione umana e tennistica, sino al 2017 è stato indeciso sulle scelte da compiere per la propria vita, propendendo per un periodo per la scelta di essere in primis uno studente di sociologia alla Texas Christian University. Qui ha però conosciuto Facundo Lugones, compiendo un incontro che ha segnato la svolta nella sua carriera: da compagno di doppio universitario l’ex tennista argentino si è trasformato per Cameron in un fondamentale coach e fraterno amico fuori dal campo. Anche grazie a Lagones Norrie ha trovato il modo di dare una netta inversione all’inerzia che stava prendendo la sua carriera: a un certo punto il britannico giocava quasi esclusivamente nei campionati universitari statunitensi, prima di decidere con convinzione nel 2017 di provare a intraprendere seriamente la carriera professionistica.

 

Il tennista britannico si è fatto conoscere per la prima volta nel grande tennis nel febbraio 2018 quando, da 110 ATP e senza aver mai giocato una partita come professionista sulla terra rossa, nel primo turno del World Group di Coppa Davis sconfisse rimontando due set e un break di svantaggio a Bautista Agut, allora 23 ATP.

Restano ad ogni modo impressionanti i progressi compiuti da Norrie nel corso di questo 2021: per comprendere quanto siano stati straordinari -specie in rapporto all’età già piuttosto matura per un tennista e all’esperienza piuttosto consolidata nel circuito maggiore- basti sapere un dato. Da gennaio ad oggi il mancino britannico ha vinto vinto più partite, 51 appunto, nei 22 tornei a cui si è iscritto, che nei 43 tornei a cui ha partecipato tra il 2019 e il 2020, nei quali portò a termine positivamente “solo” 45 match. Una superficie in particolare aiuta a riflettere sui miglioramenti compiuti negli ultimi mesi dal britannico: sulla terra battuta nel 2021 ha vinto ben sedici partite, arrivando in finale agli ATP 250 di Lione e Estoril e al terzo turno al Roland Garros. Nel settembre dello scorso anno, invece, sulla stessa superficie rossa perdeva dai nostri Pellegrino e Zeppieri, allora entrambi fuori dalla top 300 ATP. 

Quest’anno nel circuito ATP -come si vede dalla tabella da noi preparata con il bilancio di partite vinte/perse di ciascuno degli attuali detentori dei primi 12 posti della Race- solo Tsitsipas ha vinto più partite (due, per la precisione) del britannico che, va anche detto, si aiuta molto nel computo totale avvantaggiandosi di successi contro avversari di non primissimo piano. Norrie è infatti il primo tra i tennisti da noi considerati per numero di partite vinte contro tennisti fuori dalla top 50, ben 30: numeri che comunque testimoniano la sua capacità di mantenere il proprio rendimento sempre costante su livelli medio-alti.

Esploso quest’anno (sino a sei mesi fa era stato solo 11 settimane nella top 50, salendo al massimo sino al 41° posto del ranking ATP) è poi riuscito a superare i suoi precedenti picchi sommando una serie di buoni risultati: la semifinale a gennaio a Delray Beach, le già citate finali sul rosso di Lione e Estoril, quella sui prati britannici del Queen’s (persa contro il nostro Berrettini) e quella raggiunta a San Diego. Con questi piazzamenti è arrivato a giocare a Indian Wells da 26 ATP, un ottimo risultato per chi era partito a gennaio come 74 ATP. Un lungo percorso fatto di vittorie contro avversari non irresistibili ma anche di vittorie capaci di testimoniare i progressi compiuti: prima del Masters 1000 californiano quest’anno aveva già incontrato e sconfitto Basilashvili e Dimitrov, ma tra i vari scalpi tennistici di prestigio raccolti dal britannico si possono citare anche Rublev (nella semi di San Diego), Shapovalov (due volte, una sul cemento e una sull’erba), Thiem e Garin sulla terra, Karatsev, Goffin e Fognini.

A Indian Wells Norrie ha conquistato un titolo molto prestigioso dovendo affrontare solo due top 20, Bautista Agut (superato in tre set dopo due ore e 44 minuti di battaglia) e Schwartzman (al quale ha lasciato appena due giochi). Per arrivare in finale è dovuto poi ricorrere al set decisivo contro Sandgren e Paul, mentre ha avuto pochi problemi in semi con Dimitrov, sconfitto in maniera più netta rispetto all’unico precedente dello scorso marzo a Miami. Nell’atto conclusivo del torneo  Cameron ha poi rimontato un set e un break contro Basilashvili conquistando, oltre a un assegno di oltre un milione e duecentomila dollari, mille punti che lo hanno fatto balzare al decimo posto della Race, a una sola posizione (Nadal, attualmente ottavo in questa graduatoria, ha già dato forfait per tutto il 2021) dal piazzamento attualmente occupato da Hurkacz, che consentirà di partecipare da protagonisti alle ATP Finals di Torino. Per riuscire a parteciparvi il britannico dovrà fare bene nelle prossime tre settimane di calendario le quali, come da tradizione, prevedono tornei giocati sul veloce indoor, una condizione nella quale sinora non è mai riuscito ad esprimersi su buoni livelli: Norrie, infatti, non ha mai raggiunto una semifinale e una sola volta in carriera è arrivato nei quarti (a San Pietroburgo lo scorso ottobre). Vedremo se i progressi tecnici compiuti nel 2021 assieme alla fiducia concessagli dagli ultimi, ottimi, risultati saranno sufficienti per renderlo competitivo anche nell’ultimo scorcio di stagione.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon, day 1 LIVE: si aprono le danze. In campo Vavassori all’esordio

Al via il 3° Slam della stagione: in campo sei italiani. Attesa per Djokovic, Sinner e Murray

Pubblicato

il

Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

11.55 – Al via la 135esima edizione dei Championships. I cancelli di Church Road, aperti dalle 10 ora locale, accolgono il pubblico per lo Slam londinese, mentre sui campi stanno per iniziare i primi 15 match del programma odierno (11 maschili e 4 femminili)

Gli articoli da non perdere

Conferenza Djokovic

Conferenza Nadal

 

Conferenza Swiatek

IL PROGRAMMA DEL DAY 1 DI WIMBLEODN 2022

Il Direttore Scanagatta commenta il tab. femminile di Wimbledon: “Swiatek favorita n.1 anche sull’erba” [VIDEO]

Il Direttore Scanagatta commenta il tab. maschile di Wimbledon: “Berrettini non si può lamentare. Tutti duri i primi turni azzurri” [VIDEO]

QUOTE DEL TORNEO

QUOTE DEL GIORNO

Continua a leggere

Flash

Italiani in campo lunedì 27 giugno: Sinner, Fognini, Vavassori, Bronzetti, e derby Trevisan-Cocciaretto

Il debutto di Vavassori a mezzogiorno contro Tiafoe, poi tutti a metà pomeriggio: Fognini ritrova Griekspoor, sfida azzurra Trevisan-Cocciaretto, debutta Bronzetti

Pubblicato

il

Wawrinka e Sinner insieme a Montecarlo (dal profilo Instagram di Sinner)

Sei gli italiani in campo nel primo giorno di Wimbledon 2022, ma gli incontri di nostro diretto interesse sono cinque perché è in programma una sfida tutta azzurra nel tabellone femminile. La copertina se la prende sicuramente l’atteso debutto di Jannik Sinner, a cui il sorteggio non ha sorriso: l’altoatesino, con lo staff tecnico arricchito da Darren Cahill, troverà sulla sua strada la wild card Stan Wawrinka (terzo match sul campo 2, intorno alle 17 italiane) che – pur arrugginito – non può mai rappresentare un ostacolo comodo. Lo svizzero ha vinto gli unici due precedenti, risalenti però entrambi al 2019 quando i rapporti di forza e di anagrafe erano ben diversi. Giocherà più o meno in contemporanea anche Fabio Fognini, nel terzo match sul campo 16 contro l’olandese Tallon Griekspoor (53 del mondo) che l’ha battuto nettamente all’Australian Open. Il primo a scendere in campo, agenda alla mano, sarà invece il qualificato e debuttante nel main draw di un Slam Andrea Vavassori: alle 11, primo match sul campo 17, l’inedito incrocio tra il torinese e Frances Tiafoe.

DERBY – Tra le ragazze, abbiamo un pass per il secondo turno garantito dalla sfida tra Martina Trevisan (22 del seeding) ed Elisabetta Cocciaretto (terzo match sul campo 4, anche qui intorno alle 17), con entrambi i precedenti vinti dalla semifinalista dell’ultimo Roland Garros. Stesso orario per Lucia Bronzetti, che non ha mai calpestato l’erba di Wimbledon e lo farà per la prima volta contro la statunitense Ann Li (67 WTA, la riminese è più indietro nel ranking di cinque posizioni).

I match verranno trasmessi in diretta SKY e NOW.
Su Sky Sport oltre 400 ore di programmazione live e la copertura totale degli incontri degli italiani. In tutto saranno ben 9 i canali dedicati all’evento,oltre a Sky Sport 4K:

 
  • 6 canali Sky Sport, dal 252 al 257, saranno nominati Wimbledon 1 (anche in 4K), Wimbledon 2, Wimbledon 3, Wimbledon 4, Wimbledon 5 e Wimbledon 6 e saranno canali verticali dedicati ai campi principali (Campo Centrale, Campo n.1, Campo n.2, e gli altri da definire in base al programma delle giornate).
  • Sky Sport Tennis (205) sarà il canale guida dell’evento, con i match più importanti e con gli studi dedicati fino a quello conclusivo di fine giornata. Sky Sport Tennis farà da “guida” per non perdere nulla dell’evento, dando indicazioni – anche attraverso pop-up grafici – su tutto ciò che starà succedendo sui canali dedicati.
  • Sky Sport Uno sarà largamente dedicato a Wimbledon e trasmetterà gli incontri del Campo Centrale.
  • Sky Sport Arena seguirà, invece, il Campo n. 1, quando il canale non sarà occupato da altri eventi.

E non è tutto, perché grazie allo Split Screen (accessibile dal tasto verde del telecomando Sky per i clienti Sky Q Satellite) sarà possibile seguire sullo stesso schermo due partite in contemporanea, scegliendo tra i canali che trasmettono Wimbledon.

Mentre alle ore 21 di ogni giorno su SuperTennis, canale 64, verrà trasmesso in differita il match del giorno.

GLI ITALIANI IN CAMPO NEL PRIMO TURNO DI WIMBLEDON

Frances Tiafoe [23] vs Andrea Vavassori [Q], ore 12, campo 17

Jannik Sinner [10] vs Stan Wawrinka [W], intorno alle 17, campo 2

Fabio Fognini vs Tallon Griekspoor, intorno alle 17, campo 16

Martina Trevisan [22] vs Elisabetta Cocciaretto, intorno alle 17, campo 4

Lucia Bronzetti vs Ann Li, intorno alle 17, campo 9

Continua a leggere

Challenger

L’indimenticabile estate di Mattia Bellucci [ESCLUSIVA]

Il 21enne di Busto Arsizio, al 5° titolo in stagione, sembra che ormai sappia solo vincere. Lo abbiamo intervistato dopo la sua vittoria a Klosters, in attesa di vederlo “giocare con più continuità anche a livello Challenger”

Pubblicato

il

Mattia Bellucci (nella foto con coach Fabio Chiappini della MXP Tennis Academy) vince anche il Future M25 di Klosters (Svizzera, Canton Grigioni) e solleva il suo quinto trofeo in stagione (tre volte Monastir e Poitiers i precedenti) su sette finali disputate. L’azzurro è stato un vero rullo compressore e non ha lasciato per strada un solo set in tutto il torneo, soffrendo veramente solo nel secondo turno contro Michael Vrbensky quando è stato costretto a un doppio tie-break. Nella finale contro l’austriaco Lukas Neumayer (n.439 ATP) è rimasto sempre in controllo, a parte una breve amnesia sul 4-0 del primo set quando si è fatto recuperare fino a 4-3, salvo poi rimettere subito le cose a posto per finire a braccia alzate col punteggio di 6-3 6-2. Con questa vittoria il 21enne Mattia migliora ulteriormente il proprio best ranking al n.312 ATP, dimostrandosi ormai abbondantemente pronto per il livello superiore. Gli abbiamo telefonato per avere un suo commento.

Tutto facile contro Lukas Neumayer?

‘In realtà non proprio perché mi sentivo molto teso, visto che la settimana precedente avevo perso la mia prima finale M25 (a Grasse contro Pol Martin Tiffon) e avere subito l’occasione per rifarmi mi metteva un po’ in agitazione. Così da fondo ho fatto un po’ di fatica, sia sul diritto, su cui stiamo lavorando tanto, che sul rovescio che è invece il mio colpo più naturale’.

 

Non mi sembra però che l’austriaco abbia avuto molte chance.

‘Fortunatamente sono riuscito a giocare bene nei momenti importanti e ho servito molto bene in tutto il match. Direi che questa è stata la chiave. Oltre al fatto che il mio avversario era piuttosto stanco perché il giorno prima, tra singolo e doppio, aveva giocato tre partite’.

La tua prima vittoria in un 25.000$.

‘Vero, e oltretutto sulla terra battuta che non è sicuramente la mia superficie preferita. Tra l’altro in questa stagione avevo giocato soprattutto sul veloce’.

Hai battuto, per l’ennesima volta, il tuo best ranking che adesso dice n.312 ATP.

‘Siamo molto felici che il ranking stia migliorando e questo mi permetterà di giocare con più continuità anche a livello Challenger. Questa settimana riposo anche perché durante il torneo ho avuto un fastidio alla gamba che mi ha costretto a ripetute sedute di fisioterapia. Poi sarò al Challenger di Todi (dal 4 luglio, ndr) e dopo in tutti i Challenger italiani per avere l’opportunità di crescere, sia come livello di gioco che come classifica’.

@massimogaiba

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement