Billie Jean King Cup, Finals: eliminate Canada e Germania, l'Australia ferma il Belgio

Flash

Billie Jean King Cup, Finals: eliminate Canada e Germania, l’Australia ferma il Belgio

Facile 3-0 per le russe alle quali domani basterà un punto nella sfida con la Francia. Secondo stop per le tedesche fuori dalla competizione. L’Australia batte il Belgio e crede nella semifinale, domani sfida con la Bielorussia.

Pubblicato

il

2021 Billie Jean King Cup Finals - Danielle Collins (Foto courtesy ITF/Paul Zimmer)
 
 

Seconda giornata di sfide nelle Finals della Billie Jean King Cup in corso di svolgimento a Praga.

Arrivano i primi verdetti. Nel gruppo A la Russia batte 3-0 il Canada ed elimina le nordamericane. Domani sfida decisiva contro la Francia, alle russe basterà un punto per accedere alle semifinali grazie al quoziente set.

Nel gruppo B l’Australia vince contro pronostico sul Belgio e dopodomani con la Bielorussia può centrare la qualificazione in semifinale.

 

Nel Gruppo C la Slovacchia si rilancia dopo la sconfitta con la Spagna battendo a sorpresa gli Usa (che mancano un match point nel super tie break del doppio). Domani Spagna-USA, girone davvero indecifrabile.

Nel gruppo D invece la Svizzera elimina la Germania (già sconfitta dalla Repubblica Ceca nella prima giornata) e affronterà le padrone di casa in un vero e proprio spareggio giovedì 4 novembre.

Vediamo il dettaglio delle sfide odierne e le classifiche dei vari raggruppamenti

GRUPPO A

Russia-Canada 3-0

D. Kasatkina b. C. Zhao 6-3 6-1

A. Pavlyuchenkova b. R. Marino 6-4 4-6 6-2

V. Kudermetova/L. Samsonova b. G. Dabrowski/R. Marino 6-3 6-1

Aveva già fatto molto ieri il Canada battendo le campionesse in carica della Francia. Oggi però, opposto al forte team russo, le tenniste nordamericane hanno potuto ben poco.

Nel primo singolare Pavlyuchenkova ha lasciato le briciole alla malcapitata Zhao, battuta 6-3 6-1. Rebecca Marino ha provato il miracolo nel secondo singolare. La nr.1 canadese ha fatto del suo meglio ma non è riuscita ad evitare la sconfitta seppur in tre set ad opera di Daria Kassatkina, vincitrice 6-4 4-6 6-2. Senza storia anche il doppio che ha sancito la matematica eliminazione delle canadesi dalla competizione. Per la cronaca Samsonova e Kudermetova hanno avuto vita facile contro Dabrowski e Marino, superate 6-3 6-1.

Russia-Francia in programma il giorno 3 decide chi andrà in semifinale, ma alle russe basta anche un solo punto per centrare l’obiettivo.

CLASSIFICA GRUPPO A

Russia 1-0 3-0

Canada 1-1 2-4

Francia 0-1 1-2

GRUPPO B

Australia-Belgio 2-1

D. Gavrilova b. G. Minnen 6-4 1-6 6-4

S. Sanders b. E. Mertens 3-6 7-6(5) 6-0

E. Mertens/G. Minnen b. E. Perez/S. Sanders 6-2 6-4

Sembrava spianata la strada verso la semifinale del Belgio ed invece Elisa Mertens e compagne soccombono di fronte all’Australia e probabilmente compromettono tutto. L’inopinata sconfitta lascia proprio alle australiane grandi chance di qualificazione alle semifinali visto che basterà alla squadra capitanata da Alicia Molik battere la non irresistibile Bielorussia.

Nel primo singolare Daria Gavrilova (oggi nr. 414 del ranking) supera in tre set Greta Minnen, troppo discontinua nel match odierno. L’australiana vince 6-4 1-6 6-4 e passa il testimone a Storm Sanders che si trova di fronte la quotata Mertens.

La belga vince senza problemi il primo set 6-3 poi però inizia ad annaspare e spreca occasioni importanti. Nel secondo parziale Mertens arriva a due punti dalla vittoria ma Sanders è bravissima ad issarsi al tie break chiuso 7-5 e nel quale la sua avversaria non è mai stata in partita. A questo punto ci si aspetta che dalla battaglia emerga la giocatrice più forte ed invece ecco che la Mertens crolla e lascia via libera alla bravissima Sanders che così chiude la contesa. Sul 2-0 le australiane lasciano il punto del doppio alle belghe e iniziano a concentrarsi sulla Bielorussia. In caso di vittoria le australiane come detto approderebbero in semifinale.

CLASSIFICA GRUPPO B

Australia 1-0 2-1

Belgio 1-1 3-3

Bielorussia 0-1 1-2

GRUPPO C

Slovacchia-Usa 2-1

V. Kuzmova b. S. Rogers 6-4 6-4

D. Collins b. A.K. Schmiedlova 6-3 6-2

T. Mihalikova/V. Kuzmova b. C. Dolehide/C. Vandeweghe 6-2 6-7(5) 12-10

Sull’orlo del baratro e contro pronostico la Slovacchia supera gli Stati Uniti e coltiva minime speranze di potersi ancora qualificare per le semifinali. Dipenderà tutto dalla sfida tra gli Usa e la Spagna dell’indomabile Carla Suarez Navarro. Una vittoria spagnola sancirebbe l’approdo delle iberiche tra le prime quattro, una vittoria USA il ricorso al quoziente set per decidere chi vince il girone.

La sfida inizia in salita per le americane. Shelby Rogers, ultima convocata dopo il forfait di Jessica Pegula, soccombe senza particolari resistenze alla tenace Viktoria Kuzmova. In entrambi i set l’americana va avanti di un break prima di subire la rimonta della sua avversaria che si impone con un doppio 6-4.

Ci pensa però Daniele Collins a pareggiare le sorti dell’incontro. Opposta a Anna-Karolina Schmiedlova, l’americana domina dall’inizio alla fine e chiude il match con il punteggio eloquente di 6-2 6-3.

Diventa così decisivo il doppio. Da una parte Kuzmova e Mihalikova, già viste in campo ieri contro la Spagna, dall’altra parte Caroline Dolehide e Coco Vandeweghe. Le americane sulla carta sarebbero favorite ma nel primo set non reggono il ritmo slovacco. Così Mihalikova e Kuzmova si impongono con un agevole 6-2. Le slovacche partono forte pure nel secondo set ma Dolehide e Vandeweghe sotto 1-3 si ritrovano come per magia. La coppia americana riagguanta le avversarie e da quel momento inizia una nuova partita. Si arriva al tie break dove la coppia americana allunga sul 5-2 e poi chiude 7-5. Si va al super tie break dove ne succedono di tutti i colori. Le slovacche allungano 4-1 e poi 8-4, le americane non ci stanno e rimontano dal 4-8 all’8-8. Sul 9-8 le slovacche hanno un match point che non sfruttano annullato da una prima di Vandeweghe. Sul 10-9 sono le americane ad avaere match point, annullato anche questo grazie ad una prima robusta della Kuzmova. Si ribalta la situazione, 11-10 slovacco e secondo match point. Scambio sotto rete vinto dalle slovacche che possono gioire, americane rimandate alla sfida da dentro o fuori con la Spagna.

CLASSIFICA GRUPPO C

Spagna 1-0 2-1

Slovacchia 1-1 3-3

USA 0-1 1-2

GRUPPO D

Svizzera-Germania 3-0

V. Golubic b. A.Petkovic 6-4 7-6(5)

B.Bencic b. A. Kerber 5-7 6-2 6-2

V. Golubic/J. Teichmann b. A.L. Friedsam/N. Schunk 6-2 6-2

Anche la Svizzera batte la Germania imitando la Repubblica Ceca e ne certifica l’eliminazione. Sarà la sfida tra le elvetiche e le padrone di casa a decidere chi si qualificherà per le semifinali.

Vikoria Golubic parte come un razzo contro Andrea Petkovic e va subito avanti 4-0, perde un break di vantaggio ma poi chiude 6-4. Il secondo set è molto più equilibrato. La Petkovic spreca 4 palle break sul 4-3 e sul 5-4 in suo favore spreca ben 3 set point. La tedesca accusa il contraccolpo e lascia via libera alla Golubic che chiude 7-5 il secondo set.

Tocca come ieri ancora alla Kerber di riportare in parità la nazionale tedesca, ma stavolta di fronte c’è Belinda Bencic e l’impresa non è così facile. Grande equilibrio nel primo set giocato a livelli molto alti. La Kerber annulla tre palle break sul 5-5 ma poi nel dodicesimo gioco strappa la battuta alla Bencic e si porta a casa il primo set.

La tennista tedesca però pare aver finito la benzina e la Bencic ne approfitta senza remore. Arriva un doppio 6-2 elevetico e la sfida è già chiusa sul 2-0. Anche il doppio finirà alla Svizzera, il 4 novembre la sfida spareggio con le padrone di casa della Repubblica Ceca

CLASSIFICA GRUPPO D

Svizzera 1-0 3-0

R.Ceca 1-0 2-1

Germania 0-2 1-5

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros, Swiatek si toglie pressione: “Prima o poi perderò, ma questa stagione è già un successo”

La numero 1 punta al suo secondo Slam: “Da quando sono in vetta la gente mi tratta in modo diverso. Tenere a mente che questa striscia può finire è salutare”

Pubblicato

il

Iga Swiatek - Mutua Madrid Open 2022 (PHOTO- ANGEL MARTINEZ : MMO)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Non ci sono dubbi da sciogliere, Iga Swiatek a poche ore dall’inizio del Roland Garros 2022 è la chiara favorita per la vittoria finale. La polacca arriva a Parigi come meglio non potrebbe: ha vinto gli ultimi 5 tornei che ha disputato, inanellando 28 vittorie consecutive. Inoltre ha già vinto sui campi del Bois de Boulogne nel 2020, quando però a dire il vero le condizioni climatiche e di conseguenza di gioco erano ben diverse da quelle che i giocatori troveranno da domenica 22 maggio in poi. La gestione della pressione sarà più che mai il fattore decisivo per la numero 1 mondiale, un aspetto che l’ha tradita nella scorsa edizione quando difendeva il titolo. Iga ha parlato così ai giornalisti nella consueta conferenza pre-torneo.

D: È chiaro che il gioco è dove vuoi che sia, ma è una sfida mentale per te adattarsi a questa nuova situazione? Se sì, come ti stai preparando?

Swiatek: “Beh, finora è andato tutto bene, ma in realtà non ho giocato un Grande Slam da quando è iniziata la striscia di successi. Quindi immagino che vedremo se tutto quello che ho fatto finora è abbastanza. Ma ho dei pensieri davvero positivi. Onestamente, è capitato un paio di volte in questi tornei di essere già stressata, sono stata in grado di lavorare su questo e fare un ottimo lavoro semplicemente concentrandomi sul tennis. Quindi spero di poter continuare a farlo”.

 

D: Essere numero 1 sembra essere adatto a te. Non sembri sentire troppa pressione, almeno per tutti noi che ti guardiamo. Avevi pensato molto a come sarebbe stato essere numero 1 mondiale prima di arrivare in cima e ora è come ti aspettavi?

Swiatek: “Non ci stavo pensando, ma è una buona domanda. Di solito quando scalavo la classifica non sapevo nemmeno dove fossi, onestamente. Stavo solo andando avanti, e non mi importava davvero se fossi numero 50 o 100. Era sicuramente importante quando partecipavo ai tornei, ma per me era solo un numero, quindi non mi importava. In questo momento mi sento come se grazie alla mia nuova classifica, le persone intorno a me mi trattassero in modo un po’ diverso. Così il mondo è cambiato, di sicuro (sorride). Mi sento comunque come se stessi rimanendo me stessa, come giocatrice e persona. Ma ritengo che ci sia ancora da migliorare”.

D: Hai pianificato qualche trucco per tenere la mente libera nei day off durante questo torneo, fino al tuo primo turno e si spera dopo, avete alcune attività da fare solo per non pensare alle partite?

Swiatek: “In realtà, quest’anno mi sembra più facile non pensare alle partite, perché ci sono anche molte cose che possiamo fare, come fare un giro turistico, anche fare una passeggiata. L’anno scorso con la bolla è stato piuttosto difficile, ed è stato normale che tutti stessero solo pensando al tennis perché era l’unica cosa da fare alla fine. Sto leggendo molto, come al solito, quindi niente di speciale. Guardo serie TV. Oggi, per esempio, sarà il mio giorno libero, quindi di sicuro andrò a fare un giro se il tempo migliorerà. Quando ho avuto i miei giorni di allenamento, speravo che piovesse, quindi avrò più giorni liberi, ma piove quando ho il giorno libero, quindi come al solito (sorride)”.

D: Cosa stai leggendo ora? In secondo luogo, come potresti definiresti un successo in questo torneo?

Swiatek: “Sto leggendo “21 Lessons for the 21st Century”, ho la tua approvazione? (sorride). È difficile rispondere alla seconda, perché non ho obiettivi come ad esempio raggiungere la semifinale o una finale. Vedrò partita dopo partita. Sono consapevole che questa striscia potrebbe finire presto, quindi non voglio avere il cuore spezzato quando succederà. Penso che esserne consapevoli sia abbastanza salutare. Ho già così tanti punti e sono abbastanza contenta degli ultimi tornei, a tal punto che penso questa stagione sia già un successo per me (sorride)”.

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, il programma di domenica 22 maggio: solo Fognini in campo tra gli azzurri

La prima domenica dell’Open di Francia vedrà protagonista Carlos Alcaraz, Ons Jabeur, Alexander Zverev e tanti altri: ecco l’order of play

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Montecarlo 2022 (Foto Roberto Dell'Olivo)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Il Roland Garros ha da poco comunicato l’ordine di gioco del Day 1 dell’edizione 2022, la numero 121. Domenica 22 maggio il programma sul Court Philippe Chatrier sarà aperto alle 11 italiane da Ons Jabeur contro Magda Linette. Seguiranno Auger-Aliassime-Varillas, Burel-Sakkari, Londero-Alcaraz. Sul Court Suzanne Leglen, via alle 11 con Stephens-Niemeier, poi Isner-Halys, Zverev-Ofner e Mladenovic-Fernandez.

L’unico italiano a scendere in campo nel Day 1 sarà Fabio Fognini, che scende in campo per il suo 14° Roland Garros nel terzo match sul Court Simonne Mathieu, il terzo per ordine di importanza, contro l’australiano Alexei Popyrin.

Ecco l’ordine di gioco di domenica 22 maggio.

 

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Italiani in campo oggi sabato 21 maggio: alle 13 la finale di Rabat tra Trevisan e Liu

Giornata importante per Martina, che proverà a conquistare il suo primo titolo WTA: sarebbe il migliore dei viatici verso il Roland Garros

Pubblicato

il

Martina Trevisan - US Open 2021 (photo (Pete Staples/USTA)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

La vigilia del Roland Garros è un giorno importante per il tennis italiano, che vive la sua prima finale del 2022. La giocherà Martina Trevisan a Rabat. La giocatrice fiorentina, che ha superato Lucia Bronzetti nel derby azzurro in semifinale, sfiderà l’americana Claire Liu, americana 21enne attualmente al n. 92 ATP. Per entrambe è la prima finale in carriera sul circuito maggiore e le due non si sono mai affrontate prima. Martina ha dalla sua l’esperienza, Claire il fatto di essere arrivata alla finale più riposata (non ha giocato la semifinale per il ritiro dell’ungherese Bondar).

La finale di Rabat inizierà alle 13 italiane sul Centre Court e sarà trasmessa in tv e streaming da Supertennis e Supertennix. L’Italia del tennis potrebbe oggi vincere il suo primo titolo del 2022 (si tratta, anzi, della prima finale tra uomini e donne) e per Martina sarebbe il miglior viatico possibile in vista del Roland Garros della prossima settimana.

WTA Rabat, finale: Trevisan-Liu, ore 13, Centre Court, diretta tv e streaming Supertennis e Supertennix

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement