Nadal: "È probabile che Djokovic chiuderà la carriera con più Slam di me e di Federer"

Flash

Nadal: “È probabile che Djokovic chiuderà la carriera con più Slam di me e di Federer”

Il fuoriclasse maiorchino ha speso parole d’elogio per Medvedev, Tsitsipas e Zverev: “Non ha più senso parlare di Next Gen, ormai sono il presente”

Pubblicato

il

Djokovic e Nadal - Roland Garros 2021 (via Twitter, @rolandgarros)

Intervistato dal programma televisivo “Vamos”, Rafael Nadal ha parlato di alcuni degli argomenti che animano l’attuale dibattito tennistico, vale a dire la corsa al record di titoli Slam che lo vede protagonista con gli altri membri dei Big Three.

LA CORSA AL VENTUNESIMO

Rafa sembra ormai rassegnato ad una realtà che in questa stagione sembra mettere d’accordo la gran parte degli appassionati e degli addetti ai lavori: il parimerito nel numero di Slam conquistati da lui, Djokovic e Federer non è destinato a durare, e Nole sembra essere nella posizione migliore per mettere la freccia e superare i rivali: “Non prendiamoci in giro, Djokovic è sicuramente il favorito per diventare il giocatore con più Slam vinti nel tennis maschile. Federer è in un certo tipo di condizioni, io in un altro. Djokovic, invece, sta giocando, e sta giocando bene, è in un gran momento. Questa è la realtà delle cose e non può essere ignorata: certo, nessuno può sapere cosa succederà fra nove mesi, ma al momento lui è il favorito“.

Per contestualizzare, ricordiamo che Federer ha giocato solo 19 partite fra il 2020 e il 2021, optando per un’altra operazione al ginocchio dopo Wimbledon: in una recente intervista, ha dichiarato che sarebbe una sorpresa riuscire a tornare in campo già per i Championships di inizio luglio. Nadal invece ha disputato 29 incontri nel 2021, 22 dei quali sulla terra battuta dove però non è riuscito a mantenere i disumani standard che hanno accompagnato le sue primavere dal 2005 in avanti: pur vincendo a Barcellona e Roma, ha finito per subire la sua terza sconfitta in carriera nelle semifinali del Roland Garros proprio contro Djokovic, chiudendo il match chiaramente infortunato.

 

Successivamente Rafa ha provato a giocare il torneo di Washington, perdendo agli ottavi, ma subito prima dell’esordio in Canada ha deciso di dare forfait e chiudere la stagione per via di un problema al piede che lo tormenta da tutta la carriera ma con significativi peggioramenti nell’ultimo anno. Per questo motivo, non sorprende la sua affermazione su Djokovic, che nel 2021 ha sfiorato il Grande Slam e completato una rimonta un decennio fa impensabile sui rivali: a fine 2010, Federer aveva 16 Slam, Nadal 9 e Djokovic 1; e ancora al termine del Roland Garros 2018 la classifica era Federer 20, Nadal 17 e Djokovic 12.

Nole ha dunque colmato il gap in poco più di tre anni, tre anni in cui peraltro ha “perso” la possibilità di giocarsi due Slam prima per cancellazione (Wimbledon 2020) e poi per squalifica (US Open 2020); se per il primo il caveat vale anche per i rivali, per il secondo invece la lasciata è persa solo per lui, visto che né Rafa né Roger erano presenti. Ora Djokovic potrebbe mancare un’altra chance di alzare il ventunesimo Major qualora decidesse di saltare l’Australian Open in nome (a suo dire) della privacy sul suo status vaccinale, ma la vulgata è che le chance non gli mancheranno di certo nel corso del 2022.

Nadal dovrebbe esserci a Melbourne, ma si tratta di un torneo che non vince dal 2009 (anche per iella, soprattutto se si pensa all’infortunio occorsogli durante la finale del 2014 contro Wawrinka), e più in generale l’impressione è che le gerarchie sul cemento non lo vedano più ai primissimi posti della griglia di partenza – negli ultimi due Slam giocati sul cemento è stato sconfitto da Dominic Thiem e Stefanos Tsitsipas, subendo nel secondo caso la terza rimonta in carriera da due set a zero in suo favore. Il maiorchino ha inoltre già fatto sapere che non giocherà la ATP Cup: è quindi probabile che decida di disputare l’Happy Slam senza tornei ufficiali di preparazione al di là del Mubadala World Tennis Championship, esibizione in programma ad Abu Dhabi fra il 16 e il 18 dicembre.

LA FINE DELLA NEXT GEN

Va detto, tuttavia, che nonostante Djokovic abbia dominato gli Slam nel 2021, i rivali della Next Gen originale sembrano sempre più vicini: Tsitsipas ha buttato un vantaggio di due set nella finale del Roland Garros, mentre Medvedev l’ha battuto a Flushing Meadows conquistando il suo primo Major; Zverev infine lo ha sconfitto sia alle Olimpiadi che alle Nitto ATP Finals, portandolo al quinto set allo US Open.

Per questo motivo, Rafa non ritiene giusto utilizzare ancora il termine Next Gen per definire gli eredi più probabili al trono del tennis maschile: “Ormai dobbiamo dire che Medvedev, Zverev o Tsitsipas sono il presente del tennis, sono la ‘current generation’, non dobbiamo trattarli in eterno come se fossero soltanto il futuro del tennis“. Allo US Open, Djokovic è stato l’unico Big Three presente per la seconda edizione consecutiva: qualora decidesse di non volare a Melbourne, stavolta sarà Nadal a cercare di posticipare il passaggio di consegne ancora per un po’.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Zverev riparte da Montpellier: una wild card dopo la batosta all’Australian Open

Il numero tre del mondo riparte dalla sua comfort zone, un torneo indoor in Europa, dopo la sconfitta contro Shapovalov

Pubblicato

il

Alexander Zverev - ATP Cup 2022 Sydney (foto Twitter @ATPCup)

Poca voglia di restare a casa, nessuna intenzione di rimanere altri giorni a rimuginare: Alexander Zverev tornerà subito in campo nella settimana successiva all’Open di Australia. Il tedesco numero 3 del mondo ha infatti ricevuto una wild card dagli organizzatori dell’ATP 250 di Montpellier, evento indoor che si giocherà la settimana prossima. Una location non lontanissima da Monaco, dove Zverev ha la residenza, e condizioni di gioco che potrebbero ricordare quelle di Torino, dove pochi mesi fa Sascha ha vinto le ATP Finals, per ritrovarsi subito e ripartire forte dopo il brutto KO negli ottavi di finale degli Australian Open contro Shapovalov. Una batosta che ha confermato ulteriormente il poco feeling del tedesco verso le prove del Grande Slam. Il tabellone dell’ATP di Montpellier dovrebbe vedere protagonisti, a meno di rinunce dell’ultimo momento, anche Gael Monfils e Roberto Bautista Agut.

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Spero in una finale femminile combattuta”

Ubaldo deluso per la poca battaglia vista nelle semifinali: “Barty mi ricorda Bjorn Borg a Parigi 1978”

Pubblicato

il

Ashleigh Barty all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Nel consueto punto di giornata sulla nostra pagina Instagram, il direttore Ubaldo Scanagatta fa un breve riepilogo delle due semifinali femminili dell’Australian Open andate in scena oggi, giovedì 27 gennaio. “Due semifinali a senso unico. Barty ha dato 6-3 6-1 alla Keys, è la prima australiana in finale nel torneo di casa dal 1980. Collins, che dopo questo torneo sarà tra le prime dieci del mondo, ha dato  6-4 6-1 a Swiatek -dice Ubaldo -. La Barty ha un rovescio slice che mi ricorda Federer, ma per aver perso solo 21 game in 6 partite mi ricorda Bjorn Borg, che a Parigi nel 1978 ne perse 32 in 7 (ma lui giocava tre set su cinque). La Collins, dopo un anno da una delicata operazione, tira fortissimo e contro la Barty può fare meglio di Anisimova e Giorgi. Spero di assistere a una finale lottata dopo tante partite senza storia”.

Ecco il video, reperibile anche sulla pagina Instagram di Ubitennis, che potete seguire per rimanere aggiornati in tempo reale su tutto ciò che accade nel mondo del tennis.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere

Flash

Australian Open, Vanni Gibertini e Ubaldo Scanagatta parleranno di Berrettini-Nadal a RAI Radio 1 Sport

Vanni interverrà il 27 gennaio alle 17:35, il direttore Scanagatta il 28 gennaio alle 11:30 per parlare del risultato della semifinale

Pubblicato

il

2022 AUSTRALIAN OPEN, Matteo Berrettini (ITA), Photo © Ray Giubilo

Siamo ormai prossimi alla semifinale fra Matteo Berrettini e Rafael Nadal all’Australian Open 2022, in programma il 28 gennaio alle 4:30. Si tratta di una prima assoluta per il tennis maschile italiano, e non è quindi una sorpresa che la performance del N.7 ATP sia finita sulle prime pagine degli organi d’informazione.

Proprio per questo motivo, era naturale che ci si rivolgesse a chi segue il tennis su base un pochino più frequente. RAI Radio 1 Sport si è quindi rivolta alla redazione di Ubitennis per un commento pre- e post-partita, con le seguenti modalità:

  • Il vicedirettore Vanni Gibertini interverrà a “Tempi Supplementari” verso le 17:35 del 27 gennaio
  • Il direttore Ubaldo Scanagatta invece sarà di scena verso le 11:30 a “Palla al Centro” il 28 gennaio

Oltre che via radio, le loro parole si potranno ascoltare anche in streaming, a questo link: Rai Radio1 Sport | Canale | RaiPlay Sound. Vi aspettiamo!

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement