ATP Melbourne, Rafa Nadal vince il torneo senza perdere set: 19 stagioni di fila con almeno un titolo in bacheca

Flash

ATP Melbourne, Rafa Nadal vince il torneo senza perdere set: 19 stagioni di fila con almeno un titolo in bacheca

Con una prestazione non pienamente convincente, il numero sei del mondo si impone 7-6(6) 6-3 su Cressy salvando un set point nel tie-break del primo parziale

Pubblicato

il

Rafael Nadal al Melbourne Summer Set 2022 (Credit: @AusOpen on Twitter)

Rafael Nadal torna a vincere un torneo sul cemento dopo quasi due anni (acapulco febbraio 2020) e lo fa senza perdere un set. In finale il maiorchino ha battuto 7-6(6) 6-3 lo statunitense Maxime Cressy con una prestazione a dire il vero non eccessivamente convincente, ma del resto anche negli altri due match disputati in questa settimana è stata tanta la ruggine che si è dovuto togliere di dosso. La caparbietà e l’enorme esperienza dello spagnolo comunque gli anno permesso di portare a casa il titolo ATP 250 numero dieci della carriera e di iniziare la stagione con la vittoria di un torneo come già accaduto nel 2014 quando vinse a Doha e poi si arrese a Wawrinka in finale a Melbourne. Per Rafa si tratta del titolo N.89 in carriera (su 126 finali) e del N.23 sul cemento (su 49 finali, una in più di Pete Sampras). Si tratta inoltre della diciannovesima stagione di fila in cui vince almeno un torneo: il primo fu a Sopot 2004.

IL MATCH – Durante tutto l’incontro il N.112 del mondo (alla prima finale ATP) non si è discostato dal suo costante piano di gioco: serve and volley praticamente ad ogni suo servizio e risposte in anticipo alla ricerca della rete il più presto possibile. Nel primo set, nonostante percentuali non eccelse alla battuta, Rafa non rischia mai nulla; anzi, è lui ad avere le uniche chance per passare in vantaggio. Senza break comunque si giunge sul 6-6, e a questo punto la tensione gioca un brutto scherzo al 20 volte campione Slam: Rafa commette il quarto doppio fallo nel momento meno opportuno e manda a set point Cressy. quest’ultimo non può non affidarsi al serve and volley ma fallisce la volée (resa ostica dalla risposta di Nadal). Al cambio campo una prima vincente sancisce la fine del primo set per 8 punti a 6. Notevoli i 29 punti vinti a rete dall’americano, ma se ci si aggiungono i 14 errori gratuiti, quasi tutti in risposta, è facile intuire che non si va lontani, almeno in quest’epoca.

Le imprecisioni dell’americano in risposta si dissipano tutte ad inizio secondo set, quando il ventiquattrenne Cressy riesce con insistenza a mettere pressione a Nadal. Rafa gli dà una mano incappando in qualche errore e nel terzo game perde la battuta. Il contro-break è tuttavia immediato e arriva a suon di passanti vincenti di dritto. Lo spagnolo mantiene quindi alta la pressione e alla fine la resistenza statunitense cede nell’ottavo game: con un parziale di 12 punti a 2 Nadal si invola verso la vittoria, e dopo un’ora e tre quarti di godibile tennis può alzare le braccia al cielo ed esultare con visibile gioia.

 

Voglio congratularmi con Maxime, il tuo stile porta qualcosa di nuovo al tennis ed è una gran cosa, ti auguro il meglio“, ha detto il vincitore. “Voglio ringraziare tutti gli organizzatori perché è una sfida organizzare un torneo in questo momento, mi sento molto fortunato ad essere qui dopo aver passato dei momenti difficili fra infortuni e Covid. Questo campo, la Rod Laver Arena, è molto speciale per me, ho passato dei grandi momenti qui, ma è il pubblico a renderlo davvero speciale, non vedo l’ora di tornare qui fra una settimana“.

Qui il tabellone completo dell’ATP Melbourne Summer Set e degli altri tornei della settimana

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il direttore Ubaldo Scanagatta ospite su TGCOM 24 domenica alle 9.30

Ubitennis nuovamente sul piccolo schermo: Ubaldo Scanagatta invitato nel programma mattutino di TGCOM24

Pubblicato

il

Novak Djokovic - US Open 2021 (via Twitter, @atptour)

A poche ore dall’inizio dell’Australian Open 2022 la controversa vicenda che ha coinvolto il n. 1 del mondo del tennis maschile Novak Djokovic è arrivata alle sue battute conclusive. Il direttore di Ubitennis.com, Ubaldo Scanagatta, interverrà su TGCOM 24, il canale all-news del gruppo Mediaset ricevibile sul canale 51 del Digitale Terrestre.

L’intervento di Ubaldo Scanagatta a TGCOM24 del 10 gennaio 2022

Dopo il suo intervento a commento della prima vittoria in tribunale di Djokovic contro l’Immigrazione australiana, alle ore 9.30 di domenica 16 gennaio il direttore Scanagatta parlerà degli ultimi sviluppi della battaglia legale del campione serbo e delle prospettive del tennis italiano nel primo torneo del Grande Slam di questo 2022.

Continua a leggere

Flash

Andy Murray dice no ai soldi dell’Arabia Saudita

L’agente del tennista britannico ha dichiarato che Murray ha rifiutato per una questione morale, legata alla condotta del Paese mediorientale

Pubblicato

il

Andy Murray - ATP Metz 2021 (via Twitter, @atptour)

Il tennista scozzese Andy Murray non è nuovo a forti prese di posizione, e quella appena dichiarata dal suo agente Matt Gentry è di quelle importanti nel contesto geopolitico mondiale. L’agente di Murray e cofondatore della 77 Sport Management ha infatti parlato prima dell’Australian Open della decisione di Murray di rifiutare offerte provenienti dall’Arabia Saudita per questioni morali: “Ha rifiutato alcune cose in Arabia Saudita e non credo che avrebbe giocato lì per via di quello che è successo“. Il Paese saudita è guidato dal reale Mohammad bin Salman Al Sa’ud, il quale si sta impegnando fortemente per dare visibilità internazionale all’Arabia Saudita tramite l’organizzazione di eventi sportivi e non e tramite accordi con “ambasciatori” come Matteo Renzi, molto criticato per i suoi rapporti con il Paese mediorientale.

Proprio la condotta dell’Arabia Saudita e del suo presidente è sotto attacco dalla stampa internazionale, con bin Salman che solo di facciata si impegna al rispetto dei diritti umani nel suo Paese, mentre i rapporti dell’intelligence statunitense lo individuerebbero come probabile mandante per l’uccisione del giornalista Jamal Kashoggi (reo di essere stato critico verso il regime), fatto a pezzi all’interno dell’ambasciata saudita ad Istanbul.

Gentry ha spiegato al dettaglio i motivi del rifiuto di Murray e le implicazioni economiche che avrebbe avuto nell’accettare la proposta del Paese mediorientale. “Hanno pagato somme di denaro sbalorditive per convincere i giocatori a venire a giocare partite di esibizione, e lui semplicemente non era interessato. Se sei un ex giocatore numero 1 al mondo, in Medio Oriente potresti potenzialmente guadagnare uno/due milioni di dollari per una partita di esibizione [Novak Djokovic e Rafael Nadal avrebbero dovuto giocare un match d’esibizione in Arabia Saudita nel 2018, ma la partita venne cancellata per via di un infortunio occorso al maiorchino, ndr]. […] Se sente fortemente una questione, è nella fase in cui non ha problemi a parlarne in pubblico e a creare un dibattito. Non credo che abbia paura di esprimere la sua opinione al riguardo“. Una questione che riguarda tutto il mondo dello sport, con la Formula 1 che ha stretto forti rapporti con l’Arabia Saudita e ha deciso di correre lì per la delusione del suo campione Lewis Hamilton, che ha dichiarato di non gradire la decisione ma di aver corso soltanto perché è stato stabilito così dai capi del suo sport.

 

Continua a leggere

Flash

Partita la stagione 2022 del Tennis Virtual Tour

Inizia la stagione agonistica, e con lei il fantatennis organizzato in collaborazione con Ubitennis

Pubblicato

il

È iniziata la stagione 2022 del Tennis Virtual Tour, il circuito virtuale che da oltre 14 anni, in collaborazione con Ubitennis, fa divertire decine e decine di appassionati che in questi giorni si stanno allenando e sfidando sui campi di Melbourne Park.

Il 2021 si era concluso con Gigimaie, vincitore del Roland Garros, al vertice della classifica mondiale, seguito al N.2 dal campione olimpico Mark. Le Finals di Torino hanno glorificato Tiziano61, già Re di Melbourne, mentre Wimbledon e US Open hanno fatto brillare le stelle di Dvf67 e Elloengi. Se la Virtual Davis Cup è stata alzata al cielo dalla Svizzera, le NextGen Finals hanno incoronato Alice Zavagnova e le Challenger Finals Loremar7380.

Insomma, se volete misurarvi in un gioco totalmente gratuito, fatto di sfide, scontri diretti, tornei e ranking, iscrivetevi al sito tennisvirtualtour.com, dove troverete regolamenti e indicazioni. Per completare la registrazione, scrivete una mail allo Staff a info@tennisvirtualtour.com e avrete subito la possibilità di disputare i tornei minori con la prospettiva di scalare la classifica e poter giocare quelli del circuito maggiore, oltre che prendere parte con il vostro team alla Coppa Davis.

 

Gli admin del Virtual sono a vostra disposizione anche attraverso la pagina Facebook ufficiale del gioco (www.facebook.com/TennisVirtualTour), che vi invitiamo ad omaggiare con il vostro “like”, e il nostro canale Telegram (https://t.me/joinchat/Od-sRxRF4dfsIdeDlynv0Q), in cui potrete conoscere più da vicino tutti i giocatori.

Pazienza, fortuna e abilità sono le doti che il virtualtennista deve possedere per poter apporre il suo nome sugli annali del Virtual Tour.

La nuova stagione è appena partita ed ogni martedì si aprono le entry list per i tornei della settimana successiva. Vi attendiamo numerosi!

Mark

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement