Pillole di Pat Remondegui: le controindicazioni della gratificazione immediata

Flash

Pillole di Pat Remondegui: le controindicazioni della gratificazione immediata

Pillole di saggezza tennistica: se non c’è famiglia o maestro ad insegnare la pazienza, la fine è segnata

Pubblicato

il

Thanasi Kokkinakis & Nick Kyrgios Australian Open 2022 (foto Twitter @AustralianOpen)

Su segnalazione di Pato Remondegui, Direttore di Tennis Accademy Ravenna

LE CONTROINDICAZIONI DELLA GRATIFICAZIONE IMMEDIATA
Se mi piace, se lo voglio, perché non dovrei averlo? Non va bene? La gratificazione immediata è eccellente. Se voglio la cioccolata, una doccia calda, una torta, una vacanza, una vittoria, quando la voglio? Quando sento di voler avere questi piaceri? Ora, ora, ora… grazie mille per non avermi fatto aspettare! La gratificazione immediata è il motivo per cui sono sempre sul telefono. Lo smartphone mi dà più piacere di quanto lo facessero tutti gli altri cellulari precedenti. La vita moderna è progettata per darmi piacere istantaneo. Ma mi chiedo: ‘sono soddisfatto di questo? La gratificazione immediata può soddisfarmi?’ No, non lo fa. Mi fa ancora desiderare di più! Ciò che ieri era soddisfacente, oggi mi scontenta, e domani mi frustra. E se dovessi aspettare per avere quello che voglio? L’attesa mi mette tensione, mi innervosisce, mi agita e ho fretta.

Portato al tennis, spesso perdo perché non so avere pazienza, non riesco a controllarmi, non so costruire. Come nella vita, voglio tutto e subito, e questo non paga nello sport. La gratificazione immediata mi fa venire la sete di successo subito, che porta alla fame di vittorie, alla frustrazione, all’insoddisfazione e alla fine mi sento vuoto e ingannato. Ho tutto quello che ho sempre voluto eppure sono infelice. La gratificazione immediata è una sofferenza mascherata di piacere. Le cose di valore richiedono tempo, ci vuole pazienza, allenamento, autocontrollo: disciplina. Quando esaudisco questi desideri, dopo aver lavorato duro per quello, mi sento soddisfatto, sento di aver realizzato qualcosa, sento che ne è valsa la pena. Perché? Perché questo processo riguarda molto di più il mio divenire, la mia formazione, che quello che ottengo immediatamente e senza nessun “sacrificio”.
Ioan Popoviciu, psicologo sportivo

I PROBLEMI DELLA GENERAZIONE NETFLIX
Stando a contatto tutti i giorni con ragazzi dai 12 ai 22 anni, mi rendo conto di quanto certe abitudini nella vita di tutti i giorni si riflettano, purtroppo spesso in modo negativo, sull’apprendimento, nello specifico faccio riferimento ovviamente al tennis. Abbiamo a che fare con generazioni che possono avere quasi tutto a portata di mano, a portata di clic: voglio vedere un film? Vado su Netflix (o altre piattaforme). Voglio rivedere una partita? La cerco su YouTube. Senza “perdere” tempo. Mi piace quella felpa ma non ho voglia di uscire a comprarla? La compro on-line e mi potrebbe arrivare il giorno dopo. E se dovessero imparare un colpo, uno schema sul campo? E se dovessero imparare ad avere pazienza prima di ottenere dei risultati? Ah, allora sono ca**i. Perché non puoi cliccare per vincere una partita, non puoi portare avanti il timer per andare al punto in cui vincerai delle partite in più. E quindi? Quindi impazziscono, frignano, smettono, spaccano racchette. Poi l’indomani magari, la racchetta rotta la ricomprano subito nuova e anche più bella? E se non ci sono la famiglia e/o i maestri ad insegnargli la pazienza, la fine è segnata. Ma il problema è che nemmeno nella vita di tutti i giorni puoi spingere ‘okay’ per avere ciò che vorresti.
Igor Gaudi, ex tennista italiano, n. 169

Le pillole di Remondegui: viaggiare con le bugie
Le pillole di Remondegui: come si allena Rafa Nadal?
Le pillole di Pat Remondegui: “Non si costruisce un giocatore come un robot”

Pat Remondegui, direttore Tennis Academy di Ravenna, ci inoltra “pillole di saggezza tennistica” diffuse da grandi coach, giocatori ed ex tennisti, a uso e consumo dei giovani che sognano di diventare professionisti. Ma anche dei loro coach e genitori.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement