Italiani in campo oggi venerdì 8 aprile: Musetti. A che ora e dove vederlo

Italiani

Italiani in campo oggi venerdì 8 aprile: Musetti. A che ora e dove vederlo

L’alfiere azzurro prova a qualificarsi per le semifinali dell’ATP 250 di Marrakech. Il suo è l’ultimo quarto di finale di giornata

Pubblicato

il

 
 

Venerdì importante per Lorenzo Musetti, che sfida il serbo Laslo Djere (n. 55 ATP) all’ATP 250 di Marrakech nei quarti di finale. Tra i due ci sono quattro precedenti e il bilancio è di 1-3 per il serbo, che sulla terra ha sconfitto due volte Musetti (a Pula nel 2020 e a Cagliari nel 2021) vincendo anche indoor a Nur-Sultan nel 2021. Lorenzo però si è imposto sul serbo nell’ultimo precedente, al Masters 1000 di Parigi-Bercy nel 2021.

Musetti, scivolato al numero 82 del mondo nelle ultime settimane, cerca punti preziosi per risalire la classifica. Non gioca una semifinale sul circuito maggiore da Lione 2021. Il match sarà l’ultimo quarto di finale della giornata sul campo centrale di Marrakech, in programma non prima delle 18 italiane. Viene tuttavia segnalato che è possibile uno spostamento sul campo 2, dove si giocheranno due doppi. Gli altri quarti di finale di Marrakech, in ordine di apparizione a partire dalle 13 italiane, sono Carballes-Baena-Goffin, Coria-Gasquet e Molcan-Van De Zandschulp.

ATP Marrakech, quarti di finale: Musetti-Djere, non prima delle ore 18 (possibile spostamento). Diretta TV Supertennis, streaming Supertennis e Supertennix

 

Il tabellone completo dell’ATP 250 Marrakech

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Montreal e Jannik Sinner: la notte delle stelle cadenti e un tabellone chiamato desiderio

Fuori tre delle quattro prime teste di serie, il tabellone di Montreal si apre in più punti: vediamo quali e in che modo potrebbe aiutare l’azzurro

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Montreal 2022 (foto Ubitennis)

Quella tra mercoledì e giovedì è stata la notte di San Lorenzo, la notte delle stelle cadenti, la notte che ha rivoluzionato il tabellone di un Masters 1000, quello di Montreal, che delle prime quattro teste di serie, agli ottavi, ne vede ancora in gioco una soltanto, Casper Ruud, e per di più la quarta del lotto.

Ma andiamo per ordine: fuori Medvedev nell’incredibile match con Kyrgios, fuori Alcaraz battuto per 2-1 da Paul e nella notte fuori anche Tsitsipas sconfitto dal rampante Draper. Insomma se non è un cataclisma poco ci manca. Basti pensare che l’ultima volta che in un torneo di questo livello le prime tre teste di serie del torneo caddero all’esordio fu nel 1999 a Indian Wells: a farne le spese furono Sampras (che perse da Mantilla), Kafelnikov (ko con Kuerten) e Corretja (battuto da Philippoussis).

E dunque, cosa succede adesso? Vediamolo nel dettaglio.

 

Nella parte alta del tabellone i primi due favoriti, per un passaggio verso i quarti di finale, sono Kyrgios, che affronterà un De Minaur particolarmente brillante e carnefice di uno dei beniamini di casa Shapovalov, prima e di Dimitrov dopo, e il polacco Hurkacz uno dei tre giocatori ancora rimasti in tabellone, insieme a Fritz e Norrie ad aver vinto un 1000 in carriera, che se la vedrà con lo spagnolo Ramos: non proprio una missione impossibile per Hubi. 

Molto più incerto l’ipotetico accoppiamento del secondo quarto della parte alta del tabellone che vede la presenza dell’unica delle quattro teste di serie ai nastri di partenza del torneo, Ruud, giocare con Bautista Agut che sarà pure un terraiolo ma sul veloce ha sempre detto la sua in maniera più che egregia. Il vincente affronterà uno tra Norrie e Auger-Aliassime in un match di sicuro interesse. Ecco, questa è la parte di tabellone che non ha subito particolari sconvolgimenti. Se ci avessero detto, all’inizio del torneo che questi sarebbero stati gli ottavi, non avremmo avuto nulla da dire. 

Ci saremmo sicuramente sorpresi, invece, nel vedere gli ottavi della parte bassa del tabellone. In quella di Sinner nello specifico. Ma qui forse tocca fare un passo ulteriormente indietro. In molti, tra addetti ai lavori e tifosi, forse in un eccessivo slancio di patriottismo applicato al tennis e sulla spinta dell’entusiasmo italico, parlavano di un derby al secondo turno tra Berrettini e Fognini, e di un ipotetico quarto tra Berrettini e Sinner. Il risultato è che Matteo e Fabio non hanno superato il primo turno e che Jannik è arrivato agli ottavi soffrendo nel match con Mannarino. Soffrendo ma vincendo; tanto gli basta per affrontare quel Carreno Busta che ha eliminato Berrettini al primo turno. Ci vorrà un Sinner migliore di quello visto in campo ieri, ma le carte in regola per andare avanti ci sono tutte. 

L’altro ottavo è quello orfano della testa di serie numero tre, il greco Tsitsipas battuto, come scritto, da Draper che quindi affronterà, nel suo ottavo, Monfils. Per Sinner sicuramente una opportunità da non lasciarsi sfuggire, anche perché l’ultimo spicchio di tabellone vede la mancanza dei due favoriti per un posto nei quarti, Alcaraz e Rublev, subito stoppati nella rincorsa al titolo. 

I due ottavi di finale, di questa parte finale del draw, vedranno opposti Evans a Fritz (che comunque quest’anno ha vinto Indian Wells) e l’unico vincitore di Slam ancora presente in tabellone, Cilic, all’americano Paul. Tutti giocatori molto tosti ma contro i quali Sinner non scende in campo battuto. A questo punto del torneo Jannik con un tabellone così aperto, non può non sognare in grande. Le stelle nella notte di San Lorenzo, sono cadute. Di solito si dice che per ogni stella che si vede si debba esprimere un desiderio. In tal senso Sinner ha solo l’imbarazzo della scelta. 

QUI IL TABELLONE AGGIORNATO DEL MASTERS 1000 DI MONTREAL

Continua a leggere

ATP

Berrettini, Montreal occasione persa in ottica Race to Torino. Rotta verso Cincinnati

L’azzurro perde terreno da Hurkacz e Fritz e rischia il sorpasso di Norrie e Sinner: nulla è perduto, ma servono risultati sul cemento americano

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Montreal 2022 (foto Ubitennis)

“Forse è stata la partita più brutta che abbia mai giocato”. Si è espresso senza mezze misure Matteo Berrettini ai microfoni del nostro Vanni Gibertini dopo la sconfitta patita contro Pablo Carreno Busta al Masters 1000 di Montreal. E in effetti l’azzurro non ha mai trovato il suo tennis: è parso poco in fiducia dal punto di vista mentale e troppo pesante negli spostamenti. Ciò ha causato una pioggia di errori gratuiti, sono stati 30 in un’ora e un quarto di gioco: inevitabile conseguenza una sconfitta rapida e perentoria, specie se dall’altra parte c’è un giocatore solidissimo e a suo agio sul cemento come lo spagnolo, che comunque aveva perso da Matteo in tre set quest’anno in Australia, quando il nostro era al top della forma.

Saranno i prossimi tornei a dire se, come è auspicabile, si è trattato solo di una giornata storta. Sicuramente Matteo ha perso una bella occasione in chiave Race to Torino. Si sa che, soprattutto a causa degli infortuni che gli hanno impedito di giocare la stagione su terra battuta, Matteo ha molto terreno da recuperare. Occupa attualmente, infatti, il dodicesimo posto in classifica e quest’anno bisogna ragionare in chiave settimo posto, perché Novak Djokovic ha vinto Wimbledon e ciò, salvo una combinazione complicata, gli garantisce un ticket per Torino se terminerà tra i primi 20 della Race.

Matteo, a causa del ko al primo turno di Montreal, ha ovviamente perso la possibilità di guadagnare punti e ora gli tocca guardare cosa faranno i suoi avversari. Sicuramente perderà terreno da Hurkacz e Fritz, che sono rispettivamente al decimo e al nono posto della Race. Il polacco è già al terzo turno dopo aver superato Ruusuvuori: si è già garantito almeno 90 punti portandosi a +215 punti da Matteo. L’americano ha battuto Murray e giocherà al secondo turno contro Tiafoe; ha già conquistato almeno 45 punti e sale per ora a +340 dal romano. Non solo, Matteo può anche rischiare di perdere posizioni: Norrie, 13° nella Race, e Sinner, 14°, lo supererebbero in caso di approdo ai quarti. L’inglese ha comunque sulla sua strada Auger-Aliassime, mentre Jannik è il favorito del suo ottavo vista l’eliminazione proprio di Berrettini, che avrebbe potuto affrontare al terzo turno.

 

Sicuramente nulla è perduto per Berrettini, perché siamo solo ad agosto, ma l’obiettivo di strappare il terzo pass in carriera per le ATP Finals passerà dai prossimi tornei sul cemento, Cincinnati e US Open, dove gli toccherà cercare risultati di peso per poter arrivare all’autunno con una candidatura credibile. Berrettini, dopo l’eliminazione di Montreal, potrà approfittarne per spostarsi con anticipo in Ohio, dove le condizioni – campo rapido e grande caldo – sembrano più adatte al suo tennis.

IL TABELLONE AGGIORNATO DEL MASTERS 1000 DI MONTREAL

Continua a leggere

ATP

Italiani in campo oggi mercoledì 10 agosto: Sinner. A che ora e dove vederlo

L’altoatesino al debutto a Montreal, impegnato contro Mannarino nel tardo pomeriggio italiano

Pubblicato

il

Jannik Sinner – ATP Umago 2022 (foto RDOSPORT)

Mercoledì 10 agosto è il giorno dell’esordio nel Masters 1000 di Montreal 2022 per Jannik Sinner, che dopo il bye ricevuto come testa di serie numero 7 sfiderà al secondo turno Adrien Mannarino, francese numero 70 ATP. Mannarino ha sconfitto Rinderknech in due set e ha sfidato Sinner solo una volta, nel novembre 2020, perdendoci in semifinale a Sofia in quello che fu il primo torneo vinto da Jannik sul circuito ATP.

Sinner-Mannarino sarà il secondo match sul Court Rogers, il secondo in ordine di importanza, e sarà trasmesso in diretta sui canali Sky Sport. L’orario di gioco previsto è intorno alle 19, a seguito del match tra Ruud e Molcan. Jannik è chiamato a risollevare le sorti dell’Italia nel Masters 1000 canadese: è l’unico azzurro rimasto in gara dopo i due ko di Berrettini e Fognini.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Nel paese della foglia d’acero Jannik deve ancora vincere il suo primo incontro: conta solo un’apparizione, con sconfitta, l’anno scorso a Toronto contro James Duckworth. Il torneo di Montreal rappresenta per lui un’occasione importante per risalire nel ranking ATP non avendo nulla da difendere e anche per guadagnare punti importanti in ottica Race to Torino, dopo la bella vittoria del torneo di Umago sulla terra rossa.

 

ITALIANI IN CAMPO OGGI MERCOLEDI’ 10 AGOSTO

Masters 1000 Montreal, 2° turno: Sinner-Mannarino, Court Rogers, ore 19 circa, diretta tv Sky Sport Tennis, Sky Sport Uno e in streaming su Sky Go e Now.

QUI IL TABELLONE COMPLETO DEL MASTERS 1000 DI MONTREAL

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement