US Open donne Day 4: Sabalenka trema, ma rimonta Kanepi, Martic sorprende Badosa. Nessun problema per Swiatek e Azarenka

Flash

US Open donne Day 4: Sabalenka trema, ma rimonta Kanepi, Martic sorprende Badosa. Nessun problema per Swiatek e Azarenka

Impresa della bielorussa contro Kanepi, mentre passeggia la connazionale. La croata mette a segno il colpo della giornata, un treno la n.1 al mondo

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - US Open 2022 (foto via Twitter @usopen)
 

[6] A. Sabalenka b. K. Kanepi 2-6 7(10)-6 6-4

Che quando giochi Aryna Sabalenka la partita spesso si trasformi in uno psicodramma, come accadde proprio contro Kaia Kanepi allo scorso Australian Open, non è quella che si dice una novità. Ma che la bielorussa sappia rientrare da un ampio svantaggio per andare a vincere, mandando l’avversaria in crisi, decisamente fa notizia. E così è stato oggi, al secondo turno di questo incredibile US Open, quando la n.6 del tabellone, sotto 6-2 5-1 e in condizioni di gioco da dimenticare, ha pazientemente rimontato l’estone (decisamente calata, c’è da dirlo, con troppi non forzati per sperare di vincere), annullandole due match point prima di andare a vincere il tie-break del secondo set 10 punti a 8, una scossa che le ha decisamente messo la strada in discesa per il parziale decisivo.

Nel terzo set Sabalenka appare tranquilla, l’insperata rimonta del secondo parziale sembra averla rinvigorita, e infatti nel quinto game mette la freccia, l’unico momento di rottura del parziale: trova grandi accelerazioni da fondo con il dritto, che le permettono di attaccare ed essere ben propositiva, andando così a recuperare da 30-0 per il break di vantaggio. La spina sembra rimanere attaccata, dopo la paura scongiurata, e anche le occasioni che capitano a Kanepi crollano sotto la potenza della bielorussa. Chiude, dopo suspense, pathos, rimpianti e chi più ne ha più ne metta, un’incredibile partita e una sublime rimonta Aryna, con due match point sfumati e annullando due pericolose palle del contro-break, con il risultato in bilico fino alla fine. La n.6 del tabellone, che deve difendere la semifinale dello scorso anno, e che non può che trarre segnali positivi da questa prova di lucidità fornita oggi, troverà ora la vincente del match tra due ammazzagrandi come Burel, che ha eliminato Rybakina, campionessa di Wimbledon, e Van Uytvanck, trionfatrice su Venus Williams.

 

P. Martic b. [4] P. Badosa 6(5)-7 6-1 6-2

Se i grandi fanno rumore quando cadono, non ci sarà un po’ di pace per i timpani in quel di Flushing Meadows dopo soli quattro giorni di US Open, tra tabellone maschile e femminile. Sedici teste di serie cadute tra le ragazze, di cui tre delle prime cinque, e in ultima Paula Badosa, n.4 del seeding, e in disperata ricerca dei bei giorni del gran tennis e dei gran risultati, sempre più a singhiozzi nell’ultimo periodo (dell’estate sul cemento americano, anche per problemi fisici, da ricordare solo la semifinale nel 500 di San José). E, infatti, la spagnola è crollata sotto l’esuberanza di Petra Martic, capace di rimontare dopo un primo set di livello altissimo, perso al tie-break, che lasciava intravedere già i rischi per Badosa, e andare poi a vincere in scioltezza lasciando solo 3 game nei successivi due set alla n.4 del mondo. Una prestazione debordante della croata, che chiude con 35 vincenti, e un saldo di +16 rispetto ai non forzati, emblema perfetto della qualità, della precisione messe in campo, al cospetto delle quali anche una lottatrice e campionessa come la spagnola (che già aveva però sofferto all’esordio contro Tsurenko, vincendo in rimonta) non ha potuto nulla. Martic, al terzo turno, in cerca del secondo ottavo Slam di fila dopo Wimbledon, e del terzo in carriera allo US Open, dopo quelli del 2019 e del 2020, troverà un osso duro come Vika Azarenka.

[26] V. Azarenka b. M. Kostyuk 6-2 6-3

L’odore di Slam fa benissimo a Victoria Azarenka che batte Marta Kostyuk e si regala il terzo turno agli UsOpen con il punteggio di 6-2, 6-3. Vince due gare di fila sul cemento, rarità per gli ultimi cinque mesi vissuti sul cemento dalla bielorussa. In cinque tornei su sei aveva vinto una sola gara prima di essere eliminata. L’abitudine a vincere a certi livelli, la capacità di ritrovarsi campionessa nei momenti che contano fa sempre tutta la differenza del mondo. Per cui non inganni il punteggio, perché la gara è stata molto equilibrata, ma alla fine ha inciso la capacità di Vika di annullare ogni chance concessa all’ucraina.

Kostyuk a far la partita, a mettere alle corde con il suo diritto lungolinea l’avversaria, ma Azarenka ha saputo gradualmente alzare il livello del suo tennis e di prendere il largo appena ne ha avuto la possibilità. In un mare di incertezze, la solidità di Azerenka è sicuramente un segnale per il tabellone femminile. Anche le statistiche parlano chiaro: 7 palle break su 9 salvate da Vika, la metà da Kostyuk, 4 su 9. Si comincia ed è subito grande equilibrio con la bielorussa costretta ai vantaggi nel terzo gioco dell’incontro. Nel game successivo, black-out di Kostyuk e primo break dell’incontro a favore di Vika.Nel turno di servizio successivo, l’ucraina potrebbe subito rientrare ma  col servizio, Azerenka annulla tre palle break all’avversaria e sale 4-1. Più aumentano le asperità dell’incontro e più Vika sale di livello. Identica situazione nel settimo gioco: palla del 4-3 annullata con veemenza dalla bielorussa e Kostyuk che in un “amen” passa dal rientrare in partita a perdere il set nel turno di battuta successivo.

L’ucraina gira a vuoto in avvio di secondo set e si ritrova sotto 4-0, malgrado una palla break a suo favore come al solito non sfruttata. Kostyuk decide di rientrare in partita e ricuce lo strappo portandosi sul 5-3. Sembra la fotocopia di quanto visto nella sfida con Krueger nel turno precedente, ma stavolta Azarenka è attenta e trova due linee a fondo campo col dritto che la fanno salire 40-15 con due matchpoint a proprio favore. Kostyuk non si arrende e reagisce prontamente, ma col servizio Azarenka la mette in difficoltà al terzo matchpoint archivia i giochi. Azarenka al turno successivo, con il saluto tra le due a rete che riporta all’attenzione i risvolti di un conflitto geograficamente lontano, ma sembre molto attuale.

[1] I. Swiatek b. S. Stephens 6-3 6-2

Locomotiva Swiatek procede spedita la sua marcia senza aver perso mai un set. Pur col tifo contro per ovvi motivi, la n. 1 del ranking batte la Stephens con il punteggio di 6-3, 6-2. Gara a senso unico dominata dalla polacca che mostra la sua splendida condizione fisica e mentale.  Otterrà il 77% dei punti con la prima di servizio, per la Stephens, invece, solita partenza lenta ma stavolta non ha avuto amnesie dall’avversaria.

Solita partenza aggressiva di Swiatek che strappa il servizio all’americana, prima di farle un regalo nel turno successivo. Il terzo break di fila premia Iga che scappa via sul 4-1. Stephens soffre l’aggressività dell’avversaria che da fondo la costringe a scambi lunghi per poter portare a casa il punto. Alla prima palla set la n. 1 del tabellone femminile chiude il set 6-3. Di fatto la gara finisce qui: è straripante Swiatek che martella col servizio ed è micidiale col dritto. E’ subito 4-0 per lei e per Stephens è ora di cominciare a preparare il borsone e salutare Flushing Meadows.

Eloquente l’ultimo game del match: quattro prime di Iga, quattro risposte in rete di Sloane. Vince Swiatek che nel terzo turno affronterà Davis abile a battere Alexandrova in rimonta al tie break del terzo set (0-6, 6-4, 7-6(5)) . La russa domina il primo parziale con un rotondo 6-0, poi lentamente cede al rientro in partita dell’americana che vince il secondo set 6-4. Grande equilibrio nel terzo set con Alexandrova che non sfrutta quattro palle break nel quarto game. Si va al tie-break: parte forte Davis subito sul 4-0. Alexandrova rientra sul 4-3, ma è l’ultimo squillo di tromba, di un finale di partita incolore che premia la statunitense 10-5.

(ha collaborato Paolo Michele Pinto)

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Abu Dhabi: Trevisan sconfitta nettamente da Mertens in due set

La belga gioca una partita praticamente perfetta: perde solo 2 game e raggiunge il secondo turno ai danni di Martina Trevisan

Pubblicato

il

Martina Trevisan - United Cup 2023 Sydney (foto Tennis Australia/ James Gourley)

In uno stadio semi-vuoto e con un pubblico decisamente poco avvezzo al tennis (spesso costretto a intervenire il giudice di sedia per richiamare all’ordine) Martina Trevisan affronta al primo turno del WTA 500 di Abu Dhabi, un’avversaria ostica come Elise Mertens.

IL TABELLONE WTA 500 DI ABU DHABI

E. Mertens b. M. Trevisan 6-0 6-2

 

IL MATCH Giornata decisamente negativa per la nostra Martina; le condizioni sono favorevoli a Mertens che, a dire il vero, gioca bene ovunque ma si trova particolarmente bene quando può essere aggressiva e mettere pressione all’avversaria.

È un primo parziale a senso unico che dura appena 31 minuti e si conclude con un severo 6-0 in favore della numero 32 del mondo. La tennista di Lovanio non regala niente (saranno solo 5 gli errori non forzati alla fine del parziale) ed è molto efficace con la prima, in particolare con lo slice a uscire da destra. Martina fatica a entrare in partita: il servizio funziona a fasi alterne ma sono soprattutto gli errori col diritto a compromettere il match della tennista di Firenze (un totale di 15 errori non forzati nella prima mezz’ora di gioco). La belga gioca un tennis ordinato quando ha in mano lo scambio e attento quando è in difesa.

Il secondo set inizia come si è concluso il primo, con l’azzurra che perde il servizio e non riesce a sbloccarsi nel punteggio. Nel terzo game, la belga si trova sotto 15-40 ma è brava ad annullare le uniche due chance per Martina di rientrare in partita e con due ace si porta avanti 3-0. Finalmente, si sblocca la numero 25 del ranking che sistema i suoi colpi e tenta di restare agganciata all’avversaria ma è troppo tardi. Messo a segno un altro break, Mertens chiude la partita 6-2.

IL TABELLONE WTA 500 DI ABU DHABI

Continua a leggere

Flash

Sinner, novità nel team: Jannik si affida al fisioterapista Giacomo Naldi

Il 21enne di San Candido decide di terminare i rapporti con Jerome Bianchi ed intraprendere una nuova collaborazione con l’ex fisioterapista della Virtus Bologna, Giacomo Naldi

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Australian Open 2023 (foto Twitter @atptour)

Jannik Sinner cambia un elemento del suo team e decide di affidarsi ad un nuovo fisioterapista. La collaborazione con Jerome Bianchi giunge al termine dopo circa otto mesi, in cui il numero 17 del ranking ATP ha vissuto diversi problemi fisici che gli hanno impedito di scalare la classifica.

Jannik decide così di affidarsi a Giacomo Naldi, che lo aveva aiutato a recuperare nell’ottobre scorso dall’infortunio alla caviglia destra accusato nel corso della semifinale dell’ATP 250 di Sofia contro Holger Rune.

Nato a Casalecchio di Reno (BO) nel 1989, Naldi era il fisioterapista della Virtus Bologna ormai da sei anni. Il neo entrato nel team di Sinner ci ha tenuto a lasciare un pensiero per la società che lo ha fatto crescere: “Una sola parola per riassumere questi sei anni bianconeri di emozioni, persone e ricordi indelebili: Grazie”.

 

Lo attende ora una sfida importante e ardua, considerando il numero di infortuni che hanno tormentato la carriera giovane ma già esperta del numero uno d’Italia.

Dopo aver salutato la squadra, Naldi ha già raggiunto il tennista azzurro e sta lavorando con lui a Montpellier in vista dell’ATP 250 che si svolgerà dal 6 al 12 febbraio e che vedrà Jannik come uno dei favoriti alla vittoria finale.

Matteo Zamponi

Continua a leggere

Coppa Davis

Tutte le nazionali qualificate alle fasi finali della Davis Cup 2023

Tutti i risultati dei Qualifiers: appuntamento con la fase a gironi a settembre, ecco le squadre che saranno protagoniste

Pubblicato

il

Coppa Davis a Montreal (foto Ubitennis)

Dopo tre giorni intensi e pieni di incontri validi per le qualificazioni alla Davis Cup 2023, è tempo di riassumere i verdetti, non senza sorprese. La più grande della giornata di ieri viene dai campi di Seoul, dove la Corea del Sud rimonta dallo 0-2 e, grazie a tre vittorie, si qualifica alle fasi finali della Coppa Davis per il secondo anno consecutivo. Tutto facile per Olanda, Stati Uniti e Serbia, che schiantano per 4-0 rispettivamente Slovacchia, Uzbekistan e Norvegia. A Rijeka la Croazia batte 3-1 l’Austria, mentre per la prima volta nella storia, la Finlandia stacca il pass per le Finals con lo stesso punteggio ai danni dell’Argentina. Finiscono 3-1 anche le sfide tra Gran Bretagna e Colombia, Cile e Kazakhstan, Svezia e Bosnia e Repubblica Ceca e Portogallo. Vincono con il brivido infine Francia e Svizzera ai danni rispettivamente di Ungheria e Germania.

Le dodici squadre uscite vincitrici dalle qualificazioni si aggiungono a Canada, Australia, Italia e Spagna, per delineare il quadro completo delle sedici nazionali che prenderanno parte alle Davis Cup Finals del 2023. Si andranno infatti a formare quattro gironi da quattro squadre, che si disputeranno in quattro città diverse – per l’Italia Bologna – dal 12 al 17 settembre. Le prime due nazioni di ogni girone si sfideranno poi dai quarti fino alla finale, che si svolgeranno dal 21 al 26 novembre, in un’unica città.

DAVIS CUP 2023: Le 16 squadre qualificate alle Finals
Australia, Canada, Cile, Corea del Sud, Croazia, Francia, Finlandia, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Repubblica Ceca, Serbia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera.

 

DAVIS CUP 2023: I RISULTATI DEL 3-4-5 FEBBRAIO 2023

USA b. Uzbekistan 4-0

McDonald M.(USA) b. Fomin S.(UZB) 6-4 6-1; Paul T.(USA) b. Sultanov K.(UZB) 6-1 7-6(6);

Krajicek A./Ram R.(USA) b. Fayziev S./Fomin S.(UZB) 6-2 6-4; Kudla D.(USA) b. Milushev A.(UZB) 7-6(3) 6-4.

Francia b. Ungheria 3-2

Piros Z.(HUN) b. Bonzi B.(FRA) 7-6(4) 6-3; Humbert U.(FRA) b. Fucsovics M.(HUN) 6-3 6-2;

Marozsan F./Valkusz M.(HUN) b. Mahut N./Rinderknech A.(FRA) 6-2 7-6(4);

Mannarino A.(FRA) b. Fucsovics M.(HUN) 7-6(6) 6-2; Humbert U.(FRA) b. Marozsan F.(HUN) 6-3 6-3.

Svezia b. Bosnia-Herzegovina 3-1

Ymer M.(SWE) b. Basic M.(BIH) 6-4 7-5; Ymer E.(SWE) b. Dzumhur D.(BIH) 6-1 6-4;

Basic M./Brkic T.(BIH) b. Goransson A./Ymer E.(SWE) 6-4 6-2; Ymer M.(SWE) b. Dzumhur D.(BIH) 6-1 1-6 6-3.

Svizzera b. Germania 3-2

Huesler M.(SUI) b. Otte O.(GER) 2-6 6-2 6-4; Zverev A.(GER) b. Wawrinka S.(SUI) 6-4 6-1;

Mies A./Puetz T.(GER) b. Stricker D./Wawrinka S.(SUI) 6-7(3) 6-3 6-4;

Huesler M.(SUI) b. Zverev A.(GER) 6-2 7-6(4); Wawrinka S.(SUI) b. Altmaier D.(GER) 6-3 5-7 6-4.

Serbia b. Norvegia 4-0

Kecmanovic M.(SRB) b. Petrovic A.(NOR) 6-1 6-3; Djere L.(SRB) b. Durasovic V.(NOR) 6-3 4-6 7-6(8);

Cacic N./Krajinovic F.(SRB) b. Durasovic V./Hoeyeraal H.(NOR) 6-4 3-6 6-3;

Medjedovic H.(SRB) b. Durasovic V.(NOR) 6-4 6-7(4) 10-4.

Gran Bretagna b. Colombia 3-1

Mejia N.(COL) b. Evans D.(GBR) 6-2 2-6 6-4; Norrie C.(GBR) b. Barrientos N.(COL) 6-2 7-5;

Evans D./Skupski N.(GBR) b Cabal J.S./Farah R.(COL) 6-4 6-4; Norrie C.(GBR) b. Mejia N.(COL) 6-4 6-4.

Corea del Sud b. Belgio 3-2

Bergs Z.(BEL) b. Kwon S.(KOR) 1-6 6-4 7-6(6); Goffin D.(BEL) b. Hong S.C.(KOR) 6-4 6-2;

Nam J.S./Song M.(KOR) b. Gille S./Vliegen J.(BEL) 7-6(3) 7-6(5); Kwon S.(KOR) b. Goffin D.(BEL) 3-6 6-1 6-3;

Hong S.C.(KOR) b. Bergs Z.(BEL) 6-3 7-6(4).

Olanda b. Slovacchia 4-0

Griekspoor T.(NED) b. Klein L.(SVK) 7-6(6) 2-6 6-4; van Rijthoven T.(NED) b. Molcan A.(SVK) 7-6(6) 5-7 6-3;

Koolhof W./Middelkoop M.(NED) b. Klein L./Molcan A.(SVK) 6-3 6-3;

Middelkoop M.(NED) b. Kovalik J.(SVK) 6-4 6-4.

Croazia b. Austria 3-1

Coric B.(CRO) b. Novak D.(AUT) 6-3 7-5; Gojo B.(CRO) b. Thiem D.(AUT) 6-3 7-6(2);

Erler A./Miedler L.(AUT) b. Dodig I./Mektic N.(CRO) 6-3 7-6(11); Coric B.(CRO) b. Thiem D.(AUT) 7-6(3) 6-2.

Finlandia b. Argentina 3-1

Ruusuvuori E.(FIN) b. Cachin P.(ARG) 7-5 6-3; Cerundolo F.(ARG) b. Virtanen O.(FIN) 6-3 3-6 7-6(3);

Heliovaara H./Ruusuvuori E.(FIN) b. Gonzalez M./Molteni A.(ARG) 7-6(5) 4-6 6-4;

Ruusuvuori E.(FIN) b. Bagnis F.(ARG) 7-5 6-1.

Repubblica Ceca b. Portogallo 3-1

Lehecka J.(CZE) b. Borges N.(POR) 6-4 6-4; Machac T.(CZE) b. Sousa J.(POR) 7-6(6) 3-6 6-2;

Borges N./Cabral F.(POR) b. Machac T./Pavlasek A.(CZE) 7-5 7-6(4); Lehecka J.(CZE) b. Sousa J.(POR) 6-4 6-1.

Cile b. Kazakhstan 3-1

Skatov T.(KAZ) b. Garin C.(CHI) 6-1 6-3; Jarry N.(CHI) b. Bublik A.(KAZ) 6-2 6-2;

Tabilo A./Barrios Vera T.(CHI) b. Golubev A./Nedovyesov A.(KAZ) 6-4 7-5;

Garin C.(CHI) b. Bublik A.(KAZ) 6-4 3-6 6-3.

Matteo Zamponi

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement