Coppa Davis: l’Italia prima di quattro team a Bologna, ma potrebbe essere prima fra le otto di Malaga?

Coppa Davis

Coppa Davis: l’Italia prima di quattro team a Bologna, ma potrebbe essere prima fra le otto di Malaga?

Perché no? Berrettini è supersolido. Strappargli il serviziò è un’impresa. Ma per un’Italia campione a Malaga Sinner deve crescere e non subire 7 break come a Bologna e New York. Due mesi sono pochi. Questa squadra è fortissima per anni

Pubblicato

il

Foto @RDO
 

Bravi, bravi azzurri. Missione compiuta. Non era scontata una settimana fa. Lo era diventato nel weekend.

Questa domenica francamente non ci poteva essere suspence, anche se c’erano i soliti banalissimi commenti del tipo “La palla è rotonda, non si sa mai, gli svedesi hanno battuto l’Argentina”.

Matteo Berrettini non poteva avere problemi con il meno forte dei fratelli Ymer, Elias, e infatti nei suoi dieci game di servizio ha perso solo sei punti. Due quando ha messo la prima (38 volte) e 4 quando ha fatto ricorso alla seconda (11 volte). Prestazione impressionante, sebbene in fase di risposta può sempre progredire, come ha osservato nel video con me Vincenzo Santopadre. Ma come poteva perdere? Gli sono bastati un break per set per vincere 6-4, 6-4, break nel nono  game del primo set e nel quinto del secondo per sbrigare comodamente la pratica. Senza ovviamente correre il minimo pericolo di un controbreak. Elias non è Mikael. Ci corre come il giorno e la notte, come ha potuto verificare più tardi – a sue spese – Jannik Sinner che contro il ventiquattrenne Mikael ha perso dopo sei successi in Davis la propria imbattibilità in singolare: 6-4,3-6,6-3. In doppio Jannik aveva perso già 3 volte su tre. Ma che Jannik non fosse il miglior Jannik lo si era già visto con Cerundolo, quando  pur vittorioso, 6-3,2-6,6-3, non aveva affatto convinto.

 

Fortunatamente quella vittoria di Berrettini e il conseguente 1-0 sulla Svezia ci bastava per sconfiggere l’ipotesi che la Svezia riuscisse nella mission impossible di batterci 3-0: cioè il risultato che le avrebbe consentito di chiudere il girone “bolognese” al primo posto, relegando noi al secondo ed eliminando la Croazia.

In un’ora e un quarto esatta Matteo ha sbrigato la pratica. L’Italia è prima, la Croazia è seconda. Le due squadre saranno a Malaga dove la fase finale comincia il 22 novembre, anche se l’Italia non gioca contro gli Stati Uniti fino a giovedì 24, giorno di festa per gli americani: è il Thanksgiving. Un primo ostacolo certamente duro. Forse più duro dell’eventuale secondo in semifinale.

La Croazia, vittoriosa 2-1 sull’Italia a Torino grazie alla vittoria di Gojo su Sonego e poi al doppio Pavic e Mektic, nonchè finalista un anno fa a Madrid (quando a vincere fu lo squadrone russo di Medvedev e Rublev, quest’anno banditi per via dell’aggressione russa all’Ucraina), sarà squadra temibilissima se rispolvererà Cilic al fianco di Coric e del solito duo Pavic-Mektic. Ma non l’affrontiamo di certo né nei quarti né nell’ipotetica semifinale.

Nei quarti contro gli azzurri gli USA potrebbero schierare Tiafoe al fianco di Fritz e hanno un doppio molto temibile in Sock e Ram. Chissà a fine novembre, dopo le finali ATP di Torino, se il n.1 azzurro sarà ancora Sinner oppure invece Berrettini?

C’è ancora un paio di migliaio di punti che potrebbe sovvertire ogni ordine, degli azzurri fra loro, degli azzurri con gli altri rivali che ancora aspirano a giocare a Torino e che da qui al 14 novembre si batteranno per conquistare quei tre posti che non sono ancora assegnati perché 5 sono già prenotati da Alcaraz, Ruud, Nadal, Tsitsipas e Djokovic.

E se battessimo gli Stati Uniti? Ci toccherebbe o il Canada, che schiera Auger Aliassime ma fin qui mai Shapovalov, oppure la Germania che ha battuto l’Australia. Questa sarebbe una sfida che potrebbe essere influenzata anche dallo stato di forma di Sascha Zverev: sul veloce indoor non ce ne sono tanti che giocano meglio di lui. Ha ancora due mesi per recuperare la condizione. Ma Struff n.2 non vale il nostro n.2, chiunque esso sia. E neppure il n.2 canadese Pospisil lo vale. Per questo dico che è più difficile battere gli USA che Canada o Germania. E anche con gli USA saremmo comunque favoriti, se si giocasse oggi. Ma mancano due mesi e la situazione può cambiare

Confesso che sono rimasto un po’ disorientato per la sconfitta patita da Sinner con Mikael Ymer. E’ chiaro che Jannik non aveva recuperato appieno dal trauma della partita persa con il matchpoint con Alcaraz. Io avevo scritto, dando sfogo alla mia immaginazione, tanti possibili pensieri che potevano aver affollato la mente di un ragazzo di 21 anni che aveva sognato di vincere il suo primo Slam, che aveva raggiunto il matchpoint contro chi non sarebbe diventato n.1 del mondo se avesse perso da lui.

Un fiorentino over 70 e un altoatesino di 21 anni appartengono a mondi troppo diversi perché i pensieri che affollano la mente dell’uno e dell’altro abbiano qualcosa in comune. Vi riscrivo qua i miei attribuiti surrettiziamente a lui (senza il suo benestare ovviamente e se lui ci dirà quelli suoi veramente provati ve li riferirò.

Ci sta di perdere una partita anche con il n.98 del mondo, nel giorno in cui non si gioca bene. E Jannik ha ammesso per primo che non ha certamente giocato bene. Senza invocare alibi che pure forse ci sono.

Ormai il tennis è così livellato che il n.98 può benissimo battere il n.11 senza che nessuno gridi allo scandalo o possa sbeffeggiare lo sconfitto come magari sarebbe successo una volta.

Io mi ricordo bene le imprecazioni che da direttore del torneo di Firenze –i cui incassi erano strettamente legati alla presenza di Panatta nelle fasi finali –mi trovai a lanciare quando in quattro edizioni del “mio” torneo Panatta perse da Dibley, Benavides, Fagel e Winitsky, giocatori (salvo forse il primo, l’australiano che aveva un gran servizio per l’epoca, 177 km l’ora! Le racchette erano di legno…), ma allora davvero il gap fra quelli che erano forti e gli altri era ampio, amplissimo. Quindi le sconfitte di un Panatta fuori condizione perché poco allenato, meritavano qualche nota di biasimo in più. E io ero inferocito. Molto più di lui.

Oggi invece per perdere con un giocatore molto peggio classificato basta in realtà pochissimo. I confini sono quasi impercettibili. La profondita del tennis maschile soprattutto è notevolissima. Una volta il numero 100 era quasi più un dilettante che un professionista.

Tutto ciò premesso però…c’è un però. Jannik ha vinto il secondo set, nell’entusiasmo generale, con il pubblico che invocava il suo nome, ma ciononostante ha perso subito il servizio nel primo game del set decisivo.

Recupera il break, ma ne subisce un altro nel quarto game. Recupera anche quello…ma riperde, per la terza volta nel terzo set e per la settima nel match di nuovo il servizio.

Insomma, nel giorno in cui Berrettini perde in un match che conta per il passaggio da prima della casse 6 punti in tutto, servendo il 75% di prime palle, vale a dire 3 ogni 4, Sinner perde sette volte il proprio game di battuta (non sette punti, sette game) servendo il 53% di prime, vale  a dire una ogni due.

Se i punti fatti con il servizio dipendono anche dalla qualità degli avversari – e come detto Mikael è di altra pasta rispetto a Eliah – le percentuali di prime dipendono sono da chi batte.

Matteo che rischia moltissimo la prima di servizio, battendo costantemente sopra i 200 km l’ora, ha servito anche il 78% di prime nella sua vita – quella con Elias è stata la quarta prestazione di sempre in termini di percentuale – e c’è chi lo definisce un robot per questa sua capacità che assomma tecnica e concentrazione.

Jannik è ancora molto lontano da quelle percentuali. Sta lavorando su tante cose, che abbia anche un po’ di confusione in testa ci sta.

Jannik ha spiegato – guardate il video della sua intervista -che effettivamente quando si gioca un match meno importante manca un po’ di adrenalina, di carica nervosa. “Non voglio togliere nulla a lui, è un amico e ha giocato molto bene” ha detto con apprezzabile fairplay. Ma è certo che ha giocato male anche perché dentro di sé non sentiva una super-motivazione. Anche se a dire il vero, ciò sarebbe stato più comprensibile se avesse giocato sul campo 17 di un qualche torneo davanti una cinquantina di spettatori. Giocando invece in casa davanti a un pubblico entusiasta come quello bolognese, è strano che non ne abbia avvertito la carica. Forse, come ha anche accennato, è stato lo stress della trasferta americana, l’amara conclusione…anche se all’inizio dell’US Open avrebbe probabilmente firmato per raggiungere il traguardo dei quarti.

Anche nelle cinque pallebreak per raggiungere il 4 pari nel terzo non è davvero stato il miglior Sinner. Ecco, secondo me Jannik – dei cui margini di progresso tanto spesso capita di parlare – deve migliorare soprattutto nella gestione dei punti importanti. Primi game di servizio di un set, quando si serve per il set o per il match, nelle palle break proprie e degli altri. Lì, in quelle occasioni, anche se ci si è trovati da cronisti tante volte anche ad acclamare il suo coraggio, è ancora un tantino troppo fragile, troppo discontinuo. Ma è giovane, 21 anni sono pochi per raggiungere i massimi livelli. Non tutti sono Nadal. Anche Roger Federer, classe 1981, ebbe un 2002 così così, nell’anno dei suoi 21 anni, sebbene avesse già lasciato intravedere nel 2001 battendo Sampras il suo grande talento.

Diamo tempo al tempo, in conclusione. Se gli bastassero i prossimi due mesi a fare un grande salto di qualità, per presentarsi solidissimo e fortissimo a Malaga, meglio, molto meglio per lui e per tutti. Per sognare la conquista di una seconda Coppa Davis, a 46 dalla prima di Santiago, non c’è comunque soltanto il 2022. Con questa squadra, in cui non solo Sinner deve migliorare, e certamente migliorerà, i sogni non sono miraggi.

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis: Hewitt, Haggerty, Bertolucci, Barazzutti e Rojas. Opinioni contrastanti su un format che fa discutere

Il 2023 non vedrà nessun cambiamento nella formula della Coppa Davis, anche se non sono in pochi ad augurarsi un ritorno al passato

Pubblicato

il

La Coppa Davis (foto Roberto dell'Olivo)
La Coppa Davis (foto Roberto dell'Olivo)

Per la prima volta nella sua storia, il Canada di Denis Shapovalov e Félix Auger-Aliassime ha vinto la Coppa Davis, battendo in finale l’Australia di Lleyton Hewitt. Proprio il capitano aussie tuttavia, insieme ad altre voci importanti del tennis italiano, non sembra troppo convinto dell’attuale format della Davis Cup, in vigore dal 2019. Le discriminanti principali sono due: in primis, spesso il doppio – punto di forza di tante nazionali – neanche si gioca, come accaduto proprio nella finale di quest’anno. L’altra critica mossa verso questa formula è che possono bastare quattro set per sollevare l’insalatiera, mentre fino al 2018 questi potevano non essere sufficienti neanche per vincere una singola partita.

Lo stesso Hewitt, nella conferenza al termine della finale, aveva rimarcato la sua posizione:

Il formato così com’è adesso non mi piace; non è un mistero, ma la mia voce non viene ascoltata. Come si fa a dire a dei doppisti che si preparano tutto l’anno e che arrivano qua per giocare in una delle più grandi competizioni che non avranno la possibilità di esprimersi? Penso ad esempio al team olandese che abbiamo battuto. O addirittura penso al leggendario doppio Woodforde-Woodbridge, che oggi non avrebbero messo piede in campo”.

 

Anche l’ex capitano dell’Italia Corrado Barazzutti, in un’intervista concessa al Corriere dello Sport, non ha usato mezzi termini per esprimere la sua posizione: È come se prendessimo uno Slam e lo modificassimo in un torneo da dieci giorni: non mi piace. Una volta la Coppa Davis era considerata il quinto Major, mentre adesso l’hanno ridimensionata. Si gioca al meglio dei tre set, gli incontri sono diventati tre, il doppio ha un’incidenza ben diversa e il fattore campo non esiste quasi più. Quando la vincemmo noi nel 1976 contro il Cile fu un’impresa gigantesca in un contesto difficile“.

Sulla stessa lunghezza d’onda troviamo anche Paolo Bertolucci, che era presente insieme a Barazzutti nello storico successo di Santiago del Cile. Questo un suo breve pensiero tratto da un’intervista a Il Messaggero: La Coppa non va più chiamata ‘Davis’, quella era un’altra cosa. Questa invece si vive in un giorno solo, tutta d’un fiato, è totalmente diversa rispetto a quando c’erano cinque partite al meglio di cinque set“.

Le critiche non sono ovviamente condivise da chi organizza e gestisce la competizione, ossia il presidente dell’ITF David Haggerty e il CEO di Kosmos Tennis Enric Rojas, secondo i quali le migliorie apportate alla Davis Cup stanno riscontrando un effetto molto positivo sulla competizione. “Siamo molto contenti del format e dei cambiamenti che abbiamo apportato – commenta Haggerty – ai giocatori piace, ce l’hanno confermato. Apprezzano i due singolari e il doppio decisivo, è un metodo che funziona bene considerando anche la parte di stagione in cui si gioca”.

L’interesse di Kosmos, proprietaria della Coppa Davis, e dell’ITF è quello di ricreare un ambiente simile ad un Mondiale di calcio, dove fan di tutto il mondo possano riunirsi in un’unica città ospitante. In realtà, tuttavia, dal 2019 soltanto il 21% dei biglietti sono stati comprati da appassionati provenienti da paesi diversi dalla Spagna, paese che da tre stagioni ospita la fase finale.

“Guardando il dato del 21% di fan stranieri, penso che questo sia il punto con i maggiori margini di miglioramento. Se riuscissimo ad ottenere, ad esempio, un’affluenza del 50/50, come accade già in molti altri sport, sarebbe fantastico” – ha dichiarato Rojas – In ogni caso, il numero di tifosi è stato decisamente alto. Dobbiamo migliorare la percezione negli appassionati che questo sia il Mondiale del tennis. Vogliamo essere un evento quanto più internazionale possibile, raccogliendo sempre più tifosi da tutto il mondo”.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, ranking per nazioni: Croazia in vetta, balzo Canada e Australia. L’Italia si conferma in top10

La Croazia si conferma al primo posto del ranking delle Nazionali, seguita da Spagna e Francia. Quarto posto per il Canada, settimo per l’Italia

Pubblicato

il

Canada - Davis Cup 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Canada - Davis Cup 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

La Coppa Davis 2022 continua a regalare record per il Canada. Dopo aver vinto la prima insalatiera della sua storia, grazie anche alla sua generazione tennistica più forte di sempre, i ragazzi con la foglia d’acero sul petto scalano anche la classifica delle Nazionali, pubblicata due volte all’anno (al termine delle fasi di qualificazioni e dopo le fasi finali).

In vetta al ranking si conferma la Croazia con 968,38 punti, anche grazie alla semifinale raggiunta quest’anno e persa contro l’Australia. Non solo però, perché sul primato dei croati – così come sulla posizione di ogni Federazione – pesano anche i risultati delle scorse stagioni. La classifica, infatti, tiene conto dei risultati degli ultimi quattro anni in modo via via decrescente. Per i risultati dell’ultimo anno, infatti, valgono il 100% dei punti; dei risultati del penultimo vengono considerati solamente il 75% dei punti, del terzultimo il 50% e del quartultimo il 25%. Bisogna tener conto anche dell’impatto del Covid-19 sulle stagioni 2020 e 2021, che vengono “unite” ai fini del calcolo del ranking (quindi, eccezionalmente, in questo periodo si tiene conto delle ultime cinque stagioni).

Per capire meglio, ad esempio, i punti totali di una squadra nel 2022 corrisponderanno la seguente somma:

 
  • 100% dei punti ottenuti nel 2022 + 75% dei punti ottenuti nel 2021 e 2020 + 50% dei punti ottenuti nel 2019 + 25% dei punti ottenuti nel 2018

Nel 2025 di tornerà a calcolare la classifica in maniera tradizionale, considerando dunque le ultime quattro stagioni. Il totale dei punti di una qualunque squadra, a fine 2025, corrisponderà dunque alla seguente somma:

  • 100% dei punti ottenuti nel 2025 + 75% dei punti ottenuti nel 2024 + 50% di punti ottenuti nel 2023 + 25% dei punti ottenuti nel 2022

I punti guadagnati sono ovviamente diversi in base alla fase della competizione raggiunta. In caso di vittoria ci si aggiudica 500 punti, mentre sono 300 quelli incassati per la finale, 200 per la semifinale, 150 per i quarti di finale e 100 se ci si ferma nel round robin.

A questi si aggiungono alcuni punti bonus, che possono variare da quattro a dieci in base al ranking dell’avversario: sono 10 se un tennista sconfigge un rivale che occupa il primo o il secondo posto nel ranking ATP, 9 se si batte il n°3 o il n°4, 8 se si prevale su un giocatore compreso tra il quinto e l’ottavo posto. Si guadagneranno poi 7 punti vincendo contro chi è compreso tra il 9° e il 16° posto, 6 punti contro uno tra il 17° e il 32°, 5 punti contro uno tra il 33° e il 64° e 4 punti contro uno dal 65° posto in giù.

Chiusa la parentesi sul calcolo del ranking, vediamo nel dettaglio la classifica. Dietro la Croazia, al secondo posto si trova la Spagna, orfana di Alcaraz e Nadal quest’anno, con 693,25 punti. Completa il podio la Francia con 628,00 punti.

Alle spalle dei transalpini si trova la prima variazione di posizione, visto che i primi tre posti sono rimasti invariati rispetto all’ultimo aggiornamento. Ai piedi del podio si trova il Canada con 565,75 punti, che grazie al successo di domenica scorsa ha guadagnato tre posizioni e, da quando il ranking per nazioni esiste (2001), si trova nel suo punto più alto di sempre.

Seguono Stati Uniti (490,34 punti), Germania (485,09) e Italia (473,00), che rimane stabile al settimo posto e chiude il 2022 tre posizioni più avanti rispetto al 2021. Completano la top10 l’Australia, finalista di questa edizione (430,25), la Gran Bretagna (398,00) e la Serbia (388,25). La Russia, vincitrice nel 2021 e bannata per le edizioni 2022 e 2023, è ferma al 16° posto. Questa dunque la top10 aggiornata a fine 2022:

  1. Croazia
  2. Spagna
  3. Francia
  4. Canada
  5. USA
  6. Germania
  7. Italia
  8. Australia
  9. Gran Bretagna
  10. Serbia

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis: è stata un’occasione buttata? Probabilmente sì. Si ripresenterà? Penso di sì

La scelta di Filippo Volandri che ha schierato Matteo Berrettini in doppio, sebbene a digiuno di tennis da 40 giorni, viene ancora oggi molto discussa. Nei circoli di tennis e sui social. Il post di papà Fognini, il commento di papà Bolelli, il pensiero del direttore…anche su questa Davis che non gli piace

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Fabio Fognini giocano il doppio decisivo contro il Canada - Malaga 2022, Coppa Davis (foto Roberto dell'Olivo)

Che peccato non aver vinto questa Coppa Davis. Era davvero alla nostra portata. Avessimo battuto il Canada non avremmo mai perso con l’Australia.

Più ci penso e più me ne faccio un cruccio. E mi chiedo se davvero non si sia un po’ buttata una grande occasione. Tutte le persone che mi è capitato di incontrare, a Malaga come al ritorno in Italia, sull’aereo, al circolo, con gli amici, sui social, condividevano l’identica sensazione.

Ha fatto, fa e farà discutere la scelta di Filippo Volandri che ha schierato in doppio Matteo Berrettini che non si era mai allenato con la squadra, che aveva provato a giocare solo un paio di giorni dacchè aveva perso a Napoli (con un piede gonfio come un melone…) la finale con Musetti.

 

Non frequento abitualmente Facebook ma mi è stato inoltrato un commento di papà Fognini, Fulvio, alias Fufo56  che qui riporto fedelmente con maiuscole e minuscole e mi ha fatto riflettere (al di là della discutibile… eleganza, ma pare che nei social network ci si esprima spesso così!): “LI SENTI PARLARE E SONO TUTTI CONTENTI PER ESSERE ARRIVATI IN SEMI…ma andate a fare in culo, questa era una DAVIS DA VINCERE!”. Sic dixit Fufo 56.

Dopodiché, e anche questo mi viene segnalato da un fedele addetto ai Facebook-posts, è arrivato a commento di ciò un “like” – che potrebbe apparire piuttosto significativo – di Simone Bolelli.

In aereo da Malaga a Bologna ho incontrato papà Bolelli, Daniele, e lui mi ha confermato – semmai ce ne fosse bisogno – che Simone aveva uno stiramento di 6 millimetri certificato da ecografia, motivo per cui non sarebbe stato certamente consigliabile farlo scendere in campo.

Era un problema peggiorato con la partita contro gli USA (vinta su Sock e su Paul…grazie capitan Fish, che hai preferito puntare sul n.103 del doppio invece che sul n.3 Ram! n.d.Ubs)- mi ha detto papà Bolelli – peraltro aveva questo problema già all’arrivo a Malaga…Peccato perché se avesse potuto giocare sono convinto che i nostri avrebbero vinto”.

Una sensazione condivisa anche da chi di Simone… non è il papà.

Però anche papà Bolelli non riusciva a spiegarsi – e presumo che ne avesse parlato anche con suo figlio – perché al fianco di Fognini fosse sceso in campo Berrettini e non Musetti. “Non mi risulta che sia stato Fabio (Fognini) a scegliersi il compagno”.

Non restava che chiederlo a Fognini e magari a Musetti, non senza aver appurato che Sonego aveva preso i sali e accusato i crampi  durante il suo vittorioso (e splendido) match di 3h e 15 m con Shapovalov.  Il bis di quello vinto con Tiafoe. Non era quindi, purtroppo, in grado di giocare.

Nel mio audio commento di sabato sera, subito dopo il doppio perso con il Canada, avevo detto: “Se Sonego avesse vinto in due set e in due ore, come poteva benissimo dopo essere stato a 2 punti dal match sul 5-2 del tiebreak del secondo set, il doppio lo avrebbe giocato quasi certamente lui accanto a Fognini”.

Ciò anche se, a differenza di Berrettini (che accanto a Fognini aveva collezionato 6 vittorie e 3 sconfitte, sia pure in tempi non recenti), Sonego con Fognini non avesse mai giocato.

Con un tiro incrociato di mini-indagini senza pretese sono riuscito a sapere che Fognini effettivamente non è stato interpellato riguardo a chi avrebbe dovuto giocare al suo fianco.

E questo in verità mi è parso piuttosto sorprendente. Avrei in origine scommesso il contrario. Ho saputo che Musetti (non appena raggiunti gli spogliatoi pochi minuti dopo la sconfitta patita con Aliassime) e tutti quanti gli altri componenti della squadra hanno appreso all’unisono dalle labbra di Filippo Volandri che il doppio lo avrebbero giocato Fognini e Berrettini.

Qualcuno, mi è stato detto, si è anche un po’ sorpreso, perché Matteo non si era praticamente mai allenato con il resto della squadra.

Quando a fine doppio perduto si sono presentati in conferenza stampa Volandri, Berrettini e Fognini, uno più abbacchiato dell’altro, non era certo il caso di infierire.

Nessuno infatti si è sentito di farlo. Anche perché sarebbe stato troppo facile dare la sensazione di esprimere un parere dettato dal senno di poi.

Io stesso, in quei momenti di chiara tristezza, mi sono sentito in dovere di ringraziare comunque un team che, a livello individuale come di squadra, negli ultimi due/tre anni ci ha dato soddisfazioni che non provavamo da più di 40 anni.

 E non l’ho fatto per buonismo, ma perché è vero che nell’ultimo triennio le cose sono andate ben diversamente rispetto al più recente (e meno recente) passato.

Dopodiché, fra amici e colleghi, ci siamo però anche detti: “Ragazzi, ma come è cambiato il nostro giornalismo! Ora siamo tutti buonisti, tutti ci preoccupiamo più di non turbare i nostri futuri rapporti con i tennisti, con il capitano, che non di scrivere quel che molti pensano e che anni fa sarebbe stato scritto su qualunque giornale”.

E cioè che – ripensandoci a mente fredda e senza voler assolutamente maramaldeggiare affidandosi al senno del poi – non è davvero troppo comprensibile la scelta di Volandri. Cioè l’aver scelto di schierare in doppio un Matteo senza alcun tennis alle spalle per 40 giorni anziché un Musetti che di tennis ne ha giocato parecchio e anche piuttosto bene, tanto da essersi costruito nel finale di stagione una classifica, n.23, di tutto rispetto, recuperando in buona parte il gap con Sinner e Berrettini che ormai lo sopravvanzano di soli 8 e 7 posti.

Un Matteo fermo da 40 giorni e che in 4 mesi da Gstaad in poi aveva giocato soltanto 15 singolari (meno di 4 al mesebattendo solo 3 top 50 di medio-bassa caratura (Coric 26, Baez 37 e Davidovich 39) e per il resto soltanto tennisti dal 70mo posto in giù.

Mentre Musetti negli ultimi 4 mesi aveva giocato più del doppio delle partite di Matteo – 31 match dal vittorioso Amburgo, registrando successi di un certo peso nei confronti di tennisti (Amburgo compreso) quali Alcaraz (6 all’epoca e poco dopo n.1), Ruud (4 una settimana prima di diventare n.3), Cilic (17), Kecmanovic (30), Cerundolo (30), Davidovich (35), Ruusuvuori (42) e altri giocatori d’esperienza come Goffin e  Lajovic, prima di battere lo stesso Berrettini (n.15) in quel di Napoli.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Che Matteo, fermo sulle gambe (sui piedi?), in clamorosa difficoltà nel rispondere di rovescio da sinistra, si sia rivelato spento di riflessi a rete, poco centrato perfino nel servizio oltre che nel dritto, non avrebbe dovuto essere una gran sorpresa per chiunque. O è solo senno di poi?

Nel tennis non ci si improvvisa. Tutti lo sanno. E qualcuno avrebbe dovuto pur accorgersene nei rarissimi allenamenti da mercoledì in poi. Un giorno? Due? Tre?

Qualcuno ha sottolineato che l’unica alternativa possibile a Berrettini, Lorenzo Musetti, era piuttosto abbacchiato per aver appena perso da Aliassime.

Ma, ragazzi, si sta parlando di una sconfitta patita con il n.6 del mondo! Uno dei tennisti più hot del tennis di questo autunno. E nel caso di Fritz, del n.9 del mondo, di un tennista che aveva appena raggiunto le semifinali al Masters ATP di Torino giocando alla pari con tutti i più forti. Dal quale, oltretutto, Musetti ha perso un primo set di un soffio, 10-8 al tiebreak, dopo averlo condotto per 5 punti a 3 ed essersi conquistato anche un paio di setpoint (annullati da servizi vincenti di Fritz su una superficie assai veloce).

LEGGI ANCHE Coppa Davis, Scanagatta: “Ancora una volta il Canada ci rispedisce a casa. È la terza volta” [VIDEO]

Insomma, ci sta che un ragazzo di 20 anni si possa sentire un po’ abbacchiato per non essere stato in grado di portare il punto da n.1 azzurro contro Fritz e Aliassime, ma Musetti non aveva mica giocato contro…pizza e fichi! Bastava farglielo capire.

Lì deve essere il capitano a tirarlo su, a dirgli, “dai Lorenzo sei stato bravo, hai perso contro due campioni, adesso ti butto dentro nel doppio e vedrai che giocherai benissimo”. Musetti è giovane, ma non è un under 10 che sarebbe stato incapace di reagire.

Ovvio che manca la controprova, a questo punto. Avrebbe giocato bene o male Lorenzo? Chi può saperlo con certezza? Nessuno. Ma avrebbe potuto giocare peggio di Matteo? Non lo credo possibile. Senno di poi? Solo fino a un certo punto.

Ho sempre stimato Matteoho creduto nelle sue possibilità e in quelle del suo ottimo team, dall’ottimo Santopadre in giù – ecco qui un link su quanto scritto anni fa, quando venni quasi ingiuriato da alcuni lettori quando dissi che aveva dimostrato di avere le potenzialità di un Thiem per averlo battuto una volta e perso di misura un’altra (poi lo avrebbe anche ribattuto al Masters di Londra)– quando ben pochi sembravano aver fiducia in lui.

Quindi non saltino fuori adesso coloro che mi accusino di avercela con lui o di essere negativo e ipercritico nei suoi confronti. Né di esserlo nei confronti di Volandri. Chi sceglie può sbagliare. Hanno sbagliato in passato tutti i capitani del mondo, all’estero (Fish l’ultimo caso!) e in Italia:  Pietrangeli, Panatta che pure è stato un ottimo capitano ma…ricordate quando schierò Narducci in Svezia “per dare una lezione a Canè”? E Nargiso a Vienna contro l’Austria? Ma anche Bertolucci e Barazzutti non sono sempre stati esenti da scelte contestate da critici e opinione pubblica. Può sbagliare, certo in buona fede, anche Fiippo Volandri. Mica l’ha fatto apposta!

Lui da una parte, Matteo Berrettini dall’altra, in buona fede hanno ritenuto di aver fatto la scelta migliore e di poter dare un contributo migliore. Nonostante una partita a dir poco imbarazzante di Matteo (che ha dato perfino per fuori palle finite abbondantemente dentro) grazie a un Fognini super per un set e mezzo – prima di venir travolto anche lui dalla mission impossible – il duo azzurro è stato avanti di un break sia nel primo sia nel secondo set. Il che non può non accrescere, però, i nostri rimpianti.

Che si sia sprecata una grande opportunità è purtroppo vero. In quel senso papà Fognini, papà Bolelli, Simone, hanno ragione. Non c’era la Russia (che non ci sarà neppure nel 2023) ed eravamo riusciti a battere gli Stati Uniti grazie ad un prodigioso Sonego – ben tornato Lorenzo! – e al doppio titolare Fognini-Bolelli.

Forse l’occasione si ripresenterà. Magari già tra un anno. Intanto perché abbiamo ottenuto una wildcard e perché rigiocheremo a Bologna nel girone che speriamo ci riporti a Malaga fra le 8 finaliste. E, come appena detto, la Russia di Medvedev e Rublev sarà nuovamente assente.

L’Italia ha almeno 4 singolaristi e 4 doppisti (incluso Vavassori che ho visto giostrare alla grande contro Pavic-Mektic e contro Krajicek-Dodig senza assolutamente sfigurare) di gran livelloE non penso che potrà avere tutta la sfortuna che ha avuto quest’anno. Alludo ai ripetuti infortuni di Berrettini, Sinner, Bolelli.

Dico questo anche se purtroppo dovremo sorbirci almeno ancora un anno di una formula Davis che non mi piace. Una Davis che attribuisce per due anni di fila la celebre “saladier” d’argento fatta coniare da Dwight Davis nel 1900 nella famosa gioielleria di Boston a una squadra che in una finale vince appena 4 set (2 per match, prima di rendere superfluo il doppio), non è parente della Davis che Mr.Dwight Davis aveva ideato quando il tennis era molto meno popolare di oggi e aveva team molto più risicati.

Vincendo quattro soli set in una finale una squadra non era neppure sicura di aver conquistato un punto, dei 3 che servivano per aggiudicarsi la Coppa Davis.

Ma di quel che penso su come la Davis – che non è da buttare, alla gente piace, di pubblico ce n’è stato tanto – potrebbe tornare ad assomigliare alla vecchia Davis, con quattro singolari incrociati e un doppio che valga per il 20% dei punti e non per il 33% (ma, tuttavia almeno quel doppio venga sempre giocato…a Malaga 3 volte su 7 non lo si è neppure giocato e i doppisti sono venuti a fare un viaggio a vuoto) scriverò prossimamente.

Si può sognare di ridarle parte dell’antico lustro ora che l’ATP Cup, quella pagliacciata “inventata” dagli australiani (per attirare i tennisti laggiù, Down Under, fin da gennaio in funzione Australian Open) e appoggiata dall’ATP in sciocca e miope antitesi alla Coppa Davis gestita – in modo purtroppo abborracciato e politichese da ITF e Kosmos – è fortunatamente morta e sepolta. Ne riparleremo qui su Ubitennis. Così come riparleremo dell’assurdità di considerare head to head validi statisticamente i match della Laver Cup che al posto di un terzo set fanno giocare un long tiebreak. Che brutta cosa la politica (e il dio denaro) quando inquina la natura di uno sport. I mondiali di calcio nel Qatar non sono l’unico esempio.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement