ATP Ranking, l'ultima classifica dell'anno: Van Assche perde venti posti nonostante la semifinale Next Gen, Vavassori guadagna 11 posizioni

ATP

ATP Ranking, l’ultima classifica dell’anno: Van Assche perde venti posti nonostante la semifinale Next Gen, Vavassori guadagna 11 posizioni

Il giovane francese non ha potuto difendere la vittoria di Maia, Andrea chiude l’anno al numero 157 in singolo e 44 in doppio. Fognini riuscirà ad entrare direttamente a Melbourne?

Pubblicato

il

Andrea Vavassori Foto Giampiero Sposito
 

Quella tra il 27 novembre e il 3 dicembre è stata l’ultima settimana di tornei ufficiali a livello ATP: la stagione tennistica 2023 si è conclusa con le Next Gen ATP Finals (vinte dal pupillo di Novak Djokovic, il connazionale Hamad Medjedovic) e con i challenger di Temuco, Maspalomas, Maia e Yokkaichi. Le Next Gen ATP Finals non mettono in palio punti validi per il ranking e Luca Van Assche, semifinalista a Jeddah, ne ha pagato le conseguenze: il 19enne francese non ha potuto difendere i punti (80) conquistati al termine del 2022 con la vittoria del challenger di Maia e ha perso di conseguenza una ventina di posti in classifica, scivolando dal numero 70 al numero 90.

Tutto ovviamente invariato per quanto riguarda le prime posizioni della classifica con la griglia di partenza delle ATP Finals di Torino che non ha subito scossoni nemmeno dopo il torneo dei Maestri: comanda Novak Djokovic con 11.245 punti ma impressionano i 6490 punti del numero 4 del mondo Jannik Sinner.

Nella lotta per un posto nel main draw di Melbourne (tra pochi giorni verrà pubblicata l’entry list del primo slam del 2024) si segnala il balzo in avanti del 26enne spagnolo Pedro Martinez che, grazie alla vittoria nel challenger di Maspalomas, ha guadagnato 11 posti in classifica assestandosi al numero 106, verosimilmente uno degli ultimi validi (tra qualificati, wild card e ranking protetto) per il tabellone principale dell’Australian Open. Fabio Fognini, costretto al forfait al challenger di Maia prima del suo match di secondo turno, occupa attualmente la posizione numero 107.

Per quanto riguarda invece gli altri ragazzi italiani Andrea Valvassori grazie ai quarti di finale nel challenger di Maia ha guadagnato undici posti in classifica, passando dal numero 168 al numero 157. Andrea, sconfitto in tre set dal futuro vincitore del torneo Nuno Borges, dopo un grande Roland Garros (secondo turno ma partendo dalle quali, sconfitta amara con Olivieri dopo un match epico con Kecmanovic) ha vissuto una seconda parte di stagione piuttosto altalenante, ottenendo ottimi risultati in doppio ma allo stesso tempo sprecando qualche occasione di troppo in singolare: non è per niente facile costruirsi una classifica competitiva in entrambe le discipline ma Andrea ce l’ha fatta (chiude il suo 2023 al numero 44 in doppio e appunto al numero 157 in singolare).

Il francese Benoit Paire (34 anni, ex numero 18 del mondo) con la finale a Maia ha guadagnato tredici posti in classifica (numero 117) e ha superato Luca Nardi (classe 2003, a Jeddah ha messo a segno uno dei colpi dell’anno): il pesarese, dopo un buon finale di stagione (al netto dell’eliminazione nei gironi delle finali Next Gen), chiude il 2023 al numero 118 della classifica ATP dopo aver siglato la scorsa settimana il suo best ranking di numero 115.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement