WTA Ranking, Serena n.1 ma…

Focus

WTA Ranking, Serena n.1 ma…

Pubblicato

il

 
 

TENNIS WTA RANKING – Andrea Petkovic ritorna nelle 30 e trascina la Germania al 2° posto. Serena sempre prima ma ha perso già quasi 900 punti da inizio anno. Vinci non può più sbagliare.

È giusto aprire questo articolo sul ranking con i progressi delle due campionesse di Charleston e Monterrey. Andrea Petkovic (+12, n.28) dopo quasi tre anni lontana dalle migliori ritorna tra le prime 30 del mondo e può sognare la top 20. Ana Ivanovic, invece, supera di solo 10 punti Pennetta (-1, n.13) e, dopo il secondo titolo stagionale e i quarti agli Asutralian Open, punta a rientrare in top ten dopo quasi 5 anni di assenza.

 

Nella top ten scende di un posto Jankovic (n.9), che a Charleston fu finalista lo scorso anno concedendosi il lusso di strappare anche un set in finale a Serena Williams. Risale così di una posizione Sharapova (n.8).

A proposito dell’americana, vorrei aprire una parentesi. Serena ha già perso da inizio anno 885 punti. Può essere improprio parlare di crisi per una che domina il ranking con quasi 5000 punti di vantaggio sulla seconda e ha vinto due tornei (Brisbane e Miami), ma Serena nel 2013 a questo punto della stagione aveva già conquistato tre tornei (Brisbane, Miami, Charleston) e una finale (Doha). Preoccupano le sconfitte contro Cornet e Cepelova e le dichiarazioni dell’americana proprio quando cominciano a scaderle punti pesantissimi: da ora a fine anno, a parte gli ottavi a Wimbledon e la finale persa a Cincinnati, ha 8 tornei da campionessa uscente da difendere (Madrid, Roma, Roland Garros, Bastad, Toronto, US Open, Pechino e Masters).

È arrivato il momento di fare sul serio anche per Roberta Vinci (n.16): la pugliese deve difendere questa settimana la vittoria a Katowice ma arriva da una serie negativa di 1 vittoria e 8 sconfitte al primo turno. Speriamo che in Polonia ritrovi confidenza con la vittoria perché se dovesse perdere subito, scenderebbe a quota 2435 punti che a oggi significherebbe uscire dalla top 20. Roberta è testa di serie n.2 e potrebbe incontrare al secondo turno la nostra Giorgi.

Infine è giusto dire due parole sulle giovani salite alla ribalta in questi giorni: Jana Cepelova (+27, n.51), Belinda Bencic (+49, n.91) e Jovana Jaksic (+31, n.106). A mio parere, bisognerà considerarle d’ora in poi insieme a Bouchard, Stephens, Keys, Svitolina, Vekic, Garcia come probabili protagoniste della classifica nei prossimi anni.

 

Pos.

Giocatrice

Punti

Tornei

Diff. fine 2013

Diff. dal 31/03/14

1

 Williams, Serena

12375

17

0

0

2

 Li, Na

7585

16

1

0

3

 Radwanska, Agnieszka

5980

20

2

0

4

 Azarenka, Victoria

5441

15

-2

0

5

 Halep, Simona

4695

23

6

0

6

 Kvitova, Petra

4370

21

0

0

7

 Kerber, Angelique

4110

23

2

0

8

 Sharapova, Maria

3961

16

-4

1

9

 Jankovic, Jelena

3955

21

-1

-1

10

 Cibulkova, Dominika

3720

24

5

0

11

 Errani, Sara

3645

22

-4

0

12

 Ivanovic, Ana

3280

22

4

1

13

 Pennetta, Flavia

3270

23

18

-1

14

 Lisicki, Sabine

2735

20

1

1

15

 Wozniacki, Caroline

2730

21

-5

-1

16

 Vinci, Roberta

2685

25

-2

0

17

 Suarez Navarro, Carla

2660

24

0

0

18

 Stephens, Sloane

2550

20

-6

0

19

 Bouchard, Eugenie

2498

23

13

1

20

 Stosur, Samantha

2485

23

-2

-1

 

Teen Ranking

Belinda Bencic irrompe nella top ten delle giovani, al n.8. Lei e Vekic sono le uniche due al di sotto dei 18 anni presenti in classifica.

Il Teen-Ranking si ottiene limitando la classifica alle giocatrici nate dopo il 1° gennaio 1994.

Pos.

Giocatrice

Anno

Class. WTA

Diff. dal 31/03/14

1

 Bouchard, Eugenie

1994

19

0

2

 Svitolina, Elina

1994

36

0

3

 Keys, Madison

1995

42

0

4

 Beck, Annika

1994

44

0

5

 Robson, Laura

1994

62

0

6

 Schmiedlova, Anna

1994

65

0

7

 Van Uytvanck, Alison

1994

86

0

8

 Bencic, Belinda

1997

91

9

 Vekic, Donna

1996

95

-1

10

 Friedsam, Anna-Lena

1994

111

-1

 

Nation Ranking

Andrea Petkovic trascina la Germania al secondo posto, dietro alle azzurre. Retrocedono Stati Uniti (n.3) e la dominatrice degli anni scorsi, la Russia (n.4), mai così in basso da diverse stagioni.

Il Nation Ranking si ottiene sommando il ranking delle prime tre giocatrici di ciascuna nazione.

Pos.

Nazione

Punteggio

Diff. dal 31/03/14

1

 Italia

40

0

2

 Germania

49

3

3

 Stati Uniti

51

-1

4

 Russia

54

-1

5

 Serbia

60

-1

6

 Repubblica Ceca

63

0

7

 Slovacchia

77

0

8

 Cina

93

0

8

 Romania

93

1

10

 Spagna

125

0

 

Casa Italia

Entra in top ten Barbieri. Tre posti in più anche per Sanesi, nei quarti a Medellin partendo dalle qualificazioni e dopo aver battuto la n.1 del seeding Mariana Duque-Marino.

Resta di  27,6 il ranking medio delle top 5 italiane.

Pos.

Giocatrice

Class. WTA

Diff. fine 2013

Diff. dal 31/03/14

1

 Errani, Sara

11

-4

0

2

 Pennetta, Flavia

13

18

0

3

 Vinci, Roberta

16

-2

0

4

 Schiavone, Francesca

48

-9

0

5

 Knapp, Karin

50

-9

0

6

 Giorgi, Camila

69

29

0

7

 Burnett, Nastassja

128

39

0

8

 Brianti, Alberta

190

18

0

9

 Camerin, Maria Elena

200

-8

0

10

 Barbieri, Gioia

216

36

1

11

 Grymalska, Anastasia

220

42

-1

12

 Gatto Monticone, Giulia

241

5

0

13

 Dentoni, Corinna

302

-35

0

14

 Sanesi, Gaia

371

65

3

15

 Moratelli, Angelica

380

-20

-1

16

 Remondina, Anna

385

-4

-1

17

 Balducci, Alice

400

48

-1

18

 Caregaro, Martina

407

60

1

19

 Floris, Anna

450

-11

-1

20

 Rosatello, Camilla

470

94

0

 

LE TOP 50

Legenda: nelle top 50 trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[1] 1 Williams, Serena United States 26 Sep 1981 12375 17
[2] 2 Li, Na China 26 Feb 1982 7585 16
[3] 3 Radwanska, Agnieszka Poland 06 Mar 1989 5980 20
[4] 4 Azarenka, Victoria Belarus 31 Jul 1989 5441 15
[5] 5 Halep, Simona Romania 27 Sep 1991 4695 23
[6] 6 Kvitova, Petra Czech Republic 08 Mar 1990 4370 21
[7] 7 Kerber, Angelique Germany 18 Jan 1988 4110 23
[9] 8 Sharapova, Maria Russia 19 Apr 1987 3961 16
[8] 9 Jankovic, Jelena Serbia 28 Feb 1985 3955 21
[10] 10 Cibulkova, Dominika Slovakia 06 May 1989 3720 24
[11] 11 Errani, Sara Italy 29 Apr 1987 3645 22
[13] 12 Ivanovic, Ana Serbia 06 Nov 1987 3280 22
[12] 13 Pennetta, Flavia Italy 25 Feb 1982 3270 23
[15] 14 Lisicki, Sabine Germany 22 Sep 1989 2735 20
[14] 15 Wozniacki, Caroline Denmark 11 Jul 1990 2730 21
[16] 16 Vinci, Roberta Italy 18 Feb 1983 2685 25
[17] 17 Suarez Navarro, Carla Spain 03 Sep 1988 2660 24
[18] 18 Stephens, Sloane United States 20 Mar 1993 2550 20
[20] 19 Bouchard, Eugenie Canada 25 Feb 1994 2498 23
[19] 20 Stosur, Samantha Australia 30 Mar 1984 2485 23
[22] 21 Makarova, Ekaterina Russia 07 Jun 1988 2240 19
[23] 22 Cornet, Alize France 22 Jan 1990 2155 26
[24] 23 Kanepi, Kaia Estonia 10 Jun 1985 2110 20
[25] 24 Flipkens, Kirsten Belgium 10 Jan 1986 2085 25
[21] 25 Pavlyuchenkova, Anastasia Russia 03 Jul 1991 2025 22
[26] 26 Safarova, Lucie Czech Republic 04 Feb 1987 1920 23
[27] 27 Cirstea, Sorana Romania 07 Apr 1990 1780 26
[40] 28 Petkovic, Andrea Germany 09 Sep 1987 1705 23
[30] 29 Kuznetsova, Svetlana Russia 27 Jun 1985 1513 17
[32] 30 Hantuchova, Daniela Slovakia 23 Apr 1983 1501 25
[31] 31 Koukalova, Klara Czech Republic 24 Feb 1982 1485 27
[28] 32 Williams, Venus United States 17 Jun 1980 1472 16
[34] 33 Vesnina, Elena Russia 01 Aug 1986 1405 22
[33] 34 Hampton, Jamie United States 08 Jan 1990 1402 16
[29] 35 Kirilenko, Maria Russia 25 Jan 1987 1387 16
[35] 36 Svitolina, Elina Ukraine 12 Sep 1994 1375 28
[38] 37 Rybarikova, Magdalena Slovakia 04 Oct 1988 1330 25
[37] 38 Meusburger, Yvonne Austria 03 Oct 1983 1317 26
[39] 39 Jovanovski, Bojana Serbia 31 Dec 1991 1300 22
[41] 40 Muguruza, Garbine Spain 08 Oct 1993 1273 16
[42] 41 Pironkova, Tsvetana Bulgaria 13 Sep 1987 1260 24
[36] 42 Keys, Madison United States 17 Feb 1995 1245 21
[43] 43 Nara, Kurumi Japan 30 Dec 1991 1242 24
[44] 44 Beck, Annika Germany 16 Feb 1994 1240 30
[47] 45 Peng, Shuai China 08 Jan 1986 1235 22
[45] 46 Zhang, Shuai China 21 Jan 1989 1223 26
[48] 47 Riske, Alison United States 03 Jul 1990 1185 27
[49] 48 Schiavone, Francesca Italy 23 Jun 1980 1160 27
[46] 49 Lepchenko, Varvara United States 21 May 1986 1152 25
[50] 50 Knapp, Karin Italy 28 Jun 1987 1144 24

RACE

Legenda: trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[1] 1 Li, Na China 26 Feb 1982 3425 5
[2] 2 Cibulkova, Dominika Slovakia 06 May 1989 2287 7
[3] 3 Radwanska, Agnieszka Poland 06 Mar 1989 1997 6
[4] 4 Williams, Serena United States 26 Sep 1981 1896 7
[5] 5 Halep, Simona Romania 27 Sep 1991 1723 7
[6] 6 Pennetta, Flavia Italy 25 Feb 1982 1622 6
[7] 7 Kerber, Angelique Germany 18 Jan 1988 1556 8
[10] 8 Ivanovic, Ana Serbia 06 Nov 1987 1290 7
[8] 9 Jankovic, Jelena Serbia 28 Feb 1985 1201 8
[11] 10 Bouchard, Eugenie Canada 25 Feb 1994 1175 8
[9] 11 Sharapova, Maria Russia 19 Apr 1987 1065 5
[13] 12 Williams, Venus United States 17 Jun 1980 895 7
[18] 13 Errani, Sara Italy 29 Apr 1987 866 9
[12] 14 Koukalova, Klara Czech Republic 24 Feb 1982 860 9
[23] 15 Wozniacki, Caroline Denmark 11 Jul 1990 816 7

Continua a leggere
Commenti

ATP

Medvedev sotto pressione, ma carico: “Posso fare grandi cose tra Cincinnati e New York”

Numero 1 a rischio per il russo, reduce dal k.o. contro Kyrgios. Nadal può superarlo, in una battaglia proiettata anche allo US Open dove Medvedev difenderà il titolo

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - Miami 2022 (foto Twitter @miamiopen)

La precoce sconfitta di Montreal contro Nick Kyrgios – uno che, in giornata ‘sì’, può battere chiunque – ha messo un filo di pressione addosso a Daniil Medvedev. Il russo è pronto all’esordio a Cincinnati contro l’olandese Botic Van de Zandschulp (battuto due volte a livello Slam), e sa di non non poter sbagliare se vuole difendere il primo posto nel ranking. Il sorpasso in vetta da parte di Rafa Nadal avverrebbe infatti in caso di successo del maiorchino nel torneo e contemporanea eliminazione di Medvedev prima dei quarti di finale. In ogni caso, è una battaglia destinata a riaccendersi allo US Open dove il 26enne di Mosca – anche qui, pressione non poca – difende il titolo conquistato esattamente un anno fa.

Nell’incontro con i media in apertura del Masters 1000 dell’Ohio, Medvedev ha ricordato come proprio da Cincinnati nel 2019 fa partì la sua ascesa (primo trofeo sollevato in un torneo di questo livello) con l’approdo immediatamente successivo alla finale dello US Open (persa, in quella occasione, proprio contro Nadal). “Arrivai alle 4 del mattino per un ritardo aereo e il giorno dopo avrei giocato il primo turno – ha ricordato -, ero molto stanco, ho iniziato nell’ottica di vedere man mano come mi sentissi. Alla fine sappiamo com’è andata e ho grandi ricordi, specie della semifinale vinta contro Djokovic. Questo torneo non è cambiato, sa offrire una grande atmosfera.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

 

ROAD TO NEW YORK – Della sconfitta con Kyrgios in Canada, onestamente, Medvedev sembra aver smaltito le tossine. Impermeabile (questa volta) anche agli screzi con il pubblico che al solito hanno fatto notizia. Ma senza lasciare strascichi. “È sempre orribile perdere al primo turno – la sua analisi a freddo -, detto ciò, avevo di fronte un avversario di alto livello e ho giocato comunque una buona partita“. Capitolo chiuso, perché è opportuno guardare subito avanti in una coda d’estate per lui così densa di significato: “I risultati delle ultime stagioni qui negli Stati Uniti mi danno fiducia – ha concluso -, credo di poter fare grandi cose sia in questa settimana sia poi a New York. Vincere giocando bene rappresenta ovviamente la strada migliore verso lo US Open, ma va anche detto che il livello di questi primi turni è molto alto, bisogna pensare partita per partita“. Agli ottavi di finale, in proiezione, potrebbe trovare Shapovalov.

Il tabellone completo dell’ATP 1000 di Cincinnati

Continua a leggere

ATP

ATP Cincinnati: tiebreak fatali a Berrettini, eliminato da Tiafoe

Terza sconfitta consecutiva per il numero 2 d’Italia, che non perde mai il servizio ma è costretto a cedere al tiebreak del terzo

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Cincinnati 2022 (foto Twitter @cincytennis)

F. Tiafoe b. [12] M. Berrettini 7-6 (3) 4-6 7-6 (5)

È un Berrettini decisamente diverso rispetto a quello visto a Montreal, più vivo, più combattivo ma ancora lontano dalla miglior condizione. Va detto che sulla sua strada il numero 15 del mondo ha trovato un avversario in stato di grazia o quasi, un Francis Tiafoe clamoroso in risposta nei momenti decisivi – vedi i due tiebreak – e impenetrabile al servizio nel terzo set (emblematico il 96% di punti vinti con la prima). Dal canto suo, il finalista di Wimbledon 2021 può essere tutto sommato soddisfatto, anche se ovviamente una vittoria avrebbe fatto molto bene al morale. Questo KO è infatti il terzo consecutivo dopo la sconfitta al primo turno a Montreal la scorsa settimana e la finale persa a Gstaad contro Ruud.

IL MATCH Berrettini parte piuttosto contratto in avvio, commettendo tre errori di dritto e uno di rovescio nel primo game. Tiafoe ha subito a disposizione due palle break, sventate dall’azzurro con due seconde che lo aiutano a sbloccarsi. Lo statunitense nel complesso inizia meglio: più reattivo in risposta e meno errori da fondo, ma dopo quattro giochi il punteggio recita 2-2. La testa di serie numero 12, nonostante una mobilità non perfetta, inizia a scaldare i motori, trovando qualche prima in più e una maggiore incisività e profondità coi propri colpi. Il 26enne di Roma non riesce però ad essere pericoloso nei game in risposta, con la partita che scorre via più velocemente: dopo appena 33 minuti Berrettini sale 5-4.

 

Superate le incertezze del primo game del match, l’italiano concede appena tre punti nei successivi quattro turni di battuta, soltanto uno negli ultimi tre. Nel decimo gioco Tiafoe tentenna, incappa in qualche gratuito di troppo e concede un set point al suo avversario, cancellato però con un’ottima prima. Dopo un turno di battuta da sette minuti lo statunitense riesce a salvarsi e, poco dopo, si arriva al tiebreak, che inizia con due gravi errori (uno per parte). Berrettini parte con un doppio fallo, ma Tiafoe restituisce subito il favore sbagliando un dritto decisamente comodo. L’azzurro si porta avanti 3-2 ma, da quel momento, non conquisterà più un punto. Lo statunitense, infatti, orchestra alla grande il punto del 4-3, poi trova due minibreak consecutivi grazie ad altrettante risposte profonde, archiviando 7-6 (3) il primo parziale.

Nel secondo gioco del secondo set Berrettini riesce ad interrompere la striscia di dieci punti consecutivi vinti da Tiafoe (dal 2-3 nel tiebreak del primo parziale all’1-0 0-15 del secondo), portando a casa ai vantaggi il game dell’1-1. Il numero 25 del ranking allenta per un momento la presa, cedendo i primi due quindici ma riuscendo, anche lui ai vantaggi, a tornare avanti nel punteggio. Fino a questo momento la vera differenza tra i due (seppur non così marcata) risiede nella risposta al servizio. È decisamente efficace quella di Tiafoe, come evidenziato in modo lampante nel tiebreak del primo set, mentre è meno penetrante quella di Berrettini, anche considerando che le percentuali di prime in campo dello statunitense non sono così elevate (50% nel primo set, 43% nei primi due giochi del secondo parziale).

Non è un caso, infatti, che la situazione cambi non appena il 26enne romano alzi leggermente il livello con questo fondamentale. Accade nel quinto game, in cui Berrettini trova maggiore profondità fin dall’inizio dello scambio, procurandosi due chance di break consecutive. Basta la prima perché il 24enne del Maryland, forse anche nel tentativo di essere più aggressivo con la seconda, commette doppio fallo. Nel gioco successivo la testa di serie numero 12 va subito avanti 30-0, perde tre punti di fila ma dal 30-40 infila tre prime eccezionali, con cui si salva e sale 4-2. Si gioca ormai nei suoi turni di battuta, ma Berrettini riesce a garantirsi l’opportunità di servire per il set sul 5-4. Annullata con coraggio una pericolosissima palla break, l’italiano conquista 6-4 il secondo parziale, rimandando ogni verdetto al terzo.

Nonostante il set appena perso è Tiafoe a partire meglio, risultando praticamente ingiocabile al servizio. Nei primi tre game il numero 25 ATP conquista sempre i primi tre punti, spianandosi sempre la strada anche grazie al 9/9 con la prima. Sotto 2-3 Berrettini si vede costretto a fronteggiare due break point consecutivi: il primo svanisce grazie al consolidato schema servizio-dritto, mentre nell’occasione successiva è lo statunitense a mandare lunga di pochi centimetri la risposta alla seconda del suo avversario. Il numero 2 d’Italia ringrazia e conquista un game importantissimo, al termine del quale si lascia andare in un urlo liberatorio. Poco dopo, con Tiafoe avanti 4-3, la storia si ripete: Berrettini vince un punto clamoroso sul 15-30, sbaglia con il dritto sul 30-30 ma annulla la palla break con una prima pesante. Con grande fatica l’azzurro si salva ancora ai vantaggi, caricandosi nuovamente: 4-4.

Il copione della partita è ben definito, con il 24enne del Maryland che tiene con grande tranquillità i propri turni di battuta (concedendo soltanto tre punti in cinque giochi) e viene acclamato dal pubblico. Ben più complicati invece quelli del finalista di Wimbledon 2021, che impatta comunque sul 5-5. Tiafoe deve fronteggiare il primo – piccolo – momento di difficoltà del terzo set sul 30-30, ma se la cava e si porta in modo rocambolesco sullo 0-30 nel dodicesimo gioco. Berrettini riesce ad approdare ai vantaggi, annullando un match point incredibile: la risposta dello statunitense colpisce il nastro, l’italiano si avventa sulla palla e attacca con il dritto. Tiafoe tenta il passante incrociato di rovescio e sembra trovarlo: non si sente, infatti, la chiamata dell’occhio di falco live, ma la palla è fuori di una manciata di millimetri. Nei due punti successivi Berrettini trova un ace e un dritto vincente, raggiungendo il tiebreak che, come il resto del match, è estremamente equilibrato. È Tiafoe a trovare il primo minibreak sul 3-3, frutto ancora di una gran risposta che indirizza lo scambio e, tenendo i due servizi successivi, si procura altri tre match point, volando sul 6-3. L’azzurro annulla i primi due, ma al quarto complessivo deve cedere: finisce 7-6 (3) 4-6 7-6 (5) in favore di Tiafoe, che vince meritatamente un match davvero intenso. Questa vittoria per lui assume un sapore ancora più dolce considerando che, prima di questo match, il bilancio di Berrettini nei tiebreak stagionali era di 11-3. Una piccola impresa dunque quella del numero 25 del ranking, che al secondo turno troverà Sebastian Korda.

Il tabellone completo dell’ATP Masters 1000 di Cincinnati

Continua a leggere

ATP

ATP Cincinnati: Murray vince la maratona con Wawrinka, sarà derby con Norrie. Avanti anche Cilic e Bautista

Accedono al secondo turno anche Schwartzman, Karatsev e Isner. Subito fuori Goffin, Basilashvili scherzato da McDonald

Pubblicato

il

Andy Murray e Stan Wawrinka, Cincinnati 2022 (foto: twitter @CincyTennis)

È stato un lunedì ricchissimo quello appena trascorso al Western & Southern Open, con diverse battaglie ad intrattenere gli appassionati. Su tutte, non si può che partire dal match del giorno, ossia la sfida numero 24 tra Andy Murray e Stan Wawrinka. Lo svizzero, in tabellone usufruendo del ranking protetto, è stato l’unico ad avere palle break nel primo set (una nel terzo gioco, due consecutive nell’undicesimo), pur non riuscendo mai ad allungare. Ci ha pensato lo scozzese, allora, a portarsi avanti di un set, con due minibreak chirurgici al tiebreak: uno all’inizio e uno alla fine. Wawrinka non aveva però nessuna intenzione di mollare e, facendo forza anche sul suo fantastico rovescio, è riuscito a fatica a pareggiare il computo dei set. Più l’incontro proseguiva e più si alzava il livello di tennis, con i due (ormai non più giovanissimi) costretti a diversi interventi del fisioterapista durante i cambi campo. Alla fine è stato Murray a spuntarla 7-6 (3) 5-7 7-5, commovendosi durante l’intervista post partita e regalando alcune perle di rara bellezza.

Il tennis britannico può sorridere grazie a Sir Andy ma non solo: vince all’esordio anche Cameron Norrie, che sarà proprio l’avversario di Murray al secondo turno. La testa di serie numero 9 prevale – anche in questo caso dopo una lunga battaglia – su Holger Rune, in evidente crisi di risultati. Il danese infatti, dopo la grande stagione sulla terra culminata con i quarti al Roland -Garros, ha inanellato sette sconfitte consecutive, subendo 10 KO negli ultimi 12 incontri. Termina 7-6 (5) 4-6 6-4 in favore del campione di Indian Wells 2021 che, come detto, troverà Murray.

 

In generale si può dire che sia stata un po’ la giornata dei terzi set, dato che pochissimi match si sono conclusi in due. Tra questi da segnalare c’è la roboante sconfitta di Nikoloz Basilashvili, che racimola soltanto un game contro Mackenzie McDonald: 6-0 6-1. Partita a tratti surreale, con 29 gratuiti del georgiano – a fronte di soli 8 vincenti – e un misero 14% di punti conquistati con la seconda di servizio. Decisamente più solido lo statunitense, che al secondo turno raggiunge la testa di serie numero 3 Carlos Alcaraz. Vittoria in straight sets anche per Aslan Karatsev, sempre pericoloso su questi campi (7-5 7-5 a Brandon Nakashima), oltre che per Marin Cilic (6-3 6-3 a Jaume Munar), Marcos Giron (6-3 6-4 a David Goffin) e Emil Ruusuvuori (7-6 6-2 a Jeffrey John Wolf).

A prendersi la scena tuttavia, come detto, sono i trionfatori alla distanza. Il primo è Roberto Bautista-Agut, che rimonta un Francisco Cerundolo ancora a secco di vittorie sul cemento americano: termina 6-7 (5) 6-4 6-2 in favore della testa di serie numero 15. Ora per lui c’è Giron, con vista su un probabile ottavo di finale contro Rafa Nadal. Un’altra rimonta tocca a Diego Schwartzman, che piega 5-7 6-4 6-2 la resistenza di Alex Molcan e raggiunge Karatsev al secondo turno. Profeta in patria John Isner, che conquista il passaggio del turno grazie a due grandi tiebreak in risposta prima che al servizio: nulla da fare per Benjamin Bonzi, steso, 7-6 (11) 3-6 7-6 (4). Per Long John ora c’è l’ostacolo Hubert Hurkacz.

Il tabellone completo del Masters 1000 di Cincinnati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement