WTA Ranking: Bouchard vicina alla top15, Puig alle 40. Crisi Stephens?

WTA

WTA Ranking: Bouchard vicina alla top15, Puig alle 40. Crisi Stephens?

Pubblicato

il

TENNIS WTA RANKING – Bouchard supera Stephens e diventa la più giovane meglio classificata. L’americana perde 7 posti da inizio anno ed è ai margini della top 20. È crisi? Best ranking di Puig.

Gli ultimi tornei di preparazione al Roland Garros hanno regalato il primo trionfo a due giovani dal bel futuro: Eugenie Bouchard e Monica Puig, vincitrici a Norimberga e Strasburgo, rispettivamente. Per entrambe, come dicevo, è il primo titolo in carriera e, con esso, arrivano anche progressi importanti in termine di ranking.

Bouchard scavalca Vinci, Lisicki e Stephens e si appropria della posizione n.16. Su di lei si era già espresso AGF in un articolo di approfondimento molto condivisibile. Dal punto di vista dei freddi numeri, la canadese ha la possibilità di avvicinarsi alla top ten nei prossimi mesi. Non è tra le favorite a Parigi – l’anno scorso fu sconfitta al secondo turno da Sharapova e contro Schiavone a Roma ha mostrato di non essere a suo agio sulla terra rossa – ma le basterebbe limitare i danni, consolidare la sua posizione a ridosso della top 15, per poi tentare la scalata in estate quando arriveranno i tornei a lei più congeniali. La canadese oggi affronta Peer in un match di primo turno insidioso e, se tutto va come dovrebbe, l’attenderebbe un terzo turno contro Flavia Pennetta.

 

La vittoria di Puig a Strasburgo, invece, proietta la portoricana al n.41, ben 15 posti più in alto si una settimana fa. Per lei il sorteggio non è stato benevolo a Parigi e oggi affronterà Stosur che, se non è più la giocatrice di quattro anni fa, quando giunse in finale, resta comunque la n.18 del mondo e un test impegnativo sulla terra del Boi de Boulogne. Dovese farcela a spuntarla, Monica avrebbe l’occasione di confermare il terzo turno dell’anno scorso, e forse anche qualcosa in più, considerato che l’avversaria più forte che potrebbe trovare sul suo cammino è Cibulkova, del tutto alla sua portata su questa superficie.

Restando sempre in tema di giovani promesse, entra in top50 Giorgi (+1, n.50), si avvicina alle trenta Svitolina (+5, n.33), guadagna quattro posti Keys (n.40), avversaria di Errani al primo turno al Roland Garros, mentre si è già fermata l’avventura parigina di Belinda Bencic (+1, n.80). I sogni di gloria della svizzera si sono infranti contro Venus Williams: il 6/4 6/1 inflittole da Venus è un punteggio eloquente e rimanda un exploit di Bencic al prossimo Slam.

Infine, perde tre posti per Stephens (n.19): Sloane ha nell’immediato 780 punti in scadenza (ottavi Roland Garros e quarti Wimbledon 2013) ed è chiamata a fare bene se vuole restare in top20, lei che a inizio anno era n.12 ed era una delle candidate ad entrare tra le dieci.

Personalmente credevo che ci sarebbe riuscita. Non so se si può parlare di crisi per un’atleta di soli 21 anni e con ancora davanti molte stagioni da giocare. La mia impressione è che si sia fatta un po’ distrarre, forse dalle attenzioni extra tennistiche che inevitabilmente una giovane atleta emergente attira su di sé, e i risultati sottotono del 2014 ne sono una logica conseguenza.

Pos.

Giocatrice

Punti

Tornei

Diff. fine 2013

Diff. dal 19/05/14

1

Williams, Serena

11590

17

0

0

2

Li, Na

7540

15

1

0

3

Radwanska, Agnieszka

6360

22

2

0

4

Halep, Simona

5140

23

7

0

5

Azarenka, Victoria

4741

15

-3

0

6

Kvitova, Petra

4600

20

0

0

7

Jankovic, Jelena

4255

22

1

0

8

Sharapova, Maria

4141

16

-4

0

9

Kerber, Angelique

3870

24

0

0

10

Cibulkova, Dominika

3705

23

5

0

11

Errani, Sara

3590

22

-4

0

12

Ivanovic, Ana

3455

22

4

0

13

Pennetta, Flavia

3259

22

18

0

14

Wozniacki, Caroline

2790

18

-4

0

15

Suarez Navarro, Carla

2785

25

2

0

16

Bouchard, Eugenie

2640

26

16

3

17

Lisicki, Sabine

2556

19

-2

0

18

Stosur, Samantha

2485

23

0

2

19

Stephens, Sloane

2481

21

-7

-2

20

Vinci, Roberta

2420

25

-6

-2

 

Teen Ranking

Nessuna variazione nelle under20. Tutte le posizioni sono stazionarie questa settimana.

Il Teen-Ranking si ottiene limitando la classifica alle giocatrici nate dopo il 1° gennaio 1994.

Pos.

Giocatrice

Anno

Class. WTA

Diff. dal 19/05/14

1

Bouchard, Eugenie

1994

16

0

2

Svitolina, Elina

1994

33

0

3

Keys, Madison

1995

40

0

4

Beck, Annika

1994

51

0

5

Schmiedlova, Anna

1994

56

0

6

Vekic, Donna

1996

67

0

7

Bencic, Belinda

1997

80

0

8

Robson, Laura

1994

83

0

9

Van Uytvanck, Alison

1994

93

0

10

Kovinic, Danka

1994

106

0

 

Nation Ranking

Movimenti di poco conto anche nella classifica per Nazioni: la Serbia aggancia la Russi al 4° posto, retrocedono Cina e Romania, appaiate la scorsa settimana rispettivamente a Slovacchia e Spagna.

Il Nation Ranking si ottiene sommando il ranking delle prime tre giocatrici di ciascuna nazione.

Pos.

Nazione

Punteggio

Diff. dal 19/05/14

1

Italia

44

0

2

Stati Uniti

49

0

3

Germania

52

0

4

Russia

56

0

4

Serbia

56

0

6

Repubblica Ceca

57

1

7

Slovacchia

75

0

8

Cina

95

-1

9

Spagna

105

0

10

Romania

106

-1

 

Casa Italia

Unica novità, peraltro importante, è il sorpasso al n.4 di una ritrovata Karin Knapp. L’altoatesina si è sbloccata dopo sette uscite consecutive al primo turno, conquista una incoraggiante semifinale a Norinberga in vista dell’impegno di Parigi e ritorna in top 50. Giorgi retrocede al n.5.

Migliora di un punto il ranking medio delle top 5 italiane: oggi è 28.

Pos.

Giocatrice

Class. WTA

Diff. fine 2013

Diff. dal 19/05/14

1

Errani, Sara

11

-4

0

2

Pennetta, Flavia

13

18

0

3

Vinci, Roberta

20

-6

0

4

Knapp, Karin

49

-8

1

5

Giorgi, Camila

50

48

-1

6

Schiavone, Francesca

54

-15

0

7

Burnett, Nastassja

150

17

0

8

Brianti, Alberta

188

20

0

9

Grymalska, Anastasia

216

46

0

10

Barbieri, Gioia

218

34

0

11

Gatto Monticone, Giulia

226

20

0

12

Camerin, Maria Elena

232

-40

0

13

Dentoni, Corinna

324

-57

0

14

Sanesi, Gaia

346

90

0

15

Balducci, Alice

361

87

0

16

Caregaro, Martina

402

65

0

17

Remondina, Anna

440

-59

0

18

Bruzzone, Giulia

458

120

0

19

Giovine, Claudia

480

132

0

20

Rosatello, Camilla

509

55

0

 

LE TOP 50

Legenda: nelle top 50 trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[1]       1          Williams, Serena        United States 26 Sep 1981    11590 17
[2]       2          Li, Na   China   26 Feb 1982    7540    15
[3]       3          Radwanska, Agnieszka           Poland             06 Mar 1989   6360    22
[4]       4          Halep, Simona            Romania         27 Sep 1991    5140    23
[5]       5          Azarenka, Victoria      Belarus           31 Jul 1989     4741    15
[6]       6          Kvitova, Petra             Czech Republic           08 Mar 1990   4600    20
[7]       7          Jankovic, Jelena          Serbia 28 Feb 1985    4255    22
[8]       8          Sharapova, Maria      Russia 19 Apr 1987    4141    16
[9]       9          Kerber, Angelique      Germany         18 Jan 1988    3870    24
[10]     10        Cibulkova, Dominika Slovakia          06 May 1989 3705    23
[11]     11        Errani, Sara    Italy     29 Apr 1987    3590    22
[12]     12        Ivanovic, Ana Serbia 06 Nov 1987   3455    22
[13]     13        Pennetta, Flavia         Italy     25 Feb 1982    3259    22
[14]     14        Wozniacki, Caroline   Denmark         11 Jul 1990     2790    18
[15]     15        Suarez Navarro, Carla           Spain   03 Sep 1988    2785    25
[19]     16        Bouchard, Eugenie     Canada           25 Feb 1994    2640    26
[17]     17        Lisicki, Sabine             Germany         22 Sep 1989    2556    19
[20]     18        Stosur, Samantha       Australia         30 Mar 1984   2485    23
[16]     19        Stephens, Sloane        United States 20 Mar 1993   2481    21
[18]     20        Vinci, Roberta            Italy     18 Feb 1983    2420    25
[21]     21        Cornet, Alize   France             22 Jan 1990    2085    25
[22]     22        Flipkens, Kirsten         Belgium          10 Jan 1986    2010    24
[23]     23        Makarova, Ekaterina             Russia 07 Jun 1988    2005    19
[24]     24        Safarova, Lucie           Czech Republic           04 Feb 1987    1950    24
[25]     25        Pavlyuchenkova, Anastasia    Russia 03 Jul 1991     1915    21
[27]     26        Cirstea, Sorana           Romania         07 Apr 1990    1710    25
[29]     27        Petkovic, Andrea        Germany         09 Sep 1987    1710    25
[28]     28        Kuznetsova, Svetlana Russia 27 Jun 1985    1706    18
[30]     29        Williams, Venus         United States 17 Jun 1980    1531    16
[31]     30        Koukalova, Klara        Czech Republic           24 Feb 1982    1490    29
[32]     31        Hantuchova, Daniela Slovakia          23 Apr 1983    1461    24
[33]     32        Vesnina, Elena            Russia 01 Aug 1986   1455    22
[38]     33        Svitolina, Elina            Ukraine           12 Sep 1994    1415    27
[35]     34        Rybarikova, Magdalena         Slovakia          04 Oct 1988    1390    26
[37]     35        Muguruza, Garbine    Spain   08 Oct 1993    1375    15
[34]     36        Zhang, Shuai   China   21 Jan 1989    1373    26
[39]     37        Jovanovski, Bojana     Serbia 31 Dec 1991   1320    24
[40]     38        Meusburger, Yvonne Austria            03 Oct 1983    1315    28
[26]     39        Kanepi, Kaia    Estonia            10 Jun 1985    1312    18
[44]     40        Keys, Madison            United States 17 Feb 1995    1295    21
[56]     41        Puig, Monica Puerto Rico     27 Sep 1993    1283    22
[42]     42        Pironkova, Tsvetana   Bulgaria          13 Sep 1987    1266    23
[46]     43        Garcia, Caroline         France             16 Oct 1993    1264    27
[45]     44        Nara, Kurumi Japan   30 Dec 1991   1234    24
[43]     45        Riske, Alison   United States 03 Jul 1990     1216    25
[47]     46        Kirilenko, Maria         Russia 25 Jan 1987    1188    16
[36]     47        Hampton, Jamie         United States 08 Jan 1990    1181    14
[48]     48        Dellacqua, Casey        Australia         11 Feb 1985    1155    14
[52]     49        Knapp, Karin   Italy     28 Jun 1987    1140    25
[51]     50        Giorgi, Camila            Italy     31 Dec 1991   1120    16

RACE

Legenda: trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[1]       1          Li, Na   China   26 Feb 1982    3830    7
[2]       2          Williams, Serena        United States 26 Sep 1981    3011    9
[3]       3          Radwanska, Agnieszka           Poland             06 Mar 1989   2787    10
[4]       4          Sharapova, Maria      Russia 19 Apr 1987    2640    8
[5]       5          Halep, Simona            Romania         27 Sep 1991    2479    10
[6]       6          Cibulkova, Dominika Slovakia          06 May 1989 2478    10
[7]       7          Ivanovic, Ana Serbia 06 Nov 1987   2160    10
[8]       8          Jankovic, Jelena          Serbia 28 Feb 1985    1981    12
[9]       9          Pennetta, Flavia         Italy     25 Feb 1982    1792    9
[10]     10        Errani, Sara    Italy     29 Apr 1987    1756    12
[11]     11        Kerber, Angelique      Germany         18 Jan 1988    1628    12
[12]     12        Suarez Navarro, Carla           Spain   03 Sep 1988    1535    13
[13]     13        Bouchard, Eugenie     Canada           25 Feb 1994    1526    12
[14]     14        Cornet, Alize   France             22 Jan 1990    1158    11
[15]     15        Kvitova, Petra             Czech Republic           08 Mar 1990   1113    9

Continua a leggere
Commenti

WTA

A Praga, Giorgi vince in rimonta. Halep passa al settimo match point

Camila a corrente alternata. Esordio complicato per la n.2 del mondo. La spuntano entrambe al tie-break decisivo

Pubblicato

il

Il lunedì di pioggia lascia il posto a una giornata almeno inizialmente calda e soleggiata in quel di Praga. Fra i tanti incontri in programma, sono impegnate anche le due tenniste azzurre presenti in tabellone, Paolini e Giorgi, con diverse fortune, la favorita del seeding Halep e la sua principale antagonista Martic. Non sono mancati neanche i forfait: non sono scese in campo Daria Kasatkina per un infortunio agli ischiocrurali, la campionessa di Palermo Fiona Ferro a causa di un problema a una costola e Dayana Yastremska per un meno “atletico” mal di denti, sostituite da tre lucky loser. E abbiamo visto il gold badge Kader Nouni vestire i panni di uomo dei campi (in senso figurato, letteralmente ha solo indossato la mascherina) per passare ripetutamente lo “straccio” bonificando la palude in cui gli addetti avevano trasformato il campo 10 al termine del primo set di un incontro poco interessante.

CAMILA SUL FILO DI LANA – Dopo il bel torneo della settimana scorsa, Camila Giorgi torna in campo per un’altra battaglia e batte la diciottenne ucraina Marta Kostyuk al tie-break del terzo. Una Giorgi che “ha fatto il suo gioco” e ha avuto ragione di un’avversaria che, attualmente n. 140 WTA, si conferma ottima promessa.
Un doppio fallo e un tentativo di smorzata di Giorg permettono il 3-1 a Kostyuk che, inesperta, probabilmente pensa al contrario (“non regalare punti facili”), incespica sul servizio e fa rimanere in scia Camila che poi completa la rimonta all’ottavo gioco. Entrambe sembrano adottare il principio del non mettere pressione all’avversaria quando si trova sotto nel punteggio del game e regalano punti invece di tenere la palla in campo. Non proprio inaspettati, due errori necessariamente macroscopici di Giorgi chiudono il set a favore di Kostyuk. È però tutta un’altra musica nel secondo parziale: oltre a un punto importante giocato prendendosi l’opportuno margine sulla rete che per un attimo fa preoccupare per le condizioni di salute di Camila, la nostra aggiusta almeno momentaneamente la mira travolgendo Marta, pressoché impossibilita a contenere come era riuscita a fare finora; un piccolo passaggio a vuoto nella fase centrale non compromette l’esito del parziale che termina 6-2.
La partenza è invece da dimenticare nel set decisivo, ma l’azzurra ritrova i colpi riprendendosi il break e pareggiando al sesto gioco. Kostyuk tiene un servizio che vale oro, ma il vantaggio esterno che Camila annulla con decisione è altrettanto determinante, anche se la risposta torna a essere poco incisiva e la 2002 di Kiev può tornare avanti senza sprecare energie. Giorgi non vacilla servendo per restare nel match e interpreta il tie-break alla sua maniera, staccando Kostyuk con vincenti clamorosi, ma con sbavature che la tengono in vita (tennistica). È però l’ucraina a compromettere l’esito sbagliando la risposta aggressiva sul 4-5 che accompagna con uno dei soliti urli acutissimi e Camila si guadagna il secondo turno contro Elise Mertens.

La belga si è imposta su Jasmine Paolini per 7-5 4-6 6-3 in un incontro estremamente equilibrato durato due ore e tre quarti. Complessivamente più che buona la prestazione dell’azzurra che ha perso il match per qualche imprecisione sui punti pesanti, nonostante sia riuscita a rientrare nel primo parziale annullando un set point sul servizio belga con un bel dritto, per poi cedere nuovamente la battuta e fallire due occasioni per il tie-break. Persa la seconda partita, Mertens accelera nel finale e vince il suo primo incontro dalla ripartenza dopo la precoce sconfitta palermitana inflittale da Sasnovich.

 

HALEP, CHE FATICA – Come aveva già fatto nei due confronti del 2019, Polona Hercog costringe al terzo set Simona Halep per poi cedere alla numero 2 del mondo. Simona, che aveva allungato di una settimana l’attesa dei fan con il forfait di Palermo, ha scelto di ripartire dal torneo di Praga, al termine del quale deciderà se partecipare allo US Open.
Dopo i primi due giochi combattuti, Halep prende il largo tra le usuali solidità e facilità nei cambi in lungolinea. Il 6-1 e il break in apertura suggeriscono che ormai siamo a metà della sessione di allenamento, ma Polona si riaccende quasi dal nulla dopo un paio di bei punti e la partita gira completamente: Simona cala in modo evidente, si irrigidisce, sbaglia, mentre la slovena piazza smorzate vincenti e soprattutto 6 giochi di fila. La lotta infuria nella partita finale, Simona sfodera tutta la sia grinta, eppure si fa prima raggiungere dal 3-1 poi dal 5-3, quando serve invano per il secondo turno e poi non sfrutta tre match point consecutivi in risposta – risposta non pervenuta in nessuna delle occasioni. Altre tre palle per andare in doccia evaporano al dodicesimo game finché, al tie-break Halep trasforma prontamente (per così dire) il primo di altri tre match point con un gran rovescio lungolinea scoccato in allungo ben lontana dal campo. Al prossimo turno troverà la wild card ceca Barbora Krejcikova, ottava del mondo in doppio ma oltre la centesima posizione in singolare.

PETRA, LINDA E LE ALTRE – La n. 2 del tabellone Petra Martic supera in due set la russa Varvara Gracheva, mentre cadono le teste di serie Pavlyuchenkova (n. 6), Strycova (7) e Sevastova (9) per mano rispettivamente di Arantxa Rus, Sara Sorribes Tormo e Irina-Camelia Begu. Primo incontro nel Tour WTA per la quindicenne ceca Linda Fruhvirtova che si arrende in due set alla connazionale Kristyna Pliskova, n. 69 del ranking. Allieva della Mouratoglou Academy con la sorella Brenda, Linda gioca già piuttosto bene, ma la differenza tra le due è evidente e la mancina di Louny, gettati due match point consecutivi in risposta che riaprono il secondo parziale, torna ad affidarsi a dritto e servizio (oltre che alle seconde “da quindicenne” e a un paio di errori dell’avversaria) e chiude 7-5.

Risultati:
[1] S. Halep b. P. Hercog 6-1 1-6 7-6(3)
[2] P. Martic b. V. Gracheva 7-6(2) 6-3
C. Giorgi b. M. Kostyuk 4-6 6-2 7-6(4)
I.C. Begu b. A. Sevastova 6-2 6-2
[3] E. Mertens b. J. Paolini 7-5 4-6 6-3
A. Rus b. [6] A.Pavlyuchenkova 7-5 6-2
[WC] B. Krejcikova b. M.P. Tig 6-4 6-3
S. Sorribes Tormo b. [7] B. Strycova 7-6(3) 6-1
Kr. Pliskova b. L. Fruhvirtova 6-2 7-5
L. Tsurenko b. E. Alexandrova 6-2 6-4
M. Frech b. E-G. Ruse 7-6(8) 6-3
L. Kung b. A. Bolsova 6-4 6-3
A Bogdan b. S. Sanders 6-1 6-1
T. Zidansek vs K. Siniakova
L. Siegemund vs M. Sherif

Continua a leggere

WTA

Fiona Ferro campionessa della ripartenza: domina Kontaveit nella finale di Palermo

Fiona Ferro vince il Palermo Ladies Open. Ottima performance della francese che domina l’estone Anett Kontaveit in due set

Pubblicato

il

Esattamente cinque mesi dopo l’ultima finale WTA, il circuito femminile e il tennis mondiale incoronano a Palermo la prima campionessa della ripresa post lockdown. Accade in Italia, al Palermo Ladies Open, dove sui campi del Country Club la francese Fiona Ferro supera in finale l’estone Anett Kontaveit col punteggio di 6-2 7-5. Prestazione ineccepibile per la transalpina, davvero di …ferro, nata in Belgio e di papa’ italiano (Padova), che domina nettamente una Kontaveit che, pur non sufficientemente incisiva durante il match, è riuscita a portarsi due volte in vantaggio nel corso del secondo parziale. Fiona ha imposto per tutto l’incontro un ritmo infernale all’avversaria, grazie a un servizio molto aggressivo e martellandola sugli angoli; a fine partita i vincenti saranno ben 51. Con la vittoria a Palermo, Fiona Ferro, attuale n. 53 del mondo, da lunedì entrerà in top 50 a n.44.  Per lei si tratta del secondo titolo dopo quello vinto un anno fa a Losanna (in finale sulla connazionale Cornet).

LA PARTITA

Una giornata e una finale storica per il tennis femminile e la città di Palermo. Il Country Club del capoluogo siciliano ha l’onore di assegnare il primo titolo WTA dopo ben cinque mesi di stop in questa stagione 2020 funestata dal coronavirus. L’ultima tennista a sollevare un trofeo è stata Elina Svitolina, l’8 marzo scorso, vittoriosa a Monterrey contro la ceca Marie Bouzkova. Le protagoniste di questa prima finale della ripartenza sono la francese Fiona Ferro e l’estone Anett Kontaveit, al loro secondo scontro diretto. Per la Kontaveit, 24 anni e n. 22 del mondo (ma ex n.14 e da oggi n.20) si tratta della sesta finale in carriera mentre per la Ferro, 23 anni e n. 53 WTA, è appena la seconda finale ma il suo score è immacolato dopo quella vinta contro Alizé Cornet. Due finali, due vittorie. E nel suo percorso palermitano un solo set perso, quello con Camila Giorgi che l’aveva dominata nel primo set, 62. Cui aveva fatto seguito un 62 per lei e un 75 finale. Prima della Giorgi la Ferro aveva battuto in due set anche la Errani. A sentire il suo coach il match con la Errani era stato il più duro come stress…”perché Sara nel primo set giocava davvero bene e le aveva messo grande pressione. Curiosamente però la Ferro avrebbe poi detto che il match più duro era stato invece quello con Camila, effettivamente più incerto fino alla fine.

 

FIONA DI “FERRO” NEL PRIMO SET – La francese mostra subito la grande personalità messa in campo per tutto il torneo e strappa il servizio all’avversaria alla prima palla break. Si salva dal contro-break con grande aggressività da fondo campo e sale 2-0. Continua a spingere all’impazzata Fiona, infliggendo ad Anett un ritmo che l’estone fatica a tenere. Kontaveit resta attaccata allo score e, alla fine, dopo tre giochi sofferti, riesce ad aggiudicarsi il primo game del match, avvicinandosi 1-2. Ferro non si scompone e continua a martellare allungando ancora sul 3-1.

Ottimizza il break ottenuto ad inizio match salendo ancora 4-2. Potente e chirurgica, martella da un lato all’altro del campo, cercando angoli e profondità, mandando in apnea Kontaveit.

Anett Kontaveit al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

Sul 5-2, Ferro si procura tre setpoint ma Anett riesce a raggiungerla sul 40-40. Per Fiona c’è una quarta palla del set ma l’estone fa partire dalle corde un vincente lungolinea di rovescio che lascia ferma l’avversaria. Annulla anche il quinto setpoint ma, al sesto, nulla può, subendo per l’ennesima volta il servizio dirompente di Ferro che, dopo 40 minuti, intasca la prima frazione con lo score di 6-2.

LA REAZIONE DI KONTAVEIT NON BASTA – L’Inizio del secondo set segue lo stesso copione del primo ma questa volta a favore della tennista estone che cerca di reagire, strappa per la prima volta il servizio all’avversaria e si porta sul 2-0. Tuttavia, il vantaggio estone dura un attimo e Fiona annulla il gap raggiungendo l’avversaria sul 2-2. Sul 3-3, Kontaveit ha un ulteriore guizzo d’orgoglio che le permette di salire ancora in vantaggio sul 4-3. La francese però non regala nulla con il servizio che le frutta tanti punti gratuiti.

Alcuni errori di troppo da parte della transalpina permettono alla tennista di Tallinn di procurarsi un’altra palla break che Fiona prontamente annulla. Poi è Anett a fare la differenza: grazie a un ottimo dritto con cui si apre il campo, fa suo il punto del 5-3 con un impeccabile incrociato di rovescio, imprendibile per la francese. Ottima la reazione della n. 22 del mondo che le prova tutte per allungare il match al terzo. Ma è notevole anche la contro-reazione di Fiona che, per la seconda volta nel set, annulla il vantaggio dell’avversaria pareggiando sul 5-5, dopo che la ragazza estone era stata a due punti dal set nel servire sul 5-3 e 30-15. Non solo. Le infligge il break e vincendo il terzo game consecutivo può andare a servire per il match sul 6-5.

L’estone tenta il tutto per tutto, spinge, cerca angoli e profondità ma alla fine sbaglia e la francese si ritrova a due punti dal match sul 30-30. La prima di servizio le procura il match point, annullato con un vincente di rovescio lungolinea sparato disperatamente da Anett sulla “seconda” un pochino tremebonda. Ma la francesina se ne procura nun secondo. Questa volta il rovescio della estone va fuori giri e Fiona Ferro diventa la regina di Palermo. Nell’albo d’oro succede alla Svizzera Jil Teichmann, campionessa lo scorso anno quando il torneo era ritornato in calendario dopo sei anni di assenza perché i palermitani avevano “prestato” la data ai malesi di Kuala Lumpur. È, inoltre, la terza francese a trionfare a Palermo dopo Mary Pierce (1991-1992) e Sandrine Testud (1997).

Eccellente la prestazione della francese – che impreziosisce ulteriormente l’ottima performance di Camila Giorgi in semifinale – che ha dominato quasi sempre il match e soprattutto ha dimostrato una forza mentale invidiabile rimontando due volte Kontaveit nel secondo set. La prima campionessa della ripresa dopo il lockdown viene dunque dalla Francia anche se Fiona, allenata dall’ex coach di Pouille Emmanuel Planque, ha origini italiane (suo papà Fabrizio è italiano). Una ripartenza alla grande per lei che, da lunedì, sarà n.44 WTA con il suo allenatore che ha talmente tanta fiducia nel suo potenziale da sostenere, sottolineando “il suo formidabile dritto e la sua determinazione nel lavorare per migliorarsi” nell’intervista resa a Ubaldo Scanagatta presente a Palermo, “non mi stupirei se riuscisse a entrare tra le prime cinque del mondo”. E se così fosse peccato che la ragazza che ha il passaporto italiano grazie al papà che e’ di Padova ed proprietario di una pizzeria in Costa Azzurra vicino Nizza – ha invitato il direttore a mangiarla chez Ferro! – non abbia optato a giocare per l’Italia. Due finali, due vittorie, Losanna e Palermo, dopo 6 vittorie consecutive nelle esibizioni francesi quest’estate (2 su 2 contro la Mladenovic), una potenziale top-player di 23 anni ci avrebbe fatto davvero comodo anche se – dice Planque che e’ succeduto a Huet lo scorso dicembre – “preferisce non esprimersi in italiano sebbene lo parli un po’ …perché è’ troppo timida”. Ma sul campo non lo e’ affatto. E risentiremo parlare di lei, vedrete.

Il tabellone completo

Continua a leggere

Italiani

Giorgi si ferma a un set dalla finale: a Palermo il titolo sarà un affare tra Ferro e Kontaveit

Gran rimonta di Fiona Ferro, che da quando il tennis è ripartito non ha mai perso (14 vittorie su 14). Giorgi: “Non sono rammaricata, ho fatto il mio gioco”

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Eravamo pronti a salutare il ritorno di una tennista italiana in finale a Palermo (l’ultima volta era accaduto nel 2013, fu addirittura un derby tra Errani e Vinci), ma ci si è messa di mezzo la grande rimonta di Fiona Ferro. Presa decisamente a pallate nel primo set da Camila Giorgi (il 5-0 iniziale è andato a referto come 6-2), la tennista francese non ha fatto una piega e da quel momento non è più stata sotto nel punteggio. Non solo, ma è stata praticamente perfetta dal punto di vista tattico approfittando di un calo di Giorgi nei colpi di inizio gioco (6-2 7-5 il punteggio degli ultimi due set).

Ferro sfiderà in finale Kontaveit, che ha sconfitto in due set la n.1 del seeding Martic: la sfida è inedita nel circuito maggiore, ma nel 2016 si sono affrontate in un torneo ITF a Poitiers con vittoria di Kontaveit.

GIORGI ILLUDE – Scorrendo semplicemente il punteggio si potrebbe sospettare una quota maggiore di rammarico per Camila Giorgi, ma analizzando la partita a posteriori si deve invece sottolineare il notevole cambio di marcia di Ferro. Travolta in ogni aspetto del gioco nel primo set – senza timore di smentite si può dire che in campo c’era solo Giorgi, a firmare vincenti da ambo i lati – la francese allenata da Emmanuel Planque (ex coach di Pouille) ha capito di non poter accettare lo scambio a velocità troppo sostenuta e ha iniziato a sporcare le traiettorie oltre che a difendersi meglio, soprattutto dal lato del rovescio – quello debole.

 

L’inerzia del match è cambiata con le improvvise difficoltà di Giorgi a difendere il servizio (tre break subiti su quattro nel secondo set) a cui si è accompagnata l’imprecisione in risposta; non a caso, nell’unico game del secondo set in cui è riuscita a rispondere con continuità, ha breakkato Ferro lasciandola a quindici. Non è servito a evitare il 6-2, punteggio speculare a quello del primo set.

Nell’ultimo parziale il livello delle due giocatrici è stato più vicino, ma Ferro aveva ormai acquisito sicurezza nella gestione delle traiettorie; è stata abile a rallentare il ritmo e costringere Giorgi a colpire sopra l’altezza delle spalle, aumentandone così il margine d’errore. Il rovescio, da colpo debole, si è addirittura trasformato in prezioso alleato con un paio di lungolinea vincenti che sono risultati decisivi nell’economia del match. Dopo aver perso il break di vantaggio, Ferro si è portata ancora avanti sul 5-5 e ha chiuso la contesa con il servizio allungando a quattordici la striscia di vittorie dalla ripresa: contando le dieci uscite in una competizione nazionale francese e le quattro partite di questa settimana, da circa un mese Ferro ha sempre vinto.

Nel terzo set ho forzato troppo la seconda“, ha detto Giorgi in conferenza stampa. “Ma non sono rammaricata, ho cercato sempre di fare il mio gioco. E mi sentivo in forma, la condizione fisica non è una scusa: è stato quel game nel terzo set a incidere“.

FUORI MARTIC – Non ha avuto molta storia la prima semifinale, sebbene ce la si aspettasse piuttosto combattuta. In parte per merito di Anett Kontaveit, in parte a causa delle condizioni fisiche imperfette della prima favorita Petra Martic, frenata da un fastidio alla schiena e da una coscia dolorante. Nel primo set la giocatrice estone non ha sbagliato quasi nulla, offrendo una sola palla break, mentre nel secondo – quello in cui Martic ha chiesto il trattamento medico – si è un po’ fatta condizionare e ha faticato a chiudere l’incontro, che alla fine si è concluso 6-2 6-4.

Martic è apparsa abbastanza serena in conferenza stampa, non ha accampato scuse (“Oggi la migliore giocatrice in campo è stata lei“, ha ammesso) e si è detta comunque soddisfatta torneo che ha disputato, confermando di non aver patito particolarmente la ‘nuova’ normalità dovuta alle misure di sicurezza. Dopo aver raccontato nei giorni scorsi che la sensazione più particolare durante il lockdown è stata quella di non sentirsi una tennista per un po’, oggi Petra ha detto che la settimana siciliana le è servita proprio per ricordarsi… cosa significa invece esserlo.

La finale tra Fiona Ferro e Anett Kontaveit andrà in scena domenica, 9 agosto, alle ore 19:30.

Risultati:

[4] A. Kontaveit b. [1] P. Martic 6-2 6-4
F. Ferro b. Camila Giorgi 6-2 2-6 7-5

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement