WTA Ranking, dove può arrivare Sharapova?

WTA

WTA Ranking, dove può arrivare Sharapova?

Pubblicato

il

TENNIS WTA RANKING – Il successo al Roland Garros porta Sharapova tra le prime 5 del mondo. Maria ha in scadenza solo 100 punti a Wimbledon fino a fine anno. Può aspirare al n.2 o anche alla vetta?

Il secondo slam della stagione è foriero di tante novità anche in classifica: piccole e grandi “rivoluzioni” che promettono di cambiare radicalmente gli equilibri degli ultimi anni.

Di alcune parlerò oggi, le altre le lascerò agli approfondimenti delle prossime settimane.

 

Mi sembra appropriato cominciare con la vincitrice del Roland Garros, Maria Sharapova. La russa prima dell’inizio del torneo era sull’orlo del baratro: difendeva la finale dell’anno scorso e il sorteggio non le era stato benevolo. La sconfitta prematura di Serena Williams è stato un colpo di fortuna, ma il torneo se l’è conquistato meritatamente con la sua straordinaria forza di volontà. Risultato? Rischiava di uscire dalla top ten se non addirittura dalle 15 ed ora è di nuovo top5, e con ampi margini di miglioramento. Tanto di cappello.

Ora per Sharapova comincia la discesa. Nei prossimi sei mesi dovrà difendere solo i 100 punti di Wimbledon. Dove sarà a fine anno? Se la salute l’assiste, a mio parere può ambire al n.2. Quelle che le stanno davanti infatti avranno il loro daffare per confermare i buoni risultati dell’anno scorso: Li difende, tra gli altri,  quarti a Wimbledon, semifinale agli US Open e finale al Masters (un totale solo per questi tre eventi di circa 2500 punti), Halep, nuova n.3 del mondo, ha ben sei tornei vinti in scadenza che, seppur siano minori, fanno quasi 2200 punti complessivi.

Sharapova è prima nella RACE. Può ritornare in vetta anche nella classifica su 52 settimane?  Il n.1 è ancora saldamente in mano a Serena e solo lei può lasciarselo scappare. Se giocherà come ha fatto fino ad ora (ha perso da inizio anno 3600 punti), Maria avrà delle chance.

Scende al n.8 Victoria Azarenka. È previsto un suo rientro alle competizioni a breve, dopo lo stop per l’infortunio al piede. Ma che Azarenzka sarà? Riuscirà a difendere i risultati in scadenza in estate o sarà destinata a scivolare ancora più indietro in classifica? Per il bene della WTA mi auguro sinceramente di ritrovare una Azarenka competitiva ad alti livelli. Lei e Sharapova, sono state, a fasi alterne, le grandi assenti degli ultimi nove mesi: Maria ha saltato l’ultima metà del 2013, Vika ha inanellato risultati deludenti dopo la sconfitta in finale agli US Open e non ha praticamente più giocato dagli Australian Open, eccenzion fatta per Indian Wells, sconfitta al primo turno. Non avessero avuto questi problemi, Li e Halep sarebbero ora così in alto in classifica?

Sale al n.12 Eugenie Bouchard e prenota la top ten. Contrariamente a Sthepens, che si è un po’ persa dopo la semifinale agli Australian Open, la canadese ha confermato il risultato al Roland Garros e, se continuerà su questa strada, vedo lei piuttosto che Pennetta (ha gli ottavi di Wimbledon 2013 che incombono) o Ivanovic tra le prime dieci se non addirittura tra le cinque a fine anno.

Altri movimenti di rilievo: torna in top 20 Petkovic (+7, n.20), entra nelle trenta Muguruza (+8, n.27), si avvicina alla top50 Tomljanovic (+21, n.51).

Capitolo italiane: retrocedono Errani (-3, n.14), Vinci (-2, n.22) e Schiavone (-17, n.71). Prosegue la scalata di Giorgi (+6, n.44).

Pos.

Giocatrice

Punti

Tornei

Diff. fine 2013

Diff. dal 26/05/14

1

Williams, Serena

9660

17

0

0

2

Li, Na

7450

15

1

0

3

Halep, Simona

6435

23

8

1

4

Radwanska, Agnieszka

5990

22

1

-1

5

Sharapova, Maria

4741

16

-1

3

6

Kvitova, Petra

4570

20

0

0

7

Jankovic, Jelena

3995

22

1

0

8

Azarenka, Victoria

3841

14

-6

-3

9

Kerber, Angelique

3830

24

0

0

10

Cibulkova, Dominika

3735

23

5

0

11

Pennetta, Flavia

3324

22

20

2

12

Bouchard, Eugenie

3320

25

20

4

13

Ivanovic, Ana

3305

22

3

-1

14

Errani, Sara

3120

22

-7

-3

15

Suarez Navarro, Carla

2935

25

2

0

16

Wozniacki, Caroline

2700

18

-6

-2

17

Stosur, Samantha

2565

23

1

1

18

Lisicki, Sabine

2466

19

-3

-1

19

Stephens, Sloane

2441

21

-7

0

20

Petkovic, Andrea

2350

24

19

7

 

Teen Ranking

Incredibilmente,  è invariata la classifica delle under20. I miglioramenti di Bouchard rendono la sua leadership ancora più solida.

Il Teen-Ranking si ottiene limitando la classifica alle giocatrici nate dopo il 1° gennaio 1994.

Pos.

Giocatrice

Anno

Class. WTA

Diff. dal 26/05/14

1

Bouchard, Eugenie

1994

12

0

2

Svitolina, Elina

1994

34

0

3

Keys, Madison

1995

42

0

4

Beck, Annika

1994

53

0

5

Schmiedlova, Anna

1994

55

0

6

Vekic, Donna

1996

63

0

7

Bencic, Belinda

1997

77

0

8

Robson, Laura

1994

80

0

9

Van Uytvanck, Alison

1994

92

0

10

Kovinic, Danka

1994

107

0

 

Nation Ranking

Grazie a Petkovic, la Germania aggancia l’Italia in prima posizione. Retrocedono al terzo posto gli Stati Uniti. Avanzano anche Repubblica Ceca (n.5) e Spagna (n.8).

Il Nation Ranking si ottiene sommando il ranking delle prime tre giocatrici di ciascuna nazione.

Pos.

Nazione

Punteggio

Diff. dal 26/05/14

1

Italia

47

0

1

Germania

47

1

3

Stati Uniti

50

-1

4

Russia

54

0

5

Repubblica Ceca

60

1

6

Serbia

66

-2

7

Slovacchia

76

0

8

Spagna

94

1

9

Cina

96

-1

10

Romania

97

0

 

Casa Italia

Flavia Pennetta torna ad essere la numero 1 d’Italia. Giorgi scavalca di nuovo Knapp e si asseta in quarta posizione.

Migliora il ranking medio delle top 5 italiane: oggi è 27,6, prima del Roland Garros era 28

Pos.

Giocatrice

Class. WTA

Diff. fine 2013

Diff. dal 26/05/14

1

Pennetta, Flavia

11

20

1

2

Errani, Sara

14

-7

-1

3

Vinci, Roberta

22

-8

0

4

Giorgi, Camila

44

54

1

5

Knapp, Karin

47

-6

-1

6

Schiavone, Francesca

71

-32

0

7

Burnett, Nastassja

149

18

0

8

Brianti, Alberta

183

25

0

9

Barbieri, Gioia

192

60

1

10

Grymalska, Anastasia

222

40

-1

11

Camerin, Maria Elena

224

-32

1

12

Gatto Monticone, Giulia

230

16

-1

13

Dentoni, Corinna

327

-60

0

14

Sanesi, Gaia

344

92

0

15

Balducci, Alice

376

72

0

16

Caregaro, Martina

420

47

0

17

Remondina, Anna

439

-58

0

18

Bruzzone, Giulia

456

122

0

19

Giovine, Claudia

480

132

0

20

Rosatello, Camilla

501

63

0

 

LE TOP 50

Legenda: nelle top 50 trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[1]       1          Williams, Serena        United States 26 Sep 1981    9660    17
[2]       2          Li, Na   China   26 Feb 1982    7450    15
[4]       3          Halep, Simona            Romania         27 Sep 1991    6435    23
[3]       4          Radwanska, Agnieszka           Poland             06 Mar 1989   5990    22
[8]       5          Sharapova, Maria      Russia 19 Apr 1987    4741    16
[6]       6          Kvitova, Petra             Czech Republic           08 Mar 1990   4570    20
[7]       7          Jankovic, Jelena          Serbia 28 Feb 1985    3995    22
[5]       8          Azarenka, Victoria      Belarus           31 Jul 1989     3841    14
[9]       9          Kerber, Angelique      Germany         18 Jan 1988    3830    24
[10]     10        Cibulkova, Dominika Slovakia          06 May 1989 3735    23
[13]     11        Pennetta, Flavia         Italy     25 Feb 1982    3324    22
[16]     12        Bouchard, Eugenie     Canada           25 Feb 1994    3320    25
[12]     13        Ivanovic, Ana Serbia 06 Nov 1987   3305    22
[11]     14        Errani, Sara    Italy     29 Apr 1987    3120    22
[15]     15        Suarez Navarro, Carla           Spain   03 Sep 1988    2935    25
[14]     16        Wozniacki, Caroline   Denmark         11 Jul 1990     2700    18
[18]     17        Stosur, Samantha       Australia         30 Mar 1984   2565    23
[17]     18        Lisicki, Sabine             Germany         22 Sep 1989    2466    19
[19]     19        Stephens, Sloane        United States 20 Mar 1993   2441    21
[27]     20        Petkovic, Andrea        Germany         09 Sep 1987    2350    24
[24]     21        Safarova, Lucie           Czech Republic           04 Feb 1987    2185    24
[20]     22        Vinci, Roberta            Italy     18 Feb 1983    2150    25
[23]     23        Makarova, Ekaterina             Russia 07 Jun 1988    2130    19
[21]     24        Cornet, Alize   France             22 Jan 1990    1995    25
[22]     25        Flipkens, Kirsten         Belgium          10 Jan 1986    1980    24
[25]     26        Pavlyuchenkova, Anastasia    Russia 03 Jul 1991     1885    21
[35]     27        Muguruza, Garbine    Spain   08 Oct 1993    1705    15
[26]     28        Cirstea, Sorana           Romania         07 Apr 1990    1680    25
[28]     29        Kuznetsova, Svetlana Russia 27 Jun 1985    1636    18
[29]     30        Williams, Venus         United States 17 Jun 1980    1596    16
[31]     31        Hantuchova, Daniela Slovakia          23 Apr 1983    1586    24
[32]     32        Vesnina, Elena            Russia 01 Aug 1986   1520    22
[30]     33        Koukalova, Klara        Czech Republic           24 Feb 1982    1495    29
[33]     34        Svitolina, Elina            Ukraine           12 Sep 1994    1385    27
[34]     35        Rybarikova, Magdalena         Slovakia          04 Oct 1988    1360    26
[36]     36        Zhang, Shuai   China   21 Jan 1989    1351    27
[42]     37        Pironkova, Tsvetana   Bulgaria          13 Sep 1987    1331    23
[38]     38        Meusburger, Yvonne Austria            03 Oct 1983    1317    26
[44]     39        Nara, Kurumi Japan   30 Dec 1991   1264    24
[45]     40        Riske, Alison   United States 03 Jul 1990     1256    24
[39]     41        Kanepi, Kaia    Estonia            10 Jun 1985    1222    18
[40]     42        Keys, Madison            United States 17 Feb 1995    1205    21
[48]     43        Dellacqua, Casey        Australia         11 Feb 1985    1185    14
[50]     44        Giorgi, Camila            Italy     31 Dec 1991   1185    16
[43]     45        Garcia, Caroline         France             16 Oct 1993    1174    27
[37]     46        Jovanovski, Bojana     Serbia 31 Dec 1991   1170    24
[49]     47        Knapp, Karin   Italy     28 Jun 1987    1145    25
[53]     48        Pliskova, Karolina       Czech Republic           21 Mar 1992   1100    29
[52]     49        McHale, Christina      United States 11 May 1992 1094    22
[41]     50        Puig, Monica Puerto Rico     27 Sep 1993    1065    21

RACE

Legenda: trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[4]       1          Sharapova, Maria      Russia 19 Apr 1987    4640    9
[1]       2          Li, Na   China   26 Feb 1982    3840    8
[5]       3          Halep, Simona            Romania         27 Sep 1991    3779    11
[2]       4          Williams, Serena        United States 26 Sep 1981    3081    10
[3]       5          Radwanska, Agnieszka           Poland             06 Mar 1989   2917    11
[6]       6          Cibulkova, Dominika Slovakia          06 May 1989 2608    11
[13]     7          Bouchard, Eugenie     Canada           25 Feb 1994    2306    13
[7]       8          Ivanovic, Ana Serbia 06 Nov 1987   2290    11
[8]       9          Jankovic, Jelena          Serbia 28 Feb 1985    2221    13
[10]     10        Errani, Sara    Italy     29 Apr 1987    2186    13
[12]     11        Suarez Navarro, Carla           Spain   03 Sep 1988    1965    14
[11]     12        Kerber, Angelique      Germany         18 Jan 1988    1868    13
[9]       13        Pennetta, Flavia         Italy     25 Feb 1982    1862    10
[23]     14        Petkovic, Andrea        Germany         09 Sep 1987    1605    13
[16]     15        Muguruza, Garbine    Spain   08 Oct 1993    1465    12

Continua a leggere
Commenti

WTA

Sabalenka domina Halep ad Adelaide, Barty in semifinale contro Collins

La bielorussa non lascia scampo alla seconda testa di serie del torneo. Troverà Yastremska al prossimo turno. La numero uno del mondo doma in due set una buona Vondrousova

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - Adelaide 2020 (via Twitter, @AdelaideTennis)

Tutti incontri a senso unico, ma non privi di sorprese al WTA International di Adelaide che vedeva oggi svolgersi la giornata dei quarti di finale. La notizia sicuramente più clamorosa riguarda l’eliminazione della seconda testa di serie, Simona Halep, per mano di Aryna Sabalenka. La bielorussa è riuscita a emergere vincitrice da un altalenante primo set, durante il quale le due giocatrici hanno perso il servizio due volte a testa prima dello sprint decisivo di Sabalenka. Nel secondo parziale invece non c’è stata storia e Aryna ha malmenato (tennisticamente parlando s’intende) la propria avversaria fino al 6-2 che ha chiuso la contesa. In semifinale Sabalenka sfiderà Dayana Yastremska, che ha superato in due set Donna Vekic. L’ucraina è stata bravissima a centrare il break sul finale di entrambi i set, beffando così una Vekic comunque apparsa in buona forma.

Nella semifinale della parte alta si sfideranno invece la numero uno del mondo, Ashleigh Barty, e Danielle Collins. L’australiana ha domato in due set una buona versione di Marketa Vondrousova, nel remake della finale del Roland Garros 2019. La ceca, ferma da Wimbledon dello scorso anno, ha giocato una buona partita e soprattutto nel secondo set è riuscita a dare qualche grattacapo a Barty, senza però riuscire mai davvero a mettere in discussione il risultato finale. Dopo aver vinto il primo set in maniera piuttosto agevole, Barty è riuscita a conquistarsi un break di vantaggio anche nel secondo parziale, ma Vondrousova è riuscita a rientrare immediatamente nel match. Lo spettacolo offerto dalle due è stato davvero godibile e entrambe hanno alternato con successo tagli insidiosi a pregevoli cambi lungolinea.

Qualche imprecisione col dritto di Barty ha permesso a Vondrousova di prendere sempre più fiducia, ma l’australiana ha sempre fatto buona guardia al servizio salvando una pericolosa palla break nel sesto gioco. A questo punto la ceca si è un po’ incartata, complici alcuni slice corti di Barty che la costringono a presentarsi a rete senza carte buone in mano. L’ultimo sussulto è arrivato nel gioco successivo con Vondrousova capace di issarsi ben quattro volte a palla break, senza successo però. Barty, perfetta nei punti importanti, ha poi approfittato del comprensibile calo psicologico dell’avversaria per strapparle ancora il servizio e chiudere il match. Tra lei e la finale ora c’è solo Collins che ha dominato il suo quarto di finale lasciando appena quattro giochi a Belinda Bencic, quarta testa di serie

Risultati:

D. Collins b. [4/WC] B. Bencic 6-3 6-1
D. Yastremska b. D. Vekic 6-4 6-3
[6/WC] A. Sabalenka b. [2] S. Halep 6-4 6-2
[1] A. Barty b. [8] M. Vondrousova 6-3 6-3

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

WTA

Da Parigi ad Adelaide: Barty ritrova una Vondrousova in gran forma

Ai quarti il remake della finale dell’ultimo Roland Garros. Avanti Bencic e Sabalenka, che sfida Halep. Ad Hobart ancora buoni segnali da Muguruza

Pubblicato

il

Marketa Vondrousova - Roland Garros 2019 (via Twitter, @rolandgarros)

Il successo di Belinda Bencic su Julia Goerges ha completato il quadro dei quarti di finale del torneo Premier di Adelaide, dove Ashleigh Barty e Simona Halep comandano i due estremi del tabellone. La svizzera, quarta testa di serie, ha avuto bisogno di un doppio tie break nella sfida che ha chiuso la giornata.

Pur doppiata negli ace (12-6), la numero sette del mondo è riuscita a far suoi i punti decisivi guadagnandosi ai quarti di finale l’incrocio con Danielle Collins. La statunitense, un po’ a sorpresa, ha avuto nettamente la meglio sulla connazionale Sofia Kenin (7 del seeding) lanciando un bel segnale (84% di punti sulle prime di servizio) verso lo Slam d’apertura della stagione. A Melbourne Park difende la semifinale di un anno fa.

 

Il quarto di finale meno nobile (perché senza teste di serie) sarà quello tra Donna Vekic e Dayana Yastremska. Partita vera per la croata, che in due ore ha rimontato un set di svantaggio contro Maria Sakkari inchiodando addirittura la greca sul 6-1 nel parziale decisivo. Yastremska ha invece beneficiato delle condizioni non ottimali di Angelique Kerber: l’ex numero uno infatti è stata costretta al ritiro per un guaio al ginocchio sinistro, quando si trovava sotto 6-3 2-0. “Non ho notato nelle prime battute che Angie fosse in difficoltà fisica – ha raccontato l’ucraina al sito WTA -, perché in realtà stava giocando bene. Spero possa recuperare nel migliore dei modi per l’Australian Open. Ogni volta che gioco contro Vekic è boom boom boom (letterale, sorridendo, ndr), abbiamo lo stesso stile di gioco e ne verrà fuori un match interessante“. Nell’ultimo precedente, a Zhuhai, ha vinto la diciannovenne di Odessa.

Di significativo interesse i quarti che attendono le grandi favorite. Sulla strada della numero uno del mondo Ashleigh Barty riappare Marketa Voundrosova, nel remake della finale dell’ultimo Roland Garros. La ceca sembra tornata al meglio dall’infortunio al polso – era ferma da Wimbledon – e ha rifilato un impietoso bagel alla numero 201 WTA Arina Rodionova (che appena un giorno prima aveva infierito sulle difficoltà di Sloane Stephens). Nello spicchio più basso del tabellone, Simona Halep attende Arina Sabalenka (battuta in entrambi i precedenti): la bielorussa, 12 del mondo, ha sofferto solo per un set prima di passare su Bernarda Pera.

Il tabellone completo di Adelaide

AVANTI GARBINE – Chiuso il cerchio delle prime otto anche in Tasmania, dove si gioca l’International di Hobart, con le prime due teste di serie Mertens e Muguruza ancora al loro posto. La spagnola – che ha vinto il torneo nel 2014 – ha dimostrato forza mentale nelle due ore di combattimento (condizionate anche dalle interruzioni per la pioggia) a cui l’ha costretta Ons Jabeur prima di cedere al tie break del terzo set. “Abituarmi a partite così dure è un bene in vista dell’intera stagione, non solo dell’Australian Open“, le sue parole. Troppo presto per parlare di una giocatrice ritrovata, ma la semifinale della scorsa settimana a Shenzhen ha avuto un buon seguito (ai quarti sfiderà Kudemertova).

Il tabellone completo di Hobart

Continua a leggere

WTA

Ad Adelaide primi successi stagionali per Barty e Halep

Molto bene la rumena, più complicazioni per la numero uno. Stephens alla deriva, gradito ritorno per Vondrousova. A Hobart vincono Mertens e Muguruza

Pubblicato

il

Ashleigh Barty (via Twitter, @AdelaideTennis)

Solo martedì, ma il riscaldamento in vista dell’Open d’Australia al femminile è già entrato nel vivo. Ad Adelaide, clou della settimana di vigilia, le maggiorenti del tour si sono addirittura già prese i quarti di finale: avuto e goduto un bye per scavalcare il primo turno, Ash Barty e Simona Halep hanno avuto il privilegio di giocare gli unici due ottavi di giornata, buoni per garantire a entrambe il primo successo del 2020. Particolarmente complesso quello ottenuto dalla numero uno contro l’insondabile ma pericolosa, quando in giornata, Pavyuchenkova, chiuso sul sette a cinque al terzo set.

Reduce dal capitombolo con Jennifer Brady nell’esordio stagionale di Brisbane, Ash è partita anche oggi contratta e per il tempo necessario a vedersi sfilare il primo set non è riuscita a disinnescare la nota potenza rivale, ma, una volta strappato il servizio alla russa nel secondo, la differenza di tennis, pedigree e fiducia è emersa piuttosto nettamente con ampi riflessi sul punteggio. Il focus agonistico di Barty, per ora non centratissimo, ha imposto comunque un finale da tremarella: sopra di due break nella frazione decisiva, la tennista da Ipswich s’è fatta riprendere sul cinque pari, riuscendo per sua fortuna a piazzare il colpo di reni per occupare il quarto di finale contro la vincente del match tra Rodionova e Vondrousova, le cui vittorie odierne sono peraltro meritevoli di un breve commento.

Arina, già gasatissima per le qualificazioni brillantemente superate sbaragliando Carla Suarez Navarro e Anastasia Potapova, nientemeno, proseguirà la corsa grazie al successo su un’impresentabile Sloane Stephens, la cui ultima vittoria nel tour maggiore risale al mese di settembre: in grado di raccogliere appena quattro game in un’ora e dodici minuti d’ignavia tennistica, l’ex campionessa degli US Open ha dimostrato ancora una volta come non sia in alcun modo possibile vincere un match del circuito pro restando immobili. Gioia invece per il ritorno alle gare ancor prima che al successo di Marketa Vondrousova, la quale era ferma dai tempi di Wimbledon per colpa di un infortunio al braccio. La ceca, attesa a un 2020 privo di guai fisici, ha lasciato tre giochi a Tatjana Maria.

 

In chiusura di giornata, esordio stagionale con successo per Simona Halep, brava a uscire in due set da un match non banale contro Ajla Tomljanovic. “Ci avevo già giocato un paio di volte – ha detto Simona nell’intervista post partita -, sapevo che non sarebbe stato facile. Non è facile contro di lei ma prima di tutto non è semplice affrontare la prima partita dell’anno dopo una pausa così lunga. Sono molto soddisfatta e pronta ad alzare il livello nei prossimi giorni“. Lo sprint in direzione Melbourne è iniziato.

Risultati:

Adelaide, primo turno

[Q] A. Rodionova b. S. Stephens 6-2 6-2
[8] M. Vondrousova b. [LL] T. Maria 6-3 6-0
[Q] B. Pera b. B. Strycova 7-6(6) 6-3
J. Goerges b. [Q] P. Hon 7-6(7) 6-3
[6] A. Sabalenka b. S-W. Hsieh 5-7 6-1 7-5

Secondo turno

[1] A. Barty b. A. Pavlyuchenkova 4-6 6-3 7-5
[2] S. Halep b. [WC] A. Tomljanovic 6-4 7-5

Hobart, primo turno

C. Bellis b. M. Bouzkova 3-6 7-6(4) 6-3
[Q] O. Jabeur b. A. Blinkova 6-4 6-1
[WC] L. Cabrera b. C. Garcia 4-6 6-4 6-2
A. Cornet b. A. Van Uytvanck 7-5 1-6 6-2
[4] S. Zhang b. K. Flipkens 4-6 6-3 6-2
[2] G. Muguruza b. Y. Wang 6-1 7-5
[1] E. Mertens b. [Q] C. McHale 6-1 6-1
[3] E. Rybakina b. T. Zidansek 6-1 6-4

I tabelloni aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement