WTA Ranking, Sharapova scavalca Halep e Kvitova: è di nuovo n.2 del mondo

WTA

WTA Ranking, Sharapova scavalca Halep e Kvitova: è di nuovo n.2 del mondo

Pubblicato

il

 
 

TENNIS WTA RANKING – Maria ritorna n.2 del mondo dopo la bella vittoria a Pechino. A Kvitova non basta la finale per superare Halep. Sia la russa sia la ceca hanno i numeri per ambire al vertice, Williams permettendo.

Che Sharapova potesse guadagnare posizioni decisive nella seconda metà dell’anno era abbastanza scontato, considerato che la russa disertò, per problemi fisici, tutta la parte finale della scorsa stagione. Personalmente, però, mi sarei aspettato accadesse prima, già nei tornei del circuito nordamericano o agli US Open. Poco importa quali fossero le mie aspettative, di certo Maria riagguanta il n.2 del ranking nel migliore dei modi: 33° titolo in carriera, 4° dell’anno, primo torneo vinto sul cemento da 18 mesi a questa parte – e che torneo! Addirittura un Premier Mandatory – “dedicato” a chi la dava per morta su questa superficie.

A proposito della russa, vorrei riportare un commento di stefre, all’articolo di cronaca della finale di ieri, che fa riflettere: “… Mi chiedo invece quanto possa valere a livello economico questo successo (e non mi riferisco al prize money del torneo); ho avuto l’impressione che l’eccezionale determinazione e concentrazione che Maria ha mostrato in questa settimana possa essere frutto di una strategia che fonde insieme sport ed affari ed è mirata alla promozione del personaggio nell’immenso mercato cinese; Maria è già popolarissima in Asia e Li Na si è appena ritirata; in attesa che dallo sterminato potenziale cinese emergano altre tenniste/i di livello assoluto Maria, contrariamente a qualche altra top player che invece tende un po’ a snobbare questo contesto, sembra candidarsi ad occupare almeno una parte degli spazi lasciati liberi da Li Na, con enormi vantaggi per il suo variegato business; fosse cosi sarebbe davvero geniale”.

 

Ora, non sapremo mai quali potessero essere gli interessi (sportivi, di marketing o entrambi) che hanno motivato Sharapova, ma, anche alla luce di queste interessanti considerazioni, la vittoria della russa non poteva arrivare in un momento migliore.

La questione ora è: può aspirare, Maria, a concludere la stagione da n.1? Vediamo nel dettaglio la situazione della 4 candidate. Kvitova è in tabellone alla Kremlin Cup di Mosca, mentre le altre tre non hanno tornei in programma fino al Masters. Ad Halep scadono i punti della vittoria a Mosca e nel Master B di Sofia di un anno fa. Al netto di questi risultati e dei punti ottenuti alle Finals 2013 (per chi le ha giocate), la situazione è:

fig.1

Le certezze sono due: Williams per essere sicura di restare in vetta deve almeno arrivare in finale al Master da imbattuta nel Round Robin: in tal caso né Sharapova (vincitrice a punteggio pieno al Masters) né Kvitova (vincitrice a Mosca e a Singapore) potrebbero superarla.

Halep è già fuori dai giochi. Se Simona vincesse il Masters senza perdere partite arriverebbe al massimo a 6902 punti, che non sarebbero sufficienti nemmeno a superare una Williams che dà forfait al Masters (Serena avrebbe comunque 7145 punti).

fig. 2

Per le situazioni intermedie, vi lascio alla tabella:

fig. 3

Altri movimenti di rilievo: Halep (-1, n.3), Kvitova (-1, n.4), Bouchard (+1, n.6), best ranking, Stosur (+3, n.18).

Giocatrice Punti Tornei Diff. fine 2013 Diff. dal 29/09/14
1 Williams, Serena 8645 18 0 0
2 Sharapova, Maria 6680 16 2 2
3 Halep, Simona 6246 21 8 -1
4 Kvitova, Petra 6126 19 2 -1
5 Li, Na 5020 15 -2 0
6 Bouchard, Eugenie 4693 23 26 1
7 Radwanska, Agnieszka 4650 21 -2 -1
8 Ivanovic, Ana 4490 23 8 1
9 Wozniacki, Caroline 4215 20 1 -1
10 Kerber, Angelique 3920 24 -1 0
11 Errani, Sara 3085 24 -4 1
12 Cibulkova, Dominika 2977 23 3 1
13 Makarova, Ekaterina 2970 19 11 1
14 Jankovic, Jelena 2945 22 -6 -3
15 Pennetta, Flavia 2642 19 16 1
16 Petkovic, Andrea 2495 24 23 1
17 Safarova, Lucie 2460 24 12 -2
18 Stosur, Samantha 2430 25 0 3
19 Suarez Navarro, Carla 2400 26 -2 -1
20 Williams, Venus 2270 18 29 -1

 

Teen Ranking

Elina Svitolina supera Keys e si assesta in seconda posizione: Bouchard è però ancora molto lontana e resta la leader indiscussa delle teen.
Rientra al n.10 la bielorussa Sasnovich.
Il Teen-Ranking si ottiene limitando la classifica alle giocatrici nate dopo il 1° gennaio 1994.

Giocatrice Anno Class. WTA Diff. dal 29/09/14
1 Bouchard, Eugenie 1994 6 0
2 Svitolina, Elina 1994 31 1
3 Keys, Madison 1995 32 -1
4 Bencic, Belinda 1997 35 0
5 Beck, Annika 1994 58 0
6 Schmiedlova, Anna 1994 73 0
7 Van Uytvanck, Alison 1994 78 0
8 Vekic, Donna 1996 83 0
9 Smitkova, Tereza 1994 84 0
10 Sasnovich, Aliaksandra 1994 92

 

Nation Ranking

La Germania sorpassa di un soffio gli Stati Uniti e si posizione al terzo posto. Retrocede di una posizione la Serbia (n.6), trascinata in basso da Janokovic (-3, n.14) e da Jovanovski (-5, n.55). La Slovacchia aggancia la Spagna al n.9.
Il Nation Ranking si ottiene sommando il ranking delle prime tre giocatrici di ciascuna nazione.

Nazione Punteggio Diff. dal 29/09/14
1 Russia 41 0
2 Repubblica Ceca 49 0
3 Germania 51 1
4 Stati Uniti 52 -1
5 Italia 67 0
6 Serbia 77 -1
7 Cina 81 0
8 Romania 109 0
9 Spagna 112 0
9 Slovacchia 112 1

 

Casa Italia

Roberta Vinci, reduce da un buon torneo a Pechino, guadagna in classifica generale quelle (poche) posizioni che le permettono di superare Giorgi e tornare al n.3 d’Italia. Rientra tra le migliori venti nazionali Remondina, al n.19.
Il ranking medio delle top 5 italiane oggi è 33,6.

Giocatrice Class. WTA Diff. fine 2013 Diff. dal 29/09/14
1 Errani, Sara 11 -4 0
2 Pennetta, Flavia 15 16 0
3 Vinci, Roberta 41 -27 1
4 Giorgi, Camila 42 56 -1
5 Knapp, Karin 59 -18 0
6 Schiavone, Francesca 80 -41 0
7 Barbieri, Gioia 178 74 0
8 Brianti, Alberta 185 23 0
9 Burnett, Nastassja 234 -67 1
10 Grymalska, Anastasia 238 24 -1
11 Gatto Monticone, Giulia 242 4 0
12 Camerin, Maria Elena 259 -67 0
13 Sanesi, Gaia 339 97 0
14 Paolini, Jasmine 376 248 0
15 Matteucci, Alice 415 322 0
16 Remondina, Anna 423 -42 0
17 Balducci, Alice 481 -33 0
18 Prosperi, Valeria 510 132 0
19 Caregaro, Martina 538 -71
20 Savoretti, Alice 543 159 -1

 

LE TOP 50

Legenda: nelle top 50 trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[1]       1          Williams, Serena        United States 26 Sep 1981    8645    18
[4]       2          Sharapova, Maria      Russia 19 Apr 1987    6680    16
[2]       3          Halep, Simona            Romania         27 Sep 1991    6246    21
[3]       4          Kvitova, Petra             Czech Republic           08 Mar 1990   6126    19
[5]       5          Li, Na   China   26 Feb 1982    5020    15
[7]       6          Bouchard, Eugenie     Canada           25 Feb 1994    4693    23
[6]       7          Radwanska, Agnieszka           Poland             06 Mar 1989   4650    21
[9]       8          Ivanovic, Ana Serbia 06 Nov 1987   4490    23
[8]       9          Wozniacki, Caroline   Denmark         11 Jul 1990     4215    20
[10]     10        Kerber, Angelique      Germany         18 Jan 1988    3920    24
[12]     11        Errani, Sara    Italy     29 Apr 1987    3085    24
[13]     12        Cibulkova, Dominika Slovakia          06 May 1989 2977    23
[14]     13        Makarova, Ekaterina             Russia 07 Jun 1988    2970    19
[11]     14        Jankovic, Jelena          Serbia 28 Feb 1985    2945    22
[16]     15        Pennetta, Flavia         Italy     25 Feb 1982    2642    19
[17]     16        Petkovic, Andrea        Germany         09 Sep 1987    2495    24
[15]     17        Safarova, Lucie           Czech Republic           04 Feb 1987    2460    24
[21]     18        Stosur, Samantha       Australia         30 Mar 1984   2430    25
[18]     19        Suárez Navarro, Carla           Spain   03 Sep 1988    2400    26
[19]     20        Williams, Venus         United States 17 Jun 1980    2270    18
[20]     21        Cornet, Alizé   France             22 Jan 1990    2255    24
[24]     22        Peng, Shuai     China   08 Jan 1986    1925    24
[22]     23        Muguruza, Garbiñe    Spain   08 Oct 1993    1923    22
[23]     24        Azarenka, Victoria      Belarus           31 Jul 1989     1862    16
[25]     25        Lisicki, Sabine             Germany         22 Sep 1989    1835    22
[27]     26        Kuznetsova, Svetlana Russia 27 Jun 1985    1830    19
[26]     27        Dellacqua, Casey        Australia         11 Feb 1985    1705    19
[28]     28        Zahlavova Strycova, Barbora      Czech Republic           28 Mar 1986   1656    24
[30]     29        Pavlyuchenkova, Anastasia    Russia 03 Jul 1991     1640    23
[29]     30        Pliskova, Karolina       Czech Republic           21 Mar 1992   1610    30
[33]     31        Svitolina, Elina            Ukraine           12 Sep 1994    1600    27
[32]     32        Keys, Madison            United States 17 Feb 1995    1590    22
[31]     33        Stephens, Sloane        United States 20 Mar 1993   1481    22
[36]     34        Garcia, Caroline         France             16 Oct 1993    1327    27
[34]     35        Bencic, Belinda          Switzerland     10 Mar 1997   1323    22
[37]     36        Nara, Kurumi Japan   30 Dec 1991   1317    26
[39]     37        Diyas, Zarina Kazakhstan      18 Oct 1993    1290    27
[38]     38        Vandeweghe, Coco    United States 06 Dec 1991   1269    23
[35]     39        Lepchenko, Varvara   United States 21 May 1986 1251    22
[40]     40        Koukalova, Klara        Czech Republic           24 Feb 1982    1215    29
[44]     41        Vinci, Roberta            Italy     18 Feb 1983    1197    26
[42]     42        Giorgi, Camila            Italy     30 Dec 1991   1139    23
[43]     43        Flipkens, Kirsten         Belgium          10 Jan 1986    1135    26
[51]     44        Pironkova, Tsvetana   Bulgaria          13 Sep 1987    1129    22
[41]     45        Niculescu, Monica      Romania         25 Sep 1987    1110    26
[47]     46        Watson, Heather        United Kingdom         19 May 1992 1105    25
[54]     47        Barthel, Mona            Germany         11 Jul 1990     1103    28
[46]     48        Bacsinszky, Timea      Switzerland     08 Jun 1989    1101    21
[48]     49        Rybarikova, Magdalena         Slovakia          04 Oct 1988    1076    27
[45]     50        Kanepi, Kaia    Estonia            10 Jun 1985    1045    23

RACE

Legenda: trovate, in ogni riga: posizione precedente-classifica-giocatrice- nazionalità-data di nascita-punti-tornei

[1]       1          Williams, Serena       United States            26 Sep 1981   7146    17
[2]       2          Sharapova, Maria     Russia             19 Apr 1987   6680    15
[4]       3          Kvitova, Petra           Czech Republic          08 Mar 1990   5597    18
[3]       4          Halep, Simona           Romania         27 Sep 1991   5403    19
[5]       5          Bouchard, Eugenie   Canada           25 Feb 1994    4494    21
[6]       6          Radwanska, Agnieszka         Poland            06 Mar 1989   4441    20
[8]       7          Ivanovic, Ana            Serbia             06 Nov 1987   4390    20
[7]       8          Wozniacki, Caroline Denmark        11 Jul 1990     4045    19
[9]       9          Kerber, Angelique      Germany         18 Jan 1988    3480    22
[11]     10        Makarova, Ekaterina             Russia 07 Jun 1988    2970    19
[10]     11        Cibulkova, Dominika Slovakia          06 May 1989 2908    21
[12]     12        Errani, Sara    Italy     29 Apr 1987    2775    23
[13]     13        Jankovic, Jelena          Serbia 28 Feb 1985    2675    21
[14]     14        Pennetta, Flavia         Italy     25 Feb 1982    2642    18
[15]     15        Petkovic, Andrea        Germany         09 Sep 1987    2495    22

Continua a leggere
Commenti

Flash

Sakkari incontra il portiere campione del mondo Gianluigi Buffon a Collecchio

Maria Sakkari, oggi numero 7 della classifica mondiale, incontra Buffon nella casa del Parma Calcio. “Ogni tanto gioco a tennis, mi piacerebbe fare serve and volley” ammette l’ex n.1 azzurro

Pubblicato

il

Sakkari e Buffon - credits foto Parma Calcio

Al Collecchio Sport Center, casa del Parma Calcio, si sono incontrati il 27 settembre Gianluigi Buffon, portiere laureatosi campione del mondo nel 2006 e da molti considerato uno dei più forti della storia, e Maria Sakkari, la tennista greca numero 7 della classifica mondiale. Sakkari, attualmente impegnata nel Parma Ladies Open presented by Iren (WTA 250), ha confessato che Buffon è sempre stato il suo idolo: “Da tre anni quando mi alleno con le volée, il mio coach Tom Hill mi dice di non far passare niente, esattamente come Gianluigi Buffon

L’ex portiere storico della Juventus ha raccontato di essere appassionato anche di tennis: “Ogni tanto gioco a tennis, mi piacerebbe fare serve and volley”. Alla tennista greca confessa di averla seguita: “Ho visto che hai vinto contro Baindl, mi piace il tennis femminile” e ha poi precisato “ma anche quello maschile naturalmente”.  All’incontro erano presenti il team della giocatrice, l’allenatore del Parma, Fabio Pecchia ed il terzino greco (nazionale under 21) Vasilios Zagaritis, attuale compagno di squadra di Buffon. Tra i diversi temi interessanti emersi durante l’incontro, Buffon ha raccontato alla tennista il segreto della sua carriera longeva: “Sono sempre felice, mi godo il tempo in cui gioco e quello con la mia famiglia”. Oltre alla condivisone e al confronto delle proprie passioni i due si sono infine scambiati anche dei regali: Sakkari ha donato al portiere del Parma la sua racchetta, che a sua volta le ha regalato la maglietta numero 1.

Continua a leggere

Flash

WTA Tallinn: Kontaveit cede il secondo set ma vince contro Wang, molto bene Bonaventure

Avanzano le due top 15 Kontaveit e Haddad Maia ma anche un’ottima Ysaline Bonaventure numero 138 WTA; troppo facile invece per Donna Vekic

Pubblicato

il

Nella seconda giornata del WTA 250 di Tallinn le ventenni del circuito hanno trionfato. Jil Teichmann, la 25enne svizzera ha battuto Laura Siegemund al tiebreak del secondo set 6-4 7-6 con 9 punti a 7. Con la posizione numero 36 nella classifica WTA, la svizzera si è saputa imporre soprattutto con i punti portati a casa in risposta al servizio: 37 punti contro i 22 della belga Siegemund. Avanti anche Tereza Martincova che ha battuto Mirjam Bjorklund due set a zero: 7-6 6-3. La 27enne della Repubblica Cieca ha dovuto lottare per aggiudicarsi il primo set, ma nel secondo set la differenza l’hanno fatta anche per lei i punti vinti in risposta e la percentuale di punti vinti su tutta la partita con la seconda di servizio: 79% contro 57% per la Bjorklund. A grande sorpresa anche Ysaline Bonaventure, numero 138 nella classifica WTA, ha vinto contro la statunitense Shelby Rogers, che vanta invece una classifica ben migliore: 35 WTA. La 28enne belga ha vinto 6-4 6-4. Si è aggiudicata 31 punti vinti in risposte contro quasi la metà della sua avversaria e ha mantenuto un’ottima percentuale di punti vinti al servizio. Battuta anche la statunitense Claire Liu dalla sua connazionale di 22 anni, Ann Li, senza troppi problemi: 6-2 7-5.

Nessuna sorpresa invece per il match di Beatriz Haddad Maia, la brasiliana numero 15 della classifica mondiale che battuto Xin Wang 2 set a 1. La 26enne brasiliana ha vinto il primo set 6-3, poi ha tremato parecchio nel secondo set, scivolato via veloce con un punteggio di 6-1 per la Wang. La brasiliana è poi rinsavita nel terzo set ed ha vinto 6-4. Vittoria stracciante è stata invece quella di Donna Vekic che ha vinto in un’ora di gioco contro Maileen Nuudi 6-2 6-0. La 26enne numero 85 della classifica WTA ha nettamente vinto con l’82% dei punti sulla prima di servizio contro un quasi ridicolo 25% della Nuudi. Ed infine l’ultima partita vinta, la più attesa, quella di Anett Kontaveit contro Xiy Wang, con un punteggio di 3-6 6-2 7-5. La padrona di casa è partita male concedendo il primo set ma ha recuperato in fretta nel secondo per poi aggiudicarsi anche il terzo grazie a una seconda di servizio molto solida che le ha permesso di portare a casa 47% dei punti vinti contro il 33% della Wang.

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

WTA Parma: Trevisan va troppo a sprazzi, la costanza di Sorribes Tormo le regala la vittoria. Paoletti sfrutta alla grande la wild-card

Prestazione opaca di Martina, che crolla nel secondo set sotto la continuità della spagnola. La classe 2003 avanza al secondo turno

Pubblicato

il

Martina Trevisan – WTA Parma 2022 (foto: Daniele Combi)

S. Sorribes Tormo b. [2] M. Trevisan 7-5 6-2

Dopo la prima, entusiasmante vittoria di Matilde Paoletti, la giornata per i colori azzurri non prosegue nel migliore dei modi al Parma Ladies Open. Infatti, sul centrale, dopo due ore di (a tratti) ottimo tennis, e un set di grande equilibrio e attimi del vero bel gioco che sa fare, Martina Trevisan si è praticamente arresa a Sara Sorribes Tormo, crollando e non trovando neanche la più pallida ombra di sé nel secondo parziale, memore forse anche delle occasioni sprecate dopo aver perso il primo. Prosegue il periodo no per Trevisan, che non vince partite consecutive dal torneo di Budapest a luglio, e incappa oggi nella quarta sconfitta di fila, denunciando il bisogno di ritrovare il coraggio e le meraviglie mostrate al Roland Garros. Bella vittoria, e strameritata però, per la spagnola, che punta almeno a pareggiare il miglior risultato del suo 2022: una semifinale, sempre su terra rossa, e curiosamente sempre in Italia, a Palermo (persa da Begu).

Il match – si parte con un game fiume, in cui Trevisan impiega ben 12 minuti per chiudere, alternando punti da urlo a errori da evitare contro una regolarista come la spagnola. Inizia però anche peggio Sorribes Tormo con il suo servizio, infilando due doppi falli e un non forzato per guidare a tre palle break consecutive Martina: gestisce bene sulle prime due l’iberica, annullandole, ma la strategia (alzare tanto la palla) e le accelerazioni di Trevisan le permettono comunque di passare in vantaggio. Peccato che subito nel game successivo Sorribes spinga da fondo, tenendo lontana Martina (che ha evidenti difficoltà al servizio), che commette ancora con qualche errore di troppo, e recuperando subito il break. L’italiana finisce per trovarsi addirittura sotto nel quinto gioco, subendo la capacità di rigiocare sempre della spagnola, che ben usa anche l’arma della palla corta per mettere in difficoltà Martina e portarsi in vantaggio. Il dritto pian piano inizia a funzionare per Trevisan, che dovrebbe però minare le certezze della spagnola, troppo in palla in questo set. Annulla due set point nel nono gioco la n.1 d’Italia, a tratti smarrendo il dritto e la costanza da fondo, riuscendo però a riacciuffarli nei momenti chiave. Il set prosegue lungo e tra capovolgimenti di fronte, con il rientro di Martina alla penultima spiaggia…salvo capitolare nuovamente alla quarta palla break nell’undicesimo game, ancora con troppi errori che non sono da lei, mentre la spagnola prosegue la sua strategia tra legnate e palle corte. Alla fine, con una prima vincente, Sorribes Tormo porta a casa il primo set (da 1h e 30) 7-5, meritatamente, essendo stata la più costante tra le due lungo tutto l’arco del parziale, con pochi errori e buona spinta, contro una Martina discontinua e fallosa.

 

La grinta e l’abnegazione di Sorribes Tormo le permettono di ottenere subito il break nel secondo parziale, ancora costringendo Trevisan a giocare sempre un colpo in più e con gran pesantezza di palla. Si porta, proseguendo il suo paziente e incisivo gioco, sul 3-0 la spagnola, sempre godendo di una Martina non nella sua ora più splendente, che neanche con il dritto riesce a tracciare una reale differenza o quantomeno reggere la botta. Sta giocando letteralmente un altro tennis Sorribes Tormo, che vince il settimo gioco di fila dal 5-5 nel primo parziale, per quanto ormai appaia l’unica giocatrice in campo, con Martina che non riesce a trovare più un colpo decente, come se avesse del tutto staccato la spina. Conclude poco dopo, senza sbavature, in scioltezza, un secondo set che corona una gran prestazione la spagnola, di qualità e anche tanta quantità, in luogo di una Trevisan smarrita in cerca del suo meglio. Agli ottavi di finale Sorribes Tormo affronterà Lauren Davis, vincitrice su Sara Errani.

BRAVA MATILDE – Matilde Paoletti, classe 2003, ottiene una bellissima vittoria sulla rumena Gabriela Lee, avanti a lei di più di 150 posti in classifica mondiale. L’azzurra sfrutta dunque al meglio la wild-card riservatele, come del resto aveva già fatto a Palermo un paio di mesi fa, passando due turni.

[WC] M. Paoletti b. [LL] G. Lee 6-4 3-6 6-0

IL MATCH – Entrambe non sono entrate bene nel match. Si sono visti errori di diversi metri, inizialmente più da parte della giocatrice azzurra. Lee, in vantaggio 3-0, ha da subito messo in mostra il suo rovescio a una mano mancino, molto elegante e spesso anche efficace. Poi con molta attenzione e meno fuochi d’artificio Paoletti è entrata in partita, provando ad alzare le traiettorie, soprattutto verso il lato destro della sua avversaria per offrire una palla un po’ più scomoda. La rumena ha iniziato a concedere qualcosa al servizio, ma sulle chance di contro-break Matilde poteva fare qualcosa in più. Alla sesta occasione è arrivato un non forzato di Lee a darle una mano e soprattutto il contro-break. Guadagnando fiducia, ha aperto il settimo game con due vincenti di dritto. L’avversaria, per quanto capace di trovare il vincente con facilità, ha dimostrato a tratti poca solidità, o di avere qualcosa in comune con Denis Shapovalov, con le dovute differenze. Paoletti invece ha concesso poco o nulla una volta conquistato il break e ha conquistato il primo parziale, 6-4.

L’avvio di secondo parziale ha però rischiato di essere una fotocopia del primo. Stavolta però la giovane azzurra è riuscita ad annullare le due palle del 2-0 che Lee si era procurata, creando più di qualche crepa nella mente della sua avversaria. Nel game successivo ha aggredito con successo, trovando il break. Qualcosa però è nuovamente cambiato nel corso del quarto game: Lee con un paio di soluzioni brillanti si è riaccesa e non è bastato vincere il punto più bello della partita a Paoletti per evitare il contro-break. Nell’ottavo game l’azzurra non è riuscita a trovare il rovescio dell’avversaria con la stessa efficacia dei giochi precedenti e un suo piccolo calo ha concesso alla rumena di brekkare e pareggiare il conto dei set dopo un’ora e 37 minuti.

Grande inizio di terzo set per Paoletti, che subito nel secondo gioco passa avanti di un break. Mette bene pressione da fondo, giocando con tranquillità e andando su ogni palla, forzando un paio di errori di Lee, spettacolare sempre ma sciupona in un paio di frangenti, con la frittata completata dal doppio fallo sulla palla break. Nel quarto gioco Paoletti prende con ogni probabilità il largo decisivo, centrando il doppio break alla quinta chance concessa dalla rumena, che stavolta ha pochissime colpe, giocando anzi benissimo per annullare le occasioni a Matilde, se non di giocare contro un’avversaria indemoniata indifferentemente con dritto e rovescio. Chiude 6-0 un terzo set a senso unico Paoletti, dove ha saputo gestire bene i propri colpi e le proprie energie, approfittando prontamente dei tanti errori commessi dalla sua avversaria, che a un certo punto ha mostrato vere difficoltà a trovare il campo. Arriva dunque, meritatamente, la prima vittoria in tour per Matilde Paoletti, 19 anni, alla seconda partita a questo livello (dopo la sconfitta a Palermo lo scorso luglio, da qualificata, contro Dodin) . La giovane azzurra, al prossimo turno, affronterà un’altra rumena, Irina-Camelia Begu, tds n.3.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement