Fed Cup, Serena da sola non basta: le reazioni della stampa al 3-2 dell'Italia sugli Usa

Fed Cup

Fed Cup, Serena da sola non basta: le reazioni della stampa al 3-2 dell’Italia sugli Usa

Pubblicato

il

Il day after, la stampa italiana esalta capitan Barazzutti, criticato nelle ultime uscite in Davis e Fed Cup, e tesse le lodi della “coppia perfetta” Errani-Pennetta. “Io e Sara a Rio? Diciamo che la sto corteggiando”, dice Flavia

Serena è sola, l’Italia no Fed Cup, la serie A è salva

Stefano Semeraro, La Stampa del 20.04.2015

 

Serena Williams è la numero 1 del mondo, ma per combinare qualcosa in Coppa, come nel tango, bisogna essere almeno in due. L’Italia di Fed Cup invece una squadra ce l’ha, eccome, così alla fine nel play-off di Brindisi è arrivato l’happy-end che tutti speravano: battuti 3-2 al doppio di spareggio gli Usa della one-woman band Serena, le azzurre di Barazzutti schivano la retrocessione e anche l’anno prossimo giocheranno nel World Group. Azzurre tostissime Fra i maschietti l’impresa di alzare la Coppa Davis quasi in solitaria è riuscita negli anni ’70 all’immenso Bjorn Borg, che pure per farcela ebbe bisogno in doppio di una spalla affidabile come Ove Bengston. La Williams, orfana di sister Venus con cui per anni ha dominatola specialità (13 Slam vinti insieme), si è dovuta invece inchinare al nostro tostissimo collettivo: tre singolariste di ottimo livello come Sara Errani, Flavia Permetta e Camila Giorgi, due doppiste sublimi come Flavia e Sara che in Puglia non hanno fatto rimpiangere il mitico, e irrimediabilmente sfasciato duo Errani-Vinci. «Se giocheremo insieme anche nei tornei? Be’, intanto io Sara la corteggio…», ha scherzato Flavia. L’umiliazione di Genova con la Francia è vendicata («un incidente», l’ha bollata Barazzutti) e chissà che non sia nato il doppio giusto per i Giochi di Rio. Serena, niente record Serena in Fed Cup era imbattuta (15 vittorie dal 1999) e va detto che dopo l’1-1 di sabato ce l’ha messa tutta per salvare record e baracca. Al mattino, in una tempesta di vento e nonostante un’alluvione di errori gratuiti (61), ha rimontato Sara Errani, che pure sul 6-4 5-4 30-15 è arrivata a due punti dalla prima vittoria in carriera (su 8 match) con la Panterona prima di cedere 6-3 al terzo. Poi nel pomeriggio – dopo la vittoria lampo di Flavia Pennetta su Christina McHale, 6-1 6-1 in meno di un’ora, nel match fra le due sostitute (Flavia al posto di Camila Giorgi, la McHale al posto della Davis) – quando sul 2-2 è tornata in campo per il terzo match in due giorni e ha provato a puntellare l’improbabile doppio con Alison Riske, spaesato vaso di coccio fra cocci di resistentissimo ferro. Flavia futura capitana? In campo c’erano 3 numero 1 di specialità e 16 Slam complessivi, più la povera Allison. Da numero 98 del mondo in doppio, spietatamente bersagliata dalle nostre, la Riske si è difesa come ha potuto, ma la fine è arrivata veloce: 6-0 6-3 in 58 minuti e via libera al sollievo e ai festeggiamenti (pizza party compreso) delle azzurre….

La festa di Flavia e Sara: Serena in B

Paolo Rossi, la Repubblica del 20.04.2015

Il dilemma è risolto: una campionessa non salva il movimento, prevale sempre il collettivo. È la storia di questo weekend, di Italia-Usa di tennis femminile. La lezione che Brindisi ha regalato è: l’America, con la sua numero uno del mondo, resta in serie B. L’Italia, con il suo gruppo di ottime giocatrici, vince 32 e continua il suo ciclo nell’elite mondiale. Non aveva mai perso, Serena Williams, in nazionale. La sua prima sconfitta — in doppio, ma anche in singolare ha rischiato — conferma la tesi che un top player è un lusso, se dietro non c’è un gruppo. E l’accerchiamento di capitan Barazzutti, il suo lavorio di strategia, ha pagato con l’apoteosi del doppio, con un happy end per l’Italia e per la famiglia Pennetta, cui Brindisi ora dovrebbe regalare le chiavi della cittá, farne testimonial a vita. «Le mie scelte? Dico che sono state bravissime le ragazze, che non potevano permettersi di sbagliare niente» ha commentato Barazzutti, sempre voglioso di profilo basso. Ma la veritá è che le ragazze hanno fatto di più: sabato Camila Giorgi— anche se sconfitta — ha insinuato i primi dubbi alla regina del tennis, poi Sara Errani ha confermatola sua soliditá pareggiando. Ieri Serena ha riportato in vantaggio gli Usa, prevalendo su Sara Errani che le aveva preso il primo set e sfiorato il successo, giungendo a due punti dalla vittoria che avrebbe sorpreso il mondo. Ma è stato un vantaggio virtuale: è entrata in scena la star indigena, Flavia Pennetta: un paio di minuti per somatizzare i ricordi adolescenziali del campo del suo circolo di nascita, e ha sommerso la povera McHale, che è riuscita a far rimpiangere la Lauren Davis che rimpiazzava. Nulla, a quel punto, poteva più fermare lo slancio azzurro, neppure l’imbattuta numero uno del mondo. La quale, non fidandosi della sua partner occasionale ( assente la sorella Venus) , Alison Riske, ha cercato di giocare da sola, rimediando un 6-0, 6-3 che ha sorpreso presenti, felici però di intonare i ‘po-po-po-popo-po-poo’ di calcistica mondiale memoria. Il clan Usa ha preso l’ennesima batosta con la solita canonica filosofia, Serena Williams ha ammesso di sentirsi ancora psicologicamente «sul cemento, e di dover tornare a casa a tirare qualche migliaia di palline per essere pronta alla stagione sul rosso» e di essere «delusa di non essere stata capace di adattarsi bene al vento brindisino»…..

Serena è solo l’Italia

Piero Valesio, Tuttosport del 20.04.2015

Serena è l’ltalia, nessuno si senta offeso. E già questa sarebbe una notizia meravigliosa in assoluto visto quanto bisogno abbiamo tutti di avere davanti agli occhi un orizzonte sgombro di nubi: evento che non ci succede, in quanto italiani, da un certo periodo di tempo. tennisticamente parlando poi la notizia è splendida e degna di essere festeggiata con tutti gli onori: il nostro ciclo è ben lungi dall’essere finito. Seguendo una metafora prettamente evangelica al venerdì santo di Genova, quando le azzurre furono crocifisse dalle francesi, quasi sorprese di essere arrivate a tanto, è seguita la Pasqua di Brindisi: una resurrezione in piena regola al cospetto della giocatrice più forte al mondo e, secondo alcuni, pure della storia. Quel rido iniziato a Nancy quando la Schiavone superò Amelie Mauresmo davanti al suo pubblico (che in questi giorni era la n-1 al mondo) è ripartito con rinnovato vigore grazie ad un regista che mai come in questa occasione ha messo in scena una suddivisione dei ruoli perfetta in ogni dettaglio; e ad attrici meravigliosamente immerse ciascuna nel proprio ruolo: Camila Giorgi, Flavia Pennetta, Sara Errani e perfino Karin Knapp che ha interpretato nel modo I nostri Clinton La famiglia Pennetta è ormai un cardine del sistema tennistico italiano migliore possibile (festeggiando alla fine come se avesse vinto Wimbledon) il successo con le compagne. La stragrande maggioranza degli attori detestava Francois Truffaut perché per lui, gli interpreti, erano menti da plasmare ai fini della riuscita del film che lui aveva in mente. Il paragone regge fino ad un certo punto perché le ragazze adorano Barazza Ma tiene invece per un altro verso: il capitano azzurro ha disegnato la nazione di questo play off come meglio non si poteva e come forse mai gli era riuscito nella sua lunga a onorata carriera Tra l’altro nell’appuntamento più difficile. Il clima che ha creato in squadra gli ha permesso di disporre le pedine in modo da ottenere da tutte il massimo. E ha spedito la Giorgi nel primo match a far sudare Serena, ha tenuto in panchina l’infanta du pays Flavia Permetta per un giorno intero con l’obiettivo di averla scintillante e decisiva il giorno dopo. Ha puntato energie sulla meno energica (fino a venerdì) delle azzurre, Sara Errani. Che lo ha ripagato prima demolendo la povera Davis e poi disputando una delle partite più belle della sua carriera arrivando a DUE PUNTI (maiuscolo obbligatorio) dal battere la numero 1 al mondo. Prima di perdere, ma al terzo, dopo due ore e mezza di gioco e con una Williams visibilmente segnata. E, dulcis in fundo, è riuscita a portare tutto l’ambiente ma Sara, in particolare, oltre le Chichis e il loro divorzio: dando vita al doppio che quasi certamente ai Giochi di Rio tenterà la conquista della medaglia d’oro. Soffermiamoci su questo che ne vale la pena….

Il regalo mondiale di Pennetta-Errani, gli Usa in B

Gaia Piccardi, Il Corriere della Sera del 20.04.2015

Un gavettone gelato, nella tramontana che spazza il centrale, non è mai stato così piacevole. Il capitano di lungo corso, Corrado Barazzutti, scappa come un adolescente dalle mire di due ragazzine scatenate, Flavia Pennetta e Sara Errani, così impertinenti da umiliare la più forte di tutte, Serena Williams, e da costringere gli Usa alla retrocessione nella B della Fed Cup, il nostro parco giochi. Arrivare al doppio decisivo sul 2-2 era il piano che il c.t. aveva in mente dall’inizio, rifilando a Serenona le polpette avvelenate della Errani (Sara è stata eroica: ieri si è arresa alla numero uno 4-6, 7-6, 6-3 dopo due ore e 25′ e dopo essere stata a due punti dal match) e preservando la Pennetta, idolo di casa, per l’ultimo singolare (6-1 6-1 all’inadeguata McHale) e per il doppio con Saretta (6-o 6-3 a Williams-Riske) che spalanca nuove prospettive anche in vista di Rio 2016, dove il tennis rosa vorrebbe togliersi l’ultimo sfizio di una generazione di fenomene: l’oro olimpico. Il 3-2 sugli Usa nella bolgia festosa del Tc Brindisi, tra panini con la salamella e friselle al pomodoro, è un piccolo capolavoro di strategia che Barazzutti rimanda al mittente con friulano understatement: «Non ho alcun merito. Bisognava non sbagliare le scelte, è vero, ma poi le partite vanno vinte sul campo. E stata una grande prova delle ragazze». Le ragazze, già. Camila Giorgi, 23 anni, la fuoriserie lanciata contro Serena sabato, o la va o la spacca. Un set alla pari, e il futuro accoccolato ai suoi piedi: la Fed Cup fa bene a Camila e viceversa, Barazzutti l’ha presa sotto l’ala protettiva e Flavia l’ha trattata da sorella maggiore, mettendola a suo agio. Sara Errani, il presente. Dopo il divorzio cruento dalla Vinci, il match contro la Williams e il sodalizio con la Pennetta (non giocavano insieme dal 2009, quando in Olanda vinsero un torneo sull’erba) sono stati balsami per l’anima sensibile di Saretta: «Mi è piaciuto il feeling di squadra. Battere gli Usa con Serena è un’enorme soddisfazione». Flavia Pennetta, l’enfant du pays allettata a tornare in Fed Cup dalla scelta di Brindisi: «Festa bellissima, sono felice. Io e Sara a Rio? Diciamo che la sto corteggiando ma ci limitiamo a fare programmi a breve scadenza». Arriverà a fine stagione, la veterana, poi andrà dove la porta il cuore (a proposito: il fidanzato, Fabio Fognini, ieri non è riuscito nell’impresa di conquistare il torneo di Montecarlo con Simone Bolelli). ll sorriso più bello del tennis italiano ha voglia di famiglia, nido, bebè. Se l’alchimia con la Errani («Non c’è stato un momento del doppio in cui non ci siamo trovate») sarà sufficiente ad allungarle la carriera, è presto per dirlo. E poi Karin Knapp, la brava ragazza che fa spogliatoio, senza dimenticarsi di Roberta Vinci, storica partner della Errani rimasta ai box, che sarebbe un delitto non tornare a coinvolgere l’anno prossimo, nel primo turno di quel gruppo mondiale che sculacciando Serenona le azzurre si sono strameritate. Temevamo un funerale sportivo, invece è stata un’iniezione di gerovital. Benedetta Fed Cup, non finisci mai di stupire.

Brindisi e Pennetta, sinfonia azzurra

Roberto Calvi, La Gazzetta dello Sport Puglia del 20.04.2015

II trionfo è vergato da pensieri e parole, messi su un cartoncino o su un telo. Brindisi ha saputo raccontare le due eroine azzurre ancor prima che firmassero il successo su Serena Williams e le sue gracili so-reline. Va in campo la piccola, immensa Sara e in tribuna già esibiscono la scritta Errani fiumana non est. Poi tocca alla principessa Pennetta e compare sugli spalti lo striscione Orgoglio Flavia: l’arena allestita nel suo circolo è così terra fertile per il rilancio della pattuglia di Corrado Barazzutti. A Brindisi si è (ri)fatta l’Italia del tennis, rimasta nel World Group di Fed Cup grazie al successo contro le americane. In tre ore la campionessa di casa passa dalla delusione — celata con eleganza — per la mancata utilizzazione nella prima giornata alla gioia sfrenata per la doppietta centrata con le affermazioni in singolare contro la Mchale e poi, in coppia con Errani, contro Serenona e Riske. «Errani e Pennetta, la coppia perfetta», urlano cinque straordinarie donne ultrà. Daniela e Giulia vengono da Jesi, Cinzia da Firenze e le sorelle Anastasia e Pamela da Genazzano, in provincia di Roma. Munite di megafono e fischietti, con maglia e bandiere dell’Italia, impostano i cori e la ola. «Ci dovrebbero pagare almeno il viaggio, visto che seguiamo tutti i tennisti italiani nei vari tornei», è il messaggio di queste tifose erranti. Nel collage di messaggi sugli spalti, anche Forza azzurre: Circolo tennis Palagiano, Grottaglie c’è, Forza azzurre dal C.t. Bari e pure da Casarano e Noi le stelle, voi le strisce. Sul 2-2, Nicoletta Virgintino, barese, ex giocatrice di A, anticipa la scelta del doppio: «Ora ci vorrebbero Flavia e Sara insieme, solo loro possono farcela». CASA PENNETTA Quando Flavia sale in cattedra, Renato Intiglietta, nonno materno, si lascia dominare dall’emozione. «Ci ha regalato tante gioie, la nostra famiglia si è messa spesso in viaggio per incoraggiarla – racconta -. Siamo andati al Roland Garros, più volte a Roma per gli Internazionali, in Turchia: Flavia è straordinaria. E in campo è più matura della sua età». RACCHETTA Papà Ronzino e mamma Concita le hanno messo la racchetta in mano, poi ci ha pensato soprattutto la maestra Elvy Intiglietta, la zia (è mamma di Claudia Giovine), ad affinarne il talento naturale. «Il rovescio lungo-linea è il nostro marchio di fabbrica – fa notare la zia -. Flavia è forte sul piano mentale: non era facile, a casa sua, reggere la pressione nei due incontri decisivi per la vittoria dell’Italia». Grazie Flavia, con te Brindisi supera l’esame Fed Cup. Poi chissà, a settembre, arriveranno gli azzurri di Davis.

Pennetta, un brindisi mondiale

Alberto Giorni, Il Giorno del 20.04.2015

Tutto è bene quel che finisce bene. Dopo l’ultima volée in rete di Alison Riske, esplodono i quattromila di Brindisi: Flavia Pennetta e Sara Errani si sciolgono in un bell’abbraccio e iniziano a tirarsi i gavettoni, coalizzandosi nell’innaffiare il capitano Corrado Barazzutti prima del tradizionale giro di campo con le bandiere tricolori. Game, set e match; l’Italia batte 3-2 gli Stati Uniti e resta nel gruppo mondiale della Fed Cup, condannando le americane al purgatorio della serie B. Come ci si aspettava, il doppio è stato decisivo e Flavia Pennetta si è rivelata profeta in patria. Proprio lei, cresciuta in questo circolo, ha firmato il 2-2 dominando Christina McHale e il 3-2 in coppia con Sara Errani, lasciando tre game (6-0, 6-3) a Serena Williams e alla Riske. In assenza di Roberta Vinci, c’era curiosità per vedere all’opera un doppio poco collaudato: Pennetta ed Errani avevano vinto insieme un torneo sull’erba di Hertogenbosch nel lontano 2009, ma poi le loro strade si erano separate. Ci hanno messo poco per ritrovare l’affiatamento; sono partite fortissimo e, dallo 0-2 del secondo set, hanno infiammato il caloroso pubblico a ogni punto. «E’ finita alla grande — ha detto una raggiante Flavia —, sono state due splendide giornate sia per noi che per la gente, vincere qui è speciale. Vorrei diventare un esempio per il tennis italiano». Il successo poteva essere ancora più netto, visto che a inizio giornata la Errani è stata a due punti dall’impresa di sconfiggere Serena Williams, sempre vincente nei 13 singolari giocati in Fed Cup. In un match condizionato dal vento, la romagnola è stata tatticamente perfetta e si è portata a due passi dal sogno sul 6-4, 5-4, 30-0. Qui però l’americana, parecchio fallosa in precedenza, si è ricordata di essere la numero 1 del mondo, ha messo a segno tre vincenti consecutivi e si è aggrappata al tie-break: trampolino di lancio per imporsi al terzo set. «Ci ho provato fino all’ultimo e le sono rimasta attaccata nel punteggio, ma poi lei ha fatto la differenza», le parole di Sara prima di riscattarsi in doppio. Poco male, il lieto fine si è colorato di un azzurro intenso come il cielo di Brindisi e Barazzutti è il ritratto della felicità: «Queste ragazze sono tra le più forti al mondo, non vogliono mai perdere. Il futuro dipenderà dalla voglia che avranno di andare avanti, speriamo che arrivino fino alle Olimpiadi».

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

BJK Cup, play-off: Canada, Ucraina, Lettonia e Gran Bretagna sul 2-0

Equilibrio tra Argentina e Kazakistan così come tra Olanda e Cina e tra Polonia e Brasile. Oggi si concludono le sfide

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko - Billie Jean King Cup 2021 (via Twitter, @BJKCup)

Oltre alla sfida di Cluj tra Romania e Italia sono in corso altre sette sfide valide per i play-off della Billie Jean King Cup, le cui vincenti saranno ammesse alle qualificazioni per le Finals 2022. Dopo la prima giornata tutto abbastanza facile per la Gran Bretagna contro il Messico e per l’Ucraina contro il Giappone.

Al National Tennis Center di Londra Katie Boulter e Heather Watson faticano solo nel primo set dei loro rispettivi incontri chiudendo poi in scioltezza i loro match. La prima regola con il punteggio di 7-5 6-0 la messicana Zacarias, la seconda con un similare 7-5 6-1 completa il 2-0 britannico contro la Olmos. A Chornomorsk, sulla terra rossa, vita facile per le ucraine contro il Giappone orfano di Naomi Osaka. Elina Svitolina lascia 5 giochi a Chihiro Muramatsu (6-3 6-2), Marta Kostyuk uno in più a Yuki Naito (6-3 6-3).

Sul 2-0 anche il Canada in Serbia e la Lettonia contro l’India. Sul veloce di Kraljevo Fernandez supera Olga Danilovic dopo tre combattuti set (7-5 4-6 6-4) e a seguire Rebecca Marino supera 6-4 7-6(8) Nina Stojanovic. Nordamericane ad un passo dai Qualifiers 2022. Qualche problemino per la Lettonia contro l’India anche se alla fine della prima giornata si è come da pronostico sul 2-0 per le padrone di casa a Jurmala. Jelena Ostapenko impiega infatti 2 ore e 25 minuti per superare in tre set la quasi sconosciuta Raina (nr. 147 WTA) con il punteggio di 6-2 5-7 7-5. Passata la paura Sevastova dà il 2-0 alla Lettonia superando in tranquillità Tandi (6-4 6-0).

Equilibrio invece nelle altre 3 sfide. Parità dopo la prima giornata tra Polonia e Brasile a Bytom. Magdalena French aveva dato l’1-0 alle padrone di casa superando Meligeni Rodrigues 6-4 6-3 ma nel secondo singolare Laura Pigossi ha ristabilito la parità superando in tre set Urszula Radwanska (7-6 (9) 3-6 6-2). A ‘s-Hertogenbosch sembrava una passeggiata di salute per l’Olanda contro la Cina. Ma dopo la facile vittoria di Kiki Bertens contro Xinyu Wang (6-2 6-0) ci pensava l’altra Wang Xiyu a rovesciare il pronostico contro Arantxa Rus e portare in parità le asiatiche (6-1 3-6 6-2).

 

Infine 1-1 anche sulla terra rossa di Cordoba tra Argentina e Kazakistan. Yulia Putinsteva rimonta la tenace Nadia Podoroska battuta 2-6 6-4 6-0 ma la sorpresa arriva dal secondo singolare, dove Maria Luise Carle (nr. 415 WTA) supera al terzo Elena Rybakina (6-4 3-6 6-0)

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup: Romania-Italia 0-2. Cocciaretto e Trevisan non tradiscono

Vittoria al cardiopalma per Martina, che salva due match point a Buzarnescu. Tutto facile per Cocciaretto contro Bara

Pubblicato

il

Inizia nel migliore dei modi per la nazionale azzurra la sfida di play-off contro la Romania nella Billie Jean King Cup (ex Fed Cup). Nel cemento indoor della Sala Polivalenta di Cluj le italiane guidate da Tathiana Garbin (senza la numero 1 Camila Giorgi, positiva al coronavirus) hanno vinto i primi due match di singolare, andando a riposo sul 2-0. La Romania non sta certamente schierando la sua formazione migliore: mancano infatti le prime cinque giocatrici della nazione, ovvero Simona Halep, Patricia Maria Tig, Sorana Cirstea, Irina Camelia Begu e Ana Bogdan. Non per questo il risultato che potrebbe acquisire l’Italia vincendo il tie (la qualificazione ai preliminari del tabellone di BJK Cup 2022) avrebbe meno valore.

La prima sfida è tutta nel segno di Elisabetta Cocciaretto. Scesa in campo da numero 2, ha battuto nettamente Irina Bara, n.132 WTA, in un’ora e mezza di partita con il punteggio di 6-1 6-4, recuperando da uno svantaggio di 0-3 nel secondo parziale dopo aver dominato il primo. Per Elisabetta è la quarta vittoria con i colori della nazionale azzurra: le prime tre sono state preziosissime (e anche più nette rispetto a quella su Bara). Le ha messe a segno lo scorso anno in Estonia e hanno permesso alle nostre ragazze di giocare questo match di play-off.

Il secondo match invece è stato un autentico dramma, durato oltre tre ore. Martina Trevisan ha superato Mihaela Buzarnescu (n.137 WTA) al tie-break del terzo set (7 punti a 5), finendo il match in lacrime. Una vittoria che ha il freddo valore del 2-0 per la squadra, ma ha un significato inestimabile per lei. Anzi, probabilmente ce lo spiegano quelle lacrime alla stretta di mano e l’abbraccio con Tathiana. Martina infatti aveva vinto un solo match in questo 2021, quello nel primo turno di qualificazione a Dubai contro Rodionova. La striscia di sconfitte stava per allungarsi oggi, perché nel terzo set (durato la bellezza di 103 minuti) è stata a un passo dalla sconfitta.

Prima si sono rifilate un 6-2 per parte. Poi è iniziata una sfilza di break, che ha portato la rumena a servire per il match sul 5-4. Martina è stata tenace e nonostante non si stesse esprimendo al meglio (complici alcuni fastidi fisici) è riuscita a salvare due match point consecutivi (40-15) e anche a non lasciarsi condizionare dal disappunto per aver perso il servizio sul 5-5 con numerose chance di tornare avanti nel punteggio. Ha recuperato ancora una volta il break e non si è distratta nel lungo Medical Time Out di Buzarnescu che ha preceduto il tie-break. Qui si è portata avanti 5-3 per poi chiudere il match alla prima occasione.

Sabato si continua con gli altri due singolari: salvo imprevisti, Cocciaretto incrocerà proprio Buzarnescu, mentre a Trevisan toccherà Bara.

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup, i playoff: Cocciaretto-Bara il primo incontro

A Cluj, l’Italia affronta la Romania priva di Halep; Trevisan-Buzarnescu il secondo match. In campo anche Ostapenko, Svitolina e Bertens per le rispettive nazionali

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

La squadra azzurra di Billie Jean King Cup torna in campo nella giornata di oggi contro la Romania, a oltre un anno di distanza dal successo sulla Croazia a Tallinn che è valso l’accesso ai playoff, inizialmente previsti per il 17 e 18 aprile del 2020 prima di essere rinviati al 2021. Il gruppo a disposizione di Tathiana Garbin include Elisabetta Cocciaretto, Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Jasmine Paolini e Bianca Turati, alla sua prima convocazione. Gli incontri saranno visibili su Supertennis dalle 14:30 di oggi e dalle 13 di domani.

Il tie si svolgerà presso la Sala Polivalenta di Cluj (cemento indoor), e vedrà l’Italia opposta ad una formazione decisamente rimaneggiata, visto che saranno assenti le cinque migliori giocatrici rumene (Halep, Tig, Cirstea, Begu e Bogdan). Le selezioni di Monica Niculescu hanno quindi incluso… sé stessa (N.173 in singolare e 55 in doppio), oltre a Irina Maria Bara (N.132 in singolare e 124 in doppio), Mihaela Buzarnescu (137 in singolare e 114 in doppio) e Elena Gabriela Ruse (168 in ambo le specialità).

Il primo incontro di oggi, a partire dalle 14:30 italiane, sarà Bara-Cocciaretto, a cui farà seguito Buzarnescu-Trevisan. Domani, invece, si inizierà alle 13 con Bara-Trevisan, poi Buzarnescu-Cocciaretto e infine il doppio Niculescu/Ruse vs Gatto-Monticone/Paolini.

 

Questi gli altri incontri di playoff:

REGNO UNITO-MESSICO

  • Sede: National Tennis Centre, Londra
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 15 italiane):

  • K. Boulter vs M. Zacarias
  • H. Watson vs G. Olmos

Incontri di sabato (a partire dalle 12:30 italiane):

  • H. Watson vs M. Zacarias
  • K. Boulter vs G. Olmos
  • H. Dart/H. Watson vs F. Contreras Gomez/G. Olmos

SERBIA-CANADA

  • Sede: Sport Hall Ibar, Kraljevo
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • O. Danilovic vs L.A. Fernandez
  • N. Stojanovic vs R. Marino

Incontri di sabato (a partire dalle 11 italiane):

  • N. Stojanovic vs L.A. Fernandez
  • O. Danilovic vs R. Marino
  • O. Danilovic/A. Krunic vs S. Fichman/C. Zhao

LETTONIA-INDIA

  • Sede: National Tennis Centre Lielupe, Jurmala
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 17 italiane):

  • J. Ostapenko vs A. Raina
  • A. Sevastova vs K.K. Thandi

Incontri di sabato (a partire dalle 15 italiane):

  • A. Sevastova vs A. Raina
  • J. Ostapenko vs K.K. Thandi
  • D. Marcinkevica/D. Vismane vs S. Mirza/A. Raina

UCRAINA-GIAPPONE

  • Sede: Elite Tennis Club, Chornomorsk
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs C. Muramatsu
  • M. Kostyuk vs Y. Naito

Incontri di sabato (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs Y. Naito
  • M. Kostyuk vs C. Muramatsu
  • L. Kichenok/N. Kichenok vs S. Akita/H. Sato

ARGENTINA-KAZAKISTAN

  • Sede: Córdoba Lawn Tennis Club, Córdoba
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 16 italiane):

  • N. Podoroska vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle vs E. Rybakina

Incontri di sabato (a partire dalle 15:30 italiane):

  • N. Podoroska vs E. Rybakina
  • M.L. Carle vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle/N. Podoroska vs A. Danilina/Y. Shvedova

OLANDA-CINA

  • Sede: Maaspoort Sports & Events, s-Hertogenbosch
  • Superficie: terra indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xiyu Wang
  • A. Rus vs Xinyu Wang

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xinyu Wang
  • A. Rus vs Xiyu Wang
  • L. Pattinama Kerkhove/D. Schuurs vs S. Zhang/S. Zheng

POLONIA-BRASILE

  • Sede: Hala Na Skarpie, Bytom
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • M. Frech vs C.M.R. Alves
  • U. Radwanska vs L. Pigossi

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • M. Frech vs L. Pigossi
  • U. Radwanska vs C.M.R. Alves
  • W. Falkowska/P. Kania Chodun vs G. Ce/L. Stefani

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement