Tornei scomparsi. Stelle senza polvere all'indoor di Milano - Pagina 2 di 4

Racconti

Tornei scomparsi. Stelle senza polvere all’indoor di Milano

La nostra rubrica prevede oggi una tappa che farà lacrimare i nostalgici e arrabbiare gli appassionati. Tra Borg, McEnroe, Edberg e Federer, ascesa e caduta di un torneo che meritava di più e che è stato segnato da una nevicata

Pubblicato

il

Il mancino nato per caso a Wiesbaden entra nel cuore dei milanesi proprio come il nuovo sponsor, l’olio Cuore, che accompagnerà l’evento per un quadriennio. Nel 1980 una serie di concause fa dimezzare il numero degli spettatori. Il tappeto è velocissimo, le teste di serie cadono prematuramente come birilli e i tre italiani (Panatta, Bertolucci e Zugarelli) non sono da meno. Per fortuna che McEnroe non delude, anche se è costretto a cedere l’unico set del torneo in semifinale a un ventenne che, in quanto a sorrisi, fa concorrenza a Buster Keaton: Ivan Lendl. Il ragazzo è giovane e, nonostante le spalle strette, si farà. Eccome se si farà.

La finale mancata del 1979 va in scena due anni più tardi. Borg torna a Milano nella stagione in cui ha scelto di ridurre l’attività. La sua stella è stanca, al debutto stagionale ha perso a Bruxelles dal tedesco Gehring ma con il pubblico meneghino ha un conto in sospeso e ci tiene a fare bella figura. Per raggiungere McEnroe nell’atto conclusivo, Bjorn trova pure la maniera di “riabilitare” Gianni Ocleppo. Il torinese è il secondo italiano, dopo Adriano Panatta, a raggiungere la semifinale nell’evento milanese; tuttavia basta dare un’occhiata al suo cammino per rendersi conto che la buona sorte ha avuto la sua bella importanza. Un qualificato al primo turno e due ritiri (la lombalgia di Amaya e la caviglia in disordine di Gene Mayer) hanno accomodato Ocleppo verso un traguardo insperato ma il futuro telecronista di Eurosport non ci sta e, pur perdendo in due set, strappa al n°1 del mondo ben undici giochi. “Bjorn non è più lo stesso” afferma McEnroe a fari spenti; mentre erano accesi, sul campo, lo svedese ha avuto tre palle per salire 4-2 nel primo set ma le ha fallite e da quel momento l’americano ha edificato la sua quinta vittoria contro Borg. La sesta e la settima, in teatri ben più prestigiosi, sanciranno il passaggio di consegne tra i due.

Nelle tre edizioni seguenti, McEnroe non metterà più piede vicino San Siro e sul trono della Cuore Cup si siedono altri re consacrati (Vilas, 1982) o in divenire (Lendl e Edberg, 1983 e 1984).
L’argentino si è scrollato la terra da sotto le suole e con l’età ha affinato il suo tennis rendendolo adatto anche ai tappeti indoor. I suoi passanti imbavagliano gli attaccanti Denton e Curren e in semifinale a Sandy Mayer non bastano i dieci minuti di yoga pre-partita per fermare la corsa del poeta. Nella finale tra le teste di serie principali, superficie e rango collocano Guillermo un gradino sotto ma Connors ha faticato più di Ercole nella settimana lombarda e Vilas si porta a casa il titolo.

 

L’anno dopo Ivan Lendl sopperisce ai forfait dell’ultimo minuto di Connors e McEnroe ma la curiosità degli addetti ai lavori è tutta per il computer, la cui apparizione in sala stampa lascia più d’uno a bocca aperta. Oltre a fare i caffè e snocciolare dati ancora poco apprezzati, il cervellone azzecca pure 18 pronostici su 31. Non un granché, vien da pensare, ma prevedere che Simpson e Dickson battano al primo turno Gerulaitis e Gomez e, soprattutto, che quel lungagnone di Chip Hooper arrivi in semifinale e rischi di fare lo sgambetto anche a Lendl… Beh, altro che computer! Nostradamus ci vuole. E servirebbe l’indovino anche per azzeccare i finalisti della più giovane finale nella storia del torneo, quella tutta svedese del 1984.

Quell’anno McEnroe e Connors ripetono lo scherzetto del ritiro in “Zona Cesarini” (un po’ di calcio non guasta, visto che siamo a due passi dal Meazza) e il “rimedio” Lendl va in fumo perché Ivan sta acquistando un ristorante in Florida. Come se non bastasse, il Palazzone viene messo a disposizione degli organizzatori solo 24 ore prima dell’inizio del torneo per via della coppa del mondo di equitazione. Gli aggiustamenti alla struttura si susseguono per tutta la settimana e la vittoria in finale del diciottenne semisconosciuto Stefan Edberg sembra la ciliegina sulla torta della maledizione. Sembra, appunto. Dopo aver fatto il pieno tra gli juniores, lo svedese che si è ribellato alla “logica-Borg” e ha tolto la seconda mano dal rovescio inaugura qui la sua bacheca di trofei maggiori. Il resto lo conosciamo.

Come detto in apertura, la nevicata del secolo toglie di mezzo il Palazzone a due mesi dall’inizio dell’ottava edizione. Per la Fila, nuovo main-sponsor, un debutto niente male. Il carrozzone del tennis si trasferisce nell’angusto Palalido e il ripiego crea danni evidenti alle casse del torneo. Parziale consolazione, i giocatori si dicono felici del calore emanato dalla vicinanza del pubblico. Poi c’è da festeggiare il ritorno di John McEnroe, che aveva lasciato la manifestazione senza il suo tricampione in carica nell’82 e riprende il filo interrotto con altre cinque sonanti vittorie in due set. Più del finalista Jarryd, a mettere in apprensione SuperMac è un tedesco di neanche diciotto anni e rosso di capelli le cui bordate, quando riesce a tenerle dentro le righe, non si prendono. Boris Becker perde 6-4 6-3 al primo turno ma il futuro è nella sua racchetta. Anche se McEnroe la pensa diversamente: “Raggiungerò il vertice della mia carriera nei prossimi 2/3 anni” afferma al termine della finale. Si sbaglia: il vertice ha appena finito di toccarlo.

Ritirato dall’attività (almeno per il momento), Bjorn Borg è rimasto ambasciatore della casa d’abbigliamento italiana che lo vestiva quando giocava e dunque premia il vincitore nel triennio del Fila Trophy. Dopo McEnroe, tocca a Lendl (1986) e allo stesso Becker (1987) ricevere il trofeo dalle mani dell’orso ma i due campioni vengono percepiti in maniera quasi opposta dal pubblico. In prospettiva Wimbledon, che l’ex cecoslovacco vuole aggiudicarsi a tutti i costi, Ivan si presenta a Milano nei panni del semi-attaccante ma continua a beccarsi dell’antipatico perché ai sorrisi preferisce gli scatti d’ira. E così i milanesi gli preferiscono il vellutato Mecir, da lui sconfitto in semifinale e che l’anno dopo fa un passo avanti e raggiunge la finale, stavolta fermato da Boris. Nel frattempo il torneo ha di nuovo cambiato dimora e si gioca al PalaTrussardi, su un sintetico rapidissimo e con palle Pirelli ancora più veloci. Nonostante le difficoltà logistiche, Cino Marchese e compagnia fanno di tutto per rendere indimenticabile la settimana di tennis a Milano e continuano a contornare il torneo di avvenimenti mondani. Sono quasi cinquantamila gli spettatori che testimoniano il dominio di Becker e la debacle del secondo favorito, Mats Wilander, al cospetto della sua bestia nera Mecir, e la domenica della finale il tedesco sta ancora posando con il trofeo che già gli inservienti hanno tolto il tappeto e predisposto l’impianto per la gara interna della Tracer.

Nel 1988 Fila cede il posto a Stella Artois e per tre stagioni lega il suo nome al torneo, che continua a riscuotere grande interesse sia nei protagonisti che negli spettatori. Per esigenze di calendario, il torneo viene anticipato di oltre un mese rispetto al periodo abituale di inizio primavera e si colloca a metà febbraio, tra gli Australian Open e la prima parte della stagione sul cemento americano. È l’anno delle treccine, da quelle del fuoriclasse olandese del Milan Ruud Gullit in tribuna a quelle di Yannick Noah in campo. Il funambolico francese è una mina vagante che può tutto e il contrario di tutto; si complica l’esistenza al secondo turno con l’austriaco Antonitsch per poi lasciare cinque giochi a Cash. Becker vorrebbe confermarsi campione ma nell’altra occasione in cui ha affrontato Noah in Italia ci ha perso (a Roma, sulla terra) e la storia si ripete anche al PalaTrussardi in un match di rara bellezza e intensità. Yannick sa cosa deve fare, ovvero tagliare col rovescio e costringere Becker a piegarsi su palle basse e viscide, ma la teoria va bene solo quando si riesce a metterla in pratica. Due break, uno per parte, consegnano altrettanti 6-4 all’uno e all’altro mentre il terzo set si chiude al 13° gioco nonostante Noah abbia servito per il match sul 5-4. Becker non vuole abdicare e per una volta risponde meglio di quanto solitamente serva, ma deve arrendersi al tie-break per un soffio. Una grandissima partita, che sostituisce di fatto la finale resa monca dal ritiro di Connors dopo soli otto giochi (4-4) a causa di uno stiramento.

Pagine: 1 2 3 4

Continua a leggere
Commenti

Racconti

Storie di tennis: Renée Richards, la donna che visse due volte

Non come intendeva la questione Hitchcock, ma nel senso che è stata la prima atleta transgender dello sport professionistico

Pubblicato

il

Teatro di questa puntata di “storie di tennis” è l’Open degli Stati Uniti. In tempi normali avrebbe quindi visto la luce più in là nel tempo ma, poiché i tempi che stiamo vivendo di normale hanno ben poco, abbiamo deciso di raccontarvela adesso. Protagonista della storia è una stimata oftalmologa americana ed ex tennista professionista: Renée Richards.

L’eccezionale avventura umana e sportiva di questa donna, che ha ispirato due autobiografie e due film, comincia a New York nel 1934 quando in una ricca famiglia borghese viene al mondo un neonato di nome Richard, Richard Raskind. Richard è un’atleta eccellente e mostra una notevole predisposizione per ogni tipo di sport; al liceo eccelle nel football, nuoto, tennis e baseball, sport per il quale riceve l’invito a un provino dai New York Yankees. Raskind decide però di dedicarsi esclusivamente al tennis e negli anni ‘50 partecipa per cinque volte allo Slam nord americano senza però mai andare oltre il secondo turno in singolare. L’ultima apparizione di Raskind agli US Open risale al 1960 quando al primo turno perde contro il futuro vincitore, Neil Fraser.

Il 1960 è anche l’ultima stagione che lo vede partecipare a un torneo maschile. Quell’anno il nostro protagonista abbandona il tennis e si dedica con successo all’esercizio della professione medica e contemporaneamente a combattere i conflitti interni che lo tormentavano sin dall’adolescenza. Alla fine della battaglia nel 1975 – sposato e padre di un bambino di 3 anni – Richard Raskind decide di accettare la sua natura e di sottoporsi all’operazione che gli consentirà di riapparire di fronte al mondo con il nome di Renée (in francese “rinata”) Richards.

Renée ha 41 anni, è una dottoressa di grande successo ma non è riuscita a venire a patti con la sua passione per il tennis agonistico ad alto livello. Dopo avere divorziato si trasferisce in California dove – parallelamente alla sua professione medica – riprende a calcare i campi da tennis in tornei semi-professionistici femminili nascosta sotto lo pseudonimo di Renée Clark. L’anonimato durò poco. La sua statura (188 cm) e il suo stile di gioco aggressivo e atletico attirano l’attenzione di un reporter che nel volgere di un giorno scopre la sua identità originaria e la rende di dominio pubblico.

La United States Tennis Association prende immediatamente posizione sulla vicenda esprimendo un parere negativo in merito alla sua partecipazione ai tornei professionistici precludendole di fatto così la possibilità di partecipare allo US Open. Posizione resa ancora più forte da un episodio coevo: quando un coraggioso organizzatore – ignorando il parere dello USTA – le dà una wild card per prendere parte il suo torneo, 25 giocatrici su un totale di 32 si ritirano immediatamente. Le altre giocatrici non volevano affrontare un’avversaria così alta e potente indipendentemente dal fatto che avesse superato i 40 anni di età e fosse inattiva a livello professionistico da 15 anni.

Siamo nel 1976 – per coincidenza anno in cui William Bruce Jenner, ora all’anagrafe Caitlyn Jenner, vince l’oro olimpico nel Decathlon a Montreal – e a Renée si presentano due opzioni: accettare la decisione dello USTA (prendendo anche atto dell’ostilità delle altre giocatrici) limitando così le sue performance tennistiche al club del quartiere, oppure dare battaglia legale. Sceglie la seconda strada perché “non mi piace che mi dicano cosa posso e cosa non poso fare”, avrebbe dichiarato anni dopo.

Fa quindi causa alla USTA presentando ai giudici incaricati le dichiarazioni del chirurgo che la aveva operata e di Billy Jean King – all’epoca seconda giocatrice del mondo – che ne garantiscono la femminilità fisica e psichica. La USTA si difende affermando la teoria che, in caso di sentenza favorevole a Richards, il mondo del tennis femminile avrebbe potuto subire un’infiltrazione massiccia da parte di altri atleti uomini. Il giudice dà ragione a Renee che nel 1977 può così iniziare la seconda parte di una carriera interrotta nel 1960 quando ancora si chiamava Richard Raskind.

Richard Raskind nel 1972 (foto AP)

Il debutto al primo turno dello US Open richiama una folla degna di una finale ma Virginia Wade la supera abbastanza facilmente in due set; Richards si toglie comunque la soddisfazione di raggiungere la finale del doppio nella medesima edizione e di arrivare al terzo turno nel singolare nel 1979, anno in cui raggiunge la ventesima posizione assoluta nel ranking. Sino al 1981 – anno del suo ritiro – le manifestazioni di ostilità contro di lei sono comunque forti e incessanti e culminano nel plateale ritiro dal campo prima dell’inizio della partita di una sua avversaria, Kerry Reid, australiana numero 7 del mondo.

Dopo l’abbandono dei campi da gioco, Renée non lascia il tennis e per i due anni successivi allena di una delle poche tenniste che si erano schierate sin dal primo momento al suo fianco insieme a Billy Jean King: Martina Navratilova.

Renée Richards è stata la prima atleta transgender nella storia dello sport professionistico. A distanza di oltre quarant’anni il dibattito su questo argomento nel mondo dello sport è ancora vivo e aspro, come dimostra la travagliata vicenda che riguarda la mezzofondista sudafricana Mokgadi Semenya. Nel mondo del tennis, a schierarsi contro la partecipazione delle atlete transgender ai tornei femminili è stata Martina Navratilova.

Quanto sia delicato il tema e labile il confine tra giusto e sbagliato lo dimostrano a fortiori le affermazioni rilasciate dalla stessa Renée Richards nel corso di un’intervista risalente allo scorso anno, nella quale afferma di aver deciso di competere nel circuito femminile solo perché il suo vantaggio atletico era a suo parere compensato dall’età; in caso contrario si sarebbe astenuta dal farlo dato che altrimenti – parole testuali – avrebbe “fatto polpette” delle sue avversarie. E non le sarebbe sembrato giusto.

 

Renée Richards, la transessuale che ha fatto storia – Un articolo del 2010

Continua a leggere

Racconti

La storia di Norah Gordon Cleather, la donna che tenne in piedi Wimbledon durante la guerra

Ora che Sally Bolton sta per prendere in mano le redini di Wimbledon, Ubitennis vi propone il racconto del Guardian sulla prima donna a dirigere il torneo più antico del mondo a cavallo fra le due guerre

Pubblicato

il

Il Centre Court di Wimbledon, colpito da una bomba l'11 ottobre 1940

[Nota introduttiva: sebbene Wimbledon 2020 sia stato cancellato, il 12 luglio (data della fu finale maschile) segnerà comunque il passaggio di consegne fra Richard Lewis e Sally Bolton nel ruolo di CEO, come già annunciato lo scorso dicembre. Bolton sarà la prima chief executive donna da quando la carica è stata creata, ed è una figura di spicco nell’ambiente dell’organizzazione di eventi sportivi nel Regno Unito. Ha iniziato nel 1996 come CEO per due squadre di rugby, sia league che union, facendosi strada fino a diventare la responsabile per la pianificazione dei Mondiali di Rugby League del 2013; è poi stata a capo, per un biennio, del comitato organizzatore dei mondiali londinesi di atletica del 2017.

La sua carriera all’interno dell’All England Club è iniziata l’anno precedente, quando è stata nominata head of corporate affairs, venendo poi promossa all’incarico di strategic planning and operations director – in sostanza è passata dalla gestione del rapporto con il pubblico alla progettazione strategica a lungo termine. In quest’ultima veste, le è stato riconosciuto un ruolo decisivo nell’acquisto dei limitrofi terreni del Wimbledon Park Golf Club, quasi triplicando l’area dove si disputano i Championships (da 42 a 115 acri) e permettendo così di spostare le qualificazioni da Roehampton ai campi dell’All England.

Sally Bolton, nuovo CEO di Wimbledon. (Credit: Wimbledon.com)

Nel contesto di questa staffetta, certamente storica, il Guardian ha trattato l’esperienza di Norah Gordon Cleather come “segretaria ad interim” durante la Seconda guerra mondiale. Di seguito vi proponiamo la traduzione dell’articolo, mentre l’originale si può trovare qui].

 

Norah Gordon Cleather avrebbe destato clamore entrando in qualsiasi stanza, in qualsiasi epoca. Un’altolocata londinese alla moda, si mescolava facilmente sia con i migliori tennisti del mondo sia con la nobiltà europea del periodo tra le due guerre, ma, come molte favole, la sua vicenda avrebbe preso una triste e inaspettata piega.

Il suo nome, a lungo dimenticato, è riemerso da quando Sally Bolton è stata nominata come la prima donna a ricoprire la carica amministratore delegato dell’All England Club, succedendo a Richard Lewis, un passaggio di consegne che ha avuto luogo nelle circostanze uniche di una quarantena, quando di norma il torneo si starebbe preparando per l’inaugurazione del 29 giugno. Tuttavia, Cleather può rivendicare il primato in una versione equivalente del ruolo che lei ricoprì 81 anni fa, in tempi altrettanto duri (come Bolton stessa sta scoprendo, visto che è impegnata nella lettura dell’autobiografia di Cleather, “Wimbledon Story”).

Stregata dal gioco e da Wimbledon fin dalla sua prima visita come scolaretta nel 1917, Norah si unì al piccolo staff di Wimbledon nel 1922, anno in cui il torneo si spostò da Worple Road a Church Road per accogliere lo straordinario interesse generato da Suzanne Lenglen, che diventò una sua amica di lungo corso.

Mentre lo sport raccoglieva sempre più consensi sulla scena internazionale, lei lavorava al fianco del direttore del torneo, il maggiore Dudley Larcombe, e prese il suo posto come “segretario ad interim” alla vigilia della Seconda guerra mondiale, quando lui si ritirò per motivi di salute – un percorso lavorativo che sembrava realizzare tutti i sogni giovanili di Norah.

Le bombe caddero e Wimbledon chiuse. Il parcheggio fu trasformato in una piccola fattoria e i reggimenti Gallesi e Irlandesi di Londra vi si trasferirono dentro. Come ricorda Cleather nella sua autobiografia: “Fu quando sentii per la prima volta la marcia metallica che passava fuori dall’All England Club… che capii che Wimbledon era andato in guerra”.

La sua pronipote Sarah Cleather – il cui nome d’attrice è Sarah Tullamore – dice: “Norah ha gestito Wimbledon durante la guerra quasi da sola, mentre gli uomini venivano arruolati. Anche lei finì col vivere lì, a fianco delle truppe, visto che il suo appartamento a Earl’s Court venne bombardato. Si aspettava di proseguire l’incarico dopo la guerra, e perché non avrebbe dovuto?”.

Tullamore è addolorata per il modo in cui la sua prozia è stata successivamente trattata e sta lavorando ad un dramma televisivo che spera possa mostrare quanto Cleather fosse una silenziosa pioniera.

Quando il tennis riprese nel giugno del 1945, i raccattapalle erano soldati in uniforme pronti a combattere; anche i giocatori erano agguerriti nel senso più letterale del termine e si entusiasmavano a giocare sul Campo N.1, mentre i lavori di ristrutturazione post-bellica continuavano sul Campo Centrale. Non fu classificato come un campionato ufficiale ma, come la Battle of the Brits che ha avuto luogo la scorsa settimana al National Tennis Centre, era quello che passava il convento.

Profeticamente, Cleather ha scritto: “Ho sempre pensato che in un’epoca in cui i più grandi giocatori del mondo sono tutti professionisti, tali regole sono pericolosamente superate. Ho già accennato alla sensazione sempre più diffusa ormai tra quasi tutti gli appassionati di tennis che una nuova e ben più flessibile concezione dello status dei giocatori sia attesa da tempo”.

La loro condizione sarebbe rimasta tale fino al 1968, quando Rod Laver e Billie Jean King vinsero i primi campionati dell’era Open. Nel 1945, il gioco non era pronto per alcun tipo di cambiamento.

Mentre le cose erano sul punto di ripartire”, dice Tullamore, “è stata informata che un manager maschio sarebbe venuto a lavorare con lei per gestire le cose. Dev’essere rimasta amareggiata, ma ha accettato la cosa. Tuttavia, quando ha scoperto che l’uomo in questione sarebbe stato pagato più di lei per lo stesso lavoro, naturalmente ha protestato chiedendo lo stesso stipendio – soprattutto perché aveva fatto il lavoro per 25 anni e aveva appena organizzato il primo torneo del dopoguerra da sola”.

Purtroppo – e questo è un segno dei tempi in cui viveva – le autorità di Wimbledon si rifiutarono di cedere. Così Norah, a malincuore, decise di andarsene – un’altra scelta pionieristica per l’epoca. È morta nel 1967, un paio d’anni prima che io nascessi, e purtroppo non l’ho mai incontrata. Ma sono sempre stata affascinata dalla sua vita e da ciò che ha ottenuto all’epoca, ed è per questo che vorrei che la gente la conoscesse“.

Ho la sensazione che alla stampa piacesse molto, dai ritagli che ho letto. Era una donna che lavorava sodo ma al contempo affascinante, e aveva fatto carriera. Sempre una signora, non ha mai detto il vero motivo del suo allontanamento, né alla stampa né nel suo libro, preferendo invece dire che ‘era ora di cambiare‘”.

Cleather aveva il cuore a pezzi in tutti i sensi. Quando si trasferì per lavorare a New York come segretaria di una delle sorellanze universitarie cattoliche, la sua partenza coincise con la fine della relazione con l’amore della sua vita, un americano di nome John Kelly, che si dice fosse in lacrime quando partecipò al suo funerale nel 1967.

Voleva un nuovo inizio“, dice Tullamore. “Tuttavia, dato che il suo lavoro a New York era molto meno affascinante di quello a Wimbledon e dato che era molto lontana, credo che la gente si sia semplicemente dimenticata di lei“.

Continua a leggere

Racconti

Uno contro tutti: la prima volta in vetta di Edberg, Becker e Courier

Ventisei uomini diversi hanno occupato il trono di numero uno del mondo. Oggi parliamo dei primi anni Novanta, dominati da Stefan Edberg, Boris Becker e Jim Courier

Pubblicato

il

No, non è Boris Becker a ricevere lo scettro di numero 1 del mondo da Ivan Lendl. In poco più di tre anni, il tedesco è stato per 74 settimane complessive sul secondo gradino del podio ma l’esito della finale di Wimbledon 1990, in cui non gli è bastato recuperare due set, ha determinato di fatto il successore al trono dell’ex-cecoslovacco. Il nuovo re è un vichingo atipico che da juniores è stato imperatore, avendo conquistato (unico nella storia) il Grand Slam juniores nel 1983. Anche se quel quinto set di una altalenante finale di Wimbledon terminata con lo score inusuale di 6-2 6-2 3-6 3-6 6-4 ha di fatto determinato il futuro, Edberg viene incoronato il 13 agosto, ovvero all’indomani della netta vittoria su Brad Gilbert che gli è valsa il titolo a Cincinnati. Abbandonato in gioventù il rovescio bimane e trasformato lo stesso in un colpo tanto elegante quanto propedeutico – nella sua versione in back – alla filosofia offensiva che ne ispira l’intero impianto di gioco, Edberg è arrivato in Ohio sulla spinta della vittoria ottenuta la settimana precedente a Los Angeles e bagna la sua investitura con un altro titolo in quel di Long Island.

Logicamente, allo US Open lo svedese è in cima alla lista dei favoriti ma il mancino russo Alexander Volkov, uno a cui pure il talento non fa certo difetto, lo estromette al debutto in tre soli set: 6-3 7-6 6-2. “Avevo lavorato bene nelle ultime settimane ma quando ho visto il sorteggio non ero certo contento” dichiarerà Volkov ai cronisti. “Però mi sono detto che tutto poteva succedere e oggi ho giocato davvero bene”. Incostante ma capace di momenti irresistibili, Volkov raggiungerà in carriera un best ranking di n°14 e morirà a soli 52 anni dopo essere stato per un periodo anche coach di Safin.

La stagione indoor propone nuovi scontri diretti tra i primi tre della graduatoria che si trovano di fronte nelle fasi finali di Sydney, Tokyo, Stoccolma e Bercy. Becker centra quattro finali e ne vince due (in Australia e Svezia, entrambe contro Edberg), perde in Giappone con Lendl e in Francia è costretto al ritiro sul 3-3 del primo set lasciando via libera al numero 1. Con queste premesse, è ovvio che alla Festhalle di Francoforte, teatro dei nuovi ATP World Tour Championships (la nuova denominazione del Masters), i favoriti siano gli stessi tre di cui sopra. Invece il nuovo maestro ha vent’anni, indossa completini piuttosto vistosi e nell’occasione mette in riga sia Becker (in semifinale) che Edberg (in finale) dopo aver perso dallo svedese nel girone: si chiama Andre Agassi e di lui sentiremo ancora parlare a lungo.

 

Con il torneo di chiusura controllato completamente dall’ATP, la Federazione Internazionale reagisce organizzando sempre in Germania (a Monaco di Baviera) una sorta di Masters alternativo, riservato ai sedici tennisti che hanno totalizzato il maggior numero di punti nei quattro major: la Grand Slam Cup. Oltre alla sede, anche la formula è diversa in quanto contempla la più classica eliminazione diretta fin dal primo turno, che poi sono gli ottavi. Edberg è testa di serie n°1 in questa edizione d’esordio e il suo, di debutto, non è proprio dei migliori perché perde subito in tre combattuti set con Chang. Il torneo lo vincerà lo statunitense Pete Sampras, un altro di cui torneremo a parlare più avanti, e la stagione va in archivio.

Ad appena 24 settimane dal suo insediamento, Stefan Edberg è costretto a lasciare il palazzo reale. Accade all’indomani degli Australian Open, laddove lo svedese non sfrutta due match point in semifinale e si arrende alla caparbietà di un Ivan Lendl che sembra rappresentare la legione straniera con quel curioso cappello che gli copre testa e collo. “Avevo la partita in mano e mi sentivo bene: è dura perdere così” ammette Edberg, che nel quarto set serve per l’incontro sul 5-4, subito dopo aver tolto la battuta a Lendl, ma nelle due opportunità di chiudere prima sbaglia una volee e dopo commette doppio fallo. Ivan lo riprende, domina il tie-break e chiude il quinto per 6-4 qualificandosi per la terza finale consecutiva a Melbourne. Qui trova Boris Becker, sopravvissuto al terzo turno a una maratona di oltre cinque ore con l’italiano Omar Camporese e in procinto di diventare il decimo n°1 mondiale. Infatti, battendo Lendl 1-6 6-4 6-4 6-4 il tedesco completa il sorpasso e il 28 gennaio viene incoronato.

Boris Becker

Difficile, a questo punto, spiegare il motivo per cui un talento del calibro di Boris Becker rimarrà in vetta per un totale di appena 12 settimane, suddivise in due periodi. Il primo di questi comprende due incontri in Coppa Davis (uno dei quali lo vede di nuovo opposto a Camporese e sarà un’altra vittoria al quinto, stavolta recuperando due set) e una mesta apparizione a Bruxelles, dove è costretto al ritiro in semifinale contro il russo Cherkasov sulla situazione di un set pari e 2-2 nel terzo a causa di uno stiramento alla coscia. Pur perdendo anch’esso in semifinale con il francese Forget, Edberg torna numero 1 il 18 febbraio e legittima subito la ritrovata leadership vincendo a Stoccarda. Le cose vanno peggio nel Sunshine Double ma lo scandinavo riesce a tenere una certa continuità di rendimento e le due semifinali raggiunte lo testimoniano: a Indian Wells lo ferma nuovamente Forget mentre a Miami la sconfitta con il giovane statunitense David Wheaton può sembrare sorprendente ma il ventunenne di Minneapolis sta vivendo la sua annata migliore e ben presto lascerà la posizione n°46 che occupa in Florida per avvicinarsi alla top 10.

Dopo il titolo a Tokyo, ottenuto regolando in finale Ivan Lendl, Edberg affronta con fiducia la stagione europea sulla terra battuta ma a Monte Carlo si ferma al debutto, battuto dal connazionale Magnus Larsson, tennista che quattro anni più tardi entrerà tra i primi 10 del ranking e mostrerà nell’arco dell’intera carriera una certa versatilità dividendo le sue quindici finali nel circuito tra le quattro superfici in uso (sintetico, duro, erba e terra). Dopo il Principato, il n°1 fa due tappe in Germania: ad Amburgo perde nei quarti con Stich mentre a Dusseldorf aiuta la sua nazionale a vincere la World Team Cup battendo Ivanisevic nella finale contro la Croazia. Per lui si tratta del bis nella seconda manifestazione a squadre per importanza dopo la Davis, avendola già vinta tre anni prima battendo in finale gli Stati Uniti. 

Anche se il suo tennis offensivo mal si adatta alla terra, Edberg ha già dimostrato di potersela cavare egregiamente sul rosso e al Roland Garros ha già sfiorato il titolo due anni prima. Tuttavia, dopo aver battuto tre avversari ostici quali l’austriaco Skoff e i russi Cherkasov e Chesnokov, nei quarti è costretto alla resa dall’uomo nuovo del tennis a stelle e strisce: Jim Courier. Il “rosso” vincerà il torneo e inizierà così a scalare la classifica mondiale mentre Stefan, sconfitto ma non demoralizzato, si trasferisce al Queen’s dove centra il successo senza cedere nemmeno un set. Inevitabile, con queste premesse, che il n°1 del mondo sia il grande favorito per difendere il titolo di Wimbledon ma qui accade qualcosa di mai successo a livello slam; avviene in semifinale, dove Edberg non perde mai il servizio ma perde tre tie-break su tre (proprio nei giorni in cui l’inventore del gioco decisivo, Jimmy Van Alen, lasciava questa terra) e si arrende a Michael Stich, che poi batterà anche Becker in finale.

Pur avendo perso, Boris torna sul trono grazie allo scarto dei punti e ci resterà per due mesi. Di nuovo, la vetta fa perdere la testa al tedesco che, nei tre tornei giocati da n°1, coglie la finale a Indianapolis (battuto da Sampras) dopo aver perso in semifinale a Cincinnati per mano di Forget ma il ko che lo rimette al secondo posto del ranking è quello patito al terzo turno degli US Open. Qui Paul Haarhuis, un 25enne olandese dal radioso futuro come doppista, lo estromette in tre rapide partite nell’edizione che vive delle imprese leggendarie del vecchio Connors (semifinalista a 39 anni proprio a spese di Haarhuis) e riconsegna la corona a Edberg, praticamente perfetto nella finale in cui annienta Jim Courier per 6-2 6-4 6-0. Il 9 settembre, quindi, Boris Becker chiude la sua esperienza da re del mondo con numeri inversamente proporzionali alla sua classe: 12 settimane, quattro tornei, una sola finale giocata (e persa) e un record vinte-perse di 14-4.

Se durante l’estate americana Edberg aveva collezionato sconfitte a ripetizione, il titolo allo US Open lo rivitalizza e – sull’asse indoor Sydney-Tokyo – infila altri due titoli legati tra loro dal pressoché identico score con cui supera, sempre in semifinale, il temibile croato Ivanisevic: 4-6 7-6 7-6 in Australia e 4-6 7-6 7-5 in Giappone. A un passo dal tris e con 21 vittorie consecutive alle spalle, lo svedese perde la finale a Stoccolma con Becker e chiude anzitempo la stagione a Parigi-Bercy, sconfitto al secondo turno da Michael Chang. Infortunato, lo scandinavo salta il Masters di Francoforte e preferisce riposarsi fino alla nuova stagione.

Il 1992 di Edberg inizia a Melbourne e la sua condizione sembra del tutto ritrovata. Tre agevoli turni di rodaggio contro tennisti classificati fuori dai 100 gli consentono di presentarsi alla seconda settimana abbastanza riposato e questo lo aiuta nella vittoria al quinto set ottenuta contro Ivan Lendl nei quarti; in semifinale il sorprendente Wayne Ferreira gli resiste solo il primo set ma in finale le bastonate di dritto di Jim Courier lo mettono alle corde e lo statunitense vendica la batosta rimediata a Flushing Meadows qualche mese prima. Adesso Courier lo insidia da vicino in classifica e infatti il 9 febbraio, dopo aver perso la finale di San Francisco contro il connazionale Chang, Jim diventa il decimo leader del ranking ATP (terzo statunitense).

Jim Courier (foto di Clive Brunskill /Allsport)

Nel frattempo, la settimana precedente, Stefan Edberg ha fatto registrare suo malgrado un primato: nel secondo incontro della prima giornata del match di Coppa Davis tra Canada e Svezia, Edberg perde 6-4 al quinto set con Daniel Nestor. Il mancino canadese diventa così il giocatore con classifica più bassa (238) ad aver mai battuto il numero 1 del mondo, record tuttora valido. Con la vittoria di Nestor, la cui carriera di singolarista verrà ben presto oscurata da una lunga e irripetibile militanza in doppio, il Canada chiude la prima giornata avanti 2-0 ma alla fine la Svezia riuscirà a espugnare il Pacific National Agrodome di Vancouver e Edberg rimedierà vincendo il doppio insieme a Jarryd e battendo Connell nel singolare di apertura della terza giornata. A quel punto, sul 2-2, Nestor si troverà avanti 2-1 con Gustafsson ma le vesciche ai piedi contribuiranno alla sua resa e di conseguenza a quella dei padroni di casa, osannati comunque dal pubblico di casa.

Nella prossima puntata parleremo di Jim Courier e dell’inizio degli anni statunitensi al vertice della classifica ATP.

TABELLA SCONFITTE N.1 ATP – UNDICESIMA PARTE

ANNONUMERO 1AVVERSARIOSCORETORNEOSUP.
1990EDBERG, STEFANVOLKOV, ALEXANDER36 67 26US OPENH
1990EDBERG, STEFANBECKER, BORIS67 46 46SYDNEY INDOORH
1990EDBERG, STEFANLENDL, IVAN57 36TOKYO INDOORS
1990EDBERG, STEFANBECKER, BORIS46 06 36STOCCOLMAS
1990EDBERG, STEFANAGASSI, ANDRE75 67 57 26MASTERS S
1991EDBERG, STEFANLENDL, IVAN46 75 63 67 46AUSTRALIAN OPENH
1991BECKER, BORISCHERKASOV, ANDREI62 36 22 RIT.BRUXELLESS
1991EDBERG, STEFANFORGET, GUY46 46INDIAN WELLSH
1991EDBERG, STEFANWHEATON, DAVID36 46MIAMIH
1991EDBERG, STEFANLARSSON, MAGNUS75 36 67MONTE CARLOC
1991EDBERG, STEFANSTICH, MICHAEL26 67AMBURGOC
1991EDBERG, STEFANCHERKASOV, ANDREI46 16WORLD TEAM CUPC
1991EDBERG, STEFANCOURIER, JIM46 62 36 46ROLAND GARROSC
1991EDBERG, STEFANSTICH, MICHAEL64 67 67 67WIMBLEDONG
1991BECKER, BORISFORGET, GUY67 64 36CINCINNATIH
1991BECKER, BORISSAMPRAS, PETE67 63 36INDIANAPOLISH
1991BECKER, BORISHAARHUIS, PAUL36 46 26US OPENH
1991EDBERG, STEFANBECKER, BORIS63 46 61 26 26STOCCOLMAS
1991EDBERG, STEFANCHANG, MICHAEL62 16 46PARIGI BERCYS
1992EDBERG, STEFANCOURIER, JIM36 63 46 26AUSTRALIAN OPENH
1992EDBERG, STEFANNESTOR, DANIEL64 36 61 36 46DAVIS CUPS


Uno contro tutti: Nastase e Newcombe
Uno contro tutti: Connors
Uno contro tutti: Borg e ancora Connors
Uno contro tutti: Bjorn Borg
Uno contro tutti: da Borg a McEnroe
Uno contro tutti: Lendl
Uno contro tutti: McEnroe e il duello per la vetta con Lendl
Uno contro tutti: le 157 settimane in vetta di Ivan Lendl
Uno contro tutti: Mats Wilander
Uno contro tutti: Lendl al tramonto e l’ultima semifinale a Wimbledon

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement