10 motivi per cui Roberta Vinci merita di stare in Top 10

Focus

10 motivi per cui Roberta Vinci merita di stare in Top 10

Ecco dieci motivi per cui siamo sicuri che la top 10 è il posto che spetta a Roberta Vinci. L’undicesimo aggiungetelo voi

Pubblicato

il

 

1 – Perché come affetta lei con il back di rovescio, nemmeno la Parmacotto

ezgif.com-video-to-gif (6)

2 – Perché è una che dà a Cesare quel che è di Cesare

 

ezgif.com-add-text (4)

3 – Perché è una persona molto servizievole

ezgif.com-add-text (1)

4 – Perché quando gioca ha un piano tattico molto articolato

ezgif.com-add-text (2)

5 – Perché ha lasciato vincere uno Slam alla sua amica che si ritirava

ezgif.com-video-to-gif (8)

6 – Perché se David Foster Wallace fosse ancora vivo, avrebbe scritto il seguito del “Tennis come esperienza religiosa” sulla sua volée

ezgif.com-video-to-gif (2)

7 – Perché sa come rubare la scena

ezgif.com-video-to-gif (3)

8 – Perché se la cava anche come coach

ezgif.com-video-to-gif (5)

9 – Perché è la regina delle conferenze stampa

ezgif.com-add-text (5)

10 – Perché, va beh, tutti sanno cosa è successo a New York

ezgif.com-video-to-gif (7)

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Montpellier: forfait Fucsovics, Sinner va ai quarti di finale senza giocare

Rimandato a venerdì l’esordio in Francia per Jannik Sinner, che partirà direttamente dai quarti. Affronterà Krajinovic o Sonego

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Australian Open 2023 (foto Twitter @AustralianOpen)

Ad inizio torneo, guardando il tabellone dell’ATP250 di Montpellier, il primo pensiero è stato subito indirizzato verso un possibile quarto di finale tutto italiano. La presenza di (almeno) un azzurro è ora certa, poiché Jannik Sinner si trova direttamente proiettato ai quarti senza giocare. L’altoatesino, infatti, sfrutta il ritiro di Marton Fucsovics, un avversario contro cui ha quasi sempre faticato. È andata così anche nell’ultimo confronto diretto tra i due, con il n°17 del mondo che è a Melbourne è riuscito per la prima volta in carriera a rimontare due set di svantaggio, lasciando poi soltanto tre game al suo avversario negli ultimi tre set.

L’ungherese però, nel giorno del suo 31° compleanno, è stato costretto al ritiro dall’Open Sud de France, dopo che ieri aveva vinto in tre set il suo match d’esordio contro Geoffrey Blancaneaux. Sinner, che deve nel corso della sua carriera deve ancora vincere un match a Montpellier, partirà direttamente dai quarti, dove venerdì affronterà uno tra Filip Krajinovic e Lorenzo Sonego, in campo domani. Il match tra Roberto Bautista e Arthur Fils, che sarebbe dovuto essere il secondo della sessione serale, è stato anticipato come primo e chiuderà una giornata non fortunatissima a Montpellier visto che c’è stato anche il ritiro di Ugo Humbert. Il francese è stato vittima di una brutta caduta durante il match contro Alejandro Davidovich Fokina e si è ritirato sul punteggio di 6-1 6-7.

Il tabellone completo dell’ATP250 di Montpellier

Continua a leggere

Flash

WTA Linz, Errani fuori a testa alta. Friedsam la batte in due set

L’azzurra dopo essersi qualificata non supera il primo turno. In Alta Austria resta in gara la sola Giorgi

Pubblicato

il

Sara Errani all'Australian Open 2021 (foto Twitter @AustralianOpen)

A.L. Friedsam b. S. Errani 6-2 6-4

Combatte, lotta, ma nei momenti decisivi è l’avversaria a tirar fuori punti vincenti che la mandano al tappeto. Sara Errani è eliminata da Anna-Lena Friedsam al primo turno del WTA di Linz dopo essersi qualificata. Un’ora e quarantasette minuti di grande lotta, dalla quale l’azzurra esce a testa alta malgrado il 6-2, 6-4 finale. Errani certamente non sarà contenta per il risultato finale, conscia del fatto che c’è margine per migliorare la propria classifica. A tal proposito, la gara odierna sembrava una grande occasione per risalire la corrente, visto che anche Anna-Lena era arrivata dalle qualificazioni. Match molto equilibrato e combattuto, con l’azzurra che ha il demerito di non aver concretizzato il vantaggio di un break accumulato nel secondo set.

Undici le volte in cui una delle due giocatrici ha strappato il servizio, con poche certezze accumulate da entrambe nel corso del match. Troppi errori gratuiti nei momenti decisivi per Errani, penalizzata anche dal fatto di aver raccolto solo il 40% di punti con la prima di servizio. Cinque break consecutivi caratterizzano il primo set: la tedesca gioca bene e picchia forte e ne esce rafforzata da questa girandola di colpi di scena. Il sesto break del primo set vale il 6-2 per la n. 124 del ranking.

 

Nel secondo set arriva la reazione di Errani che passa a condurre nel terzo gioco, dopo non aver sfruttato tre occasioni di break nel primo. Il controbreak è dietro l’angolo, malgrado due chance di 3-1 per l’azzurra. La tedesca martella col dritto, ma poi negli scambi lunghi forza alcuni colpi dando ad Errani l’opportunità di passare a condurre nuovamente. Nell’ottavo gioco si spengono le possibilità di vittoria della romagnola. L’aggancio sul 4-4, scioglie il braccio della tedesca con Errani che commette troppi errori; Sara avrebbe due palle break nel turno di servizio successivo dell’avversaria, ma non le trasforma ed è poi lei a cedere alla pressione nel decimo gioco, cedendo battuta e match. Vince in due set Friedsam che ora affronterà Anhelina Kalinina, testa di serie n. 4 del seeding, capace di battere Alicia Parks 6-2, 7-5. L’americana è apparsa scarica dopo la vittoria di Lione di domenica scorsa. Per l’Italia in Alta Austria resta in gara Camila Giorgi.

WTA Linz, gli altri risultati: avanti Vondrousova, Tauson batte Begu a sorpresa

Se l’ottavo di finale tra Friedsam e Kalinina si è formato nel giro di pochi minuti, Marketa Vondrousova non ha impiegato molto di più per approdare per prima ai quarti di finale. In 59 minuti, infatti, la ceca ha dominato con un doppio 6-1 la qualificata spagnola Rebeka Masarova, che all’esordio aveva sconfitto a sorpresa la n°2 del seeding Alexandrova. La giustiziera di Ons Jabeur all’Australian Open affronterà da favorita nei quarti una tra Dalma Galfi e Eva Lys e tenterà di raggiungere la 13esima semifinale in carriera a livello WTA.

Più tardi è stata definita la prossima avversaria di Camila Giorgi. Sarà la danese Clara Tauson, che in un incontro alla vigilia imprevedibile ha spazzato via la concorrenza della n°3 del seeding Irina Camelia Begu, sconfitta 6-1 6-2 in poco più di un’ora e un quarto. Infine, la vittoria di Madison Brengle sulla wild card di casa Julia Grabher, la cui resistenza è durata un solo set. La statunitense si è imposta 7-6(2) 6-2, staccando il pass per il secondo turno dove affronterà la n°5 del tabellone Donna Vekic, reduce dai quarti di finale all’Australian Open.

Ha collaborato Giovanni Pelazzo

IL TABELLONE AGGIORNATO DEL WTA 250 DI LINZ

Continua a leggere

Focus

Lettera a cuore aperto di Jessica Pegula per sua madre Kim colpita da un infarto: “È stato un anno difficile”

La madre Kim è stata colta da un arresto cardiaco nel sonno a giugno del 2022. Lo stesso anno sua figlia Jessica le ha dedicato il successo a Guadalajara

Pubblicato

il

Jessica Pegula - Australian Open 2021 (via Twitter, @AustralianOpen)

“Questa è una storia su mia madre, sulla mia famiglia e sull’ultimo anno che abbiamo vissuto

Comincia così la lettera a cuore aperto che Jessica Pegula ha pubblicato su The Players Tribune, sito web americano dove gli atleti si raccontano. In questa storia Pegula ripercorre gli ultimi travagliati mesi che ha dovuto passare a causa dell’arresto cardiaco che ha colpito sua madre, Kim Pegula, presidentessa dei Buffalo Sabres e dei Buffalo Bills.

Nel giugno del 2022 ero appena tornata in Florida dagli Open di Francia. Ho raggiunto i quarti di finale in singolare e la finale in doppio. Sono state due settimane incredibili, piene di aspetti positivi, tra cui l’ingresso nella Top 10 del mondo. Pochi giorni dopo il mio ritorno a casa, ho ricevuto una telefonata verso mezzanotte (il giorno del compleanno di mia madre) da mia sorella Kelly, che stava a casa dei miei genitori. La mamma aveva un problema e stava andando all’ospedale in ambulanza. 

Mia madre stava dormendo quando mio padre si è svegliato scoprendo che era andata in arresto cardiaco e che non rispondeva per un bel po’. Mia sorella le ha praticato la rianimazione cardiopolmonare fino all’arrivo dell’ambulanza. Le ha salvato la vita”. “Oggi mia madre è ancora in fase di recupero e, sebbene la risposta sia la stessa ogni volta che qualcuno me lo chiede, è vero che sta migliorando di giorno in giornoDeve fare i conti con una significativa afasia espressiva e con notevoli problemi di memoria. Riesce a leggere, scrivere e capire abbastanza bene, ma ha difficoltà a trovare le parole per rispondere.

Pegula è diventata co-propietaria dei Buffalo Bills, squadra professionistica di Football Americano della NFL, nel 2014, e come affermato da Jessica: Era la donna dietro il successo di mio padre, e mio padre lo ammetteva volentieri“. Nel prosieguo della lettera Pegula affronta le paure legate al suo futuro dopo il tennis, che per volontà di sua madre Kim sarà alla guida delle società sportive di famiglia. “Mia madre ha sempre voluto che mi impegnassi, che imparassi e che alla fine facessi quello che faceva lei. Mi ha sempre detto di aspettare fino a quando non avessi terminato la mia carriera da tennista. Io le chiedevo sempre di darmi più responsabilità, di lasciarmi coinvolgere di più, perché volevo aiutare. Così ora eccomi qui, con la mia famiglia, intrappolata in discussioni sulle sue cure, sui tutori legali, sui medici, sulla terapia e su quella che sembrava la meno importante, la mia carriera di tennista. All’improvviso, il tuo mondo si capovolge e non hai idea di cosa stia succedendo. Improvvisamente, sono passata da ‘Festeggiamo la top 10 nel ranking’ a ‘Devo iniziare a pensare alla mia carriera dopo il tennis molto prima di quanto pensassi?‘, ‘Mio padre e la mia famiglia hanno bisogno di aiuto?’, ‘Forse dovrei tornare a scuola e lavorare per la famiglia’”.

C’è poi il paragrafo dove Pegula rammenta la vittoria a Guadalajara in onore di sua madre Kim, lo scorso anno:Nel novembre 2022, sono stata in grado di vincere il mio primo titolo WTA 1000 a Guadalajara, in Messico. Prima della finale, stavo piangendo incontrollabilmente negli spogliatoi. Non sono una grande piagnucolona di solito, ma ho pianto. Non erano nemmeno lacrime tristi, erano quasi felici, perché avevo la sensazione che avrei vinto. Ho dedicato il trofeo a mia madre. Volevo farle sapere che anche dopo sei mesi terribili, ho ancora combattuto ogni giorno grazie a lei. Ho pianto durante il mio discorso e la cerimonia di premiazione“.

La lettera si conclude con un ringraziamento a tutti i tifosi che sono stati accanto alla sua famglia in questi mesi delicati, e in particolare alla comunità di Buffalo: È stato un anno difficile, ma allo stesso tempo mi sento fortunata e benedetta. Sono grata che mia madre sia ancora con noi quando altre famiglie non sono state così fortunate. Che abbia avuto una possibilità di guarigione, quando nella prima settimana in ospedale sembrava così poco probabile. Sono grata per i medici che l’hanno aiutata a guarire. Grazie per il fatto che ora è a casa, che può guardare i Bills, i Sabres e le mie partite di tennis. Prima non guardava mai le mie partite perché era troppo nervosa. Ora le guarda tutte. Ringrazio la comunità di Buffalo per la pazienza. So che volevate delle risposte e ci è voluto un po’ di tempo per ottenerle, ma finalmente è arrivato il momento. Grazie a tutti coloro che hanno rispettato la privacy e hanno mostrato a me e alla mia famiglia un enorme sostegno durante questo percorso”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement