Mondo Challenger: Sidorenko trasforma il sogno in realtà

Challenger

Mondo Challenger: Sidorenko trasforma il sogno in realtà

Tre i tornei del circuito minore ATP disputati la scorsa settimana. Il più ricco si è giocato in Israele, un 125.000$ che vantava ben quattro top-100 in gara. A Leon invece è andato in scena il quarto appuntamento del mini-tour messicano mentre in Francia, a St.Brieuc, si è disputato un 42.500$. Passiamo in rassegna i momenti salienti dei tre challenger

Pubblicato

il

 

Ra’ananaHa vinto da favorito, il russo Donskoy, nel challenger che lo avvicina sensibilmente al suo best-ranking. Accreditato della testa di serie n°1, Evgeny è tornato alla vittoria otto mesi dopo l’ultimo titolo, conquistato nello scorso agosto a Segovia. I maggiori pericoli per Donskoy sono arrivati al secondo turno da Daniil Medvedev e, soprattutto, nei quarti dallo svizzero Chiudinelli, battuto 4-6 7-5 6-2. In semifinale Evgeny ha battuto l’italiano Thomas Fabbiano, terzo giocatore dall’inizio del 2016 a conquistare per la prima volta in carriera la Top-100 dopo Fritz e Sugita. Vittorioso a Zhuhai e semifinalista la scorsa settimana a Shenzhen, Thomas si è brillantemente ripetuto a spese di Bar, Marcora e Chen prima di raccogliere appena cinque giochi contro Donskoy.

Nella parte bassa del tabellone, semifinale tra i favoriti Sela (2) e Berankis (3), con quest’ultimo che ha impedito all’israeliano di proseguire la striscia positiva giunta a quota otto dopo la vittoria a Shenzhen. Sela ha vinto il primo set 6-3 ma il lituano l’ha ripagato con la stessa moneta nel secondo e ha chiuso nel terzo per 6-4.

“Oggi ero un po’ nervoso perché con Ricardas siamo ottimi amici e non è mai facile. Spero che vi siate divertiti e di poter tornare anche l’anno prossimo” così Donskoy al termine della finale, vinta con un doppio 6-4.

Risultato finale:

Evgeny Donskoy b. Ricardas Berankis 6-4 6-4

Leon – Il torneo dei “vecchietti”. La vittoria in singolare è andata al tedesco Michael Berrer, secondo 35enne in stagione capace di aggiudicarsi un challenger dopo Stephane Robert a New Delhi. Dopo essersi quasi ritirato l’anno scorso, Berrer si è concesso un’altra possibilità e ha messo in bacheca l’11° challenger in carriera, traguardo al quale mancava da quasi tre anni. Sei delle otto teste di serie sono uscite al primo turno; tra queste Sam Groth (1), eliminato dal brasiliano Andre Ghem, e Taylor Fritz (2), battuto dal qualificato argentino Agustin Velotti. I sopravvissuti sono stati Jaziri (3), poi costretto al ritiro nei quarti quando ormai era sotto 5-0 nel terzo contro Souza, e lo stesso Berrer (6), che invece è stato costretto a cedere il set centrale a Lucas Gomez, Andre Ghem e Daniel Nguyen ma in finale ha impiegato poco più di un’ora per avere ragione di Souza.

L’altro “vecchietto” è Leander Paes, tornato a giocare un torneo in doppio insieme a Sam Groth e giunto due volte a un punto dal titolo prima di perdere 13-11 al super tie-break contro la coppia composta da Santiago Gonzalez e Mate Pavic.

Risultato finale:

Michael Berrer b. Joao Souza 6-3 6-2

St.BrieucIl sogno di Alexandre Sidorenko, n°379 del mondo, si è realizzato. Il francese ha fatto suo l’Open Harmonie Mutuelle dopo aver beneficiato di una wild-card dagli organizzatori. Il torneo ha perso sei degli otto favoriti nei primi due turni e i restanti si sono sfidati nei quarti di finale; qui, l’olandese Sijsling ha avuto la meglio in tre set su Daniel Evans e sempre al terzo ha sconfitto il transalpino Gleb Sakharov, altra wild-card che ha fatto la gioia del pubblico battendo nell’ordine Vanni, Gigounon e Barrere. Nella finale Sidorenko, secondo tennista con classifica più bassa a vincere un challenger quest’anno dopo l’impresa di Mott a Launceston, è partito contratto, ha perso malamente il set d’avvio ma con il passare dei minuti si è sciolto e, pur non avendo sfruttato la possibilità di servire per il titolo sul 5-4 del terzo, nel tie-break ha dominato per sette punti a tre. Dopo Herbert, Robert e Mannarino, Sidorenko è il quarto francese a vincere un challenger nel 2016, primo per lui che grazie ai punti conquistati salirà di circa cento posizioni nel ranking ATP.

Risultato finale:

Alexandre Sidorenko b. Igor Sijsling 2-6 6-3 7-6

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement