Finale Coppa Davis: il sindaco di Zagabria vuole sfrattare i supereroi. Ma non è così semplice...

Flash

Finale Coppa Davis: il sindaco di Zagabria vuole sfrattare i supereroi. Ma non è così semplice…

Il sindaco della capitale croata non vuole sentire ragioni, “Troppo importante avere la finale a Zagabria”. Ma lo spettacolo Marvel ha già venduto tanti biglietti

Pubblicato

il

Inizia il valzer delle candidature in Croazia per la finale di Coppa Davis. Nonostante la concomitante presenza dello spettacolo Marvel Universe Live (lo spettacolo basato sui supereroi Capitan America, Ironman, Thor e Hulk), il sindaco di Zagabria Milan Bandic ha dichiarato pubblicamente che la finale deve disputarsi nella capitale: “La finale di Davis è un evento cosi importante per il paese che si può spostare uno spettacolo di una settimana, prima o dopo“.

Tuttavia spostare lo spettacolo non è in fatto di così poco conto: tra il 27 ed in 29 novembre sono previsti sette show di Marvel Universe Live alla Arena Zagreb, e la settimana seguente i protagonisti saranno impegnati al Forum di Assago per l’ultima tappa della loro tournée europea.

I problemi di disponibilità che la Federazione Croata si trova a dover affrontare non sono una novità nella storia della Davis: la formula della manifestazione prevede che si conosca la nazione in cui si gioca la finale solamente con poco più di due mesi di anticipo, troppo poco per prenotare le grandi arene indoor, il cui programma viene stilato con un preavviso molto maggiore.

 

Parleremo di questo problema, e della proposta dell’ITF di avere una finale in sede neutra stabilita con largo anticipo, in un articolo più approfondito che uscirà su Ubitennis martedì.

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis, Norrie ed Evans inguaiano la Francia: la Gran Bretagna intravede i quarti

Vittorie in due set per i singolaristi britannici a Innsbruck, ma non senza sofferenze: Norrie salva due set point a Rinderknech. La Francia tiene in vita le speranze di qualificazione con il doppio

Pubblicato

il

Dan Evans alla Davis Cup by Rakuten 2021 (Credit: Pedro Salado/Quality Sport Images/Kosmos Tennis)

GRAN BRETAGNA b. FRANCIA 2-1
D. Evans b. A. Mannarino 7-5 6-4
C. Norrie b. A. Rinderknech 6-2 7-6(8)

N. Mahut/A. Rinderknech b. J. Salisbury/N. Skupski 6-1 6-4

Tra i seggiolini tristemente vuoti dell’Olympiahalle di Innsbruck sono scese in campo due nazionali plurititolate in Coppa Davis, vale a dire la Gran Bretagna e la Francia. Entrambe hanno trionfato 10 volte nella competizione: solo Stati Uniti (32) e Australia (28) hanno fatto meglio. Quest’anno nessuna delle due è tra le candidate alla vittoria finale, ma mentre i match si disputavano si vedeva una certa elettricità tra le due panchine, qualcosa in più di un semplice match di Coppa Davis. È stata la Gran Bretagna a spuntarla, grazie a Cameron Norrie e Dan Evans, usciti vincitori dei loro incontri di singolare in mattinata.

PRIMO SINGOLARE – Evans ha superato in due set Adrian Mannarino (preferito a Gasquet) nella sfida tra numeri due col punteggio di 7-5 6-4 in quasi due ore di partita. Il giocatore britannico aveva vinto due dei tre confronti diretti contro il mancino francese, ma in tutte le precedenti sfide c’è stato un relativo equilibrio, compresa quella vinta da Evans al Queen’s lo scorso giugno. E per buona parte della partita i due se la sono giocata ad armi pari, avendo caratteristiche di gioco molto simili.

 

Il primo a cambiare lo spartito è stato Evans, che si è subito reso conto dell’inefficacia del suo rovescio in back contro il dritto piatto di Mannarino. A partire da metà primo set il britannico ha alternato slice e rovescio coperto, una scelta che l’ha aiutato a non perdere terreno nonostante le enormi difficoltà al servizio (solo 39% di prime in campo nel primo parziale). Nei primi tre turni di servizio Dan ha rimontato da 0-30 e ha sfruttato un brutto game di Mannarino sul 3-3 per trovare il break alla sesta occasione. Spinto dalla sua panchina e dal capitano Grosjean, il francese ha riacciuffato il parziale in extremis, ma sul 5-5 Evans ha pescato un gran dritto vincente sulla palla break e ha chiuso poi 7-5 un set durato quasi un’ora.

I due team non si amano, e il britannico l’ha dimostrato urlando goliardicamente “Allez!” sull’errore del suo avversario. Tuttavia non è riuscito a sfruttare il momento positivo a inizio secondo parziale per mettere in ghiaccio la partita: Mannarino ha messo in campo il giusto spirito, ha scelto di essere più aggressivo e sul 3-2 in suo favore ha visto materializzarsi due occasioni di break che avrebbero probabilmente cambiato la storia della partita. Nonostante una prima ancora latitante (46% in totale nel secondo set), Evans si è salvato e sul 4-4 ha provato a dare il tutto per tutto per vincere il suo nono incontro con la maglia della Gran Bretagna. Mannarino l’ha aiutato con un errore di dritto sul 30-30 e una volée non impossibile (ma resa complessa dalla risposta di Evans) stampata sul nastro. Nessun tremore per il britannico al servizio per il match, sicuro nel mettere a segno l’1-0.

SECONDO SINGOLARE – Pochi minuti più tardi il numero 1 di Gran Bretagna Cameron Norrie era chiamato a completare l’opera contro Arthur Rinderknech, autore di un’annata positiva ma chiaramente sfavorito contro il mancino nato in Sud Africa e cresciuto in Nuova Zelanda. Il francese però ha stretto i denti, costringendo il suo avversario in campo per oltre due ore e andando a un passo dalla conquista della seconda frazione. Il 6-2 con cui Norrie si è portato avanti di un set non racconta esattamente la storia della partita: infatti prima di aprire una striscia di 5 giochi di fila, il campione di Indian Wells è stato costretto a salvare una palla break. Sul 2-2 ha poi disinnescato il potente servizio di Rinderknech, piazzando il break alla sesta occasione (così come Evans poco prima).

Il primo ad avere chance nel secondo set è stato sempre Rinderknech (3 sull’1-0). Nonostante Cameron sia un giocatore piuttosto versatile, un avversario come il francese (che accelera improvvisamente e spesso prova ad avventurarsi a rete, con ottimi risultati) non è ideale per lui. Norrie ha avuto sulla racchetta tre occasioni di brekkare sul 3-3, ma dopo otto palle game Rinderknech è riuscito a tirarsi fuori dai guai con il servizio. Con 10 ace messi a segno, il francese è rimasto a galla fino al tie-break, dove ha guadagnato un vantaggio di 4-1. Norrie ha reagito con carattere, tirando anche al corpo del suo avversario nei pressi della rete prima di recuperare il mini-break. Il britannico ha comunque salvato due set point, uno dei quali con un passante di rovescio non semplice. Con un ultimo dritto vincente ha infine potuto tirare un sospiro di sollievo: è appena la sua terza vittoria in Davis, probabilmente la più importante.

Ora la Gran Bretagna ha un piede nei quarti di finale, poiché partirà nettamente favorita contro la Repubblica Ceca, battuta dalla Francia nella prima giornata: l’incontro è in programma domattina a partire dalle 10 italiane.

Continua a leggere

Coppa Davis

Sonego, esordio in Coppa Davis da sogno. E prima ci aveva confessato: “Sensazione indescrivibile”

SPONSORIZZATO – Così il 25enne torinese raccontava le sue emozioni poco prima di entrare in campo: ecco come si prefigurava il match contro Opelka

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - Finale Coppa Davis Torino 2021 (Photo by Jose Manuel Alvarez / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

L’esordio in Davis nella propria città, a due passi dal proprio circolo, coronato con la vittoria: di certo il 26 novembre 2021 resterà una data indimenticabile per Lorenzo Sonego. Nel suo match vinto con Reily Opelka aveva dovuto annullare un’unica palla break nel settimo gioco, sul 3 pari. Scampato quel pericolo è stato lui a brekkare l’americano nel game successivo. Ha giocata una partita perfetta e sembrava quasi che avesse previsto quel che poteva succedere. Grazie alla collaborazione dello sponsor Mizuno, abbiamo raccolto le sue sensazioni a pochi minuti dall’ingresso in campo al PalaAlpitour di Torino, leggerle a posteriori rende ancora più l’idea di quello che ha rappresentato per Lorenzo la sua prima partita in Coppa Davis.

QUI LA COLLEZIONE UOMO PER IL TENNIS DI MIZUNO

Quali sono le sensazioni in avvicinamento al match in cui rappresenterai la tua nazione nella tua città?

 

“È una sensazione indescrivibile, un sogno che s’avvera. Man mano che si avvicina la partita mi sento sempre più carico e non vedo l’ora di giocare davanti al mio pubblico, che riesce a tirarmi fuori tutto quello che ho dentro”.


Sul piano mentale, come sei solito avvicinare partite così importanti? Ci sono concetti che ti ripeti,
“riti” del pre-partita?


“Per me ogni partita è uguale. Cerco di dare il massimo in ogni partita, ogni game, ogni punto. Prima del match mi rilasso con un po’ di musica insieme al mio team e faccio un breve riscaldamento subito prima della partita”.


Quanto è importante l’aiuto del tuo mental coach? In cosa consiste il lavoro che fate insieme?

“Più lavoro con Lorenzo Beltrame e più mi accorgo di quanto sia importante parlare delle proprie sensazioni e delle proprie emozioni. Spesso si hanno delle percezioni sbagliate, e un occhio esterno può aiutarti a vederti in modo più obiettivo e vero. E questo ti fa crescere più rapidamente”.


Immagine di essere 0-40 sul 4-3 per un gran battitore come Opelka, perdere il servizio può costarti il match. Come gestiresti mentalmente una situazione simile? E a parti invertite?


“(Sorriso) Mi è già capitato più di una volta. Un giocatore in crescita, come sono io, non ha ancora degli schemi prestabiliti per determinati punteggi. Questo, a volte, può crearmi qualche problema e qualche dubbio ma, mi rende comunque imprevedibile. Credo che l’importante sia essere convinti che il match non è mai finito: anche se vai sotto 5-2 al terzo puoi ancora vincere. Stessa cosa per il punteggio inverso. L’avversario, a volte, nella disperazione rischia il tutto per tutto e ti ritrovi in parità senza poter recriminare niente”.


Come riesci a unire la grande combattività che esprimi con la serenità che emani verso chi ti
guarda?


“La chiave sta nella mia grande competitività e l’amore che ho per la battaglia. Più difficile e lunga è la battaglia più trovo energie e mi esalto. La serenità viene anche dal fatto che sono felice al di fuori del campo e so di lavorare sodo e di essere preparato e in crescita”.


Cosa ti aspetti dagli incontri contro gli Stati Uniti e Colombia? Quali sono gli avversari e le difficoltà
che ti aspetti?


“Entrambi gli incontri non saranno facili. Io cercherò di essere molto reattivo soprattutto alla risposta, che su questi campi è importantissima, e di comandare il gioco”.

Sonego ha giocato da protagonista a Torino pochi giorni dopo aver preso parte nel centro della città a un evento organizzato da Mizuno, il brand multisport che ha la sede italiana proprio a Torino. L’uomo-Davis dell’Italia ha palleggiato insieme ai suoi tifosi e all’altro tennista torinese Andrea Vavassori in un campo temporaneo allestito davanti al Mizuno Store di via Soleri. Mizuno accompagna Sonego fin dagli albori della sua carriera, avendo creduto nelle sue potenzialità in tempi non sospetti. Potenzialità che, è il sogno di Lorenzo e anche di Mizuno, in futuro potranno spingere Sonego sempre più in alto, magari fino a giocare le ATP Finals nella sua città.

QUI LA COLLEZIONE UOMO PER IL TENNIS DI MIZUNO

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis: la Spagna passa soffrendo con l’Ecuador, si giocherà tutto con la Russia

La Spagna rischia grosso nel secondo singolare e nel doppio ma si prende un 3-0 importantissimo in ottica qualificazione

Pubblicato

il

Spain - Davis Cup 2021 (Twitter - @DavisCup)

Rispetta il pronostico la Spagna, che guidata da Carreno-Busta supera l’Ecuador per 3-0 e fa un passo importante verso la qualificazione nel girone A, lo stesso della favorita Russia. Ad assicurare il primo punto della giornata ci ha pensato il veterano Feliciano Lopez. Schierato nel posto che probabilmente sarebbe stato occupato da Carlos Alcaraz, Lopez non ha deluso le attese, battendo con un doppio 6-3 l’ecuadoregno Roberto Quiroz, numero 291 della classifica ATP. Il tennista spagnolo non ha avuto problemi nella sfida contro il suo peggio classificato avversario; Lopez che ha dovuto soffrire soltanto nel primo game, dove ha concesso quattro palle break a Quiroz. Da quel momento in poi ha concesso solo una palla break, chiudendo con quattordici ace e sei doppi falli. Feliciano bene anche in risposta, con Quiroz costretto a cedere il servizio nel quarto game e dominato nel secondo set, breakkando l’ecuadoregno nel quinto e nel nono game, il che ha regalato il primo punto del tie alla sua nazionale.

Ha dovuto soffrire molto di più Pablo Carreno-Busta. La medaglia di bronzo a Tokyo 2020 ha avuto bisogno di tre set per superare l’ecuadoregno Emilio Gomez, numero 149 del mondo e giocatore sicuramente più abituato alla terra rossa. Il figlio di Andres, vincitore del Roland Garros 1990, ha sorpreso il suo più quotato avversario, reggendo bene il ritmo da fondo di Carreno e trovando il break nel sesto game. Il break subito ha scosso il tennista spagnolo, che ha trovato subito il controbreak. La pressione però ha fatto brutti scherzi a Carreno, che nel game per mandare il set al tie-break ha commesso troppi errori e Gomez si è preso un primo set clamoroso per il pronostico.

Con l’aiuto del pubblico di casa Carreno-Busta si è scosso ed ha alzato il suo livello nel secondo set, dove lo spagnolo ha trovato due break nel finale. Molto meglio anche la prestazione al servizio, Pablo ha dovuto affrontare solo una palla break, merito anche dell’aggressività maggiore nel colpo di inizio gioco, dovuta anche alla lontananza dalla riga di fondo di Gomez in risposta. Lo stesso spartito tattico si ripropone nel terzo, che è sembrato andare in discesa con il break di Carreno nel quarto game. Il numero 20 del mondo si è guadagnato anche due match point nell’ottavo game. La reazione di Gomez è stata inaspettata ma quanto mai puntuale, e sfruttando un pessimo game di Carreno l’ecuadoregno ha pareggiato il conto dei break trascinando la partita al parziale decisivo.

 

Sulla spinta emotiva del finale di set Gomez è riuscito anche a ribaltare il minibreak in avvio dello spagnolo, ma l’ex semifinalista dello US Open ha fatto valere tutta la sua esperienza e con una discesa a rete ha chiuso partita e tie, evitando un clamoroso pareggio dell’Ecuador.

Tiratissimo anche il doppio finale, in cui Marcel Granollers e Carreno-Busta hanno rischiato grosso contro Diego Hidalgo e Gonzalo Escobar, rispettivamente numero 166 e 39 al mondo di doppio. La coppia spagnola si è trovata un set avanti e con quattro palle break a disposizione nel primo game, oltre che di un minibreak avanti nel tie-break. Tutte occasioni sprecate dagli spagnoli, che hanno perso il secondo set al tie-break e hanno visto l’Ecuador andare a servire per il match nel terzo set. Un doppio fallo e una buona risposta spagnola sono state abbastanza per trascinare la partita al tie-break, dove la coppia di casa ha dilagato assicurando un 3-0 molto più complicato del previsto. Un punto fondamentale in ottica delle migliori seconde, specialmente con la partita da sfavoriti con la Russia alle porte.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement