ATP Challenger Barletta: Cecchinato e Giannessi raggiungono i quarti

Flash

ATP Challenger Barletta: Cecchinato e Giannessi raggiungono i quarti

Due ottime prove per gli azzurri, ma i veri test arrivano ora: il primo affronterà Rosol, il secondo Bedene (che ha eliminato Donati)

Pubblicato

il

 
 

Due partite profondamente diverse si sono svolte in contemporanea sul campo centrale e sul campo numero 1 del Torneo Città della Disfida a Barletta. Quella del numero 121 ATP Alessandro Giannessi contro il serbo Nikola Milojevic, esattamente al numero 200 del mondo, è sembrata la classica gara d’auto fra una Fiat 500 ed una Ferrari: incolmabile la differenza di cilindrata fra i due. Un 6-1 6-3 che non ammette repliche ci consegna un Giannessi sempre più lanciato verso la top 100. Quello di Barletta è appena il secondo Challenger della stagione dello spezzino, che ha preferito concentrarsi sul circuito maggiore (ottenendo qualificazione e secondo turno a Buenos Aires e San Paolo) con il quale dovrà fare i conti a breve se proseguirà con questa costanza la sua crescita. Giannessi se la vedrà con Rosol per un posto nelle semifinali, sicuramente un test molto più probante.

Se un italiano ha vinto in velocità, l’altro lo ha fatto con un rally di alti e bassi, per fortuna di Marco Cecchinato conclusosi con il positivo punteggio di 4-6 6-3 6-4. A farne le spese un, altro serbo Filip Krajinovic. Si può dire che l’incontro avrebbe meritato di concludersi in parità, visto l’andamento generale: il tennista palermitano è partito peggio del suo avversario, nel secondo set ha innalzato il suo livello e in quello decisivo l’equilibrio si è spezzato solo sul finire, grazie al break conquistato da Cecchinato sul 4 pari. Ha vinto il tennista attualmente più in forma, che con la semifinale del Verrazzano Open di Sophia Antipolis della scorsa settimana e questa vittoria rientra nei primi 150 giocatori al mondo (vi mancava da 7 mesi). Da qui a giugno dovrà difendere i 45 punti ottenuti raggiungendo i primi ed unici quarti di finale nel circuito ATP a Bucarest, poi null’altro.

Nel giovedì di Barletta l’Italia ha battuto quindi i Balcani per due a… mezzo. Difatti termina per mano dello sloveno naturalizzato britannico Aljaz Bedene il torneo di Matteo Donati. Il ventiduenne di Alessandria paga un inizio di match sottotono, nel quale Bedene (n.76 ATP) prende troppo facilmente in mano le redini del gioco. Nel secondo parziale l’azzurro sembra dover fare l’impossibile per restare attaccato al match, mentre alla testa di serie n.2 basta amministrare per proseguire senza rischi verso la vittoria. E così è: un sanguinoso doppio fallo di Donati nel tie-break manda Bedene a due match point, e il secondo è quello giusto. Sarà lui l’avversario di Cecchinato ai quarti, per la rivincita della semifinale del Verrazzano Open.

 

Carlo Soldati

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros: Muchova splende contro Sakkari, Bencic doma Andreescu

La semifinalista del 2021 Maria Sakkari battuta da una ritrovata Muchova. Molto bene Bencic contro Bianca Andreescu

Pubblicato

il

Belinda Bencic - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Karolina Muchova elimina la semifinalista della passata edizione Maria Sakkari per 7-6(5) 7-6(4) in una sfida tra due modi diversi di interpretare gioco. Karolina è quella che, come si dice, gioca molto bene a tennis, forse non rapidissima ma elegante e brillante; non che Maria giochi “male”, è la numero 3 del mondo (perderà però almeno due posizioni), ma è più muscolare. A proposito di ranking, il problema agli addominali comparso all’Australian Open 2021 e poi ripresentatosi a fine estate ha fortemente condizionato Muchova, fuori dal Tour per diversi mesi e scesa così al n. 81. Dal canto suo, Sakkari è arrivata a occupare il gradino più basso del podio grazie a un rendimento piuttosto costante che la porta spesso nelle fasi finali di parecchi tornei, rendimento che tuttavia crolla con incredibile precisione quando il trofeo è a uno o due passi.

Entrambe sfoggiano quello che per comodità possiamo chiamare un dritto ATP, nel senso che durante l’apertura la racchetta rimane sempre sulla destra dell’asse verticale del corpo, senza spuntare dall’altra parte come si vede in parecchie colleghe. Oltre a fare parecchio male, il colpo ceco è anche un gran bel vedere ed è così che Karolina parte subito forte, mentre bisogna aspettare il quarto game perché Maria si iscriva a referto tenendo la battuta. Una sciocchezza volante inguaia la venticinquenne Olomouc sul 4-2, ma si salva facendo seguire a un delizioso slice lungolinea la smorzata in contropiede. Forse i tre set point che se ne vanno in risposta sul 5-2 per meriti greci lasciano il segno; in ogni caso, servendo per chiudere, Muchova cede la battuta con due doppi falli consecutivi che aprono la strada verso il tie-break. Le due procedono appaiate tra diversi errori; decisivo quello di Sakkari con il dritto sul 5 pari, punito dal rovescio vincente di Karolina al termine di uno scambio condotto con il dritto.

Nel secondo set, è ancora la n. 81 WTA a cercare di tenere in mano il gioco, ma per due volte il break di vantaggio sfuma. Di nuovo tie-break, dunque, e sempre la ceca a tentare l’allungo, ma raggiunta ancora una volta. È però l’ultima, perché dal 4 pari si affida al suo miglior colpo al rimbalzo e con tre drittoni mette le mani sui punti che le valgono il passaggio al turno successivo dove è attesa da Amanda Anisimova. La ventenne del New Jersey ha battuto 6-4 6-1 Donna Vekic e si presenterà all’appuntamento forte di 12 vittorie negli ultimi 15 incontri.

 

Un altro accoppiamento molto promettente uscito dal mercoledì parigino è quello tra Belinda Bencic e Leylah Fernandez. La svizzera si è imposta 6-2 6-4 su Bianca Andreescu, anch’ella ferma per qualche mese dopo aver pensato al ritiro. Molto precisa e ordinata, Belinda è partita brekkando in apertura, mentre Bianca si è fatta applaudire per un paio di risposte, ma ha sbagliato troppo. Le due opportunità consecutive del rientro canadese al sesto gioco se ne vanno per la troppa fretta; Bencic tira un sospiro di sollievo e vola dritta a prendersi il parziale.

In piena fiducia, Belinda prende il largo nel secondo parziale, fino al 5-1. Non è finita, però, perché Andreescu comincia la risalita che si arresta a un solo punto dal 5 pari, su quella palla break offerta dal doppio fallo svizzero ma dallo stesso servizio cancellata. Il game si allunga, ma il vantaggio è sempre interno e il terzo è quello buono per Bencic. Affronterà quindi Fernandez, rapida vincitrice di Katerina Siniakova.

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: ancora facile Dimitrov, Korda prossimo avversario di Alcaraz

Il bulgaro domina Coric, ora lo aspetta Schwartzman. Korda batte Gasquet e prenota la sfida con Alcaraz

Pubblicato

il

Grigor Dimitrov - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Con la semifinale di Ginevra, torneo in cui aveva eliminato un in rientrante Daniil Medvedev, Richard Gasquet aveva dato seguito al buon momento con la netta vittoria su Lloyd Harris. Il suo diciannovesimo Roland Garros finisce però al secondo turno per mano di un altro che a tennis sa giocare proprio bene: Sebastian Korda. Il figlio d’arte si è imposto con il punteggio di 7-6(5) 6-3 6-3 in 2 ore e 19 minuti e sarà quindi lui il prossimo avversario di Carlos Alcaraz, sul quale si è preso a Monte Carlo la rivincita della finale Next Gen.

Dopo la passeggiata al primo turno contro Giron, Grigor Dimitrov vince ancora in tre set, 6-0 6-4 6-3. Questa volta è toccato a Borna Coric, chiaramente ancora indietro nel percorso di rientro ai livelli che gli competono dopo i tanti guai fisici e la chirurgia alla spalla. Il prossimo turno dovrebbe impegnarlo di più visto che lo attende Diego Schwartzman, anche se il 3-1 nei confronti diretti e la straordinaria prestazione messa in campo nella loro recente sfida di Madrid promettono bene per Grisha. Un Diego che ha dovuto recuperare uno svantaggio di due set a Jaume Munar, anche se il 2-6 6-7(3) 6-2 6-2 6-2 giunto dopo tre ore e tre quarti fa intuire come lo spagnolo non sia mai andato davvero vicino a vincerla.

Inaspettata vittoria, per di più senza cedere set, di Brandon Nakashima contro Tallon Griekspoor. Rispetto a Nakashima, Tallon, che al turno precedente ha eliminato Davidovich Fokina, dovrebbe essere più a suo agio sulla terra battuta, ma certo non gli ha giovato perdere la prima partita dopo aver visto sfumare quei quattro set point consecutivi nel tie-break, con Brandon che ha preso fiducia dopo i due errori del rovescio avversario. Lo statunitense ha ovviamente trasformato la prima palla set e altrettanto prevedibilmente la racchetta olandese è andata in frantumi. Griekspoor pareva essersi ripigliato salendo 3-1, ma a quel punto Nakashima ha piazzato un parziale di 11 giochi a 3 per il 7-(6) 6-4 6-2 finale, guadagnandosi così il terzo turno contro una versione di Sascha Zverev ancora da decidere. Una versione o anche tutte.

 

Il prossimo avversario di Felix Auger-Aliassime sarà Filip Krajinovic. Il serbo si è imposto su Borna Gojo, in precedenza giustiziere di Alessandro Giannessi, per 7-6(5) 6-2 5-7 6-1. Due pari i confronti diretti a livello ATP con il canadese.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: Nadal spegne anche l’orgoglio di Moutet nella notte di Parigi. Trecentesima vittoria Slam

Il maiorchino infligge la prevedibile lezione nei primi due set, il francese dà anche l’anima nel terzo ma raccoglie comunque solo qualche game

Pubblicato

il

[5] R. Nadal b. [WC] C. Moutet 6-3 6-1 6-4

Corentin Moutet non deve prendersela troppo: quello che è capitato a lui questa sera si ripete più o meno costantemente dal 2005: 107 volte su 110, Rafael Nadal è uscito dal campo sorridente dai campi in terra battuta di Parigi. Non si poteva certamente chiedere un’impresa alla giovane wild-card locale, pur spinto dal sostegno del pubblico dello Chatrier sotto le luci dei riflettori. Il talentuoso giocatore di casa è stato dapprima travolto dal Signore del Rosso e quando finalmente ha messo da parte il timore reverenziale nei confronti del suo idolo d’infanzia, ha imparato che anche il suo meglio… non basta nemmeno per vincere un set.

Il N. 139 del mondo è troppo leggero per poter impedire a Nadal di prendere il centro del campo e cominciare la tortura che ha imposto a chiunque su questo campo. Se fosse un incontro di pugilato, sarebbe un no-contest anche solo per motivi di peso. Ma non è da escludere che in un puramente ipotetico scontro fisico, Moutet avrebbe avuto più possibilità che sul campo da tennis. Il maiorchino conquista dunque la vittoria N. 300 nei tornei del Grande Slam e avanza al terzo turno dove troverà l’olandese Van De Zandschulp, che oggi ha eliminato Fognini.

 

Non è un segreto che Nadal prediliga condizioni più “calde” sullo Chatrier, dopotutto la sessione serale al Roland Garros è ancora una novità abbastanza fresca, ma la scarsa cilindrata del suo avversario e la sua diabolica intelligenza tattica offrono ben poche emozioni agli spettatori francesi che speravano almeno in parte, in un’altra serata stile “Coppa Davis” dopo quella di Simon ieri contro Carreno Busta.

Nadal prende un break di vantaggio subito nel primo set e domina ancora più agevolmente il secondo con un 6-1 che sembra indicare una prenotazione da rispettare al ristorante con il suo team. Moutet all’inizio del terzo si stufa di fare la comparsa e decide che, persa per persa, sia ora di tirar fuori tutto quello che ha a disposizione. Prende immediatamente un break di vantaggio, confermato nel secondo game che riaccende i cuori dei tifosi francesi. Ma c’è ben poco da fare: Nadal rintuzza ogni tipo di attacco giocando come un gatto col topo e non solo recupera il break ma va poi a servire per il match

L’ultimo brivido arriva proprio sul 5-3 quando Moutet rifiuta di andarsene dal campo e ottiene un altro break di orgoglio. Chiamato poi a servire per restare in partita si arrende alla sagacia del suo idolo, e sull’ultimo pallonetto che vola oltre la linea di fondo, non può far altro che sorridere…

Tranquillo Corentin, ci sono passati in tanti prima di te e non sarai nemmeno l’ultimo…

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement