Vogue celebra il futuro del tennis con Zverev e Thiem

Flash

Vogue celebra il futuro del tennis con Zverev e Thiem

I due giovani campioni sono stati i protagonisti di un articolo del noto magazine statunitense. È la prima volta che accade nel mondo del tennis

Pubblicato

il

Per la prima volta la rivista americana Vogue ha celebrato due protagonisti del tennis. I fortunati sono Alexander Zverev e Dominic Thiem, rispettivamente numero 6 e 8 del mondo. Entrambi sono tra le principali punte di diamante dell’ATP per promuovere il tennis nell’epoca post-Fab Four e sono già protagonisti assoluti del tour, come dimostra la grandissima stagione sulla terra battuta dell’austriaco e le vittorie a Roma e Montréal del tedesco.
Nel suo articolo, Vogue ipotizza una rivalità tra i due, insistendo sulle differenze riguardanti il loro stile di gioco (per la verità non troppo dissimile). Il fratello maggiore di Alex, Mischa, ha voluto fare un paragone con Djokovic e Murray. Secondo lui, infatti, loro due saranno più creativi rispetto alla ricerca della perfezione che avevano cercato il serbo e il britannico.

Per molti anni sono stato l’ombra di mio fratello – rivela Sascha a Louisa Thomas, giornalista di Vogue – forse stare con lui mi ha aiutato a sentirmi a mio agio con i più grandi”. Thiem, invece, si è descritto in maniera differente, affermando di avere “un carattere calmo”. Anche Vogue ha raccontato i tanto leggendari quanto falsi allenamenti che aveva raccontato Sepp Resnik, il quale qualche anno fa dichiarò di aver sottoposto il ragazzo a corse di notte sui fiumi, e a sollevamento di tronchi da portare sulla schiena. Infine, l’articolo insiste molto sul fatto che il tennis abbia bisogno di campioni come loro, dopo che gli ultimi 10-12 anni sono stati dominati da Federer e Nadal dal punto di vista mediatico, ancor prima che sotto il profilo tecnico. Una cosa è sicura: i due hanno ricevuto un endorsement di grandissimo prestigio.

Qui l’articolo originale

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Coronavirus, i dati italiani aggiornati al 3 aprile. 766 nuovi decessi

La Lombardia è sempre la regione più colpita con 351 morti e 30 nuovi ricoveri in terapia intensiva

Pubblicato

il

Ubitennis è un portale che si occupa di tennis, tautologia delle tautologie. Questi però sono giorni troppo assurdi e diversi dagli altri per fare finta che fuori non stia accadendo nulla. Per questo, fino al termine della pandemia di coronavirus che sta colpendo l’Italia in maniera durissima, abbiamo deciso di fornirvi un aggiornamento giornaliero sulla situazione italiana. Non pretendiamo di diventare un riferimento né di inerpicarci in analisi particolarmente complesse, ma semplicemente di aiutarvi a decodificare la realtà difficile che stiamo affrontando. Sperando di poter dedicare le nostre preoccupazioni ad altro, il prima possibile.

Sul portale della Protezione Civile italiana è stato pubblicato il consueto bollettino con i dati aggiornati (al 3 aprile) dell’epidemia italiana di COVID-19. Si mantengono purtroppo stazionari l’aumento dei decessi (ieri 760, oggi sei in più) e il numero dei nuovi contagi, un centinaio in meno di ieri ma a fronte di oltre 1000 tamponi analizzati in meno.

I DATI DELLE ULTIME 24 ORE

 
  • Nuovi decessi: 766
  • Nuovi casi: 4585
  • Nuove guarigioni: 1480
  • Nuovi tamponi analizzati: 38617
  • Nuovi ricoverati in terapia intensiva: 18

I DATI DELL’EPIDEMIA ITALIANA (COMPLESSIVI)

  • Decessi totali: 14681
  • Casi totali: 119827
  • Guarigioni totali: 19758
  • Tamponi effettuati: 619849
  • Casi attivi: 85388
  • Ricoverati in terapia intensiva: 4068

Nella regione più colpita, la Lombardia, si segnalano i seguenti aumenti: 351 nuovi decessi (il totale sale a 8311), +1455 positivi, +40 ricoverati, +791 dimessi, +30 in terapia intensiva. Sono stati analizzati 6765 nuovi tamponi.

Il dettaglio dei dati divisi per regione (fonte Protezione Civile italiana)

Continua a leggere

Flash

600 euro anche per i collaboratori sportivi, ma solo per chi ne prende meno di 10.000 all’anno

Sembrano queste la modalità di erogazione dell’indennità per i collaboratori sportivi prevista dal decreto ‘Salva Italia’: lo ha fatto capire il ministro Spadafora. Manca però il decreto attuativo

Pubblicato

il

L’epidemia di COVID-19 sta mettendo a dura prova il sistema sanitario di alcune regioni del nord, soprattutto della Lombardia, ma gli effetti della conseguente paralisi economica sono purtroppo evidenti anche in tutti gli altri settori.

Lo sport non fa eccezione, e anzi in virtù del suo status di attività ‘superflua’ (sebbene l’attività sportiva quotidiana non lo sia per nulla) rischia di pagare le conseguenze più grosse perché la macchina non ripartirà a pieno regime finché non sussisteranno le necessarie condizioni di sicurezza. Le leghe, le società e gli atleti meglio remunerati resisteranno, ma per tutti gli altri sono già cominciate settimane e mesi difficili.

Per venire incontro alle categorie più colpite, il decreto ‘Salva Italia’ entrato in vigore il 17 marzo ha disposto l’erogazione di alcune indennità per i lavoratori non dipendenti. L’articolo 27 del decreto mette a disposizione dei titolari di partita IVA un contributo una tantum di 600 euro, ma diversi collaboratori sportivi non percepiscono redditi con questa modalità e non sono tutelati da un contratto di lavoro (che consentirebbe loro l’accesso al sistema di cassa integrazione). La presa di coscienza di questo ‘sommerso’ ha portato a riempire il vuoto con l’articolo 96, che appunto regolamenta le indennità dovute ai collaboratori sportivi:

 

“L’indennità di cui all’articolo 27 è riconosciuta da Sport e Salute S.p.A., nel limite massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020, anche in relazione ai rapporti di collaborazione presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche […] già in essere alla data del 23 febbraio 2020

Si tratta di lavoratori che spesso percepiscono piccoli emolumenti in forma di rimborsi spese, una pratica che sfugge di frequente alle maglie neanche così larghe del welfare italiano. Per questo Sport e Salute ha (giustamente) spinto perché si dedicasse loro un fondo, seppur ristretto – i 50 milioni rappresentano infatti appena lo 0,2% degli investimenti totali previsti dal decreto – e sul sito ufficiale ha specificato che come per le partite IVA il contributo sarà costituito dall’una tantum di 600 euro. Se il tetto dei 50 milioni non viene ampliato, potranno essere erogate circa 83.000 indennità – all’interno di una platea di possibili beneficiari ben più ampia che il Corriere dello Sport stima in circa 500.000 collaboratori (altre fonti dicono 350.000).

Si capisce subito che dovranno essere stabiliti dei paletti più oggettivi del ‘chi prima arriva meglio alloggia‘, dunque chi potrà davvero accedere a questo fondo? L’articolo 96 rimanda a un decreto successivo (di pertinenza del ministro dell’Economia) per definire le modalità di presentazione della domanda e i criteri di gestione del fondo, un decreto ‘da adottare entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore del presente‘ che nonostante le due settimane siano scadute ancora non si vede. A placare gli animi e fare un po’ di ordine è intervenuto giovedì il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora, impegnato in questi giorni in concertazioni con il CONI e gli Enti di Promozione Sportiva (EPS). Potete vedere e ascoltare il suo intervento qui.

Spadafora: "Un piano di aiuti per lo Sport"

Il mondo dello Sport sarà fondamentale per la ripartenza. In questi giorni ho avuto video conferenze con i presidenti di tutti gli Enti di Promozione Sportiva e nelle prossime ore parlerò con i presidenti delle Federazioni principali.Oggi riceverò, dal Presidente del Coni Giovanni Malagò, le sollecitazioni che provengono da tutti i rappresentanti del mondo sportivo. Inizieremo a lavorarci fin da subito per proporre un piano di aiuti per fronteggiare le necessità del momento e scrivere insieme un piano straordinario capace di guardare al futuro.

Pubblicato da Vincenzo Spadafora su Giovedì 2 aprile 2020

In sintesi, il ministro dice che lunedì verranno pubblicate indicazioni chiare per la presentazione della domanda ma soprattutto sembra restringere il campo degli aventi diritto a coloro che percepiscono un reddito annuale inferiore ai diecimila euro. Nello specifico, dice questo:

L’altro tema è questo mondo straordinario dei collaboratori sportivi e dei lavoratori del mondo dello sport, che viene sempre poco apprezzato, soprattutto quelli che guadagnano un compenso annuo lordo al di sotto dei 10.000 euro e molto spesso non vengono neanche considerati con la dignità che meritano. Proprio per quei lavoratori lì, che quindi non sono iscritti alla gestione separata dell’INPS o non sono dipendenti e quindi non possono accedere alla cassa integrazione, noi rivolgiamo un fondo straordinario di 50 milioni“.

Tra i commenti dello stesso video è rapidamente partita la levata di scudi di coloro che eccedono il limite menzionato dei 10.000 euro menzionato da Spadafora. L’obiezione principale sembra essere che guadagnare 3 o 4mila euro in più non consente l’accesso ad altre agevolazioni o posizioni previdenziali, dunque perché tirare quella riga del tutto arbitraria? Un articolo comparso sul portale nuoto.com invece condanna questa distinzione perché “i destinatari privilegiati saranno i soggetti che meno hanno necessità del contributo, cioè quelli che rimangono sotto la soglia della fiscalizzazione del compenso, mentre chi realmente vive di sport dilettantistico godrà di uno status differente“.

Va precisato che per il momento le parole di Spadafora vanno interpretate come una dichiarazione d’intenti, in assenza di conferma legislativa. Il Corriere dello Sport scrive che, se questo limite verrà confermato, si esaminerà l’ammontare dei rimborsi percepiti nel primo trimestre 2020 dal richiedente che inoltre dovrà autocertificare la preesistenza del rapporto di collaborazione (al 23 febbraio) e la mancata percezione di altro reddito da lavoro.

Continua a leggere

Flash

Il messaggio di Bianca Andreescu: “State a casa e scoprite le vostre passioni”

L’invito della campionessa in carica degli US Open: “Non uscite, fatelo per i vostri parenti e per voi stessi. Grazie dal profondo del cuore a medici e infermieri”

Pubblicato

il

Bianca Andreescu - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Bianca Andreescu non ha avuto l’opportunità nemmeno di iniziare la stagione 2020 a causa dell’infortunio al ginocchio che l’ha fermata lo scorso ottobre. Dal Canada ha mandato un bel video-messaggio ai suoi concittadini (e non) sull’assoluta necessità di rispettare la quarantena per bloccare l’epidemia: “Voglio registrare questo video come promemoria per voi. Abbiamo visto quanto può diffondersi velocemente il virus e i danni che ha causato in tutto il mondo sono devastanti. Voglio unirmi alle parole di tante persone influenti e invitarvi a stare a casa, perché solo così possiamo fermare il contagio. Vi invito a stare al sicuro, so che è dura non vedere gli amici, ma dobbiamo farlo per i nostri genitori, nonni, zii e per noi stessi”.

Qualche idea per passare il tempo in quarantena? “Mi sono allenata” ha raccontato Bianca, ho lavorato su me stessa meditando, amo cucinare per stare in forma e fare musica. Spero che possiate ritrovare e scoprire le vostre passioni. Insieme come una squadra possiamo farcela e tornare alla normalità. Voglio ringraziare dottori e infermieri dal profondo del cuore per ciò che fanno. State a casa, vi voglio bene!”. Se Bianca sarà in campo a fine agosto per difendere il titolo agli US Open, allora i sacrifici di tutto il mondo avranno dato i loro frutti.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement