US Open: Pliskova si salva al terzo, out Ostapenko e Radwanska

US Open

US Open: Pliskova si salva al terzo, out Ostapenko e Radwanska

La n.1 annulla un match point a Zhang. Jelena è febbricitante, passa Kasatkina. Aga eliminata da CoCo Vandeweghe, bene Svitolina. Keys avanza in tre

Pubblicato

il

[1] Ka. Pliskova b. [27] S. Zhang 3-6 7-5 6-4 (Tommaso Voto)

Altra prestazione in chiaroscuro per la n.1 del mondo Pliskova, che salva anche un match point alla volenterosa e sorprendente Zhang. Dopo un primo parziale complicato, Karolina è riuscita a ritrovare un po’ dei suoi meccanismi di gioco ed a ribaltare una situazione che sembrava compromessa. Un anno fa a New York la ceca riuscì a spezzare la “sua” maledizione Slam, infatti raggiunse la finale (poi persa dalla Kerber), ma diede l’impressione, poi confermata, di aver fatto il definitivo salto di qualità. Pliskova ha poi ottenuto il numero 1 e ha dimostrato di poter essere stabilmente una delle candidate al trono della WTA, anche ora che rischia di perderlo ancora in favore di Muguruza o Svitolina. A Karolina manca ora il passo successivo, ovvero vincere un titolo del Grande Slam per legittimare la sua posizione mondiale. I precedenti (4-0 ed appena un set perso da Pliskova) raccontavano un dominio totale per la n.1, ma quest’oggi l’incontro ha dimostrato che la sua forma è quantomeno dubbia. È chiaro che tutta l’attenzione degli addetti ai lavori era concentrata su Karolina, che già contro l’americana Gibbs aveva lasciato più di qualche perplessità. Nel turno precedente la prima favorita è apparsa lenta, contratta, ma soprattutto il suo  viso trasudava preoccupazione ed agitazione. Tutta questa tensione si era poi riversata sul suo tennis, che era frammentato e poco incisivo.

L’inizio contro Zhang è stato promettente, con un break e con un paio di vincenti di alto livello, poi da quel momento arriva il buio. Pliskova smarrisce il servizio e subisce quattro giochi consecutivi, in cui la tennista asiatica riesce a contenere i colpi della ceca ed a ripartire con qualche accelerazione di rovescio. Le difficoltà negli spostamenti laterali sono evidenti, in quanto l’impatto con la palla arriva in ritardo e il diritto, soprattutto, decolla oltre la linea di fondo. Rincorrere non è mai facile, soprattutto se ti manca la fiducia e sei alla ricerca di quelle sensazioni positive che nell’ultimo mese sembrano letteralmente smarrite. Contro ogni previsione Zhang vince il primo set e lo fa trasformando uno smash che diventa imprendibile per la n.1 del mondo.

 

C’è un break a favore di Pliskova e, pur salvando quattro opportunità di controbreak, l’allieva di Kotyza riesce ad andare sul 3-0. I problemi per Karolina, tuttavia, non sono finiti perché i suoi colpi hanno poca penetrazione e quando è chiamata ad eseguirli, in avanzamento o movimento, arrivano gli unforced. Dall’alto dei suoi 186 centimetri Pliskova è in grado di colpire piatto e potente con entrambi i fondamentali, tuttavia quando perde la giusta distanza con palla il tutto diventa immediatamente poco incisivo. L’asiatica è tatticamente scaltra, capisce che la sua avversaria è in confusione e prova a spostare il gioco sulle diagonali. Questo produce il controbreak, infatti la ceca “spara” l’ennesimo diritto indietreggiando praticamente fuori di oltre una spanna. Pliskova si mantiene a galla, ma ottiene troppo poco dal servizio, che è meno esplosivo e preciso del solito. L’architrave del sistema di gioco della ceca viene meno e non le consente di ottenere punti facili, come, invece, è suo solito fare. Il dramma sportivo per Karolina arriva nell’ottavo gioco, quando commette un paio di errori banali e manda l’asiatica a servire per gli ottavi di finale. Zhang manca un match point, che viene annullato perentoriamente dalla ceca e tutto torna in parità. Le occasioni sprecate per la cinese sono tante, tre palle break nell’undicesimo gioco, e, come spesso capita, arriva il ribaltone. Karolina strappa il servizio alla sua avversaria e prende il secondo parziale con il punteggio di 7-5.

Pliskova chiede un medical time out e si fa massaggiare l’avambraccio destro, forse le sue difficoltà al servizio sono dovute a questo fastidio muscolare. Il giudice di sedia chiama il “time”, la cinese non sembra subire il contraccolpo e va avanti di un break e resiste sul 2-0 (annullando anche una palla dell’1-1). La tensione è evidente, Pliskova non può più sbagliare e Zhang è consapevole che per vincere non può abbassare la guardia. Karolina passeggia dinoccolata sul campo cercando concentrazione ed un modo per scardinare il muro della 28enne di Tianjin, che corre come se il match fosse appena iniziato. La n.1 del mondo al cambio di campo del 2-1 lancia a terra la racchetta, un atteggiamento inusuale per lei, che in genere è sempre composta, quasi glaciale, nei comportamenti. Dietro quella maschera di ghiaccio c’è una rabbia evidente, perché tecnicamente non dovrebbe esserci partita, ma l’aspetto psicologico nello sport è fondamentale. Sotto nel punteggio Pliskova scioglie il braccio e ritorna sul 2-2, con la tribuna ceca che sembra fare un sospiro di sollievo. Il ritmo elevato fa andare fuori giri l’asiatica, che inizia a sbagliare ed a regalare punti, ma l’equilibrio si spezza solamente nel decimo game, quando la n.27 del seeding si scompone e viene travolta dalla risposta della sua avversaria, che dopo aver latitato per tutto l’incontro, viene fuori nel momento decisivo. Alla Zhang l’onore delle armi, alla Pliskova l’accesso agli ottavi, ma restano tante le perplessità sul suo stato di forma e con questi presupposti difendere il n.1  del mondo dall’assalto di Muguruza e Svitolina (le uniche che possono insidiarla) sarà difficile. La corsa al trono della WTA vede ad oggi la spagnola avanti di 500 punti su Svitolina e di 700 proprio su Pliskova.

D. Kasatkina b. [12] J. Ostapenko vs  6-3 6-2 (da New York, il nostro inviato Luca Baldissera)

In un inizio di pomeriggio fresco e piuttosto ventoso, va in scena sul Louis Armstrong Stadium “provvisorio” il match di terzo turno tra la lettone Jelena Ostapenko (20 anni, 12 WTA) e la russa Daria Kasatkina (20 anni, 38 WTA). Sono due tra le giovani più promettenti del circuito, entrambe dotate di un tennis brillante e votato alla spinta appena possibile, più potente Jelena, più manovriera Daria. E’la terza partita che giocano, 1-1 i precedenti, l’ultimo confronto lo ha vinto Daria in finale a Charleston quest’anno, sulla terra verde.

Il match inizia come prevedibile, con Ostapenko in pressione, gran dritti e ottimi lungolinea di rovescio per lei, Kasatkina va in difficoltà, subisce un break al secondo game, e va sotto 3-0. A questo punto ha inizio una vicenda che appare inspiegabile, almeno fino al secondo set: un parziale di dodici game a due, che porta la russa agli ottavi di finale. Della partita c’è davvero poco da raccontare, perchè a partire dal quarto game del primo set ha inizio una sequenza senza fine di errori di Jelena, che rimane vagamente in partita solo fino alla fine del primo parziale. Sul 5-3 per Daria, al servizio per il set, Ostapenko arriva a due palle break, le fallisce, ed è finita lì. La malcapitata estone si piega ripetutamente su se stessa, e sembra anche confusa mentalmente. Sul 3-0 nel secondo set viene chiamato il medico, le viene misurata la pressione, e viene anche verificata la lucidità e la risposta oculo-motoria. Non si capisce cosa abbia, potrebbe essere un calo degli zuccheri o per l’appunto di pressione, ma il malessere che la attanaglia è evidente.

Per una che gioca a tutto braccio, senza grandi margini di rischio, non essere ben centrati fisicamente e soprattutto mentalmente diventa tremendo, i colpi ti scappano praticamente a caso spesso e volentieri. Daria è brava a stare lì, in partita, e a raccogliere i tanti regali dell’avversaria senza strafare. Si arriva al 5-0 per Kasatkina, e c’è una piccola reazione di Jelena, che molla qualche pallata e incamera due game, accorciando sul 2-5, ma la conclusione è solo rimandata di pochi minuti. Il 6-2 finale per Daria arriva al secondo match point, è ovviamente meritato, dispiace per Jelena (38 errori gratuiti), avremmo voluto vederla difendere le sue possibilità al meglio. “Dasha” arriva in ottavi Slam per la prima volta, affronterà Kaia Kanepi che ha eliminato Naomi Osaka.

In conferenza stampa, Jelena ci ha confermato le sue precarie condizioni fisiche: “Sono febbricitante da ieri, sotto antibiotici, probabilmente è stato uno sbalzo di temperatura. Un forte mal di gola. Sono molto dispiaciuta di non essere stata bene, e di non aver potuto giocare al meglio“.

[20] C. Vandeweghe b. [10] A. Radwanska 7-5 4-6 6-4  (Chiara Gheza)

Coco Vandeweghe, numero 22 della classifica WTA, si aggiudica un match infinito contro Agnieszka Radwanska, numero 11 del mondo. Nei precedenti incontri Radwanska aveva avuto la meglio in 4 occasioni su 5. L’unica vittoria di Coco era per altro avvenuta nel torneo di Birmingham su erba nel 2016, mentre le 4 vittorie di Agnieszka erano state messe a segno proprio sul cemento.

Radwanska, elegante nel variopinto completo disegnato per gli US Open da Lotto, appare subito in grande spolvero e vola a condurre 3 a 0. In avvio d’incontro è evidente il contrasto tra i lenti spostamenti laterali di Vandeweghe e la leggera velocità delle gambe di Agnieszka. Coco si aggrappa allora alla potenza e piazza una serie di 5 giochi consecutivi, strappando gli applausi del pubblico dell’Arthur Ashe grazie a un paio di risposte che lasciano Radwanska immobile. La partita è ora vivace e divertente, con scambi lunghi e appassionanti. Coco, sotto gli occhi attenti del suo allenatore Pat Cash, arriva a servire per il set; il game è infinito, si va ai vantaggi, Agnieszka lascia tutti a bocca aperta con uno slice di dritto da urlo, Coco fallisce un set point con un errore imperdonabile e Radwanska ne approfitta immediatamente per piazzare il break. Coco lancia a terra racchetta e pallina, ma non perde la concentrazione e con un solido turno in risposta si regala la seconda chance di servire per il parziale. Questa volta la tennista di casa non trema e con una prima vincente fa suo il set dopo un’ora e quattro minuti di gioco.

Il secondo parziale comincia all’insegna dell’equilibrio con Aga che vola per il campo e Coco che si avventa con tutta la sua potenza sulla pallina. Il confronto è così caratterizzato da game lunghi e scambi spettacolari che accendono l’entusiasmo degli spettatori. Il punteggio segue il servizio ma la partita è tutt’altro che noiosa: Radwanska disegna il campo con colpi precisi mentre Vandeweghe la contrasta con numeri spettacolari, seppur in alcune occasioni fortunati, ogni qual volta decide di scendere a rete. L’equilibrio si rompe irrimediabilmente nel decimo e decisivo game quando Aga, approfittando di un paio di doppi falli dell’avversaria, piazza l’unico break del set e con una risposta vincente si aggiudica il parziale dopo 57 minuti di lotta.

Coco non si scoraggia e in apertura di terzo set gioca un game stellare in risposta e strappa gli applausi del pubblico oltre al servizio ad Agnieszka. La polacca non ha però nessuna intenzione di lasciarsi sopraffare e si riporta sul due pari mettendo in campo tutta la sua determinazione e alcuni colpi millimetrici. Le due contendenti sono ormai allo stremo delle forze e con le battute saltano anche gli schemi, mentre le nuvole nel cielo di New York minacciano pioggia. Arriva addirittura un warning per Coco al secondo lancio di racchetta del giorno, mentre i numeri degli errori gratuiti della statunitense sale vertiginosamente (saranno 54 alla fine seppur compensati da ben 49 vincenti). I rischi corsi da Vandeweghe però pagano e le permettono di tenere finalmente un turno di servizio grazie al quale si ritrova a condurre 5 giochi a 3. In un nono drammatico game Aga si salva tenendo la battuta ai vantaggi. Coco serve per il match e si aggiudica la vittoria con un potentissimo rovescio sulla linea. Ancora una volta lo Slam a stelle e strisce pare essere maledetto per Radwanska, mentre Vandeweghe vola agli ottavi dove affronterà Lucie Safarova.

[4] E. Svitolina b. S. Rogers 6-4 7-5 (Chiara Nardi)

Elina Svitolina supera in due set Shelby Rogers, reduce dalla maratona con Daria Gavrilova. È la terza affermazione in altrettanti incontri per la n. 4 del mondo contro la n.62. Nei primi game del primo set l’ucraina è molto solida e sale 3-1. Rogers si sveglia dopo un inizio difficile, riesce a prendere spesso l’iniziativa e recupera il break di svantaggio. La statunitense gioca bene con il dritto ed è molto aggressiva, chiudendo i punti con frequenti discese a rete. Svitolina non si limita a difendersi e sul 5-4 approfitta di due errori consecutivi con il dritto dell’avversaria per aggiudicarsi il parziale.

Il secondo set inizia con un break a 0 in favore di Rogers grazie agli errori di Svitolina. Avanti 2-0, la statunitense è fallosa come nella parte iniziale e finale del primo parziale e la n. 4 del mondo ne approfitta per raggiungerla e sorpassarla, mettendo a segno il punto del 4-2 con un bel passante in corsa di dritto. Avanti 5-3 e servizio l’ucraina si procura un primo match point, annullato da Rogers che la costringe all’errore con un’accelerazione di dritto; la statunitense conquista una palla break, ma non la sfrutta. Nel game più lungo del match c’è spazio per altri due match point in favore di Svitolina, annullati dalla statunitense con il dritto e con un bel rovescio lungo linea vincente, prima della terza palla break del gioco per Rogers, che sfrutta grazie ad un rovescio in rete dell’avversaria dopo uno scambio lungo. Il pubblico si scatena e la tennista di casa lo incita ancor di più dopo aver raggiunto sul 5 pari Elina, che, seppur a fatica, riesce a non subire un altro break. Nel dodicesimo game Rogers concede un altro match point all’ucraina, convertito in modo beffardo colpendo il nastro con il dritto, che rende la palla impossibile da raggiungere per Shelby. È la prima volta che Svitolina raggiunge gli ottavi agli US Open e può ancora sperare di salire sul trono della WTA. Adesso per continuare a sognare dovrà superare Madison Keys.

[15] M. Keys b. [17] E. Vesnina 2-6 6-4 6-1 (Michele Pascolini)

La sfida sulla carta più equilibrata del terzo turno chiude la notte del sabato newyorkese, ma la responsabilità di tenere svegli i pochi spettatori sugli spalti non pesa troppo sulle due giocatrici, che nel primo set infilano sbagli come perline di una collanina di poco pregio. Keys serve poche prime e inanella rovesci in rete. Vesnina ne approfitta e sfrutta le difficoltà di Madison a colpire incisivamente in corsa per guadagnarsi un 3-0 pesante. Non manca tuttavia di regalarle doppi falli e sbagliare in avanzamento. Keys dal canto suo sembra non aver una tattica definita, e sciupa diversi punti importanti. Una parziale rimonta (break del 3-2 offerto con un doppio fallo) è un fuoco di paglia: la russa insiste sul rovescio, ottenendo due set point sul 5-2. Il primo viene sciupato con un chop di dritto fuori a campo aperto che fa sorridere la stessa Vesnina. Sul secondo arriva il sesto immancabile doppio fallo, ma il terzo è decisivo.

Keys entra in campo nel secondo set con maggiore determinazione, e il servizio inizia a sostenere il suo gioco aggressivo. Non a caso Davenport, sua attuale allenatrice, l’ha invitata a confidare sulla sua potente battuta per aprirsi gli scambi. Un errore sottorete di rovescio, gravissimo per una campionessa di doppio come Vesnina, permette a Keys di salire 3-1. L’americana sembra gestire ora meglio gli scambi, e colpisce veemente quando può. L’avversaria non riesce invece a chiudere un solo punto in avanzamento: approcci, volée e smash finiscono tutti sotto il nastro. Le occasioni tuttavia non le mancano, tanto che riprende il break con un imprendibile pallonetto di rovescio e si porta a 4 pari. Davenport dalla tribuna guarda preoccupata Madison, che però la rincuora prontamente ottenendo un set point grazie ad un errore di Vesnina a rete, e poi un secondo con lo stesso canovaccio. Un dritto aggressivo in rete della russa sancisce la parità. Vesnina nel terzo set appare svuotata e perde la misura del dritto, mentre Keys è finalmente centrata nel gioco e assertiva col linguaggio del corpo: emblematico il 5-0 siglato con un ace. Il secondo match point chiude la partita in poco meno di due ore, con una comoda palla a metà campo che la russa affonda in rete. Nel prossimo turno Keys sfiderà la testa di serie numero 4, Elina Svitolina. “Cosa pensi di fare per preparare la sfida?”. “Andrò a dormire e mi sveglierò alle 3 domani pomeriggio”, risponde sorridendo radiosa Madison.

Risultati:

[1] Ka. Pliskova b. [27] S. Zhang 3-6 7-5 6-4
L. Safarova b. K. Nara 6-3 6-2
[Q] K. Kanepi b. N. Osaka 6-3 2-6 7-5
D. Kasatkina b. [12] J. Ostapenko 6-3 6-2
[20] C. Vandeweghe b.[10] A. Radwanska 7-5 4-6 6-4
J. Brady b. M. Niculescu 6-3 4-6 7-6(3)
[4] E. Svitolina b. S. Rogers 6-4 7-5
[15] M. Keys b. [17] E. Vesnina 2-6 6-4 6-1

Federer finalmente facile, altra rimonta per Nadal

del Potro e Dolgopolov sugli scudi. Avanti Thiem e Rublev

Continua a leggere
Commenti

Focus

US Open, COVID edition: istruzioni per l’uso

Il direttore medico della USTA spiega quali sono le condizioni che dovranno essere rispettate per far svolgere il torneo. I protocolli sanitari potrebbero rendere impraticabile la disputa a porte chiuse

Pubblicato

il

US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

A questo punto dell’emergenza, si tratta sicuramente della domanda che tutti si pongono con maggiore insistenza: si giocherà lo US Open? Se sì, si disputerà nella data prevista oppure sarà posticipato? E si rimarrà a New York, in questo momento travolta dall’epidemia di COVID-19, oppure si traslocherà? Sarà a porte chiuse?

Tante domande che al momento hanno poche risposte certe, la maggior parte delle quali sono state riassunte dall’articolo di Alessandro Stella a inizio settimana. La Federazione Americana USTA ha instaurato un comitato tecnico scientifico che tra qualche settimana fornirà il proprio parere sulla possibilità di tenere il quarto Slam stagionale (almeno prima che il Roland Garros si auto-spostasse a ottobre) e a quali condizioni. Tra i membri di questo comitato c’è anche il Dr Brian Hainline, che dal 1992 al 2007 è stato Chief Medical Officer dello US Open, per poi diventare Chief Medical Officer della USTA e, più di recente, il massimo responsabile medico per la National Collegiate Athletic Association (NCAA), l’associazione che governa tutto lo sport a livello di college negli Stati Uniti.

La prestigiosa rivista Sports Illustrated ha parlato con il Dr Hainline la settimana scorsa per fare il punto della situazione e cercare di capire a che tipo di scenario giocatori e appassionati potrebbero trovarsi davanti a fine agosto in caso di svolgimento del torneo. “Le due condizioni da sviluppare rapidamente per far si che si possa giocare il torneo sono il monitoraggio e test su larga scala. Sono convinto che nel prossimo mese ci sarà uno sviluppo notevole delle capacità di effettuare test che possano dare risultati rapidi. Parliamo di PCM testing (Phase-contrast microscopy), così come i test sierologici che possono identificare la prima risposta immunitaria relativa alla presenza del virus, oppure i test IGM per identificare la presenza di immunoglobuline o anticorpi che rappresentano l’immunità al virus”.

 

Ammesso e non concesso che come dice il Dr Hainline nel prossimo mese sarà possibile sviluppare la capacità di effettuare test su larga scala, rimane comunque da capire se sarà possibile organizzarsi in modo da avere a disposizione la capacità di realizzare tutti i test necessari nella sede del torneo. Per avere un’idea dell’ordine di grandezza dello sforzo richiesto, basta considerare che in occasione della riunione UFC 249 di “mixed martial arts” tenutasi a Jacksonville, Florida la settimana scorsa sono stati effettuati circa 1200 test per garantire la sicurezza di tutti i presenti, ovvero circa una trentina di atleti e circa 150 membri dello staff (contro i 300 che solitamente vengono utilizzati per una riunione di questo tipo). “Stiamo probabilmente parlando di una spesa di almeno 1000 dollari a persona per tutti i test” ha ipotizzato il Dr Hainline, e considerando la quantità di giocatori, allenatori, manager, addetti e giornalisti che sono necessari per far funzionare un torneo come lo US Open si può capire come il conto delle misure sanitarie potrebbe essere particolarmente salato.

Sarà fondamentale definire in maniera estremamente rigorosa una “inner bubble (una bolla interna), composta da tutte le persone necessarie a mettere in scena la manifestazione, e una eventuale “outer bubble (bolla esterna) per tutte le altre persone presenti all’impianto, che siano pubblico o altro – ha continuato il Dr Hainline – Per ognuna di queste bolle sarà necessario creare un protocollo molto preciso che prevede una descrizione delle procedure da seguire e la tempistica dei test”.

In definitiva, sempre secondo il Dr Hainline, perché ci sia qualche possibilità di disputare lo US Open sarà necessario che l’Amministrazione della città di New York rimuova il lock-down tuttora in vigore, che tutti i membri della bolla interna siano disposti ad effettuare una quarantena di 14 giorni negli Stati Uniti prima dell’inizio del torneo (cosa che non dovrebbe essere un problema per i tennisti), fare in modo che ogni giocatore giochi esclusivamente con le proprie palle, e che ogni giocatore accetti di essere testato prima di ogni partita.

Roger Federer – US Open 2019 (via Twitter, @usopen)

Come si può vedere si tratta di un buon numero di “se”, e la lista non è per nulla esaustiva. Non è infatti improbabile che tutta la “bolla interna” debba alloggiare in alberghi predeterminati nel Queens o comunque lontani da Manhattan. Per quest’anno dunque niente ristoranti, niente teatri, niente shopping, niente New York experience.

Altra questione tutta da definire è poi quella della “bolla esterna”, che potrebbe includere anche il pubblico. Al momento già la definizione di un protocollo per la bolla interna potrebbe richiedere sufficienti risorse finanziarie ed energie da rendere improponibile l’ipotesi di avere spettatori allo US Open 2020. Fatto questo che sposta notevolmente il bilancio economico del torneo.

Senza spettatori infatti vengono meno gli introiti della biglietteria, delle concessioni di cibo e bevande e soprattutto il denaro della hospitality per gli sponsor, una voce di bilancio estremamente importante per gli eventi tennistici. Secondo quanto riferito da Bret McCormick dello Sports Business Journal, per un torneo di piccole dimensioni come potrebbe essere un ATP 250 i diritti televisivi rappresentano poco più del 10% del fatturato totale, mentre tutto il resto è dipendente dalla presenza di spettatori sugli spalti. Disputando il torneo a porte chiuse sarebbe certamente possibile risparmiare qualcosa sulle spese (costruzione di tribune temporanee, villaggio commerciale, uscieri, etc…), ma i costi supplementari per mettere in piedi un protocollo sanitario adeguato alla “bolla interna” vanificherebbe quei risparmi e andrebbe a mangiarsi quasi tutti i proventi dai diritti TV, rendendo quindi economicamente sconveniente la disputa del torneo a porte chiuse.

A conti fatti, dunque, il numero di tornei per i quali un’edizione senza pubblico avrebbe senso dal punto di vista del bilancio si può contare sulle dita delle mani: gli Slam, qualche Masters 1000, le Finals ATP e WTA e la Coppa Davis. Nel loro caso la consistenza dei contratti per i diritti televisivi possono far sì che valga la pena giocare solamente per gli spettatori da casa. Per gli altri davvero non ha senso pensare di giocare a botteghini chiusi, a meno di non avere sovvenzioni da parte di enti pubblici o di altro tipo.

Mentre un barlume di ottimismo sembra illuminare l’Italia che prova faticosamente a ripartire dopo quasi due mesi di economia ibernata, il conto alla rovescia continua inesorabile per la stagione tennistica che si trova a combattere contro lo spettro di una cancellazione totale. Il primo vero passaggio da brivido sarà quello dello US Open, seguito a breve dal Roland Garros: la disputa dei due Slam potrebbe salvare la stagione e fornire a tutti gli altri tornei un manuale d’istruzioni su come gestire la nuova realtà nel tennis ai tempi del Coronavirus.

Continua a leggere

ATP

Nadal sventa la rimonta di Medvedev e vince lo US Open: è il 19esimo Slam

NEW YORK – Nadal vince lo US Open per la quarta volta. Medvedev gli rimonta due set di svantaggio, ma deve arrendersi al quinto. Ora Federer rischia il record Slam e Djokovic il numero 1

Pubblicato

il

Rafa Nadal - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Dal nostro inviato a New York

[2] R. Nadal b. [5] D. Medvedev 7-5 6-3 5-7 4-6 6-4

Si temeva che potesse essere una finale scontata, noiosa, un massacro annunciato. Era l’opinione di molti qui a New York. Ebbene si sono sbagliati tutti: per quasi cinque ore Daniil Medvedev ha dato battaglia a uno dei più grandi giocatori di sempre, arrivando vicinissimo a causare una delle più grosse sorprese della storia del torneo e della storia del tennis. Indietro due set e un break, Daniil Medvedev ha reagito da grandissimo campione rifiutando la sconfitta per tre set a zero e rimontando punto su punto Nadal, fino ad avere prima la chance di andare in vantaggio per 2-0 nel quinto set, e poi quella di recuperare entrambi i break di svantaggio nel parziale decisivo e presentarsi sul 5-5 alla volata finale (ricordiamo che qui allo US Open nel set decisivo c’è il tie-break a sette punti sul 6-6).

 

Sessantasei (66) discese a rete per Nadal, 74 per Medvedev, in un match giocato da quelli che dovevano essere due fondocampisti indefessi, che invece hanno messo in campo ogni variante tecnica e tattica a loro disposizione per cercare di vincere un punto in più. Ha vinto Nadal perché è probabilmente il più grande agonista che questo sport abbia conosciuto, che dopo aver paurosamente sbandato nel terzo set ed essere stato messo in grande difficoltà da Medvedev, si è messo a combattere punto su punto con “il coltello tra i denti” ed è riuscito ad arrivare per primo con il cuore oltre il traguardo, sfogando poi tutta la tensione in un pianto dirotto.

IL MATCH – Si capisce subito che questa partita è un’altra cosa rispetta alla finale femminile: i due sono ben lieti di palleggiare a velocità relativamente bassa, ed i primi otto punti durano sette minuti. Nadal non sembra interessato a far salire il ritmo e ogni tanto piazza qualche colpo più alto e arcuato, si prende un warning per “time violation” nel primo game dell’incontro ma poi aggiusta il ritmo e procede più tranquillamente. È Medvedev a ottenere il break per primo, al quinto game, ma lo restituisce immediatamente, e da quel momento in poi è lui ad essere sotto pressione sulla sua battuta. Nadal insiste nel palleggio sul rovescio di Medvedev, che rispondendo da tre metri dietro alla linea di fondo non riesce a far danni sulla battuta del suo avversario (parziale di 2-16 dopo aver fatto e restituito il break). I drop shot del russo funzionano a corrente alternata, molto meglio le discese a rete, con le quali annulla due palle break sul 3-4. La partita di scacchi non è altamente spettacolare ma sicuramente divertente, anche se forse un po’ troppo raffinata per gli oltre 23.000 dell’Arthur Ashe Stadium, tra cui la solita parata di celebrità, da Anna Wintour a Michael Douglas con la moglie Catherine Zeta-Jones.

Allo scoccare dell’ora di gioco, Nadal piazza la zampata: due vincenti da fondo lo portano a set point, Medvedev viene a rete ma sul lob di Nadal non riesce a piazzare la volée alta di rovescio. Dopo 63 minuti il favorito si aggiudica il primo set, nel quale ha perso solamente 9 punti su 32 quando è stato al servizio.

Daniil prova a venire più vicino alla linea del servizio a rispondere, ma i risultati sono alterni. Quando invece è lui a battere sono sempre problemi: sull’1-2 deve rimontare da 0-40, due giochi più tardi si trova ancora 15-40 e la magia non gli riesce. Nadal non perdona, e anche se non è più il cecchino del primo set al servizio porta comunque a casa il parziale, e dopo 1 ora e 15 minuti di gioco Medvedev si trova in svantaggio di due set avendo totalizzato 14 colpi vincenti e solo 9 errori gratuiti.

I numeri sembrano tutti contro il russo, che in carriera ha perso tutti e cinque i match giocati che sono andati al quinto set, mentre Nadal solo una volta (US Open 2015 contro Fognini) è stato rimontato quando era in vantaggio di due set. Quando sul 2-2 Nadal ottiene il break con un paio di bei colpi vincenti sembra che il match sia avviato alla fine, ma il maiorchino d’un tratto si appanna, commette un doppio fallo, sbaglia una volée semplicissima e con un rovescio di alleggerimento oltre la riga di fondo regala una possibilità di salvezza a Medvedev, che dal canto suo “rema” come non mai da fondocampo e tira fuori tutto il suo repertorio. Nadal recupera dalla sbandata, sul 4-4 ha due chance per andare a servire per il match ma nel game più bello del match Medvedev si conquista tutto il pubblico dell’Arthur Ashe e continua a combattere mantenendo la battuta e il vantaggio nel set. Ogni punto è una battaglia, il russo si trasforma in un muro invalicabile da fondo campo e rimanda tutto palla su palla. Sul 6-5 Medvedev accade l’imponderabile: Daniil si inventa un paio di vincenti da fondo, va 0-40, e con un rovescio lungolinea, il “suo” rovescio lungolinea, allunga la partita al quarto set dopo 2 ore e 53 minuti di gioco.

La sera è ormai diventata notte a New York, e si gioca sotto le luci che erano comunque accese fin dall’inizio del match. Nadal accusa il colpo, sbaglia colpi che raramente gli si vede sbagliare, deve salvarsi da due palle per il 2-0 Medvedev, ma in qualche modo ne esce. La palla dello spagnolo non è più pesante come era nei primi due set, e soprattutto è molto più corta: Medvedev invece sembra soffrire meno dal punto fisico e continua a giocare negli ultimi metri del campo. Si procede seguendo i servizi fino al 5-4 Nadal quando la realtà romanzesca prende il sopravvento sulla realtà: dal 40-15 Nadal il maiorchino mette in rete un diritto di palleggio, si butta a rete in maniera suicida facendosi infilare da un passante, sbaglia un altro diritto e, sul set point, viene infilato da un clamoroso passante di rovescio da fuori dal campo che Borg e Wilander sarebbero probabilmente disposti a comprare.

Dopo 3 ore e 45 minuti si va al quinto set, Medvedev per la prima volta nel match mette il naso avanti nel punteggio tenendo il servizio e poi non converte tre chance per il 2-0 che Nadal salva con coraggio leonino. I due continuano a cambiare rotazioni, direzioni e tattica. I serve&volley ormai non si contano più: con l’aiuto della IBM sappiamo che alla fine saranno 20 per Nadal, di cui 17 vincenti, e 29, di cui 22 vincenti, per Medvedev.

Sul 2-2 Medvedev si fa rimontare da 40-0 e subisce il break che fa girare la partita. Lo spagnolo non sbaglia più una palla, tiene il turno di battuta seguente e poi si supera conquistando un altro break per il 5-2 pesante, con recuperi strepitosi su un Medvedev sempre più stanco e scoraggiato. Ma la partita non ne vuole sapere di essere finita. Dopo aver conquistato un altro punto da cineteca per il 30-15, Nadal commette due errori e concede la palla break all’avversario: sfora i 25 secondi permessi per la terza volta nella serata, deve servire con solo una palla di servizio e commette un “mono fallo”. La gente non capisce, l’angolo di Nadal inveisce contro il giudice di sedia, ma la decisione è ineccepibile: gioco Medvedev!

Con coraggio leonino Daniil annulla due match point sul 3-5, uno con un rovescio lungolinea vincente (sempre quello), l’altro con un servizio e manda Nadal a servire per il match una seconda volta. I due sono stremati, l’orologio viaggia oramai verso le cinque ore di parita. Due gratuiti di diritto di Nadal confezionano la palla del 5-5 per Medvedev, che però viene annullata con un diritto. Una successiva palla corta procura il terzo match point, che è quello decisivo.

Rafa Nadal – US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Quattro ore e 51 minuti di battaglia (solo 3 in meno delle due finali più lunghe qui New York, quella del 2012 tra Djokovic e Murray e Wilander-Lendl del 1988) siglano il diciannovesimo titolo dello Slam per Rafael Nadal, ma Daniil Medvedev può uscire a testa altissima da questo torneo, che conclude un’estate favolosa per lui.

È il quarto US Open per Nadal, gli stessi di McEnroe e appena uno in meno di Sampras e Federer, il cui record dei 20 Slam è adesso seriamente in pericolo perché Nadal con questo successo tocca quota 19. E nella Race to London vola (quasi) a +2000 da Djokovic, mettendo una seria ipoteca sul numero uno di fine stagione.

MEDVEDEV A FINE MATCH: “Prima di tutto voglio congratularmi con Rafa, 19 titoli, assurdo, incredibile. Grande tu e il tuo team, è durissima giocarti contro. Guardavo ora lo schermo che elencava i titoli, da 1 a 19, e mi son detto, se vincevo io, che mostravano? (risate del pubblico) Pensavo di perdere in tre set, ho solo combattuto su ogni palla, e quanto è durata! Ora ragazzi, e lo dico davvero in senso positivo, non come due partite fa, è grazie alla vostra energia che sono qui. Ricorderò questa notte per sempre, nello stadio più grande di tutti. Mi avete spinto a prolungare il match, volevate vedere altro tennis, e io ho lottato come un diavolo. Come ho detto, qui la folla è elettrica, mi avete fischiato, avevate ragione, ma avete visto che sono umano, posso cambiare, e vi ringrazio dal profondo del mio cuore. Infine, ringrazio il mio team, tutti, senza di voi non sarebbe stato possibile nulla”.

NADAL A FINE MATCH: “Finale fantastica, la prima parola che voglio dire è per Daniil, la tua estate è stata una cosa che non avevo mai visto da quando gioco, sei numero 4 e si vede il perchè. Il modo in cui hai combattuto, per far girare il match, complimenti anche al tuo team, avrei tante altre occasioni così. Il supporto di tutti voi ragazzi è stato fantastico, grazie infinite, a tutto lo stadio, non credo che esista un posto con più energia di questo nel mondo. 4 US Open, è importante per me, questa vittoria significa molto anche per come è arrivata, ero in controllo, e poi poteva sfuggirmi, una partita pazza (momento di commozione). Grazie davvero a tutti nella USTA che rendono possibile l’evento, dalla security ai raccattapalle. Voglio ricordare una cosa terribile accaduta poco tempo fa a un amico, tennista, Karim Alami, hanno perso un figlio piccolo, ci tengo a mandare a lui e alla sua famiglia un abbraccio. Grazie alla mia famiglia e al mio team, grazie a tutti ancora, e spero di vedervi ancora l’anno scorso. (in spagnolo) Un saluto alla cominità latina, che non mi fa mai mancare il suo sostegno dovunque vada a giocare!”

Il tabellone maschile completo (con tutti i risultati aggiornati)

Continua a leggere

US Open

Andreescu, primo trionfo Slam dopo lo spavento: lo US Open è suo

NEW YORK – Bianca erompe sull’Arthur Ashe: in vantaggio 6-3 5-1 si fa rimontare da Serena Williams, poi ritrova lucidità e trionfa. Stagione straordinaria, primo Slam per il Canada

Pubblicato

il

Bianca Andreescu vince lo US Open 2019 (foto Luigi Serra)

da New York, il nostro inviato

[15] B. Andreescu b. [8] S. Williams 6-3 7-5

Se cercavamo una giocatrice che avesse le stimmate della campionessa, dopo aver parzialmente sospeso il giudizio su Naomi Osaka, non possiamo più chiudere gli occhi su Bianca Andreescu. A soli 19 anni, la canadese si laurea campionessa dello US Open diventando la più giovane vincitrice dello Slam statunitense dai tempi proprio dell’avversaria sconfitta oggi, Serena Williams, che aveva vinto il torneo a una manciata di giorni dal diciottesimo compleanno nel 1999. Primo Slam per il Canada, terzo titolo stagionale per Andreescu dopo Indian Wells e Toronto; ma soprattutto, Bianca non conosce sconfitta dal ritiro di Miami (a partita in corso) agli ottavi di finale, e non perde una ‘vera’ partita dalla semifinale di Acapulco in febbraio contro Kenin. Ora sarà numero 5 WTA. Se non sono questi numeri da campionessa, fate un po’ voi.

 

LA PARTITA – L’ultima volta, sarebbe stato il primo confronto, non c’è stata una partita. Serena Williams, nella finale di Toronto, si era dovuta ritirare dopo pochi game bloccata da un infortunio, lasciando a Bianca Andreescu il titolo, secondo Premier Mandatory (dopo Indian Wells) di un’annata straordinaria per la diciannovenne canadese. Annata che oggi diventa incredibile, anche se già lo è sotto tanti aspetti. Dall’altra parte della rete, Serena gioca per la Storia, quella con la “S” maiuscola, all’inseguimento del record Slam assoluto di Margaret Smith Court, il folle bottino di 24 titoli Major.


INIZIO DIROMPENTE DI BIANCA – Williams inizia tesa, e nel primo game, in vantaggio 40-0, commette tre errori gratuiti e due doppi falli, perdendo subito la battuta. Bianca sale 2-0, il pubblico mormora anche se siamo solo all’inizio, la posta in palio è altissima e si percepisce anche sugli spalti. Il ruggito, con “C’mon” di Serena, che echeggia fino al terzo anello, ad accompagnare il primo game tenuto dalla fuoriclasse statunitense fa capire quanto abbia bisogno di sbloccarsi. In generale, finora Williams sta rispondendo male, Andreescu senza fare nulla di eccezionale va 3-1, Serena ha già 9 errori nel tabellino. Ancora Serena in crisi sul 2-4, con ben 5 palle break annullate, col servizio ma anche aiutata da alcuni errori di Bianca. La canadese picchia forte e difende con apparente disinvoltura, Williams sbaglia veramente troppo. Tocca a Bianca annullare una palla break con il servizio esterno sul 4-3, che brava. Due game dopo, è il terzo doppio fallo del set che condanna Serena, ancora un break ed è 6-3 Andreescu.

I tifosi dell’Arthur Ashe sentono il dramma, esplodono a ogni punto di Williams, in modo assordante. Billie Jean King applaude e sostiene Serena, acclamatissima quando viene inquadrata sui maxischermi, ma Andreescu oggi è una roccia. Lo è da più di sei mesi, in effetti, fantastica. Una Williams quasi affranta perde il servizio nel secondo game, continuando a spingere ma senza la consueta efficacia. Di grinta Serena recupera il break, ma il suo tennis oggi è troppo altalenante, Andreescu non fa una piega, aggredisce nuovamente il turno di battuta avversario, e brekka per la seconda volta nel set allungando 3-1. La cosa che sta facendo meglio la canadese è la transizione in diagonale verso avanti, a tagliare il campo e chiudere il dritto lungolinea, azione difficilissima che lei esegue con splendida disinvoltura. Tra un errore e un vincente alternati di Williams, Bianca sale addirittura 5-1, con il terzo break del parziale, sembra finita.

Tutta la frustrazione di Serena

PAURA E TRIONFO – Ma l’orgoglio di Serena è infinito: affronta un match-point, lo annulla col dritto vincente, spingendo con tutto quello che ha recupera un break, e siamo 5-2. In un attimo arriva il 5-3, e Bianca va a servire per il titolo una seconda volta. Ecco il primo momento di vera tensione accusato da Andreescu, che commette tre gratuiti e si fa brekkare a zero, 5-4. Il boato dello stadio è memorabile, la gente salta in piedi e si abbraccia. Sulle ali di tanto entusiasmo, una Williams letteralmente resuscitata tiene la battuta per il 5-5, nonostante due doppi falli (siamo a 8, davvero tanti). Può succedere di tutto ora, per la prima volta Bianca sembra scossa, e ci mancherebbe altro.

Ma se l’orgoglio di Serena è infinito, altrettanto infinite sono le risorse nervose di Andreescu: reagisce alla tremenda rimonta, tiene la battuta, e sale 6-5. Di nuovo a un passo dalla sconfitta, Williams va in difficoltà, Bianca spara il dritto sia in risposta che nello scambio, si prende due match point, e al secondo fa suo lo US Open 2019. Difficile pensare che non sia solo il primo titolo pesante per una giocatrice straordinaria dal punto di vista tattico e tecnico, i numeri parlano per lei. Oggi 19 vincenti e appena 17 gratuiti, al cospetto del 33-33 di Serena che può certamente recriminare per un misero 44% di prime palle in campo.

Ad ogni modo, grande, grandissima Bianca. Pensate che l’anno scorso, qui, non superò le qualificazioni. Altrettanto grande è l’ennesima delusione a un passo dal traguardo per Serena. Applausi a entrambe.

LA PREMIAZIONE: LE PAROLE DI SERENA – “Grazie, significa molto per me sentire il supporto del pubblico, durante tutte le due settimane di questo torneo. Ho continuato a combattere, ho cercato di rimanere in campo più a lungo, i fan sono stati talmente meravigliosi che mi hanno fatto giocare meglio, ne sono molto grata. Bianca ha giocato un grande match, sono molto felice e orgogliosa per te. Avrei voluto giocare meglio, ma se qualcun altro deve vincere questo torneo, a parte Venus, sono felice che sia tu. È un onore essere qui, ancora qui a competere, non è semplice in questo sport rimanere competitivi per 20 anni, e voglio ringraziare il Dio Geova per avermi permesso di essere qui. Grazie anche al mio team, che è stato con me attraverso tutti gli alti e i bassi, e ancora attraverso i bassi. Spero avremo qualche alto di nuovo piuttosto presto“.

LA PREMIAZIONE: LE PAROLE DI BIANCA – “È difficile descrivere a parole quello che provo in questo momento. Mi sento davvero fortunata, ho lavorato tanto per questo momento, quest’anno è stato un sogno. È un privilegio essere su questo campo contro Serena, una leggenda di questo sport. Ho cercato di non pensare alla mia avversaria, mi sono preparata al meglio, sono molto lieta di quello che ho fatto. Ho dovuto superare la folla… lo so che volevate che vincesse Serena, mi dispiace molto. Ho provato a isolarmi da tutto. L’ultimo game non è stato facile, le palline andavano da tutte le parti, sono molto orgogliosa di come ho gestito la situazione. Lo scorso anno non è stato semplice, ho avuto molti infortuni, ma ho insistito, ho avuto una buonissima preparazione invernale, il mio team è rimasto con me, grazie per aver resistito, spero di poter continuare per il resto dell’anno. Non posso ringraziare i miei genitori abbastanza per tutto quello che hanno fatto per me. È stato un viaggio molto lungo, beh forse non così lungo, ho solo 19 anni, non è stato semplice, ma ora voglio continuare così“.

Il tabellone femminile completo (con tutti i risultati aggiornati)

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement