ATP Challenger Andria: Baldi che peccato! La finale è Ignatik-Heyman

Al termine di una maratona, il 21enne milanese si arrende al bielorusso Ignatik, che in finale sfiderà il belga Heyman. Ma c'è comunque gloria per il tennis azzurro grazie al successo in doppio di Sonego e Vavassori

ATP Challenger Andria: Baldi che peccato! La finale è Ignatik-Heyman

Si interrompe nel più amaro dei modi la favola di Filippo Baldi al Challenger di Andria. Il 21enne milanese, partito come wild card all’inizio del torneo, ha ceduto il passo in semifinale dopo tre tie-break e due ore e mezza di dura battaglia al bielorusso Uladzmir Ignatik, testa di serie n.5 del torneo.

Dopo aver vinto il primo parziale per 7 a 6, Baldi ha ceduto i due successivi con il medesimo punteggio. Nonostante la delusione, il giovane tennista meneghino può essere comunque soddisfatto del suo momento di forma. Dopo infatti aver raggiunto la finale nelle qualificazioni alle ATP Next Gen Finals e il secondo turno al Challenger di Brescia, ha ottenuto il suo miglior risultato in carriera. Grazie alla semifinale in terra pugliese, Baldi scalerà 58 posizioni nel ranking ATP e raggiungerà il suo best ranking di n.369. Da parte sua Ignatik affronterà nella sua sesta finale a livello Challenger il qualificato belga Christopher Heyman che nell’altra semifinale ha sorprendentemente sconfitto il bosniaco Mirza Basic, testa di serie n.3, col punteggio di 6-3 5-7 7-5. La partita inizierà alle ore 18.

Se nella finale del singolare maschile non ci sarà nessun azzurro in campo, il tennis italiano esce da questa settimana ad Andria comunque vincente grazie al successo nel torneo di doppio di Lorenzo Sonego e Andrea Vavassori. I nostri due giovani portacolori in finale si sono superati, sconfiggendo i favoriti del seeding, ovvero l’olandese Sander Arends e il belga Sander Gille, con lo score di 6-3 3-6 10-7. Si tratta del primo titolo a livello Challenger per entrambi.

CATEGORIE
TAG
Condividi