Next Gen: alla conquista del mondo, con Shapovalov in testa

Focus

Next Gen: alla conquista del mondo, con Shapovalov in testa

Shapovalov, Auger-Aliassime e il modello canadese. La pazienza di Tsitsipas. La crescita di Moutet e Blancaneaux. La scuola spagnola. Chung e Rublev

Pubblicato

il

Tracciare un bilancio ragionato della “prima stagione” della Next Gen ATP non è compito agevole. Va ricordato, infatti, che con questa espressione si fa riferimento ai tennisti del circuito di età non superiore a 21 anni che concorrono nell’ambito della classifica dedicata, la “Race to Milan”. Si tratta, perciò, di un universo a dir poco composito, che comprende tanto quei giovani che il circuito maggiore lo frequentano da tempo – vedi Borna Coric e Hyeon Chung, vincitore delle Finali di Milano tanto quei tennisti in erba che ancora orbitano nel circuito Futures e/o si sono appena affacciati al livello Challenger. Quella che va dai 17 ai 21 anni è l’età più densa di incognite e di cambiamenti. Vale per la maggioranza degli sport, e senza dubbio per il tennis. È in quella fase che, talento a parte, a fare la differenza sono le scelte, più o meno oculate, che l’entourage di un giovane compie rispetto al percorso di crescita più idoneo per quel tipo di tennista. Ecco perché parlare di migliori e peggiori nell’ambito di un’etichetta così eterogenea, come la Next Gen, è puramente relativo, né è un dato che può ricavarsi, banalmente, guardando alle posizioni più in alto della Race. Tanto basta per concludere che un bilancio dell’annata dei giovani richiede di andare oltre il dato più immediato del ranking (i primi 7+1 che hanno raggiunto Milano), per essere ponderato rispetto ai punti di partenza e ai percorsi di ciascun tennista.

Alla luce di queste premesse, il 2017 è stato prima di tutto l’anno del tennis canadese, cioè di un modello di lavoro e di organizzazione che sta dando i suoi frutti tutti insieme, sia a livello maschile sia a livello femminile. Straordinaria, per la sua rapidità, è stata l’ascesa di Denis Shapovalov nel ranking mondiale. Non per caso l’ATP ha consegnato al talento mancino nativo di Tel Aviv il premio come “Most Improved Player of the Year” . Non va dimenticato, infatti, che all’inizio dell’anno Shapovalov era n. 250 e giocava a livello Challenger, esprimendo un tennis di grande qualità ma senza risultati di rilievo. Perlomeno fino al torneo di Drummondville, la cui edizione del 2017 è stata simbolicamente molto importante per tutto il tennis canadese. Shapovalov vincerà quel torneo – il primo Challenger della sua carriera – e pochi giorni dopo, a Guadalajara, mancherà il secondo successo consecutivo perdendo in finale con Mirza Basic. Il tempo di compiere 18 anni e comincia la stagione sul rosso. La sua però non decolla mai: tre eliminazioni al primo turno in tre Challenger disputati, quindi l’eliminazione al primo turno di qualificazione del Roland Garros, a conferma che la terra battuta – a dispetto dei due titoli Futures conquistati nel 2016 – è una superficie che per il momento limita il suo tennis fatto di ritmo, esplosività e di quegli anticipi a volte esasperati.

 

Arriva quindi la stagione sull’erba, superficie su cui Shapovalov lo scorso anno aveva raccolto il più prestigioso dei titoli a livello Junior, a Wimbledon. Al Queen’s, al termine di quello splendido match perso al terzo set con Berdych, si capisce che il ragazzo può competere ai livelli più alti. Si prepara per il Masters 1000 di Montreal, dove è atteso con una wild card, disputando due tornei Challenger e conquistando il suo secondo titolo dell’anno. Da quel momento la storia è nota ai più. Shapovalov raggiunge la semifinale della Rogers Cup sconfiggendo, in serie, Nadal, del Potro e Mannarino, e qualche settimana dopo è l’unico dei 22 Next Gen a superare le qualificazioni per gli US Open, dove si spingerà fino al quarto turno. Sul finale di stagione paga la stanchezza, e forse anche la sbornia, delle settimane precedenti: tutto comprensibile per un talento che nel giro di dieci mesi è riuscito a scalare 200 posizioni del ranking, chiudendo alla numero 51. Si fa strada, prepotentemente, anche Félix Auger-Aliassime, 17 anni compiuti ad agosto, che in un anno di posizioni ne ha scalate 452, passando dalla 614 alla 146, anche grazie alla vittoria di due titoli Challenger, entrambi sul rosso. Il giovane canadese è guardato a vista da Louis Borfiga, direttore del National Tennis Centre di Montréal, l’incubatore dei talenti nazionali. C’è chi, come Raonic, si dice giustamente sbalordito dalle qualità tennistiche di Auger-Aliassime, che ora punta dritto alla top 100, un obiettivo che potrebbe essere raggiunto, come per il connazionale Shapovalov, in modo altrettanto repentino.

Un altro nome di questo 2017 è Stefanos Tsitsipas. Meno appariscente, per qualcuno, il suo ingresso nella top 100 del ranking (ora è 91, a inizio anno era 205), ma non per questo meno apprezzabile. Il greco è dotato di un grandissimo talento e di un’eleganza nei gesti che è come una boccata d’aria se si guarda a trecentosessanta gradi il panorama della Next Gen. Fino a oggi, infatti, la sua preoccupazione non è stata quella di imparare a tirare “più forte, più forte e ancora più forte”, ma quella di concentrarsi sulla qualità del suo tennis, sul punto d’impatto, su tutti quei dettagli che contribuiscono all’esecuzione perfetta dei colpi. Il suo è un metodo di lavoro che richiede estrema pazienza. Ed è forse proprio quest’ultima la qualità più spiccata del talento greco. Una pazienza che si riflette, prima di tutto, nella scelta dei tornei da disputare. In questo 2017 non si è fatto mancare nulla: tre Futures sul rosso, diversi Challenger (primo titolo in carriera conquistato a Genova, finale sul cemento di Brest), diverse incursioni nel circuito maggiore, tra wild card sfortunate (vedi Rotterdam, dove ha pescato al primo turno Tsonga) e diversi tabelloni principali conquistati sul campo. La sua prestazione migliore nel circuito maggiore è arrivata a ottobre all’ATP 250 di Anversa, dove ha raggiunto le semifinali. Una pazienza, infine, che traspare puntualmente dalle sue dichiarazioni. Per esempio quando si dice consapevole che ad attenderlo nel circuito maggiore c’è “una lunga sequenza di sconfitte”, che tuttavia non inciderà negativamente sul suo percorso.

In un bilancio annuale della Next Gen, improntato alla qualità tennistica, non si può tacere della crescita di Corentin Moutet. Il suo percorso è analogo a quello di Auger-Aliassime. All’inizio dell’anno il francese classe ’99 partiva dalla posizione n. 533, ora è n. 146. Moutet, lo si è detto più volte in questa rubrica, è il talento più puro della schiera dei giovani talenti d’Oltralpe. E, non per caso, è anche quello che esprime il tennis più raffinato ed eclettico. A differenza della stagione precedente, nel 2017 Moutet si è concentrato quasi esclusivamente sui tornei Challenger (solo tre i Futures disputati, di cui uno vinto), con risultati sempre migliori. Dopo due finali consecutive sul rosso (Como e Siviglia), il primo titolo è arrivato sul cemento di Brest, proprio in finale con Tsitsipas. È luogo comune che Moutet sia intemperante e inaffidabile sul piano della concentrazione. Eppure, chi lo ha visto in questi mesi ha potuto constatare in molti casi un atteggiamento opposto. Basti notare che nella stragrande maggioranza dei match vinti al terzo set Moutet ha ceduto il primo, un “piccolo” dato che però dà la misura di quanto il francese sia fino all’ultimo con la testa dentro il match. Se mai, a differenza di coetanei come Shapovalov, il francese deve lavorare molto sulla muscolatura, che non sembra sufficientemente sviluppata. Passa indubbiamente da qui la sfida, assolutamente alla sua portata, di entrare nelle prime cento posizioni del ranking. Nel bilancio annuale della Next Gen merita una menzione Geoffrey Blancaneaux, vincitore nel 2016 del Roland Garros Juniores, primo francese a riuscirvi dai tempi di Monfils (2004). Blancaneaux, classe ’99, è considerato in ritardo rispetto ai suoi coetanei, ma nel suo entourage il mito della “precocità” è fortemente stigmatizzato e si bada al percorso di crescita del ragazzo senza fare comparazioni. Una crescita che indubbiamente c’è stata se si considera che ha chiuso la stagione con il ranking n. 292 (+345 rispetto a gennaio 2017).

Nella sezione positiva del bilancio della Next Gen va inserita anche una voce, per così dire, collettiva: quella della scuola spagnola, di cui si parla troppo poco ma che sta iniziando a raccogliere i frutti del proprio lavoro e che nel 2017 ha lanciato segnali incoraggianti per i mesi che verranno. Il più giovane del gruppo, Nicola Kuhn, classe 2000 e nativo austriaco, ha chiuso la stagione n. 241 (+546 rispetto a gennaio), collezionando punti a livello Futures e vincendo il suo primo titolo Challenger, a Braunschweig, sulla sua superficie preferita, la terra rossa. Un anno più grande di lui, Alejandro Davidovich Fokina è risalito nel ranking di 394 posizioni in un anno (ora è 465). Il diciottenne di Malaga quest’anno ha conquistato il titolo di Wimbledon Juniores, primo spagnolo nell’era Open a riuscirvi. Chiudono il gruppo i due classe ’97 Jaume Munar e Carlos Taberner, oggi rispettivamente n. 185 e 186, entrambi risaliti di oltre cento posizioni dall’inizio della stagione. I due giocano in pianta stabile nel circuito Challenger, dove hanno fatto incetta di punti: per Taberner due finali consecutive quest’anno; per Munar, invece, primo titolo Challenger sul cemento di Segovia e una finale sulla terra di Rio de Janeiro, persa per ritiro al terzo set con Berlocq.

Prima di chiudere, doverosamente, con chi è arrivato a giocare le finali di Milano, una menzione anche per Miomir Kecmanovic, il diciottenne di Belgrado risalito quest’anno di 600 posizioni e ora n. 207 del ranking; Yibing Wu, ora n. 305, sono le 629 posizioni scalate quest’anno. Il cinese, 18 anni compiuti a ottobre, ha vinto lo US Open Juniores e nelle settimane successive ha raggiunto la semifinale al Challenger di Chengdu, dove è stato eliminato dal “re del circuito” Yen-Hsun Lu, riuscendo però a vendicarsi la settimana successiva in finale al Challenger di Shanghai: il suo primo titolo in carriera. Fra i migliori della nuova generazione c’è anche Matteo Berrettini, ora n. 136, con le 300 posizioni del ranking scalate in un anno, frutto di scelte intelligenti ma anche di una enorme crescita fisica e tennistica. Ben quattro le finali Challenger disputate, di cui soltanto una vinta, sulla terra battuta di San Benedetto.

Infine, Andrey Rublev e Hyeon Chung, sui quali praticamente tutto è stato scritto nelle scorse settimane. Qui si può soltanto suggerire di guardare oltre, se possibile, il primo titolo ATP (il 250 di Umago), i quarti di finale a Flushing Meadows e la finale Next Gen di Milano, per un giudizio più complessivo ed equilibrato della stagione di Rublev. Molto positiva, indubbiamente, ma anche costellata di cadute, a volte sorprendenti. Fra le tante, vengono in mente le eliminazioni alle qualificazioni di Rotterdam (Van De Zandschulp) e Dubai (Millot), al primo turno di Marsiglia, al primo turno delle qualificazioni di Indian Wells (Whittington, 6-3, 6-1) e Cincinnati (Gulbis, 6-2, 6-4); anche la stagione sul rosso, dove è arrivato il primo titolo in carriera, era nata sotto i peggiori auspici con le eliminazioni al primo turno delle qualificazioni di Casablanca (Ward), Montecarlo (Berlocq) e Barcellona (Masur). Questo per dire che siamo sì di fronte a un giocatore di grande qualità, basti osservare l’esecuzione del dritto, ma non ancora affidabile sul piano della continuità delle prestazioni. L’auspicio, e qui ci trasferiamo su un piano più “sentimentale”, è di apprezzare le qualità del suo tennis fino in fondo, perché a volte risultano offuscate da quella brutalità ritenuta oggi evidentemente necessaria ma che non è la sola cifra del suo tennis. Lo si è potuto notare a Halle nel match disputato con il connazionale Khachanov, una partita in un certo senso emblematica della brutalità del tennis di buona parte della Next Gen. Brutale perché non distingue fra superfici, perché antepone sempre il principio della forza, anche nelle situazioni di gioco in cui questo non è necessario. Resta però il fatto che il tennis di Rublev è più pulito, variegato e talentuoso di altri “picchiatori” della nuova generazione.

Infine, Chung. Un’annata in crescita costante, con segnali incoraggianti già agli Australian Open, poi la positiva stagione sul rosso suggellata da quella che per lui è stata “la vittoria più importante della carriera” (al secondo turno di Monaco di Baviera, contro il top 20 Monfils), infine la vittoria a Milano. Non tutti ne apprezzeranno il gioco e lo stile, ma il coreano è uno straordinario esempio di come si può arrivare a raggiungere dei risultati nel tennis. Non si può dimenticare, a stagione finita, il lavoro che Chung ha fatto su sé stesso, nel giro di pochi mesi, per reimpostare due dei colpi fondamentali (servizio e dritto). In particolare il servizio è stato sottoposto a correzioni talmente vistose da apparire un altro colpo rispetto al passato. Il servizio di una volta, pieno di difetti visibili a occhio nudo e dalla meccanica a dir poco arzigogolata, ha fatto posto a un colpo molto più essenziale ed efficace, intorno al quale Chung ha ricostruito la sua rinascita tennistica. E forse anche il suo futuro.

Continua a leggere
Commenti

Focus

Bencic e Hsieh, due furie a Dubai contro le top 10

Al Premier 5 degli Emirati Arabi la svizzera e la taiwanese raggiungono le semifinali, eliminando Halep e Pliskova. Affronteranno rispettivamente la “padrona di casa” Svitolina e Kvitova

Pubblicato

il

Non lo chiamerei un ritorno, non sono mai andata via, semplicemente giocavo male”. È una battuta ma è anche una risposta molto lucida quella di Belinda Bencic nel microfono marcato WTA, subito dopo la grande vittoria in rimonta contro Simona Halep. Il 4-6 6-4 6-2 finale che proietta la svizzera alle semifinali del Dubai Duty Free Tennis Championships è inaspettata e, anche per questo, per lei ancor più bello.

Bencic è partita con il break in tutti e tre i set: è servito, ma non è bastato a evitarle una battaglia da fondo campo lunga più di due ore. Giocando profondo al limite della riga, e accelerando sia col dritto che col rovescio, ha provato a sopraffare Halep con la potenza; la romena ha combattuto, mostrando dei picchi di rendimento che anche un po’ casualmente le hanno consentito di aggiudicarsi il parziale d’apertura e di tenere vivo anche il terzo fino alla fine, provando a rientrare nell’ultimo game, senza però riuscire a manifestare il suo miglior tennis con costanza sufficiente. Neppure il fisico è sembrato assistere Halep come si deve: fin dall’inizio è apparsa infastidita dalla scarsa reattività della sua gamba destra, forse rigida per la stanchezza accumulata. Pur giocando anche lei a strappi, Bencic alla fine ha avuto la dose di continuità necessaria a portare a casa l’incontro.

 

Per Bencic si tratta del secondo upset consecutivo dopo quello contro Aryna Sabalenka, alla quale ha annullato due match point negli ottavi di finale. (Ora la striscia di vittorie sale a sei, includendo anche quelle – per noi dolorose – contro la formazione italiana di Fed Cup.) È appena la seconda volta in carriera che raggiunge una semifinale ad alto livello. Per una ragazza nata nel 1997 è comunque di per sé un risultato positivo: la enorme differenza con quell’agosto a Toronto nel 2015 è però che oggi Belinda non è più la bambina prodigio, arrivata sotto i riflettori con quasi mezzo decennio di anticipo sulle coetanee, bensì una tennista come tutte le altre, che deve sudarsi i propri alti e rimediare ai propri bassi. Il suo punto di forza è che sembra finalmente averlo chiaro. Intanto salirà di almeno una dozzina di posizioni in classifica, dalla 45 alla 33, e potrebbe guadagnarne altre dieci in caso di titolo.

In semifinale Bencic affronterà Elina Svitolina, vincitrice su Carla Suarez Navarro. L’ucraina sembra avere un feeling particolare con gli Emirati, dato che è campionessa in carica a Dubai ormai da due anni, sebbene a difendere i punti del titolo questa settimana sia in realtà Petra Kvitova, a causa dell’alternanza annuale tra il torneo di Dubai e quello di Doha nella categoria WTA Premier 5.

Kvitova ha superato agevolmente Viktoria Kuzmova in due set, con un filotto di otto game vinti dal 4-4 nel primo, mentre è stato disastro per l’altra ceca, Karolina Pliskova, sconfitta clamorosamente dal “diavolo” taiwanese Su-Wei Hsieh. Il lato clamoroso non sta tanto nel risultato, dato che mercoledì Hsieh era riuscita a mandare in confusione col suo tennis eterodosso già un’altra avversaria quotata come Angelique Kerber nel turno precedente, quanto per come è maturato punto dopo punto…

Dopo un primo set ottimo, specialmente nella scelta dei colpi, Hsieh non era più riuscita a spostare la palla e aveva iniziato a subire il gioco più potente di Pliskova, regredendo nel proprio e iniziando a commettere molti più errori. Dopo aver stravinto il secondo parziale, la ex numero uno si è portata prima sul 5-1 in quello decisivo prima di perdersi di colpo. Si è bloccata coi piedi e con la testa, rendendo evidente, pur nel suo consueto atteggiamento freddo, lo scoramento per un gioco improvvisamente svanito dalla sua racchetta, fino all’ultimo dritto fuori misura. “Lei tira un ace quasi ogni game, non è facile rimontarla” ha commentato Hsieh nel dopo gara. “Mi sono detta: ok, se non tira un ace colpisco la palla così forte che non potrà tirare neppure un vincente”. Quasi infantile, ma ha funzionato alla perfezione. E ora a una tra lei e Bencic riuscirà il terzo colpaccio consecutivo?

Risultati:

S. Hsieh b. [4] Ka. Pliskova 6-4 1-6 7-5
[2] P. Kvitova b. V. Kuzmova 6-4 6-0
B. Bencic b. [3] S. Halep 4-6 6-4 6-2
[6] E. Svitolina b. C. Suarez Navarro 6-2 6-3

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Berrettini si arrende a Rublev a Marsiglia, Coric fuori subito contro Humbert

Il russo vince in due set sul nostro miglior giovane. Grande prova del francese contro il croato

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Sofia 2019 (foto Ivan Mrankov)

È la rivincita della sfida di Gstaad della scorsa estate, quando Matteo Berrettini si liberò in un’ora di Andrey Rublev sulla strada del suo primo titolo ATP, e il russo non fallisce l’occasione di pareggiare il conto. Dopo l’ottima prova contro Chardy nonostante l’influenza dei giorni precedenti, Matteo cede subito il turno di servizio che decide il primo set. Con una percentuale di trasformazione della prima inferiore al solito e in svantaggio anche nel secondo parziale, rientra in extremis, ma Rublev si impone nettamente al tie-break.

Precipitato fuori dai primi 100 dopo un brutto 2018 condizionato dai problemi alla schiena, il ventunenne moscovita aveva già dato buoni segnali contro Tsonga e ora troverà ai quarti Mikhail Kukushkin, mentre Berrettini è atteso a Dubai. Interessante la scelta degli organizzatori di programmare l’incontro a mezzogiorno, senza copertura televisiva (di cui godeva invece il doppio con il fratellino di Su-wei Hsieh sul campo 1), mentre hanno riservato i riflettori della serata a Sergiy Stakhovsky e Gregoire Barrere, il derby dei lucky loser.

 

È una giornataccia per Fernando Verdasco e ne approfitta volentieri il qualificato tedesco Matthias Bachinger, che si distingue – per così dire – grazie al dritto identico a quello del concittadino Peter Gojowczyk. È però con il rovescio colpito in anticipo che oggi fa male a Nando, per quanto lo spagnolo ci metta del suo sbagliando tantissimo; le gambe sono scariche e l’impressione è che proprio non senta la palla, mentre si sentono bene le sue imprecazioni rivolte verso il soffitto o il suo angolo. Matthias fa tutto bene e si merita il confronto di venerdì con Ugo Humbert, il mancino francese in rapida crescita che sta sfruttando al meglio la wild card ricevuta.

Sceso in campo dopo Bachinger, ha regolato con un inequivocabile doppio 6-3 il secondo favorito del seeding Borna Coric, che perde così all’esordio in quello che è il suo secondo torneo della stagione. Un Coric sicuramente non ai massimi livelli e che si è preso qualche fischio per il lancio della racchetta in preda alla frustrazione, ma va sottolineata l’ottima prestazione di Humbert, quasi inavvicinabile al servizio (due palle break concesse e annullate) e molto solido ed efficace negli scambi; con questo risultato, migliora ulteriormente il best ranking (virtualmente è ora al n. 66).

GOFFIN STENDE PAIREContro il n. 59 ATP Benoit Paire, David Goffin ottiene la sua miglior vittoria di questo inizio di stagione nel quale ha già mostrato sprazzi dei suoi livelli migliori salvo poi perdere comunque, come gli è accaduto la settimana scorsa a Rotterdam contro uno scatenato Gael Monfils. Si stanno accumulando i diversi match di cui il belga ha come sempre bisogno per ritrovare le giuste sensazioni dopo una pausa per infortunio (in questo caso, l’edema osseo al gomito che lo ha fermato a fine 2018) e i risultati non possono non arrivare.

L’incontro di cartello del giovedì di Marsiglia parte bene per entrambi i contendenti e, di conseguenza, per il pubblico. Al quinto gioco, l’arbitro Moscarella annuncia che Paire non ha più challenge, ma pochi secondi dopo gli viene in aiuto con un overrule sulla prima di servizio di Goffin nel silenzio della giudice di linea. Nulla può però salvare il francese che, sul 40-0 nel game successivo, si distrae e in attimo Goffin incamera un inaspettato quanto incoraggiante 6-2. Il lato destro del barbuto è dove gli avversari si rifugiano nei momenti in cui la palla scotta; il problema è quando, invece dell’errore, il dritto gli procura il vincente, soprattutto se lo porta a giocarsi la prima palla break del match. David lo sfida a riprovarci seguendo a rete il servizio e si ritrova la risposta di dritto ingestibile in mezzo alle scarpe. 

Le trovate estemporanee e qualche bello scambio disegnato con il rovescio, peraltro troppo falloso, finiscono tuttavia con il soccombere di fronte alla continuità del belga che riagguanta subito l’avversario. Se, poi, David lo supera anche nei “numeri” come accade nel fantastico ottavo gioco, Benoit non può che reagire in modo da prendersi un warning (calci allo scatolone pubblicitario nei pressi della rete) e un penalty point (racchetta sfasciata). Goffin si ritrova così anche un 15 di vantaggio andando a servire per chiudere contro un avversario che è già sotto la doccia. Venerdì, il quinto confronto con Gilles Simon dirimerà l’equilibrio far i due.

Risultati:

A. Rublev b. M. Berrettini 6-3 7-6(2)
[Q] M. Bachinger b. [5] F. Verdasco 6-4 6-3
[WC] U. Humbert b. [2] B. Coric 6-3 6-3
[3] D. Goffin b. B. Paire 6-2 6-3
[LL] S. Stakhovsky b. [LL] G. Barrere 6-3 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere

Focus

ll cammino Eroico dell’atleta. Come attivare il potenziale implicito dentro di sé

Manuela Caputi illustra come l’utilizzo della metafora del cammino dell’eroe abbinato alle tecniche di Focusing possa portare il giocatore, con il supporto del coach, a sviluppare le proprie potenzialità

Pubblicato

il

L’articolo di questo mese per la rubrica ISMCA è di Manuela Caputi, Counselor Bioenergetica e Trainer di Focusing, diplomata in Sport Coaching ed esperta di storytelling.

La storia dell’allenamento tennistico, e sportivo in generale, ha seguito e si è modellata non solo sulle capacità individuali ma anche sull’evoluzione delle esigenze di volta in volta emergenti. Nel caso del tennis, dopo l’attenzione data alla preparazione tecnico-tattica e alla preparazione atletica, oggi affiora la consapevolezza di una nuova necessità. Per garantire un’ottima performance è necessaria anche una particolare attitudine mentale. In questo modo il giocatore riesce a raggiungere uno stato di presenza in campo tale da permettergli di sfruttare appieno le risorse allenate e la preparazione raggiunta. Emerge quindi la necessità di considerare anche l’aspetto mentale dell’allenamento e renderlo parte integrante del programma di training.

Con ciò ci si riferisce non tanto alla capacità cognitiva dell’individuo ma soprattutto ad una sua capacità di gestione emotiva. Lo psicologo statunitense Daniel Goleman per primo parlò di “Intelligenza Emozionale” intendendo lo sviluppo di una serie di capacità intrapersonali ed interpersonali che vanno dall’autoconsapevolezza all’autoregolazione, all’empatia. Un approccio più olistico dell’allenamento viene chiamato in causa, un approccio che preveda l’evoluzione dell’atleta come individuo nella sua totalità.

Con l’intento di ispirare e allo stesso tempo evidenziare che tale evoluzione prevede un percorso e che questo percorso è individuale, si è scelto di utilizzare in questa sede la metafora del cammino dell’eroe presente nella struttura narrativa delle favole e dei miti, cosi come elaborata dallo studioso di religioni comparate Joseph Campbell. Il percorso di trasformazione da individuo ordinario a individuo straordinario che compie l’eroe è lo stesso percorso che l’atleta, nel nostro caso il tennista, è chiamato a compiere nella sua ascesa da giovane promettente a campione. È un percorso composto da differenti momenti di passaggio. Campbell li definisce tappe, rappresentanti le fasi evolutive della coscienza umana nel suo cammino verso l’autoconsapevolezza. Si ritiene che conoscere le tappe del cammino dell’eroe possa servire da guida al giocatore e al suo staff , per intraprendere e supportare tale percorso. Per antonomasia, un percorso di cambiamento interiore prima che esteriore.

Per l’eroe il punto di partenza per il viaggio interiore, lo stimolo a cambiare, è sempre determinato da una situazione di disagio. Lo stesso vale per il giocatore. Per quest’ultimo il disagio può essere dato dalla sensazione di avere un problema e non riuscire a risolverlo, dal trovarsi in una situazione di stallo, come ad esempio il ripetersi nel match di errori tecnico-tattici, o il ripresentarsi di comportamenti non funzionali. In genere il linguaggio con cui in questi casi il tennista si rivolge agli altri – e soprattutto a se stesso – mostra il disagio percepito. Frasi come “Mi va tutto male”, “L’altro prende solo righe” riflettono la sensazione di essere in balia di forze esterne che non si riesce a controllare. In altri momenti il senso di disfatta viene anticipato da espressioni come “Tanto con quello non ci vinco mai”. In tutti i casi l’incapacità di prendere consapevolezza e di gestire le proprie emozioni risulta fatalmente determinante per il risultato finale del match. Questo insieme emozionale e psichico è quello che nella nostra metafora viene definito il mondo ordinario dell’eroe. Si tratta di un insieme di schemi mentali e credenze limitanti che mantengono il nostro tennista-eroe lontano dall’ottimizzazione delle proprie risorse impedendogli di raggiungere i propri obiettivi. Ma a prescindere da quali siano questi schemi e queste credenze,  ciò che spinge il tennista-eroe ad intraprendere il proprio viaggio di scoperta di sé, è sentire che la necessità di cambiare la realtà – o quantomeno di controllarla – si scontra con l’inefficacia delle strategie messe in atto fino a quel momento.

Il primo passo consiste proprio nella presa di coscienza da parte del nostro tennista-eroe del suo mondo ordinario, ossia della situazione in cui si trova. È necessario che l’individuo prenda consapevolezza delle proprie azioni iniziando ad osservare la realtà esterna e ad osservarsi agire in essa. A stimolare questo primo movimento servono quelle che Campbell definisce chiamate, ossia eventi e accadimenti che turbano e scuotono, la goccia che può far traboccare il vaso e far prendere al nostro eroe una nuova direzione. Per il giocatore  possono essere i richiami del coach, una non convocazione in Coppa Davis o Fed Cup, un evento familiare inaspettato o infine un evento fisico traumatico (in base all’unità funzionale mente-corpo un evento traumatico al livello fisico è comunque un campanello d’allarme anche mentale).

Non tutti però sono pronti a ricevere e seguire la chiamata. Trattandosi sempre di un evento che comunque va a toccare una certa fragilità dell’individuo o una sua paura, la reazione più comune è il cosiddetto rifiuto della chiamata. Questo momento implica che il nostro giocatore si rifugi ancor di più nella propria comfort zone e si accanisca nel voler continuare a “cambiare la realtà esterna agendo solo sulla realtà esterna stessa”. Sono i momenti in cui si cambia coach, si cambia sede di allenamento, si cambia fidanzata, ogni causa è ritenuta esterna e va cambiata.

Spesso è solo con l’arrivo del mentore, ossia di un aiuto esterno, che il giovane eroe riesce a credere che esista una via d’uscita e riesce ad affrontare il momento della scelta che lo spinge all’attraversamento della soglia. Solo ora è pronto ad intraprendere il proprio cammino. Nel mondo del tennista, lo staff è chiamato a ricoprire il ruolo di mentore. Un ruolo questo che ha un grande potenziale detonante. Un potenziale che a sua volta, per essere tale, deve venir coltivato con la stessa consapevolezza che si richiede all’atleta per gestire la propria vita. Un coach deve essere in grado di ispirare, motivare, supportare. Soprattutto è importante che creda nel giocatore, spesso più di quanto il giocatore stesso creda in sé. Forte di questo supporto il nostro tennista-eroe può accogliere ora la possibilità di intraprendere il proprio viaggio accettando di “cambiare la realtà esterna cambiando la propria realtà interna”.

Si tratta di un vero e proprio capovolgimento, e come tale viene rappresentato nella nostra metafora dove l’eroe entra letteralmente in un nuovo mondo, il mondo straordinario. Questo passaggio prevede l’acquisizione di nuove competenze e un nuovo linguaggio. È questo l’inizio di una diversa fase e una diversa modalità di allenamento che implica ora un’esperienza diretta dell’intero individuo. Si tratta di passare dal “pensare con la mente” al “pensare con tutto il corpo” attraverso un sentire il corpo dall’interno. Il nostro atleta è chiamato a scoprire la propria Forza Interiore che risiede implicita dentro di sé. Questa viene attivata allenando una nuova consapevolezza corporea, cosi nuova che il filosofo americano Eugene Gendlin, fondatore del metodo del Focusing, inventò per descriverla il neologismo di “sensazione sentita significativa”.

Attraverso una serie di passi, allenabili ed insegnabili, il Focusing risulta essere un metodo particolarmente efficace per attivare risorse nascoste e sbloccare processi di stallo. Migliora la qualità dello stato di presenza e sviluppa un affidabile contatto interno con se stessi che permette all’atleta di verificare il proprio stato emotivo ed eventualmente intervenire per cambiarlo. Questo potenzia fiducia e autostima e favorisce un atteggiamento propositivo verso le situazioni esterne. Sfrutta la capacità intrinseca del corpo, che a differenza della mente, è in grado di recepire e rielaborare in modo immediato e sintetico in un’unica sensazione fisica “tutto ciò che riguarda una certa situazione”. Ciò favorisce analisi e decisioni tempestive ma allo stesso tempo congruenti, essenziali in uno sport di situazione come il tennis. Con queste nuove risorse a disposizione il nostro eroe può finalmente affrontare la prova centrale e nella nostra metafora uccidere il drago. Per il tennista significa affrontare i momenti topici con fondata fiducia e forza interiore superando le proprie paure.

Il nostro eroe cosi rinnovato può intraprendere la via del ritorno. Avendo acquisito la capacità di vedere altro e di scorgere un nuovo significato, la stessa realtà può diventare ora una nuova realtà. Ecco che il cerchio si chiude e il nostro giocatore può affrontare adesso le stesse situazioni in modo diverso. Questa è la conquista suprema, l’Elisir: la possibilità di “cambiare la realtà esterna agendo sulla propria realtà interna”. Questo è ciò che distingue un individuo ordinario da un individuo straordinario, un giovane promettente da un Campione: colui che ha completato il proprio percorso di trasformazione. Avendo presente tutto ciò, non solo il ruolo del giocatore cambia, ma cambia anche il ruolo dello staff che è chiamato a prendere consapevolezza dell’esigenza di questa trasformazione — e di conseguenza a creare un ambiente che favorisca la crescita personale del giovane. In questo senso la chiamata è valida per tutti. È valida per l’atleta, chiamato ad essere Eroe, e per il coach, chiamato ad essere Mentore cioè colui che conosce e mostra la via del cammino eroico.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement