Thiem, c’è ottimismo: “Dovrei farcela per Miami”

Costretto al ritiro contro Pablo Cuevas per un infortunio alla caviglia, Thiem spera di recuperare per il secondo '1000' statunitense. Nelle prossime ore la risonanza magnetica

Thiem, c’è ottimismo: “Dovrei farcela per Miami”

Forse non è stata un’ottima idea continuare a giocare viste le condizioni in cui versa oggi la caviglia di Dominic ThiemNell’incontro di ieri contro Pablo Cuevas, Dominic sta servendo per il primo set. È sotto 0-15, segue a rete il kick esterno ma, eseguendo lo split step, il piede destro gli scivola lateralmente; l’austriaco ritrova rapidamente gli appoggi e piazza la volée vincente. Il danno è però fatto e il ritiro arriva dopo oltre un’ora, sotto 2-4 nella partita finale.

La caviglia è molto gonfia, ha riferito a Spox.com un Thiem inevitabilmente frustrato dopo che ieri sera era quasi impossibilitato a camminare per via del dolore. Domani è prevista una risonanza magnetica che dovrebbe fornire un’indicazione accurata sullo stato della caviglia. Il fisioterapista Alex Stober è tuttavia moderatamente ottimista: “Penso che non sia così grave”. Anche Domi sembra fiducioso: Avrò bisogno di qualche giorno di riposo, ma credo che sarò a posto in tempo per Miami. In virtù del bye riservato alle 32 teste di serie, di cui l’austriaco fa parte, Thiem sarà chiamato a esordire non prima di venerdì prossimo a Crandon Park. Lo scorso anno Thiem fu sconfitto all’esordio in Florida offrendo una bruttissima prestazione contro Borna CoricSe la risonanza dovesse confermare che il problema non è così grave, Dominic avrebbe la possibilità di recuperare subito i punti persi a Indian Wells. Prima di abbracciare la sua amata terra battuta.

 

Michelangelo Sottili

CATEGORIE
TAG
Condividi