Nole, dimentica Daniel e Paire ma ricorda le tue parole

Personaggi

Nole, dimentica Daniel e Paire ma ricorda le tue parole

A Indian Wells e Miami abbiamo visto uno dei peggiori Novak Djokovic di sempre, ma ciò che gli ha fatto anticipare inopinatamente il rientro è essenziale per tornare dov’era

Pubblicato

il

Il presente di Novak Djokovic è quello del n.12 ATP, di sei match giocati dall’inizio dell’anno con tre vittorie agli Australian Open contro Young, Monfils e Ramos Vinolas, e tre sconfitte, quella lottata contro Chung e quelle, durissime per come sono arrivate, all’esordio a Indian Wells e Miami contro Taro Daniel e Benoit Paire. Per analizzare il suo peggiore inizio di stagione (nel suo orribile 2017 aveva comunque cominciato con la vittoria a Doha in finale su Murray), vale la pena soffermarsi su due frasi, molto eloquenti, con le quali il campione serbo, già dopo la prima sconfitta, ha al contempo suggerito da dove ripartire e fotografato i suoi problemi attuali con una ferocia verso se stesso tipica dei fuoriclasse.

NON AVREI DOVUTO ESSERE QUI

Contro il n.109 ATP, abbiamo assistito a un Djokovic estremamente falloso e fisicamente impreparato. Dopo due set tirati, l’ex tiranno di Belgrado si è praticamente sciolto nel terzo parziale. In quell’occasione, quando lo scambio si protraeva oltre i 6 o 7 colpi, si concludeva in un modo tanto insolito quanto avvilente: la sbiadita copia del n.1 del mondo prima arrancava, poi lasciava scorrere, immobile e impotente, il colpo a chiudere dell’avversario giapponese. Un epilogo davvero sbalorditivo per chi ci aveva abituato a recuperi impossibili, permessi da quella elasticità stupefacente che gli è valsa l’epiteto di tiramolla e che è semplicemente un extra rispetto a un atletismo di base su cui Djokovic ha costruito una parte non indifferente dei suoi successi. Meno di una settimana dopo, sull’altra costa degli States, le cose sono andate anche peggio: 67 miseri minuti e tanti saluti a pubblico e torneo. Come è possibile che quel giocatore sia arrivato così spompato all’appuntamento col Sunshine Double? Novak ha spiegato, sia prima che dopo il match con Daniel, che voleva vedere in quali condizioni era e soprattutto verificare in partita se finalmente poteva giocare senza il dolore che si trascinava negli ultimi due anni. Dopo il match con Paire, ha ribadito il concetto. Balle, caro Nole. Il vero motivo della sua scarsa forma fisica è un altro, ben più rassicurante, paradossalmente, per chi lo sostiene.

 

Anche nell’epoca del professionismo esasperato, fatto di equipe mediche, fisioterapisti, psicologi e quant’altro, capita persino ai più grandi di farsi tradire dalla voglia matta di tornare a competere. Dopo sei mesi lontano dal suo mondo e un ritorno deludente agli Australian Open, l’ex n.1 del mondo ha anche dovuto affrontare l’operazione al gomito destro. Al termine di un recupero molto (troppo) rapido, Novak non vedeva l’ora di tornare a incrociare la racchetta sui palcoscenici che gli spettano. Il fuoco sacro che contraddistingue il tennista, che l’ha pervaso da quando aveva pochi anni di vita, non l’ha mai abbandonato. Dopo una complessa fase della sua esistenza, caratterizzata dal cambio di prospettive a seguito dell’arrivo del primo e poi del secondo figlio, il tennis aveva naturalmente abbandonato il ruolo di priorità numero 1. Tutto quanto è avvenuto in campo dalla sconfitta con Sam Querrey a Wimbledon 2016 in avanti, compresi il lungo stop dalla scorsa estate e poi l’operazione al gomito dopo Melbourne, ha però completamente ravvivato il fuoco della passione per il tennis e la competizione. Nel rientro affrettato a Indian Wells – e nella ripetizione dell’errore a Miami – quella formidabile spinta istintiva ha prevalso sulla programmazione scientifica.

Nel Djokovic voglioso fino alla morte di tornare subito in campo è facile scorgere una similitudine con uno dei nostri sportivi più amati, Marco Pantani. Il pirata di Cesenatico era adorato dal pubblico proprio per la sua naturale attitudine a scattare quando se lo sentiva, senza badare troppo alla tattica o al fisico ma facendosi guidare esclusivamente dal suo istinto di campione. Il trionfo al Tour de France del 1998 fu l’apoteosi del campione umano e passionale che vince sull’atleta professionista e quasi robotico. Il povero Jan Ullrich, favorito alla vigilia, venne all’epoca dipinto fin troppo come il cattivo di turno, non perché fosse antipatico o presuntuoso (tutt’altro), ma perché costituiva il prototipo del ciclista moderno, figlio di una preparazione scientifica e iperprofessionistica. La contrapposizione tra lui e Pantani era letterariamente perfetta per costruirci sopra fiumi di articoli ed entusiasmare i tifosi italiani. Ebbene, l’iperprofessionista Djokovic, tornato a casa dall’intervento al gomito, ha lasciato spazio all’istintivo Nole, che non stava nella pelle all’idea di rientrare nel circuito. Questo fuoco sacro in California e in Florida l’ha tradito, perché il suo fisico richiedeva maggiore allenamento, così come tradì l’ultimo vero Pantani, quello che nel 2000 fece un buon Tour ma in più di una tappa pagò a caro prezzo contro Lance Armstrong gli scatti in salita dettati dall’istinto. Si tratta però di una componente fondamentale, una conditio sine qua non per dare al campione di 12 Slam e ai suoi tifosi la speranza di tornare davvero. Con la differenza che dopo queste due docce gelate, al fuoco sacro tornerà ad affiancarsi la programmazione scientifica. Non stiamo scoprendo nulla, è tutto certificato dalle ultime parole di Djokovic nell’intervista dopo il match con Daniel: “Il tennis mi manca. In un certo senso mi manca competere. Mi manca essere là fuori, è una parte molto grande della mia vita. Ma allo stesso tempo, devo parlare con il mio team e creare la miglior strategia possibile per il futuro”.

Segue a pag. 2 con l’altra frase chiave di Djokovic

Pagine: 1 2

Continua a leggere
Commenti

Personaggi

I re del Roland Garros: Federer e quel riscatto color mattone

L’ultimo dei nostri re è Roger Federer, capace di trionfare sul rosso di Parigi nel 2009. Anche grazie al vichingo di Tibro

Pubblicato

il

Con questo articolo, si conclude la nostra raccolta dedicata ai re e alle regine del Roland Garros.


Secondo un manuale apocrifo in tema di tattica, sul quaranta pari sarebbe buona creanza colpire sodo ampiamente all’interno delle righe, tanto per sortire dalla faccenda con fare più da lepre che non da segugio. Ma, come dice l’adagio, non è sempre oro colato! Così, fedele al suggerimento, Robin Soderling sembrò tradire una certa sorpresa quando un arrischiato slice a uscire l’aveva spinto nei dintorni del pubblico laterale prima di essere chiamato all’angolo opposto per riparare a un maledetto diagonale che se ne infischiava delle buone creanze. Una volta sulla palla, aveva organizzato un passante di rovescio senza troppe pretese lasciando che il satanasso oltre la rete castigasse il tiraccio con una volée vincente di diritto.

Una manovra che aveva portato il punteggio sulla punta dell’iceberg per via di un match point che valeva il Roland Garros 2009. Un punto risolutore che di lì a poco si sarebbe consumato nel fragoroso silenzio dello Chatrier tramite il rito secolare del servizio. Una… due… tre, per otto volte il manto rosso più famoso al mondo restituiva la palla a una mano sinistra nervosa ma non troppo. La stessa che subito dopo si era mossa all’insù liberando la sfera nel cielo sovrastante mentre la destra, armata di racchetta, andava a colpire con violenza destinazione il diritto dello svedese. Per uno strano influsso astrale, quel colpo, che lungo tutto il torneo aveva fatto sfracelli, non era in grado di predisporre una qualsivoglia replica spedendo malamente l’oggetto gommoso tra le ingloriose maglie della rete.

Un batter di ciglia, e l’esplosione del pubblico deflagrava frattanto che un tremante Roger Federer, piegato sulle ginocchia, liberava – nel bel mezzo del grande centrale – un urlo degno di Munch, rivelato soltanto da un marcato labiale che lasciava il sonoro al frastuono generale. Un’apoteosi che rapiva lo svizzero verso uno stato di beata sospensione, uno di quegli spazi eterei in cui il presente si espande all’infinito e il tempo non ha più valore. Una bolla nella quale un Federer lacrimante andava sprigionando sensazioni a briglia sciolta in un misto a mezza via tra gioia e orgoglio. Tutt’intorno l’infinità di volti non oscillava più da un lato all’altro al ritmo degli scambi, ma di colpo si posava su di lui indagando in quegli occhi un semestre alle spalle volato via tra una finale in Australia e qualche semi racimolata qua e là a Doha, Miami e Indian Wells. Un periodo che aveva fatto guardare a lui quasi come a un giocatore in forte crisi.

Dal lato opposto, Soderling muoveva lentamente un primo passo verso la stretta di mano, mentre, il vincitore, ancora estraneo a tutto, si attardava sulle immagini della sua campagna sulle sabbie rosse della vecchia Europa. Dall’uscita con Wawrinka al secondo turno di Montecarlo alla semifinale persa a Roma contro un Djokovic non era accaduto nulla di esaltante! Poi c’erano stati i 674 metri che dal livello del mare conducono a Madrid e la palla, come per incanto, aveva ripreso a viaggiare. In una Caja Magica semi-assolata li aveva messi tutti in fila riservandosi, nel match clou, la gratificazione di un duplice 6-4 rifilato a un frastornato Nadal. In un impulso di ritrovato amor proprio aveva fatto sfoggio di spiccate qualità adattive coniugandole alla grande voglia di riscatto maturata in cinque sconfitte di fila patite dall’iberico.

 
Federer e Nadal dopo la finale di Madrid 2009

Ginocchi a terra e volto tra le mani, ora carpiva l’attimo per vagare tra le tappe di quei Campionati di Francia iniziati con i presagi di ostinati bookmaker che, a dispetto della fresca performance madrilena, assegnavano a Nadal un 70% di vittoria contro un misero 15% a lui riservato.

Un Roland Garros nel quale tutti inseguivano qualcosa: il maiorchino guardava al quinto trionfo consecutivo sulla terra di Francia e al sorpasso di Bjorn Borg fermo a quattro; Djokovic bramava un’attesa consacrazione dopo aver tenuto lo spagnolo sul crinale della semi a Madrid con tre match point tutti annullati ma letti con fiducia: “Mi manca poco” andava dicendo ai giornalisti, “… e posso batterlo proprio qui a Parigi”. Anche Murray, forte dei risultati a Indian Wells e Miami sentiva di poter dire la sua su una superficie diversa dal cemento. Tra sé e sé, Federer scorreva l’inebriante sogno di quel 14° Slam da vivere in compagnia di Pete Sampras. Infine c’erano i sogni dei tanti passati per il botteghino, migliaia di appassionati che avrebbero fatto carte false pur di veder replicata la finale delle ultime tre edizioni. 

E pensiero dietro pensiero, si era lasciato andare ai fotogrammi di quel viaggio appena giunto in porto. In un caldo parigino di fine maggio, il turno d’esordio se n’era andato liscio come l’olio, mentre in quello successivo era incappato in due tie-break per domare un sorprendente Acasuso. Punto su punto era volato, quindi, agli ottavi per rischiare grosso contro un Haas particolarmente ispirato: due set sotto, era stato chiamato a salvare una palla break sul 3-4 del terzo con un diritto a sventaglio finito per spizzare la riga laterale. Fosse atterrata un unghia più in là, il tedesco avrebbe servito per il match e sarebbero stati guai. Nei quarti aveva respirato l’amore del pubblico sebbene oltre la rete ci fosse Gael Monfils, un gatto sornione da prendere comunque con le molle. “Parigi sembra avermi adottato” aveva detto subito dopo il match, “… e la gente vuole che io vinca questo torneo.

In effetti, in quel Roland Garros anche il destino sembrò invaghirsi di lui. Lo aveva fatto con segnali tangibili in arrivo da un irriducibile Kohlschreiber che troncava negli ottavi le velleità di Djokovic e da un potente Fernando Gonzales che nei quarti aveva fatto altrettanto con quelle nutrite da Murray. 

Un film nel quale, una volta in piedi, lo svizzero andava lentamente rievocando anche i tratti della terribile semifinale in cui era ricorso a geometrie inedite pur di evitare il diritto al tritolo di un Del Potro già sulla soglia del grande tennis. Due set a uno sotto, si era tirato fuori dalla buca destabilizzando il gigante di Tandill con smorzate di altissima fattura. L’aveva riportata per il rotto della cuffia chiudendo solo 6-4 al quinto.

Scorrevano i titoli di coda quando, infarinato di rossiccio, aveva mosso i primi passi verso l’uomo della provvidenza, quello che negli ottavi l’aveva fatta grossa fermando, a suon di randellate, nientemeno che Rafael Nadal! A Porte D’Auteuil, lo spagnolo non conosceva sconfitta: 29 vittorie su 29 incontri durante i quali aveva lasciato per strada la miseria di cinque set. Non bastasse, il confronto era stato segnato anche da uno smaccato appoggio rivolto dal pubblico al giovane svedese. Qualcosa che aveva stizzito il campione uscente: “Sono deluso”, avrebbe tuonato qualche giorno dopo da Manacor, “ho vinto quattro volte il torneo e l’altro giorno sono uscito dal campo senza lo straccio di un applauso. Anzi ho sentito pure qualche fischio. Accade solo in Francia”.

Chi l’avrebbe detto, deve aver pensato Federer deambulando senza fretta, che a interrompere il record di Rafa sarebbe stato un marcantonio di quasi due metri disceso dal freddo Gotaland, nel sud della Svezia, in un momento in cui il tennis da quelle parti navigava in completa bonaccia? Randellando il diritto come un vichingo con ascia in mano, l’omone di Tibro aveva spinto lo spagnolo alla difesa punendolo a tratti con incursioni a rete coronate da successo. L’avanzata del nordico si era infranta solo sui tre set della finale appena andata in onda, durante i quali i colpi di Federer avevano sprizzato il peso della sapienza e dei record macinati. Troppo, anche per un outsider con i fiocchi che tornava sotto i riflettori dopo un periodo luci e ombre.

Robin Soderling

Ora era lì, poggiato a una rete di metà campo in attesa che il vincitore coprisse i metri mancanti al saluto di rito. Quel Federer dagli occhi lucidi che aveva messo ordine nel paradiso del tennis divenendo l’alfiere, insieme a Sampras, di 14 major sfoggiati in bacheca. “Sei il più forte della storia”, dirà lo scandinavo durante la stretta di mano, “… meriti il titolo”. Tornato in sé, Roger Federer ignorava quanto la vittoria parigina fosse infarcita di record bislacchi amati dai pennaioli accaniti di statistica. Di certo sapeva quanto quel Roland Garros 2009 fosse una quadratura mentale più che tecnica, una risposta alle tre finali perse e un segnale univoco a chi in quel semestre, l’aveva spacciato quasi per un ex. Per lui, avvezzo al verde in Church Road, la gioia più grande passava, quella volta, per un riscatto color mattone consumato sulle faticose sabbie in Bois de Boulogne.

Continua a leggere

Personaggi

I re del Roland Garros: buon compleanno Orso Borg

La leggenda svedese compie 64 anni: riviviamo la sua straordinaria carriera al Roland Garros, battuto solo da Adriano Panatta (due volte) in otto partecipazioni

Pubblicato

il

Bjorn Borg e e Victor Pecci - Finale del Roland Garros 1979

Ci sono atleti che per maestria tecnica, successi, personalità e carisma, rappresentano delle pietre miliari dello sport. Il tennista svedese Bjorn Rune Borg, del quale ricorre oggi il sessantaquattresimo compleanno, appartiene a questa sparuta schiera di eletti. Ad avviso di chi scrive Borg è uno dei tre giocatori più importanti di tutti i tempi; gli altri sono “Big” Bill Tilden e Jack Kramer. Ognuno di loro impresse al tennis una spinta propulsiva in avanti di enorme importanza al punto che si può dire che dopo il loro avvento nulla fu più come prima, a parte forse le fragole con panna a Wimbledon.

Tilden fu l’uomo che trasformò il gioco del tennis in uno sport, Kramer lo industrializzò e Borg lo proiettò nell’era moderna sia dentro sia fuori dal campo.

Per quanto riguarda la dimensione sportiva il suo modo di colpire la palla con rotazioni estreme sia con il diritto sia con il rovescio bimane (o più esattamente a una mano e tre quarti) e la cura minuziosa dedicata alla preparazione atletica costituiscono ancora oggi e probabilmente costituiranno ancora a lungo uno standard di riferimento per la maggior parte dei professionisti; se estendiamo l’analisi del suo impatto al di là del rettangolo di gioco dobbiamo infine prendere atto che se il tennis da oltre 40 anni non è più considerato un hobby per le élite bensì uno spettacolo globale, ciò è principalmente dovuto alla sua personalità fortemente carismatica.

 

Si può discutere se le novità introdotte da Borg siano state un bene o un male per il tennis; ma è indiscutibile il fatto che siano riconducibili a lui. Personalità carismatica e tecnica innovative non sarebbero però bastate a proiettare Borg nel mito se ad esse non si fossero aggiunte le vittorie; anche sotto questo profilo Borg fu impareggiabile. In un arco temporale che va dal debutto nel circuito professionistico avvenuto nel 1973 e il suo ritiro virtuale del 1981 (quello ufficiale avvenne due anni dopo ma nel 1982 e nel 1983 disputò soltanto il torneo di Montecarlo) Borg conquistò 66 tornei in singolare tra i quali spiccano per importanza 6 Roland Garros e 5 Wimbledon.

A livello di squadra Borg debuttò in Coppa Davis nell’aprile del 1972 contro la Nuova Zelanda a 15 anni e 10 mesi di età e fu poi determinante nella conquista della prima coppa della storia della Svezia, avvenuta nel 1975. È più semplice fare l’elenco di ciò che manca nel suo palmares: lo US Open, torneo in cui giunse in finale quattro volte e – in subordine – l’Australian Open, che però disputò solo nel 1974.

Tornando alle 11 vittorie conquistate nei tornei dello Slam è difficile dire se siano più significativi i successi parigini o quelli londinesi; molti propendono per la cinquina sull’erba dal momento che per ottenerla Borg dovette adattare il suo gioco ad una superficie che – a differenza della terra rossa – non gli era congeniale per abilità innata. Ma dal momento che in una realtà ucronica non devastata dal coronavirus oggi a Parigi, in coincidenza del suo compleanno, si sarebbe disputata la finale del torneo singolare femminile, noi concentreremo la nostra attenzione sul Roland Garros.

Borg e Roland Garros costituiscono un binomio indissolubile al pari di Smith & Wesson. Abbiamo riassunto nella seguente tabella le sue performance in terra di Francia:

1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 V-S
Ottavi V V Quarti ND V V V V 49-2

Solo un uomo è riuscito a vincere un numero maggiore di singolari a Parigi, il francese Max Decugis (il marziano atterrato in Spagna per un’avaria alla navicella spaziale non fa quindi testo). Non ce ne vogliano i francesi, ma crediamo che le otto vittorie del loro connazionale avvenute tra il 1903 e il 1914 abbiano un valore assoluto inferiore alle sei dello svedese. Soltanto Adriano Panatta è riuscito a batterlo in questo torneonel ’73 e nel ‘76. Per curiosa coincidenza sia nel 1973 sia nel 1976 lo sconfisse dopo averlo battuto nei due incontri precedenti.

La vittoria più impegnativa fu quella del 1974; Borg fu costretto per tre volte a giocare il quinto set, contro Van Dillen (che nel primo set degli ottavi gli rifilò un clamoroso 6-0), Ramirez e Orantes contro il quale in finale perse i primi due set per poi lasciargli due game nei restanti tre. Nell’edizione del ’75 smarrì un solo set contro Adriano Panatta in semifinale. Nel 1977, alla gloria di una terza possibile vittoria consecutiva, preferì i dollari americani e prese parte al World Team Tennis, un campionato a squadre che ancora oggi si disputa negli Stati Uniti.

La sua assenza diede così modo a Guillermo Vilas di fare strame dei suoi avversari (6-0 6-3 6-0 in finale a Gottfried). Vilas a Parigi ballò una sola estate. Nel 1978 Borg vi tornò e vinse la coppa dei moschettieri senza perdere neppure un set e lasciando agli avversari 32 game in 7 match. Nella semifinale dell’edizione del ’78 batté Corrado Barazzutti con il punteggio di 6-0 6-1 6-0; narra la leggenda che Barazzutti al termine del match al momento di stringergli la mano gli disse: “Peccato per quel game”. Il campione in carica in finale fece poco meglio del nostro connazionale: 6-1 6-1 6-3 lo score a favore di Borg.

Se qualche lettore desidera farsi un’idea più compiuta di ciò che significava affrontare Borg su terra rossa, gli suggeriamo di dedicare 2 minuti e 25 secondi del suo tempo alla visione delle immagini relative a uno scambio di 86 colpi avvenuto nel corso della finale citata. Non vi diciamo chi lo ha vinto per non rovinarvi la sorpresa.

Nel 1979 Borg non giocò al livello del ’78 ma non ebbe comunque mai bisogno del set decisivo per portare a casa la quarta coppa. Complessivamente zero set e trentotto game persi nel 1980 e quinto successo. Il sesto giunse l’anno successivo. Per Borg fu una passeggiata sino alla finale dove contro Ivan Lendl perdette gli unici due set dell’intero torneo. Quello fu l’ultimo incontro che disputò a Parigi. Nello stesso anno seguiranno le vittorie a Stoccarda e Ginevra. Furono le ultime in assoluto.

Gli spunti per scrivere ancora a lungo di Borg non mancano; dal suo sodalizio con il coach Lennart Bergelin alla tensione delle corde di budello tirate a 35 kg; dal sobrio matrimonio con Loredana Bertè, al tragicomico ritorno alle competizioni nel ’91 a Montecarlo con Donnay in legno e guru al fianco. Lasciamo ad altri il compito di farlo. L’autore di questo articolo si congeda augurando buon compleanno all’idolo della sua adolescenza a fianco del quale si inginocchiò metaforicamente un sabato pomeriggio di luglio del 1980.


Re e Regine del Roland Garros

Continua a leggere

Personaggi

I re del Roland Garros: Rafael Nadal, l’uomo del 118-2, compie 34 anni

Rafa festeggia il compleanno lontano da Parigi appena per la terza volta lontano negli ultimi 16 anni. Un decennio e mezzo in cui al Roland Garros ha perso la miseria di due partite

Pubblicato

il

Rafael Nadal, a terra - Roland Garros 2019 (via Twitter, @rolandgarros)

Che Rafael Nadal sia indiscutibilmente il più grande terraiolo di tutti i tempi non è e non sarà in discussione chissà per quanti anni; anche i tifosi di Borg – che festeggia il compleanno tra tre giorni – si saranno ormai dovuti rassegnare. Nessuno, né in campo maschile, né in quello femminile, è mai riuscito a vincere uno stesso Slam per 12 volte. Nessuno, tranne lui. Ovviamente e rigorosamente a Parigi.

Certo, senza questa pandemia domenica 7 giugno lo spagnolo avrebbe potuto fare tredici sul suo campo preferito, che dovrà attendere ancora un po’ per sfoggiare il suo nuovo tetto retrattile. Rafa deve inoltre accontentarsi di spegnere le trentaquattro candeline lontano dal Philippe Chatrier, una dinamica tanto inusuale che negli ultimi quindici anni si è verificata solo due volte – nel 2009 per colpa di Soderling e nel 2016 a causa di un problema al polso che l’ha costretto al ritiro prima del terzo turno. Chissà se il futuro gli riserverà altre occasioni di festeggiare il compleanno, che ricorre oggi, sollevando la coppa dei moschettieri; solo il tempo conosce la risposta, ma non vi consigliamo di scommettere contro un tale tiranno (in questo caso il tiranno è Nadal, mica il tempo).

C’è però un’altra statistica che esprime con ancora maggior forza la sua infinita grandezza, quel dominio assoluto e praticamente incontrastato sulla sua superficie preferita. Nel corso della carriera Rafa ha disputato, nell’arco di 15 anni, ben 120 incontri sul mattone tritato sulla lunga distanza, tre set su cinque. Tutti i match a Bois de Boulogne, quelli della defunta Coppa Davis (ah, quanto ci manca…!) alcune vecchie finali dei 1000 e non solo.

Bene, il verdetto pressoché unanime recita in questo genere di partite il seguente score: 118 vittorie e 2 sconfitte. 118-2. Se non è il record più incredibile e impressionante dell’intera storia del tennis ‘avanti COVID-19’ ci siamo piuttosto vicini, e merita pertanto di essere tramandato ai posteri, scolpito nero su bianco, come personalissimo regalo di compleanno per Rafa.

Di seguito vi proponiamo la lista completa delle 120 partite giocate da Nadal sul mattone tritato sulla lunga distanza; se siete abbastanza esperti da non avere bisogno del ripasso, potete saltare direttamente in fondo per leggere il riepilogo degli avversari affrontati e le nostre conclusioni.

 

2004
1) Davis SF Clement (65) W 64 61 62
2) Davis F Roddick (2) W 67(6) 62 76(6) 62

2005
3) Montecarlo F Coria (9) W 63 61 06 75
4) Barcellona F Ferrero (58) W 61 76(4) 63
5) Roma F Coria (11) W 64 36 63 46 76(6)
6) RG R128 Burgsmuller (96) W 61 76(4) 61
7) RG R64 Malisse (46) W 62 62 64
8) RG R32 Gasquet (31) W 64 63 62
9) RG R16 Grosjean (24) W 64 36 60 63
10) RG QF Ferrer (21) W 75 62 60
11) RG SF Federer (1) W 63 46 64 63
12) RG F Puerta (37) W 67(6) 63 61 75
13) Stoccarda F Gaudio (13) W 63 63 64
14) Davis P.O. Bracciali (92) W 63 62 61
15) Davis P.O. Seppi (78) W 61 62 57 64

2006
16) Montecarlo F Federer (1) W 62 67(2) 63 76(5)
17) Barcellona F Robredo (15) W 64 64 60
18) Roma F Federer (1) W 67(0) 76(5) 64 26 76(5)
19) RG R128 Soderling (50) W 62 75 61
20) RG R64 Kim (116) W 62 61 64
21) RG R32 Mathieu (32) W 57 64 64 64
22) RG R16 Hewitt (14) W 62 57 64 62
23) RG QF Djokovic (63) W 64 64 ret.
24) RG SF Ljubicic (4) W 64 62 76(7)
25) RG F Federer (1) W 16 61 64 76(4)
26) Davis P.O. Seppi (69) W 60 64 63
27) Davis P.O. Volandri (38) W 36 75 63 63

2007
28) RG R128 Del Potro (59) W 75 63 62
29) RG R64 Cipolla (227) W 62 61 64
30) RG R32 Montanes (50) W 61 63 62
31) RG R16 Hewitt (16) W 63 61 76(5)
32) RG QF Moya (26) W 64 63 60
33) RG SF Djokovic (6) W 75 64 62
34) RG F Federer (1) W 63 46 63 64

2008
35) RG R128 Bellucci (76) W 75 63 61
36) RG R64 Devilder (148) W 64 60 61
37) RG R32 Nieminen (26) W 61 63 61
38) RG R16 Verdasco (23) W 61 60 62
39) RG QF Almagro (20) W 61 61 61
40) RG SF Djokovic (3) W 64 62 76(3)
41) RG F Federer (1) W 61 63 60
42) Davis SF Querrey (39) W 67(5) 64 63 64
43) Davis SF Roddick (8) W 64 60 64

2009
44) Davis 1st RD Tipsarevic (47) W 61 60 62
45) Davis 1st RD Djokovic (3) W 64 64 61
46) RG R128 M. Daniel (97) W 75 64 63
47) RG R64 Gabashvili (72) W 61 64 62
48) RG R32 Hewitt (48) W 61 63 61
49) RG R16 Soderling (25) L 26 76(2) 46 67(2)
50) Davis F Berdych (20) W 75 60 62

2010
51) RG R128 Mina (655) W 62 62 62
52) RG R64 Zeballos (44) W 62 62 63
53) RG R32 Hewitt (33) W 63 64 63
54) RG R16 Bellucci (29) W 62 75 64
55) RG QF Almagro (21) W 76(2) 76(3) 64
56) RG SF Melzer (27) W 62 63 76(6)
57) RG F Soderling (7) W 64 62 64

2011
58) RG R128 Isner (39) W 64 67(2) 67(2) 62 64
59) RG R64 Andujar (48) W 75 63 76(4)
60) RG R32 Veic (227) W 61 63 60
61) RG R16 Ljubicic (37) W 75 63 63
62) RG QF Soderling (5) W 64 61 76(3)
63) RG SF Murray (4) W 64 75 64
64) RG F Federer (3) W 75 76(3) 57 61
65) Davis SF Gasquet (15) W 63 60 61
66) Davis SF Tsonga (10) W 60 62 64
67) Davis F Monaco (26) W 61 61 62
68) Davis F Del Potro (11) W 16 64 61 76(0)

2012
69) RG R128 Bolelli (111) W 62 62 61
70) RG R64 Istomin (43) W 62 62 60
71) RG R32 Schwank (192) W 61 63 64
72) RG R16 Monaco (15) W 62 60 60
73) RG QF Almagro (13) W 76(4) 62 63
74) RG SF Ferrer (6) W 62 62 61
75) RG F Djokovic (1) W 64 63 26 75

2013
76) RG R128 Brands (59) W 46 76(4) 64 63
77) RG R64 Klizan (35) W 46 63 63 63
78) RG R32 Fognini (29) W 76(5) 64 64
79) RG R16 Nishikori (15) W 64 61 63
80) RG QF Wawrinka (10) W 62 63 61
81) RG SF Djokovic (1) W 64 36 61 67(3) 97
82) RG F Ferrer (5) W 63 62 63
83) Davis P.O. Stakhovsky (92) W 60 64 64

2014
84) RG R128 Ginepri (279) W 60 63 60
85) RG R64 Thiem (57) W 62 62 63
86) RG R32 L. Mayer (65) W 62 75 62
87) RG R16 Lajovic (83) W 61 62 61
88) RG QF Ferrer (5) W 46 64 60 61
89) RG SF Murray (8) W 63 62 61
90) RG F Djokovic (2) W 36 75 62 64

2015
91) RG R128 Halys (296) W 63 63 64
92) RG R64 Almagro (154) W 64 63 61
93) RG R32 Kuznetsov (120) W 61 63 62
94) RG R16 Sock (37) W 63 61 57 62
95) RG QF Djokovic (1) L 57 36 16

2016
96) RG R128 Groth (100) W 61 61 61
97) RG R64 Bagnis (99) W 63 60 63

2017
98) RG R128 Paire (45) W 61 64 61
99) RG R64 Haase (46) W 61 64 63
100) RG R32 Basilashvili (63) W 60 61 60
101) RG R16 Bautista Agut (18) W 61 62 62
102) RG QF Carreno Busta (21) W 62 20 ret.
103) RG SF Thiem (7) W 63 64 60
104) RG F Wawrinka (3) W 62 63 61

2018
105) Davis QF Kohlschreiber (34) W 62 62 63
106) Davis QF A. Zverev (4) W 61 64 64
107) RG R128 Bolelli (129) W 64 63 76(9)
108) RG R64 Pella (78) W 62 61 61
109) RG R32 Gasquet (32) W 63 62 62
110) RG R16 Marterer (70) W 63 62 76(4)
111) RG QF Schwartzman (12) W 46 63 62 62
112) RG SF Del Potro (6) W 64 61 62
113) RG F Thiem (8) W 64 63 62

2019
114) RG R128 Hanfnann (180) W 62 61 63
115) RG R64 Maden (114) W 61 62 64
116) RG R32 Goffin (29) W 61 63 46 63
117) RG R16 Londero (78) W 62 63 63
118) RG QF Nishikori (7) W 61 61 63
119) RG SF Federer (3) W 63 64 62
120) RG F Thiem (4) W 63 57 61 61

LE 120 PARTITE IN NUMERI

  • totale set disputati: 391
  • totale set vinti: 353 (90,28%)
  • totale set persi: 38 (9,72%)
  • match finiti al quinto set: 4 (3,33% del totale degli incontri, tutti vinti, di cui 1 finito ad oltranza e 2 al tie-break)
  • totale set finiti al tie-break: 33 (8,44%, di cui 24 vinti e 9 persi)
  • totale set finiti 6-0: 26 (6,65%, di cui 25 vinti e 1 perso)
  • match disputati al Roland Garros: 95 (di cui 93 vinti e 2 persi)
  • match disputati in Davis: 18 (tutti vinti)
  • top 10 incontrati: 35 (34 vittorie e 1 sconfitta)
  • n.1 incontrati: 9 (8 vittorie e 1 sconfitta)
  • finali disputate (esclusi gli incontri di finale di Davis): 19 (tutte vinte)
  • finali disputate al RG: 12 (tutte vinte)

GLI AVVERSARI AFFRONTATI

8 volte: Federer (4 RG F, 2 RG SF, 1 Montecarlo F, 1 Roma F, tutte vinte), Djokovic (2 RG F, 3 RG SF, 2 RG QF di cui uno perso, 1 Davis)

4 volte: Ferrer, Hewitt, Soderling (1 sconfitta), Thiem, Almagro

3 volte: Gasquet, Del Potro

2 volte: Coria, Roddick, Wawrinka, Murray, Ljubicic, Seppi, Bolelli, Bellucci, Monaco, Nishikori

1 volta: Verdasco, Fognini, Carreno Busta, Robredo, Berdych, Clement, Ferrero, Burgsmuller, Malisse, Grosjean, Puerta, Gaudio, Bracciali, Kim, Mathieu, Volandri, Cipolla, Montanes, Moya, Devilder, Nieminen, Querrey, Tipsarevic, M. Daniel, Gabashvili, Mina, Zeballos, Melzer, Isner, Andujar, Veic, Tsonga, Istomin, Schwank, Brands, Klizan, Stakhovsky, Ginepri, L. Mayer, Lajovic, Halys, Kuznetsov, Sock, Groth, Bagnis, Paire, Haase, Basilashvili, Bautista Agut, Kohlschreiber, A. Zverev, Pella, Marterer, Schwartzman, Hanfmann, Maden, Goffin, Londero

CONSIDERAZIONI FINALI

Delle 120 partite in questione, 95 si sono disputate al Roland Garros, 18 in Davis (imbattuto) e 7 in finali ATP (imbattuto).

Dei 95 incontri al RG ben 91 si sono conclusi con una vittoria dello spagnolo in tre o quattro set. Le altre quattro partite sono: le due perse da Soderling (2009) e Djokovic (2015), quella vinta col serbo 9-7 al quinto nella semifinale del 2013 e quella vinta 6-4 sempre al quinto con Isner al primo turno 2011.

Nelle dodici edizioni vinte, Nadal ha dovuto sconfiggere sei volte Federer e sei Djokovic.

Rafa ha vinto tutte le dodici semifinali giocate al RG (tre con Nole e due con Roger) e tutte le 12 finali parigine (quattro con Federer e due con Djokovic). Le dodici volte che è giunto in semifinale a Parigi ha dunque sempre vinto il torneo (24-0).


Re e Regine del Roland Garros

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement