Non tutti i bye sono uguali: Schnur fa i conti in tasca a Cecchinato

Flash

Non tutti i bye sono uguali: Schnur fa i conti in tasca a Cecchinato

“Io ho perso 7-6 al terzo e ho guadagnato 520 dollari”, fa notare il canadese. Cecchinato, senza vincere un set a Miami, si è messo in tasca una somma cento volte maggiore

Pubblicato

il

Non è certo una notizia che esista una grossa disparità in fatto di guadagni tra i tennisti di vertice e coloro che si trovano a frequentare i circuiti minori – questi ultimi perché ai primi passi nel professionismo o per il semplice motivo che non tutti hanno le stesse capacità (tecniche, atletiche…) oppure i soldi per farle emergere pienamente. E, in ogni caso, il numero di posti disponibili nella top 100 (o top 50 o quella che è) resta limitato sia per definizione sia dall’aritmetica. Capita però che quel divario, solitamente un’idea vaga nella mente degli appassionati e degli addetti ai lavori, irrompa nella realtà quando qualcuno si preoccupa di far sentire la voce, se non degli ultimi, almeno di quelli di mezzo, vale a dire degli habitué del circuito Challenger.

La più recente voce, nello specifico un cinguettio, è stata quella di Brayden Schnur, ventitreenne tennista canadese (un altro?) che si è fatto conoscere in febbraio al torneo di New York dove, superate le qualificazioni e vinto il suo primo match ATP in carriera, ha raggiunto la finale. Brayden, che ha giocato per tre stagioni il campionato universitario per la North Carolina, si affida così al noto social per farci sapere del suo torneo, paragonando gli introiti lì ottenuti a quelli del nostro Ceck a Miami, approfittando di un tweet che riportava: “Marco Cecchinato ha trascorso un’ora e nove minuti in campo, vinto zero set e incassato 48.775 dollari”L’italiano in effetti ha usufruito di un bye al primo turno, del ritiro di Dzumhur al secondo ed è stato sconfitto nettamente al terzo da Goffin. Schnur, n. 1 del seeding e con bye al primo turno nel Challenger di Zhangjigang, ha perso all’esordio 7-6 al terzo per un prize money di 520 dollari lordi.

Per contrastare l’innegabile impatto delle cifre, lo spietato avvocato della parte avversa minimizzerà innanzitutto l’impresa di Schnur a New York grazie alla quale ha guadagnato la posizione nel ranking che gli è valsa il bye e il conseguente raddoppio del montepremi: “Signore e signori della giuria, questo giocatore non aveva mai vinto un incontro ATP e ci è riuscito perché al primo turno ha trovato un avversario senza classifica”. Poi, incalzando con l’innegabile verità, “quanti spettatori, sia sugli spalti sia in televisione, ha il torneo di Miami e quanti ne può vantare Zhangjigang?”.

Chissà allora come arringherà l’aula quello stesso avvocato replicando al tweet di Bruno Mardones, tennista madrileno coetaneo di Schnur, che pubblica la ricevuta del montepremi incassato da un collega al Portimao Open, il torneo da 15.000 dollari (M15 è la nuova denominazione) che lo ha visto perdere al turno finale delle qualificazioni del singolare e al primo turno in doppio: un netto di 38 centesimi. Centesimi. Però di euro, mica dollari. Scagliandosi contro il “Transition Tour” (il nome ora abbandonato dell’ITF World Tennis Tour, di cui abbiamo parlato qui pochi giorni fa), Mardones lamenta che “prima, almeno, si guadagnavano 20-25 euro. Con le nuove regole… 0,38. Volete davvero cercare di diventare professionisti? Non credo.

Analizzando la ricevuta, troviamo zero euro per aver superato un solo turno di qualificazioni nel singolo, 48,50 per la sconfitta in doppio. Con il segno meno, la “tax deduction” del 25% (una sorta di ritenuta d’acconto che potrebbe anche non essere riconosciuta come credito d’imposta nel Paese di residenza e/o cittadinanza del giocatore) e la quota di iscrizione, da quest’anno introdotta anche per i main draw.

A quel punto – e qui si passa alla fiction – un paio di energumeni, che magari non parlano inglese nemmeno tanto bene ma si fanno capire perfettamente, avvicinano il giocatore offrendogli quel caffè (come se non fosse già abbastanza nervoso di suo) che costa il triplo di quanto appena vinto, mentre gli predicono l’andamento del suo prossimo incontro.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il tennis riparte anche in Spagna: in campo Bautista Agut e Carreño Busta

Si gioca anche in Spagna questo week-end: tre spagnoli più un ‘intruso’ australiano, che però è cresciuto (tennisticamente e non) ad Alicante

Pubblicato

il

Vi avevamo fatto un riepilogo dei posti in cui si giocherà a tennis a giugno, benché ancora fuori dai circuiti professionistici, ma l’elenco è in costante aggiornamento. In attesa di novità sul circuito nazionale che dovrebbe partire da Lleida il 10 luglio, tre dei migliori giocatori del paese torneranno in campo a Benitachell, piccolo centro della comunità autonoma Valenciana. Gli spagnoli Roberto Bautista Agut, Pablo Carreño Pablo Andújar e l’australiano Alex de Miñaur – che è cresciuto in Spagna, ad Alicante – competeranno nel Region of Valencia Tennis Challenge, un quadrangolare che andrà in scena da venerdì a domenica.

Il mini-torneo, pensato anche per rilanciare il turismo nella zona valenciana, verrà trasmesso dall’emittente sportiva spagnola Gol e dovrebbe andare in onda anche su Tennis Channel Internazional. Riportiamo di seguito l’ordine di gioco delle tre giornate d’esibizione:

Venerdì 5 giugno

 
  • 16:30 – de Miñaur vs Andújar
  • 18.30 – Bautista Agut vs Carreño Busta

Sabato 6 giugno

  • 13.30 – Andújar vs Bautista Agut
  • 15.30 – de Miñaur vs Carreño Busta

Domenica 7 giugno

  • 13.30 – Bautista Agut vs de Miñaur
  • 15.30 – Carreño Busta vs Andújar


Continua a leggere

Flash

Tennis Channel mischia le epoche: Sampras, Agassi e Federer si sfidano in un torneo virtuale

Due tabelloni da 32 giocatori, uno maschile e uno femminile, vedranno sfidarsi i più grandi campioni degli ultimi 25 anni. In forma simulata, s’intende…

Pubblicato

il

Lo sterile eppure irresistibile esercizio di confrontare tennisti che hanno calcato i campi da tennis in epoche diverse non troverà mai una vera e propria risoluzione. Ma ogni tanto ci si prova, tra il serio – con analisi comparative di statistiche e titoli – e il faceto, come proverà a fare in questo caso Tennis Channel.

Il canale statunitense interamente dedicato al tennis è pronto a lanciare il torneo simulato All-Star Fantasy Showdown, che vedrà sfidarsi in due tabelloni da 32 giocatori i migliori tennisti e le migliori tenniste di delle ultime decadi. Non è ben chiaro se verrà utilizzato il motore grafico di un videogame o quale altro software – lo scopriremo a partire dall’8 giugno – ma sappiamo che nel tabellone maschile coesisteranno Sampras, Agassi, Federer e Nadal, oltre a Djokovic, Hewitt, Rafter, Murray e altri campioni tra cui Carlos Moya che giocherà – non proprio lui, diciamo il suo simulacro – il match d’esordio contro Agassi.

Anche tra le donne sarà aspra contesa – benché virtuale. Le sorelle Williams, ovviamente, ma anche Halep e Sharapova, Capriati e Davenport; quest’ultima sarà coinvolta anche in persona nella trasmissione Tennis Channel Live in cui diversi analisti discuteranno gli esiti delle partite.

 

Il claim del torneo annuncia che nove scontri diretti che non sono mai andati in scena sul campo verranno simulati da questo torneo. “I telespettatori di Tennis Channel vedranno per la prima volta alcune sfide tra giocatori che hanno influenzato profondamente il gioco nelle ultime due decadi e mezzo“, ha detto il senior vice president dell’emittente John MacDonald. Sarà possibile anche rivedere i match on demand sulla piattaforma Tennis Channel Plus.

A.S.

Continua a leggere

Flash

De Minaur: “Kyrgios è un vero uomo-squadra”

Il ventunenne australiano ha rivelato alcuni aspetti poco noti del suo controverso connazionale

Pubblicato

il

Nick Kyrgios e Alex de Minaur - ATP Cup 2020 (via Twitter, @ATPCup)

Alex De Minaur, N.26 ATP, ha chattato su Facebook con tennis.com dalla sua casa di Alicante, in Spagna, concentrandosi su un tema in particolare: il suo rapporto con Nick Kyrgios, l’altra metà del tennis australiano d’alta classifica. Apparentemente, i due non hanno moltissimo in comune, al di là della cittadinanza. Alex è un ragazzo tranquillo e un gran lavoratore che si è costruito una straordinaria base atletica per compensare alcuni limiti di peso di palla, mentre Kyrgios ha sempre fatto di tutto per farci sapere che, a) della professionalità non gli interessa molto, e b) che la sua opinione, possibilmente cosparsa di Trinidad Scorpion, non mancherà mai.

E invece Demon ha rivelato una grande affinità fra i due, parsa già evidente durante la ATP Cup, quando i due si sono distinti per una vittoria drammatica contro il doppio britannico nei quarti di finale della neonata competizione, ufficializzando la loro bromance:

“Abbiamo sempre avuto un grande rapporto. Nick ha sempre fatto tutto ciò che può per aiutarmi e gliene sarò sempre riconoscente. Siamo piuttosto diversi ma complementari.

Si può dire che la ATP Cup giocata in casa, in particolare, sia stata un grande anello di congiunzione fra i due, perché che Nick sia un eccezionale frontman è noto, ma anche De Minaur, da buon epigono di Hewitt, è un giocatore che fagocita l’entusiasmo del pubblico, e che ha già dimostrato di trovarsi a suo agio nei match più equilibrati, anche perché, leggero com’è, di punti facili non ne porterà mai a casa molti – in ATP Cup, ha giocato quattro match su quattro al terzo.

Il finalista della scorsa edizione delle Next Gen milanesi (pubblico a favore: poco), ha infatti voluto sottolineare l’attitudine dell’amico per questo tipo di eventi: “Quando si parla di competizioni a squadre, non vorresti mai avere nessun altro al suo posto. Starà dalla tua parte in ogni situazione e farà qualunque cosa per aiutarti. Sono aspetti che non si vedono in campo, cose che succedono a porte chiuse. Vorrei che ci fossero delle videocamere a riprenderci in spogliatoio e sul nostro pullman, così tutti potrebbero vedere quanto riesca a coinvolgere tutti”.

I due hanno giocato insieme in Davis per la prima volta nel 2018, e chissà che non riescano a farlo anche quest’anno, seppur in un contesto molto diverso. Risiedendo in Spagna (ha la doppia cittadinanza da parte di madre), la situazione del Demone non è diversa da quella di tutti noi: “Non siamo potuti uscire di casa per due mesi, è stato un periodo decisamente folle. Due settimane fa ho potuto ricominciare a uscire e ad allenarmi.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement