A Firenze torna il tennis giovanile. Quello che può portare a Melbourne

Flash

A Firenze torna il tennis giovanile. Quello che può portare a Melbourne

Presentata la 44esima edizione del Torneo Giovanile “Città di Firenze – Trofeo Banca Intesa San Paolo”. Tabelloni maschili e femminili uniformati a 32 partecipanti. A trionfare lo scorso anno furono Musetti e Tauson, campioni junior in carica dell’Australian Open

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Campione della 43esima edizione del Torneo Giovanile "Città di Firenze"

UNA LUNGA STORIA Quarantaquattro anni ma non li dimostra. Tante sono le edizioni, compresa quella di quest’anno, che hanno portato a Firenze giocatori e giocatrici che, in seguito, hanno costruito la storia del tennis mondiale (qui il direttore Scanagatta racconta la storia del circolo e del torneo). Parliamo del torneo internazionale giovanile che, puntualmente, torna al Circolo Tennis Firenze. Dal 15 al 22 aprile, infatti, sui campi in terra rossa del club fiorentino saranno di scena coloro che aspirano a sostituire nel ranking mondiale gli attuali protagonisti del tennis professionistico maschile e femminile.

DA FIRENZE A… MELBOURNE – A trionfare lo scorso anno furono il nostro Lorenzo Musetti al maschile e la danese Clara Tauson al femminile, entrambi capaci di conquistare quest’anno il titolo dell’Australian Open junior. Molte e interessanti le presenze azzurre nei due tabelloni della 44esima edizione, a testimonianza del crescente livello delle racchette italiane in ambito maschile e femminile. Da tenere presenti il romano Flavio Cobolli, vincitore del torneo di doppio la scorsa edizione, il perugino Francesco Passaro, il torinese Filippo Moroni, l’italo-argentino Luciano Darderi che ha optato di giocare per i colori azzurri ed il pesarese Luca Nardi, il più giovane di tutti che, tanto bene, fece lo scorso anno. Al femminile le più accreditate a disputare un buon torneo sono la barlettana Eleonora Alvisi, la triestina Sara Ziodato, la laziale Alice Amendola, la perugina Matilde Paoletti, l’aretina Matilde Mariani e la 15enne bergamasca Lisa Pigato, figlia d’arte.

LA PRESENTAZIONE – La manifestazione è stata presentata mercoledì 10 aprile nella club house del circolo alla presenza del presidente Giorgio Giovannardi, dell’Assessore allo sport Andrea Vannucci, del Consigliere Nazionale FIT Guido Turi, del presidente della federtennis toscana Luigi Brunetti e del Direttore del Torneo Flavio Benvenuti. Il padrone di casa Giovannardi ha aperto i lavori con un doveroso saluto agli intervenuti e ai rappresentanti della stampa presenti in grande numero. “Un ringraziamento va a tutte le componenti che concorrono ad organizzare una manifestazione che tiene vivo l’interesse degli appassionati di questo sport da ben 44 edizioni. Naturalmente un grazie particolare alla Banca Intesa San Paolo che, da anni, è nostro interlocutore privilegiato. Il torneo giovanile è certamente l’orgoglio del nostro circolo. È certamente uno dei più prestigiosi nel panorama internazionale anche grazie alla data mobile legata alla Santa Pasqua”.

 
La presentazione della 44esima edizione del Torneo Giovanile “Città di Firenze – Trofeo Banca Intesa San Paolo”

UNA GRANDE MANIFESTAZIONE – “Un grande ringraziamento va a tutto l’ambiente del club delle cascine per gli sforzi non solo economici che fa per organizzare l’evento tennistico. Un torneo che annualmente presenta nuovi talenti e spesso si conclude con grandi soddisfazioni per il tennis azzurro. Una grande manifestazione che fa coppia con quello professionistico di settembre organizzato sugli stessi campi. Senza dimenticare quello, altrettanto importante, di luglio che vede scendere in campo i tennisti in carrozzina”.

UN TRIS TUTTO TOSCANO – “L’attività giovanile è molto importante per la nostra regione” – afferma Guido Turi –.Abbiamo tre tornei, Firenze, Prato e Santa Croce che hanno costruito la storia del tennis giovanile e hanno lanciato tutti i più grandi campioni di questo sport. Il torneo di Firenze è il più anziano e ha segnato le linee guida per altre importanti manifestazioni. Un ringraziamento da parte della Federazione va a tutto l’ambiente del club fiorentino”. Il presidente della Federtennis Toscana Luigi Brunetti afferma che “è un onore per il nostro comitato vedere partire l’attività giovanile internazionale dal club che ha dato i natali alla federazione italiana tennis. Non sempre i futuri campioni hanno fatto bene nei tornei giovanili e spesso, quelli che vincono, poi si perdono per strada. Speriamo che ciò non accada a due autentiche speranze italiane come Lorenzo Musetti, vincitore lo scorso anno, e Jannik Sinner”.

I FAVORITI – Chiusura riservata al direttore del torneo Flavio Benvenuti, che si è soffermato sul fattore tecnico del torneo che si presenta di ottimo livello. “Favoriti dei tabelloni maschile e femminile sono la ceca Kristina Lavickova e l’americano Tyler Zink. Ma siamo ben messi anche come atleti italiani in entrambi i tornei, nella speranza di ripetere i successi degli ultimi anni. Benvenuti porta all’attenzione la vera novità dell’edizione di quest’anno, rappresentata dall’organizzazione di due tornei di pre-qualificazione, con partecipazione riservata a soli atleti italiani, che daranno il pass a quattro tennisti e quattro tenniste per entrare nei rispettivi tornei di qualificazione.

INFO UTILI – Si comincia sabato 13 aprile e domenica 14 aprile con i tornei di pre-qualificazioni. Lunedì 15 e martedì 16 spazio ai tabelloni cadetti, mentre da mercoledì 17 fino al 22 (lunedì di Pasqua) si gioca per i tornei principali. Il torneo potrà essere seguito via internet sul sito del club: www.ctfirenze.it. Per l’intera durata della manifestazione, le immagini, anche in diretta, potranno essere seguite sul nuovo canale televisivo 196 del digitale terrestre (TeleFirenzeViolaSupersport) e sulla piattaforma You Tube. Per l’intera durata del torneo l’ingresso sarà gratuito.

TUTTE LE WILD CARD

Pre-qualificazioni: Antonio Iaquinto e Federico Scotuzzi al maschile, Benedetta Sensi e Federica Urgesi al femminile.

Qualificazioni: al maschile i quattro vincitori del torneo di pre-qualificazione più Jonas Greif e Stefano D’Agostino. Nel torneo femminile le wild card andranno alle quattro giocatrici vincitrici delle pre-qualificazioni più la giocatrice del club organizzatore Bianca Caselli e Denise.

Main Draw: al maschile sono state assegnate al toscano Francesco Maestrelli, a Giorgio Tabacco, Biagio Grammaticopolo e Leonardo Malgaroli. Al femminile ad Anna Paradisi, Beatrice Ricci, Federica Rossi e Alessandra Simone.

Ufficio stampa 44esima edizione Torneo Giovanile “Città di Firenze”

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open: Mladenovic e Dodig trionfano nel doppio misto

La coppia formata dal croato e dalla francese vince il suo primo Slam in coppia

Pubblicato

il

Kiki Mladenovic e Ivan Dodig con il trofeo all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Altro titolo Slam in doppio per Kiki Mladenovic e Ivan Dodig, questa volta insieme e nel doppio misto. La coppia franco-croata ha battuto in finale per 6-3 6-4 Jaimee Furlis e Jason Kubler, vincendo così il primo titolo Slam insieme; finale più tranquilla del resto del torneo, visto che sono andati tre volte al super-tiebreak in cinque match (con anche un risicato 10-8 su Polmans e Rodionova agli ottavi).

Questo è il quarto titolo Slam nel doppio misto per Dodig (gli altri al Roland Garros del 2018 e del 2019 e a Wimbledon 2019, sempre in tandem con Latisha Chan). La tennista francese, invece, vince il terzo titolo Slam in carriera nel doppio misto, specialità dove non conquistava un Major da parecchio tempo: i primi due li ha vinti a Wimbledon 2013 e all’Australian Open 2014 in coppia con il canadese Daniel Nestor.

Ora Mladenovic detiene l’invidiabile numero di ben otto Slam vinti in doppio (cinque nel femminile e tre, come detto, nel misto). Anche Dodig aumenta i trofei nel suo palmarès, con questo Australian Open che si aggiunge a quello vinto lo scorso anno nel doppio maschile (con Filip Polasek) e il Roland Garros vinto nel 2015 in coppia con Marcelo Melo.

 

Continua a leggere

Australian Open

Ubaldo Scanagatta in radio: “All’Australian Open di Berrettini do 9. Supercoach? Magari più avanti”[AUDIO]

Il direttore ha parlato a RAI Radio 1 Sport e a Radio Sportiva della semifinale con Rafa Nadal

Pubblicato

il

Matteo Berrettini all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Come anticipato ieri, il direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta è intervenuto a “Palla al Centro” (trasmissione di RAI Radio 1 Sport) per parlare della sconfitta di Matteo Berrettini contro Rafael Nadal. La trasmissione si può riascoltare a questo link: Palla al centro | Palla al centro del 28/01/2022 | Rai Radio 1 Sport | RaiPlay Sound; l’intervento del direttore è attorno al minuto 33:00. Di seguito i passaggi salienti.

IL MATCH DI BERRETTINI

Queste le parole d’apertura: “Matteo non ha saputo spiegare nemmeno a se stesso perché all’inizio fosse, come ha detto lui, ‘mentalmente piatto’. Quando è sceso in campo non era lui, anche se è contento di aver dimostrato di non essere così inferiore come si è visto nei primi due set, quando Nadal ha fatto quello che ha voluto. Berrettini ha servito molto al di sotto dei suoi standard, basti pensare che contro Carreno Busta aveva messo in campo il 77% di prime palle con l’88% di conversione. Invece oggi, soprattutto nel secondo set, è stato al di poco sopra del 60%. In questo modo Nadal poteva trovargli il rovescio facilmente, e quello è un colpo che lui soffre perché è decisamente inferiore ai due fondamentali da fondo campo di Nadal”.

Ha poi aggiunto: “Un minimo di rimpianto c’è, perché nel quarto set è andato due volte sul 15-30 in risposta, peraltro dopo aver vinto 23 punti di fila al servizio. Se in quel frangente non avesse sbagliato quei dritti forse sarebbe riuscito a trascinarla al quinto. Ho parlato con Vincenzo Santopadre e lui mi ha detto, ‘andiamo via orgogliosi di aver tenuto sveglia l’Italia di notte, Matteo sarà N.6 ATP e si avvicina sempre di più ai migliori’. Purtroppo però [negli Slam] non è ancora riuscito a battere i Top 10“.

 

IL FUTURO DEL N.1 AZZURRO

A proposito di Santopadre, un tema che sta prendendo piede in questi giorni è quello di una potenziale supercoach da aggiungere al team del capitolino. Qualche giorno fa non sembrava fattibile, ma ora… “Vincenzo mi aveva detto di no nei giorni scorsi, mentre oggi Matteo oggi non l’ha escluso ma ha detto che magari succederà fra 6-8 mesi, lui è contento di Vincenzo e non lo ritiene necessario. A volte il supercoach è stato quasi più una scelta di marketing, per esempio con Djokovic e Becker, anche se va detto che con il teutonico Djokovic ha ottenuto forse i suoi migliori risultati, ma il suo ‘vero’ coach è sempre stato Vajda. Anche Edberg non so che impatto reale abbia avuto con Federer. Un’accoppiata che ha sicuramente funzionato è quella fra Ivan Lendl ed Andy Murray, che con lui ha vinto Wimbledon“.

Cosa aspettarsi adesso da Berrettini? “Lui ha avuto un processo di crescita più lento rispetto ad altri, solo nel 2018 era N.54. Ha sempre continuato a fare passi avanti: anche quando ha raggiunto la Top 10 nel 2019 in tanti pensavano che non meritasse di stare lì perché vedevano un rovescio non all’altezza, mentre magari con Sinner tutto sembra già ad un ottimo livello, con tanti margini di miglioramento ma senza grossi difetti. Con Berrettini invece si vede sempre questo punto debole, anche se lui l’ha migliorato molto. […] Matteo è uno che può fare punti su tutte le superfici, ma un problema rimane: negli Slam ha vinto al massimo contro il N.13 ATP Gael Monfils allo US Open 2019. Detto questo non è colpa sua se lo scorso anno l’unico Top 10 che ha trovato negli Slam ha trovato solo Djokovic, magari contro qualcun altro avrebbe vinto“.

UN PRONOSTICO PER LA FINALE

Due parole anche sull’attesissima finale di domenica che vedrà di fronte Daniil Medvedev (che ha battuto Tsitsipas) e Rafa Nadal: “Oggi ho sentito che McEnroe dà Medvedev vincitore del torneo, ma nel tennis basta un minuto di deconcentrazione e perdi la partita, come successo a Berrettini oggi. E poi come fai a dare per sfavorito Nadal alla finale N.29 in uno Slam con la possibilità di vincere il N.21 e superare Federer e Djokovic?

LE PAROLE A RADIO SPORTIVA

Verso le 15, Ubaldo ha parlato anche a Radio Sportiva, chiosando sul torneo di Berrettini in questo modo: “Gli do 9 per quanto fatto in questo torneo“. Per quanto riguarda la finale non si è sbilanciato ma ha detto: “Di sicuro Nadal non potrà fare così bene contro il rovescio di Medvedev. Di sicuro però non mi aspettavo che fosse tanto in forma dopo esser stato fermo per sei mesi: se vincesse arriverebbe a 21 Slam prima ancora di giocare il Roland Garros dove è sempre il favorito“.

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Tsitsipas mastica amaro: “Potevo vincere. Coaching? Fidatevi, lo fanno tutti”

Dopo la sconfitta in semifinale, l’ellenico non le manda a dire: “Non si può certo dire che Medvedev sia tra le persone più mature”

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Stefanos Tsitsipas ci prova, resiste, ma alla distanza deve cedere di fronte a un Daniil Medvedev superiore alla distanza, ben evidenziato dal 7-6 4-6 6-4 6-1 finale. Il russo conquista la sua seconda finale consecutiva all’Australian Open dopo quella dell’anno scorso – persa in tre set contro un Djokovic tirato a lucido – mentre al greco non resta che l’amaro in bocca per quella che è la sua terza eliminazione in semifinale in altrettante partecipazioni a Melbourne (questa è la prima volta che riesce a vincere un set).

Una sconfitta che a Tsitsipas certamente lascia il segno, anche alla luce dei rapporti tutt’altro che idilliaci con il suo avversario odierno. Di seguito le sue dichiarazioni più significative nella conferenza stampa al termine del match.

Hai forse avuto un po’ di sfortuna, ma considerando il breve tempo a tua disposizione nella offseason e la tua operazione, come ti sentiresti di definire il tuo torneo?

 

Tsitsipas: “Innanzitutto sono molto contento di aver avuto l’opportunità di giocare qui, davanti ai miei fans (greci e non). L’Australia ha un posto speciale nel mio cuore e io, quando gioco qui, mi sento sempre a casa. Sono fortemente convinto che riuscirò a fare molto bene qui un giorno e a dare gioia e felicità agli australiani e alla comunità greca. È un torneo che amo moltissimo e in cui voglio senz’altro crescere ancora”.

Che cosa ne pensi del tuo match? Livello alto, ma il risultato credo non sia soddisfacente. Qual è la tua visione?

Tsitsipas: “Beh, una sconfitta è una sconfitta. Chiaramente sono una persona che cerca di combattere fino all’ultimo punto, ma lui ha giocato meglio. Ha giocato davvero un buon tennis. Io cerco di trarre solamente le cose positive da questa partita, non mi focalizzerò su quelle negative. Mi aspetta una lunga stagione, con molte opportunità che credo riuscirò a cogliere per ottenere il meglio dal mio tennis, ma anche dalle mie esperienze. Mi aiuterà a migliorare fisicamente, mentalmente e, in generale, farà bene al mio gioco. Vedo la partita di oggi come una lezione che potrò usare per progredire”.

Per gran parte del match hai giocato davvero bene, ad un livello di tennis molto alto. È più facile, a livello emotivo, giocare bene e perdere o giocare male e perdere?

Tsitsipas: “Penso di aver giocato molto meglio dell’ultima volta. L’anno scorso ero completamente esausto dopo la vittoria in cinque set contro Rafa. Non sono riuscito a recuperare come volevo, mentre quest’anno sono stato in partita fin dal primo punto. Sentivo bene i miei colpi, ma mi sentivo bene anche mentalmente e in termini di convinzione e passione sul campo. È stata una partita molto lottata e il primo tie-break è stato importante, avrei potuto vincerlo. Forse avrei dovuto seguire una tattica diversa, ma di nuovo, è una lezione. Vincere il tie-break del primo set sarebbe stato molto importante. Ho avuto delle opportunità per farlo, ma non ci sono riuscito. Sarebbe stata una partita diversa se lo avessi vinto”.

Quando Medvedev perde la calma cerchi di non dare peso alla situazione o credi che, al contrario, possa esserti favorevole perché sente la pressione?

Tsitsipas: “Beh, è senz’altro divertente! Comunque, io non ci do molto peso, conosco giocatori che agiscono così per intaccarti mentalmente: potrebbe essere una tattica, per me non è un problema. In ogni caso, non si può certo dire che sia tra le persone più mature”.

Medvedev ti ha accusato di ricevere consigli dal tuo angolo e, nel quarto set, c’è effettivamente stata una sanzione nei tuoi confronti. Ti stavano dando indicazioni?

Tsitsipas: “No. Mi avete visto, ho perso il conto del risultato due volte in due partite. Non posso ascoltare tutto quello che c’è intorno a me mentre gioco, è impossibile. Il rumore del pubblico è fortissimo ad ogni punto, dovresti avere un super-udito per riuscire a sentire che cosa ti dice il tuo allenatore. L’altro giorno mi sono messo a ridere perché, credo durante la partita contro Paire, il mio coach era forse a cinque chilometri di distanza e in qualche modo ho comunque ricevuto un warning. Credo sia stato il momento più divertente dell’Australian Open”.

Ti ha dato fastidio? Perché da quanto hai ricevuto il warning non hai più vinto un game. Volevo sapere se questo fatto ti avesse irritato.

Tsitsipas: “Ci sono abituato, sono stato etichettato molto tempo fa. Credo di averne ricevuti un paio in passato, e da lì gli arbitri fanno sempre attenzione al mio angolo, mai a quello del mio avversario. Credo di essere vittima di questa situazione da tanto tempo ormai, ma del resto cosa posso farci? Non credo che gli arbitri potranno mai capire che non riesco a sentire niente quando gioco perché cerco di trovare soluzioni e di leggere le situazioni di gioco, ricreandole nella mia testa prima che inizi il punto. L’ultima cosa che voglio è che qualcuno mi dia consigli su quello che dovrei fare. Non sono il tipo di persona che ascolta consigli durante un match. Forse solo in allenamento. Forse”.

Riesci ad identificare alcune eventuali modifiche da apportare al tuo gioco per passare allo step successivo?

Tsitsipas: “Credo di essere già passato allo step successivo, mentre il prossimo sarà servire senza dolore, una cosa che non sono riuscito a fare quando il mio servizio, qualche mese fa, era nel suo momento peggiore, visto che dovevo convivere con un dolore atroce ogni volta che servivo. Sono molto felice ed orgoglioso di aver superato questo momento e di essere riuscito a tornare più forte, giocando senza dolore. Devo molto al mio servizio. Ho fatto un grande lavoro, portandolo ai suoi massimi picchi in termini di percentuali e potendolo sfruttare, più di prima, come un’arma. Oggi è andata male, lui è riuscito a coprire il campo molto bene mentre servivo, ottenendo profondità e potenza dai suoi colpi”.

Mi chiedevo, hai mai parlato con tuo padre dicendogli di non parlare?

Tsitsipas: “Sì, abbiamo già avuto questa discussione. Mio padre è una persona che, quando entra in un clima di tensione e azione, ha come unica medicina il parlare, e non lo si può fermare: è naturale. Io ci ho discusso, ho provato e ho buttato via tanto tempo cercando di trovare una soluzione insieme, ma è parte di lui. Sono sicuro che continuerò a ricevere delle sanzioni per coaching, anche se non ascolterò mai una singola parola di quello che dice lui. Possono fare quello che vogliono se credono sia la cosa giusta. Questa è stata anche una delle ragioni per cui, l’anno scorso ho rilasciato delle dichiarazioni pubbliche attraverso i miei social media, esprimendomi a favore del coaching semplicemente perché gli allenatori lo fanno comunque. La maggior parte dei giocatori riesce a ricevere indicazioni e lo fa anche in modo intelligente, ve lo garantisco. Ho visto molte situazioni in cui non viene detto veramente nulla agli allenatori, ma nel caso di mio padre non è mai successo. Consentendo il coaching, credo che ci sarebbe meno tensione e più chiarezza in ogni suo aspetto”.

Hai parlato della mancanza di maturità di Medvedev, cosa pensi di lui come persona? Come lo separi questo da quello che pensi di lui come avversario?

Tsitsipas: “Sicuramente è un grande avversario. Corre come un maratoneta, potrebbe correre per ore e ore. Non sono sicuro che questa sua caratteristica possa durare a lungo, dato che corre davvero molto. Osservando le esperienze di altri giocatori e campioni, o addirittura campioni Slam, questo modo di giocare ha avuto un grande impatto sul loro fisico. In ogni caso, rispetto il fatto che lui riesca a correre così tanto e a rendere la partita molto fisica in ogni punto. È uno dei più grandi combattenti insieme a Nadal: credo si sia guadagnato questo titolo”.

Articolo a cura di Giovanni Pelazzo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement