Verso Montecarlo, senza troppe certezze

Focus

Verso Montecarlo, senza troppe certezze

Domenica al via il primo 1000 su terra. Djokovic apre la caccia a re Nadal. L’incognita Thiem, la linea verde, le mine vaganti

Pubblicato

il

Rafa Nadal e Novak Djokovic - Montecarlo 2013 (foto @Gianni Ciaccia)
 

Sarà perché è l’unico non obbligatorio tra i nove fratelli (per ogni criterio che non sia l’assegnazione dei punti, l’ATP lo considera un torneo di categoria 500), sarà per la collocazione in calendario piuttosto prematura rispetto all’inizio della stagione su terra, ma il Masters 1000 di Montecarlo, giunto alla 113esima edizione, difficilmente viene collocato tra i tornei più competitivi della stagione. Molti giocatori ci arrivano a rodaggio ancora in corso, altri addirittura marcano visita e di solito è sempre la stessa persona che ne approfitta.

Senza girarci troppo attorno, sono ormai quasi 15 anni che questo torneo coincide sostanzialmente con le arti e i mestieri di Rafael Nadal. Lo spagnolo ogni anno tara la preparazione perché la sua condizione fisica abbia un picco iniziale sui campi monegaschi e uno conclusivo su quelli di Parigi; risultato, ha vinto undici delle ultime quattordici edizioni, giocando in totale dodici finali e uscendo ai quarti nel 2014 (Ferrer) e in semifinale nel 2015 (Djokovic). Su 72 partite giocate (bilancio 68-4), Nadal ha lasciato sul campo appena 20 set, 3 dei quali nelle ultime tre edizioni; è in serie positiva da nove partite e ha una striscia aperta di diciotto set vinti consecutivamente.

Nonostante la potenza di questi numeri, è piuttosto evidente che questo dominio è destinato a finire prima o poi. Non è dato sapere se con o senza preavviso, ma è nell’ordine delle cose che debba accadere. Succederà proprio nell’edizione 2019? La risposta non è necessariamente negativa, ma certo ora come ora non sussistono elementi sufficienti per spodestare il maiorchino dal trono dei favoriti. Di sicuro non ci sarà da aspettare troppo per conoscere il verdetto. Il Rolex Montecarlo Masters è infatti pronto a spalancare i battenti: venerdì alle 18:30 è previsto il sorteggio del tabellone, domenica i primi match.

DOMINIC SEMBRA PRONTO, MA A MONACO… – Se le paturnie con coach Bresnik non si riveleranno troppo distraenti per il giocatore austriaco, questa sembra la stagione ideale per arrivare (almeno) tra gli ultimi quattro. L’austriaco non ci è ancora mai riuscito qui a Montecarlo: si è fermato due volte agli ottavi e una ai quarti, lo scorso anno, arato senza pietà proprio da Nadal. Questione di sensazioni, magari del periodo in cui il torneo si disputa, o più probabilmente Thiem riesce a esprimere un gioco più performante su campi in terra leggermente più veloci quali possono essere quelli di Roma e soprattutto Madrid. È anche vero però che si facevano discorsi simili anche in relazione alle sue prestazioni sul cemento e alla fine il primo ‘1000’ Thiem l’ha vinto proprio lì.

COSA STA COVANDO NOLE? – Tutti si aspettavano che Novak Djokovic avrebbe fatto un sol boccone se non dell’intero Sunshine Double, almeno di una delle sue metà. Invece ha giocato maluccio sia a Indian Wells (prestazione arrendevole contro Kohlschreiber) che a Miami (fuori contro la sua “bestia nera” del 2019, Bautista Agut), rimanendo ben lontano dalle fasi finali di entrambi i tornei. “Forse troppe cose al di fuori del tennis mi hanno distratto” ha detto congedandosi dall’Hard Rock Stadium, senza però apparire troppo preoccupato. Sovrapponendo queste prestazioni a quelle praticamente perfette dell’Australian Open si potrebbe osare una considerazione: se fosse proprio la terra battuta, in questo momento, l’obiettivo principale del numero uno del mondo?

Una seconda vittoria al Roland Garros gli garantirebbe una posizione unica nella storia del tennis, poiché diventerebbe il primo giocatore a vincere due volte tutti e quattro gli Slam (in Era Open). Qualcosa che si fa fatica a razionalizzare, figurarsi farlo sul campo. Posto che non esistono dubbi rispetto alla priorità di Djokovic, che è quella di vincere quanti più Major possibili di qui al ritiro (gli altri tornei e la classifica diventeranno traguardi collaterali, se non lo sono già), appare chiaro che al primo posto nella sua testa c’è Parigi. Arrivarci vincendo uno dei tre 1000 di preparazione, magari riuscendo a battere proprio Nadal, sarebbe un ideale biglietto da visita da presentare ai cancelli di Port d’Auteil. A Montecarlo il serbo ci vive e si allena, conosce ogni angolo del Country Club a memoria; non serve aggiungere altro. Alla favoletta del Nole appagato, in questo momento, tendiamo a non credere.

LINEA VERDE – In attesa di scoprire se Felix Auger-Aliassime accederà direttamente al tabellone principale (è fuori di un solo posto al momento, ma potrebbe ricevere una wild card; l’organizzazione deve ancora annunciarle tutte), gli under 23 sui quali ci sentiamo di riporre maggiore fiducia sono Stefanos Tsitsipas e Borna Coric. Tra i russi sicuramente Khachanov si fa preferire a Medvedev, che dovrà puntare a limitare i danni sul rosso, mentre sarà interessante capire se Shapovalov ha effettivamente compiuto dei progressi sotto il profilo della consistenza.

GLI ALTRI – Marin Cilic e soprattutto Stan Wawrinka possono essere pericolosissimi, sebbene tendano anche loro a conservare le cartucce migliori per gli Slam. Tutto il contrario di Zverev, che però quest’anno non ha brillato neanche altrove e si prepara ad affrontare la fase di stagione nella quale difende la maggior parte dei suoi punti. Fallire significherebbe ridimensionarsi, quantomeno in termini di classifica. Da lui ci si attende una reazione già a Montecarlo. Così come è lecito attendersi segnali di risveglio dai tennisti italiani, piuttosto sonnecchianti sul veloce ad eccezione di qualche colpo battuto da Cecchinato e Seppi a gennaio e da Berrettini a febbraio (semifinale a Sofia). Persuasi che possa non essere una cattiva idea togliere pressione dalle spalle di un Fognini oggettivamente molto negativo in questo 2019, in Cecchinato si può e si deve credere.

Entry list aggiornata di Montecarlo

Continua a leggere
Commenti

Flash

Emma Raducano costretta al ritiro dal WTA Cluj-Napoca

La tennista britannica fermata da un inforntuo al polso, non parteciperà al Transylvania Open

Pubblicato

il

Emma Raducanu - Australian Open 2022 (Twitter - @AustralianOpen)
Emma Raducanu - Australian Open 2022 (Twitter - @AustralianOpen)

La numero 67 del mondo Emma Raducanu non parteciperà al WTA 250 in programma la prossima settimana a Cluj-Napoca, in Romania. La delusione è doppia perché in qualche modo per Emma lo si poteva quasi considerare un torneo di casa, visto che il padre è di Bucarest, ma purtroppo la campionessa degli US Open 2021 ha dovuto dare forfait. La causa della sua assenza, citata dagli organizzatori stessi del Transylvania Open, è un infortunio al polso, e dunque al momento l’ultimo incontro disputato dalla tennista britannica è il primo turno perso a Ostrava contro Kasatkina.

Continua a leggere

ATP

ATP Tokyo: Kyrgios in versione doctor Jekyll e mister Hyde, vince in rimonta. Avanti anche Tiafoe

Nick soffre nel primo set l’ottimo livello espresso da Majchrzak, ma poi è un vulcano in eruzione continua. Un eroico Kecmanovic annulla sei match e trova Tiafoe nei quarti

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - US Open 2022 (foto Twitter @atptour)

[5] N. Kyrgios b. K. Majchrzak 3-6 6-2 6-2

Sarà stato a causa delle ripercussioni psicologiche dovute al processo che sta affrontando dopo l’accusa di percosse dell’ex fidanzata, o sarà dipeso semplicemente dal non riuscire accettare che l’avversario odierno potesse esprimere un tale livello di gioco – quello ammirato nel primo set -; che il Nick Kyrgios sceso in campo nella frazione d’apertura sia stato passivo, evanescente e nervoso. Dopo aver giocato benissimo i primi due punti del match, si è spento inesorabilmente ad eccezione dei suoi lamenti vocali. La musica, però, è decisamente cambiata alla ripresa delle operazioni: fondamentale per l’australiano aver salvato una pericolosissima palla break in apertura, per poi mettersi finalmente a giocare e travolgere l’avversario con un parziale stratosferico di 12 game a 4 nei due successivi set: 3-6 6-2 6-2 in 1h23′ il punteggio ai danni di Kamil Majchrzak.

Un dominio senza sconti, conseguenza anche di un innalzamento della resa al servizio: a parte i due game in cui ha concesso break point, è stato letteralmente ingiocabile grazie alla bellezza di 22 ace scagliati, il 70% di prime in campo, l‘84% di punti vinti e un ottimo 61% di trasformazione con la seconda. Per Kyrgios si tratta della 37esima vittoria stagionale, che gli frutta il nono quarto di finale del 2022, il terzo in un ATP 500 – dopo Halle e Washington -. Inoltre è il decimo successo ottenuto in rimonta da Nick quest’anno; di contro invece continua la maledizione del polacco contro i Top 20: è l’ottava sconfitta in altrettanti confronti, che gli costa anche il primo quarto a livello ‘500’. Il tutto poi viene sublimato dalla tds n. 5, con l’affermazione n. 205 della carriera. Sulla sua strada, ora, uno tra il lucky loser di casa Moryia e la tds n. 3 Taylor Fritz.

 

IL TABELLONE COMPLETO DELL’ATP 500 DI TOKYO

IL MATCH – Kyrgios è centratissimo fin da i primissimi scampoli di partita, incide immediatamente in risposta attraverso un devastante mix di potenza e profondità delle sue accelerazioni. Majchrzak trova grande difficoltà in questo inizio, soprattutto sulla diagonale sinistra nel contrastare il bimane australiano. Con questo colpo sta letteralmente facendo sfracelli, sfruttando la brevissima apertura di tale esecuzione per garantirsi la possibilità di togliere costantemente il tempo al polacco. Sullo 0-30, tuttavia, nonostante fosse ormai prossimo il break a freddo; Kamil riesce a venire fuori perfettamente rimontando grazie al serafico schema: servizio-dritto.

Il gioco del finalista di Wimbledon, dopo i primi due quindici travolgenti, inizia ad incontrare i primi scricchioli: sfumato lo strappo in apertura, è il 27enne di Canberra a cedere la battuta. Un allungo, quello del n. 121 ATP, causato da una serie di attacchi scriteriati del n. 20 del ranking, che prendendo la rete all’arma bianca si espone ai passanti polacchi. Nick scaglia una ace di seconda, ma è comunque costretto a concedere il proprio turno di servizio a 30. Innervosito dall’esito di questo avvio di gara, l’ex n. 13 delle classifiche comincia a sparacchiare qualsiasi palla torni nella sua metà campo: forzando ogni esecuzione da fermo, senza il men che minimo gioco di piedi o di gambe, propedeutico a ricercare la palla nel migliore dei modi. Dunque 3-0, e contestualmente Radio Kyrgios che va in onda.

Sembra quasi che il giocatore aussie non accetti, che il suo avversario possa esprimere un livello di tennis così alto; al quale però vanno dati grandi meriti per come sta interpretando il match. Majchrzak infatti sta esprimendo un tennis veramente di alto profilo, restituendo agli spettatori una performance giganteggiante sia con il fondamentale d’inizio gioco, che nei turni di risposta. Al servizio è in grado di variare opportunamente, in base al momento, o cercando un angolo acuto per darsi la possibilità di comandare lo scambio sin dal primo colpo in uscita oppure incidendo direttamente mediante una prima vincente. Il break maturato nel secondo gioco della sfida si rivelerà decisivo ai fini del parziale, poiché nessuno dei due offrirà chance di strappo. Il finalista di Cincinnati 2017 prova ad assaltare il fortino, seppur sporadicamente, tramite nostalgiche SABR di federiana memoria ma prima ai vantaggi e poi a 30 regge benissimo il polacco. Entrambi poi finiscono in scioltezza alla battuta, per cui il 26enne di Piotrkow Trybunalski si mette in cascina il primo parziale 6-3 in 27 minuti.

IL TABELLONE COMPLETO DELL’ATP 500 DI TOKYO

Un versione indolente, passiva e nervosa quella dell’australiano ammirata nel set appena concluso, che se ha voglia di ribaltare l’inerzia dell’incontro dovrà certamente cambiare il proprio atteggiamento. In apertura di seconda frazione, quantomeno, s’intravedono dei piccoli miglioramenti nel tennis di Kyrgios: adesso le sue legnate di dritto, e le sue catenate di rovescio non sono più unicamente lampi isolati. Finalmente, difatti, Nick mette in mostra qualche punto costruito a puntino, perché ciò che deve assolutamente comprendere – e che quasi non vuole accettare – è che contro questo Kamil non può sfondare da fondo alla prima o alla seconda sbracciata: la difesa e la copertura del campo è di quelle magistrali, per cui deve avere pazienza altrimenti sarà sempre lui ad incorrere nell’errore. Ambedue salvano una palla break nel loro primo turno di servizio del parziale. Tuttavia si prosegue senza scossoni sul filone delle battute, l’ex n. 75 al mondo continua a dimostrare una solidità ed un’intensità nello scambio, decisamente sorprendente e quasi disarmante. C’è da dire, comunque, che ad esclusione del suo primo turno di servizio nei due parziali, Kyrgios è stato ingiocabile alla battuta, andando sempre di fretta a suon di punti diretti e aces. Ebbene ciò significa che a Nick, basta accendersi per ritrovare il proprio straripante tennis, e questo si materializza nel sesto game. All’improvviso dopo aver avuto per tutto l’incontro grandi difficoltà nel leggere le traiettorie del servizio avversario, l’australiano si risveglia dal torpore e appena si mostra leggermente dinamico, il match cambia padrone inesorabilmente: parziale di 16 punti a 5, filotto di quattro game consecutivi. Tutto a favore del bad boy aussie, che si è messo a giocare e ora non ce ne per nessuno: 6-2 in 31 minuti.

Ora Kamil è in totale balia, tramortito da quello che adesso è un Nick dominante. Una situazione per nulla semplice per il n. 121, che difatti aveva concesso l’ultimo game del set precedente offrendo con il doppio fallo il terzo set point all’avversario. Purtroppo per lui, la situazione non migliora con il passare dei minuti, anzi. Kyrgios è un vulcano in eruzione continua, difficilmente frenabile. La striscia di giochi in fila del 27enne di Canberra si assesta addirittura a sette consecutivi, con tre break strappati in seguito. Semplicemente dal 3-2 del secondo set, non c’è stata più partita: non appena ha iniziato a giocare, l’altro non ha potuto far altro che consegnarsi: ancora 6-2 in 24 minuti.

IL TABELLONE COMPLETO DELL’ATP 500 DI TOKYO

VITTORIE PER TIAFOE E KECMANOVIC – Nei primi due match di giornata, invece, è stato delineato l’accoppiamento del secondo quarto della parte alta del tabellone del Rakuten Japan Open Tennis Championships, dove a contendersi un posto in semifinale saranno la tds n. 4 Frances Tiafoe e il serbo Miomir Kecamanovic. Il tennista statunitense si è imposto per 6-1 7-6(7) sullo spagnolo Bernabé Zapata Miralles in 1h34′. Dopo un primo set dominato, il semifinalista dell’ultimo US Open ha sprecato ben due match point nel decimo gioco prima di trionfare al tie-break al quinto tentativo complessivo. A fare la differenza i 9 ace messi a referto dall’americano e il suo 83% di salvataggio sulle palle break (5/6). Dunque un secondo set veramente duro, anche perché l’iberico ha avuto una chance – non sfruttata – sul 6-5 per lui di andare a servire con l’obbiettivo di rimandare ogni discorso alla frazione finale, e tosto durato più di un’ora; ma nulla di paragonabile dal punto di vista del pathos prodotto dall’incontro andato in scena sucessivamente.

Sfida che ha visto alla fine accedere al turno successivo il n. 33 ATP – ancora una volta vincitore al terzo, dopo la rimonta sul campione di Seoul Nishioka al turno precedente – con lo score di 6-3 3-6 7-6(4) in quasi tre ore di battaglia incandescente, ai danni della tds n. 8 Daniel Evans. A decidere le sorti del match un incredibile decimo game del terzo set, in cui Kecmanovic ha avuto la forza di frantumare ben sei match point, e tre di questi consecutivi rimontando dallo 0-40. A rendere ancora più incredibile questi salvataggi, la modalità con cui il 23enne di Belgrado ha cancellato uno dei match ball affrontati: irreale recupero in tweener, e rovescio in avanzamento successivo tirato al corpo con Evans che non controlla la volée mandandola lunga. Tutta al carica adrenalinica da questo game folle portato a casa, ha dato il là a Miomir per andare oltre il match ball non concretizzato sul 6-5 e vincere al tie-break, a sublimazione di una prestazione eroica.

IL TABELLONE DELL’ATP 500 DI TOKYO 2022

Continua a leggere

ATP

Alcaraz in buona compagnia: anche Djokovic, Federer e Murray hanno perso contro lucky loser da numeri 1

“Devo imparare da match come questi. È stato difficile abituarsi alle condizioni del campo” – ha detto lo spagnolo dopo la sconfitta con Goffin

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz - ATP Astana 2022 (foto via Twitter The Net Magazine)

Carlos Alcaraz, il numero uno più giovane di sempre, ha mancato due occasioni. Due occasioni per cominciare nel verso giusto la sua nuova vita tennistica dopo la vittoria dello US Open e la scalata al vertice del ranking. Il 16 settembre è sceso per la prima volta in campo dopo essere stato annunciato come “numero uno del mondo” e ha perso contro Auger-Aliassime in Coppa Davis. Martedì, ad Astana, ha avuto una seconda chance: l’esordio da primo della classe nel circuito ATP. Le cose, però, sono andate persino peggio con la sconfitta subita per mano del lucky loser David Goffin che è fin qui l’unico ad aver battuto in stagione il murciano senza aver perso nemmeno un set. Spulciando tra i database, possiamo però rintracciare almeno un paio di statistiche che forse potranno consolare Alcaraz.

Carlos, infatti, non è né il primo numero uno del mondo a esordire con una sconfitta nel circuito ATP dopo aver conquistato la vetta del ranking, né il primo a perdere con un lucky loser. A fargli compagnia, nella prima statistica (che prende in considerazione solo il secolo in corso), c’è Lleyton Hewitt che nel 2002 visse un’eliminazione ben più pesante di quella di Alcaraz ad Astana. L’australiano, infatti, iniziò nel peggiore dei modi il suo regno perdendo al primo turno dello Slam di casa contro lo spagnolo Martin (tra l’altro dopo aver vinto il primo set 6-1). Il resto della stagione, però, andò decisamente meglio con cinque tornei tra cui Wimbledon.

Quanto alla seconda statistica (anch’essa riferita agli anni dal 2001 in poi), il parterre in cui da ieri si è inserito Alcaraz è di assoluto prestigio. Tra i Fab 4, infatti, solo Nadal non ha subito alcuna sconfitta contro un lucky loser mentre era numero uno del mondo. Federer, Murray e Djokovic, invece, hanno affrontato questa inopinata esperienza. Allo svizzero capitò nel 2007 (anno in cui giocò tutte le finali Slam vincendone tre) a Indian Wells, dove si arrese all’argentino Canas, che replicò incredibilmente l’impresa pochi giorni dopo a Miami (questa volta da qualificato). Andy ha avuto il suo incubo in Coric negli ottavi di finale del 1000 di Madrid del 2017, mentre è stato il nostro Lorenzo Sonego il responsabile di questo smacco per Djokovic in quel di Vienna due anni fa.

 

La sconfitta di Alcaraz al primo turno ad Astana rimane comunque piuttosto sorprendente. Il classe 2003 ha provato allora a darsi alcune spiegazioni in conferenza stampa a partire dall’ottima prestazione dell’avversario: “David ha giocato in maniera magnifica. Tornare alla competizione non è mai facile dopo tanto tempo (dopo i due match in Coppa Davis, Carlos si è preso un paio di settimane senza tornei, ndr). Avevo già giocato su questo campo in due occasioni ma essendo così lento non è stato affatto facile abituarsi. Non sono stato in grado di adattarmi alle condizioni e al match: lui è stato molto aggressivo e non sono riuscito a reggere la pressione che mi metteva costantemente addosso”.

Chissà che lo spagnolo non abbia accusato anche la pressione derivante dall’etichetta di numero uno del mondo che è andata a rimpiazzare quella di predestinato. In ogni caso, è facile immaginare la stanchezza fisica e soprattutto mentale accumulata nel corso di una stagione straordinaria che è anche la prima che Carlos ha vissuto interamente nel circuito ATP e per di più da attore protagonista. Lo stesso discorso può essere applicato anche a Ruud che, sebbene più esperto, si è ritrovato quest’anno a competere a livelli prima sconosciuti, con tutto quello che ciò comporta in termini di attenzione mediatica e pressioni. E infatti anche Ruud, dopo la finale allo US Open, sembra aver esaurito la scorta di energie psico-fisiche. Il grande interrogativo è quindi se ce la faranno a ricaricarsi in vista degli ultimi appuntamenti stagionali.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement