ATP Montecarlo: tre italiani a caccia del main draw

Flash

ATP Montecarlo: tre italiani a caccia del main draw

Fabbiano, Sonego e la wild card Ocleppo sono gli azzurri che tenteranno la via delle qualificazioni nel principato. Ma la competizione è serrata con 17 Top 100 in tabellone

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - Roma 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)

Partono oggi le qualificazioni per il Masters 1000 di Montecarlo, il terzo della stagione e il primo sulla terra battuta. Sono tre i tennisti italiani iscritti al tabellone cadetto che proveranno a rinfoltire la truppa azzurra nel torneo monegasco: Thomas Fabbiano, Lorenzo Sonego e Julian Ocleppo.

 Sul campo centrale non prima delle 13:30, Fabbiano, n.94 del ranking ATP, affronterà al primo turno il 37enne ex Top 10 Feliciano Lopez, che finora quest’anno ha vinto solamente 5 partite su 10 incontri disputati. D’altro canto, anche il minuto tennista pugliese è chiamato a riscattare un inizio di stagione un po’ sottotono. L’unico precedente, disputato al primo turno del Roland Garros del 2016 se lo aggiudicò Lopez in cinque set. In caso di successo, Fabbiano si giocherebbe l’accesso al main draw contro il vincente della sfida tra il lanciatissimo argentino Juan Ignacio Londero, testa di serie n.4 e la wild card locale Romain Arneodo. 

 

Nel successivo incontro sul centrale, Sonego, a poche ore dalla sconfitta nei quarti di finale a Marrakech contro Jo-Wilfried Tsonga, sfiderà Yoshihito Nishioka, n.64 del mondo e il n.2 di Giappone, terza testa di serie del tabellone. Il 23enne piemontese parte sfavorito sulla carta ma ha certamente un vantaggio in termini di esperienza sulla superficie rispetto al suo avversario. Le scorie però della fruttuosa trasferta marocchina potrebbero però farsi sentire. Il vincitore di questo match si scontrerà poi con quello dello scontro tra il tedesco Peter Gojowczyk e l’argentino Marco Trungelliti.

Grazie ad una wild card concessa dagli organizzatori, mette piede per la prima volta nelle qualificazioni di un torneo ATP il figlio di Gianni Ocleppo, Julian, nato proprio nel principato 21 anni fa, al momento senza ranking in singolare ma n.167 del mondo in doppio. Nel primo match sul campo 2 affronterà Mischa Zverev, fratello maggiore di Alexander, n.72 del ranking ATP. Non serve nemmeno dire a chi vadano i favori del pronostico. C’è curiosità comunque di vedere in azione Ocleppo in un match di questo livello. In caso si vittoria, Zverev si contenderà il pass per il main draw con uno tra Ernest Gulbis e l’argentino Guido Andreozzi.

Ma con 17 top 10 in campo i motivi per seguire le qualificazioni saranno diversi. Uno prende il nome del 19enne serbo Miomir Kecmanovic, approdato tra la sorpresa generale ai quarti di finale a Miami. Al primo turno se la vedrà con la promessa mancata del tennis svedese Elias Ymer e successivamente potrebbe sfidare o Leonardo Mayer, testa di serie n.1, oppure il coetaneo australiano Alexey Popyrin, altro teenager da tenere d’occhio. Da segnalare anche un primo turno tutto genio e sregolatezza tra il russo Andrey Rublev e Bernard Tomic. Anche se quest’ultimo non ama la terra rossa, per usare un eufemismo. Il vincente di questo incontro potrebbe incrociare la promessa del tennis transalpino Ugo Humbert, al primo turno impegnato da un derby contro la wild card Florent Diep.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il tabellone di Istanbul: Giorgi pesca Strycova, occhio alle teenager

Dopo il forfait di Lugano, Camila dovrebbe ripartire dalla Turchia. Il sorteggio le è stato benevolo. Suarez Navarro e Buzarnescu guidano il seeding ma le nuove leve potrebbero fare strada

Pubblicato

il

Non c’è solo il Premier di Stoccarda, il primo sulla terra rossa della stagione, in programma questa settimana nel circuito femminile. Per chi non può o non vuole misurarsi nel iper-competitivo torneo tedesco, Istanbul offre un’alternativa decisamente più rilassante, anche se ben meno remunerativa in termini di punti e denaro.

Tra chi ha preferito l’affascinante metropoli turca, c’è la nostra Camila Giorgi. Dopo il ritiro dal torneo di Lugano, per motivi non ben specificati, e la convocazione in Fed Cup dove non è però scesa in campo Giorgi dovrebbe fare il suo esordio sul mattone tritato in questo 2019 che per ora le ha regalato solo 3 vittorie a fronte di ben 6 sconfitte. Il sorteggio l’ha opposta alla navigata ceca Barbora Strycova, attuale n.47 della classifica mondiale ma con un best ranking di n.16. Strycova guida nei precedenti per 2 a 1 ma l’ultimo, disputato sulla terra ostile di Praga, se lo è aggiudicato la marchigiana. Successivamente, sulla carta, l’azzurra, testa di serie n.3 del seeding, dovrebbe affrontare prima Sorana Cirstea e poi Katerina Siniakova. 

La semifinale teorica, nella parte alta del tabellone, la vedrebbe contro Carla Suarez Navarro, prima favorita del torneo, reduce da tre sconfitte consecutive al primo turno. Suarez Navarro sarà impegnata in un derby al primo turno contro Lara Arrabuarena. Il suo spicchio di tabellone si presenta però come particolarmente insidioso: tra una Tomljanovic in forma, una Kuznetsova al rientro, la beniamina di casa e campionessa del 2016 Buyukackay e la giovane Vondrousova. Nella parte bassa le due favorite sono Mihaela Buzarnescu (tds n.2) e la 18enne Dayana Yastremska (tds n.4). Il principale ostacolo verso la semifinale per la rumena, protagonista di una grande seconda parte di 2018, è la greca Maria Sakkari. Yastremska invece farà il suo ingresso nel torneo contro Kristina Mladenovic, fresca di partnership con Sascha Bajin, ex coach della n.1 al mondo Naomi Osaka. Se supererà questo primo turno particolarmente ostico, l’ucraina potrebbe poi trovarsi coinvolta in un derby tra teenager con la russa Potapova e, infine, in un quarto di finale complesso contro la croata Petra Martic. 

 

Tutti i tabelloni della settimana
WTA – Calendario: entry list e tabelloni

Continua a leggere

Flash

Il tabellone di Budapest: Cecchinato cerca il bis, Sinner non si qualifica

Marco proverà a difendere il titolo del 2018. Cilic e Coric prime due teste di serie. In tabellone anche Seppi, Berrettini e Fabbiano

Pubblicato

il

Marco Cecchinato (trofeo) - Budapest 2018 (Via Facebook, @huntennis)

Il torneo di Budapest, solitamente vittima della concorrenza spietata del concomitante ATP 500 di Barcellone, si avvicina all’edizione 2019 con un tabellone piuttosto interessante. I primi due favoriti del seeding sono i croati Marin Cilic (11 ATP) e Borna Coric (15 ATP), mentre la terza testa di serie è affidata a Marco Cecchinato, che proprio in Ungheria un anno fa vinse il primo titolo della sua carriera. L’azzurro non ha un cammino proibitivo almeno fino all’ipotetica semifinale con Coric: il suo primo avversario uscirà dalla sfida tra Pierre-Hugues Herbert e Damir Dzumhur. Oltre a Cecchinato, a Budapest, scenderanno in campo altri tre tennisti italiani. Andreas Seppi sfiderà Filip Krajinovic al primo turno, mentre Thomas Fabbiano si giocherà con Robin Haase la possibilità di affrontare Coric al secondo turno. A Matteo Berrettini il sorteggio ha riservato un esordio contro il sempre ostico Mikhail Kukushkin.

Sarebbero potuti essere cinque gli italiani al primo turno, ma purtroppo Jannik Sinner ha perso al turno decisivo di qualificazioni contro l’omofono (ma non omografo) Yannick Maden, quarto favorito del tabellone cadetto. Per Sinner comunque si è trattata di un’ottima occasione per misurarsi con questi livelli e per fare preziosa esperienza. Si sono qualificati per il tabellone principale le prime quattro teste di serie, nell’ordine Miomir Kecmanovic, Lloyd Harris, Filip Krajinovic e appunto Maden.

 
(clicca per ingrandire)

Continua a leggere

Flash

ATP Montecarlo: Mektic/Skugor conquistano il Principato

I croati vincono la finale di doppio nel Principato al termine di una finale thriller contro gli olandesi Haase e Koolhof

Pubblicato

il

Finale Doppio Montecarlo 2019 - Foto di Roberto Dell'Olivo

Sul campo centrale del Country Club il duo croato composto da Nikola Mektic e Franko Skugor sconfigge in una finale combattuta il team composto dagli olandesi Robin Haase e Wesley Koolhof. Era la prima volta che le due inedite, in questo 2019, squadre di doppio si incontravano.

Partono bene Haase e Koolhof che, dopo essersi aggiudicati per 7-6 il primo parziale, hanno la possibilità di servire per la vittoria finale avanti 5 giochi a 3. Mektic/Skugor però non si scompongono e dopo aver piazzato il break, portano gli avversari al tie-break vincendolo. La finale di Montecarlo si decide allora con un super tie-break. Gli olandesi arrivano addirittura al match point, ma i croati lo annullano per poi vincere per 11-9 alla prima occasione utile. Per Mektic è il secondo titolo consecutivo, dopo quello di Marrakech, conquistato in coppia con Jurgen Meltzer. Skugor non è però da meno, poichè a Marzo si era aggiudicato il torneo di doppio di Indian Wells con Horacio Zeballos.

[7] N. Mektic/F. Skugor b. R. Haase/W. Koolhof 6-7(3) 7-6(3) [11-9]

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement