I dolori del giovane Zverev, che riparte da Monaco

Focus

I dolori del giovane Zverev, che riparte da Monaco

La migliore condizione psicofisica sembra lontana e i risultati latitano. Come riuscirà Alexander Zverev a tornare sulla strada per la gloria? Intanto ha superato il primo turno a Monaco di Baviera

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Australian Open 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Ventidue anni appena compiuto, alto, biondo, occhi azzurri, fisico prestante, numero 3 al mondo nella propria professione, svariati milioni di euro nel suo conto in banca e con ogni probabilità parecchi altri che arriveranno: sembrerebbe che tutto vada per il meglio ad Alexander Zverev, e invece la parola sempre più spesso associata a lui è “crisi”.

Già, perché i risultati degni del “predestinato”, di colui che sembra dover raccogliere la pesantissima eredità lasciata dai Fab Four, tardano ad arrivare. O almeno così dicono quelli che si dimenticano dei suoi tre Masters 1000 e del titolo delle ATP Finals conquistato lo scorso novembre a Londra infilando uno dopo l’altro Federer e Djokovic. Dicono che mancano i risultati negli Slam, i tornei che distinguono i ragazzini dagli uomini, quelli giocati tre set su cinque, dove Zverev fino ad ora ha raccolto un misero quarto di finale. E poco importa che alla sua età nemmeno sua maestà Roger Federer avesse fatto tanto di più.

Però anche a voler concedere a Sascha il beneficio della sua giovane età, non si può certo dire che in questo 2019 abbia messo il mondo a ferro e fuoco: sconfitta negli ottavi in Australia contro Raonic, passi falsi contro Struff e Ferrer a Indian Wells e Miami, dove però era debilitato da un virus (ha perso otto chili di peso durante il mese di marzo), e una volta arrivato sulla terra altre tre battute d’arresto contro Munar (Marrakech), Fognini (Montecarlo) e Jarry (Barcellona). Tutte sconfitte che non ci si aspetta dal n.3 del mondo ed “erede al trono”. E se fino a Montecarlo il biondo Sascha si faceva vedere tranquillo e sicuro come al solito nella sua ormai distintiva tracotanza (“l’unico torneo che ho giocato senza star male fisicamente, cioè Acapulco, ho fatto finale: non mi sembra che vada così male”), dopo la sconfitta all’esordio a Barcellona ha finalmente ammesso che qualcosa non funziona: “Sono in una buca, e non so come uscirne” ha farfugliato ai reporter incontrati di sfuggita dopo il match mentre stava già per nascondersi in una delle auto della transportation.

 
Alexander Zverev – Australian Open 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Oltre al ben documentato problema del malanno fisico, che però ormai dovrebbe essere risolto, è molto probabile che ci siano anche problemi di natura mentale da risolvere. Poi nelle ultime settimane è emersa una voce, finora non confermata, secondo la quale il giovane tedesco soffre di una forma di diabete, cosa che per un atleta professionista sarebbe complicata da gestire, ma non impossibile.

Certo però che lo Zverev presentatosi senza troppa compagnia al BMW Open di Monaco di questa settimana, dove ha superato il primo turno battendo l’argentino Londero con qualche patema nel primo set (ha perso due volte il servizio, poi ha chiuso 7-5 6-1) suscita almeno un po’ di tenerezza se non addirittura preoccupazione: il suo super-coach assunto l’estate scorsa con grande fanfara e strilli di trombe, Ivan Lendl, si vede sempre meno al suo fianco e si dice che non faccia più parte del team. Inoltre è stato confermato che da un po’ di tempo è finita anche la sua relazione sentimentale con l’ex tennista russa Olga Sharypova, che era da diversi mesi ormai la sua fidanzata ufficiale; un malanno di stagione occorso a papà Sascha Senior aveva reso complicata la sua presenza a Monaco di Baviera, ma alla fine ha ricevuto l’ok dai medici e ha potuto regolarmente assistere all’esordio del figlio.

Tasselli che, comunque, completano un ‘quadro di solitudine’ inaugurato un mese fa dall’inizio di una disputa legale con l’ormai ex manager cileno Patricio Opey, una personalità cruciale nell’ascesa di Zverev ai vertici del tennis mondiale. Secondo quanto riportato dal giornalista tedesco Jannik Schneider sulle pagine di tennismagazin, Sascha sta temporeggiando prima di affidarsi a un nuovo manager che potrebbe anche provenire dalla Team 8 di Tony Godsick, che gestisce le prestazioni di Federer e di recente si è assicurata anche quelle della giovanissima e altrettanto promettente Cori Gauff.

Tirando le somme, ne risulta che il buon Alexander si ritrova tutto solo ad affrontare l’inizio della risalita verso quel ruolo che il “Destino” sembra aver preparato per lui, fuori da quella buca che ora sembra tanto profonda perché nuova e mai vista prima.

Il tennis maschile si sta dirigendo a grandi passi verso uno dei Roland Garros più incerti dell’ultimo decennio: Nadal non è più il rullo compressore (da terra) che è sempre stato, Djokovic racconta che si concentra solo sugli Slam ma per il momento convince poca gente, Federer non gioca sulla terra da tre anni e Thiem, quello che sembra esprimere il tennis terricolo migliore, non ha ancora fornito garanzie sulla sua tenuta mentale nella corsa su sette match al meglio dei cinque set. Sascha dovrebbe essere lì a cogliere questa opportunità, o quantomeno a provarci, invece sembra impegnato a litigare contro i propri fantasmi.

Ma se c’è una cosa che abbiamo imparato in questi primi quattro mesi di 2019 è “expect the unexpected” dicono gli anglofoni, aspettiamoci l’imprevedibile. È stato così per Thiem a Indian Wells; è stato così per Fognini a Montecarlo. Che sia proprio Sascha Zverev quello destinato a scrivere il prossimo capitolo di questo romanzo?

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Doha, il tabellone: probabile Sabalenka-Muguruza agli ottavi

Svitolina tds N.1 nel 500 qatariota. Si rivede anche Kiki Bertens dopo l’operazione al tendine d’Achille

Pubblicato

il

Il tennis femminile si sposta a Doha la prossima settimana per il Qatar Total Open (cemento, 500 punti, tabellone da 28 giocatrici, financial commitment di 565.530 dollari). Lo swing mediorientale proseguirà poi con il 1000 di Dubai: va sottolineato che quest’anno i due tornei si sono scambiati in termini di valore, visto che fino al 2020 Doha era un Premier 5 (categoria confluita nei Masters 1000), mentre Dubai era un Premier (oggi 500) – il corollario di questo declassamento è che il tabellone di Doha sarà decisamente più povero rispetto al precedente.

La prima del seeding sarà Elina Svitolina, che dopo il bye al primo turno affronterà agli ottavi Zheng o Anisimova (che ha saltato l’Australian Open dopo essere risultata positiva al tampone ad Abu Dhabi), prima di un potenziale incrocio con Vika Azarenka ai quarti.

In semifinale potrebbe trovare la campionessa uscente del torneo, vale a dire Aryna Sabalenka, che però potrebbe dover affrontare un esordio complicatissimo con Muguruza prima di giocarsela con Bencic nei quarti (la svizzera peraltro è reduce dalla finale di Adelaide persa questa mattina, e non è implausibile che decida di saltare il torneo).

 

Di seguito il tabellone:

Nella parte bassa, Jennifer Brady giocherà il suo primo match dalla finale persa a Melbourne con Osaka: per lei percorso non semplice con esordio Kontaveit prima di un ottavo con Kerber e di un quarto con Kvitova, entrambe deludenti Down Under.

La seconda favorita del torneo Karolina Pliskova, invece, potrebbe avere Jabeur al secondo turno prima di un quarto decisamente interessante contro Kiki Bertens. L’olandese non gioca dal Roland Garros, quando batté Errani al secondo turno fra le polemiche prima di essere eliminata da Martina Trevisan agli ottavi e di operarsi al tendine d’Achille, saltando l’inizio della stagione; anche per lei il debutto potrebbe nascondere delle insidie, visto che ha pescato Jelena Ostapenko.

Non ci sono italiane in tabellone, mentre sono già state eliminate le due presenti nelle qualificazioni, vale a dire la stessa Trevisan (battuta da Krejcikova) e Martina Caregaro (eliminata anch’ella in due set dalla spagnola Bucsa).

Continua a leggere

WTA

Schiacciasassi Swiatek, il titolo di Adelaide è suo

La polacca domina l’ultimo torneo della tournée australiana. Schiantata con un duplice 6-2 Bencic in finale. Secondo trionfo sul tour per lei dopo il Roland Garros

Pubblicato

il

Iga Swiatek - WTA Adelaide 2021 (via Twitter, @AdelaideTennis)

[5] I. Swiatek b. [2] B. Bencic 6-2 6-2

Una Iga Swiatek da paura quella vista al torneo WTA 500 di Adelaide, l’ultima tappa dell’estate australiana sul circuito femminile. Da paura per le avversarie alle quali ha lasciato la penuria di 21 giochi e nemmeno un set in cinque incontri. Un massacro praticamente. In finale, l’ultima malcapitata a subire la furia di Swiatek, è stata Belinda Bencic, n.12 della classifica mondiale e testa di serie n.2 del seeding. 6-2 6-2 il punteggio finale in poco più di un’ora di gioco per la ragazzina terribile di Varsavia. Bencic ci ha messo anche del suo, commettendo una miriade di doppi falli e facendosi prendere dal nervosismo. Ma grandi meriti vanno ad una Swiatek favolosa che ha conquistato il suo secondo titolo sul circuito maggiore dopo il Rolans Garros e che dalla prossima settimana sarà n.15 al mondo.

LA CRONACA – Inizio di match alquanto spezzettato, con scambi rapidi. Una stranezza considerando che entrambe le giocatrici in campo amano manovrare gli scambi. Merito della superficie veloce e della precisione al servizio delle tenniste. La prima però ad incepparsi su questo aspetto è Bencic. E lo fa in modo clamoroso, con quattro doppi falli che le costano il break e proiettano Swiatek sul 4 a 2. La polacca conferma il break e poi tenta subito di chiudere il primo parziale in risposta. La svizzera salva un primo set point con un ace. Ma alla fine è costretta a capitolare al termine di un game da 16 punti. 

Ulteriormente caricata dalla vittoria del primo parziale, Swiatek comincia il secondo da assoluta padrona del campo, sparando vincenti a raffica di dritto e di rovescio e martellando benissimo alla battuta. Dall’altra parte della rete, Bencic è frustrata perché non riesce ad esprimere il suo miglior tennis. Sotto 2 a 1, la svizzera perde a 0 un altro turno di battuta, con l’ottavo doppio fallo della sua partita, spianando definitivamente la strada alla vittoria della sua avversaria. Sotto 5 a 2 Bencic, nervosa e scoraggiata, va ancora in difficoltà al servizio, concedendo due championships point ad una indemoniata Swiatek. Sul primo si salva ma sul secondo è il dritto a tradirla e consegnare match e titolo alla 21enne polacca. 

Le statistiche raccontano di un match assolutamente senza storia. Swiatek ha perso due soli punti con la prima e quattro con la seconda. Ha messo a segno più vincenti e fatto meno errori gratuiti. La ciliegina sulla torta al termine di una settimana da incorniciare per lei. Una settimana che ribadisce come in questo momento Swiatek, al di là della sconfitta ai quarti contro Halep agli Australian Open, sia una delle donne da battere sul circuito. La concorrenza è avvertita. 

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Opinioni

Cordoba Open, il ritorno ATP degli squalificati grazie alle wild card. Ma è giusto?

Nicolas Jarry, Nicolas Kicker e gli inviti che fanno discutere

Pubblicato

il

Nicolas Kicker

Era il 21 luglio 2019 quando ha vinto il suo ultimo incontro a livello ATP, peraltro quello che gli ha permesso di alzare il trofeo di Bastad. Non va molto meglio estendendo il conteggio alle qualificazioni e ai circuiti minori: soltanto due vittorie nell’ultimo anno e mezzo. Il suo stop forzato del 2020 è stato più lungo rispetto a quello dei colleghi per via della squalifica di undici mesi per violazione delle norme antidoping ed è tornato a competere lo scorso novembre. Questa settimana, grazie a una wild card, il numero 1165 del ranking Nicolas Jarry è tornato a disputare un match del Tour maggiore, al Cordoba Open, riuscendo anche a vincerlo. Ne ha fatto le spese in tre set Jaume Munar, l’ex “nuovo Nadal”, appellativo che, diciamo così, non gli ha portato troppa fortuna e infatti gli spagnoli sono stati lestissimi a riciclarlo per Carlos Alcaraz: quando si dice imparare dai propri errori. Ma questo è un altro discorso.

Il bentornato al cileno Jarry si accompagna allo spinoso argomento delle wild card offerte a chi torna a giocare dopo una squalifica legata al doping. Nel caso di Nico, che approfitterà anche di altri inviti nella gira sudamericana, si era trattato di una contaminazione negli integratori acquistati in un laboratorio specializzato brasiliano: nessun dolo, quindi, e nemmeno significativa colpa, ma per evitare la sanzione avrebbe dovuto provare che “non sapeva né sospettava e neanche avrebbe ragionevolmente potuto sapere o sospettare esercitando la massima cautela” (dal Tennis Anti-Doping Programme). Una tesi difficile da sostenere dopo gli analoghi precedenti di diversi colleghi, fra cui Bellucci e Haddad Maia. Resta comunque il fatto che non c’è stata intenzione di imbrogliare, come non c’era stata (è scritto nella sentenza) nel caso di Maria Sharapova, ma ricordiamo le reazioni smodate di qualche sua collega quando ha ricevuto la wild card dagli organizzatori del torneo di Stoccarda che, sapientemente, hanno aspettato fino al mercoledì per farla esordire, poche ore dopo la fine della squalifica.

A prescindere dai singoli casi, da una parte abbiamo un invito che va a chi ha violato il regolamento anti-doping invece che a un tennista che non ha commesso infrazioni; dall’altra, la ripartenza dal basso conseguente alla classifica perduta, vale a dire dai tornei ITF se non addirittura dalle relative qualificazioni, sarebbe forse equiparabile a una sorta di prolungamento della sanzione, nel senso che si terrebbe quel giocatore lontano dai tornei del suo livello per diversi altri mesi. E probabilmente non sarebbero neppure troppo contenti coloro che lottano per emergere dalla palude di quei circuiti, costretti ad affrontare un avversario dal valore decisamente superiore. Magari non è stata la regola nel caso di Jarry che ha perso un po’ contro tutti, anche col n. 980; non però contro il giovane Camilo Ugo Carabelli, la scorsa settimana eliminato al primo turno del Challenger di Concepcion dall’ex top 40 che sta ormai recuperando il suo tennis.

 
Nicolas Jarry – ATP 250 Cordoba (foto via Twitter @CordobaOpen)

Il torneo di Cordoba offre anche un secondo spunto di discussione insieme alla seconda wild card che è valsa il rientro in una manifestazione internazionale per un altro tennista: l’argentino Nicolas Kicker, mancante all’appello dal torneo di Lione del maggio 2018 a causa della squalifica per match fixing. Nonostante gli allenamenti durante la pre-stagione con Schwartzman, Pella, Cuevas e Londero e il sorteggio contro il qualificato Facundo Bagnis, il ventottenne ex n. 78 della classifica è uscito sconfitto in due set. Il suo ritorno alle competizioni era tuttavia avvenuto all’inizio di febbraio in occasione delle pre-qualificazioni per l’ATP 250 di Buenos Aires, da lui scelte – secondo quanto riportano i media in lingua spagnola – in seguito alla cancellazione dell’ITF M15 di Monastir a cui era iscritto.

Dopo aver maramaldeggiato contro avversari decisamente alla sua portata, compreso l’interessante Thiago Tirante, Kicker è stato fermato in semifinale dal ventenne porteño Sebastian Baez n. 254 ATP, non riuscendo così ad accaparrarsi l’invito, in palio per il vincitore, per il tabellone cadetto dell’Argentina Open di Baires in programma dal 27 febbraio. Avido di competere, dopo la pre-Qualy ha partecipato anche al Pre-Tournament arrivando ancora più vicino alla wild card stavolta per il tabellone principale, ma Facundo Bagnis gli si è messo di traverso all’ultimo atto. Sembra tuttavia che sia stato proprio quanto mostrato nella capitale da questo Nicolas ad aver convinto gli organizzatori del Cordoba Open a volerlo sui propri campi. Fino a che non è stata assegnata l’ultima wild card per Buenos Aires (Holger Rune, dopo Bagnis e Tirante), confessiamo di aver temuto che ne riservassero una per Kicker. Invitarlo allo stesso torneo che lo ha visto perdere nelle pre-competizioni avrebbe travalicato i limiti dell’opinabilità. Limiti oltrepassati comunque a nostro avviso: liberata da Baez che entra direttamente nel main draw, arriva in extremis la wild card per il tabellone cadetto. Con il senno di poi, la sua partecipazione alla Pre-Qualy si può riassumere così: se Kicker vince, vince; se perde, vince lo stesso. The dice were loaded from the start, potrebbero canticchiare amaramente i suoi avversari sulle note dei Dire Straits.

Superiamo però questa parte e torniamo all’argomento principale, vale a dire l’opportunità di dare un grosso aiuto a chi è stato squalificato per una violazione volontaria delle regole come è il match fixing, non quindi per aver agito con colpa o senza la massima cautela. Intervistato da Enrique Cano dopo il suo esordio a Cordoba, Kicker ha parlato della ritrovata sensazione di poter “camminare per strada a testa alta” dopo aver pagato “la mia enorme cazzata con una dura sospensione”. Certo, non ha potuto godersi appieno l’incontro del rientro perché “molto nervoso e molto teso, ma felice di tornare in circuito e molto grato a Mariano Ink”, il direttore del torneo, per la wild card. Chissà invece cosa ne pensa Marco Trungelliti che nel 2018 si è sentito costretto a rinunciare ai tornei del suo Paese, emarginato quasi come se fosse una spia per aver fatto quanto gli impone il regolamento, cioè denunciare alla TIU un tentativo di corruzione; denuncia che ha fornito ulteriori elementi a un’indagine poi conclusa appunto con la squalifica di Nicolas e altri tennisti argentini. Beh, almeno Kicker si dice “molto tranquillo e senza rancore”

Nicolas Kicker

Sullo stesso argomento ma da un diverso punto di vista, si è fatta sentire anche la voce critica di Diego Schwartzman, il quale pare non aver gradito le wild card al danese Rune, classe 2003 e numero 1 del ranking junior, e al cileno Jarry (che tuttavia dovrebbe essere parte di un accordo di scambio con il torneo di Santiago). Secondo quanto riporta Sebastian Torok, Diego spiega che gli inviti sono generalmente usati dalle superpotenze del tennis per offrire visibilità, punti e possibilità di crescere ai propri tennisti; l’Argentina, pur non essendo una superpotenza, ospita due tornei ATP, ma c’è un problema: “Purtroppo i proprietari dei tornei sono aziende straniere che molte volte decidono di dare le wild card a stranieri, cosa che non mi trova per nulla d’accordo” lamenta il n. 9 del mondo. Il Cordoba Open è infatti di proprietà della ‘Torneos’, società per azioni argentina con il 60% in mano a due partecipanti straniere, mentre l’evento di Buenos Aires è della spagnola ‘Tennium’. “Mi piacerebbe che dessero opportunità a ragazzi come Baez, che l’avrebbe meritata. Viene così tolta a un altro ragazzo l’occasione di giocare e vincere incontri”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement