Il test della Dunlop Srixon CX200, anima classica in stile moderno

Area test

Il test della Dunlop Srixon CX200, anima classica in stile moderno

Recensione e test della racchetta Dunlop Srixon CX200, feeling classico in salsa moderna

Pubblicato

il

La Dunlop CX200 va a rispondere alla richiesta dell’utente che cerca una racchetta agonistica affidabile, precisa e con i numeri del momento in termini di peso (305 grammi senza corde), piatto corde (98 pollici) e schema d’incordatura (16×19). In questa fascia di mercato c’è una concorrenza molto dura, tutti i brand si sono attrezzati per rispondere alla domanda con tante versioni dei loro modelli proprio per non lasciare indietro nessuno. Dunlop Srixon non è certamente da meno, tanto è vero che propone la linea CX in ben 7 versioni (fra le quali la CX 200 Tour con piatto 18×20 usata da Kevin Anderson).

La CX200 è una racchetta molto aerodinamica e che incorpora tecnologie come Sonic Core con sistema Infinity, un materiale che riduce gli shock da impatto e riduce proprio l’inerzia. Lo schema d’incordatura proposto, il 16X19 che oggi va per la maggiore, utilizza il sistema PowerGrid StringTech allo scopo di allargare lo spazio fra le corde orizzontali e centrali, avendo in risposta più spin e più potenza. Il piatto corde, grazie alla tecnologia Aero-Box, comprime l’ingombro del telaio aumentandone lo sweet-pot, la zona d’impatto utile.

Esteticamente la CX200 risulta molto elegante: il nero satinato domina l’intero telaio ed è interrotto solo da un tono di rosso vibrante ai lati del piatto corde. La sezione (trapezoidale, mutuata dalla tecnologia D-Section) è boxed in tutto il telaio, che ha un profilo costante di 21,5 millimetri. Questo modello è in uso da Qiang Wang, Jamie Murray, Bjorn Fratangelo e da Roberto Marcora, che veste anche K-Swiss.

 

Caratteristiche tecniche
Ovale: 98 in² / 632 cm²
Lunghezza:  68,5cm
Peso: non incordata: 305gr (323gr incordata)
Bilanciamento: 32,49cm / 6 pts HL
Swingweight: 319
Rigidità: 65RA
Spessore del telaio:     21,5mm / 21,5mm / 21,5mm
Materiale:   Sonic Core Infinergy/Graphite
Schema corde :   16X19

In campo
Quello che colpisce rapidamente di questa CX200 è la giocabilità. Pochi minuti bastano a rendersi conto che un braccio sufficientemente dotato riesce a sfruttare appieno le caratteristiche di dinamicità e precisione del telaio. La CX200 si rivela un ottimo compromesso in fatto di rigidità, dichiarata a valore 65 punti RA: il sistema Sonic Core consente di generare una discreta dose di potenza in ritorno dalla torsione e allo stesso tempo di mitigare gli impatti, veramente eccezionali in termini di feeling. Si capisce subito che questa è una racchetta che non vuole essere usata dagli arrotini puri, quelli del top spin ad ogni colpo. Non che disdegni la rotazione, sia chiaro, ma i risultati migliori da fondo campo si hanno quando si colpisce la palla di piatto o con la quantità di top spin necessaria per generare la copertura del colpo. In questa zona di campo si avverte un po’ la mancanza di potenza gratuita, di qui la richiesta di un braccio tecnico.

Ma la dinamicità è la caratteristica forte di questa racchetta. In ogni zona del campo si riesce ad avere una giocabilità ottima e un feeling eccezionale subito dopo gli impatti. È una sensazione che cresce man mano che ci si gioca. Sul rovescio in back basta accompagnare dolcemente la palla in fase di impatto per vederla viaggiare senza neanche tanto sforzo; in questo colpo si ottiene profondità molto velocemente, ma anche come per il topspin le soluzioni più facili ed efficaci sono quelle con poco spin. Risponde bene anche a rete il telaio, con le esecuzioni pulite che premiano i colpi in maniera migliore rispetto alle soluzioni col taglio; anche nei colpi sopra la testa si hanno le stesse sensazioni: si può fare tutto, ma è quando si ci mette la giusta dose di spin che si ottiene il meglio rispetto alle caratteristiche.

L’anima classica di questa Dunlop è la sensazione migliore che rimane alla fine del test. Provata da diversi giocatori, tutti restituiscono il medesimo responso: impossibile giocarci male se si colpisce con buona sicurezza. La CX200 è una racchetta che ripropone in salsa moderna il feeling Dunlop e che ha le caratteristiche giuste per ambire al pubblico più ampio degli agonisti, dai quarta categoria in su, senza però scontentare chi cerca qualcosa di più esigente.

Continua a leggere
Commenti

Area test

Da Giorgi al tennista del club: Fabrizi Tennis costruisce la racchetta perfetta per tutti

Fabrizi Tennis è un brand italiano che costruisce racchette con materiali avanzati sulle precise specifiche del tennista, da quello del circolo fino ai professionisti come Camila Giorgi

Pubblicato

il

C’è sempre più attenzione da parte dei brand più famosi delle racchette nel produrre telai di qualità maggiore: ci sono marchi che hanno di recente messo in vendita telai pro-stock, quelli dei professionisti, o altri che, da qualche anno, consentono di scegliere due racchette identiche in sede di acquisto. Questo ammodernamento dell’offerta lo si deve anche a quei marchi che stanno puntando sulla qualità dei prodotti invece che su quantità e diffusione, costruendo telai che riescono a soddisfare meglio di tanti e più diffusi marchi le esigenze del tennista, da quello di quarta categoria fino al professionista.

Fabrizi Tennis è uno di questi, una sorta di artigiano che produce telai secondo le caratteristiche richieste avendo come mantra e come fine ultimo la qualità del prodotto. Avete presente la racchetta usata dalla nostra Camila Giorgi? Esatto, è un telaio Fabrizi Tennis. Per loro, far uscire una racchetta dal mold, lo stampo, dev’essere un arte, non un processo industriale su larga scala. I telai sono interamente realizzati in materiale composito con la stessa tecnologia impiegata per la costruzione di componenti di Formula 1 e Moto Mondiale, interamente prodotti a mano in Italia in ogni loro fase e per questo sono realizzabili su precisa specifica del giocatore. Gli stessi operatori impiegati per la realizzazione di componenti per Moto GP e Formula 1 lavorano anche sui telati realizzati secondo le specifiche di peso, bilanciamento e altre caratteristiche scelte direttamente dal giocatore, di qualsiasi livello.

Chi possiede un telaio Fabrizi, possiede un telaio interamente realizzato a mano, prodotto, verniciato ed assemblato in Italia seguendo gli standard ed i processi tecnologici più evoluti nell’impiego dei materiali compositi avanzati

 
Emanuele Fabrizi

L’idea di Fabrizi Tennis nasce dall’ingegner Emanuele Fabrizi, che vanta una esperienza decennale in Lamborghini e che ha deciso di mettersi in proprio per sviluppare le competenze acquisite nel settore dei materiali compositi, quali sono le racchette da tennis. Ed è così che nasce Officine Italiana Compositi, proprietaria del marchio. Parliamo di un’azienda che lavora nella fornitura di componenti aerospaziali, quindi per super car, moto e macchine da Gran Premio, e che realizza manufatti investendo ogni giorno su ricerca e sviluppo per aumentare la qualità del prodotto finito.

Emanuele Fabrizi

Ed è proprio Emanuele Fabrizi a spiegarci l’idea del progetto Fabrizi Tennis. Come nasce l’idea di dedicarsi al tennis? Passione?

“L’idea di cimentarsi in questo progetto nasce da una fortissima passione per il tennis e per la tecnologia applicata ai materiali compositi. Sfruttando l’opportunità di un progetto di ricerca e sviluppo, abbiamo studiato e sperimentato il comportamento dinamico dei materiali compositi avanzati applicati ad un telaio da tennis”.

Che innovazioni ci sono rispetto al processo tradizionale /industriale di costruzione di un telaio?

“Abbiamo cioè costruito telai con i migliori materiali compositi di vario genere e ‘modulo di resistenza a trazione’ curati in autoclave. La differenza rispetto ai telai retail è stata impressionante considerando che la quasi totalità dei telai in circolazione sono prodotti con fibre multi assiali di carbonio e con tessuti in fibra di vetro, curati in pressa. Durante questa lunga sperimentazione abbiamo potuto individuare quali materiali ed in quale configurazione riescono a caratterizzare separatamente le singole specifiche che caratterizzano il comportamento ed il feeling del telaio. Abbiamo individuato quali materiali contribuiscono alla reattività del telaio, quali caratterizzano la rigidezza e quali contribuiscono alla pastosità della racchetta. Il nostro obbiettivo non è stato la costruzione di un modello matematico universale che consentisse di progettare telai ad hoc, bensì un metodo basato sulla sperimentazione che permetta ai nostri tecnici di utilizzare tutti i dati ed i parametri archiviati e finalizzarli per costruire telai sulle specifiche richieste dei clienti. Il processo di cura in autoclave che azzera la presenza di inclusioni di aria nel laminato del telaio, il sistema di assorbimento delle vibrazioni, inserito in fase di laminazione del telaio ed il manico realizzato in una particolare resina espansa fresato uno ad uno ‘dal pieno’ a controllo numerico per ciascun telaio, consente inoltre di avere telai praticamente esenti da vibrazioni percepite“.

Perché bisognerebbe scegliere un telaio custom rispetto a uno commerciale dal punto di vista della Fabrizi Tennis.

“In questi tre anni abbiamo sperimentato circa trecento piani di laminazione diversi catalogando una enorme quantità di informazioni, che mettono in relazione i vari materiali impiegati per la costruzione e la loro quantità, con il comportamento dinamico del telaio e le sensazioni percepite dal giocatore. Possiamo cioè progettare e realizzare un telaio che vada incontro alle esigenze di ogni singolo giocatore. In conclusione, chi possiede un telaio Fabrizi, possiede un telaio interamente realizzato a mano, prodotto, verniciato ed assemblato in Italia presso i nostri stabilimenti in provincia di Firenze e Bologna seguendo gli standard ed i processi tecnologici più evoluti nell’impiego dei materiali compositi avanzati”.

Ad oggi sono quattro i modelli principali che i tennisti possono customizzare per “farli propri”:

F-95

Con uno schema corde 18/20 e uno spessore del frame di 22 millimetri, è una racchetta per tennisti di alto livello tecnico. Ideale per chi predilige un gioco pulito, offre comunque grandissime prestazioni sulle rotazioni back e slice. La sua laminazione e le caratteristiche tecnologiche dei materiali garantiscono un superlativo mix di potenza e precisione.

F-98

Presenta uno schema corde atipico 16/20, ideale per massimizzare le sue prestazioni. Come la F-95, è una racchetta adatta per tennisti che prediligono un gioco piatto e pulito, ma a differenza dell’altra ha una migliore attitudine alle rotazioni: buon top spin, ottimo kick e un back chirurgico. La racchetta offre una maneggevolezza estrema e splendide sensazioni a rete. Si rivolge a un’ampia gamma di giocatori “a tutto campo”, garantendo massime prestazioni per quasi tutti gli stili di gioco.

F-102

Con uno piatto-corde più grande della F-98 e della F-95 e un profilo superiore di 23 millimetri, si presenta come una semi-profilata. Grazie anche allo schema corde di 16-19 e una rigidezza di 62-64 RA, predilige un gioco molto potente e arrotato, rivolgendosi essenzialmente a un target di giocatori esperti da fondo campo, dotati di un gioco moderno. Il piatto-corde grande la rende efficacissima nei recuperi e grazie alla sua particolare lavorazione, mantiene sempre una discreta precisione anche sotto rete.

S-100

Profilata al 100%, è la racchetta con la maggiore grandezza di piatto-corde e un profilo di 24 millimetri. Le caratteristiche tecniche di questa racchetta unite alla peculiarità dei materiali tecnologici esaltano le rotazioni. La sua maneggevolezza la rende adatta ad un ampio target di giocatori.

Continua a leggere

Area test

String Project Armour, la scelta agonistica per il controllo di palla

Recensione e test della corda String Project Armour, la scelta degli agonisti che non vogliono rinunciare alla morbidezza e al confort di gioco

Pubblicato

il

Corde morbidi, che non affaticano il braccio e che richiedono tensioni basse per rendere al meglio specie in termini di potenza. Ognuno può trovare la corda più giusta per il proprio gioco in casa String Project, sempre conservando però le caratteristiche di comfort di gioco e tutela del braccio. La Armour è la corda più “dura” del roster, quella che è più orientata al controllo di palla e che quindi si rivolge a quel giocatore che vuole conservare nella corda tutte quelle prerogative chiave del brand, morbidezza, elasticità, comfort di gioco, focalizzandosi però sull’aspetto del controllo dei propri colpi. Armour esiste in due versioni, con calibro 1,25 millimetri e anche una versione da 1,32 millimetri, indicata per gli “spaccacorde”, e cioè per quei giocatori che non hanno problemi nel generare swing decisi e che cercano una corda ancora più dura del normale.

In campo

Il calibro da 1,25 quello più comune per l’agonista che deve cercare un delicato equilibrio fra caratteristiche di durata, tenuta di tensione, prestazioni e comfort di gioco. Armour è la corda più agonistica di String Project, e in campo ci ritroviamo subito con la descrizione della casa madre: lo snap back (il tempo in cui le corde tornano alla posizione iniziale dopo l’impatto) è buono, gli impatti con la palla nei colpi da fondocampo sono decisi, c’è ottima connessione con la palla che segue con precisione le indicazioni dello swing. Il controllo quindi, questa è la caratteristica principale della Armour, specie rispetto alla Armour Soft, una sorta di versione depotenziata, più morbida, per quei giocatori da club (magari di categoria over) in cerca di una corda dal grande potenziale ma che non stressi troppo il braccio.

A livello di caratteristiche ricorda un po’ la Magic (per lo snap back) ma riesce a essere molto performante anche a livello di rotazioni generate, e qui il rimando è d’obbligo alla Hexa, la soluzione String Project indicata a chi cerca spin. Armour è più consistente agli impatti rispetto alle due, si percepisce nel palleggio ma anche nei colpi di volo come gli impatti siano decisi, stabili, come come ci si aspetterebbe da una corda molto ben solida. La potenza non è molta, ma questo non ci sorprende. Abbiamo sul telaio una corda che è indicata per chi è capace di colpire con decisione la pallina, non per chi ha swing ancora incerti e discontinui. Anche qui, come consigliato, si lasciano preferire tensioni basse, come durata siamo vicino alle 10 ore di gioco, a seconda del livello ovviamente.

 

Conclusioni

Armour si rivolge a quel tennista agonista, inteso come giocatore in campo molto di frequente, che cerca una corda con grande controllo di palla. I giocatori che colpiscono la palla con decisione e che soprattutto non hanno problemi nel generare velocità di palla e che cercano una corda che valorizzi il controllo più dello spin o della “potenza gratuita” possono trovare in questa Armour un’ottima alleata per le prestazioni in campo.

Le corde sono state testate su:

  • Donnay Formula Unibody (16×19) – tensione 21/22Kg
  • Wilson Blade 98 v7 (16×19) – tensione 22/23Kg
  • Donnay Pro One Unibody (16×19) – tensione 21/22Kg
  • Toalson S-Mach 310 gr (16×19) – tensione 21/22 Kg

www.stringproject.com

Continua a leggere

Area test

String Projeck Keen, la corda gentile per il massimo del feeling

La corda String Project Keen è la soluzione ideale per quei giocatori in cerca del massimo feeling con la palla durante gli impatti

Pubblicato

il

La corda Keen di String Project, un marchio che sta prendendo sempre più spazio nei circoli tennis italiani come scelta dei giocatori, è il monofilamento più sottile dell’azienda. È disponibile nei calibiri 1,13 e 1,18 millimetri, ma sgombriamo subito il campo da equivoci: il piccolo calibro di questo corda non vuol dire che sia poco resistente. Keen mescola infatti ben cinque materiali a livello di composizione e il risultato finale è una corda solida, resistente quindi, ma che nasce per esaltare il feeling di gioco, e cioè il contatto con la palla durante gli impatti. Keen vuole rimanere morbida in ogni circostanza, ed è per questo che ha ridotto il calibro così da sentire quanto più possibile il contatto con la pallina. Vien da sé che una corda del genere si rivolge principalmente come partner di una racchetta votata al controllo di palla, sebbene la casa dichiari di non essere avara né di potenza né di rotazioni. La corda è colorata di un blu molto acceso, una soluzione aggressiva che si sposa benissimo con telai scuri.

In campo

La corda si fa sentire subito per le ottime qualità di tocco, e cioè di contatto con la palla durante gli impatti. Bastano pochi minuti di gioco per avere subito le prime sensazioni positive: la morbidezza degli impatti unita alla sensazione di avere il pieno controllo di palla è subito il primo risultato. Su un telaio molto orientato al controllo di palla come la Wilson Blade, la corda rende molto meglio rispetto a modelli profile. Sulla Donnay Pro One 2020, il telaio di Donnay che si rivolge a giocatori avanzati per offrire il massimo del comfort, forma un’ottima accoppiata esaltando ancora di più le doti di morbidezza del telaio. La forma della corda è tonda, sempre in ottica di premiare il feeling con la palla, che in effetti è morbido, come se fosse soffuso. La palla esce in maniera molto pulita dal piatto corde e la sensazione è veramente di un dwell time – il tempo di durata dell’impatto corde/palla – prolungato, piacevole sempre e in ogni circostanza, sia che si colpisca un backspin di rovescio in maniera delicata sia che si cerchi la soluzione piatta o il dritto arrotato. Specie con telai dal profilo classico (Pro One, Blade, Vcore), il match con questa Keen risulta azzeccatissimo. Il piccolo calibro funziona meglio con tensioni basse ma anche qui il consiglio è sempre quello di trovare la tensione giusta a seconda del telaio che si adopera. Sulla Blade siamo scesi di qualche chilo rispetto ai 23/24 canonici e con una tensione di 21/22Kg abbiamo avuto il feeling migliore. Mai però c’è stata la sensazione di impatti duri con tutti i telai oggetto del test. Prerogativa di String Project è infatti quello di produrre corde Arm Friendly, amiche del braccio, e anche la Keen non fa eccezione. Da fondo campo, specie su telai dal profilo fisso, la palla finisce dove vogliamo con ottimo comfort di gioco; non trascurabile anche la quantità di spin che questa Keen riesce a facilitare, ma di certo non c’è lo spin di una corda che nasce per le rotazioni (per quello c’è già la soluzione in casa: String Project Hexa). E quindi le rotazioni di copertura per la profondità dei colpi sono la soluzione migliore, così come lo slice in battuta e il colpo piatto, sia al volo che di rimbalzo, decisamente la soluzione migliore con la Keen.

Conclusioni

Un prodotto che ha nel feeling con la palla la sua caratteristica principe, che mantiene molto bene la tensione e che risulta anche potente, buona la resa anche sulle rotazioni, Keen è decisamente una scelta da tenere in considerazioni se si gioca con una racchetta esigente e che quindi abbisogna di una corda morbida per bilanciare la durezza del telaio.

 

 Le corde sono state testate su:

  • Donnay Formula (16×19), calibro 1,18 – tensione 21/22Kg
  • Wilson Blade 98 v7 (16×19), calibro 1,18 – tensione 22/23Kg
  • Donnay Pro One (16×19), calibro 1,18 – tensione 21/22Kg
  • Yonex Vcore 97 310 gr (16×19), calibro 1,18 – tensione 20/21 Kg

www.stringproject.com

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement