Halep dura più di Bencic, quarta finale a Madrid: sfiderà Bertens

WTA

Halep dura più di Bencic, quarta finale a Madrid: sfiderà Bertens

La rumena domani andrà a caccia della tripletta nella capitale spagnola contro Kiki Bertens: le dovesse riuscire, arriverà anche il numero uno nel ranking

Pubblicato

il

Simona Halep - Madrid 2019 (foto via Twitter, @MutuaMadridOpen)

[3] S. Halep b. B. Bencic 6-2 6-7(2) 6-0 (Emmanuel Marian)

Simona Halep ha vinto la tappa, la penultima, decisiva, sulla strada per Madrid. La maglia no, non è ancora sua, ma potrebbe essere questione di minuti. Battendo Belinda Bencic in una semifinale combattuta solo per un set, il secondo, la tennista di Costanza ha raggiunto la quarta finale nel torneo amico già conquistato due volte e domani, dovesse spuntarla nell’ultimo atto contro Sloane Stephens o Kiki Bertens, si riapproprierebbe della prima posizione mondiale smarrita al termine dell’ultimo Open d’Australia.

 

E sarebbe impresa notevole, per quanto non scontata seppur non improbabile: ragionando su ciò che abbiamo visto fin qui la miglior tennista da terra battuta in circolazione potrebbe trovare pane duro in finale, poiché Kiki Bertens, a nostro modo di vedere favorita sulla campionessa di New York 2017, sulla polvere di mattone le è a un’incollatura, per continuare a pescare dal gergo ciclistico. Intanto Halep ha faticato, non più del previsto perché le prestazioni della Belinda odierna sono imprevedibili, convincendo comunque oltremodo nei due set dirimenti portati a casa.

Poca storia per gran parte del match, come si sarà capito: Simona sul rosso è una tennista troppo solida e ancor più dinamica per le possibilità della svizzera, almeno sul lungo periodo. Il primo set, una mattanza: la giocatrice nata a Flawil ha smarrito il servizio all’alba dell’incontro, recuperandolo al termine del quarto gioco nell’unico momento di reazione offerto nella frazione inaugurale: da lì in poi, sedici a quattro complessivo di parziale, dispensato da Halep a furia di profondissimi martellamenti da fondo e angoli generati con frequenze insostenibili. Pareva dover durare poco, eppure Bencic, ora incline al rumoroso training autogeno nei momenti propizi e al reiterato lancio dell’attrezzo del mestiere in quelli meno promettenti, s’è messa l’anima in pace decidendo che, se sconfitta doveva essere, tanto sarebbe valso rischiare.

Tal radicale mutamento d’intenti ha avuto come immediate due conseguenze: la prima, il notevole aumento dei vincenti in zona Belinda (alla fine del secondo set saranno addirittura ventidue, a fronte di diciassette errori non forzati); il secondo, l’insicurezza insinuata nelle granitiche convinzioni di Halep, la quale per una ventina di minuti buoni ha perso di vista la collaudata strategia vincente sin lì messa in atto. Come tutti sanno, per la rumena insicurezza equivale a fretta furibonda, e allora ecco le tremebonde accelerazioni lungolinea ripetutamente giocate prima del dovuto ed ecco, addirittura, qualche errore, persino non forzato. Bencic ha preso coraggio e iniziativa e ha sprecato un set point nel dodicesimo gioco, per la verità molto ben annullato dalla rivale, dominando però nel successivo tie break giocato come in paradiso.

Il set più bello del torneo lasciava pregustare scintille in quello decisivo, ma Bencic, in drastica carenza di adrenalina ed energie, si è spenta di colpo notando che Halep, anziché aver fuso il motore, aveva innestato persino una marcia più alta. Tornata sé stessa, e dunque indisponibile al regalo, Simona ha potuto accorgersi del serbatoio vuoto rivale, e il break conquistato nel secondo gioco ha definitivamente indirizzato una partita chiusa con un perentorio bagel, utile a regalarle il biglietto per la finale mentre Bencic staccava quello per l’aereo in direzione Fiumicino. La svizzera si rassicuri, tuttavia: procedendo di questo passo non è improbabile un altro salto di qualità, nei prossimi mesi.

[7] K. Bertens b. [8] S. Stephens 6-2 7-5 (da Madrid, Ferruccio Roberti)

Si chiama dunque Kiki Bertens l’ultimo ostacolo rimasto tra Simona Halep e il ritorno al numero 1 della classifica WTA, lasciato lo scorso febbraio dopo gli Australian Open. La tennista olandese conferma di amare particolarmente il Mutua Madrid Open, evento che l’anno scorso le regalò la prima finale della carriera in un grande torneo. Quest’anno Kiki sembra avere tutte le carte in regola per poter fare ancora meglio: sinora, in cinque partite contro giocatrici del livello di Siniakova, Ostapenko, Sevastova, Kvitova e stasera Stephens (una ex campionessa del Roland Garros, una top 20, e due top 10) ha perso per strada solo ventisette game, stando in campo appena sei ore e un quarto.

In un Manolo Santana ancora in fase di decompressione dopo le emozioni vissute nella sfida tra Federer e Thiem e un po’ distratto dal contemporaneo svolgersi sull’Arantxa Sanchez del quarto tra Tsitsipas e Zverez, si è giocata la seconda semifinale del singolare femminile. Stephens e Bertens si erano affrontate solo due volte, e sempre ne era uscita vincitrice, in entrambe le occasioni in tre set, la statunitense: la prima volta a Roma nel 2013, la seconda l’anno scorso alle WTA Finals.

Il primo set è a netto appannaggio della ventisettenne olandese, che ha confermato il grande momento di forma mostrato nelle precedenti quattro partite al Mutua Madrid Open, in particolare ieri sera nel suo quarto di finale contro Kvitova, annichilita nonostante la ceca qui a Madrid avesse vinto tre volte e, reduce dal titolo di Stoccarda, fosse alla caccia di punti (in questo caso da non perdere) per la sua rincorsa al vertice della classifica. Kiki strappa a 0 la battuta nel game iniziale e poi annulla tre palle break nel gioco successivo. Prova a comandare la partita Stephens – ad appena la prima seconda semifinale di questo 2019 iniziato davvero in malo modo per lei, che nella WTA Race dello scorso lunedì è appena 39 – ma sbaglia davvero troppo per fare partita alla pari con un’avversaria capace di muoversi benissimo in campo e stare sempre vicino alla riga, concedendo un esiguo numero di gratuiti.

Bertens strappa il servizio nuovamente nel quinto gioco a Stephens e ha un set point per chiudere nel settimo, ma non riesce a convertirlo. Poco male: nel game successivo Kiki porta a casa il nono set consecutivo del suo torneo, quando la partita è iniziata da appena trentacinque minuti. Molto più incerto e emozionante il secondo set: Stephens non ci sta a perdere senza dare tutto, ha tanta voglia di raggiungere la sua seconda finale europea della carriera (dopo quella al Roland Garros dello scorso anno) e riesce ad allungare sulla sua avversaria: nel sesto gioco del secondo set torna – dopo esserci riuscita nel game inaugurale al servizio dell’olandese – ad avere palla break e, alla seconda, con un bel rovescio lungolinea si porta sul 4-2. Bertens però subito le torna sotto, con la complicità della campionessa degli Us Open 2017, che pensa male di incappare in un doppio fallo sulla palla break concessa all’olandese.

Nel decimo gioco, sul 5-4 Stephens, la tennista statunitense ha un’occasione colossale per portare la partita al terzo: riesce a salire sullo 0-40, guadagnando così tre set point consecutivi. Li spreca tutti, con la complicità e la bravura di Bertens, che pochi minuti dopo, sfruttando sul match point un rovescio in corridoio di Stephens, guadagna l’accesso alla finale. Come detto, troverà Halep contro la quale ha vinto due delle cinque volte che l’ha affrontata (1-1 i precedenti sulla terra).

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

WTA

A Roma la finale che nessuno si aspettava

Né Pliskova né Konta amano il rosso e su terra battuta l’unico precedente risale a otto anni fa. La logica direbbe Pliskova, ma il torneo femminile di logico ha avuto poco

Pubblicato

il

Tra poco (inizio previsto alle ore 13), a Giove Pluvio piacendo, Roma avrà una nuova campionessa, e vada come vada sarà una discreta sorpresa. Konta-Pliskova è la finale che nessuno si aspettava; nessuno tra i tifosi, addetti ai lavori o sedicenti tali e soprattutto nessuna tra le due contendenti al trono di Elina Svitolina, regnante da mesi ventiquattro e abdicante dopo la psicodrammatica sconfitta con match point a favore martedì scorso contro Vika Azarenka.

In un contesto finalistico popolato da rivali non necessariamente amanti del mattone tritato, la presenza di Karolina Pliskova desta meno scalpore, per tutta una serie di ragioni: scesa alla posizione numero sette del ranking e per quanto incline al rovescio imprevedibile, la Pliskova destrimane sta tutto sommato cavalcando una stagione solida, che le ha regalato la semifinale a Melbourne, la finale a Miami, il titolo a Brisbane e insomma si può anche cascare peggio, ma il rosso, giocato solo se obbligatorio, rimane per lei un rompicapo di difficile soluzione: nel 2019 i match disputati prima di Roma erano appena due, alla Caja Magica nel doppio incrocio ucraino con vittoria da brividi sulla teen Yastremska e la brutta resa al cospetto di Katerina Kozlova. Poi, all’improvviso, il sole e la trasvolata romana, utile a far guadagnare a Karolina molti complimenti che l’insondabile trampoliera di Louny non trova particolarmente meritati.

 

Non sto giocando il mio miglior tennis, non l’ho fato nemmeno questa settimana. L’unica partita davvero di livello è stata quella contro Vika Azarenka, ma il resto non è stato nulla di speciale. Ieri ho vinto bene contro Maria Sakkari che su terra è difficile da affrontare, ma potrei fare molto meglio“. Per classifica, pedigree e sensazioni diffuse la favorita in una finale dove in pochi si aspettavano di trovarla è proprio lei, ma è proprio lei a esibire un understatement persino troppo spinto. Meno diplomatica e con fare molto più spavaldo si presenta la rivale, presumibilmente sfavorita ma di visioni parecchio più ottimistiche, al limite dell’ingiustificato, penserebbero i più superficiali osservatori dell’ultimo pezzo di carriera di Konta.

Il 2018 della britannica di Sydney è stato l’annus horribilis, e il 2019 per ora non è stato niente di che, anche se le impressioni della diretta interessata divergono da quanto sta scritto su carta e disposto negli archivi. “Ho giocato un gran torneo, ma non sono sorpresissima. Tutti dicono che io non sia una giocatrice da terra ma da ragazzina ho vinto sul rosso i miei primi titoli e mi trovo bene. Se mi aspettavo di arrivare fin qui? Non lo escludevo. A Rabat ho giocato la finale e sin dalla preparazione invernale sento di migliorare ogni giorno di più. La gente tende a guardare solo i risultati, ma anche all’Open d’Australia dove ho perso al secondo turno, per esempio, ho giocato molto bene“.

Lo storico dei precedenti dice cinque a uno Pliskova, ma l’unico su terra si è disputato otto anni fa in un venticinquemila dollari ceco. L’ufficio facce dice Konta, la quale ha svoltato dopo aver rimontato Stephens al secondo turno. I numeri sono con Karolina, ma se la fiducia nel tennis è tutto Johanna può imporre una sfida molto tirata.

Continua a leggere

WTA

La rimonta di Konta ferma la marcia di Bertens: finale a Roma con Pliskova

Kiki Bertens si ferma a due punti dalla finale, stoppata dalla progressione di Konta. Prima finale a Roma per la britannica, che trova Karolina Pliskova

Pubblicato

il

Johanna Konta - Roma 2019 (foto Twitter @InteBNLdItalia)

J. Konta b. [6] K. Bertens 5-7 7-5 6-2

Si arresta in semifinale il percorso di Kiki Bertens verso quello che avrebbe potuto essere il suo secondo titolo Mandatory/Five consecutivo. Dopo un primo set ben giocato nel quale ha imbrigliato Jo Konta con i suoi schemi da fondocampo, sia offensivi sia difensivi, ha perso via via smalto per poi subire la rimonta dell’avversaria dopo che, giunta a due punti dalla sconfitta, si è scrollata di dosso le sue incertezze ed ha sfoderato un terzo set di grande livello.

Entrambi i precedenti a livello WTA si erano disputati sul cemento nord-americano e Kiki avevaconquistato la sfida più recente a Indian Wells di quest’anno. A questa partita l’olandese ci si è presentata dopo aver disputato solamente due match (secondo e terzo turno, tra l’altro nello stesso giorno) con un tempo totale di gioco di circa quattro ore, mentre la britannica ne ha giocate il doppio restando in campo per 7 ore e 3 minuti. 

 

Bertens ha impostato il gioco puntando prevalentemente sullo schema servizio e dritto, le sue due armi principali oltre al back di rovescio, ma Konta oggi particolarmente mobile sul laterale, è riuscita a difendersi così bene de poter spesso crearsi l’occasione per passare al contrattacco. Le sue palle corte di rovescio hanno mandato in crisi la n.4 del mondo (che sul 3-3 è anche scivolata in un tentativo di recupero) e a rete Johanna si è presentata più spesso del solito e si è comportata con grande disinvoltura. Purtroppo per lei, però, è mancata nel momento decisivo, quando ha avuto la chance di servire per il set sul 5-4, anche perché Bertens ha fatto vedere, soprattutto in quel frangente, grandi doti di difesa.

Perso il primo set, Konta ha fallito anche la chance di consolidare il break ottenuto in apertura di secondo parziale dopo essere andata 30-0, ma invece di annegare nei rimpianti durante la pausa avvenuta sull’1-1 per soccorrere uno spettatore in difficoltà sugli spalti, la tennista britannica è riuscita a cancellare le occasioni appena perdute continuando nel suo tennis di pressione. Nonostante due palle break mancate sul 3-3, una delle quali con una palla corta di diritto messa malamente in rete, Konta ha tenuto il servizio sul 4-5, grazie a due punti anche un po’ fortunati (uno smash colpito molto male rimasto sulla riga e un corpo a corpo a rete) ed ha approfittato di un brutto game di battuta di Bertens per piazzare la zampata vincente nel secondo set.

Una volta passata la paura (era stata a due punti dalla sconfitta, e quello smash scentrato avrebbe mandato Bertens al match point) ed equalizzato il punteggio, Konta ha progressivamente ma inesorabilmente preso il comando della partita, portando il suo gioco ad un livello che Bertens ha mostrato di non avere nella giornata specifica. L’unico momento di incertezza nel set finale si è avuto quando nel corso di un recupero Kiki Bertens ha perso il controllo della racchetta che ha colpito un giudice di linea: il giudice di sedia Kader Nouni non ha avuto dubbio nel considerare l’episodio come un’azione di gioco accidentale e il set è continuato normalmente, lasciando che Johanna Konta completasse in grande stile il match otto minuti prima dello scoccare delle tre ore di gioco.

È la prima finale a Roma per Konta, che non aveva mai superato il terzo turno in tre partecipazioni agli Internazionali BNL d’Italia e che per la prima volta arriva all’atto conclusivo di un torneo Premier 5 dopo le due finali ai Premier Mandatory di Pechino nel 2016 e di Miami nel 2017 dove ha vinto il suo titolo più prestigioso. Per Bertens arriva alla fine una cavalcata che le ha regalato il titolo al Mutua Madrid Open e, da lunedì prossimo, il n.3 della classifica mondiale (se Pliskova non alzerà il trofeo domani) alla vigilia di uno Slam che può sicuramente giocarsi da protagonista.

Vanni Gibertini

[4] K. Pliskova b. [Q] 6-4 6-4

La semifinale tra Karolina Pliskova e Maria Sakkari aveva un unico precedente disputato proprio qui a Roma 12 mesi fa il quale non era affatto passato inosservato. Pliskova era uscita sconfitta tra mille polemiche e lei stessa ha ammesso ieri che “persino io non vedeva l’ora che si disputasse questa partita. Già in un paio di tornei recentemente stava per accadere ma lei aveva perso prima, forse aveva paura di affrontarmi.” Poi però ha smorzato i toni riconoscendo il grande valore del tennis fatto vedere dalla n. 39 del mondo, la quale però oggi forse, se non paura, sicuramente ha sentito la pressione.

Sarà stato per via delle condizioni meteo poco favorevoli (cielo grigio, vento, e pioggia che ha interrotto il match in una occasione a metà primo set), o forse per il precedente burrascoso o ancora per il gioco monocorde da fondo che entrambe propongono, fatto sta che la seconda semifinale femminile non ha entusiasmato particolarmente il pubblico romano che ha sonnecchiato tutto il tempo, fatta eccezione per il gruppetto di greci già fattosi sentire nel match di Tsitsipas. Sakkari però, come il suo compatriota, è stata fallosissima e anche la ceca avrebbe avuto altrettanti problemi nel vincere game se non avesse potuto contare su una battuta così efficiente. Karolina infatti guida con leggero distacco la classifica del conteggio degli ace in stagione (247 contro i 246 di Bertens) e oggi l’aiuto arrivatogli con questo colpo è stato a dir poco fondamentale.

Anche quando Maria riusciva a rispondere alla prima della ceca, entrare nello scambio per lei è stato complicatissimo e il suo andamento altalenante non l’ha certo agevolata. Nel primo set sono stati due break in rapida successione ottenuti al rientro in campo dopo la pioggia, mentre nel secondo la zampata decisiva è arrivata nell’undicesimo game con Sakkari che non può certo essere contenta del suo tennis, diametralmente opposto a ciò che aveva fatto vedere meno di 24 ore prima. Una Pliskova non brillantissima quindi diventa la prima ceca dal 1982 a contendersi il titolo a Roma dopo Hana Mandlíková, e per la n. 7 del mondo sarà la quarta finale in un Premier Mandatory/Five in carriera (1-2 il record). Con Konta Pliskovaè in vantaggio 5-1 nei precedenti.

da Roma, Paolo Di Lorito

Continua a leggere

WTA

Pliskova supera Azarenka, anche Konta e Sakkari in semifinale a Roma

ROMA – Karolina Pliskova rimonta un set ad Azarenka e conquista la sua prima semifinale a Roma. In mattina ritiro di Naomi Osaka

Pubblicato

il

Karolina Pliskova - Roma 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

dal nostro inviato a Roma

[4] Ka. Pliskova b. [WC] V. Azarenka 6-7(5) 6-2 6-2

 

Il primo match del tabellone femminile a disputarsi, dopo il ritiro di Osaka in mattinata, è stato il derby est-europeo tra Vika Azarenka e Karolina Pliskova e con la vittoria di quest’ultima il conteggio dei precedenti si è portato sul 4 pari. Quattro delle precedenti sfide erano andate al terzo set, compresa la recentissima di Stoccarda, e anche oggi si è dovuti ricorrere al parziale decisivo. La bielorussa però, dopo aver vinto il primo in rimonta al tie-break ha iniziato ad accusare la stanchezza fisica e mentale accumulatasi nei giorni scorsi e con il passare dei game ha perso sempre più la sua incisività. Pliskova si è dimostrata ancora una volta una giocatrice di grande freddezza nei decider e adesso vanta un record di 14 partite vinte al terzo su 20 giocate; oltre a questo detiene al momento anche il record del maggior numero di ace messi a segno: 239.

Un tifoso in prima fila di tanto in tanto informava i presenti della sua fede calcistica mostrando una bandiera dell’Atalanta (con qualche giorno di ritardo) ma, nonostante fossero in campo delle tenniste della WTA, l’agonismo con il quale queste due hanno affrontato l’incontro ha fatto intendere che a giocare non c’era nessuna dea ma solo due guerriere. Il pubblico del Pietrangeli comunque ha subito mostrato la sua predilezione nei confronti di Pliskova e lei li ha in qualche modo ripagati con una partenza sprint; una sola palla break infatti le è bastata per salire 4-1. Azarenka, arrancando a destra e sinistra, è comunque riuscita a risalire e dopo un ulteriore scambio di break si è imposta 7-5 al tie-break.

Nel secondo set si è rivista la Pliskova di inizio partita e i suoi colpi piatti e tesi si sono rivelati di difficile lettura per la bielorussa. Il servizio di quest’ultima inoltre ha continuato a darle pochissime garanzie (due doppi falli fatali nel game di apertura), mentre con questo colpo Karolina ha fatto le sue fortune chiudendo il parziale 6-2 proprio con un ace. In questa frazione Vika è stata sempre succube della sua avversaria – la quale per altro non ha fatto granché – ma la superiorità, verrebbe da dire di tipo mentale più che fisico, è stata evidente. 
Anche il terzo set purtroppo è stato deciso più dagli errori che dalle belle giocate e anche in questo caso a darsi la zappa sui piedi è stata la n. 51 del mondo: altri due doppi falli, arrivati nel terzo game, le costano il break dal quale non saprà più riprendersi. La finalista del 2013 dunque esce di scena ma lo fa a testa alta dopo aver eliminato la campionessa in carica Svitolina; la n. 7 del mondo invece, alla quinta partecipazione a Roma, supera per la prima volta l’ostacolo dei quarti di finale e attende adesso la vincente di Sakkari-Mladenovic.

J. Konta b. M. Vondrousova 6-3 3-6 6-1

Dopo tre statunitensi (Riske, Stephens, e Venus) Johanna Konta si trova davanti una tennista ceca: la mancina Marketa Vondrousova che ha iniziato sempre più a far parlare di sé grazie ai cinque quarti di finale consecutivi raggiunti, incluso Roma. Sono due le posizioni che le separano nel ranking (44 Vondrousova, 42 Konta) ma i dati anagrafici evidenziano una sostanziale differenza. La britannica, che oggi compie 28 anni, ne ha 9 in più della sua avversaria e di certo le avrà fatto comodo restare in campo un paio d’ore in meno per arrivare fin qui; Vondrousova invece sembra abbonata alle maratone (ha giocato per quasi 7 ore) e anche in questa occasione il terzo set non è mancato.

Nel primo parziale la britannica è riuscita sempre a domare l’esuberanza di Vondrousova chiudendo agevolmente 6-3 ma nel secondo, quando le sue palle corte erano diventate sempre più leggibili e i colpi da fondo molto più fiacchi e spesso fallosi, è emersa la ceca. Le abilità in risposta di Marketa (guida la classifica WTA di percentuali di game vinti in risposta) sono emerse solamente nel secondo set vinto da lei grazie a due break, ancora per 6-3. Nell’ultimo set comunque Vondrousova è completamente sparita dal campo e Johanna l’ha sopraffatta senza problemi per 6-1 tornando a giocarsi una finale ad alto livello da Wimbledon 2017.

[Q] M. Sakkari b. [Q] K. Mladenovic 5-7 6-3 6-0

Difficile dire se sia per via della pressione della posta in gioco, o se si tratti del normale andamento di un match WTA, ma fatto sta che la sfida inedita tra le due qualificate Maria Sakkari e Kristina Mladenovic è stata, per oltre un set, densa di errori gratuiti difficilmente giustificabili. Mladenovic, che già dal terzo turno era l’ultima francese rimasta in corsa dei 10 di partenza (7 uomini e 3 donne) si è arresa subendo un 6-0 nel terzo set, dopo esser stata, all’inizio del secondo set, la favorita dell’incontro. Lei stessa però ha giustificato la cosa in conferenza stampa riconoscendo lo straordinario stato di forma delle sua avversaria (vincitrice recentemente del suo primo titolo della carriera) e facendole apertamente i complimenti.

Il dritto di Sakkari, prima tennista greca a raggiungere la semifinale a Roma, è stato indubbiamente il colpo più efficiente della partita con la francese che per lunghi tratti è stata vittima della fretta (quasi tutti i suoi errori infatti erano evitabili con un minimo di pazienza in più), e spesso ha cercato di uscire dagli scambi con la smorzata. Nonostante l’evidente superiorità tecnica di Kristina, Maria può contare su una maggiore propensione alla lotta e il suo gioco da fondo ha funzionato molto di più. Salvo un prolungato passo falso nel primo set – quando è andata a servire sul 5-3 senza chiudere – la greca ha tenuto imbrigliata la sua avversaria e con due break nel secondo e tre nel terzo si è conquistata meritatamente la seconda semifinale Premier della carriera dopo quella di Wuhan, anche in quel caso da qualificata.

L’ultima qualifica a raggiungere questa fase del torneo qui in Italia invece era stata Daria Gavrilova nel 2015 e Sakkari ci è giunta con la 12esima vittoria stagionale sulla terra; adesso per lei si ripropone la sfida con Karolina Pliskova che proprio qui, 12 mesi fa, era stato palcoscenico di una intensissima polemica. Le quattro semifinaliste dunque sono tutte europee ed è il terzo anno consecutivo a Roma.

Risultati

[6] K. Bertens b. [1] N. Osaka W/O
J. Konta b. M. Vondrousova 6-3 3-6 6-1
[4] Ka. Pliskova b. [WC] V. Azarenka 6-7(5) 6-2 6-2
[Q] M. Sakkari b. [Q] K. Mladenovic 5-7 6-3 6-0

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement