Troppi pensieri nella testa di Naomi Osaka

Flash

Troppi pensieri nella testa di Naomi Osaka

Osaka sulla sconfitta contro Bencic a Madrid: “Non volevo perderci due volte di fila”. Sulla posizione numero 1 nel ranking: “Non va bene pensarci mentre si gioca”

Pubblicato

il

Naomi Osaka - Madrid 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Che Belinda Bencic fosse una giocatrice particolarmente fastidiosa per Naomi Osaka lo si era già visto a Indian Wells, ma se quella sconfitta era stata frutto di una prestazione fin troppo arrendevole da parte della giapponese, quella di giovedì sulla terra spagnola è molto più difficile da decifrare. Anche l’attuale numero 1 del mondo non sa bene dove trovare le motivazioni del suo “crollo” nel terzo set. “Bencic ha giocato dei grandissimi punti quindi non posso dire che si tratti esclusivamente di come mi sono comportata io. Ovviamente ho la sensazione di essere stata negativa con me stessa, ma ho cercato di rimediare alla cosa nel terzo set”.

Uno dei punti di forza della giovane carriera di Osaka è quello di restare sempre presente nei momenti topici delle partite e mantenere alto il suo livello nelle fasi critiche. L’impressione però è che quando qualcosa inizia ad andare storto, a Naomi manchi ancora il carattere necessario per rimettere sui giusti binari l’andamento del match, e anche contro Bencic lo ‘svolazzare’ dei suoi pensieri le è stato fatale. “Nel primo set ero molto concentrata e positiva mentre nel secondo ho cominciato a pensare a tutti gli errori che stavo facendo. Nel terzo parziale invece ho cercato di replicare quanto fatto nel primo e la cosa ha funzionato per un po’. Dopo però ho ricominciato a soffermarmi sugli errori“.

La giapponese, in conferenza stampa, è riuscita tuttavia a osservare il suo comportamento con spirito critico e a individuare un po’ più a fondo quanto le è capitato:È stato diverso dal solito perché quando commettevo uno sbaglio riuscivo solo a pensare a quanto fosse importante quel punto e a come avessi potuto commettere un errore del genere. Normalmente io passo subito al punto successivo cercando di imparare da quanto accaduto in precedenza”. La ragione di questa impossibilità di concentrarsi va ricercata anche nell’avversaria, che rappresentava per lei qualcosa di molto speciale. Oggi nella mia testa c’è stato davvero un dramma” e la motivazione la chiarisce poco dopo.

 

“Mi ero messa a pensare a troppe cose. Nel senso che volevo vincerlo troppo questo match; è ovvio che volevo vincere anche all’Australian Open e allo US Open, ma questa partita la volevo vincere di più perché lei mi aveva già battuta prima e non volevo perderci due volte di fila“. Insomma anche la serissima – in campo – Osaka mostra una sorta di “debolezza” verso le sue avversarie, e non ci tiene a fare troppe brutte figure. Chissà se quella contro la svizzera, anche lei classe ’97, potrà diventare una rivalità degna di nota negli anni a venire. Intanto Naomi continuerà a guardare Bencic e magari anche a tifare per lei perché se vorrà mantenere la testa della classifica mondiale, è necessario che Halep non vinca il torneo.

Anche questo è stato un chiodo fisso nella sua mente: Le persone continuavano a ripetermi che se avessi raggiunto le semifinali qui sarei rimasta numero 1. Quindi volevo raggiungere questo traguardo e ci pensavo anche mentre giocavo, il che non è necessariamente una cosa buona”. Da questa sconfitta dunque, pare che Osaka potrebbe perdere la posizione di numero 1, ma sicuramente potrà trarne più di una lezione.

Continua a leggere
Commenti

Flash

La conferma: Djokovic, Federer e Nadal hanno un gruppo WhatsApp

Esiste una chat da 56 Slam, come confermato dal serbo a Dubai. “Quando siamo attivi rispondiamo un po’ tutti, tra noi c’è enorme rispetto personale e professionale”. Ne aveva già parlato Nadal in Kuwait

Pubblicato

il

Rafael Nadal l’aveva accennato, Novak Djokovic l’ha confermato, Roger Federer – che non si è espresso – non potrà smentire. Esiste un gruppo WhatsApp da 56 Slam, in cui i tre più grandi del tennis contemporaneo chiacchierano tra loro a fine giornata. “Quando siamo attivi rispondiamo un po’ tutti – ha raccontato il serbo da Dubai, dove è tornato in campo dopo l’Australian Open, andiamo molto d’accordo. C’è un enorme rispetto tra di noi, sia per quanto riguarda la vita privata che per gli aspetti professionali. Finché sarà così, ne trarremo beneficio reciproco. Ed è un bene anche per lo sport”. Se parlare di amicizia è probabilmente eccessivo, non può passare indifferente la profonda stima e confidenza condivisa tra campioni protagonisti della più sana rivalità sul campo. Quella tra chi sta scrivendo pagine di storia dello sport moderno.

Azzardando arditi paragoni, sarebbe difficilmente immaginabile qualcosa del genere tra Messi e Cristiano Ronaldo. Come anche tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. Probabilmente perché la questione GOAT nel tennis è diluita dal non essere questione per due e – soprattutto – dall’alto profilo che Djokovic, Federer e Nadal hanno sempre mantenuto all’interno e all’esterno del circuito. Non sbagliando mai una parola, provando anche a educare – di riflesso – i rispettivi tifosi quando vanno fuori strada nei loro accesi dibattiti, soprattutto sulle piazze virtuali. “Cerchiamo di aiutarci l’un l’altro, naturalmente. Più passano i giorni – racconta ancora Djokovic – migliore è la situazione. Vi posso assicurare che, anche quando ci saremo ritirati dal tennis, il nostro rapporto sarà sempre grandioso”.

Il primo a parlare di questa chat era stato Nadal dal Kuwait, dove all’inizio del mese ha inaugurato la sua Academy. “Ci troviamo spesso connessi alla fine della giornata, parliamo la stessa lingua e da tanti anni amiamo moltissimo ciò che facciamo. Abbiamo la responsabilità di promuovere nella maniera migliore il nostro sport in giro per il mondo. Se scherziamo sul record di Slam? No, non scherziamo molto su questa cosa. Ognuno sta facendo il suo percorso. Onestamente, è vero che mi piacerebbe finire con più Slam di chiunque altro, ma per me non è un’ossessione. Sono molto felice della mia carriera. Tra dieci anni, non credo che sarò più felice o meno felice se sarò il primo, il secondo o il terzo”.

Continua a leggere

Flash

Indian Wells 2020, l’entry list delle qualificazioni maschili

Cinque gli azzurri al via: Caruso, Lorenzi, Gaio, Fabbiano e Sinner (al momento fuori di tre posti dal tabellone principale)

Pubblicato

il

Indian Wells 2019 (foto via Twitter, @BNPPARIBASOPEN)

Cinque italiani, guidati da Jannik Sinner, disputeranno le qualificazioni del Masters 1000 di Indian Wells con l’obiettivo di aggiungersi ai cinque già ammessi al main draw: Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Lorenzo Sonego, Stefano Travaglia e Marco Cecchinato (promosso dagli alternates dopo i primi forfait). In caso di ulteriori cancellazioni potrebbe entrare direttamente nel tabellone principale anche Jannik Sinner (al momento fuori di tre posti), mentre è più lontano il neo papà Andreas Seppi, che non è però iscritto alle qualificazioni. Gli altri azzurri che tenteranno l’accesso al torneo californiano passando per il tabellone cadetto sono Salvatore Caruso, Paolo Lorenzi, Federico Gaio e Thomas Fabbiano.

(clicca per ingrandire)

Le entry list aggiornate di Indian Wells

Continua a leggere

Flash

Sinner spopola anche fuori dal campo: è il nuovo global ambassador di Rolex

Dopo i contratti con Nike e Lavazza, un terzo sponsor importante si aggiunge ai guadagni del 18enne italiano

Pubblicato

il

dal profilo Instagram di Jannik Sinner

Il brand Jannik Sinner, che sul campo continua a foraggiare i sogni di grandeur dei tifosi italiani, è sempre più forte anche fuori dal campo. Il 18enne altoatesino ci ha messo appena tre mesi a convincere Nike che fosse il caso di investire su di lui, i tre mesi trascorsi dal trionfo di Bergamo all’annuncio della partnership divulgato a maggio, e sul calare della stagione 2019 è entrato anche a far parte della famiglia Lavazza in qualità di global ambassador.

Stupisce quindi relativamente che il numero 75 del mondo, il più alto in classifica tra i tennisti nati nel 2001, sia stato messo sotto contratto anche dal noto marchio di orologi di lusso Rolex, che come Lavazza gli ha cucito addosso il ruolo di global ambassador. Sinner andrà ad aggiungersi a una lista di tennisti dal pedigree piuttosto ingombrante: oltre a Federer, da anni uomo di punta di Rolex, ci sono Tsitsipas, Raonic, Edmund, Tsonga, del Potro, Dimitrov e Thiem. Tutti hanno raggiunto almeno una semifinale Slam, quattro di loro sono arrivati anche in finale. Al femminile, le ambasciatrici di Rolex sono Kerber, Muguruza, Andreescu e Wozniacki, che ha appena lasciato il tennis professionistico.

Rolex è anche il timekeeper ufficiale di tutti e quattro gli Slam e di tutti e nove i Masters 1000, oltre ad essere il title sponsor dei tornei di Montecarlo, Shanghai e Bercy (questo di acquisizione più recente: nel 2017 è stato firmato un accordo decennale).

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement