Dal Foro Italico: le curiosità della rassegna stampa. Pontedera unisce Tsitsipas e Sinner

Flash

Dal Foro Italico: le curiosità della rassegna stampa. Pontedera unisce Tsitsipas e Sinner

ROMA – La rassegna stampa da Foro Italico di mercoledì 15 maggio

Pubblicato

il

Qui gli altri articoli delle principali testate

È un tris di primi il vero avversario di Federer (Meloccaro – Corriere dello Sport)

 

Avvolto nella consueta nebulosa di luce fortissima, Roger è sceso in terra a miracol mostrare. Anzi, sulla terra, perché ieri mattina ha messo per la prima volta piede al Foro Italico. Le regali estremità hanno calpestato il suolo del Centrale verso le nove di un umido mattico poco primaverile. Il settore inferiore era esaurito in ogni ordine di posti, non male tenendo presente che i cancelli erano ancora chiusi al pubblico. Poi, il discorso del Re. Ovvero media day, RF a disposizione delle TV. massimo tre domande a testa, ma con Roger bastano e avanzano. Nessuno è colloquiale (quasi ciarliero) come lui in simili frangenti. Avercene. Ciao, come stai? Stretta di mano energica e saluto reciproco in italiano, cominciamo bene. Mentre gli mettono il microfono azzardo un cazzeggio sulla cena del giorno precedente, da lui ampiamente documentato sui social. Con occhio sognante ma un po’ pentito, dichiara un tris di primi e un tiramisù finale. Sostiene di aver mangiato troppo. Ribatto che è un atleta, il carboidrato ci sta. Eh, ma sempre troppo resta. Un incrocio successivo con Ivan Ljubicic confermerà che le info erano corrette. La Taverna di Trilussa – fuori c’erano duecento persone ad attenderlo – induce in tentazione pure le divinità. Poi, l’intervista cera e propria. Imperdibili i 3 Tips sulla terra, consigli per giocare al meglio sul rosso. Il terzo in particolare: tirare tre o quattro colpi molto forti e angolati, poi una bella palla corta e chiudere il punto. Semplice no? Certo, risponde, a patto di essere Roger Federer. Suggerisco la tariffa. Possono andare 50 euro per la lezione, Maestro? Stretta di mano e risposta in italiano: vanno benissimo anche 25, grazie! Inimitabile Roger, è già tempo di lasciarti ai francesi. In questo stellare mercoledì romano, con fenomeni – Djokovic, Kyrgios e Fognini tra gli altri – sparsi su tutti i rettangoli del foro, non sarà difficile localizzarti con precisione. Basterà volgere lo sguardo verso l’orizzionte e individuare il punto da cui proviene la nebulosa di luce più forte, ovvio.

Matteo il giovane saggio: pare predestinato (Valenti – La Gazzatta dello Sport)

Abbiamo trovato un nuovo campione? Forse sì, ma esaltiamoci il giusto. Come fa lui, sempre pacato e sereno. Mai sopra le righe anche quando, come è successo ieri, ha mandato in delirio i tifosi del Centrale del Foro Italico battendo il numero 5 del mondo Alexander Zverev. Se è giusto evitare gli eccessi, bisogna dire però che Matteo Berrettini pare un predestinato. Nel suo futuro si intravede la leadership del nostro movimento. Nonostante abbia 23 anni sta giocando questi Internazionali d’Italia con la saggezza di un professionista consumato che sa controllare le emozioni anche nei momenti più difficili. Lui, romano doc, riesce a gestire al meglio l’inevitabile pressione che arriva dal pubblico di casa, una pressione che spesso in passato ha giocato brutti scherzi ai giocatori azzurri. Tutto questo è merito anche del suo allenatore, Vincenzo Santopadre, che lo sta proteggendo nel modo giusto. Berrettini arriva al foro solo per giocare i match. Poi dopo la doccia e le interviste di rito se ne va. Non lo vedrete mai sui campi di allenamento. Preferisce preparare le sfide in un altro circolo della capitale lontano dalla curiosità e dalla passione dei tifosi. Matteo ha un fisico perfetto per il tennis moderno. L’altezza (196 centimetri) gli consente di disporre di un servizio a volte micidiale anche sulla terra rossa. E il dritto è già un colpo di ottimo livello. Dando uno sguardo al tabellone del torneo ha davanti a lui una grossa opportunità. Per farci sognare e tenere alta la febbre azzurra.

Tsitsipas-Sinner, la sfida tra i talenti che Pontedera vide giocare in anteprima (Silvi – Il Tirreno)

C’è un po di Pontedera nel secondo turno degli Internazionali di Roma di tennis. Sulla terra rossa della Capitale si sfideranno Tsitsipas e Sinner. Da una parte il greco, 20 anni e numero 7 del mondo, considerato l’erede dei grandi della racchetta, da Federer a Nadal, a Djokovic. Dall’altra la favola di Jannik Sinner. Originari del Trentino Alto Adige, 18 anni tra poco, si è presentato a Roma da numero 263 al mondo, ma grazie al successo nel primo turno con Steve Johnson, numero 59 della classifica ATP, è destinato a scalare un bel po’ di posizioni. Ma cosa c’entra Pontedera? Semplice. Tutti e due hanno partecipato all’ITF “Città di Pontedera”, appuntamento cardine del circuito professionistico. Per molti la manifestazione tennistica più importante della Toscana. Tsitsipas partecipò all’edizione 2015 entrando grazie ad una wild card concessa dall’organizzazione in virtù della vittoria nel torneo di Santa Croce. A Pontedera perse ai quarti di finale contro Giustino; nei turni precedenti vinse contro Leite e Marti. Sinner, ha giocato a Pontedera nel 2017: vinse al primo turno, 6-3 6-4 al termine di un match tiratissimo, con Leonardo Braccini – pontederese doc, 24 anni, categoria 2.3 (ovvero B3). In un’intervista esclusiva di Tennis World Italia, Massimo Sartori, storico coach di Andreas Seppi, si è espresso proprio sul potenziale di Sinner: “A 17 anni mostra un tennis di livello molto alto e gioca come giocano i professionisti oggi, è questa la sua mentalità. Ciò che più colpisce di lui è la capacità di non mollare mai e rimanere calmo nei momenti clou, un po’ come Seppi.”

Verdasco spettatore non pagante in panchina (Pellegrini Perrone – Corriere dello Sport)

Era tutto pronto per iniziare sul campo 4, i raccattapalle e i giudici erano già nelle loro postazioni, Sara Errani e Martina TYrevisan si stavano apprestando ad entrare in campo per il match di doppio contro Andreja Klepac e Aleksandra Krunic ma nessuna delle giocatrici si era accorta che la panchina di doppio. che sarebbe poi stata usata dalle due italiane, era ancora occupata da Verdasco e Shapovalov che avevano concluso dieci minuti prima il loro doppio. Il motivo? Il tennista spagnolo era ancora impegnato a vedere l’avvincente match tra Tiafoe e Sousa, nelle fasi finali del tie break del terzo parziale, mentre il canadese stava tranquillamente usando il suo smartphone. Nonostante diversi richiami, lo spagnolo non ne ha voluto sapere di abbandonare la sua posizione e se n’è andato solamente dopo la vittoria di Joao Sousa.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Qualificazioni ATP: Sinner dentro a Lione, Sonego passa a Ginevra

Jannik elimina Lamasine in due set e si qualifica per il tabellone principale. Troverà Kukushkin. In Svizzera, Sonego supera Kecmanovic, Fabbiano cede a Dimitrov

Pubblicato

il

Jannik Sinner continua a ritagliarsi spazio con sempre più convinzione anche nel circuito maggiore. Dopo aver onorato al meglio la wild card last minute per gli Internazionali d’Italia, il diciassettenne azzurro ha passato le qualificazioni del torneo di Lione e giocherà dunque per la terza volta nel main draw di un torneo ATP.

Sinner aveva ricevuto dagli organizzatori un invito per il tabellone cadetto e, anche stavolta, ha dimostrato di meritarsi questo onore. Al primo turno ha superato la sesta testa di serie Antoine Hoang in tre set combattuti, mentre ha sudato molto meno al turno decisivo contro Tristan Lamasine (6-4 6-3). Il suo primo avversario nel tabellone principale sarà Mikhail Kukushkin. In caso di vittoria, troverebbe la testa di serie numero uno del torneo, Nikoloz Basilashvili.

 

A Ginevra, continua il buon momento di Lorenzo Sonego che supera in due set tirati Miomir Kecmanovic e centra l’accesso al main draw. Esordirà contro Radu Albot, testa di serie numero 5. Niente da fare invece per Thomas Fabbiano che si è trovato di fronte Grigor Dimitrov, in cerca di match e fiducia. Il bulgaro l’ha spuntata in due set e troverà Federico Delbonis al primo turno.

Continua a leggere

Flash

Le quote della finale di Roma: Nadal favorito su Djokovic

I principali bookmakers vedono favorito lo spagnolo sia per la maggiore attudine alla superficie che per la maggiore stanchezza del serbo

Pubblicato

il

Siamo pronti per l’atto N.54 della sfida più giocata nella storia del tennis Open, i primi due giocatori del mondo Novak Djokovic e Rafael Nadal si ritrovano in finale a Roma 10 anni dopo la prima volta.

I principali bookmakers danno favorito lo spagnolo, 8 volte vincitore di questo torneo, che ha avuto un percorso molto più tranquillo per arrivare in finale, favorito anche dalla programmazione che l’ha sempre visto in campo di giorno nelle ultime due giornate. Nadal ha dominato in sequenza Chardy, Basilashvili, Verdasco per poi vendicare la sconfitta subita da Stefanos Tsitsipas a Madrid.

 

Djokovic viene da due battaglie notturne consecutive contro due argentini: prima del Potro a cui ha annullato match point e poi quella di ieri sera contro Diego Schwartzman che gli ha strappato un set: durata complessiva dei due incontri 5 ore e 32 minuti.

Con poche ore di riposo prima della finale prevista alle ore 16 è normale dunque che Nadal goda dei favori del pronostico:

Saprà il N.1 del mondo sovvertire il pronostico?

Continua a leggere

Flash

Roma, il programma delle finali: Nadal-Djokovic alle 16

Ultima giornata di gioco agli Internazionali d’Italia. Il primo titolo che verrà assegnato sarà quello femminile: alle 13 Konta sfida Pliskova. Si giocano anche le finali del doppio

Pubblicato

il

Con quattro titoli in palio nell’ultima giornata di gioco, giunge a conclusione l’edizione 2019 degli Internazionali BNL d’Italia. Si parte alle 13 con la finale del WTA Premier 5 tra Johanna Konta e Karolina Pliskova (diretta su Supertennis e Sky Sport Arena). Sei i precedenti tra le due, una sola vittoria della britannica: Pechino 2016.

Non prima delle 16 occhi puntati sulla finale dell’ATP Masters 1000 che vedrà opposti, per la 54esima volta, Rafa Nadal e Novak Djokovic (diretta su Sky Sport 1 e Supertennis). Il computo degli head to head vede Nole avanti di tre lunghezze su Rafa, 28 successi a 25 per il serbo, che ha vinto gli ultimi due giocati (semifinale Wimbledon 2018 e finale Australian Open 2019). L’ultimo successo di Rafa risale allo scorso anno, proprio a Roma, in semifinale (7-6 6-3).

 

Sul campo Pietrangeli spazio alle finali del doppio: a contendersi il titolo maschile (a partire dalle 14) saranno Cabal/Farah e Klaasen Venus, a seguire l’ultimo atto del torneo femminile tra Azarenka/Barty e Groenefeld/Schuurs.

Il programma completo

Centraledalle 13
J. Konta vs [4] Ka. Pliskova
non prima delle 16
[1] N. Djokovic vs [2] R. Nadal

Pietrangelidalle 14
[3] J.S. Cabal/R. Farah vs [6] R. Klaasen/M. Venus
non prima delle 15
V. Azarenka/A. Barty vs [8] A.L. Groenefeld/D. Schuurs

I tabellonimaschile – femminile

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement