Rublev ha trovato la luce in fondo al tunnel

Focus

Rublev ha trovato la luce in fondo al tunnel

Ubitennis torna a occuparsi del rapporto fra tennis e depressione, stavolta con l’esempio positivo del russo Andrey Rublev, protagonista di una splendida cavalcata fino alla finale di Amburgo dopo oltre un anno di difficoltà

Pubblicato

il

Andrey Rublev - Twitter @hamburgopen by Witters Sportfotografie

L’account di Instagram Behind the Racquet”, creato dall’americano Noah Rubin, ex-vincitore di Wimbledon juniores, si è fatto rapidamente strada per aver scoperchiato il vaso di Pandora dell’infelicità provata da molti giocatori, spesso travolti dalle aspettative, dall’insoddisfazione, e, perché no, dai debiti, in uno sport che si fonda sulla solitudine e sull’impossibilità di comunicare con il proprio team durante le partite. L’aspetto gladiatorio del tennis, che tanto veneriamo, ha il rovescio della medaglia di non garantire salvagente durante la tempesta, e Rubin sta giustamente tentando di sensibilizzare l’opinione pubblica in questo senso – un trend peraltro in crescita in molte discipline.

Fortunatamente, c’è anche chi riemerge con più tempra dalle avversità, e fra questi c’è il russo Andrey Rublev, casualmente autore dell’ultimo post della pagina e fresco finalista all’ATP 500 di Amburgo, dove si è garantito il ritorno in top 50 da domani (sarà quarantanovesimo), dopo un anno infernale passato a mangiare il pane duro delle qualificazioni a causa di uno stop prolungato dovuto ad una frattura da stress alla schiena.

Andrey l’ha descritto così:

View this post on Instagram

“It was last year when I sadly had a stress fracture in my lower back. It kept me out of competition for three months. It was an incredibly tough time for me which led to some depression. Since the injury was in my back I wasn’t allowed to do anything for the first two months. I had more free time than I ever had and I didn’t know what to do with it all. I missed the sport so much and all I wanted to do was compete. I clearly remember nothing else at the time was making me happy. It truly was one of the toughest moments of my career. I was born to compete and now I couldn’t and that’s where moments of depression came from. I would try to not keep up with any results from tournaments. Any time I did, by accident, it would make me really upset to see other players doing something I couldn’t at the time. I am here at home doing nothing while they are doing their best and improving. I had to continue to wait for the bone to heal to do even a little rehab. I just wanted to do a little fitness but it was killing me that there was absolutely nothing I could do. While I began to watch matches I almost got that same feeling of competition that I would get from playing, but then it would be overtaken by sadness when I knew it would be some time until I could do it again. There were definitely moments when I would be doing minor rehab and forget all these problems but it would always come back. I would watch a match and realize just how long the road to recovery is and how much longer until I am back on court. It made me want to be back on court more than anything.”

 

A post shared by Behind The Racquet (@behindtheracquet) on

“Sfortunatamente, lo scorso anno mi sono procurato una frattura da stress nella parte bassa della schiena che mi ha tenuto fuori dalla competizioni per tre mesi. È stato un periodo veramente duro per me, infatti ho iniziato a sentirmi un po’ depresso. Dato che l’infortunio era alla schiena non mi era consentito fare niente per i primi due mesi. Mi sono ritrovato con molto più tempo libero di quanto ne avessi mai avuto e non avevo idea di come usarlo. Mi mancava terribilmente il gioco, tutto quello che volevo era poter competere. Ricordo chiaramente che in quel momento nient’altro mi rendeva felice. È stato davvero uno dei momenti più duri della mia carriera. Sono nato per la competizione ma in quel momento mi era stata portata via, ed è da lì che sono arrivati i momenti di depressione. Provavo a non aggiornarmi sull’andamento dei tornei. Ogniqualvolta, per sbaglio, mi capitasse sotto gli occhi una partita, mi infuriavo nel vedere altri giocatori che facevano quello che io non potevo fare. Pensavo: “Sono qui a casa a far niente mentre loro stanno migliorando e dando il massimo”.

Anche solo per poter fare un po’ di riabilitazione, dovevo continuare ad aspettare che l’osso guarisse. Volevo soltanto fare un po’ di preparazione fisica, ma non potevo fare neanche quella, non potevo fare assolutamente niente. Quando iniziavo a guardare delle partite riprendevo quasi lo stesso stimolo competitivo che ho quando gioco, ma poi questo veniva sostituito dalla tristezza, perché sapevo che ci sarebbe voluto un po’ prima di poter ricominciare per davvero. Di sicuro c’erano dei momenti in cui la riabilitazione mi faceva dimenticare i miei problemi, ma la tristezza tornava sempre. Guardavo una partita e mi rendevo conto di quanto sia lunga la strada verso la guarigione, e di quanto ci sarebbe voluto prima di tornare in campo. Quella sensazione mi faceva desiderare di tornare a giocare più di qualunque altra cosa”.


Molti tifosi italiani l’avranno visto giocare alle NextGen ATP Finals di Milano, dove è stato protagonista di entrambe le edizioni finora disputate, con un secondo e un terzo posto. Ma anche per chi l’avesse visto solo in televisione, il giovane russo, che compirà 22 anni a ottobre, è un tennista inequivocabilmente distintivo: ha l’aria di un bambino triste e malnutrito (pesa 70 chili spalmati ingenerosamente su 188 centimetri), è pallido e provvisto di due borsoni da spiaggia sotto gli occhi, ma quando inizia a giocare diventa una belva.

Molti dei giovani contemporanei sembrano essere impostati su un tennis allergico ai ritmi sincopati e alla fase difensiva, e Rublev non fa eccezione, ma c’è qualcosa di romantico nel vedere un ragazzo che sarebbe dato per sfavorito in un braccio di ferro con Kate Moss tirare dei dritti di una pesantezza ‘Delpotresca’ da ogni parte del campo, frutto di una flessibilità datagli dalla grande passione per il pugilato, sport praticato in gioventù dal padre. Infatti il suo amico Denis Shapovalov, altro esemplare di anarchico benedetto, ha affermato in un’intervista che Rublev è persino più elastico di lui, aggiungendo scherzosamente che con ogni probabilità da bambino camminava sulle mani.

Come per ogni eroe romantico, però, la sua forza è anche stata il principale motivo delle sue pene: come affermato dal suo coach, Fernando Vicente, un fisico tanto gracile soffre l’equivalente di un colpo di frusta, però full body, per la violenza dei suoi colpi, e questa è stata la causa del suo infortunio. Inoltre, è abbastanza evidente che un tennis di violento e cieco abbandono richieda certezze mentali, certezze che con l’infortunio sono venute a mancare per mesi, facendolo precipitare in meno di un anno dal N. 31 al N. 115.

Andrey Rublev – Australian Open 2018 (@RDO foto)

Rublev, che fa base in Spagna, era assurto alle cronache quando, da lucky loser, era andato a vincere ad Umago nel 2017, battendo tra gli altri Fognini e Lorenzi. Aveva poi confermato la propria ascesa diventando il primo NextGen a fare i quarti in uno Slam a New York, dove, prima di essere annichilito da Nadal, aveva battuto nettamente Dimitrov e Goffin, poi finalisti al Master di pochi mesi dopo. L’inizio del 2018 era stato altresì promettente, con la finale raggiunta a Doha contro Monfils, un combattuto terzo turno a Melbourne (di nuovo contro Dimitrov) e altri due quarti di finale a Montpellier e Rotterdam, prima che iniziassero i problemi fisici, e con loro la depressione e la frustrazione nel vedere i suoi gemelli Medvedev e Khachanov che lo superavano nel ranking e raggiungevano la top 10.

La finale di Amburgo, seppur persa contro Basilashvili, dall’attitudine per certi versi pure più integralista, è arrivata in tandem con lo scalpo più prestigioso della carriera, quello di Dominic Thiem, quarto miglior giocatore del mondo (ma secondo sulla terra), battuto al suo stesso gioco di pulizia delle righe. Un tale risultato non potrà che ridargli fiducia, magari portandolo alle vette che molti, dopo la vittoria al Roland Garros juniores del 2014, vaticinavano per lui. Il suo gioco necessita di qualche miglioria (vedi una seconda più affidabile e qualche variazione in più, specie con la risposta bloccata, questa sconosciuta), ma il talento, paragonabile se non superiore a quello dei suoi compatrioti, non è mai stato in discussione, e soprattutto, dopo quello che ha passato, Andrey Rublev potrà sentirsi ancora più fortunato per ogni minuto passato a competere sul campo, dove vuole essere e dove, salvo imprevisti, avrà la possibilità di rimanere per molto tempo.

Tommaso Villa

Continua a leggere
Commenti

ATP

La Francia domina a Metz, Bedene l’intruso

Tre semifinalisti su quattro sono transalpini. Pouille e Tsonga si affronteranno in un derby. Paire sfiderà lo sloveno Bedene, con il quale ha litigato agli US Open

Pubblicato

il

Benoit Paire - Winston-Salem 2019 (via Twitter, @WSOpen)

10 delle 16 edizioni del torneo ATP di Metz sono state vinte da giocatori di casa. E anche quest’anno ci sono altissime probabilità che quest’eventualità si ripeta. Il 75 per cento per l’esattezza, considerato che 3 dei quattro tennisti approdati in semifinale sono francesi. Si tratta di Benoit Paire, Lucas Pouille e Jo-Wilfried Tsonga, in ordine di classifica. Pouille ha già vinto il torneo una volta nel 2016, Tsonga ha addirittura trionfato per tre volte a Metz (2011, 2012, 2015). A tentare di rompere le uova nel paniere transalpino, ci sarà lo sloveno Aljaz Bedene, n.76 del ranking ATP. 

L’intruso balcanico ha sorpreso nei quarti finale lo spagnolo Pablo Carreno Busta, che a sua volta aveva eliminato al secondo turno il primo favorito del seeding David Goffin. Bedene si è imposto con il punteggio di 6-4 7-5 in poco meno di un’ora e mezza di partita. A decidere l’incontro sono stati due break, rispettivamente nel settimo e nel dodicesimo gioco dei due parziali. Nella sua ottava semifinale a livello ATP in carriera, la seconda in questa stagione dopo quella ottenuta a Rio, lo sloveno sfiderà Benoit Paire. 

Da parte sua, l’imprevedibile tennista di Avignone ha rispettato pienamente l’onore dei pronostici nel derby contro Gregoire Barrere, imponendosi per 7-6 6-4. Partenza a rilento per Paire che è andato sotto 3 a 0 nel primo parziale. Il n.3 del seeding ha poi recuperato e si è imposto per 7 punti a 4 nel tie-break. Il secondo set sembrava avviato verso lo stesso esito ma nel non gioco Barrere  ha perso il servizio e regalato il match al suo avversario. Tra Paire e Bedene c’è un precedente freschissimo, quello del secondo turno degli US Open, vinto al tie-break del quinto set dal tennista di Lubiana, dopo aver rimontato due set di svantaggio. L’incontro è stato segnato dal nervosismo, con il francese che alla fine si era rifiutato di stringere la mano al suo avversario. Insomma, potremmo vederne delle belle nella semifinale di Metz.

 

Ben meno acrimonia ci dovrebbe essere nella semifinale della parte bassa tra Pouille e Tsonga. Il primo si è guadagnato l’accesso nei top 4 del torneo grazie al sofferto successo in tre set sul serbo Filip Krajinovic. Primo set vinto da Krajinovic per 6-4 grazie ad un break nel terzo gioco, con Pouille che ha fallito diverse occasioni per rifarsi sotto. Il giocatore francese sembrava avviato alla sconfitta dopo aver perso il servizio nel settimo gioco del secondo parziale.  Pouille ha però subito realizzato un contro-break ed è poi andato a conquistare il set per 7-5. Forse demoralizzato, Krajinovic ha lasciato campo libero al suo avversario nel parziale decisivo, perso per 6-2. 

Tsonga ha invece approfittato del ritiro del secondo favorito del torneo, il georgiano Nikoloz Basilashvili, sul 4 a 1 in proprio favore nel terzo set. Il veterano di Le Mans aveva in precedenza perso il primo set per 7-5 e perso il secondo per 6-3. I precedenti tra i due francesi sono sul due pari, con Pouille che ha vinto gli ultimi due faccia a faccia. 

Risultati:

A. Bedene b. P. Carreno Busta 6-4 7-5
[3] B. Paire b. [WC] G. Barrere 7-6(4) 6-4
[4] L. Pouille b. F. Krajinovic 4-6 7-5 6-2
J.W. Tsonga b. [2] N. Basilashvili 5-7 6-3 4-1 rit.

Il tabellone completo

Continua a leggere

Focus

Podcast Off-Court: l’estate sta finendo… ma il tennis non se ne va

Torna l’appuntamento settimanale con la consueta chiacchierata transoceanica tra i nostri inviati Vanni Gibertini e Luca Baldissera

Pubblicato

il

Vanni Gibertini (a sinistra) e Luca Baldissera (a destra) se ne vanno da Indian Wells alla fine del torneo

Dopo l’intensa estate nordamericana sul cemento culminata con lo US Open, Vanni Gibertini e Luca Baldissera sono tornati a casa e osservano il circuito da lontano. Bianca Andreescu è tornata in Canada da trionfatrice mentre Novak Djokovic è alle prese con un fastidio alla spalla che potrebbe tenerlo fermo per qualche tempo. Intanto Roger Federer, recuperato il problema alla schiena che lo ha frenato a New York si appresta a giocare nella “sua” Laver Cup e annuncia di aver già programmato i suoi prossimi tornei fino a Wimbledon 2020, strizzando l’occhio alle Olimpiadi per le quali avrà bisogno di una wild card. La ATP Cup ha iniziato a far vedere i muscoli alla Coppa Davis, che aprirà l’assurda parata di competizioni a squadre il prossimo novembre, mentre l’All England Club si è dato da fare per assicurare la sopravvivenza dell’erba come superficie del circuito.

Continua a leggere

Focus

Laver Cup: Sock domina Fognini. Da Tsitsipas arriva il 2-1. Poi 3-1 e… tutti pazzi per Federer

Jack Sock vince il primo match del 2019. Tsitsipas supera Fritz e regala il secondo punto al Team Europa. Federer mania al Palexpo. Roger e Zverev vincono in doppio

Pubblicato

il

Team Europe – Team World 3-1 (dalla nostra inviata a Ginevra)

J. Sock [W] b. F. Fognini [E] 6-1 7-6(3)

Partenza lampo per Jack Sock che, in 30 minuti esatti, stordisce Fognini con un perentorio 6-1. Facce cupe e musi lunghi nella panchina del Team Europe che forse non si aspettava un Fognini così in difficoltà nel primo parziale e un Jack Sock così centrato.

 

Ora l’azzurro tenta di far muovere l’americano, variando i colpi e cercando di ritrovare buone percentuali al servizio. Il secondo set è molto più equilibrato, con Fabio e Jack che giungono sul 3-3. La lotta si fa serratissima sul 5-5 con Fognini che riesce a portarsi sul 6-5. Alle sue spalle, tanti consigli che valgono la bellezza di 39 Slam. Rafa e Roger infatti continuano ad incitarlo e a parlargli al cambio campo: “No more negatives. Be positive” gli dice Federer e, se lo dice lui, non si può far altro che eseguire. Le parole dei due campionissimi fanno effetto ma anche Sock non è da meno che tiene con autorità il proprio servizio per assicurarsi il tie-break.

"No more negatives." No pressure Fabio Fognini!Roger Federer | Rafa Nadal | #TeamEurope

Pubblicato da Laver Cup su Venerdì 20 settembre 2019

L’americano continua a produrre un tennis al fulmicotone e, con un dritto lungolinea fulmineo, sale 2-1. Fognini pareggia sul 2-2. Ancora un errore di troppo per l’azzurro che consegna un minibreak all’americano che si allontana a sua volta sul 4-2 grazie al suo solito servizio travolgente. Continua ad attaccare Jack Sock, senza paura, facendo felice il compagno di squadra Kyrgios che non smette di saltare e incoraggiarlo.

Un sanguinoso doppio fallo di Fabio concede il primo matchpoint allo statunitense che ne approfitta subito e, con lo score di 6-1 7-6(3), il Team World, per ora, pareggia i conti sull’1-1. Ottima prestazione di Jack che, attualmente sceso al n. 210 del ranking (è stato n. 8 ATP), vince oggi il suo primo match dell’anno. C’è da dire che, nel 2019, aveva partecipato finora soltanto a quattro tornei: l’Australian Open, Atlanta, Washington e lo US Open (0-4 in stagione).

Sono fortunato ad essere qui” ammette Fabio, “e mi sto godendo ogni momento. Nel match ci ho provato al 100%. Ho avuto le mie chance ma quando giocavo bene sembrava che lui riuscisse a giocare ancora meglio”.

Si dice che in cucina, ci deve essere un solo cuoco” afferma un giornalista rivolto a Borg, “non pensi che allora avere contemporaneamente quattro persone che danno consigli possano confondere il giocatore?“. “In realtà Rafa e Roger hanno giocato mille volte con Fabio” risponde il capitano svedese, “loro conoscono benissimo il suo tennis, così come conoscono bene il suo avversario; in questo caso quindi potevano consigliarlo meglio di me“.

Se Rafa, Roger e Björn sono accanto a me per darmi consigli, devo aprire le orecchie e devo solo stare ad ascoltare” ammette l’azzurro. “Non capita ogni settimana questa possibilità, avere i consigli di giocatori che sono le leggende del nostro sport. Io dicevo loro che non riuscivo ad avere buone sensazioni durante il gioco, soprattutto sulla risposta di rovescio e che non vedevo bene la palla. È strano, perché di solito la risposta è uno dei miei colpi migliori”. 

S. Tsitsipas [E] b. T. Fritz [W] 6-2 1-6 10-7

Nel terzo singolare della giornata, due avversari – Stefanos Tsitsipas e Taylor Fritz – all’esordio in Laver Cup. Il greco rompe il ghiaccio nel migliore dei modi poiché domina nettamente il primo set, conquistandolo con un rapido 6-2. Ottimo al servizio, Stefanos vanta il 93% di punti con la prima e mette a segno 25 punti a fronte dei 15 dell’americano. Ma l’inerzia del match si ribalta rapidamente. Uno scatenato Fritz si fa sempre più aggressivo, prende il controllo dell’incontro e, nel secondo parziale, vola in vantaggio sul 5-1 procurandosi due setpoint; il primo è quello buono, Taylor spinge inducedo all’errore l’avversario e, in 30 minuti, gli infligge un severo 6-1 .

Sarà il super tie-break a decidere le sorti della terza partita di questo Day 1. È Tsitsipas a procurarsi i primi vantaggi, salendo 3-1. Pazienza e colpi angolati gli permettono di allungare il passo sul 5-2. Ma anche lo statunitense dimostra precisione e fiducia; non sbaglia e si assicura il pareggio sul 5-5, per la disperazione di Nadal, che soffre in panchina. Sale ancora, 6-5. Il pubblico è acceso più che mai, gli spalti sono gremiti, anche nell’attesa di assistere alla performance di Federer in doppio, in coppia con Zverev.

Stefanos sale nuovamente in vantaggio, 9-7. È il suo momento perché alla prima occasione chiude 10 a 7 e assicura il secondo punto al Team Europe che conduce 2-1. Ora in campo Roger Federer insieme a Sasha Zverev; dall’altra parte della rete Jack Sock e Denis Shapovalov. Il duo del “Resto del mondo” parte favorito contando un doppista d’eccezione come l’americano.

R. Federer/A. Zverev [E] b. J. Sock/D. Shapovalov [W] 6-3 7-5

Nel programma di oggi Roger Federer giocava solo in doppio ma i suoi fan non hanno voluto perdersi neanche un punto del loro idolo. Autobus pieni nel pomeriggio, con tifosi svizzeri e da ogni parte del mondo che rispondono presente quando Roger chiama. Dai ragazzini alle signore più anziane, tutti pazzi per lui, con tanto di bandierine rossocrociate, cappellini e sciarpe di Federer e per le signore anche gli orecchini con tanto di logo “RF”. Del resto i biglietti sono andati a ruba fin da subito, con prenotazioni effettuate già un anno fa, non appena è stata rivelata la sede di Ginevra per il 2019.

Sugli spalti il pathos è a mille per il duo Roger/Sascha, che porta a casa il primo set con lo score di 6-3. Nel secondo parziale il Maestro e l'”allievo” si complicano un po’ la vita perché Shapovalov e Sock si procurano ben sei set point. Ma non vanno a segno perché la coppia europea si salva pareggiando sul 5-5. Non solo. Sale in vantaggio, con Roger e Sasha che stringono i pugni e vanno a prendersi il terzo punto della giornata chiudendo 6-3 7-5 nel boato del pubblico del Palexpo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement