Camila Giorgi annulla quattro match point, va in finale al Bronx Open

Italiani

Camila Giorgi annulla quattro match point, va in finale al Bronx Open

L’italiana batte Qiang Wang, numero uno del torneo, dopo aver sfiorato la sconfitta in quattro occasioni. Seconda finale nel mese di agosto, affronterà Linette

Pubblicato

il

Due ore e quaranta minuti, tre set, trentatré giochi, duecentotré punti giocati: a Camila Giorgi alla fine ‘basta’ vincerne uno in più di Qiang Wang (107 a 106) per raggiungere la finale del Bronx Open e assicurarsi il ritorno in top 50. La marchigiana giocherà dunque il secondo match per il titolo in meno di un mese, dopo la netta sconfitta di Washington contro Jessica Pegula. Wang era la prima testa di serie del Bronx Open, nuovo torneo di categoria International che si svolge a New York da quest’anno in preparazione agli US Open.

Si è trattato del secondo match durissimo per Camila questa settimana, dopo le copiose gocce di sudore versate per eliminare la mai doma Petkovic agli ottavi di finale. Una semifinale dai ritmi più rapidi, nel quale i servizi non sono praticamente mai stati un fattore (ben sedici break nell’arco dei tre set, equamente distribuiti). Un fattore, quello sì, sono stati i nervi d’acciaio necessari a Camila per annullare quattro match point: uno sul 5-4, ben tre consecutivi nel tie-break decisivo. L’italiana si è infatti trovata sotto 6-3 prima di piazzare un parziale di cinque punti consecutivi e ribaltare tie-break, set e semifinale. Wang è sembrata come paralizzata negli ultimi minuti di partita, e si è congedata dal torneo con un rovescio incrociato appena lungo. Per onore di cronaca, un match point l’aveva fallito anche Giorgi prima di convertire quello che le ha consegnato il pass per la finale (sul 6-5, in risposta).

LA PARTITA – Il primo set lo aveva vinto la cinese, resistendo all’infruttuoso tentativo di contro-rimonta di Giorgi che, passata in vantaggio 2-0, era finita sotto 5-2 per poi riuscire a ricucire solo fino al 5-4. Con sei prime su dieci fuori dal campo, in ogni caso, appariva parecchio problematico il tentativo di Giorgi di risolvere la questione potendo contare solo sullo scambio da fondo e su qualche tentativo di risposta aggressiva. Nel secondo set Giorgi partiva ancora col piglio giusto, portandosi avanti 2-0, salvo ritrovarsi ancora ‘da capo a dodici‘ per colpa di un servizio decisamente inaffidabile. Dopo un altro sciagurato scambio di break, apparivano però come una chimera i due game di servizi consecutivi tenuti da Giorgi per salire 5-4 e mettere finalmente un po’ di reale pressione nel punteggio alla cinese. Che infatti l’avvertiva, e al primo set point a sfavore si lasciava irretire da una risposta bloccata e falliva il dritto.

Il terzo set è sostanzialmente girato attorno a quei quattro match point, due dei quali annullati da Camila con altrettanti colpi vincenti: il primo con un coraggio rovescio, l’ultimo – quello valido a firmare il 6-6 nel tie-break – con una precisa volée a concludere uno scambio d’attacco condotto con molta attenzione. Terza vittoria su tre scontri diretti per Giorgi contro Wang, dopo gli incroci di Praga e Shenzhen nel 2017.

Camila giocherà adesso contro la polacca Magda Linette (unico precedente Katowice 2015, vittoria di Giorgi) la seconda finale in stagione, che come detto è anche la seconda nel mese di agosto. Proverà a vincere il terzo titolo in carriera. La tennista italiana è già sicura di raggiungere la 48esima posizione in classifica, ma può salire ala posizione 44 vincendo il torneo. 

Il tabellone completo del Bronx Open

Continua a leggere
Commenti

Italiani

L’aria di Parigi fa bene a Cecchinato: grande vittoria contro De Minaur. Avanti anche Travaglia

Marco ritrova buone sensazioni e vince una gran partita contro l’australiano. Travaglia domina Andujar e troverà Nishikori

Pubblicato

il

Il tabellone completo e aggiornato con tutti i risultati

Grande prestazione e grandissima vittoria per Marco Cecchinato che contropronostico supera in tre set Alex De Minaur. Finalmente si è rivisto in campo una versione davvero convincente dell’italiano che sulla terra e su questi campo in particolare riesce a dare il meglio di sé. Nella partita odierna poi ha funzionato tutto alla perfezione: i colpi giravano a meraviglia, buoni riscontri sono arrivati anche dalla tenuta fisica e soprattutto mentale. Più e più volte si è infatti trovato sotto nel punteggio o comunque in situazioni delicate, ma è sempre riuscito a cavarsela. Dall’altra parte della rete De Minaur, che tutto sommato è un cliente difficile anche sulla terra, ha giocato una buonissima partita per due set, rischiando di vincere il primo e di andare a servire per chiudere nel secondo. Una volta trovatosi sotto due a zero però l’australiano si è sciolto consegnandosi senza condizioni al proprio avversario. Cecchinato tornerà dunque a giocare un secondo turno Slam per la seconda volta in carriera, a due anni di distanza da quel magico Roland Garros 2018. In quell’occasione, superato il primo ostacolo, arrivò fino in semifinale. Decisamente irrealistico immaginare che quest’anno possa spingersi così in là, ma intanto l’occhio si sposta sul prossimo turno abbordabile contro il vincente della sfida tra Juan Ignacio Londero e Federico Delbonis.

IL MATCH – Cecchinato parte decisamente bene: il dritto viaggia e il feeling con la smorzata sembra quello dei tempi migliori. Di là però De Minaur come suo solito non molla una palla e gestisce molto bene gli scambi. L’ottima difesa dell’australiano, cresciuto tennisticamente in Spagna, ben si coniuga con la terra rossa e la partita si fa sin da subito molto lottata. De Minaur va avanti di un break, ma si fa riprendere. Cecchinato rincorre sempre nel punteggio, ma dal punto di vista del gioco non sembra così distante dal proprio avversario, anzi. L’australiano va due volte a servire per il set, sul 5-4 e sul 6-5, ma entrambe le volte trema e finisce col cedere la battuta. Si approda dunque al tiebreak. Ceck scappa due volte avanti di un minibreak, prima con smorzata poi con un doppio fallo De Minaur. Si fa però recuperare e con due risposte sbagliate da lontanissimo, manda l’avversario a set point. L’azzurro l’annulla col dritto e manca a sua volta una palla del set. Da ora si gioca sul filo del rasoio: set point De Minaur (risposta in rete), set point Ceck (buona combo servizio&dritto di De Minaur). Finalmente però Marco riesce a ottenere un minibreak e può così giocarsi il set point col servizio a disposizione. Un ottimo dritto incrociato sigilla il primo parziale dopo 63 minuti di gioco.

Il rocambolesco set perso probabilmente rimbomba ancora nella testa di De Minaur che con due brutte palle corte rischia di perdere subito il servizio. L’australiano però si salva ed è anzi il primo a trovare il break, salvo poi restituirlo subito. Il match è decisamente divertente e da entrambe le parti si vedono colpi pregevoli. De Minaur prova un po’ più spesso soluzioni tattiche diverse rispetto al primo set, tentando anche qualche buona discesa a rete, ma la sensazione generale è che sia un po’ perso nel menu dei colpi. Nonostante questa indecisione di fondo, l’australiano si porta avanti 4-3, senza break. Nell’ottavo e nel nono game si decide il secondo set e, di fatto, la partita. Cecchinato infatti è costretto ad annullare ben 4 palle break e dopo undici minuti riesce a impattare sul 4-4. Il gioco successivo è praticamente un set dentro al set: ci vogliono venti minuti, 34 punti e 11 palle break, ma alla fine Cecchinato riesce a strappare il servizio a De Minaur, perfetto nei momenti di massimo rischio, ma generalmente impreciso, troppo per non pagare dazio. Marco tiene a 15 il successivo turno di servizio e dopo quasi due ore e mezzo si trova avanti due set a zero.

 

La partita si chiude qui. De Minaur non ha più le energie fisiche e mentali per tentare la rimonta e si limita a scortare Cecchinato verso la vittoria. In appena 26 minuti, l’azzurro sforna un bel bagel, forse conclusione troppo severa per una partita davvero emozionante, ma giusto premio per l’ottima prestazione di Marco.

OK TRAVAGLIAVittoria agevole per Stefano Travaglia che regola in tre set Pablo Andujar, senza di fatto mai soffrire troppo. Il successo assume contorni ancora più dolci e soddisfacenti se si considera la caratura dell’avversario, che non sarà più al suo meglio ma è comunque un ex numero 32 del mondo con quattro titoli in bacheca (tutti su terra peraltro). La partita non è mai stata in discussione e il merito è solo di Travaglia, che ha comandato gli scambi col dritto e ha coperto il campo alla perfezione. Sotto di un break nel primo set, l’azzurro ha infilato un parziale di cinque giochi a uno che gli permette di intascare il primo set col punteggio di 6-3. Nel secondo set invece, Travaglia ha difeso senza patemi il break conquistato nel terzo game. Nel terzo parziale, l’italiano ha dato prova di tutta la sua solidità e sicurezza: sotto 4-2 non si è lasciato turbare dallo svantaggio e con quattro giochi di fila si è guadagnato l’accesso al secondo turno, dove affronterà Kei Nishikori.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros 2020, il sorteggio dei qualificati: Cecchinato pesca De Minaur, derby Trevisan-Giorgi

Svelati gli accoppiamenti dei giocatori qualificati allo Slam parigino: Giustino se la vedrà col francese Moutet, Errani con Puig. Conoscono i nomi dei loro avversari anche Sonego e Seppi

Pubblicato

il

Marco Cecchinato - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Si sono completati ieri gli ultimi turni di qualificazione al Roland Garros che hanno decretato i 28 tennisti che andranno a completare i tabelloni principali, 16 in quello maschile e 12 in quello femminile. Il primo nome da andare a cercare per gli appassionati del tennis tricolore è quello dello sfidante di Lorenzo Sonego. Il giocatore torinese, alla seconda apparizione nel main draw di Parigi e ancora alla ricerca di una vittoria, esordirà contro Emilio Gomez (28 anni, n. 155) e partirà da favorito. A sfidare un qualificato sarà anche Andres Seppi: il suo avversario al primo turno sarà lo statunitense Sebastian Korda (20 anni, n. 211).

Chi invece si appresta a giocare il primo turno con già degli incontri nelle gambe è Lorenzo Giustino. Il 29enne napoletano ha superato i tre turni di qualificazione – battendo nell’ultimo match il funambolico Dustin Brown – e adesso affronterà il tennista di casa Corentin Moutet. Nonostante la classifica parli chiaro (n. 70 il francese, n. 156 l’italiano) sappiamo quanto possa essere difficile emotivamente giocare un torneo davanti al pubblico di casa e riuscire a bissare il secondo turno dello scorso anno non sarà facile per Moutet. L’altro italiano uscito con successo dal tabellone cadetto è Marco Cecchinato (27 anni, n. 110) che non ha perso un set nei tre match di qualificazione. Il ritrovato ex semifinalista del Roland Garros verrà ora messo a dura prova dal talento del giovane Alex De Minaur, testa di serie numero 25.

Gli altri giocatori ad essersi conquistati un posto passando dalla porta di servizio sono:

– Liam Broady (26 anni, n.206) contro Jiri Vesely
– Daniel Altmaier (22 anni, n.184) contro Feliciano Lopez
– Nikola Milojevic (25 anni, n.143) contro la tds n. 26 Filip Krajinovic
– Henri Laaksonen (28 anni, n.135) contro Pablo Cuevas
– Tomas Machac (19 anni, n.252) contro la tds n. 27 Taylor Fritz
– Jurij Rodionov (21 anni, n.169) contro Jeremy Chardy
– Michael Mmoh (22 anni, n.177) contro Pierre-Hugues Herbert
– Benjamin Bonzi (24 anni, n.225) contro Emil Ruusuvuori
– P. Martinez (23 anni, n.105) contro il qualificato A. Vukic (24 anni, n.190)
– Steven Diez (29 anni, n.180) contro Mackenzie McDonald

Menzione a parte merita Jack Sock, attuale n. 302 del mondo. Lo statunitense, certamente non un esperto della terra battuta, ha superato le qualificazioni perdendo un solo set e vincendo tre tie-break, e adesso si è conquistato il derby a stelle e strisce col connazionale Reilly Opelka, ancor meno specialista di lui su questa superficie. Oltre a questi 16 nomi, vanno aggiunti quelli dei lucky loser, perdenti fortunati che sono stati ripescati dopo il ritiro di qualche altro giocatore. In questo torneo sono stati in tre ad avere questa sorte: uno è il 31enne taiwanese Jason Jung che affronterà Federico Coria (fratello del finalisto Guillermo); poi c’è Marc Polmans, 23enne n. 122 che affronterà Ugo Humbert; e infine a difendere i colori della Colombia ci sarà Daniel Elahi Galan Riveros (24 anni, n. 152) che affronterà Cameron Norrie.

Tabellone completo (conserva il link: lo aggiorneremo quotidianamente)

 

Tra le donne sono due le atlete azzurre ad aver superato le qualificazioni: Sara Errani e Martina Trevisan. La prima, che qui nel 2012 raggiunse la finale, affronterà al primo turno la campionessa olimpica Monica Puig, attuale n. 98. Trevisan invece (26 anni, n. 159) al suo esordio al Roland Garros, affronterà in un derby tricolore Camila Giorgi.

Le altre ad essersi qualificate sono:

– Barbara Haas (24 anni, n. 143) contro Su-Wei Hsieh
– Kamilla Rakhimova (19 anni, n. 189) contro Shelby Rogers
– Renata Zarazua (22 anni, n. 178) contro la wild card Elsa Jacquemot
– Nadia Podoroska (23 anni, n. 131) contro Greetje Minne
– Varvara Lepchenko (34 anni, n. 183) contro Barbora Strycova
– Marta Kostyuk (18 anni, n. 119) contro Nao Hibino
– Clara Tauson (17 anni, n. 187) contro Jennifer Brady
– Monica Niculescu (33 anni, n. 141) contro Danielle Collins
– Irina Maria Bara (25 anni, n. 142) contro Donna Vekic
– Mayar Sherif (24 anni, n. 172) contro la tds n. 2 Karolina Pliskova

L’unica ad esser stata ripescata dopo la sconfitta nel turno decisivo è Astra Sharma (25 anni, n. 134) che affronterà Anna Blinkova.

Tabellone completo (conserva il link: lo aggiorneremo quotidianamente)

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, qualificazioni: Errani e Trevisan conquistano l’accesso al main draw

Due azzurre entrano nel tabellone principale, niente da fare per Giulia Gatto Monticone. Diventano quattro le italiane al via dopo Giorgi e Paolini

Pubblicato

il

Sara Errani – Roland Garros 2020 (foto via Twitter @rolandgarros)

Si sono concluse le qualificazioni del torneo femminile e l’ultima giornata registra un bilancio positivo per le nostre rappresentanti, con due vittorie e una sconfitta. Dopo le due ragazze eliminate nella giornata precedente, entrano allora nel tabellone principale Sara Errani, che ha superato per 6-3 7-5 la ceca Tereza Martincova e Martina Trevisan, che ha lasciato appena game per set ad Astra Sharma, 114a del ranking. Niente da fare invece per Giulia Gatto-Monticone, eliminata dalla ventiquattrenne egiziana Mayar Sherif, n. 172 WTA, con un netto 6-1 6-3.

Il sorteggio beffardo ha accoppiato Martina Trevisan a Camila Giorgi, una delle due azzurre direttamente ammesse in tabellone insieme a Jasmine Paolini. Sarà sfida inedita per le due azzurre. Sara trova invece Monica Puig, n. 98, contro la quale ha un poco incoraggiante bilancio di 0-4. Dopo l’operazione al gomito dello scorso dicembre, tuttavia, la portoricana ha giocato solo due match, entrambi nella bolla di New York, dai quali è uscita sconfitta.

Diamo spazio anche alla diciassettenne danese Clara Tauson che, dopo aver avuto ragione della nostra Cocciaretto al turno precedente, si è guadagnata il suo primo tabellone Slam contro la serba Ivana Jorovic. L’aspetta un impegno tutt’altro che semplice contro la tsd n. 21 Jennifer Brady.

 

Il tabellone completo con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement