Andreescu contro Williams, finale da record - Pagina 3 di 4

Al femminile

Andreescu contro Williams, finale da record

La partita di Flushing Meadows tra Serena Williams e Bianca Andreescu non è stata solo la finale Slam con più differenza di età fra le protagoniste (quasi 19 anni), ma anche una eccezionale occasione di confronto generazionale

Pubblicato

il

Serena Williams e Bianca Andreescu - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Bianca Andreescu
Al via dello Slam americano Andreescu era testa di serie numero 15, ma era comunque ritenuta la quinta favorita dai bookmaker (prima favorita era Serena Williams). Questo perché era reduce dalla vittoria di Toronto e da una stagione del tutto particolare, in cui il principale ostacolo alla sua scalata delle classifiche non erano state le avversarie, ma le condizioni fisiche. Infatti, dopo la inaspettata vittoria a Indian Wells, un problema alla spalla l’aveva costretta a saltare la stagione su erba e prima ancora quella sul rosso, con la sola eccezione di un match disputato al Roland Garros (prima di rendersi conto di non essere ancora pronta per giocare, e decidere di ritirarsi dallo Slam).

In pratica Andreescu nel 2019 ha perso solo quattro incontri. In gennaio la finale di Auckland contro Goerges e il secondo turno agli Australian Open contro Sevastova; in marzo la semifinale di Acapulco contro Kenin e gli ottavi a Miami contro Kontaveit (match non concluso per ritiro). Stop. Da allora sul campo è imbattuta.

Non solo. Quest’anno ha un bilancio contro le Top 10 di 8 vittorie e zero sconfitte; e siccome prima in carriera non ne aveva mai incrociate, significa che non ha mai perso in assoluto contro una Top 10. Solo vittorie.

 

Anche se il computer non capisce di tennis, alla fine i risultati si traducono in punti WTA. E così Andreescu ha compiuto una vertiginosa scalata nel ranking: era numero 152 in gennaio ad Auckland (tanto che prima di raggiungere la finale era dovuta passare per le qualificazioni), si ritrova oggi al numero 5 del mondo. Malgrado non abbia praticamente giocato fra marzo e luglio, cioè l’intera fase europea del Tour.

È davvero infrequente imbattersi in una stagione del genere, in cui un infortunio di entità seria, così seria da costringere a diversi mesi di inattività, si colloca all’interno di una striscia di prestazioni di altissima qualità (la vittoria a Indian Wells e il ritorno vincente a Toronto), senza cali di risultati dopo il problema fisico.

Questo rende ancora più eccezionale la stagione di una giocatrice ancora giovanissima come Bianca (è nata il 16 giugno del 2000), per la quale non abbiamo praticamente precedenti di carriera significativi. Abbiamo “soltanto” una serie di record sorprendenti, che rimandano a grandi campionesse del passato. Ecco alcuni fra i tanti dati stupefacenti che Andreescu sta mettendo insieme.

Innanzitutto è stata capace di vincere gli US Open alla prima apparizione nel tabellone principale, dato che nel 2017 e nel 2018 era stata eliminata nelle qualificazioni. Nell’era del tennis Open nessuna aveva mai vinto a New York da debuttante nel main draw.

Altri record vari, tra quelli indicati dagli statistici WTA. Prima canadese della storia a vincere un Major. Prima giocatrice nata negli anni 2000 a vincere uno Slam. Prima teenager a vincere uno Slam da tredici anni a questa parte (ultima a riuscirci la 19enne Sharapova agli Australian Open 2006). Prima teenager a sconfiggere Serena a Flushing Meadows.

Prima giocatrice in grado di vincere uno Slam alla quarta partecipazione nel main draw; significa che altre tenniste sono state più precoci in termini di età, ma non per esperienza. Per esempio Serena e Sharapova sono riuscite a conquistare il loro primo Slam più giovani, ma al settimo Major affrontato. Solo Monica Seles era riuscita a imporsi al quarto Slam a cui aveva preso parte, battendo Steffi Graf a Parigi nel 1990.

Tutti questi riferimenti non fanno che alzare l’asticella del confronto di valori, visto che per ritrovare imprese simili a quelle di Bianca occorre rifarsi a nomi di fuoriclasse o grandi campionesse. Quindi la domanda inevitabile è: Andreescu è una di loro? Stabilirlo ora è davvero arduo, ancora di più sull’onda emotiva della vittoria agli US Open. Forse è meglio sospendere il giudizio e cominciare a ragionare analizzando il presente.

Quali sono gli aspetti più significativi emersi a New York? Comincerei da quelli tecnico-tattici. Quando Bianca aveva vinto a Indian Wells avevo confessato di avere difficoltà nell’interpretare alcune sue scelte di gioco: non mi era chiara la ragione che la spingeva a proporre certe soluzioni. Oggi le cose sono cambiate: nelle partite estive il suo tennis mi è sembrato perfettamente comprensibile e del tutto chiaro; assolutamente logico. Come mai? A costo di apparire presuntuoso, offro la spiegazione che mi sembra più convincente.

A mio avviso rispetto al marzo scorso Bianca ha in parte cambiato il suo tennis. In Canada e a New York Andreescu è stata tatticamente più asciutta e scarna, con una maggiore propensione ad accorciare il palleggio, approfittando quasi sistematicamente della prima occasione utile per provare a chiudere il punto.

Questo a scapito della versione di giocatrice di Indian Wells, che puntava maggiormente sulla costruzione di un tipo di scambio più articolato. Tenendo presente queste differenze, penso che certe soluzioni presentate nel torneo californiano derivassero non solo dal desiderio di vincere, ma anche di verificare quanto fosse dotata. Come se allora, superata la difficile fase della maturazione giovanile (passata anche attraverso diversi infortuni), all’improvviso tutto fosse andato a posto, e fosse sbocciata la Andreescu adulta, i cui limiti erano ancora tutti da scoprire. Per noi, ma forse anche per lei.

In quel momento del tutto straordinario, Bianca si era scoperta capace di proporre un gioco di qualità altissima, e voleva mostrarlo al mondo. Si era ritrovata con “così tanto tennis” a disposizione, da non riuscire quasi a contenersi. Ogni colpo era alla sua portata, e dunque lo metteva in campo; quando era necessario; e perfino quando non lo era.

Con il senno di poi abbiamo capito che Andreescu è una giocatrice dal carattere forte e ambizioso. Del tutto giustamente, direi, visti i risultati che è stata in grado di raggiungere in pochi mesi. Ma a Indian Wells era scesa in campo da semisconsciuta, e in quanto semisconosciuta non desiderava solo vincere, ma lasciare un segno più profondo. E per farlo ricorreva anche ad alcuni virtuosismi a volte un po’ fine a se stessi.

Virtuosismi a cui ha rinunciato in Canada. Forse perché, al rientro dalla lunga pausa per infortunio, non si sentiva nella stessa condizione di forma. E infatti ogni match di Toronto si era concluso al terzo set (finale esclusa, ovviamente), spesso dopo battaglie durissime .

Poi è arrivato lo Slam americano, con la situazione profondamente cambiata rispetto a quando era scesa in campo a Indian Wells. Andreescu non era più una oscura outsider: ormai era una delle principali favorite, con tutta la stima e il rispetto che si deve a una protagonista con quel ruolo. Le sue qualità erano chiare a tutti, e per crescere ulteriormente di livello ciò che contava era la vittoria. Senza fronzoli o virtuosismi.

Con questo non sto dicendo che Bianca non abbia più proposto certi colpi visti a Indian Wels; ma lo ha fatto solo quando la situazione lo richiedeva davvero, dentro un quadro di scelte tattiche meno traboccante e rigoglioso: più logico e razionale. E se Andreescu sarà in grado di mantenersi anche in futuro su questi livelli, possiamo stare certi che le circostanze la obbligheranno a mostrarci ancora le sue qualità e le sue prodezze, senza che però si preoccupi di farlo a priori, anche quando potrebbe non servire.

Per spiegare questo parziale cambiamento di gioco, aggiungerei un’altra motivazione, che ho notato anche in altre giocatrici in un periodo di carriera simile al suo, come Sofia Kenin e Iga Swiatek: nel corso di questa stagione tutte e tre si sono trasformate in tenniste più decise nella costruzione del punto; vale a dire che appena si presenta l’occasione provano a cercare il vincente con maggiore immediatezza rispetto ai loro esordi nel circuito professionistico. Naturalmente ognuna lo fa assecondando le proprie caratteristiche tecniche, per cui per il gioco di Kenin incide di più il rovescio e per quello di Swiatek il dritto. Ma tutte sono diventate più dirette. Come a dire che nel passaggio dai tornei junior e ITF a quelli WTA, gli aspetti di concretezza hanno assunto maggiore importanza rispetto al periodo precedente.

In sintesi, penso che si possa fare questa considerazione generale su Andreescu: oggi probabilmente alcune giocatrici sono più forti di lei sul piano offensivo, e altre su quello difensivo. Però forse nessuna è completa ed equilibrata sui due versanti quanto Bianca. E così, a seconda delle circostanze, è in grado di prendere in mano lo scambio e concluderlo con vincenti (da ogni settore del campo), ma è anche molto efficace nelle fasi di contenimento. È difficile individuare punti deboli o lacune nel suo gioco, e starà alle avversarie studiarla a fondo per scoprire se ci sono, e quali potrebbero essere.

a pagina 4: La finale contro Serena Williams

Pagine: 1 2 3 4

Continua a leggere
Commenti

Al femminile

Bencic, Svitolina e la delusione delle numero 1

Da Karolina Pliskova a Belinda Bencic, da Elina Svitolina a Simona Halep passando per Taylor Townsend: chi sono state le protagoniste nell’ultima edizione di Flushing Meadows oltre alle due finaliste Andreescu e Williams

Pubblicato

il

By

Simona Halep e Taylor Townsend - US Open 2019

Seconda parte di analisi degli ultimi US Open femminili. Dopo l’articolo di martedì scorso concentrato sulle finaliste Andreescu e Williams, ecco la parte dedicata alle altre principali protagoniste del torneo.

Le semifinaliste: Belinda Bencic
La stagione 2019 ha restituito definitivamente Belinda Bencic al tennis di vertice. Top 10 ad appena diciotto anni nel febbraio 2016 (Belinda è nata nel marzo 1997), qualche mese dopo questo straordinario traguardo Bencic era andata incontro a una serie di problemi fisici che le avevano fatto perdere quasi due stagioni. Tutto era iniziato a Wimbledon 2016 con un leggero dolore al polso sinistro, che poi si era rivelato ben più serio del previsto (tanto da obbligarla ad operarsi), a cui si erano aggiunti guai alla schiena e la difficoltà a mantenere il peso forma in un periodo così travagliato.

Belinda ha dimostrato forza di carattere nel superare la fase difficile, riuscendo a tornare protagonista ai massimi livelli: una volta recuperata la condizione fisica, il talento è di nuovo emerso. Mai prima era riuscita ad andare così avanti in uno Slam, e la semifinale di Flushing Meadows le permette di rientrare anche fra le prime 10 del mondo, a oltre tre anni dalla prima volta.

 

Il risultato newyorkese è il secondo picco stagionale dopo la vittoria in febbraio a Dubai, torneo vinto malgrado un tabellone di massima difficoltà, con quattro Top 10 da sconfiggere, come Belinda aveva già saputo fare da giovanissima quando aveva vinto a Montreal nel 2015.

Agli US Open il percorso è stato meno complesso: superate Minella e Cornet, non ha avuto bisogno di giocare il terzo turno grazie al forfait al di Anett Kontaveit, fermata da una malattia virale. Ma poi Bencic si è trovata negli ottavi di fronte alla numero 1 del ranking e campionessa in carica Naomi Osaka; e per la terza volta in stagione ha avuto la meglio (7-5, 6-4), in un match nel quale è stata eccezionalmente solida nei propri turni di servizio (un solo break subito e poi nessun’altra palla break concessa).

Il saldo vincenti/errori non forzati dimostra che è stato un ottimo match: Osaka +5 (26/21), Bencic +17 (29/12). Dato di notevole valore per il modo in cui sono classificati gli scambi agli US Open, molto meno “generosi”, ad esempio, di Wimbledon. Da questi numeri si deduce che è stato soprattutto un dato a fare la differenza in campo, cioè quello degli errori non forzati: Osaka 21, Bencic solo 12. La maggiore solidità di Belinda ha quindi inciso sul match in modo determinante.

Contro Donna Vekic, nei quarti di finale, Bencic ha ribadito la qualità dei propri turni di servizio, fotocopiando il rendimento offerto contro Osaka: un solo break subito e poi nessun’altra palla break concessa. Grazie a questa efficienza nei game di battuta ha di nuovo vinto in due set; in particolare ha gestito il secondo con autorevolezza e senza passaggi a vuoto.

Nella semifinale contro Andreescu per due terzi di partita Bencic ha confermato la straordinaria efficienza dei propri turni di battuta (zero palle break concesse nel primo set, perso solo al tie break), ma poi tutto si è complicato nel secondo set, quando il match ha assunto un andamento ondivago, con addirittura sette break (7-6(3), 7-5).
Il secondo set così anomalo rende più difficile la valutazione della partita. In estrema sintesi sottolineerei comunque due aspetti per spiegare le cause della sconfitta di Bencic: la risposta di dritto e le incertezze nella tenuta mentale.

Primo punto: la risposta di dritto. Nel primo set Bencic ha avuto sei palle break a favore, in tre differenti turni di servizi di Andreescu, eppure non è riuscita a convertirne alcuna. Nei momenti critici quasi sempre Bianca ha scelto di servire sul dritto dell’avversaria e Belinda in alcuni casi ha sbagliato direttamente il back a cui si era affidata per replicare; quando invece è riuscita a far partire lo scambio, la risposta in contenimento l’ha comunque messa in una condizione di inferiorità nel palleggio, e questo ha pesato sulle mancate conversioni delle palle break. Si possono ritrovare alcuni di questi passaggi negativi anche negli highlights. In particolare al minuto 2’22”, al minuto 2’34”, poi al 4’36”:

Sul piano tecnico direi che questo frequente ricorso alla risposta bloccata di dritto è forse l’aspetto su cui Belinda dovrebbe riflettere. Perché se è chiaro che nel gioco di Bencic il dritto è in ogni caso meno solido del rovescio, l’utilizzo di una risposta difensiva rischia di diventare un punto debole decisivo nei match in cui il confronto è particolarmente equilibrato negli altri aspetti.

Ma naturalmente anche la scelta di rispondere in contenimento è legata all’atteggiamento mentale; mentre con questa opzione Bencic dava segni di titubanza, al contrario Andreescu sui punti importanti del primo set ha mostrato una voglia di non capitolare straordinaria. Questa capacità di combattere ha permesso a Bianca di non perdere mai il servizio malgrado le difficoltà incontrate, e poi di partire di slancio nel tiebreak, dove il vantaggio di 5-0 conquistato in avvio ha fatto la differenza per il 7-3 conclusivo.

Di nuovo determinante la tenuta mentale nel secondo set. Dopo i vani tentativi del primo set di brekkare l’avversaria, Belinda ha strappato la battuta a Bianca in apertura e poi una seconda volta nel quinto game. Avanti con un 4-1 “pesante”, sembrava quindi a un passo dal portare il match al terzo set, visto che fino a quel momento non aveva mai perso il servizio: con due break di vantaggio significava avere davvero un bel margine da gestire. Invece da quel momento Bencic ha perso quattro volte di fila la propria battuta, finendo per farsi rimontare sino a rovesciare le sorti del set e quindi del match.

Ricapitoliamo: un solo turno di battuta perso contro Osaka, uno solo perso contro Vekic e nessuno contro Andreescu fino al 4-1 secondo set. Poi quattro game di servizio persi consecutivamente nel secondo, fatale set della semifinale.
Un tracollo che in parte mi ha ricordato quello subito a Wimbledon contro Alison Riske. Allora Bencic si era portata avanti 3-0 nel terzo set, ma a quel punto aveva subito un parziale di zero game a cinque che aveva ribaltato a suo sfavore l’andamento della partita.

Se consideriamo che anche nella finale di Maiorca disputata in giugno contro Sofia Kenin (6-7(2), 7-6(5), 6-4) aveva finito per perdere in tre set dopo aver avuto la partita in pugno nel secondo (con tre match point non convertiti), la mia sensazione è che Belinda faccia faticare ad arginare i momenti negativi: i suoi “down” sono cioè così profondi da permettere alle avversarie di rientrare in corsa anche da situazioni disperate, sulla carta quasi impossibili.

Sotto questo aspetto, quindi, non me la sento di concordare con le dichiarazioni rilasciate da Bencic al termine della vittoria nei quarti di finale contro Vekic, in cui sosteneva di essere soggetta a momenti di frustrazione, ma di essere anche capace di tenerli sotto controllo.

Ma naturalmente queste critiche non possono cancellare il tanto di buono mostrato a New York; nel torneo per lunghi tratti abbiamo rivisto la miglior Bencic, capace di mettere in difficoltà le avversarie grazie a un tennis in cui alle qualità geometriche si somma la capacità di manipolare il fattore “tempo”, sotto forma di anticipo. L’abilità con cui Belinda sostiene il palleggio stando a ridosso nella linea di fondo per poi avanzare trovando vincenti quasi di controbalzo rimane il suo marchio di fabbrica; una dote che l’aveva rivelata al mondo alcuni anni fa, e che l’ha riportata in alto nell’ultimo Slam del 2019.

a pagina 2: Elina Svitolina

Continua a leggere

Al femminile

Verso gli US Open donne: stabile instabilità

Da Serena Williams a Bianca Andreescu da Simona Halep a Naomi Osaka, tenniste di ogni età si avvicinano allo Slam americano con concrete possibilità di vincere

Pubblicato

il

By

Naomi Osaka e Serena Williams - US Open 2018 (foto Art Seitz c2018)

Da alcune stagioni a questa parte la situazione del tennis femminile si potrebbe definire “stabilmente instabile”. La grande vicinanza di valori provoca frequenti cambi al vertice, ampio ventaglio di vincitrici nei tornei più prestigiosi e massima difficoltà a prevedere i risultati. È un problema oppure no? Non ho risposta, ma devo dire la verità: non mi interessa nemmeno molto.

Per me ciò che conta non è la prevedibilità dei risultati, o la precarietà delle classifiche; a me interessa la qualità di gioco, che nel 2019 è stata differente da Slam a Slam. Esprimo un giudizio complessivo, che dunque non riguarda la singola tennista che alla fine ha vinto il titolo. A mio avviso la qualità di gioco è stata mediocre al Roland Garros, buona a Wimbledon, molto alta in Australia. Se si potesse avere a New York uno Slam del livello di Melbourne firmerei immediatamente, e non sapere oggi chi potrà vincere o meno non mi pare proprio un problema. Anzi.

Come ci avviciniamo all’ultimo Slam della stagione? I tornei di preparazione, le cosiddette US Open Series, hanno dato indicazioni interessanti ma non definitive. Sono uscite rafforzate alcune giocatrici come Andreescu, Keys, Kenin, ma che questo le trasformi in assolute favorite non si può dire.

 

Come sempre ci sono stati spostamenti nel ranking che hanno cambiato le teste di serie, incluse le prime sedici. E torno a sottolineare un dato storico, di cui ho parlato la scorsa settimana: malgrado l’exploit a Cincinnati di Kuznetsova, per la prima volta da quando esistono le 32 teste di serie negli Slam, non ci saranno giocatrici russe a farne parte. A proposito di classifiche; queste erano le posizioni al via di chi poi ha effettivamente conquistato il titolo negli ultimi due anni.

2018 Australian Open: tds 2 Wozniacki su 1 Halep
2018 Roland Garros: 1 Halep su 10 Stephens
2018 Wimbledon: 11 Kerber su 25 Williams (PR)
2018 US Open: 20 Osaka su 11 Williams

2019 Australian Open: 4 Osaka su 8 Kvitova
2019 Roland Garros: 8 Barty su Vondrousova (non tds)
2019 Wimbledon: 7 Halep su 11 Williams
2019 US Open: ???

Come si vede la vincitrice con la posizione peggiore (numero 20) è Osaka a New York 2018, mentre quest’anno i tre Slam sono stati vinti da tre Top 10. Unica giocatrice fuori dalle teste di serie capace di raggiungere la finale è Marketa Vondrousova che alla vigilia del Roland Garros era numero 38 del ranking.

a pagina 2: Le teste di serie dalla 1 alla 8

Continua a leggere

Al femminile

C’era una volta la Russia

A quindici anni dalle vittorie negli Slam di Myskina, Sharapova e Kuznetsova, il tennis femminile russo rischia di segnare uno storico record negativo agli US Open 2019

Pubblicato

il

By

Elena Dementieva e Svetlana Kuznetsova - US Open 2004

Ci sono date che assumono un valore particolarmente significativo, e sono utili per illustrare un contesto storico: momenti precisi in grado di sintetizzare trasformazioni ed evoluzioni. Per un ragionamento sul tennis russo recente ho individuato tre diversi anni di questo millennio.

Prima data: il 2001, torneo di Wimbledon. È in questo Slam che viene introdotto il sistema delle 32 teste di serie, che sostituisce quello precedente a 16. Da allora il criterio non è più cambiato, e quindi possiamo utilizzare quei Championships come punto di partenza per il nostro ragionamento. In quella edizione il tennis russo ha fra le teste di serie Elena Dementieva, al numero 10. La sua presenza è il segnale di un movimento in crescita, che in poco tempo otterrà risultati straordinari. Dal 2001, senza eccezioni, in tutti gli Slam c’è sempre stata almeno una tennista russa fra le teste di serie.

Seconda data, il 2004. Nel 2004 queste sono le vincitrici e le finaliste dei Major:
Australian Open: Henin su Clijsters
Roland Garros; Myskina su Dementieva
Wimbledon: Sharapova su Serena Williams
US Open: Kuznetsova su Dementieva

Dunque nel 2004 tre Slam su quattro sono vinti da tenniste russe, con addirittura due derby in finale. Il tennis russo è arrivato ai vertici del circuito, e lo ha fatto in una fase in cui ci sono concorrenti ritenute molto forti, come le statunitensi (Serena e Venus Williams, Capriati, Davenport) e le belghe (Henin e Clijsters), tralasciando tutte le altre, da Mauresmo in poi.

Per dare una idea di quanto la Russia diventi importante, ecco tutte le Top 10 dell’era Open, con indicato l’anno di ingresso fra le prime dieci. Nel primo decennio del 2000 si verifica una vera e propria onda che investe il circuito WTA:

1975 – Olga Morozova
1998 – Anna Kournikova
2001 – Elena Dementieva
2003 – Anastasia Myskina
2004 – Nadia Petrova
2004 – Svetlana Kuznetsova
2004 – Maria Sharapova
2004 – Vera Zvonareva
2006 – Dinara Safina
2007 – Anna Chakvetadze
2013 – Maria Kirilenko
2015 – Ekaterina Makarova
2018 – Daria Kasatkina

La terza data è il 2019. Sono passati quindici anni da quella stagione d’oro e per la prima volta da quando esiste il sistema delle 32 teste di serie negli Slam nessuna russa ha la classifica sufficiente per farne parte. Solo una impresa nel torneo di Cincinnati attualmente in corso potrebbe evitare questo record negativo. Se pensiamo che nel 2005 al via del Roland Garros il tennis russo occupava cinque delle prime sette teste di serie, si capisce che impatto abbia avuto a livello mondiale, e quanto sia cambiata la situazione.

Oggi le cose stanno in modo diverso. Le giocatrici di esperienza che più di recente hanno occupato i piani alti della classifica sono tutte andate incontro a problemi fisici: Sharapova alla spalla, Kuznetsova e Makarova al polso. Sharapova è scesa al numero 97 del ranking, Kuznetsova al 153, Makarova al 169, e in attesa di guarigione ha dovuto rinunciare a Roland Garros e Wimbledon.

Attualmente la prima giocatrice nel ranking è Daria Kasatkina alla posizione numero 41. Se ci fermiamo alle prime 100, scopriamo che il movimento russo attraversa una crisi ai vertici, ma se non altro è ancora in grado di offrire un consistente numero di giocatrici; sono infatti dieci le Top 100. Cosa è accaduto rispetto agli anni d’oro?

a pagina 2: Le ragioni delle difficoltà attuali

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement