Chi gioca venerdì? Fognini e Murray su Supertennis, Djokovic su Sky

Senza categoria

Chi gioca venerdì? Fognini e Murray su Supertennis, Djokovic su Sky

Giornata dedicata ai quarti di finale nel torneo combined di Pechino e nell’ATP 500 di Tokyo. Fabio contro Khachanov alle 06.30, Murray-Thiem alle 08.30. Il numero 1 del mondo sfida Pouille nella capitale giapponese (alle 08 circa)

Pubblicato

il

Novak Djokovic e Fabio Fognini - Indian Wells 2019 (foto Luigi Serra)

Sveglia puntata alle 06 di venerdì per chi non vorrà perdersi nemmeno uno scambio di quella che si preannuncia una grande mattinata di tennis. Tanti incroci interessanti tra il torneo combined ATP 500/WTA Premier Mandatory di Pechino (in onda su Supertennis) e l’ATP 500 di Tokyo (trasmesso da Sky).

Nella capitale cinese si parte alle 12.30 locali, le 06.30 italiane, con due incontri in contemporanea: il programma propone sul campo Centrale (il ‘Diamond Court’) la bella sfida tra Petra Kvitova e Ashleigh Barty, ma gli occhi dei tifosi azzurri saranno tutti puntati sul ‘Lotus Court’ e Fabio Fognini. L’azzurro, che per il momento ha respinto l’assalto in classifica di Berrettini (il sorpasso di Matteo nel ranking non è avvenuto in virtù della sconfitta al primo turno contro Murray e la contemporanea vittoria di Fabio contro Kukushkin), sfiderà per la prima volta in carriera Karen Khachanov.

In palio c’è la semifinale, risultato già raggiunto da Fognini lo scorso anno (partita che non si giocò, l’azzurro fu infatti costretto al forfait prima del match contro Del Potro). Una vittoria contro Khachanov (non proprio nel suo miglior momento di forma, nei cinque tornei giocati prima di Pechino aveva subito tre sconfitte al primo turno) consentirebbe a Fabio di continuare a cullare il sogno ATP Finals. Fognini si trova al momento al 13esimo posto della Race, a un centinaio di punti di distanza dall’ottava posizione attualmente occupata da Matteo Berrettini.

Sul Diamond Court, alle 08.30 italiane, toccherà invece ad Andy Murray. Per tornare a giocare una semifinale, un risultato che gli manca dal Roland Garros 2017, lo scozzese dovrà vincere la resistenza di Dominic Thiem, sotto 1-2 nei precedenti. A chiudere il programma di venerdì a Pechino sarà infine Naomi Osaka che sfiderà per la prima volta Bianca Andreescu, segnatevi l’orario: si giocherà alle 15.

In quel di Tokyo invece, l’attenzione sarà rivolta soprattutto a Novak Djokovic, in lotta con Nadal per il numero 1 di fine anno. Mentre Rafa si gode una luna di miele anticipata alle Bahamas in compagnia della futura moglie Maria Francisca Perello, Nole sarà impegnato nei quarti di finale contro il francese Lucas Pouille (terzo match di giornata, intorno alle 08 italiane). Due i precedenti, entrambi vinti da Djokovic ed entrambi giocati quest’anno: 6-0 6-2 6-2 all’Australian Open e 7-6 6-1 a Cincinnati.

IL PROGRAMMA COMPLETO DEI TRE TORNEI (orari italiani)

ATP 500 PECHINO (Supertennis)

[4] K. Khachanov vs [6] F. Fognini (ore 06.30, Lotus Court)
[1] D. Thiem vs [PR] A. Murray (ore 08.30, Diamond Court)
J. Isner vs [3] S. Tsitsipas (ore 10.30, Lotus Court)
S. Querrey vs [2] A. Zverev (ore 13.30, Diamond Court)

ATP 500 TOKYO (Sky Sport Arena)

Colosseum Court – dalle 04
R. Opelka vs [Q] Y. Uchiyama
[Q] J. Millman vs [WC] T. Daniel
[1] N. Djokovic vs [5] L. Pouille
Dalle 12: [3] D. Goffin vs H. Chung

WTA PREMIER MANDATORY PECHINO (Supertennis)

[1] A. Barty vs [7] P. Kvitova (ore 06.30, Diamond Court)
[3] E. Svitolina vs [8] K. Bertens (ore 08.30, Lotus Court)
D. Kasatkina vs [16] C. Wozniacki (ore 10.30, Diamond Court)
[5] B. Andreescu vs [4] N. Osaka (ore 15, Diamond Court)

I tabelloni aggiornati dei tre tornei

Continua a leggere
Commenti

evidenza

Il ballo dei debuttanti va a Tsitsipas: Medvedev inizia le Finals con una sconfitta

LONDRA – Il greco, nettamente più propositivo, batte il russo per la prima volta dopo cinque sconfitte di fila. Sarà lui a sfidare il vincente di Nadal-Zverev

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

da Londra, il nostro inviato

[6] S. Tsitsipas b. [4] D. Medvedev 7-6(5) 6-4

Stefanos Tsitsipas supera contro pronostico un buon Medvedev, che paga in alcune circostanze un pizzico di passività. Il n.6 del mondo vince dopo cinque sconfitte nei confronti diretti, l’ultima a Shanghai un mese fa. Tsitsipas ha sempre condotto il match, ma nonostante un gioco propositivo, diverse discese a rete e punti superbi, per superare la disarmante resistenza del campione di Shanghai ha dovuto ricorrere agli straordinari. Primo set portato a casa al tie-break con una volèe fenomenale di dritto sulla riga e secondo con la complicità di un clamoroso errore di valutazione di Daniil, che sul 5 pari 40 pari ha battezzato fuori la risposta del greco, per poi cedere sulla successiva palla break. La differenza l’ha fatta forse anche quel quid di motivazione in più che Stefanos aveva dopo la querelle a distanza nelle interviste. Tsitsipas aveva definito noioso il gioco di Daniil a Shanghai, e ieri il gaglioffo russo a Eurosport aveva risposto che oggi avrebbe provocato Stefanos ad ogni opportunità.

 

La cornice di pubblico è sempre adeguata all’evento, i pochi posti vuoti sono quelli dei quattro spicchi negli angoli, a un’altezza sufficiente per giustificare un alto prezzo del biglietto, ma evidentemente non abbastanza per prendersi un lunedì pomeriggio di ferie e sostenere la spesa a meno che non si sia tifosi di Medvedev o Tsitsipas.

IL PRIMO SET – Il match si apre, come prevedibile, all’insegna dell’equilibrio. Il campione di Shanghai commette qualche errore di troppo ma sopperisce con i suoi marchi di fabbrica, grande mobilità e ritmo contenuto per poi esplodere accelerazioni tanto improvvise quanto letali. Tsitsipas però offre una buona resistenza sul suo rovescio e offre le giocate stilisticamente più belle, tra cui palla corta da metà campo ben mascherata in contropiede. Soprattutto usa con oculatezza il serve&volley, offrendo volèe in corsa di rovescio di pregevole fattura. C’è spazio per una palla break per il greco sull’1-0 30-40, ma una traiettoria profonda del russo non lo trova abbastanza reattivo. Sul 5-4 Tsitsipas, Medevedev si ritrova sul 15-30 al servizio, ma il finalista di New York non fa una piega; serve come deve e il tie-break diventa la naturale conclusione del primo set.

Sembra davvero migliorato in solidità Stefanos, che si prende subito un mini-break di vantaggio. Poi gioca uno scambio in apnea, un braccio di ferro di dritto dove fa tutto benissimo, compreso il cambio di diagonale per rompere la resistenza del muro russo, ma finisce comunque per perdere il punto. In situazioni simili c’è davvero di che scoraggiarsi: Daniil non mostra evidenti punti deboli, la solidità dei fondamentali è disarmante. Il giustiziere di Federer in Australia però non si scoraggia e arriva col pubblico a favore sul 5 pari, giocando davvero un gran tennis. Dopo un primo set così ben giocato, se il n.6 del mondo perde questo tie-break non si capisce come possa non crollare di fronte al fabbro che gioca come un Dio. Dall’Olimpo, Zeus s’insospettisce, si guarda intorno e vede che Efesto, fabbro degli Dei, non si vede da un po’ e riconosce nel russo proprio il vecchio collega. Inaccettabile, così chiama a rapporto Ermes, messaggero dai piedi alati (Mercurio per i romani, così in FIT nessuno ha problemi), e lo spedisce all’O2 Arena. Il punto del 5 pari è magnifico e la conclusione in demivolèe di dritto sulla riga, prodigio atletico e tecnico, certifica quanto sopra riportato. L’equilibrio è rotto, il muro di Efesto perforato, 6-5 e servizio Tsitsipas, combinazione servizio e dritto e primo set per il figlio di Apostolos.

EPILOGO – Nel secondo set Omero non cambia trama. Il match prosegue allo stesso modo, il finalista di Shanaghai mantiene un livello altissimo, così come chi gli ha negato il 1000 asiatico, che ha già ri-cementato il buco di prima e sul 3 pari fronteggia un’altra palla break come fosse un punto qualunque. Servizio e dritto che centra l’incrocio delle righe, altra soluzione vincente e ace per il 4-3. Ora la partita è splendida, nel gioco successivo Daniil si ritrova sotto 15-30, rimonta ancora fino al 40-30 ma il miglior Tsitsipas mostra la stessa solidità mentale dell’avversario e con un eccellente schema d’attacco indovina una volèe in controtempo di rovescio che lascia di sale il traditore dell’Olimpo. 4 pari 40 pari. Qui accade l’imponderabile. Medvedev giudica fuori la risposta dell’avversario e Stefanos ha un’altra palla break, che non fallisce. Un gioco più tardi completa l’opera con una discesa a rete che sancisce un grande successo dopo 1 ora e 41 minuti di grande partita. Stretta di mano freddina, di sicuro Daniil non avrà gradito perdere il suo match d’esordio alle Finals… e perderlo proprio contro Tsitsipas, che diventa così il primo greco a vincere un match alle Finals.

Pubblico, bandiera greca – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

La situazione aggiornata del Gruppo Agassi

Continua a leggere

Senza categoria

ATP Finals LIVE, day 2: in campo Medvedev e Tsitsipas

La diretta della seconda giornata del Masters ATP di Londra. Alle 15 la sfida tra i due esordienti, alle 21 il debutto di Rafa Nadal contro Zverev

Pubblicato

il

ATP Finals 2018 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Il programma di gioco di lunedì
Gironi e tabellone (conserva il link: lo aggiorneremo quotidianamente)
La guida completa: il sorteggio, il calendario, i precedenti

per visualizzare gli ultimi aggiornamenti premi F5 (desktop) oppure scrolla la pagina verso il basso (mobile)

16:59 – Stefanos non fallisce l’opportunità e batte Medvedev per la prima volta in sei sfide: 7-6(5) 6-4 il punteggio a suo favore

 

16:53 – Arriva il primo break del match: Tsitsipas si prepara a servire per chiudere sul 5-4

16:45 – Stefanos si guadagna due palle break al settimo gioco, ma il russo ne esce con grande sicurezza.

16:12 – Tsitsipas si aggiudica il gioco decisivo grazie a una bella volée (seguita a un dritto d’attacco “sbucciato”) con cui si prende il minibreak sul 5 pari.

16:05 – Nessuno dei due riesce a piazzare la zampata in risposta: sarà il tie-break a decidere l’esito del primo set.

15:35 – Dopo cinque giochi, il punteggio continua a seguire i turni di battuta, con Daniil che ha annullato una palla break nel secondo game (brutto rovescio slice di Stefanos)

15:00 – Dopo il debutto nel day 1 di Matteo Berrettini (sconfitto da Nole Djokovic), scendono in campo alla O2 Arena di Londra altri due esordienti assoluti al Masters, Stefanos Tsitsipas e Daniil Medvedev. Non prima delle 21 il secondo match del Gruppo Agassi tra il numero 1 del mondo Rafa Nadal e il campione in carica Alexander Zverev

IL DAY 1 DEL GRUPPO BORG

APPROFONDIMENTI E INTERVISTE

Continua a leggere

Senza categoria

ATP Finals LIVE, day 1: Federer perde in due set con Thiem

La diretta della prima giornata del Masters ATP di Londra. Alle 15 Berrettini sfida Djokovic, alle 21 l’esordio di Federer contro Thiem

Pubblicato

il

ATP Finals 2018 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Il programma di gioco di domenica e lunedì
Gironi e tabellone (conserva il link: lo aggiorneremo quotidianamente)
La guida completa: il sorteggio, il calendario, i precedenti

per visualizzare gli ultimi aggiornamenti premi F5 (desktop) oppure scrolla la pagina verso il basso (mobile)

22:53 – Thiem batte Federer con un doppio 7-5 e inguaia lo svizzero che affronterà Berrettini martedì…

 

21:56 – Thiem vince il primo set per 7-5, decisivo il break sul 5 pari

21:00 – Roger Federer affronta Dominic Thiem nel secondo match del Gruppo Borg: l’austriaco conduce 4-2 nei precedenti ed ha vinto entrambe le sfide giocate quest’anno: la finale di Indian Wells e i quarti di Madrid.

16:17 – Finisce qui, con soli tre giochi vinti, la prima partita di Matteo Berrettini alle ATP Finals. Novak Djokovic veleggia tranquillo e vince 6-2 6-1

16:14 – Berrettini recupera uno dei due break di svantaggio, ma poi perde nuovamente il servizio. 5-1 e Djokovic al servizio per chiudere il match

16:03 – Piove sul bagnato per Matteo. L’azzurro perde l’ottavo gioco consecutivo e ora è sotto 4-0 nel secondo set

15:53 – Inizia male anche il secondo set per Berrettini, che perde subito il servizio. 2-0 Djokovic

15:43 – 6-2 Djokovic! Berrettini è in rottura prolungata, perde precisione e regala il secondo break con il quale si chiude il parziale.

15:35 – Arriva su tutto Djokovic che si guadagna il break e sale 4-2

15:23 – Servizi rispettati nei primi tre giochi. Soffre un po’ di più Matteo che però si salva senza concedere palle break. 2-1 Djokovic

14:55 – L’attesa è finita: scatta a Londra l’edizione 2019 delle ATP Finals, in campo il Gruppo Borg. Matteo Berrettini (primo italiano a giocare il Masters da Barazzutti, 41 anni fa), debutta contro il numero 2 del mondo e 5 volte campione Novak Djokovic. Nessun precedente tra i due. Non prima delle 21, l’esordio di Roger Federer contro Dominic Thiem

VERSO LE ATP FINALS

INTERVISTE

NON SOLO LONDRA

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement