Sara Errani si racconta: "Le critiche al servizio mi hanno fatto soffrire"

Interviste

Sara Errani si racconta: “Le critiche al servizio mi hanno fatto soffrire”

Lunga intervista di Sara Errani a puntodebreak: “Sembra che siano passati mille anni dalla finale di Parigi, come se fosse stata un’altra persona a giocare e non io”

Pubblicato

il

Sara Errani - Indian Wells 125K 2018 (foto Luigi Serra)

La seconda vita tennistica di Sara Errani non ha i riflettori puntati addosso. Si svolge ai margini dell’anonimato, dove però è soprattutto la passione (insieme all’orgoglio) a tenere in vita la voglia di andare avanti. L’ex numero cinque del mondo è scivolata ben oltre la duecentesima posizione e annaspa nei bassifondi del circuito. Nell’ultimo torneo disputato è stata sconfitta – proprio quest’oggi – al primo turno dell’ITF di Riba-roja de Túria (montepremi 25000 dollari) da Georgina Garcia-Perez con un netto 6-0 6-4, due settimane dopo essere stata eliminata al secondo turno del più ricco ITF di Valencia (60000 dollari) da una giocatrice quindici anni più giovane, Marta Kostyuk. Se l’è giocata però con orgoglio, al punto da non sottrarsi – proprio durante il torneo – a una interessante intervista concessa al portale specializzato spagnolo Punto de Break.

Chiacchierata nella quale ha aperto la finestra sul suo nuovo mondo. A 32 anni, dopo una squalifica per doping che avrebbe potuto anche metterla definitivamente fuori dai giochi, ha scelto di continuare a lottare non tanto contro la classifica, ma più che altro contro se stessa. Contro i suoi limiti e le sue paure. Sotto la guida sicura di Pablo Lozano, il tecnico che rappresenta un punto di riferimento da quando ha messo piede in Spagna. Ormai la sua seconda casa.

Qui l’intervista originale di Punto de Break


Sara, è arrivata un’altra sconfitta. Risultato netto (6-2, 6-4) ma fuorviante guardando alla tua prestazione.
Sì, ero avanti 4-1 nel secondo set, ho avuto diversi vantaggi, ma devo ancora migliorare il livello. Soprattutto fisicamente, sono stata ferma per un mese a causa di un’ernia cervicale, senza poter fare nulla, lì ho perso molto ritmo.

Ma il circuito va avanti senza pause e non ti permette di fermarti.
Infatti, siamo andati in Cina sapendo che non ero ancora al 100%, è stato difficile per me colpire con il rovescio, ma avevo bisogno di allenarmi. Anche se giocare i tornei è completamente diverso, sono come un allenamento agonistico, così li chiamiamo, ma abbiamo deciso comunque di andare nonostante non fossi al meglio. Sono tornata con due sconfitte pesanti, ma bisogna andare avanti.

Gli ottavi in un W60K sembrano poco, ma la sensazione è che stai facendo un passo avanti.
Vedendo come sono arrivata e tutti i problemi che ho affrontato, la valutazione del torneo è positiva. Mi è piaciuto il gioco che sono riuscita ad esprimere contro Hogenkamp, mi sono sentita competitiva ed è quello che più mi manca in questo momento. Contro Kostyuk, pur avendo avuto poco tempo per recuperare è andata bene comunque.

Nessuna nel tabellone sa cosa vuol dire giocare una finale Slam, nemmeno passare il quarto turno. Nessuna giocatrice è mai stata tra i primi 50. Ti pesano questi dati?
Non do molto peso a questi dati, mi concentro su me stessa, cercando di migliorare e di fare le cose bene. Voglio tornare a essere quella che ero. Quando mi parli delle finali dello Slam sembra che siano passati mille anni, come se fosse stata un’altra persona a giocare e non io. Cerco di provare a fare le cose correttamente, ma poi nelle partite noto che accadono cose strane, cose che non mi sono mai successe prima.

Che genere di cose?
La testa, è come se andasse per conto suo. Sono cose delicate che a volte non sono facili da gestire.

Come gestisci questa pressione?
L’ideale sarebbe non sentire la pressione, specialmente nel mio caso. In questo momento sono molto indietro, ma non è facile da spiegare. Sento la pressione. Mi ricordo di aver giocato a un livello in cui ho ottenuto un sacco di risultati positivi, quando ero al top, ora quando vado in campo e non ci riesco mi brucia. Mi sento più nervosa, vorrei giocare meglio, mi chiedo come possa commettere tanti errori rispetto a prima, ma devo essere consapevole di quello che ho, di quello che sono in questo momento, ho bisogno di fare molti passi avanti per tornare al livello che possedevo. La fiducia si recupera vincendo le partite, ma per vincerle bisogna giocarle, e ora sono anche fisicamente carente. Una volta potevo giocare mille partite, lo facevo in forma automatica, devo recuperare quello stato.

Ti sta pesando il fatto di essere stata così brava, come essere perseguitata dai tuoi stessi risultati. Finalista del Roland Garros, ex numero 5 del mondo…
… e tutto quello che invece faccio adesso non è all’altezza. Se facciamo questo paragone, tutti i risultati che potrò ottenere saranno sempre peggiori. Il giorno dopo aver perso la finale a Parigi ho detto a Pablo: “D’ora in poi, tutto quello che farò sarà uno schifo, a meno che non vinca una finale“. Ma non puoi vederla così, altrimenti ti spareresti o smetteresti di giocare a tennis. Bisogna ritrovare quella sensazione di gioia nel giocare a tennis, ma non è facile.

Quello stesso giorno hai detto a Pablo una cosa ancora più importante: “Ora ho bisogno di te più che mai”. Hai capito cosa ti aspettava.
Quella settimana è stata molto difficile per tutte le interviste che ho tenuto. Onestamente, non mi piace essere al centro dell’attenzione. Abbiamo dovuto fare i conti con molti più fattori di quelli che potevamo gestire: ho perso un po’ del mio spazio, c’erano molte persone ad assistere ai miei allenamenti, mentre prima erano molto più tranquilli, per questo mi sono sentita in pericolo. Ecco perché gli ho chiesto aiuto, perché non potevo farcela da sola. Sono stata molto fortunata ad avere Pablo sempre accanto a me.

Prima, durante la partita, un uomo è venuto da me e mi ha chiesto: “Che ci fa Errani in questo torneo? Perché non vince più?” Non sapevo cosa rispondere.
Tutto quello che mi è successo negli ultimi due anni è stato pazzesco. La sanzione, la pausa, giocare in attesa di una risposta… è stato un calvario che non auguro a nessuno. Ho vissuto episodi inspiegabili che mi hanno lasciato delle ferite dentro, con cui non è facile convivere. Ho iniziato a provare paura, a vivere nuove situazioni che non sapevo come gestire, ma sono ancora qui per cercare di superarle.

In che modo l’ITF comunica il risultato positivo al controllo antidoping?
Dovremmo stare qui sette ore per spiegarlo bene (ride).

Quello che è chiaro è che era la loro parola contro la tua.
Il punto è che anche l’antidoping italiano era coinvolto, non ero solo io contro l’ITF. Quando mi è stata data la sanzione dei due mesi, più cinque mesi di risultati rimossi, quella era solo la parte dell’ITF. Poi è arrivata la WADA, dicendo che per loro non era sufficiente, volevano che io ottenessi più sanzioni. È stato un vero calvario.

Il momento peggiore della tua carriera.
Immaginati di giocare in attesa di una risposta, e di vederla rinviata ogni mese, fino a sette volte, e tu che continui a giocare! Sono cose che escono dall’ambito sportivo che ti rubano la concentrazione, perdi la testa, ti vedi indifesa e impotente. E poi, dopo sei mesi giocando in quelle condizioni, ti dicono che ti hanno aggiunto altri otto mesi di sanzione. Sono stata ferma tutto quel tempo, trattata come una delinquente.

Come si è comportata la stampa?
È stata molto dura, soprattutto in Italia. È brutto da dire, ma la stampa italiana è sempre stata dura con me. Hanno interferito con cose personali, con la mia famiglia, sono temi molto delicati, sono stati cattivi. Ci sono state molte persone che mi hanno sostenuto, ma la stampa ha cercato di corromperle con notizie basate su informazioni personali. Sopportare tutto questo ha reso la situazione ancora più difficile.

Anche Fognini ha avuto problemi con la stampa locale, invece di essere supportato.
Sarebbe bello se lo fosse, ma non lo è. Invece di fare il loro lavoro in modo costruttivo, scrivendo buoni articoli e facendo interviste interessanti, in Italia si concentrano sugli aspetti negativi, per danneggiarti. La cosa più logica sarebbe valorizzare i giocatori, aiutandoli a raggiungere un livello più alto, ma purtroppo fanno il contrario, dimostrando solo di volerti sminuire. Non so perché, ma è così.

Prima della carriera viene l’immagine; hai mai pensato che la tua carriera sarebbe stata macchiata per sempre?
Certo, ed è molto difficile. Ho sempre avuto molta paura del doping, questo te lo può confermare Pablo. Molte volte i medici mi davano da bere qualche medicina e io non lo facevo, senza farmi vedere, perché avevo paura! Sembra sciocco, ma quando partecipi ad un torneo passi tutto il giorno bevendo da bottiglie o in posti che non sono sicuri al 100%.

Comunque il tuo incidente è successo a casa.
Assolutamente. Una situazione assurda, è un peccato. Vorrei trovare una spiegazione per quello che mi è successo ma non ci riesco. È stato il destino o qualsiasi altra cosa.

In ogni caso la sensazione è che la questione sia già passata in secondo piano.
Beh, ora mi accusano di altre cose: “Non sai servire”, “Perché continui a giocare?”, “Ritirati”. L’altro aspetto è uscito un po’ di scena, ma quando vinco di nuovo due partite di fila, torna alla ribalta. Questo è quello che bisogna affrontare, sappiamo che i tennisti ricevono molti insulti sui social network, ma ciò non mi ferisce più. Da questo aspetto non mi faccio più influenzare, io cerco di fare quello che devo fare, di concentrarmi sulla mia carriera. Voglio sentirmi di nuovo bene in un campo da tennis, tornare ad amare questo sport, cosa che ultimamente mi è costata, ma per questioni esterne al gioco.

Un altro punto di svolta nella tua carriera è avvenuto alla fine del 2016, quando hai interrotto il tuo rapporto con Pablo dopo dodici anni insieme. Perché?
Sono successe delle cose che ci hanno portato alla separazione. La decisione era più mia che sua, ero stanca mentalmente, soffrivo, avevo qualche problema personale che ha avuto ripercussioni sul campo. Avevo meno voglia di lottare, ero triste, spenta, tutto ciò ci ha fatto entrare in contrasto. Comunque durante quell’anno lui ha continuato a guardare le mie partite e ci parlavamo dopo ciascuna di esse. Per me Pablo è come un fratello, anche quando non ci siamo allenati insieme ha continuato ad essere un supporto fondamentale.

Un anno dopo sei tornata a Valencia, hai ritrovato tutto come prima?
Era come se non ci fossimo mai separati, tutto era come prima. Abbiamo vissuto così tanto insieme che quella era una nuova sfida, proprio come la situazione attuale. Siamo fuori dalle prime 200 posizioni in classifica, dobbiamo lottare per scalare la classifica, partecipare ai tornei minori… è diverso, ma tra noi c’è ancora la stessa connessione.

Cosa ricordi degli inizi con Pablo?
Fin dall’inizio mi è piaciuto molto per il suo entusiasmo. In Italia non ho mai incontrato nessuno che avesse una visione così speciale, in lui vedevo così tanta convinzione e mi sono lasciata trascinare. La sua fiducia mi ha contagiata, lui ci credeva molto più di me. Non avrei mai immaginato di arrivare così in alto, ma lui era convinto al 100%. Ricordo quando all’inizio mi diceva: “Dai, vediamo se un giorno arriveremo a un quarto di finale in uno Slam”, e io gli rispondevo che era pazzo (ride). Sapeva portarmi al limite per far emergere le mie qualità migliori. Quando dopo una partita gli dicevo che non potevo giocare meglio di così, mi rispondeva sempre: “Sì che puoi”. Alla fine mi ha trasmesso la fiducia per fare molte più cose di quelle che pensavo fossero possibili.

Fiducia illimitata.
La vedevo nei suoi occhi quando mi allenava, mi ha tirato fuori più di quanto io potessi. Avere accanto una persona che si fida di te in questo modo, mostrando tanto entusiasmo per fare le cose al meglio, e allo stesso tempo divertirsi insieme, è davvero un dono. Ci siamo allenati e abbiamo sofferto, ma ci siamo divertiti.

“Sara non ha la macchina migliore, ma le abbiamo insegnato a guidarla alla perfezione”. Questo mi disse Pablo durante un’intervista nel 2016. Ti sei mai sentita inferiore a una rivale?
Ogni volta! (ride) Ogni volta che giocavo con Kvitova, Garcia, Serena, Sharapova, Stosur, ecc. Le vedevo di fronte a me e non ci credevo. Pensavo: “Servono meglio, hanno un dritto e un rovescio migliore del mio, hanno una condizione fisica migliore… stiamo scherzando?”.

Ma le hai battute.
E non chiedermi come (ride). Pablo mi ha aiutato molto, dall’esterno ha sempre trovato una chiave, una piccola cosa a cui aggrapparsi e su cui fare leva. A volte lasciavo il campo senza sapere come ci ero riuscita, ma l’importante è che ho potuto vincerle.

Il fatto che tu sia riuscita a competere con armi differenti rimarrà per sempre come un gran esempio. Oggi, se non si possiede un servizio a 200 km/h, è più difficile.
È un peccato vedere il modo in cui si gioca a tennis in questo momento, con così tanta potenza e così poca tattica. Pablo mi dice che questo viene a mio vantaggio, perché se tutti giocano nello stesso modo, io posso fare più danni con il mio stile; ma se parliamo di guardare il tennis confesso che non mi piace molto. Mi piace guardare giocare Carla Suarez o Simona Halep, perché posseggono molta più strategia. Il resto delle giocatrici fa molti più vincenti, sì, ma preferirei vedere più tattica e non così tanti punti portati da un buon servizio.

Ti sei mai sentita male per non riuscire a servire così bene come le tue rivali?
Quando ho raggiunto la finale del Roland Garros, ricordo di aver chiesto a Pablo di aiutarmi a migliorare il servizio. La stampa continuava a criticarmi, insinuando che non avrei potuto vincere nulla con quel servizio, e ho commesso l’errore di lasciarmi influenzare. Pablo in compenso mi diceva che era perfetto, che non l’avrebbe cambiato con quello di nessun’altra giocatrice. Era un servizio molto efficace, ideale per il mio stile, riuscivo ad arrivare a statistiche del 90% con la prima di servizio, e lui era felicissimo. Ovviamente continuammo ad allenarlo ogni giorno, ma su quella linea, che si dimostrava perfetta per il mio gioco.

Non voglio immaginare le critiche che ricevevi quando commettevi un doppio fallo.
È una questione che nel corso degli anni mi ha fatto soffrire, e di sicuro si è visto. È sempre stato il mio punto debole, così tante persone me lo facevano notare, che ciò ha influito sulla resa al momento di giocare, a causa della eccessiva preoccupazione.

Ricordi di aver perso una partita a causa del tuo servizio?
Pablo dice di no (ride). È chiaro che ci sono stati momenti in cui mi è pesato non avere un super servizio come altre giocatrici, ma l’ho compensato con altre abilità. Quando perdevo le partite, lo facevo a causa del gioco a fondo campo e non tanto per il servizio, questo è quello che mi diceva. Mi chiedevano di servire con maggiore potenza, ma così facendo mi sarebbe arrivata la risposta più rapidamente senza concedermi il tempo di posizionarmi. Nel modo in cui servivo invece avevo molto più tempo per posizionarmi e iniziare a mettere in atto la mia tattica di gioco.

La gente preferisce parlare del tuo servizio piuttosto che della tua solidità, del tuo modo di combattere, di arrivare su ogni pallina…
È sempre stato così. Ricordo partite in cui la stampa parlava del mio servizio scadente anche se avevo servito benissimo quel giorno. Come se non avessero visto la partita, qualsiasi articolo faceva riferimento a questo aspetto, quel concetto era sempre presente.

Vorrei parlare della tua finale al Roland Garros. L’hai rivista?
Sì.

Cosa cambieresti di quel giorno?
Non appena la partita è finita, ricordo che Pablo mi disse che avrei dovuto fare di più alcune cose e di meno altre, il tipico discorso dopo una sconfitta. Qualche giorno dopo, quando l’abbiamo rivista insieme, si è corretto dicendomi: “Hai giocato molto bene”. Durante la partita avevamo avuto la sensazione che avessi giocato peggio di quello che avevo fatto. Non cambierei nulla, ho cercato di fare del mio meglio, come in tutte le mie partite. In quel momento ho dato tutto quello che avevo, è stata un grande partita, ma lei ha giocato molto bene. Maria ha tirato un sacco di palle sulla linea, così tante che non puoi immaginarti. Si può sempre migliorare… all’inizio, per esempio, ho iniziato molto male, ero sotto 4-0. Era la mia prima finale dello Slam contro Sharapova, credo fosse normale. Mi sarebbe piaciuto vincere, ma il tennis è così, non posso biasimare me stessa.

E nello stesso periodo stavi vincendo titoli nel doppio. Insieme a Vinci hai vinto tutti e quattro gli Slam ed eravate al numero 1. Questo è impensabile ora.
Barty è una delle poche che sta scommettendo su entrambi i circuiti, questo rappresenta un duro sacrificio, soprattutto fisico. È stato un impegno fisico ma, allo stesso tempo, mi ha reso più resistente, è come una ruota. Giocare in entrambi i circuiti mi ha fatto migliorare molto ed è stato anche molto divertente. Vincere tutti gli Slam è stato tanto incredibile quanto inaspettato. Vincere Wimbledon! È una gioia inspiegabile, davvero, non ho parole.

In che momento si comincia a pensare che completare il Grande Slam sia un obiettivo?
Mai. Abbiamo giocato per divertirci, infatti, non ci siamo nemmeno allenate per il doppio. Entrambe ci siamo concentrate sul circuito individuale, di tanto in tanto facevamo qualche partita con Pablo per riscaldarci, ma non ci siamo mai concentrate espressamente sulla conquista dei titoli nel doppio. Entravamo, vincevamo e andavamo avanti. Ci siamo divertite.

Sei la n. 250 del mondo in questo momento (240 questa settimana, ndr). Hai 32 anni. Cosa ti spinge a continuare a combattere?
Non lo so, a volte è davvero difficile. Ciò che mi motiva di più è il desiderio di sentirmi di nuovo bene sul campo. Quando vivi esperienze così brutte, ti rimane un sapore molto amaro in bocca. Come posso pensare di fermarmi adesso? Voglio rivivere quelle belle sensazioni. So di essere più matura, ma voglio ritrovare quel buon feeling, non importa se devo giocare un ITF 25K, non mi dispiace giocare piccoli tornei. Certo, ho ancora la speranza di giocare di nuovo nei grandi tornei, ma quello che mi spinge di più è il desiderio di vedermi di nuovo in campo combattendo, soffrendo, sentendomi competitiva. Essere lì e dare tutto fino alla fine.

Hai perso con una diciassettenne oggi. Non senti di appartenere ad un’altra epoca?
Quando entro in campo non mi concentro sul fatto che la mia rivale abbia 17 o 35 anni, ma sul suo tennis. L’obiettivo è sempre quello di cercare di portare il gioco sul mio terreno, con la mia essenza, variando molto i colpi, con scambi lunghi, so di avere difficoltà contro giocatrici con uno stile molto rapido, ma anche il mio gioco le mette in difficoltà. Ho bisogno di condurre la partita sulla strada che più mi si addice, una lotta di stile.

E cambiare il tuo stile? Nadal o Ferrer sottolineano sempre la loro capacità di adattarsi per sopravvivere ai nuovi tempi. Servire meglio, accorciare i punti, colpire più forte…
Non lo sto facendo. In questo momento ho bisogno di recuperare le forze, per stare bene fisicamente, ma il nostro modo di vedere il tennis non è quello di cambiare il mio stile, non giocheremo allo ‘spara tutto’. È chiaro che dipende anche dal campo in cui si gioca, o dalle palline, su una superficie veloce la mia strategia non è la stessa, ma in linea generale, manteniamo il piano di sempre.

Non appena è finita la partita, sei andata ad allenare il servizio con Pablo per dieci minuti. Questo dice molto sulla tua ambizione.
Con Pablo l’ho fatto molte volte. Ho avuto problemi con il servizio e quello che volevo era pulire il colpo dopo la partita. Con la tensione e il nervosismo, sono consapevole di cambiare il movimento; ho bisogno di pulirlo dopo la partita in modo che domani, quando inizierò di nuovo, possa averlo al livello desiderato.

Una domanda difficile. Hai mai pensato al ritiro?
(Riflette) Sarò sincera, alcune volte l’ho pensato, ma ho subito rimosso questo pensiero. Ho passato dei momenti difficili, sia in campo che fuori. Sono arrivata a dubitare di me stessa pensando: “Sono davvero in grado di continuare a giocare a tennis?” Ma continuo. Continuo perché è una cosa che mi viene da dentro, perché voglio farlo, perché voglio recuperare quelle belle sensazioni e, soprattutto, voglio superare questa situazione.

Vinci te stesso.
Esatto. Voglio allontanare i miei fantasmi, le mie paure personali, questioni che non posso lasciare irrisolte. Queste sono le cose che ti fanno pensare al ritiro, ti invitano a lasciare tutto, ma io voglio superarle. Non per vincere le partite, ma per superare i miei limiti perché non voglio che rimangano tali.

Come immagini la fine?
È difficile rispondere, soprattutto trovare un modo adeguato. Quando vedo che la gente si ritira ci rimango male, con il ritiro di Ferru (Ferrer, ndr) ho pianto molto. Non credo che sarei in grado di farlo come lui, di annunciare che tra un anno smetterò, non potrei sopportare di trovarmi al centro di questa attenzione. Certo quando vai ai tornei è bello, ti fanno sentire bene dedicandoti molte attenzioni, ma sento che questo non fa per me. Quando deciderò, mi ritirerò senza annunci. Penso che lo farò in questo modo, ma non si sa mai. La cosa principale è sentirmi di nuovo bene, ma naturalmente se ci riesco, come potrei ritirami?

Pennetta si è ritirata vincendo uno Slam.
È assurdo, quasi impossibile da fare (ride). Immagino che quando arriverà il giorno, lo sentirò, lo scoprirò. Ora quello che voglio è divertirmi di nuovo, sentirmi bene e vedere fino a dove posso spingermi di nuovo. Come se fosse una seconda carriera. Farò del mio meglio, fino alla morte, per tornare dove mi compete. Se riuscissi ad esprimermi di nuovo al mio meglio, cos’altro potrei chiedere di più?

 

Traduzione a cura di Alessandro Toto

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Puerta e il doping, il manager: “Era un grande giocatore, ma ha pagato per la sua arroganza”

Seconda parte del reportage de “La Naciòn” sul caso di Mariano Puerta. Dopo aver riportato le parole del diretto interessato, che ha ammesso di aver mentito sulle cause della sua positività, proseguiamo oggi con le versioni discordanti dei collaboratori del finalista del Roland Garros 2005

Pubblicato

il

Quella che segue è la traduzione integrale di un articolo pubblicato su ‘La Nacion’. Dopo le ammissioni di Mariano Puerta a Sebastian Torok, ecco le versioni dell’allenatore, del preparatore atletico e del manager di Puerta


L’INTERVISTA AL PREPARATORE ATLETICO LECMAN

“Parlo con un tono sommesso perché ho avuto un ictus”, dice Lecman non appena risponde alla chiamata. L’ex sollevatore di pesi, campione panamericano, ha subito un duro colpo otto anni fa e ha trascorso 20 giorni in coma, ma ha superato il peggio. Non poter camminare ed essere costretto a indossare i pannolini è un ricordo del passato. Si sta progressivamente riprendendo dall’afasia, il disturbo del linguaggio che deriva da una lesione cerebrale. Dice che adesso è felice, che ha un figlio di “un anno e tre mesi”, ha “tanto lavoro” e che insegna perfino per mezzo di Instagram. Inoltre, continua ad allenarsi quattro volte a settimana in modo da non “indurire il corpo”.

 

Durante la sua carriera nel sollevamento pesi e dopo vari inconvenienti nei suoi tentativi olimpici, il fantasma del doping ha aleggiato su Lecman. In un’intervista a La Naciòn del giugno 1999, quando gli venne stato chiesto perché gli atleti di questo sport fossero sempre stato sospettati, rispose così: Guarda, i casi di doping sono frequenti. C’è il doping, non te lo nego. Ora, dipende da ciascuno. Penso che quando raggiungi un certo livello devi assumerti delle responsabilità e devi comportarti da adulto”.

Il lavoro di Lecman con Puerta iniziò nel 2003. “Ti dico la verità: non lo sento da anni”, dice. E ascolta la nuova versione dell’ex tennista. Che un mio amico fabbricò le pillole in un laboratorio? No no no. Io non c’entro niente, risponde l’uomo che ha iniziato a sollevare pesi all’età di 14 anni, al Maccabi.

Questa spiegazione non è reale?
No no no. Io non c’entro niente. Non gli diedi niente.

Qualcuno dei tuoi amici ha fatto le pillole che Puerta ha consumato in quei sei mesi?
È una menzogna, scrivilo.

E cosa è successo?
Non lo so. Ti sto raccontando cosa è successo. Che strano, Mariano è un mio amico. Che strano. Non la vedo così. Appena finito gli manderò un messaggio WhatsApp. Lo chiamerò. Se lo ha fatto, è un peccato. Ma io non c’entro niente.

Prima della finale del Roland Garros eri andato a Parigi. Gli hai fornito nuove vitamine che avrebbero potuto risultare positive al test antidoping?
Non sono a conoscenza di questo. Lo allenavo. Era il migliore, era il migliore. Fece due anni senza potersi allenare. E nel 2007, quando è tornato, siamo andati insieme ai tornei. Quindi non sono a conoscenza di questo fatto.

Cosa pensi sia successo per essere risultato positivo al doping?
Non lo so. Io ero solo il preparatore atletico.

Non gli fornivi tu gli integratori vitaminici?
No no no. Vediamo… non era il mio lavoro.

Chi gli forniva allora gli integratori?
Non lo so.

Come hai reagito quando hai scoperto il doping?
Non ho capito niente e non ho capito cosa stesse succedendo. Dicevo: ‘È una pazzia. Cosa sta succedendo?’. Ero sorpreso. Sì sì. Inoltre, ero molto arrabbiato perché [Puerta] era una brava persona, a quel tempo.

Non hai mai chiesto in confidenza a Puerta cosa è successo?
No, è molto riservato.


LE PAROLE DELL’ALLENATORE SCHNEITER

Il legame giocatore-allenatore tra Puerta e Schneiter non è iniziato, secondo la testimonianza dell’attuale tecnico del cileno Cristian Garin [numero 18 ATP], con tutte le carte in tavola. Schneiter, N.62 ATP in doppio nel marzo 2003, era N.133 al termine di quella stagione, e valutò il ritiro da giocatore per allenare Puerta e Franco Squillari. “A dicembre iniziammo la pre-season e un giorno Puerta mi chiamò dicendomi che era risultato positivo in un controllo antidoping e che sarebbe stato fuori per nove mesi perché sospeso [da ottobre 2003 a luglio 2004]. Avrei dovuto saperlo prima di prendere una decisione così importante. Quello che ho fatto è stato restare con Squillari e continuare a giocare, fino al ritorno di Mariano”.

Quando Mariano tornò, nel luglio 2004, al Challenger italiano di San Benedetto, era N.384. Il rendimento di Puerta fu un crescendo. In quella stagione, dopo aver vinto quattro Challenger e un Futures, finì 133 in classifica. Nel 2005 arrivò l’esplosione, con la finale a Buenos Aires, le semifinali ad Acapulco, il titolo a Casablanca, l’ottavo a MonteCarlo e la finale al Roland Garros. Il lavoro di Gringo Schneiter proseguì per poche settimane dopo Parigi, fino a Cincinnati. E poi lo stesso Puerta [salito al nono posto] lo informò che voleva rompere la collaborazione.

Dopo aver appreso che Puerta aveva dichiarato che la teoria del bicchiere era falsa, Schneiter ha commentato: “Quando in un’intervista [del dicembre 2005, ndr] dissi che la teoria del bicchiere sembrava un film di fantascienza, Quique Estevanez mi chiamò per dirmi che mi avrebbe denunciato e portato in tribunale. Sapevo che stava mentendo. È un bene che lo dica. All’epoca era convinto che fosse accaduto un fatto del tipo, ‘sono andato un attimo negli spogliatoi, mia moglie ha avuto un problema mestruale, sono tornato, ho bevuto nel bicchiere, c’erano residui nell’acqua’. Wow. Era una roba da film”.

Qual è la tua versione dei fatti?
Io ero cosciente di quello che stava accadendo e lui era molto rilassato al riguardo. Sono successe due cose strane che sfuggirono di mano. Lecman non era con noi ai tornei e Darío ha una storia sportiva accidentata. Mariano, quando ha vinto la semifinale [contro Davydenko, ndr], ha invitato Darío a venire. Da quando Darío è arrivato a Parigi, ci sono state delle piccole cose che mi sono sfuggite, perché sono stati soli per molto tempo e di più non posso dire. In quel lasso di tempo non l’avevo sott’occhio. Nella partita con Davydenko, Mariano soffrì uno strappo di due millimetri alla gamba, e non so se gli sia stato dato qualcosa per questo. Mariano ha preso una pillola, tutto l’anno, di caffeina con ginseng che abbiamo usato per attivarci, mezz’ora prima di iniziare le partite. È vero che la faceva un laboratorio. Non che l’abbia comprato da un GNC, no. Ma l’ha presa tutto l’anno. Infatti, quando giocò con Nadal ad Acapulco, era notte, erano le quattro del mattino e Mariano era ancora sveglio; non riusciva a dormire. Se era un po’ giù, la prendeva. Io allenavo anche Squillari e prendeva la stessa pillola. Era consentita a livello di protocollo. Mariano era stato controllato cinque volte prima del Roland Garros. Perché è risultato positivo nella finale? Questa è la parte che non riesco a spiegare. Non lo so.

Puerta cosa ti ha detto?
Glielo chiesi. E mi disse che non lo sapeva. Ho rotto con lui dopo Cincinnati. Quando ritornammo in Argentina, mi lasciò un sabato mattina e la domenica sera successiva mi chiamò per andare a casa sua, dato che era risultato positivo al doping. Era una settimana prima dello US Open.

Quando ti ha detto che non lo sapeva, gli hai creduto?
No. Sapevo che mi aveva mentito. Dopo non so cosa dire, perché niente mi è sfuggito. L’unica cosa che mi è sfuggita è che Lecman arrivò a Parigi un giorno prima della finale e li ho persi di vista un po’ quel giorno. Non metto nemmeno un’unghia nel fuoco per nessuno dei due. Da parte mia, posso dirti che non prendeva nulla di strano. Controllavo tutto quello che potevo e non ci fu mai un problema. Infatti, l’anno precedente viaggiai due mesi con una bilancia, affinché potesse dimagrire. Ho fatto di tutto per dargli fiducia, per tirarlo su di morale. Era fuori peso forma, senza convinzione nei suoi mezzi. Poi ottenne questo, dal nulla mi lasciò, dal nulla risultò positivo al doping, dal nulla sono successe un sacco di cose, e non mi pagò. Oggi non ho rapporti con lui. Due cose mi hanno ferito: mi era vicino. Anche Guillermo Pérez Roldán era un mio amico e ho visto da dietro le quinte tutto quello che ha fatto per stare con Mariano. Ero molto arrabbiato con lui e con Pérez Roldán, con il quale anche non parlo più perché era mio amico e ho visto le e-mail che mandava a Mariano, chiedendogli di allenarlo di nuovo, dato che me le ha mostrate. Tutto scoppiò dopo il Roland Garros. È così: quando li prendi in una brutta situazione, nessuno vuole lavorare con loro; dopo quando sono bravi, sì.

Hai parlato con Lecman in quel momento?
Sì, ho parlato con Lecman. È un altro con cui non parlo più. Ebbi la sensazione che non fossero onesti in molte cose. Non gli ho creduto. Si sono detti di tutto, si sono incolpati a vicenda e due anni dopo, quando Puerta è ritornato a giocare, erano di nuovo insieme. Allora, lei cosa ne pensa? Sembrava un accordo tacito tra loro su qualcosa che non ho mai capito. Posso assicurarti che mi hanno lasciato fuori da questo ‘casino’. E posso assicurarti sui miei figli che non ho dato niente a Puerta.

Trasse vantaggio Puerta in finale con Nadal?
No, al contrario. Se fosse stato bene in finale, non avrebbe perso quella partita. Puerta giocò con una gamba. Ci furono mille palle dove lui non corse.

Quando Lecman arrivò a Parigi avesti dei timori?
No. Quando Mariano ruppe con me mi chiamò un giorno per dirmi che era risultato positivo, e fu una sorpresa. Non riuscivo a capire. In quel Roland Garros prese le massime precauzioni. Prima di iniziare il torneo Mariano accusò un mal di denti e il medico del torneo ci consigliò di andare da un dentista che però era lontano. Puerta non volle andare, ne trovammo un altro, andammo, gli prescrisse tre farmaci da prendere e io gli dissi: ‘Resisti fino a domani con qualunque cosa, fatti un sorso di alcol, o qualcosa di simile. Domani andrò molto presto a parlare con il medico del torneo’. E così fu. Il giorno successivo, il dottore tirò fuori un libro, si mise a controllare i farmaci, disse che era consentito e che poteva acquistare il farmaco prescritto. Puerta lo prese alle 10 del mattino del giorno successivo. Quando saltò fuori la faccenda del doping, Mariano mi chiese se mi ricordassi cos’aveva preso. Non ne avevo idea, ma il medico del Roland Garros controllò e si ricordò. Comunque, non aveva niente a che fare con la sostanza dopante.

È passato molto tempo dall’ultima volta che hai parlato con Puerta?
Quanto tempo fa è successo il fatto della positività al doping?

Quindici anni.
Dunque, sono quindici anni che non parlo con lui.

Se mai lo incontrassi, cosa gli chiederesti?
Che mi dica cosa ha preso e perché prese qualcosa. Penso che abbia preso qualcosa senza saperlo e che ci sia stata negligenza. Non era qualcosa che ha preso apposta e ha detto: ‘Prendo questo e se funziona, funziona’. Era tipico di lui: pensava di essere immortale e io ero agitato, perché vedevo che era rilassato. Gli dicevo: ‘Idiota, non possiamo risultare positivi al doping’. E lui non sembrava conscio del rischio. Ed era un recidivo! Stavo impazzendo ed ero stressato.

Quindi, il tuo più grande sospetto si concentra sull’arrivo di Lecman prima della finale.
Darío lo puoi incastrare facilmente da quel lato, dato che aveva già avuto problemi in passato. È capace di avergli detto: ‘Prendi questo, sarai tirato come un violino, non sentirai niente nella gamba, non succederà niente’. E quel ‘non succederà niente’ erano quei milligrammi di etilefrina che furono trovati facendolo risultare positivo. O forse fu lui a dire a Lecman, a cui non fregava nulla: ‘Darío, dammelo, giocherò come mi viene’. Non so cosa sia successo di preciso, ma sembra che ci fosse qualcosa di simile, perché dopo hanno continuato a lavorare insieme.

Lecman non era solito accompagnare Puerta ai tornei?
Mai. Quella fu la prima volta. E poi ci accompagnò a Montreal e Cincinnati. Quella domenica sera Mariano mi chiamò per dirmi che era risultato positivo all’antidoping, andai nel suo appartamento, in realtà quello di Estevanez, che stava nello stesso palazzo, là a Sucre e Figueroa Alcorta. Entrai, e stavano tutti riuniti e lui mi disse: ‘Sono risultato positivo all’antidoping al Roland Garros’. E mi venne spontaneo di chiedere: ‘Cosa?! Cos’hai preso?’. E lui mi disse: ‘Non lo so’. So che quella risposta era una bugia. So che mi mentì.

Lo sai o lo sospetti?
Abbiamo condiviso cose come marito e moglie. Tutti i giorni, per un anno e mezzo. Ci conoscevamo, sapevamo quando uno mentiva o diceva la verità. Gli dicevo: ‘Hai mangiato quella cosa?’. Mi diceva di no, ma sapevo che mi stava mentendo. Abbiamo fatto questo giochetto 4000 volte insieme e sapevo quando mi mentiva o no. Percepisco che non si sia comportato onestamente con quella risposta.

Segue a pagina 2: la versione del manager

Continua a leggere

Flash

Oliviero Palma: “A Palermo orgogliosi di aver mostrato a 160 paesi che si può giocare a tennis”

PALERMO – Il direttore dal Ladies Open di Palermo traccia un bilancio del torneo: “Un grosso successo sanitario, prima che tecnico”. Su Vekic: “Non si possono obbligare le giocatrici a non andare in giro”

Pubblicato

il

Siamo orgogliosi: l’idea che possiamo mostrare a 160 paesi che ci seguono in TV che un torneo di tennis si può giocare rispettando le regole, ha convinto tutti a rispettarle“. Il consuntivo del direttore del Ladies Open di Palermo, sul finire del torneo, è questo. Con l’obiettivo, tra gli altri, di fare due chiacchiere con Oliviero Palma, ho raggiunto la Sicilia per le fasi finali del torneo. Potete ascoltare qui quello che ci ha detto.

LE PARTI SALIENTI DELL’INTERVISTA

I protocolli sono stati ottimi ma sono suscettibili di modifiche. Ad esempio era previsto che si facessero tamponi fino a domenica, ma una tennista non potrebbe muoversi fino alla conferma della negatività” spiega Palma, che fa riferimento al fatto che domani comincia il torneo di Praga e le eventuali giocatrici testate di domenica non avrebbero potuto lasciare Palermo in tempo utile per andare a giocare. “Quindi, dopo aver fatto tamponi ogni cinque giorni, abbiamo fatto gli ultimi tamponi venerdì. Testare questi protocolli era importante per noi, per la WTA e per chi dovrà lavorarci in futuro”. Anche l’obbligo di fare la doccia lontano dal Country Club, vista la canicola palermitana, è stato rivisto per evitare alle giocatrici il fastidio di andare via dai campi zuppe di sudore nelle auto che le riaccompagnavano all’hotel Astoria Palace.

 

Questo perché, occorre specificarlo, i protocolli della WTA sono ‘consigli’ e non hanno valore di legge: chiaramente va rispettata quella del paese in cui si gioca. “La WTA non può obbligare Vekic a non andare in giro: sta alla sua sensibilità. Va ‘rimproverata’ perché ha messo la foto sui social e ha dato un messaggio sbagliato. Però non ha messo a rischio la salute di nessuno. La legge dice che all’aperto non è obbligatorio indossare la mascherina, anche se noi qui la facciamo indossare a tutti per dare un messaggio positivo“. Tanto per mettere le cose in prospettiva, Palma dedica una battuta simpatica anche a Gasquet, che aveva criticato duramente l’organizzazione palermitana per non aver creato, di fatto, una vera ‘bolla’ a protezione delle giocatrici che hanno alloggiato in un hotel assieme ad altri ospiti: “Sarà un ottimo tennista, ma non è un infettivologo...”.

Palma ha fatto anche un breve accenno all’assenza di delegati FIT a Palermo – c’era soltanto Tathiana Garbin, in Sicilia a titolo personale – e alla sfortuna di non essere riusciti a confermare la presenza di Halep, nonostante il contingente rumeno, alla fine, sia stato composto da ben nove giocatrici.

Il grosso successo di questo evento non è stato l’aspetto tecnico, che non ho neanche seguito attentamente, ma l’aspetto sanitario. Abbiamo fatto circa 500 test” riassume Palma. Che prima di esprimere un giudizio definitivo sul torneo, ci confessa che avrà la premura di attendere martedì o mercoledì, quando tutte le giocatrici che sono iscritte al torneo di Praga avranno svolto e ricevuto i risultati del tampone. Sarebbe un’importante conferma della buona riuscita del primo torneo in assoluto dopo la lunga pausa.

Continua a leggere

Focus

Feliciano Lopez sulla cancellazione di Madrid: “Il tennis senza vaccino non è molto praticabile”

Il direttore del torneo di Madrid: “Non ha senso correre rischi”. E il futuro è buio: “Quest’anno è perso e il 2021 sarà uguale”

Pubblicato

il

Feliciano Lopez - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Ormai è il secondo anno per Feliciano Lopez da direttore del torneo di Madrid e questo ruolo di responsabilità è diventato ulteriormente difficile in tempi di coronavirus. Sul campo lo spagnolo è sempre stato un giocatore fumantino che senza troppe cerimonie mostra le proprie emozioni, ma in giacca e cravatta è la serietà a prendere il sopravvento e in nessun modo ha potuto evitare la decisione di annullare il Mutua Madrid Open, in programma dal 12 al 20 di settembre (che era programmato inizialmente in maggio, ed è diventato così il primo torneo ‘bi-cancellato’ del tour). Abbiamo fatto tutto il possibile, ma la situazione sanitaria deve essere la priorità ha detto al quotidiano spagnolo ABC.

“Quando abbiamo deciso che il torneo si sarebbe trasferito a settembre, abbiamo avuto dubbi su cosa sarebbe potuto accadere durante l’estate. Avevamo intuito che con la riapertura delle attività il numero di contagi sarebbe aumentato. Ma pensavamo che si sarebbe potuto controllare e che avremmo potuto giocare. Un mese fa l’abbiamo dato per scontato. Abbiamo pensato che fosse molto ragionevole giocare con il 30% del pubblico, credevamo di poterlo fare. Ma nelle ultime due settimane sono cambiate molte cose.. Lo scenario di Madrid è peggiorato e non possiamo correre rischi. Non ha senso” ha spiegato Lopez durante l’intervista.

Attualmente il tennista si trova a Luarca nel nord della Spagna con la sua famiglia, ma è sempre rimasto in contatto con le personalità politiche interessate alla questione. “Con la Comunità di Madrid abbiamo avuto una comunicazione molto fluida e molto sincera” ha fatto sapere Feliciano, che da loro inizialmente aveva ricevuto l’invito ad annullare il torneo. “La Comunità, voglio chiarire questo aspetto, ci ha aiutato in ogni momento. Quando abbiamo consegnato il protocollo, lo hanno apprezzato e ci hanno detto che tutto ciò che avevamo proposto era molto ragionevole. Quando la situazione è peggiorata, abbiamo parlato con Antonio Zapatero (Vice Ministro della Salute, ndr) e il suo team, e ci hanno messo di fronte alla realtà. È stato lì che ci siamo posti la domanda: che senso ha andare avanti visto come stanno le cose a Madrid?”.

 

L’obiettivo principale è sempre stato quello di ridurre i rischi, ma quando è parso evidente che ciò andava oltre le possibilità degli organizzatori, non c’erano soluzioni alternative alla cancellazione. Del resto, va preservata anche l’immagine del torneo. “Non volevamo correre rischi. Nessuno nell’organizzazione voleva che si parlasse del torneo a causa di un contagio o di un focolaio, ma soprattutto nessuno voleva che le persone si trovassero in una situazione pericolosa. Non volevamo apparire sui giornali o fare notizia a causa di qualsiasi contagio, che si trattasse di giocatori, allenatori o arbitri, né di mettere a rischio lo staff. La cosa principale è proteggere la salute di tutti”.

La decisione del resto è stata condivisa anche da Ion Tiriac, proprietario del Mutua Madrid Open, come ha spiegato Feliciano. “La situazione è stata molto sfavorevole per noi. Questo fine settimana sono stato con Ion Tiriac a Nizza e più tardi l’ho incontrato a Madrid e ha detto: ‘Senti, Feli, non metteremo a rischio la salute di nessuno. Per me, è quella la priorità. Ho questa licenza da 50 anni e mi dispiace molto, ma non posso mettere a rischio la salute di nessuno'”.

Al momento il tennis professionistico è proiettato in Nord-America dove dal 22 agosto a New-York dovrebbe andare in scena la doppietta Masters 1000 e Slam, e Lopez sembra cautamente fiducioso. Penso che negli Stati Uniti si giocherà, ma non vedo la cosa con molta chiarezza. Non è facile. È uno Slam e ci sono 3.000 o 4.000 persone che devono arrivare da tutto il mondo. Vediamo cosa succederà… Ci sono molti giocatori che non vogliono andare, e anche questo è un punto di vista da rispettare (in realtà la maggior parte dei top 100 è iscritta, ndr). Altri hanno bisogno di soldi… però disputare uno Slam in quelle circostanze è un dramma. Capisco anche l’organizzazione, in quanto vi sono molte entrate in denaro per la televisione e altri interessi. Un major può sopravvivere con i diritti televisivi.”

La domanda a questo punto viene spontanea: quando si potrà giocare un torneo… normale, se è vero che bisogna accettare il fatto che al momento si può seguire soltanto una ‘nuova mormalità’? E la risposta purtroppo è altrettanto spontanea quanto lapidaria. Il tennis, senza vaccino, non è molto praticabile. Le persone si concentrano su quest’anno, ma quest’anno è perso. E per quello che verrà, sarà la stessa cosa. Il tour australiano inizia il 1 gennaio e siamo nella stessa situazione. Dobbiamo sopravvivere nel 2021 fino all’uscita del vaccino e nel 2022 ripristinare la normalità. Il tennis soffre molto e ci resta ancora molto tempo. Cosa faranno le persone dopo l’Australia? Vai a Rio de Janeiro? In Argentina? Ad Acapulco? A Miami a marzo? Senza vaccino…” .

Questi puntini di sospensione rappresentano un’incertezza sul futuro condivisibile, e per questo ogni tentativo di ripartenza va ben accolto.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement