Bercy, un Djokovic perfetto contro Tsitsipas: "Una delle migliori partite dell'anno"

Flash

Bercy, un Djokovic perfetto contro Tsitsipas: “Una delle migliori partite dell’anno”

“L’ho messo costantemente sotto pressione”, ammette Nole in conferenza stampa. Ora la semifinale contro Dimitrov: “Sta giocando alla grande, ma anche io non sto giocando affatto male…”

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Bercy 2019 (foto via Twitter, @RolexPMasters)

da Parigi, il nostro inviato

Dopo la splendida vittoria nei quarti di finale contro Stefanos Tsitsipas, Novak Djokovic si è presentato nella press conference del Rolex Paris Masters con il solito giubbotto invernale a proteggerlo dai malori di stagione che da inizio settimana lo hanno parzialmente debilitato. Se la sera precedente aveva parlato ai giornalisti praticamente ‘senza voce’, sono evidenti i miglioramenti nella salute di Nole dopo il match contro Tsitsipas, fermo restando che la raucedine è ancora ben presente. “Sto bene. Passo dopo passo mi sto riprendendo”, ha risposto Djokovic a chi gli chiedeva aggiornamenti sul suo stato di salute.

LA PARTITA“Ho giocato uno dei migliori match della stagione. Avevo perso tre settimane fa contro Stefanos a Shanghai e ovviamente ho studiato i video della partita per capire cosa avessi fatto bene, dove avessi sbagliato e come migliorarmi. Di sicuro sono anche cambiate le condizioni di gioco, che qui sono indoor, ma ero molto concentrato nel partire bene nel match e poi sono stato bravo a non concedergli possibilità di rientrare in partita: a inizio secondo set era estremamente importante partire bene e brekkarlo. Per fortuna sono riuscito a farlo. Va anche detto che ho servito bene e stasera sono riuscito a leggere le traiettorie del suo servizio. L’ho messo costantemente sotto pressione“.

Gli è stato poi chiesto se ci fosse un motivo particolare per il suo rivolgersi in maniera più animata del solito al suo box: “Non c’è, semplicemente ci sono giorni in cui senti che vincere una partita contro un determinato avversario è più importante di altre volte. Con il proprio team ogni giocatore prepara la partita, cerca di gestire la tensione e di arrivare con il giusto stato d’animo al campo di gioco. Così, quando capisci l’importanza della vittoria, ti sembra giusto dividerla con chi ti segue costantemente. Non c’è dunque nessuna regola, nessun motivo o routine nel festeggiare di più o meno col proprio team”.

VERSO LA SEMI CONTRO DIMITROV“Sta giocando un tennis incredibile questa settimana… ma anche io non sto giocando affatto male, sarà una bella sfida. Contro di lui molto dipende dalla superficie. Più è rapida, più aumentano le sue chance. Vulnerabilità? Forse il rovescio. Rispetto al dritto, credo che il rovescio sia sempre stato il suo colpo più debole. Ma vedendo gli ultimi mesi, le ultime partite che ha giocato, credo che stia sentendo molto bene proprio il rovescio. Tanti giocatori ovviamente provano ad attaccarlo proprio su quel punto debole, ma lui sta variando molto bene con lo slice. E si muove veramente bene. Credo sia uno dei ragazzi più in forma da questo punto di vista di tutto il circuito. E questo lo aiuta ad essere sempre nella posizione migliore.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Luca Bottazzi ci conduce attraverso la storia del Roland Garros

Un torneo nato nel 1891, ma ‘diventato’ l’Open di Francia solo nel 1925. Erano gli anni di Lacoste e Lenglen. Il tormentato successo di Laver nel 1962. Poi Evert, Borg, fino ai campioni di oggi

Pubblicato

il

Suzanne Lenglen

Vi aggiorniamo sulla pubblicazione dei nuovi contenuti sul canale YouTube Bottazz Vincente di Luca Bottazzi, commentatore, scrittore e studioso del tennis. Trovate qui la puntata precedente, nella quale ci ha spiegato qual è il primo comandamento del tennis.

Per questo week-end, il focus è inevitabilmente il Roland Garros, che proprio tra oggi e domani avrebbe trovato la sua conclusione con le finali del singolare femminile e maschile.

Bottazzi racconta che, ultimo tra i quattro tornei dello Slam ad essere nato nel 1925, il Roland Garros è sorto sulle ceneri di un vecchio torneo francese nato invece nel 1891 – riservato solo a giocatori francesi e stranieri iscritti ai club transalpini. Le donne hanno debuttato nel 1897. La prima edizione del 1925 venne vinta da René Lacoste e dalla ‘Divina’ Suzanne Lenglen.

 

Nel 1927 avvenne il trasloco dalla sede dello Stade Français a Port d’Auteuil, dove attualmente si svolge il torneo; il nuovo impianto fu intitolato all’aviatore francese Roland Garros, caduto durante la Prima Guerra mondiale, e la prima finale disputata sotto il nome attuale del torneo vide ancora Lacoste prevalere, questa volta in cinque set su Bill Tilden dopo aver annullato due match point.

Quindi sull’intera Europa si abbatte (la pausa per) la seconda guerra mondiale e si giunge agli anni Cinquanta, quelli di Drobny e Trabert al maschile e di Connolly e Gibson al femminile. Gli anni Sessanta condussero all’inizio dell’Era Open, non prima del Grande Slam compiuto da Rod Laver nel 1962. Dei suoi quattro successi, proprio quello a Parigi fu il più tormentato: prima il match point annullato a Mulligan ai quarti – come andò quel punto ce lo ha raccontato proprio Mulligan un paio di mesi fa – e poi la rimonta in semifinale ai danni di Fraser, che servì per il match. In finale, Roy Emerson conduceva 3-0 al quinto set… ma sapete com’è finita.

Poi la fine dell’era del professionismo e i grandi campioni del recente passato, fino ai campioni di oggi. Tutto nell’ultima pillola video di Luca Bottazzi.

Continua a leggere

Flash

Sky Sport Arena: domenica è “Tommasi&Clerici Day”

Clerici&Tommasi e le loro telecronache entrate nel mito. Alle due voci (e penne) del tennis è dedicata l’intera giornata di domenica 7 giugno su Sky Sport Arena

Pubblicato

il

Domenica 7 alle 14:30 su SKY Sport 24 (Canale 200) andrà in onda un’intervista di Stefano Meloccaro al direttore Ubaldo Scanagatta per ripercorrere la mitica carriera di Rino Tommasi e Gianni Clerici. Alle 12:30 sempre su SKY Sport 24 intervista di Elena Pero a Gianni Clerici nella sua casa di Como. Elena ha scritto il testo riportato nel comunicato qui sotto.

Testo di Elena Pero per SKY Sport

I “circoletti rossi” di Rino Tommasi (PDF)

Senza di loro, il tennis non sarebbe stato lo stesso.
Non sono stati i campioni dalle mille vittorie, ma sono quelli che ce li hanno raccontati, rendendo ancora più mitici le imprese dei giocatori e i nostri ricordi.
Generazioni di appassionati (e tanti loro parenti) sono cresciuti ascoltando le telecronache di Gianni Clerici e Rino Tommasi. E non paghi, il giorno dopo in edicola a compravano i quotidiani per leggere anche i loro articoli.

 

Ci hanno fatto compagnia durante innumerevoli ore passate davanti alla TV, sono diventati di famiglia. Seguire una partita insieme a loro era uno spettacolo nello spettacolo. Anche le più noiose diventavano avvincenti, le altre passavano alla storia.
Perché? Clerici e Tommasi hanno cambiato il modo di fare la telecronaca di un evento sportivo, fino ad allora quasi sempre raccontato in modo pomposo, retorico, serioso da un singolo giornalista. Hanno introdotto la telecronaca in coppia. Il racconto è diventato un colloquio; il tono, come dice Gianni, “lo stesso di quando ci si parlava tra noi”. Ascoltandoli si riusciva a leggere la partita in maniera diversa, più approfondita ma anche divertente.

Di scuola americana, Tommasi ha insegnato a tutti che numeri e statistiche non erano un passatempo inutile o da fanatici, ma una maniera per interpretare i fatti. Non in modo ottuso, ovviamente. “Le statistiche, bisogna saperle leggere!” è uno degli assiomi di Rino che ci risuona ancora nelle orecchie.

Gianni ha descritto i colpi dei giocatori (avendoli visti all’opera praticamente tutti sin dal dopoguerra) coniando neologismi a ripetizione. Lo hanno sempre esaltato di più un tocco di volée sul 40-0 che un ace messo giù per salvare una palla break, i ‘gesti bianchi’ di un tennis elegante più che il sudore della fatica.

“Circoletto rosso!” dopo uno scambio memorabile: Tommasi ha sempre per davvero circondato con il pennarello rosso un punto esaltante sul suo taccuino dove i punti di un match sono segnati tutti. Un’espressione che è diventata di uso comune, insieme a infinite altre. Come anche “I pronostici li sbaglia solo chi li fa”, che sottintende un altro modo di interpretare la telecronaca da parte di Rino e Gianni: ti do una mia opinione, non ti nascondo neppure una mia simpatia, ma non perdo l’obiettività.

SKY Sport Arena dedica domenica 7 giugno ai due Maestri….

Pubblicato da Luca De Gaspari su Sabato 6 giugno 2020

Entrambi, per cultura e preparazione, non hanno mai mancato di esprimere anche con schiettezza le loro opinioni, sempre motivandole, senza paura di esporsi. E le loro opinioni si fondavano sull’autorevolezza di un’esperienza sterminata, sulla cultura sportiva e non solo, sulla conoscenza diretta degli uomini e degli eventi passati alla storia. Quando in sala stampa Tommasi e Clerici parlavano, gli altri, in ogni angolo del pianeta tennis e non solo, stavano a sentire.

Tommasi attaccato ai fatti, un pozzo di conoscenza sportiva (che ha sempre generosamente condiviso con tutti, dal collega più affermato ai tanti ragazzi a cui via via ha dato la possibilità di trasformare in lavoro una passione) tutta archiviata nella testa, tanto da poter citare a memoria strabiliando i presenti. Nell’era pre-computer era Rino a tenere tutte le statistiche e Arthur Ashe gli aveva così dedicato una copia del suo Portrait in Motion’: “Senza di te non avrei mai saputo quanto volte ho perso con Laver”.

Clerici una fonte di storie (mirabolanti, magari un poco inventate, tanto che la sua vena di romanziere prosegue) che Rino con il sorriso ha sempre condiviso sotto l’egida del ‘never spoil a good story with the truth’ di Mailer (mai rovinare una bella storia con la verità).

Tommasi il primo ad aprire la sala stampa, l’ultimo ad andarsene, facendo cinquanta cose insieme senza perdere il filo e farle tutte bene e non per caso. Infatti: “La modestia non è uno dei miei difetti” è la battuta con cui ha sempre accolto i complimenti.

Clerici che, distratto, magari perde il match del giorno perché c’è una mostra assolutamente da vedere o un pezzo all’asta da comprare per arricchire una collezione tennistica che fa invida al museo di Wimbledon.

Diversi, complementari, profondamente complici. Hanno insegnato a tutti noi, non con lezioni o prediche, solo con l’esempio, a fare le cose molto seriamente senza prendersi sul serio. 

Domenica 7 giugno, la programmazione di Sky Sport Arena

  • Ore 6.00: Suzanne Lenglen, Divina – Documentario di G.Clerici (2002)
  • Ore 6.30: Fairplay ’93 Remix
  • Ore 6.45: Finale Montecarlo 1995: MUSTER-BECKER
  • Ore 8.45: I Signori del Tennis Clerici
  • Ore 9.15: Finale Wimbledon 1992, AGASSI-IVANISEVIC
  • Ore 11.15: Fairplay ’93 Remix
  • Ore 11.30: Finale femminile Wimbledon 1995: GRAF-SANCHEZ
  • Ore 13.30: Fairplay ’93 Biagi e Bocca
  • Ore 13.45: Finale Wimbledon 1993: SAMPRAS-COURIER
  • Ore 16.00: I Signori del Tennis Clerici
  • Ore 16.30: Finale Indian Wells 2005: FEDERER-HEWITT
  • Ore 18.15: Fairplay ’93 Remix
  • Ore 18.30: Suzanne Lenglen, Divina – Documentario di G.Clerici (2002)
  • Ore 19.00: Quarti di finale femminile Wimbledon 1999: V. WILLIAMS-GRAF
  • Ore 20.30: Finale Wimbledon 1999: SAMPRAS-AGASSI
  • Ore 22.30: Fairplay ’93 Biagi e Bocca
  • Ore 22.45: Finale femminile Wimbledon 2005: V.WILLIAMS-DAVENPORT
  • Ore 00.30: I Signori del Tennis CLERICI
  • Ore 01.00: Finale Roma 2006: FEDERER-NADAL

Continua a leggere

Flash

Vekic: “Gli uomini non dovrebbero giocare al meglio dei cinque set fino ai quarti di finale”

La tennista croata si scaglia contro i match alla lunga distanza. “Nessuno vuole vederli giocare per cinque set, a meno che non siano Nadal e Federer”

Pubblicato

il

Donna Vekic - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Donna Vekic ha rilasciato alcune dichiarazioni, durante la sua partecipazione ad un podcast croato Inkubator, sul tema della parità di retribuzione tra uomini e donne, ma soprattutto sul formato delle partite al meglio dei cinque set, che Vekic non trova così entusiasmante.

“Gli uomini fanno spesso commenti come ‘giochiamo al meglio di 5, perché dovremmo avere lo stesso premio in denaro?’. Nessuno vuole guardarvi per cinque set (ride, ndr). Voglio dire, va bene se guardiamo Roger e Rafa nella finale di Wimbledon per cinque set, quello è fantastico”. Il messaggio certo non è dei più edificanti per lo sport in generale, perché sembra far passare il concetto che solo certi giocatori possano produrre spettacolo e perciò meritarsi partite più lunghe.

Vekic rincara la dose e propone una sorta di “riforma” per i match maschili degli Slam: giocare due su tre i primi quattro turni e introdurre il tre su cinque solo a partire dai quarti di finale. “Penso che gli uomini non dovrebbero giocare al meglio dei cinque fino ai quarti di finale dove inizia davvero a diventare interessante. Tutti dicono che quando una partita arriva al quinto set è insostituibile, ma non ne sono così sicura”. Parole che sicuramente provocheranno qualche polemica.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement