ATP Finals: Medvedev la butta via, Nadal risorge e si salva per miracolo

ATP

ATP Finals: Medvedev la butta via, Nadal risorge e si salva per miracolo

LONDRA – Il russo perde la testa in vantaggio 5-1 nel terzo set e finisce per perdere al tie-break. Nadal annulla anche un match point e si rilancia nel gruppo Agassi

Pubblicato

il

Rafael Nadal - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Con Immagina Benessere di Generali hai sempre un consulto telefonico con un nutrizionista e migliori le tue performance sportive


[1] R. Nadal b. [4] D. Medvedev 6-7(3) 6-3 7-6(4) (da Londra, il nostro inviato)

Rafael Nadal supera Daniil Medvedev al termine di un incontro combattutissimo che, soprattutto nel terzo set, è stato a tratti meraviglioso e folle. Con questa vittoria lo spagnolo in un solo colpo ravviva le sue chance di approdare in semifinale e al contempo di conservare la prima posizione nel ranking mondiale al termine della stagione. Medvedev, che ha ormai invece poche possibilità di superare il girone di qualificazione, dovrà meditare a lungo sulle modalità con le quali è maturata l’odierna sconfitta, la terza in altrettanti confronti contro il maiorchino.

Alla vigilia dell’edizione 2008 di Wimbledon a Nadal fu chiesto quali fossero le sue aspettative al riguardo. Rafael rispose così: “Due anni fa in finale ho vinto un set; lo scorso anno due; quest’anno spero di vincerne tre”. Non ne abbiamo la certezza, ma crediamo plausibile che – mutatis mutandis – Daniil Medvedev oggi fosse sceso in campo per affrontare Rafael Nadal, che nel corso di questa stagione gli ha impedito prima la conquista dell’Open del Canada e poi quella dello US Open, con il medesimo obiettivo. Obiettivo fallito al termine di una partita dai tre volti: bella nel primo set; discreta nel secondo; meravigliosamente folle nel terzo. Senza volere togliere nulla alla classe immensa di Nadal costituzionalmente incapace di darsi per vinto, nel corso dell’intero incontro abbiamo avuto la forte impressione che l’esito di ogni set sia dipeso nel bene e nel male principalmente dalla tenuta mentale di Medvedev, che sotto questo aspetto ha dimostrato di avere ampi margini di miglioramento.

 
Rafael Nadal e Daniil Medvedev – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

LA CRONACA – Sandro Ciotti in occasione di questo match non avrebbe potuto definire “gremiti in ogni ordine di posti” gli spalti della O2 Arena, come era solito fare con quelli di calcio in occasione dei derby, dal momento che c’erano molti spazi vuoti. Ma avrebbe potuto facilmente indovinare il nome del beniamino dei presenti, a cominciare dal nostro indemoniato vicino di postazione, Mauro, 22 anni, giunto apposta da Catania per sostenere Nadal e allo stesso tempo diventare afono urlando incessantemente il suo nome per quasi tre ore. Non pervenuti i fan di Medvedev.

Daniil vince il sorteggio iniziale e decide di lasciare al numero 1 del mondo l’onore-onere di battere per primo. Onere che Nadal si assume senza alcuna esitazione e svolge da par suo: in tutto il primo set avrà solo un momento di difficoltà nel corso del settimo game, quando annullerà una palla break con un grande passante di diritto al termine di uno scambio infinito (35 colpi). Da sottolineare la sua performance anche a rete dove, se non abbiamo contato male, lo abbiamo visto uscire vincitore in dieci occasioni su undici tentativi. Purtroppo per lui e per i suoi fan (tra i quali si è distinta per sonorità una nutrita pattuglia di bambini spagnoli), Medvedev al servizio è altrettanto autorevole, se non di più: quattro i turni di servizio consecutivamente tenuti dal russo senza perdere un punto.

Le sue roncolate di diritto – che tale pare in mano a Medvedev la racchetta in certi momenti: roncola più che Durlindana – scavano solchi nel cemento e il rovescio non sarà forse da manuale del tennis ma è efficacissimo. A ciò si aggiunga una battuta notevole e una mobilità laterale e verticale sbalorditiva in un atleta vicino ai due metri e si otterrà un giocatore in grado di vincere il primo set, seppure non senza sudare, contro una buona versione di Nadal. Punto a nostro avviso più importante e più bello del primo parziale quello colto da Medvedev nel tie-break con un sontuoso diritto in corsa sul punteggio di 4-3; così bello – soprattutto sotto il profilo atletico – da strappare l’applauso e il seguente ammirato commento al nostro non imparziale vicino di poltrona, Mauro: “Bravo. Quando uno è bravo è bravo e bisogna riconoscerlo”. Sottoscriviamo il giudizio.

Rafa Nadal – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Non certo meno bravo di Medvedev è però Nadal, che nel secondo set approfitta di un attimo di distrazione (o rilassamento) del suo avversario per togliergli una prima volta il servizio in apertura e poi una seconda nel nono gioco, senza mai rischiare nulla durante i suoi turni di battuta. In occasione del secondo break si è avuta netta la sensazione che Medvedev per qualche insondabile ragione non vedesse l’ora di passare subito a quello decisivo e che Nadal non vedesse l’ora di accontentarlo.

Set decisivo che – se non proprio di Omero – meriterebbe almeno la penna di Salgari per essere narrato, tale è stato l’intreccio di pathos e emozioni al quale abbiamo avuto la fortuna di assistere e che non è semplice comunicare nella sua interezza al lettore. Proviamo comunque. Si comincia con Medvedev straripante capace di togliere il servizio per due volte consecutive al suo apparentemente rassegnato avversario, di procurarsi due palle per il 5-0 e, poi sul punteggio di 5-1, un match point annullato da Nadal con una smorzata tanto delicata quanto coraggiosa. Pareva il canto del cigno quella smorzata. Invece, proprio da lì è iniziata la discesa agli inferi di Medvedev e il crescendo rossiniano di Nadal, interrotto soltanto da una reazione rabbiosa del primo che, sul punteggio di 5-6 0-30, ha messo a segno tre ace rabbiosi e raggiunto il tie-break.

A questo punto però, all’interno di un’arena ormai trasformata in una bolgia infernale interamente schierata a favore di Nadal, crediamo che neppure la mamma di Medvedev avrebbe scommesso rublo sulla vittoria del suo labile bambino che ha infatti resistito sino al 4 pari per poi lasciare il passo al suo avversario dopo l’ennesimo errore gratuito di diritto, il quarantesimo complessivo. Un dato molto insolito per Daniil. Nadal torna così prepotentemente in lizza per un posto in semifinale che gli verrà conteso da Stefanos Tsitsipas venerdì e rende più complessa e avvincente la lotta per il titolo di miglior giocatore del ranking, anche alla luce della sconfitta subita ieri da Djokovic.

Daniil Medvedev – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Medvedev, uscito dal campo in evidente stato di shock, si giocherà le residue chance contro Alexander Zverev, ammesso e non concesso che il match di questa sera gliene lasci qualcuna. Al di là di questo fatto contingente, resta però forte la sensazione che Medvedev debba ricaricare le pile – fisiche e mentali – al termine di una stagione che, oltre ad essere stata straordinariamente positiva, è stata altresì massacrante e che, se ne sarà capace, la prossima possa portarlo a raggiungere traguardi ancora più importanti.


NOTA PER I LETTORI – In relazione allo scambio di battute avuto con Rafael Nadal durante la conferenza stampa del suo primo incontro, c’è stato un franco chiarimento con lo spagnolo subito dopo la sua partita con Medvedev. Ci siamo entrambi spiegati i motivi che hanno portato al reciproco equivoco e a espressioni non consone, in buona parte dovuto all’inglese imperfetto – in particolare in questo episodio – di entrambi per reciproca ammissione. Basta così. Cambiamo argomento con soddisfazione generale e, fra Nadal e il sottoscritto, permane la immutata stima di sempre. Quanto ai lettori pensino, come sempre, quel che si sentono di pensare, ma a questo punto ogni ulteriore commento mi parrebbe davvero superfluo, con buona pace per tutti. Grazie a tutti per la partecipazione. (Ubaldo Scanagatta)

La situazione aggiornata del Gruppo Agassi
Gruppo Agassi, day 1le vittorie di Zverev e Tsitsipas

GLI SCENARI DI QUALIFICAZIONE (aggiornati dopo la vittoria di Tsitsipas)

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Acapulco: il polso fa ancora male, si ritira Kyrgios

Il dolore al polso sinistro costringe Nick Kyrgios all’abbandono dopo un set contro Ugo Humbert. Nessu problema per Rafael Nadal

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Acapulco 2020 (foto Twitter @Abiertotelcel)

La sessione serale della seconda giornata all’Abierto Mexicano di Acapulco ha visto in cartellone i rispettivi match di primo turno di quelli che nel 2019 avevano dato vita al match del torneo, ovvero il campione uscente Nick Kyrgios e la prima testa di serie Rafael Nadal.

Un piatto succulento, almeno sulla carta, per gli spettatori del Princess Mundo Imperial, che però hanno lasciato le tribune poco dopo le 23 locali con un po’ di amaro in bocca.

In apertura di serata Rafael Nadal ha rimediato a una partenza estremamente imprecisa e titubante che lo aveva visto andare subito in svantaggio per 2-0 0-30 con un rapido aggiustamento di rotta che gli è valso un prevedibile 6-3, 6-2 di routine nei confronti del suo connazionale Pablo Andujar, n. 54 del ranking ATP. Una volta presa la mira sulle prime accelerazioni di diritto, l’attuale n. 2 del mondo non si è più guardato indietro e non ha mai avuto momenti di difficoltà se non nel tentare di tamponare la sua abbondantissima sudorazione nella calura dell’umidità messicana. La sua cavalcata è stata soltanto temporaneamente rallentata dal break subito sul 4-1 “pesante” del secondo set, quando comunque il suo vantaggio era già molto consistente.

 

In 90 minuti Nadal ha concluso il suo primo match dall’Australian Open, sconfiggendo Andujar per la quarta volta su quattro incontri e avanzando al secondo turno dove incontrerà il serbo Miomir Kecmanovic, n. 50 del ranking ATP, vincitore al primo turno dell’australiano Alex de Minaur.

Ma il piatto forte della serata, almeno per il pubblico messicano, doveva essere l’esordio del campione uscente Nick Kyrgios, che lo scorso anno estrasse dal cilindro una delle più improbabili rincorse al titolo sconfiggendo uno dietro l’altro il nostro Andreas Seppi, Rafael Nadal appunto, poi Stan Wawrinka, John Isner e Sascha Zverev, ovvero tre Top 10 su cinque incontri.

Kyrgios era impegnato contro il giovane e talentuoso francese Ugo Humbert, n. 43 del mondo, ma con grande disappunto di tutta la folla presente non è riuscito a portare a termine il proprio impegno, vedendosi costretto al ritiro dopo la perdita del primo set a causa del persistere del problema al polso sinistro che già lo aveva costretto al forfait la settimana scorsa a Delray Beach.

Humbert, dal canto suo, ha messo in campo una solidissima prestazione, soprattutto nei suoi game di battuta nei quali ha concesso solamente quattro punti in tutto il set, e sicuramente non si è meritato tutti i fischi che hanno accompagnato la sua uscita dal campo. L’australiano è apparso in difficoltà sin dall’inizio, soprattutto dalla parte sinistra ovvero dalla parte del suo rovescio bimane dove ha bisogno della mano sinistra: si è fatto fasciare il polso dal fisioterapista sull’1-4, ma dopo aver giocato qualche altro game e completato il primo set ha capito che era perfettamente inutile continuare ed ha stretto la mano ad arbitro e avversario avviandosi verso gli spogliatoi, non prima però di essersi tolto le scarpe da tennis come di consueto e infilato le scarpe da basket direttamente sul campo.

Il torneo (e con lui anche tutti i party di contorno) perde così il proprio campione uscente ed un sicuro potenziale protagonista che ora però dovrà cercare di recuperare in vista dell’impegno di Davis della settimana prossima ad Adelaide contro il Brasile. Humbert avanza quindi al secondo turno dove trova l’americano Taylor Fritz, vincitore in tre set di John Millman.

I risultati completi:

[1] R. Nadal b. P. Andujar 6-3 6-2
S. Kwon b. [LL] T. Daniel 6-2 2-6 6-3
[8] D. Lajovic b. S. Johnson 6-7(5) 6-4 6-3
P. Martinez b. R. Albot 6-3 6-2
[7] G. Dimitrov b. [Q] D. Dzumhur 6-3 6-3
U. Humbert b. [6] N. Kyrgios 6-3 rit.
T. Fritz b. J. Millman 7-5 3-6 6-1
[4] F. Auger-Aliassime b. [LL] A. Bolt 6-3 7-6(5)
[5] J. Isner b. [WC] M. Zverev 6-3 7-6(4)
[2] A. Zverev b. [Q] J. Jung 7-6(6) 6-1

Continua a leggere

ATP

ATP Delray Beach: Opelka, doppio turno e trionfo finale

Reilly Opelka vince semifinale e finale nello stesso giorno e conquista il secondo titolo ATP. Salva un match point contro Milos Raonic

Pubblicato

il

Reilly Opelka (destra) e Yoshihito Nishioka al Delray Beach Open 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Nel Delray Beach Open by Vitacost.com la vittoria è andata all’americano Reilly Opelka, n. 54 della classifica ATP, che nella giornata di domenica è stato costretto agli straordinari a causa della pioggia caduta sul sud della Florida sabato sera che ha causato lo spostamento della sua semifinale contro Milos Raonic.

Reilly Opelka – Delray Beach 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Sceso in campo alle 10.30 del mattino, il giocatore di casa (è originario di West Palm Beach, a poche decine di chilometri dalla sede del torneo) ha rimontato un set di svantaggio al campione canadese annullandogli pure un match point nel tie-break del terzo set, un tie-break dall’andamento molto bizzarro: Opelka è andato prima avanti per 5-0, poi ha subito sei punti consecutivi andando sotto 5-6 e quindi, annullato il match point con il quattordicesimo ace, ha conquistato gli ultimi due punti per portare la partita al terzo set. Lì ha saputo piazzare l’accelerazione decisiva a metà parziale, quando dal 2-3 ha vinto quattro giochi consecutivi mettendo a segno un parziale di 16 punti a 5.

Dopo soltanto poche ore il gigante della Florida (2 metri e 10) è dovuto tornare in campo per la finale contro il giapponese Yoshihito Nishioka (n. 63 ATP) che gli rende ben 40 centimetri d’altezza. Opelka è riuscito ad avere la meglio del nipponico dopo 2 ore e 11 minuti di gioco nelle quali, dopo aver vinto per 7-5 un primo set nel quale è stato quasi sempre in vantaggio, ha perso al foto finish il secondo parziale al tie-break, prima di dilagare nel terzo set nel quale ha ottenuto ben due break lasciando solamente cinque “quindici” nei suoi turni di battuta.

 
Yoshihito Nishioka – Delray Beach 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Si tratta del secondo titolo in carriera per lo statunitense, dopo quello vinto lo scorso anno al New York Open, che lunedì prossimo salirà di ben 15 posizioni in classifica raggiungendo la posizione n. 39. Anche Nishioka, con la finale ottenuta, guadagnerà 15 posizioni nel ranking arrivando così ad entrare per la prima volta in carriera nei Top 50 assestandosi al n. 48.

Risultati, semifinale:

[4] R. Opelka b. [2] M. Raonic 4-6 7-6(6) 6-3

Risultati, finale:

[4] R. Opelka b. Y. Nishioka 7-5 6-7(4) 6-2

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Si ferma in finale la corsa di Mager, Garin è il campione di Rio de Janeiro

Gianluca Mager ha avuto chance in entrambi i set, ma è stato Cristian Garin a sollevare il trofeo. Best ranking per entrambi la settimana prossima

Pubblicato

il

Cristian Garin con Gustavo Kuerten alla premiazione di Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

[3] C. Garin b. [Q] G. Mager 7-6(3) 7-5

Si è chiusa con una sconfitta la settimana magica di Gianluca Mager, ma ci sono tutti i motivi per essere soddisfatti di questo torneo che probabilmente segnerà uno spartiacque nella carriera del 25enne di Sanremo. Partito dalle qualificazioni ha infilato due scalpi di assoluto prestigio (Ruud e Thiem sulla terra sono vittorie di cui andare fieri, anche se nessuno dei due era al meglio della condizione) ed ha portato a casa 320 punti (300 per la finale più 20 per la qualificazione) che lo proiettano al 77° posto della classifica ATP, con la pressoché matematica certezza di entrare in tabellone in tutti i rimanenti tornei dello Slam di quest’anno, oltre ad una chance di giocarsi un posto alle Olimpiadi di Tokyo.

Che Mager potesse partire piuttosto lentamente dopo la grande battaglia vinta in semifinale solo poche ore prima era tutto sommato piuttosto prevedibile, quindi in pochi hanno battuto ciglio quando il ragazzo di Sanremo è andato subito sotto 2-0 contro un avversario che aveva invece chiuso molto velocemente il suo impegno precedente contro Borna Coric. Un po’ meno prevedibile era che il buon Gianluca, una volta presa coscienza della sua presenza in finale, rimontasse da 1-3 a 4-3 e si procurasse addirittura due palle break per il 5-3, principalmente grazie alle sue accelerazioni di rovescio che con quella preparazione così lineare e così minima mascherano meravigliosamente la traiettoria dei colpi.

 

Svanite le tre opportunità per andare a servire per il set, si è arrivati abbastanza tranquillamente al tie-break, nel quale Mager, forse sentendo di dover fare qualcosa di più, ha commesso almeno tre errori non forzati che gli sono costati il set con il punteggio di 7 punti a 3 in 50 minuti.

Gianluca Mager – Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

Dopo aver perso il primo tie-break del torneo (in precedenza il ligure era a 4 su 4), Mager ha chiesto l’intervento del fisioterapista per farsi massaggiare l’inguine dalla parte della coscia destra, e c’è da chiedersi che mani abbia quel fisioterapista perché Gianluca è riuscito a infilare una striscia di 10 punti consecutivi che lo ha portato in vantaggio per 3-1 con un break ottenuto a zero in grande stile. La pressione di Garin però iniziava ad aumentare: sul 3-2 Mager si salvava dallo 0-40, ma al momento di servire per il set sul 5-4 tre risposte vincenti di Garin rimettevano il set in parità. Il cileno continuava a spingere, e questa volta il serbatoio di Gianluca appariva davvero vuoto: con niente da opporre alla pressione dell’avversario, Mager subiva un parziale di 16 punti a 2 che chiudeva il match dopo 1 ora e 35 minuti.

Prosegue così la striscia di nove vittorie consecutive sulla terra battuta di Cristian Garin, che conquista così il suo secondo titolo dell’anno (il quarto in totale, e il secondo battendo un italiano in finale avendo sconfitto Berrettini a Monaco lo scorso anno) dopo quello di Cordoba due settimane fa e si appresta ad andare nella sua Santiago del Cile per continuare questa cavalcata. Ci arriverà con il nuovo best ranking di n.18 e addirittura come n.4 della Race to London, per far sognare tutti i suoi compatrioti e che sperano di rinverdire i fasti di Nicolas Massu e Fernando Gonzalez alle Olimpiadi di Atene 2004.

Leggi qui la storia di Gianluca Mager

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement