Nadal accusato di non pagare le tasse dell'Academy: "Sono attacchi diffamatori"

Flash

Nadal accusato di non pagare le tasse dell’Academy: “Sono attacchi diffamatori”

Il sindaco di Manacor accusa Rafa di “vivere al margine della comunità.” Nadal ferito: “Ho portato il nome della mia città in giro per il mondo nel miglior modo possibile”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Il sindaco di Manacor, Miguel Olivier, ha contestato a Rafael Nadal e alla sua accademia il programma di ampliamento (ratificato dal consiglio comunale nel giugno 2018) che porterà la struttura ad avere 45 campi da tennis (di cui 34 all’aperto), un campo da calcio, due piscine e oltre 200 stanze d’albergo. Olivier accusa Nadal di non aver seguito l’iter corretto per ottenere l’approvazione, evitando tutte le beghe burocratiche del caso. In particolare quella che avrebbe potuto accompagnarsi alla modifica di utilizzo del suolo, che stando agli esperti sarebbe parecchio difficile da ottenere.

“Non esiste nessuna relazione tra i Nadal e la giunta di Manacor” ha affermato il sindaco della città di circa 40.000 abitanti al giornale El Confidencial, “e non hanno parlato neanche con il precedente sindaco. Vivono al margine della comunità, senza neanche interessarsi di sapere in che modo influisce l’impianto sportivo sui vicini. Alcuni dei quali, per certo, non stanno vivendo la cosa in maniera piacevole. Dalla Rafa Nadal Academy si riempiono la bocca di ‘manacorità’ e non smettono di evidenziare gli effetti positivi su Manacor, però la ‘manacorità’ non si esprime a parole ma con i fatti. E loro non lo stanno facendo“. Altre accuse del sindaco riguardano il mancato pagamento della Imposta sui Beni Immobili – cifra ammontante a circa 200mila euro, un ottantunesimo dei montepremi guadagnati quest’anno da Nadal – e della tassa dei rifiuti.

La risposta di Nadal si è fatta attendere circa tre settimane ed è arrivata in forma di lettera aperta sul sito Manacor Noticias, che titola così: Come ogni persona, fa male ricevere attacchi ingiustificati e diffamatori il cui unico scopo è macchiare il mio nome“.

“Ciao a tutti. La verità è che vorrei aver scritto queste righe alcune settimane fa, ma è stato un anno intenso per me e ho preferito concentrarmi sulle complicate sfide sportive che ho dovuto affrontare. Ma ora che la stagione è finita e che sto iniziando a preparare la prossima, mi rivolgo a voi in modo che possiate conoscere alcune questioni che sono importanti per me.

Sono stato accusato di essere privilegiato e di aver chiuso un ‘accordo favorevole’ per costruire un centro sportivo ed educativo a Manacor, in conformità con i requisiti di una legge che è stata approvata dal Parlamento delle Baleari nel 2012 e parzialmente modificata in 2018. Sì, mi sento privilegiato, dal momento che la maggioranza parlamentare ha ritenuto in modo democratico che questo progetto strategico per Maiorca avrebbe avuto un maggior impatto se fosse stato realizzato durante la mia carriera, poiché l’impatto si sarebbe moltiplicato. E sono sempre stato grato per questo.

Nell’Accademia (che recentemente ha ricevuto i complimenti anche di Borg e Federer) ho investito una parte molto importante del mio patrimonio (cosa che è stata anche messo in discussione) e sono molto felice di dare lavoro a oltre 300 persone, combattendo tutto l’anno per renderlo sostenibile, qualcosa di complicato per un piccola città con grandi difficoltà di connettività rispetto ai nostri concorrenti internazionali. Abbiamo realizzato la costruzione assumendo società della zona e, ove possibile, privilegiamo l’acquisto di prodotti e materiali da aziende locali”.

Ma Nadal, seguendo il consiglio del sindaco Olivier, non si è limitato solo alle parole, bensì ha anche pubblicato i dati relativi alle presunte tasse non pagate (IBI corrispondente all’anno 2017 di €100.000, IBI corrispondente all’anno 2018 di €98.000, le tasse sui rifiuti dell’anno 2017 di €7.000 e infine dell’anno 2018 di €11.600).

“A livello personale” ha proseguito il maiorchino, “ciò che mi ha ferito di più è stato che il sindaco di Manacor mi abbia accusato di ‘vivere fuori dal comune’ aggiungendo che ‘non si pratica la manacoricità con le parole’. Onestamente, dover leggere queste cose è molto offensivo e doloroso. Potrebbero esserci persone a cui non piace il modo in cui ho portato il nome di Manacor in tutto il mondo, ma penso che non ci siano dubbi sul fatto che mi sono sforzato di farlo nel miglior modo possibile.Non mi piace entrare in alcuna controversia. Volevo solo esprimere la mia delusione e dirvi quello che penso, dal momento che ritengo voi meritiate anche di conoscere il mio punto di vista sulle cose che sono state pubblicate o che alcune persone stanno dicendo. Cordiali saluti, Rafael”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Anche la WTA sperimenterà il ‘nuovo falco’ su terra: l’instant replay plana su Charleston

Il Volvo Car Open ospiterà il primo sistema di verifica tecnologica della storia sulla terra battuta. Si tratta di FOXTENN, erede (più evoluto) di Hawk Eye

Pubblicato

il

Caroline Wozniacki e Francesca Schiavone - Charleston 2019 (foto via Twitter, @VolvoCarOpen)

Sono passati quasi quindici anni dal giorno della rivoluzione, quel 2006 che tenne a battesimo la tecnologia ausiliare; la protesi dell’occhio umano che di lì a poco avrebbe ridotto sensibilmente il numero di valutazioni inesatte e azzerato o quasi le proteste con protagonista la fatidica riga. “Ha toccato? Non ha toccato?“, dubbi risolti con “occhio di falco”, il sistema in grado di segnalare in modo pressoché incontrovertibile il punto d’atterraggio della pallina. Ovunque, ma non sulla terra battuta, perché sul mattone tritato l’autorità d’interpretare i fatidici segni del feltro giallo è rimasta prerogativa esclusiva del giudice di sedia.

Un’esclusiva confermata anche dal vertice tra le quattro sigle governanti il tennis mondiale (ITF, ATP, WTA e Comitato gestore dei Major), indetto nel 2008 per tracciare una linea comune d’applicazione della novità tecnologica tutt’ora in vigore. Eppure nulla nel tennis è destinato a restare immutato e, anticipata da rumors la cui frequenza odorava ormai di conferma, è arrivata la notizia che in molti aspettavano: il torneo WTA di Charleston, in programma il prossimo mese di aprile nei suggestivi impianti del Daniel Island Tennis Center, si affiderà al supporto tecnologico dell’instant replay, fratello minore e più avanzato dell’ormai anziano falco. “Le palle dubbie su terra battuta davano luogo a molte recriminazioni – ha dichiarato il direttore del torneo Bob Moran -. Con l’istant replay ogni dubbio verrà fugato senza lasciare spazio a equivoci, e ci affideremo a una grafica molto evoluta, che gli spettatori potranno ovviamente apprezzare in diretta. Le giocatrici sono state informate della novità la scorsa settimana all’Australian Open e sono entusiaste“.

Il nuovo sistema, chiamato FOXTENN, si avvale di quaranta telecamere ad alta velocità in grado di generare centomila immagini al secondo, e verrà installato sul Billie Jean King Stadium e sull’Althea Gibson Club Court, i due campi principali del Family Circle Tennis Center. Una buona notizia, apprezzata fra le altre da Sloane Stephens, ultimamente nel mezzo di una crisi piuttosto accentuata ma già campionessa in South Carolina nel 2016: “Una novità fantastica per un torneo in costante evoluzione che non vedo l’ora di giocare la prossima primavera“, ha commentato Sloane, condividendo il parere positivo con la leggenda Chris Evert, la quale si è detta “favorevole al replay al cento per cento; la palla può scivolare sulla riga e lasciare il segno qualche centimetro più in là, dunque non si può mai avere alcuna certezza limitandosi a osservarne l’impronta“.

 

I risultati dimostrano che nel corso degli anni le decisioni arbitrali sono state sovvertite nel 30% dei casi dopo la verifica di “occhio di falco” sull’erba e sulle superfici dure. A Charleston, e non solo, si aspettano che gli umanissimi errori cui è condannato l’occhio umano vengano ridotti sensibilmente anche sulla terra verde, in attesa che quella rossa si accodi come sta già iniziando ad avvenire nel circuito maschile.

Continua a leggere

Flash

Il direttore Scanagatta ospite della TV australiana Channel 9, tra quiz e aneddoti

Sui vincitori di Wimbledon, di qualsiasi anno, il direttore è imbattibile. Ma di quel pisolino in conferenza gli australiani non si sono dimenticati…

Pubblicato

il

Prima dell’inizio della nona giornata di incontri a Melbourne, che ha visto la rocambolesca vittoria di Federer che sfiderà un apparentemente imbattibile Djokovic in semifinale, il direttore Scanagatta è stato intervistato da Channel 9, la televisione australiana che ha acquisto i diritti per la trasmissione del torneo.

Interrogato su un paio di vincitori di Wimbledon del passato, il direttore ne è uscito fuori brillantemente. Giunti al momento di sviscerare le sue recenti impresa in sala stampa, non c’è stato modo di evitare l’aneddoto del ‘Buongiorno Ubaldo pronunciato lo scorso anno da Nadal, proprio in una conferenza stampa qui a Melbourne, per svegliare Ubaldo da un breve pisolino dovuto al jet lag.

Se avete un minimo di dimestichezza con la lingua inglse, questo è il video dell’intervento del direttore pubblicato su Twitter.

 

Continua a leggere

Flash

Navratilova e McEnroe hanno protestato in favore del cambio di nome della Margaret Court Arena

L’Australian Open celebra Margaret Court, discussa vincitrice del Grande Slam nel 1970. Martina e John protestano: “Cosa hanno intenzione di fare con questa zia pazza?”

Pubblicato

il

Aveva già fatto discutere la scelta di Tennis Australia di celebrare il cinquantesimo anniversario del Grande Slam di Margaret Court, risalente al 1970, pur schierandosi allo stesso tempo contro le posizioni sostenute dall’ex giocatrice sui diritti civili. La polemica è tornata viva più che mai grazie alla cassa di risonanza offerta da John McEnroe e Martina Navratilova, presenti a Melbourne in qualità di commentatori televisivi e partecipanti al torneo di doppio delle leggende.

A margine dell’incontro di doppio disputato questa mattina sulla 1573 Arena in coppia con Daniela Hantuchova, Navratilova ha atteso l’arrivo sul campo di McEnroe per poi sfilare con uno striscione recante la scritta ‘Evonne Goolagong Arena (foto in cima all’articolo), manifestando così la volontà che il secondo campo di Melbourne Park venga intitolato a ‘una campionessa che può ispirare e motivare giovani e meno giovani a fare del loro meglio ogni giorno‘, oltre che vincitrice di sette titoli dello Slam in singolare (quattro in Australia), come spiegato dalla stessa Martina in questa lettera aperta pubblicata da Tennis.com. John e Martina hanno poi tentato di prendere possesso del microfono del giudice di sedia per dare voce alla loro protesta, ma la diretta televisiva è stata interrotta in quel momento.

Tennis Australia ha già rilasciato un comunicato per prendere posizione sull’episodio, parlando di due personaggi di alto profilo che hanno tentato di infrangere il protocollo e della possibilità di prendere provvedimenti. Inizialmente erano circolate voci (riportate dal Telegraph) di una possibile sospensione dell’accredito, ma l’ipotesi è presto decaduta.

 

La protesta è giunta 24 ore dopo la celebrazione di Court che si è svolta ieri, lunedì, sulla Rod Laver Arena prima dell’incontro tra Nadal e Kyrgios che ha chiuso il programma. La vincitrice di 24 Slam è stata omaggiata con la proiezione di una sua intervista, focalizzata interamente sul tennis, e con la consegna di un trofeo speciale. A Court non è però mai stata data la parola, qualcuno immagina per tutelarsi dal pericolo che potesse rilasciare altre dichiarazione spiacevoli (come queste, tristemente note, sulle unioni civili tra omosessuali).

A seguito della cerimonia McEnroe aveva già criticato pesantemente l’operato di Tennis Australia: “Margaret Court attualmente è un ventriloquio che utilizza la Bibbia come una scusa per dire quello che vuole. Tennis Australia è di fronte a un dilemma: cosa hanno intenzione di fare con questa zia pazza?.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement