Supertennis Awards 2019: un altro trionfo per Berrettini e Sinner

Flash

Supertennis Awards 2019: un altro trionfo per Berrettini e Sinner

Assegnati alla ‘Nuvola Lavazza’ i premi ai protagonisti della stagione azzurra. Berrettini, Paolini, tennisti dell’anno, di Sinner i maggiori progressi, di Fognini a Montecarlo l’impresa del 2019. Un intervento di Ubaldo Scanagatta

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Angelo Binaghi ai Supertennis Awards 2019 (foto via Twitter, @federtennis)
 
 

Una serata di gala degna della grande annata del tennis italiano. Questi sono stati i Supertennis Awards 2019, che quest’anno hanno scelto la splendida cornice della nuova sede di Lavazza, la “Nuvola Lavazza” di Torino. Gran cerimonieri della serata volti noti di Supertennis come Giorgio Spalluto ed Elena Ramognino, coadiuvati dagli interventi di Max Giusti, grande appassionato di tennis e consigliere federale.

La Nuvola Lavazza

Tanti ospiti d’eccezione, come i due “padroni di casa” Giuseppe Lavazza, vice presidente dell’azienda italiana, e Chiara Appendino, sindaco di Torino che ha contribuito assieme ad Andrea Abodi (presidente dell’istituto del credito sportivo e premiato per il suo contributo alla FIT), alle nuove ATP Finals torinesi. Presenti tutti gli alti gradi della FIT come il presidente Angelo Binaghi e le leggende del nostro tennis Lea Pericoli e Nicola Pietrangeli.

Tanta la soddisfazione espressa dalle due figure principali delle prossime Finals a Torino, Angelo Binaghi e Chiara Appendino. Il sindaco di Torino ha rimarcato l’eccitazione cittadina per il futuro evento di fine stagione: “Un appuntamento importante per il tennis nazionale e internazionale. Realizzeremo un evento diverso dalla capitale inglese, più accattivante ma altrettanto impattante. Mi sbilancio: non solo saremo all’altezza di Londra, ma faremo anche meglio. Il presidente della FIT, oltre ai complimenti agli atleti premiati (“Loro sanno che […] restiamo dietro le quinte perché vogliamo che il palcoscenico sia solo loro, il successo è il loro, delle loro famiglie e del loro staff”), ha sottolineato l’impegno della Federazione nell’organizzazione delle Finals, fiore all’occhiello del tennis italiano in questo momento: “Per le ATP Finals stanno facendo un lavoro incredibile. Siamo già al di là di ogni più rosea previsione.

Poche sorprese tra i premi principali, con Berrettini premiato come miglior azzurro del 2019 da Binaghi e Fognini per l’impresa dell’anno, l’indimenticabile Montecarlo 2019. Sinner coglie invece il riconoscimento come giocatore maggiormente migliorato della stagione passata. Più incerto l’esito del premio Next Gen maschile che era conteso tra Lorenzo Musetti, Giulio Zeppieri e Flavio Cobolli: si aggiudica il premio il vincitore degli Australian Open junior 2019 Musetti, grazie anche ad una semifinale e un quarto a livello Challenger nel 2019. Non a caso riceve il riconoscimento dalle mani di uno dei suoi allenatori e scopritori, Filippo Volandri. A Vincenzo Santopadre e Andrea Volpini sono andati infine i premi di coach e insegnante dell’anno, mentre Silviu Culea è il miglior atleta wheelchair.

Soddisfazione per i nostri tre portabandiera maschili. Se per Sinner la concentrazione è già verso l’inizio della prossima stagione (“Inizierò da Canberra e poi l’Australian Open. Ci saranno tante pressioni su di me, ma il primo mese posso andare tranquillo, devo difendere solo un punto), è immancabile la domanda a Fognini per la dolce attesa di Flavia Pennetta: “Manca poco, potrebbe chiamare Flavia, è alla 39esima settimana”. Matteo Berrettini ci tiene a ringraziare l’intero movimento tennistico italiano e la nostra generazione d’oro femminile: “Ci tengo a ringraziare tutti i giocatori italiani, uomini e donne, perché se siamo tutti qui a festeggiare il tennis è grazie al fatto che ci stiamo aiutando l’un l’altro. Le ragazze ci hanno aperto la strada, adesso siamo noi che stiamo tirando la cosiddetta carretta”.

Supertennis Awards 2019 (foto via Twitter, @SuperTennisTv)

Confermati i pronostici della vigilia anche per le donne, con Elisabetta Cocciaretto riceve dalle mani di Barazzutti il premio della Next Gen femminile, merito del suo balzo in avanti fino alla posizione 167 del ranking e dei suoi due titoli ITF nel finale di stagione. Jasmine Paolini quello della miglior giocatrice del 2019, un’annata che ha fruttato la 96esima posizione del ranking di fine stagione e l’ingresso in top 100 per la prima volta in carriera. Anche in questo caso il premio viene consegnato da un ex tennista italiana di livello, Rita Grande.

A livello di circoli, trionfo del TC Prato in ambito femminile dopo una combattutissima finale di A1 vinta grazie agli sforzi sul campo di Martina Trevisan e fuori dal campo dell’allenatore delle ragazze Gianluca Rossi e del direttore sportivo Fausto Fusi. È il sesto titolo per il team toscano. Filippo Baldi guida invee la fila assieme al suo direttore sportivo Alessio Masera per il Selva Alta Vigevano, campione della Serie A1 al doppio decisivo contro il CT Vela.

Tra i premi dirigenziali spiccano quelli del dirigente del TC Parioli Paolo Ceraldi, con il club romano che vince il trofeo FIT assegnato al miglior circolo per il nono anno consecutivo, e quello di miglior dirigente, assegnato al presidente della Federazione Internazionale del Padel Luigi Carraro. Menzione speciale al rapporto Sky – Supertennis nell’assegnazione del premio Oddo per il “giornalista dell’anno”, consegnato a Federico Ferri di Sky Sport da Diego Nargiso, oggi anche commentatore su Eurosport.

 
Il te
Il Premio “Guido Oddo” consegnato a Ubaldo Scanagatta nel 2008

Nota del direttore: Non so quali organi di stampa, quali testate, quali giornalisti, siano stati invitati a presenziare alla serata della Federtennis nella bellissima, stupefacente Nuvola Lavazza. Ubitennis e i suoi collaboratori non erano fra questi e il fatto non è certo sorprendente. Soprattutto dopo quanto accaduto in occasione degli ultimi Internazionali d’Italia e l’increscioso, vergognoso, pretestuoso ritiro del mio accredito seguito dall’incredibile pedinamento del giorno successivo da parte di vari agenti della “security”. Non c’è stata associazione giornalisti, italiana e straniera, che non abbia reagito scrivendo alla FIT e “bacchettandola” come si meritava ed era inevitabile. Tantissime erano stata anche le manifestazioni di solidarietà di voi lettori. Leggendo del conferimento del tradizionale “premio Oddo” al giornalista dell’anno, il direttore di SKY Federico Ferri che è sì appassionato di tennis ma non al punto finora da avere inciso seriamente su programmazione, contenuti e spazio dedicato al tennis, mi è venuto in mente quando, 11 anni fa, la FIT e Binaghi premiarono quale giornalista dell’anno nel 2008 proprio il sottoscritto. Poi però già nello stesso anno e in quelli immediatamente successivi avvenne la vicenda Bolelli, poi quelle legate a Seppi e Fognini, sempre in occasioni di incontri di Coppa Davis, ma soprattutto fu organizzata a fine novembre quell’assemblea federale che, a fine mattinata, per alzata di mano approvò modifiche tali allo statuto che grazie a quelle Binaghi è rimasto sul trono del tennis per 20 anni – contraddicendo tutto quel che aveva detto nella sua prima campagna elettorale (“Mai più nessun presidente federale dovrebbe restare in carica per più di due mandati quadriennali”) – di fatto rendendo quasi impossibile la presentazione di altre candidature alla presidenza da parte di candidati che non avessero ingenti forze economiche e disponibilità di tempo pazzesche: avrebbero dovuto garantirsi, prima di poter presentare la propria candidatura, l’adesione di 300 circoli di tennis appartenenti a più di 5 regioni italiane. Quale sarebbe stato il circolo così coraggioso da esporsi nel corso di una legislatura federale corrente, rischiando di inimicarsela pesantemente in caso di sconfitta elettorale del candidato alternativo?
Lungi da me l’idea di volermi vestire dei panni dell’eroe della corretta informazione: più semplicemente a quasi tutti gli altri giornalisti non interessava dar peso alla vicenda statutaria, perchè effettivamente di scarso interesse per l’opinione pubblica. Fatto sta che da quel momento sono diventato il nemico pubblico n.1 della federtennis. Che ha tentato, vedi vicenda accredito e non solo (querela per post scritti da alcuni lettori etcetera, per fortuna respinta – con loro perdite – dal tribunale). di farmela scontare in tutti i modi. Ubitennis in tutti questi anni ha però continuato a promuovere lo sport che tutti amiamo e anche se ha sottolineato fin dall’inizio che era soltanto frutto di ignoranza in materia e quindi superficialità promettere di raggiungere con Supertennis il break even economico in 3 anni, perchè ciò significava o non avere una minima idea dei costi di una tv e dei diritti tv per acquisire le immagini dei tornei in diretta oppure avere altri obiettivi (tipo quello di offrire una passerella tv a amici degli amici, dirigenti di circoli elettori, del Coni, dirigenti di altre federazioni, politici). Che poi agli appassionati l’avvento di un canale gratuito abbia fatto piacere è tutt’altro paio di maniche. Chi non sarebbe contento di vedere gratis ciò che altrimenti dovrebbe pagare? Il probelma, dal mio discutibilissimo punto di vista, è sempre stato un’altro. Era quella la prima priotità di spesa da affrontare oppure un altra, maggiormente incentrata sul fattore tecnico?

Quali che fossero le mie ragioni, sia che io avessi torto oppure ragione, queste non hanno minimamente influenzato il nostro desiderio prioritario. Prima di tutto viene l’informazioni per i lettoir. E i lettori di Ubitennis, filofederali e non, dovranno darci atto del fatto che Ubitennis ha dato regolarmente spazio a Supertennis, alla sua programmazione, così come a tutte le notizie federali di pubblico interesse. Senza ovviamente attendersi che la FIT in qualche modo gliene fosse riconoscente. Eppure questo sito ha superato nel 2019 20 milioni di visite (e 40 milioni di pagine visualizzate secondo Google Analytics), quindi di promozione al tennis e, sì signori, anche a Supertennis, ne abbiamo fatta parecchia, non poca. Forse più efficace di quella stessa fatta dal sito federale, perchè esso si rivolge a una fetta di pubblico già acquisita. Il nostro è più open a tutte le ideologie. Lo abbiamo fatto primariamente per spirito di servizio ai lettori, certo. Ma all’atto pratico è la sostanza che conta. E se certe trasmissioni di Supertennis hanno avuto un certo tipo di ascolti, credo di poter rivendicare che un pochino almeno è dovuto anche a Ubitennis, Chissà se un giorno a qualcuno scapperà, per sbaglio magari, un minimo riconoscimento. Non leggasi ringraziamento.E quanto al premio Oddo…beh, ne sono già stato insignito, grazie. Saluti a tutti, con tanti auguri di Buone Feste per tutti coloro che non dovessero più frequantare questo sito prima di Natale (perchè allora non mancheranno altri Auguri)
Ubaldo Scanagatta

Giorgio Di Maio

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon, Murray: “Molti coach non mi hanno voluto, devo ringraziare Lendl”. Sir Andy donerà i suoi guadagni all’Ucraina

Anche Andy Murray, durante la conferenza di vigilia, si dice perplesso sulla decisione dell’ATP di non assegnare punti: “Non vedo come possa essere d’aiuto”

Pubblicato

il

Andy Murray - Wimbledon 2021 (via Twitter, @wimbledon)

Nella domenica che precede l’inizio del torneo, come da tradizione, i giocatori si sono intrattenuti con la stampa nella loro conferenza di vigilia. Tra questi c’è anche Andy Murray, padrone di casa indiscusso e campione a Wimbledon nel 2013 e nel 2016, attualmente al numero 51 del ranking. Lo scozzese, inoltre, ha deciso di donare all’UNICEF tutti i suoi guadagni da questa edizione dei Championships. A beneficiarne saranno le famiglie delle vittime della guerra in Ucraina. Una motivazione in più, dunque, per spingersi più avanti possibile nel torneo. Seguono le sue dichiarazioni più interessanti in conferenza stampa.

D: Che cosa si prova a tornare a Wimbledon?

Andy Murray: È fantastico, specialmente dopo gli ultimi anni in cui si è giocato in circostanze diverse dal solito, tra la bolla e tutto il resto. È bello tornare a giocare Wimbledon in condizioni normali“.

 

D: Lunedì hai detto di non riuscire ancora a colpire al meglio e non eri ancora del tutto certo della tua partecipazione al torneo. Come sono cambiate le cose da allora? Come ti senti?

Andy Murray: Va tutto bene. Sono riuscito a progredire gradualmente durante gli allenamenti in questa settimana e ho giocato qualche set e molti punti. Gli ultimi giorni sono stati confortanti”.

D: Ieri ti sei allenato con Evans sul Campo 1 e sembrava che ti stessi divertendo. Vedere Ivan (Lendl, allenatore di Murray) lì rafforza la tua convinzione che tu possa ancora esprimerti ai massimi livelli, magari anche questo quindici giorni?

Andy Murray: “Penso di aver mostrato solo un paio di settimane fa che posso ancora esprimere del buon tennis. Prima dell’infortunio ho battuto un top5 e ho lottato punto a punto contro Berrettini, che è uno dei migliori giocatori su erba del circuito. Ho giocato bene anche contro Kyrgios. Avere Ivan Lendl nel mio team senza dubbio aiuta: abbiamo avuto grande successo in passato, ci conosciamo bene. Lui crede ancora in me e sicuramente questo mi aiuta, anche perché non ci sono molti allenatori che l’hanno fatto in quest’ultimo periodo“.

D: Quest’anno sarai fisicamente molto vicino a Wimbledon, visto che hai affittato un appartamento. Qual è il motivo di questa scelta? E chi si occuperà di cucinare?

Andy Murray: “Ho affittato un appartamento, è vero, e lì starà mio padre, ma c’è una stanza in più. Ho fatto questa scelta perché è molto vicino al luogo del torneo, così potrò stare lì in caso finissi tardi o dovessi giocare presto. È difficile ultimamente gestire il traffico, non voglio trovarmi in una situazione in cui posso impiegare un’ora e mezza per arrivare qui un’altra ora e mezza per tornare a casa. Mio padre comunque è un cuoco piuttosto bravo!”

D: Che cosa pensi del tuo prossimo avversario, James Duckworth? Hai giocato contro di lui un paio di volte e anche lui ha avuto problemi all’anca. Avete mai parlato di questo?

Andy Murray: “In realtà no, non ne abbiamo mai discusso. So che ha subìto un’operazione dopo l’Australian Open quest’anno, ma non so esattamente quali fossero i suoi problemi. Ci vuole un po’ di tempo per tornare, a seconda della gravità dell’operazione. Lui ne ha già dovuta fare qualcuna nel corso degli anni, ma è un gran lavoratore e si è ripreso, raggiungendo credo il suo best ranking l’anno scorso. Ovviamente gli auguro il meglio dopo l’operazione e sono sicuro che faremo una bella partita lunedì”.

D: Che cosa ne pensi della decisione di Wimbledon di escludere i giocatori russi e bielorussi, quindi della risposta dell’ATP di non assegnare punti in classifica?

Andy Murray: “Ne ho già parlato abbastanza alcune volte, capisco perché la decisione sia stata presa. Io conosco anche parecchi giocatori russi e bielorussi, mi trovo bene con loro e mi dispiace. Capisco la loro frustrazione. Per quel che riguarda la risposta dell’ATP, non sono d’accordo: non so a che cosa possa servire o chi possa aiutare non assegnare punti. Tutti i giocatori si sono comunque presentati per giocare qui, quindi non vedo come questa scelta possa mettere l’ATP in una posizione più forte.

D: Hai detto che Ivan Lendl è stata una delle poche persone a credere in te, credo che tu parlassi di allenatori. Ti ha fatto male vedere che alcuni non credevano in te?

Andy Murray: “In realtà no, anzi, per certi versi è stata come una motivazione. Ho parlato con po’ di allenatori, ma non aveva funzionato, molti non mi hanno voluto (sorride). Ovviamente è stato difficile affrontare questa situazione: anche per questo sono grato che Ivan abbia deciso di tornare a lavorare con me“.

D: Hai parlato con Emma Raducanu della difficoltà di essere sempre sotto esame?

Andy Murray: Non ho dato consigli a Emma né a nessun altro dei giocatori britannici su come affrontare queste situazioni. Sarei più che felice di farlo, ma nessuno me l’ha chiesto, quindi non posso nemmeno chiamare una persona e dirgli come deve comportarsi o quale sia la strada giusta da percorrere. Ognuno è diverso, sente le cose in modo diverso e le gestirà in modo diverso. Io stesso non ho gestito tutto al meglio durante il periodo di Wimbledon, ma ci sono molte emozioni e stress in ballo”.

D: In uno sport così fisico saresti a favore di maggiori controlli del sangue, magari durante gli Slam o altri tornei? Dalle statistiche dell’ITF nel 2021 sono stati fatti solamente due controlli durante le competizioni.

Andy Murray: Più test si fanno meglio è. Chiaramente devono essere quanto più possibile casuali, porterebbero più benefici. Avvisare prima i giocatori non credo sia la scelta migliore“.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon in esclusiva su Sky e NOW: “Dove tutto diventa possibile!”

Fino a 9 canali dedicati e oltre 400 ore di programmazione live,
anche su Sky Sport 4K, per il terzo Slam della stagion. Tra i campioni più attesi anche Matteo Berrettini, testa di serie numero 8, che proverà a ripetersi dopo la finale con Djokovic nel 2021

Pubblicato

il

#SkyTennis

Dal 27 giugno al 10 luglio, il grande tennis si dà appuntamento a Londra per il torneo di Wimbledon, il più famoso, prestigioso e importante evento tennistico su erba al mondo, terzo Slam della stagione, da seguire in diretta esclusiva su Sky e NOW (scopri l’offerta cliccando sul link)

I campi dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club londinese sono pronti ad ospitare la 135^edizione del The Championships, che culminerà con le finali per il titolo femminile (sabato 9 luglio) e maschile (domenica 10 luglio).

 

Su Sky Sport oltre 400 ore di programmazione live e la copertura totale degli incontri degli italiani. In tutto saranno ben 9 i canali dedicati all’evento,oltre a Sky Sport 4K:

  • 6 canali Sky Sport, dal 252 al 257, saranno nominati Wimbledon 1 (anche in 4K), Wimbledon 2, Wimbledon 3, Wimbledon 4, Wimbledon 5 e Wimbledon 6 e saranno canali verticali dedicati ai campi principali (Campo Centrale, Campo n.1, Campo n.2, e gli altri da definire in base al programma delle giornate).
  • Sky Sport Tennis (205) sarà il canale guida dell’evento, con i match più importanti e con gli studi dedicati fino a quello conclusivo di fine giornata. Sky Sport Tennis farà da “guida” per non perdere nulla dell’evento, dando indicazioni – anche attraverso pop-up grafici – su tutto ciò che starà succedendo sui canali dedicati.
  • Sky Sport Uno sarà largamente dedicato a Wimbledon e trasmetterà gli incontri del Campo Centrale.
  • Sky Sport Arena seguirà, invece, il Campo n. 1, quando il canale non sarà occupato da altri eventi.

E non è tutto, perché grazie allo Split Screen (accessibile dal tasto verde del telecomando Sky per i clienti Sky Q Satellite) sarà possibile seguire sullo stesso schermo due partite in contemporanea, scegliendo tra i canali che trasmettono Wimbledon.

Elena Pero e Paolo Bertolucci commenteranno da Londra i match del Campo Centrale. La “squadra tennis” di Sky sarà completata da Luca Boschetto, Pietro Nicolodi, Paolo Aghemo, Paolo Ciarravano, Alessandro Lupi, Dario Massara, Andrea Paventi, Dalila Setti, Fabio Tavelli e Federico Zancan, alle telecronache, mentre al commento si alterneranno Laura Golarsa, Raffaella Reggi, Stefano Pescosolido, Laura Garrone, Gianluca Pozzi, Marco Crugnola, Fabio Colangelo e Nicolò Cotto.

Inoltre, tutti i giorni, prima e dopo la chiusura di ogni giornata, alle 14 e alle 22, appuntamento con “Studio Wimbledon”, condotto da Eleonora Cottarelli, per il resoconto delle partite del giorno, le news, le analisi, i commenti, le curiosità e altro ancora, con Stefano Meloccaro, Filippo Volandri e Paolo Lorenzi in collegamento da Londra.

Senza dimenticare “Wimbledon: The Insider”, tutte le sere dalle 22.30, affidato a Stefano Meloccaro in compagnia di Paolo Lorenzi, per raccontare dall’All England Lawn Tennis and Croquet Club il dietro le quinte del torneo londinese, anche con immagini e interviste esclusive.

E infine, a seguire, “Highlights Show Wimbledon” con le sintesi dei match più importanti della giornata.

Dal tardo pomeriggio di domenica 26 giugno (con passaggi previsti su Sky Sport 24 alle 17.45, 21.15 e 22.45, Sky Sport Uno alle 17 e Sky Sport Tennis lunedì 27 giugno alle 11.45) lo speciale “Waiting for Wimbledon”, con Stefano Meloccaro, racconterà la vigilia del torneo, fra attualità e storia. Quest’anno fra l’altro si celebrano i 100 anni del Campo Centrale di Church Road.

Interviste, commenti, notizie, aggiornamenti in tempo reale e tanto altro anche su Sky Sport 24, sui canali social ufficiali di Sky (#SkyTennis), tramite l’APP di Sky Sport e sul sito skysport.it, con una copertura completa del torneo con fotogallery, video, highlights, i top colpi, gli approfondimenti dei talent tennis, il liveblog degli italiani e dei match più importanti e tanto altro.

A parte i tennisti russi e bielorussi e lo svizzero Roger Federer, tutti i migliori giocatori al mondo saranno presenti a Wimbledon, compreso l’italiano Matteo Berrettini, reduce dalle vittorie sull’erba di Stoccarda e su quella del Queen’s, che proverà ad arrivare di nuovo in finale, dopo quella persa lo scorso anno di fronte al serbo Novak Djokovic, che da lunedì difenderà il titolo conquistato nelle ultime tre edizioni disputate (nel 2020 non si è giocato a causa della pandemia).

Viste le assenze del russo Daniil Medvedev e del tedesco Alexander Zverev, rispettivamente primo e secondo nel ranking mondiale, proprio il serbo sarà la testa di serie numero uno del torneo, mentre Berrettini sarà la numero otto. Saranno del torneo anche gli spagnoli Rafael Nadal e Carlos Alcaraz, il norvegese Casper Ruud, il greco Stefanos Tsitsipas, il canadese Felix Auger-Aliassime, il polacco Hubert Hurkacz e il britannico Cameron Norrie. Tra le teste di serie anche altri due italiani Jannik Sinner, numero 10, e Lorenzo Sonego, 28

In campo femminile, il seeding è guidato dalla numero uno del ranking mondiale, la polacca Iga Swiatek, e tra le favorite figurano anche l’estone Anett Kontaveit, la tunisina Ons Jabeur, la spagnola Paula Badosa e la greca Maria Sakkari. Tra le teste di serie figurano anche le italiane Camila Giorgi, numero 21, e Martina Trevisan, 22.

Sono 11 in tutto gli italiani ammessi al tabellone principale, 6 uomini e 5 donne; oltre a Berrettini, Sinner, Sonego, Giorgi e Trevisan, gli altri sono Fabio Fognini, Lorenzo Musetti e Andrea Vavassori, nel maschile, Jasmine Paolini, Lucia Bronzetti e Elisabetta Cocciaretto, nel femminile.

Nonostante la decisione dell’ATP e della WTA di non assegnare punti in questa edizione, di sicuro lo spettacolo non mancherà nel tempio del tennis, “Dove tutto diventa possibile!”

___________________________________________________________________________________________

La programmazione di Wimbledon in diretta esclusiva: su Sky e in streaming su NOW

Lunedì 27 giugno

dalle 12 alle 22                   Prima giornata                                   Sky Sport Tennis e Sky Sport Arena

dalle 12 alle 14                   Prima giornata                                   Sky Sport Uno

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport 24 e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 22             Prima giornata                                   Sky Sport

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                            “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Martedì 28 giugno

dalle 12 alle 22                  Seconda giornata                            Sky Sport Tennis e Sky Sport Arena

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport 24 Sky Sport 24 e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 22             Seconda giornata                              Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                           “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Mercoledì 29 giugno

dalle 12 alle 22                  Terza giornata                                 Sky Sport Tennis e Sky Sport Arena

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport 24 e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 22             Terza giornata                                   Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                            “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Giovedì 30 giugno

dalle 12 alle 22                  Quarta giornata                               Sky Sport Tennis e Sky Sport Arena

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport 24 e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 22             Quarta giornata                                Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                                           “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Venerdì 1° luglio

dalle 12 alle 22                  Quinta giornata                               Sky Sport Tennis e Sky Sport Arena

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport 24 e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 22             Quinta giornata                                 Sky Sport Uno    

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                            “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Sabato 2 luglio

dalle 12 alle 22                  Sesta giornata                                  Sky Sport Tennis 

dalle 12 alle 14                   Sesta giornata                                   Sky Sport Uno

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport 24 e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 16             Sesta giornata                                    Sky Sport Uno

dalle 17.15 alle 22             Sesta giornata                                   Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                                           “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Domenica 3 luglio

dalle 12 alle 22                  Settima giornata                              Sky Sport Tennis e Sky Sport Arena

dalle 12 alle 14                                 Settima giornata                              Sky Sport Uno

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport 24 e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 16             Settima giornata                               Sky Sport Uno

dalle 18 alle 22                   Settima giornata                               Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                                           “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Lunedì 4 luglio

dalle 12 alle 22                                 Ottava giornata                               Sky Sport Tennis e Sky Sport Arena

dalle 12 alle 14                                 Ottava giornata                               Sky Sport Uno 

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 22             Ottava Giornata                Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                       Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                                           “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Martedì 5 luglio

dalle 12 alle 22                                 Nona giornata                                  Sky Sport Tennis (dalle 14 anche su Sky Sport Arena)

dalle 12 alle 14                                 Nona giornata                                                 Sky Sport Uno 

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

dalle 14.30 alle 22             Nona Giornata                                   Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                                           “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Mercoledì 6 luglio

dalle 12 alle 22                                 Decima giornata                              Sky Sport Tennis (dalle 14 anche su Sky Sport Arena)

dalle 12 alle 14                                 Nona giornata                                  Sky Sport Uno 

ore 14                                   “Studio Wimbledon”                        Sky Sport Tennis

dalle 14 alle 20                   Decima giornata                Sky Sport Uno

ore 22                                   “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 22.30                                           “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Giovedì 7 luglio

ore 14                                 “Studio Wimbledon”                      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 14.30                            Prima semifinale femminile          Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 16.30                                           Seconda semifinale femminile      Sky Sport Tennis e Sky Sport Uno

ore 18.30                             “Studio Wimbledon”                        Sky Sport Uno

ore 18.30                            Finale doppio misto                        Sky Sport Tennis (dalle 19 anche Sky Sport Uno)

a seguire                              Studio Wimbledon”                          Sky Sport Uno

ore 21                                 “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Venerdì 8 luglio

ore 14                                 “Studio Wimbledon”                       Sky Sport Tennis

ore 14.30                            Prima semifinale maschile             Sky Sport Tennis

ore 17.30                            Seconda semifinale maschile        Sky Sport Tennis

a seguire                                            “Studio Wimbledon”                                      Sky Sport Tennis

ore 21                                 “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Sabato 9 luglio

ore 14.30                                           “Studio Wimbledon”                       Sky Sport Tennis

ore 15                                                Finale singolare femminile            Sky Sport Tennis

a seguire                              “Studio Wimbledon”                        Sky Sport Tennis

ore 18                                 Finale doppio maschile                   Sky Sport Tennis

ore 21                                 “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

Domenica 10 luglio

ore 14.30                            “Studio Wimbledon”                                      Sky Sport Tennis

ore 15                                                Finale singolare maschile               Sky Sport Tennis

a seguire                                            “Studio Wimbledon”                                      Sky Sport Tennis

ore                                                       Finale doppio femminile                Sky Sport Tennis

ore 21                                 “Wimbledon: The Insider”             Sky Sport Tennis

(Wimbledon disponibile su Sky Go, anche in HD)

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, Kyrgios: “So di poter battere chiunque. Sbagliato impedire a russi e bielorussi di giocare”

Così Nick Kyrgios prima dell’inizio del torneo di Wimbledon, con un parere anche sul doppio: “Giocare al meglio dei 5 set è la cosa più stupida che ci sia”

Pubblicato

il

Dopo aver saltato praticamente tutta la stagione sulla terra battuta, Nick Kyrgios è tornato in campo per la stagione su erba, un periodo dell’anno che certamente non gli dispiace. Nei tornei in preparazione a Wimbledon ha raggiunto due semifinali, a Stoccarda (sconfitto da Andy Murray) e ad Halle (eliminato da Hurkacz all’ultimo respiro). La scorsa settimana si è recato a Maiorca, dove ha prevalso su Laslo Djere nel suo match di primo turno – vinto al tiebreak del terzo – salvo poi ritirarsi agli ottavi contro Bautista Agut. Nella domenica di vigilia dei Championships, come da tradizione i giocatori hanno parlato alla stampa. Seguono i suoi interventi più rilevanti.

D: Nick, come ti senti a essere tornato a giocare a Wimbledon davanti ad un pubblico al completo?

Nick Kyrgios: “Sono molto contento, sto giocando davvero un buon tennis sull’erba. Ho buone sensazioni, mi sento mentalmente pronto. Sono semplicemente molto felice di essere qui. È un altro Grande Slam, non lo darò mai per scontato. Quando ero giovane non avrei mai pensato di giocare oltre 30 Major, sono orgoglioso di essere ancora qui”.

 

D: Ti sei ritirato da Maiorca, come ti senti ora? Credi che le nove partite che hai giocato sull’erba siano sufficienti?

Nick Kyrgios: “Senz’altro, ho giocato molte partite, non credo nessuno se lo aspettasse. Ho battuto alcuni giocatori davvero bravi, sono contento del mio livello. Penso di aver avuto probabilmente una delle migliori preparazioni di sempre per la stagione sull’erba. A Maiorca mi sono ritirato perché ho sentito che il mio corpo iniziava a diventare po’ stanco. Anche se questa settimana non ci sono punti in palio per la classifica, voglio comunque far bene”.

D: Se le persone impazziscono per un servizio dal basso, come potrebbero reagire nel caso in cui vincessi uno Slam?

Nick Kyrgios: Troverebbero comunque qualcosa di negativo (ride)! Non lo so, non voglio pensarci. Tento solo di focalizzarmi su me stesso giorno dopo giorno, cercando di essere positivo“.

D: Voglio chiederti una cosa strettamente legata a Wimbledon, in particolare riguardo la tradizione del vestirsi interamente di bianco. Che cosa ne pensi?

Nick Kyrgios: “Io ovviamente voglio sempre vestirsi di nero (sorride). Ma sinceramente non credo che questa tradizione cambierà. Penso che, ad esempio, potrebbe essere un’idea carina quella di permettere di indossare una fascia o un polsino nero, sarebbe bello. Ma chiaramente a Wimbledon non importa che cosa può essere bello, credo che questa situazione non cambierà mai”.

D: Che cosa ne pensi della decisione di Wimbledon di escludere i giocatori russi e bielorussi, quindi la risposta dell’ATP di non assegnare punti in classifica?

Nick Kyrgios: “Secondo me non è stata una buona idea impedire ai giocatori russi e bielorussi di giocare. Credo che Medvedev, in questo momento, sia il miglior giocatore su cui può contare il nostro sport. Ma non è l’unico, basta guardare a Rublev o Khachanov ad esempio, che sono giovani importanti perché il tennis continui a crescere. Da giocatore, io sono uno che vuole sempre giocare contro di loro, mi dispiace che non siano qui. È strano non vedere Medvedev, tutti sappiamo di che cosa è capace. Per quanto riguarda i punti in classifica, non saprei che cosa dire, lo trovo solo strano. Io non sono uno che gioca per la classifica, quindi probabilmente lo state chiedendo alla persona sbagliata. Quando da bambino guardavo Wimbledon volevo semplicemente giocarci, sicuramente non stavo pensando ai punti che avrebbe dato alla mia classifica. Ci sono giocatori che hanno scelto di giocare i challenger al posto di Wimbledon, ma quando sarà seduto davanti ai miei figli in futuro non sarò orgoglioso di dire loro che ho saltato Wimbledon per giocare un challenger. Se potessi, sceglierei di giocare a Wimbledon tutti i giorni della settimana“.

D: Credi di poter battere davvero chiunque se sei in giornata? Quale sarebbe la chiave per estendere determinate prestazioni sui sette match di uno Slam?

Nick Kyrgios: “Sì, penso di poter davvero battere chiunque. Per quanto riguarda la seconda domanda, ritengo che una delle soluzioni principali sia il buon riposo. Io so che se servo e gioco bene posso battere chiunque. Ho più o meno già battuto tutti quelli sul mio percorso: ovviamente è difficile, ma ci spero. Non sono mai a corto di fiducia, ho già fatto alcune belle cavalcate qui a Wimbledon e all’Australian Open ad esempio. Credo che la migliore possibilità che io abbia mai avuto per vincere uno slam fu nel 2015, quando sono arrivato qui ai quarti di finale. Ero contro Raonic ed avevo un set e un break di vantaggio. Prima di tutto devo concentrarmi sui primi round. Non sto assolutamente pensando di poter vincere, ma ho un altro un paio di giorni per allenarmi e sentirmi bene, poi vedremo che cosa succederà”.

D: Quanto conosci il tuo primo avversario Paul Jubb?

Nick Kyrgios: Sento di potermi mettere davvero nei suoi panni. Una volta ero io il ragazzo a cui era stata assegnata una wild card per l’Australian Open. Mi sentivo veramente bene soltanto per il fatto di vivere certe emozioni e respirare quell’aria, i media, i fan. So come si sentirà, giocherà senz’altro liberamente perché non avrà niente da perdere. Guardando i miei risultati nelle ultime due settimane sulla carta dovrei vincere abbastanza comodamente, ma so che non sarà così. Dovrò essere piuttosto concentrato”.

D: Qui a Wimbledon hai sempre avuto delle esperienze straordinarie, dalla vittoria contro Nadal al doppio misto a fianco di Venus Williams. Come mai non hai mai giocato il doppio maschile qui prima d’ora?

Nick Kyrgios: “Ad essere totalmente onesto, non è che io sia proprio così impaziente di giocare un doppio al meglio dei cinque set, credo sia la cosa più stupida di sempre. Nessuno vuole giocare un doppio al meglio di cinque set, nessuno vuole guardare un doppio al meglio di cinque set. Ovviamente sono contento, ma penso anche che quando sarò un sey pari potrebbero rimanermi altri tre set da giocare. È per questo non l’ho mai giocato prima, non ha senso. Sono sempre andato abbastanza bene qui in singolare e nel mio mio giorno libero potrei potenzialmente giocare cinque set di doppio. Tutte le mie attenzioni sono sul singolare ora: io e Thanasi (Kokkinakis, il compagno di doppio di Kyrgios, ndr) sicuramente ci divertiremo, ma al momento non sono concentrato sul doppio.

Il tabellone maschile di Wimbledon 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement