Podcast Off-Court: addio Sharapova, benvenuto Mager!

Podcast

Podcast Off-Court: addio Sharapova, benvenuto Mager!

Chiacchierata transatlantica tra i nostri non-inviati Vanni Gibertini e Luca Baldissera sugli eventi della settimana tennistica

Pubblicato

il

Vanni Gibertini (a sinistra) e Luca Baldissera (a destra) se ne vanno da Indian Wells alla fine del torneo

Per non pensare sempre all’emergenza sanitaria che attanaglia il Nord Italia in questi giorni, i nostri Vanni Gibertini e Luca Baldissera parlano di quanto successo nel mondo del tennis negli ultimi sette giorni, in particolare del ritiro (ahinoi annunciato) di Maria Sharapova dal tennis professionistico e della splendida avventura di Gianluca Mager all’ATP 500 di Rio de Janeiro. Nonostante il suo rango il torneo carioca non presentava nomi di grande richiamo ai nastri di partenza, fatta eccezione per un Dominic Thiem piuttosto imballato e con un ginocchio in disordine, ma alla fine chi vince ha sempre ragione. Piuttosto non è che il circuito maschile abbia un problema d’identità per gli ATP 500? Spazio come di consueto anche alle domande pervenute dagli ascoltatori che hanno commentato il post Facebook di presentazione dell’episodio.

Continua a leggere
Commenti

Podcast

Video-intervista a Steve Flink: “Forse Wimbledon 2020 era l’ultima opportunità per Federer”

Il giornalista e Hall of Famer sostiene che Federer potrebbe soffrire più degli altri big, perché la sospensione gli toglierà tempo. Ubaldo dice: per Serena è ancora peggio

Pubblicato

il

Roger Federer - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @wimbledon)

Il direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta e l’Hall of Famer Steve Flink si sono nuovamente ritrovati in diretta video (qui potete ascoltare il podcast precedente su Federer, Nadal, il Roland Garros e le settimane da n.1 di Djokvoic) per discutere della situazione del tennis durante l’emergenza coronavirus. Ecco i principali argomenti discussi nel podcast:

  • la difficile situazione in Italia e negli Stati Uniti (Steve Flink vive a New York)
  • la cancellazione di Wimbledon, una scelta giusta e intelligente (a partire dal minuto 4:30)
  • a rischio anche Roland Garros e US Open?
  • il resto del calendario 2020: si potrebbe giocare in off-season, tra novembre e dicembre?
  • Djokovic, Nadal, Federer, Serena Williams: chi soffrirà maggiormente questo lungo stop?
  • la crisi del tennis italiano al femminile, grandi speranze in quello maschile
  • da Daniil Medvedev a Dominic Thiem: breve analisi
  • l’impatto economico del coronavirus e le possibili iniziative dell’ATP: cosa dovrebbe fare Andrea Gaudenzi? (la diretta è stata realizzata prima dell’intervista del chairman ATP)
  • l’ingresso nella Hall of Fame di Nicola Pietrangeli e Gianni Clerici
  • quando Martina Navratilova anticipò a Rino Tommasi l’intenzione di lasciare la Cecoslovacchia…

Continua a leggere

Interviste

“Battei Panatta nel match decisivo”. Intervista a Ray Moore, ‘viceboss’ di Indian Wells

Esclusivi ricordi del protagonista di Sud Africa-Italia ‘74. Roland Garros? “Cose da francesi”. Wimbledon? “Non c’è fretta di decidere”. Olimpiadi minaccia per IW? “A marzo a Tokyo può nevicare”. La gaffe WTA?. “Ho sbagliato”. “Hewitt a mesi uscirà di prigione”

Pubblicato

il

Una nuova intervista del direttore Scanagatta. Dopo quelle con Vincenzo Santopadre e Paolo Bertolucci, Ubaldo ha fatto una chiacchierata con l’ex tennista sudafricano Ray Moore, l’uomo che nel 1981 diede vita, insieme a Charlie Pasarell, al torneo di Indian Wells. Dopo la cessione a Larry Ellison avvenuta nel 2009, Moore assunse il ruolo di CEO e direttore del torneo fino al marzo 2016, quando fu costretto a dimettersi dopo quanto dichiarato nella conferenza stampa di fine torneo: “Se fossi una giocatrice mi inginocchierei ogni sera e ringrazierei Dio che Roger Federer e Rafa Nadal sono venuti al mondo, perché hanno letteralmente trascinato questo sport”.

Da giocatore, Moore è stato numero 34 del mondo nel 1976 e in carriera ha conquistato otto titoli di doppio, oltre ad aver preso parte a 12 tie di Coppa Davis tra il ’67 e il ’77, compresa l’edizione del 1974 che vide trionfare la sua nazionale. E proprio da quella Coppa Davis, e dalla semifinale vinta contro l’Italia a Johannesburg, inizia la chiacchierata tra Moore e Ubaldo…

Questi gli argomenti principali contenuti nel podcast, rispetto al quale ci scusiamo per qualche interruzione… e per il fatto che il direttore non è visibile: purtroppo la connessione in quel di Settignano continua a fare le bizze, ma come abbiamo già detto non è il caso di lamentarsi. In questo momento, è bene che la connessione sia funzionante al massimo per coloro che si stanno impegnando a farci uscire il prima possibile da questa difficile situazione.

 

SEMIFINALE DI DAVIS 1974“Adriano (Panatta) era un grande, capace di un tennis magnifico. Era ovviamente un tennista migliore di me, ma quella partita non la giocò come avrebbe potuto. Giocare in casa fu un grande vantaggio per noi, agli avversari serviva tempo per acclimatarsi e la palla viaggiava veloce. Noi eravamo abituati a quelle condizioni e su quel campo (Ellis Park Stadium) ho sempre giocato molto bene: lì ho battuto Emerson, Stolle, Borg…”

IL FUTURO DI INDIAN WELLS“È vero che per ragioni climatiche il torneo potrebbe anche giocarsi da settembre in poi, ma non è una cosa pratica. La mia opinione è che tutti i tornei che sono stati cancellati dovrebbero semplicemente decidere che quest’anno non si gioca. Riprogrammare nell’ultimo quarto di stagione tutti quei tornei già rinviati sarebbe impossibile. Il cambio di superfici, di continenti… è troppo complicato”.

LO SPOSTAMENTO DEL ROLAND GARROS“Divertente, una mossa tipicamente francese. Giocare Parigi sulla terra una settimana dopo lo US Open, due Slam in due settimane, per me è una follia.

OLIMPIADI A MARZO 2021?“Se dovessero decidere di disputarle a marzo, Indian Wells e Miami sarebbero nei guai. Ma credo sia difficile fare le olimpiadi outdoor in quel periodo, il clima in Giappone non sarebbe favorevole”.

INDIAN WELLS, IL QUINTO SLAM “Una cosa che ci rende orgogliosi, ma non pretendiamo di essere il quinto Slam. Quello che cerchiamo di fare è creare il miglior torneo possibile e da sei anni di fila vinciamo il premio come miglior torneo del circuito ATP/WTA”.

LARRY ELLISON“È un uomo notevole, un grande appassionato di tennis. Esclusi i giocatori, ci sono pochissime persone al mondo che sanno così tanto di tennis quanto Larry”.

WIMBLEDON“Io penso che sia possibile che Wimbledon si giochi, ma non sono sicuro che prenderanno questa decisione. Gli US Open certamente. Le possibilità di Wimbledon al momento sono 50/50. Credo che faranno un annuncio tra due settimane. Secondo me dovrebbero aspettare l’inizio di maggio per decidere”.

TOMMY HAAS NUOVO DIRETTORE DEL TORNEO“È vero, non avrei dovuto dire quelle cose, ma sono andato avanti, ho fatto pace con tutti nella WTA. Rimpiazzarmi con Haas è stata un’ottima cosa per il torneo. Tommy è stato un grande giocatore ed è un gentleman. È molto rispettato dagli altri giocatori e sta facendo un grande lavoro per il torneo”.

Ray Moore con Billie Jean King – Foto di Luigi Serra

Continua a leggere

Focus

Podcast con Bertolucci: “Giusto bloccare il conteggio delle settimane di Djokovic da N.1”

Il telecronista di SKY Sport e il Direttore parlano della situazione convulsa del tennis durante l’epidemia di coronavirus, con uno sguardo a passato e futuro. Tra Roland Garros, Wimbledon e gli Internazionali di Roma

Pubblicato

il

Dopo la lunga video-intervista con Vincenzo Santopadre, ho fatto una chiacchierata con Paolo Bertolucci nella quale abbiamo analizzato la situazione del tennis attuale e quello che si prospetta nei prossimi mesi. Sappiamo che solitamente i podcast vengono fruiti nei momenti più frenetici della quotidianità, quando si prende la metro o si fa qualcosa che lascia solo il tempo di ascoltare e non di vedere, ma anche nella quarantena da cui speriamo di uscire il prima possibile… questa mezz’oretta potrà fornirvi degli spunti interessanti, dunque: pigiate play!

Questi sono gli argomenti principali toccati nel corso del podcast:

  • Lo spostamento del Roland Garros in autunno, scelta coraggiosa o sbagliata? Gli Slam hanno sempre la precedenza?
  • I giocatori avrebbero il coraggio di organizzare uno sciopero?
  • Quale destino per gli Internazionali d’Italia 2020? Cancellati, spostati ma dove e quando?
  • Il caso del 1973: lo sciopero a Wimbledon e la formazione dell’ATP moderna
  • Lo sfortunato inizio di Andrea Gaudenzi come Chairman ATP e i suoi precedenti da “sindacalista” negli Anni ’90 con la Federtennis (questa la sua ultima dichiarazione ufficiale)
  • Le difficoltà dei detentori dei diritti televisivi come SKY (di cui Paolo è commentatore)
  • Il congelamento del ranking ATP: giusto non contare le settimane da N.1 di Djokovic? Io e Paolo non concordiamo…

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement