Djokovic batte Zverev ma non va in finale (e si commuove). Thiem vince la tappa di Belgrado

Flash

Djokovic batte Zverev ma non va in finale (e si commuove). Thiem vince la tappa di Belgrado

“Non sto piangendo perché non ho raggiunto la finale, ma perché questo posto mi ricorda la mia infanzia”. Thiem vince la tappa belgradese dell’Adria Tour, ma la copertina è per Nole

Pubblicato

il

Il messaggio inviato dall’Adria Tour al mondo del tennis è giunto probabilmente a destinazione, ma non dimentichiamoci che la prima tappa dell’esibizione itinerante, che si è tenuta a Belgrado, eleggeva già un vincitore. Si è trattato di Dominic Thiem, che prima si è assicurato la vetta del suo gironcino battendo Dimitrov nella sessione diurna e poi ha domato in finale Filip Krajinovic (4-3 2-4 4-2), macchiatosi ieri sera di lesa maestà per aver battuto Djokovic. In fondo, si trattava pur sempre di un affare su terra battuta e su questo fondo Thiem non è che perda poi così facilmente.

Djokovic ha vinto il suo terzo incontro del girone, che era anche il più atteso, contro Sascha Zverev, ma alla fine la sconfitta contro Krajinovic gli è costata la qualificazione alla finale. Un’altalena i primi due set, dominati rispettivamente da Djokovic (4-0) e da Zverev (4-1), nel terzo c’è stato più equilibrio fino al nastro che ha regalato a Nole il break decisivo (4-2); il numero uno del mondo è andato a baciare il nastro e poco dopo aver chiuso l’incontro, durante l’intervista, è scoppiato in lacrime per l’emozione di giocare e vincere di fronte al suo pubblico. Belgrado, del resto, è la città dove è nato e cresciuto.

In conferenza stampa, l’ultima dalla capitale serba, Djoković ha spiegato che l’idea originale era di giocare in tutti i paesi dell’ex Jugoslavia, e le scelte sono state imposte dalle restrizioni dei diversi paesi. Dopo la cancellazione della tappa in Montenegro, Nole sta cercando una soluzione alternativa e la decisione dovrebbe arrivare entro martedì.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Il programma di giovedì 13 agosto: a Praga c’è Halep, Serena contro Venus a Lexington

Non prima delle 18:30 italiane si giocherà il derby numero 31 tra le sorelle Williams. Tutto in diretta su Supertennis

Pubblicato

il

Venus Williams - Lexington 2020 (foto Jon Sanders/TSOpen)

Quarta giornata di gioco nei due WTA International di Praga e Lexington, in programma gli ultimi incontri di secondo turno. In Repubblica Ceca si parte alle 11 con la sfida tra Eugenie Bouchard e Tamara Zidansek. Nel primo pomeriggio (intorno alle 15) occhi puntati sulla prima favorita del seeding Simona Halep, opposta a Barbora Krejcikova. Il match più atteso a Lexington sarà il secondo di giornata (non prima delle 18.30 italiane): ad affrontarsi per la 31esima volta in carriera saranno le sorelle Williams. Nei precedenti, 18 vittorie per Serena e 12 per Venus.

IL PROGRAMMA DI OGGI A PRAGA

Centre Courtdalle 11
[WC] E. Bouchard vs T. Zidansek
[LL] M. Frech vs A. Rus
[1] S. Halep vs [WC] B. Krejcikova
I.C. Begu vs [LL] L. Kung

IL PROGRAMMA DI OGGI A LEXINGTON

Centre Court – ore 11 (le 17 in Italia)
J. Teichmann vs [5] Y. Putintseva
Non prima delle 12.30 (le 18.30 in Italia)
[1] S. Williams vs V. Williams
Non prima delle 14 (le 20 in Italia)
C. Bellis vs J. Pegula
[WC] S. Rogers vs [Q] L. Fernandez

I TABELLONI AGGIORNATI

 

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1 femminile: Lucca scuce lo scudetto a Prato, a Todi finisce 3-0

Il derby Toscano assegna il titolo 2020: il CT Lucca vince tutti i singolari e conquista lo scudetto nella città umbra. Vittorie di Tatiana e Jessica Pieri, in mezzo quella di Bianca Turati

Pubblicato

il

Finali Scudetto Serie A1 Femminile Todi 12 Agosto 2020 TC Lucca Foto Giampiero Sposito

La finale della Serie A1 BMW femminile ha incoronato il Circolo Tennis Lucca, che dopo due semifinali consecutive, stavolta può festeggiare il primo scudetto. Il team capitanato da Ivano Pieri si è imposto per 3-0 sul Tennis Club Prato, alla settima finale in otto anni (sei scudetti).

UN MATCH POI SALVATO – Nel match che ha aperto la finale/scudetto, quello tra le numero 3 dei rispettivi team, primo punto per Lucca grazie a Tatiana Pieri che ha battuto in rimonta per 2-6 7-6(4) 15-13, in due ore e 19 minuti, Lucrezia Stefanini dopo averle annullato anche un match-point.

Primo set dominato dalla 22enne di Carmignano che ha avuto qualche difficoltà solo al momento di chiuderlo mentre la 21enne lucchese ha pagato la bassa percentuale con la seconda di servizio. Più equilibrio in avvio di seconda frazione: nel terzo gioco un doppio fallo ed un rovescio di Stefanini mandano per la prima volta in vantaggio Pieri (2-1) ma per poco (2-2). Ancora break Lucca (3-2) e contro-break Prato (3-3) con Stefanini che infila tre giochi consecutivi e sale 5-3. Al momento di chiudere però la portacolori di Prato cede ancora la battuta e Lucca torna in corsa (5-5). In una fase di partita caratterizzata da diversi errori da entrambe le parti addirittura Pieri prende un break di vantaggio ma a decidere è il tie-break che Lucca si aggiudica per 7 punti a 4. Nel super tie-break decisivo Stefanini sale 4-1, 8-5 e sul 10-9 si procura una chance per chiudere ma Pieri si salva e poi si impone per 15-13 al quinto match-point.

 

“È stato un match incredibile, sono felicissima. Non so nemmeno quanti match-point ho avuto… – ha detto Pieri -. Nel primo set giocavo un po’ corto: poi dal secondo in poi ho giocato sempre meglio e lei ha iniziato a sbagliare qualcosa in più. Per Lucca era importante partire bene. Questa Serie A è stata importantissima per riprendere confidenza con il tennis agonistico dopo il lockdown”.

ALTRO SUPER TIE-BREAKBianca Turati ha poi ribaltato il pronostico superando 5-7 6-4 10-7, dopo oltre due ore e mezza di lotta, la slovacca Kristina Kucova nel match tra le numero 2.

Prima un improvviso scroscio di pioggia, poi il vento forte: condizioni di gioco tutt’altro che facili. Break in avvio per Turati ma subito contro-break per Kucova, quest’anno imbattuta in campionato. La 23enne di Como gioca due metri dietro la riga di fondo: la 30enne di Bratislava con i piedi ben piantati in campo. Nell’ottavo game la slovacca di Prato centra il break (5-3) ma in quello successivo sciupa tutto cedendo la battuta a zero con un doppio fallo finale. Nel decimo gioco Turati salva un set-point al termine di uno scambio infinito e poi è 5 pari, ma due game più tardi con uno smash piazzato Kucova sigla il 7-5. Il secondo set inizia sulla falsariga del primo. Nel quarto gioco la slovacca non sfrutta la chance per allungare 3-1 e poi inizia a complicarsi la vita nei turni di servizio innervosendosi e permettendo a Turati di prendere per tre volte un break di vantaggio (3-2 e 4-3 e 5-4): e la comasca al decimo gioco finalmente pareggia il conto dei set (6-4). A decidere ancora una volta è un combattutissimo super tie-break: Turati prende tutto e allunga sull’8-4, Kukova prova a recuperare (8-7) ma Bianca chiude per 10 punti a 7 regalando il doppio vantaggio a Lucca.

“Non ci posso credere”, le prime parole di Turati. “Siamo tutte ragazze che lottano su ogni punto…. Dopo il primo st il capitano mi ha detto che dovevo cambiare il modo di servire…. Potevamo essere 2-0 sotto ed invece siamo in vantaggio: ora speriamo che Jessica Pieri completi l’opera”.

IL TRIONFO DI JESSICA – Nella sfida tra le numero 1 ancora una sorpresa con la vittoria di Jessica Pieri che ha regolato per 6-1 6-4, in poco meno di un’ora ed un quarto di gioco, Martina Trevisan, non in grandissima giornata.

Partenza bruciante della 23enne di Bagni di Lucca che vola 4-0 giocando un tennis da favola: la 26enne fiorentina, irriconoscibile soprattutto col diritto, prova in qualche modo a contenere la sua avversaria che gioca profondo e sbaglia poco, ma Jessica Pieri con il terzo break archivia il parziale (6-1). Nel secondo set la reazione della Trevisan si concretizza in un break – il primo dell’incontro – al terzo gioco che Pieri però si riprende immediatamente (2-2). Di nuovo break Prato e contro-break Lucca per due volte (4-4). Nel nono game Pieri tiene finalmente un turno di servizio (da segnalare un pallonetto millimetrico e un gran passante) e poi con il terzo game di fila brekka ancora Trevisan e regala lo scudetto a Lucca.

Non me l’aspettavo – ammette Jessica Pieri – entrare in campo sul 2-0 è stato un bel vantaggio e sono davvero felicissima. In una stagione complicata dal coronavirus ci godiamo questo successo. Stare fuori dal campo per mesi e mesi non è stato facile per noi che siamo abituate a viaggiare tutto l’anno”.

Finale Serie A1 BMW femminile 2020

TC Prato – CT Lucca 0-3
T. Pieri (L) b. Stefanini (P) 2-6 7-6(4) 15-13
Turati (L) b. Kucova (P) 5-7 6-4 10-7
J. Pieri (L) b. Trevisan (P) 6-1 6-4

Continua a leggere

Flash

WTA Praga: Giorgi sempre discontinua, Mertens la supera in due set

La solita valanga di colpi vincenti alternati a una ancora più grande di errori, porta Camila alla sconfitta contro la N.3 del seeding. Fuori la N.2 Martic

Pubblicato

il

L’ultima partita della giornata di Praga presenta due tenniste in momenti opposti di forma, Camila Giorgi ed Elise Mertens. La numero 23 del mondo Mertens è reduce dalla sconfitta al primo turno di Palermo contro Sasnovich. Giorgi ha mostrato una buona condizione dal ritorno in campo, spingendosi a Palermo fino alla semifinale persa contro Ferro e superando Kostyuk in rimonta nel primo turno di Praga.

L’inizio della tennista italiana rispecchia le attese. Domina sin da subito tutti gli scambi da fondocampo e trova il break alla prima occasione, sfruttando un rovescio a rete di Mertens. La tennista belga però è glaciale nel game successivo e capitalizza qualche indecisione di Camila per recuperare il break. La tennista italiana sembra calare di prestazione con il passare dei minuti. Giorgi continua a macinare metri di campo con il suo rovescio ma si trova sempre a soffrire durante i suoi turni di servizio, merito di una Mertens che non molla su ogni punto. La numero 23 del mondo ha il merito di mettere in difficoltà Giorgi con palle scariche e difese sempre profonde che fanno giocare all’italiana quel colpo in più che tanto la mette in difficoltà.

Un settimo game da ben otto deuce e più di 10 minuti vale il break per Mertens, che tiene senza problemi il servizio e chiude per 6-4 un primo set meritato.

Nel secondo set il gioco di Camila si sgretola diventando sempre più impreciso: alla prima palla break concessa nel terzo gioco l’azzurra cede il servizio. Nel sesto avrebbe l’opportunità di rientrare ma non riesce a sfruttare quattro palle del 3-4 di cui tre consecutive. A quel punto la partita è di fatto finita. Mertens chiude con un parziale di 11 punti a 1 e archivia la pratica in 1 ora e 44 minuti. Ora attende la vincente di Bouchard-Zidansek nei quarti di finale in programma venerdì.

 

L’altro quarto di finale della parte bassa è già formato e vedrà di fronte Kristyna Pliskova, vincitrice a sorpresa in due set su Petra Martic, e la rumena Bogdan che ha approfittato del walkover della sua avversaria Lesia Tsurenko. Giovedì in campo gli altri cinque ottavi di finale.

Risultati:

2° turno
[3] E. Mertens b. C. Giorgi 6-4 6-2
A. Bogdan b. [Q] L. Tsurenko W/O
Kr. Pliskova b. [2] P. Martic 6-1 7-5

1° turno
L. Siegemund b. [Q] M. Sherif 4-6 6-0 6-1
T. Zidansek b. K. Siniakova 6-3 3-6 6-0

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement