Niente US Open per Halep: nel 2020 giocherà soltanto in Europa

Flash

Niente US Open per Halep: nel 2020 giocherà soltanto in Europa

La numero due del mondo non è tranquilla con il virus ancora in giro e non farà trasferte in Stati Uniti e Cina. Salterà dunque lo swing asiatico e le Finals

Pubblicato

il

Simona Halep - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Dalle perplessità ai fatti in poche settimane. Simona Halep non prenderà parte allo US Open, qualora dovesse svolgersi regolarmente, ma in generale ha dichiarato che non viaggerà verso gli Stati Uniti e l’Asia ed è disposta a partecipare soltanto a tornei entro i confini europei.

Le dichiarazioni, rilasciate all’emittente televisiva rumena ‘Pro TV’, confermano i timori che aveva espresso al The New York Times. “Ho molti dubbi sulla possibilità di giocare a queste condizioni. Non solo perché siamo nel mezzo di una pandemia, ma per i rischi connessi al viaggio, alla quarantena e agli eventuali cambiamenti che potranno manifestarsi durante il torneo. So che gli organizzatori e gli sponsor voglio che il tornei si disputi e che molti giocatori stanno attraversando un momento difficile, ma è una decisione personale. Ognuno ha esigenze diverse e deve prendere la decisione migliore per la sua salute e la sua carriera“.

Nel caso di Halep, dunque, non si tratta soltanto della difficoltà di portare a termine uno Slam in condizioni difficili, senza poter contare su tutti gli effettivi dello staff, ma c’è un reale timore di non vedere garantita la propria salute durante la sua permanenza lontano dall’Europa. Nella sua carriera c’è infatti un precedente analogo: la tennista rumena non partecipò alle Olimpiadi di Rio 2016 per paura di venire a contatto con il virus Zika, un patogeno trasmesso dalle zanzare.

 

IL NUOVO CALENDARIO DI SIMONA – La seconda giocatrice del mondo non scenderà dunque in campo prima di fine settembre, quando è previsto l’inizio del Roland Garros. Sono davvero pochi i tornei a cui potrà prendere parte rimanendo in Europa: oltre allo Slam parigino, ammesso e non concesso che si disputi regolarmente, ci sono possibilità che vengano organizzati i tornei di Madrid e Roma. Per il resto, in calendario ci sono soltanto i tornei indoor di Linz e Mosca (l’International di Lussemburgo ha già dato appuntamento al 2021). Ma non c’è nessuna certezza, al momento, che questi tornei vengano organizzati.

Quanto agli effetti dei forfait – Halep salterebbe Cincinnati, US Open e tutto lo swing asiatico che conduce alle Finals di Shenzhen – la giocatrice rumena mette a rischio circa 700 punti. Nella trasferta nordamericana del 2019, infatti, Simona aveva raccolto due sconfitte al secondo match a Cincinnati (conto Keys) e a New York, dove fu sorpresa dalla verve e dal gioco di rete di Townsend. Si tratta di un margine di rischio assai tollerabile, persino inferiore alla distanza che la separa dalla prima inseguitrice in classifica, la n. 3 Karolina Pliskova. Non è da escludere che abbia preso questa decisione con maggiore serenità immaginando implicazioni non particolarmente nefaste sulla sua classifica.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Strycova annuncia il ritiro, il futuro è da mamma: “Ma voglio salutare con un ultimo match…”

La ceca, campionessa di Wimbledon ed ex numero uno nel doppio, lascia il campo a 35 anni dopo l’annuncio della gravidanza. Ma dà appuntamento per un congedo davanti ai tifosi

Pubblicato

il

Barbora Strycova - Wimbledon 2019 (via Twitter, @WTA_insider)

Barbora Strycova si ferma qui. Dopo aver annunciato a marzo la sua prima gravidanza, la tennista ceca a 35 ha deciso di mettere fine alla sua carriera. L’annuncio, come ormai sempre accade, è arrivato sui social: Spero di giocare un ultimo match davanti al pubblico, per un saluto come si deve“, il suo congedo. In bacheca, potrà guardare con orgoglio il titolo del doppio di Wimbledon conquistato nel 2019 insieme a Su-Wei Hsieh. Nella stessa coppia, ha perso in finale l’Australian Open 2020 contro Babos e Mladenovic. Da specialista di prima fascia, è stata numero uno del mondo tra le doppiste per 27 settimane.

In singolare, ha raggiunto il numero 16 come best ranking (nel 2017) con due tornei vinti (Quebec City 2011 e Linz 2017) e il punto più alto della semifinale di Wimbledon (sempre nel magico 2019, battuta da Serena Williams). Enormi le soddisfazioni con addosso i colori della Repubblica Ceca: ben sei successi nella vecchia Fed Cup (tra il 2011 e il 2018), oltre al bronzo olimpico di Rio in coppia con Lucie Safarova. “Fino a ora il tennis è stato il mio unico mondo – ha scritto su Instagram -, l’ho amato per le vittorie e anche per i sacrifici e il sudore. Mai avrei pensato di mettere fine al mio percorso durante una pandemia, ma alcuni momenti della vita non possono essere pianificati e sono super eccitata dal mio futuro di mamma“.

Barbora è stata una vera campionessa, ci mancherà dentro e fuori dal campo – il commento di Steve Simon, presidente della WTA -, smette avendo tanto di cui essere orgogliosa. Da ex numero uno del doppio, la sua eredità all’interno del nostro sport è indelebile. Le auguriamo il meglio nei suoi programmi futuri e soprattutto nel suo nuovo viaggio verso la maternità“. Prima dell’annuncio della gravidanza, Strycova è scesa in campo nel 2021 per il suo ultimo Slam: all’Australian Open è stata eliminata al primo turno da Svetlana Kuznetsova salutando il tabellone di doppio al secondo turno, sempre con Su-Wei-Hsieh. L’appuntamento – a questo punto lo speriamo – è per l’ultimo match che ha promesso, quello in cui vorrà salutare il pubblico in una cornice degna del percorso che ha portato a termine.

 

Continua a leggere

Flash

Billie Jean King Cup: saltano le Finals di Budapest, l’ITF cerca le date e una nuova sede

La federazione ungherese si tira indietro per l’emergenza sanitaria, preoccupano le varianti del Covid-19. L’ITF proverà a salvare l’evento, che però rischia di saltare per il secondo anno di fila

Pubblicato

il

Sempre più tormentato il destino delle finali di Billie Jean King Cup, originariamente in programma a Budapest. Nel 2020, l’evoluzione della FED Cup non ha vissuto il suo atto conclusivo nella capitale ungherese a causa dello stop per la pandemia (così come accaduto per la Davis a Madrid). Nell’anno in corso, il calendario prevedeva l’assegnazione del trofeo per nazionali femminili nella stessa sede, originariamente tra il 13 e il 18 aprile. Ma a febbraio è stato comunicato un “rinvio a data da destinarsi” – sempre dovuto a misure di sicurezza sanitaria – a cui non hanno fatto seguito altre comunicazioni ufficiali.

È l’agenzia Reuters però a sollevare concreti dubbi sulla possibilità di riprogrammare l’evento nel 2021, alla luce di una significativa novità: il comitato organizzatore ungherese – viene riportato – lo scorso 22 aprile ha notificato all’ITF la propria rinuncia, motivata dall’elevato rischio sanitario per le varianti del Covid-19.

Sul sito ufficiale della BJK Cup non c’è traccia di aggiornamenti, ma è il presidente dell’ITF David Haggerty a confermare (sempre alla Reuters) lo scenario: “Abbiamo lavorato a stretto contatto con la federazione ungherese (HTA) e il Governo per trovare date utili a riprogrammare le Finals nel 2021 – le sue parole -, salvo poi rimanere sorpresi della decisione della HTA di non voler più ospitare l’evento a Budapest. Considerata la tempistica, l’ITF non ha avuto altra scelta che rompere l’accordo con l’Ungheria e iniziare a esplorare nuove soluzioni“.

LO SCENARIO – Da quanto trapela, la federazione ungherese starebbe analizzando anche le clausole del contratto sottoscritto nel 2019: l’obiettivo sarebbe recuperare una parte del budget stanziato, almeno quello derivante dai contributi pubblici. Trovare una nuova sede – e l’incastro di una settimana nel calendario WTA – non sarà semplicissimo, per un’organizzazione dalla portata logistica comunque significativa (bisognerà coordinare l’arrivo e ospitare atlete e staff dei 12 Paesi finalisti, dieci europei più Australia e Stati Uniti).

L’ITF, per quello che è in suo potere – ha provato a rassicurare Haggerty – percorrerà tutte le strade possibili affinché l’evento si disputi“. Anche perché, se la nuova calendarizzazione non dovesse riuscire, l’albo d’oro rimarrebbe vuoto per il secondo anno di fila. L’edizione 2020 sarebbe dovuta essere la prima nel nuovo formato, ideato analogia alle Finals di Coppa Davis dell’era Kosmos. Ad aprile, in ogni caso, si sono regolarmente disputati i playoff: l’Italia, con il successo in Romania, ha conquistato l’accesso ai preliminari che mettono in palio un posto alle Finals 2022. Per il 2021, abbondano le incognite.

Continua a leggere

Flash

Madrid, il programma di mercoledì 5 maggio: in campo Sinner, debutta Nadal

Dopo la vittoria di Berrettini focus azzurro su Sinner, opposto a Popyrin. Nadal-Alcaraz non prima delle 15, esordio anche per Medvedev. In campo femminile via ai quarti: alle 13 Barty sfida Kvitova

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Madrid 2021 (photo Diego González)

Obiettivo terzo turno o ottavi di finale se preferite. Questo il leitmotiv della giornata madrilena che nel tabellone maschile vedrà completarsi il secondo turno proponendo, ai fortunati spettatori presenti in loco, match con altissimi coefficienti tecnici e significati importanti.
Dopo il successo di ieri di Matteo Berrettini su Fabio Fognini, che ha qualificato il tennista romano agli ottavi di finale, oggi il match che più ci riguarda da vicino è sicuramente quello tra Jannik Sinner e il qualificato Alexei Popyrin, nel terzo incontro dalle ore 11:00 sullo Stadium 3.
Spostando il focus sul resto degli incontri, apriranno le danze due match molto interessanti.

Alle ore 11 esordio di Medvedev sulla terra rossa, superficie che come sappiamo non gli è particolarmente gradita: affronterà uno dei padroni di casa, quel Davidovich Fokina che invece trova nella terra rossa la propria confort zone come dimostrano i risultati di Monte Carlo ed Estoril. Altro esponente dell’armata russa a scendere in campo, come primo incontro sullo Stadium 3 sarà Aslan Karatsev che troverà dall’altra parte della rete uno degli specialisti della superficie, quel Diego Schwartzman reduce da uno sconfitta al primo turno a Monte Carlo per mano di Casper Ruud ed una eliminazione al terzo turno da Barcellona, sconfitto da Carreno Busta. Conclude la prima tornata di incontri con inizio alle ore 11, Cristian Garin vs Dominik Koepfer, partita interessante ma forse quella con minori spunti tecnici rispetto alle altre.

Assolutamente degne di nota e menzione due incontri dai significati molto diversi ma che hanno un’alea di interesse assolutamente rilevante. Una di queste è il derby tra Rafael Nadal e Carlo Alcaraz. Un derby che non è soltanto limitato alla mera questione legata alla nazionalità. È un derby tra il presente e il futuro della di questa superficie e forse del tennis mondiale; è un confronto molto interessante tra chi è sul trono e chi invece lo brama. Sarà un passaggio immediato? Nutriamo forti perplessità in tal senso. Non è in dubbio il risultato, ma sarà interessante vedere come si arriverà a quel risultato. Poi si sa, nello sport ci sono poche certezza. Una di queste però è Rafa sulla terra rossa. Ultima partita da segnalare è quella tra Tsitsipas e Paire; il primo, all’esordio a Madrid, fresco vincitore di Monte Carlo e finalista a Barcellona, il secondo finalmente vincitore, dopo mille polemiche e viaggi alle Maldive, di un incontro nel circuito ATP ottenuta con Basilashvili, neo campione di Monaco.

Per quanto riguarda invece il torneo femminile è già tempo di quarti di finale: la partita più attesa è sicuramente quella tra la numero uno Ashleigh Barty e Petra Kvitova. Per loro è il decimo incontro in carriera: finora lo score è a favore della ceca anche se di una sola lunghezza, cinque vittorie per Petra, quattro per l’australiana. Concluderanno il tabellone femminile Sabalenka vs Mertens, Badosa vs Bencic, Pavlyuchenkova vs Muchova. Quest’ultimo match molto interessante e test fisico di rilievo per le due atlete che ieri hanno avuto la meglio sulle rispettive avversarie dopo match trasformatisi in autentiche maratone.

Il programma completo

Manolo Santana Stadiuma partire dalle 11
A. Davidovich Fokina vs [2] D. Medvedev
non prima delle 13
[1] A. Barty vs [9] P. Kvitova
non prima delle 15
[1] R. Nadal vs [WC] C. Alcaraz
non prima delle 19
A. Sabalenka vs E. Mertens
non prima delle 20
B. Paire vs [4] S. Tsitsipas

Arantxa Sanchez Stadiuma partire dalle 11
[WC] P. Badosa vs [8] B. Bencic
K. Nishikori vs [5] A. Zverev
non prima delle 15
A. Pavlyuchenkova vs K. Muchova
[9] R. Bautista Agut vs J. Isner
C. Ruud vs [LL] Y. Nishioka

Stadium 3a partire dalle 11
[7] D. Schwartzman vs A. Karatsev
J. Millman vs D. Evans
[Q] A. Popyrin vs [14] J. Sinner

Court 4a partire dalle 11:00
[16] C. Garin vs D. Koepfer
non prima delle 14
A. Ramos-Vinolas vs [Q] F. Delbonis

 

Carlo Galati

I tabelloni con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement