Da Sesto a Sofia: chi è Jannik Sinner e come è diventato il tennista da 2 milioni all'anno

Italiani

Da Sesto a Sofia: chi è Jannik Sinner e come è diventato il tennista da 2 milioni all’anno

Nato a San Candido nel 2001, ma cresciuto a Sesto, è stato conteso da tennis e sci fino a 14 anni. Poi ha spiccato il volo con la racchetta, grazie all’intuito di Sartori e Piatti. A Sofia ha vinto il primo (di tanti?) torneo e gli sponsor già se lo contendono

Pubblicato

il

Io ormai ho novant’anni, e questa di Sinner rimane tra le giornate migliori che abbia passato“. A pronunciare – o meglio, scrivere – questa frase è Gianni Clerici, che possiamo ipotizzare in cima al piano inclinato in fondo al quale, il 14 novembre 2020, la pallina degli eventi ha finito per produrre il primo titolo di Jannik Sinner nel circuito maggiore. Sul veloce indoor dell’Arena Armeec di Sofia, il torneo che ha ereditato la licenza di Zagabria (che fu prima di Milano, dove Federer vinse il primo titolo nel 2001), Sinner ha battuto in tre set Pospisil giocando così così per tutto il match ma splendidamente nel tie-break decisivo, condotto da veterano.

Perché Gianni Clerici abbia a che fare con Jannik Sinner è presto detto. Fu Clerici a incoraggiare il destino di Riccardo Piatti nel tennis, facendogli da maestro in una scuola tennis di Como mezzo secolo fa e poi consigliandogli di recarsi al campus di Bollettieri, quando Piatti aveva già scelto la via dell’insegnamento. Oggi Piatti è l’allenatore di Sinner. Più che un semplice allenatore, funge anche da padre, da mentore, da parafulmine. È l’intercapedine di sicurezza tra Jannik e il mondo esterno.

Gianni Clerici, il miglior cantore italiano del tennis. Riccardo Piatti, il miglior coach italiano. Promette di chiudere il triangolo Jannik Sinner, diventando il miglior tennista italiano di sempre. Il percorso che ha portato al clima attuale di euforia, all’interesse della TV di Stato e ai paragoni con Tomba, Pellegrini o Valentino Rossi – invero assai prematuri – cominciava 19 anni fa, il 16 agosto 2001.

 
Sinner con trofeo – Sofia 2020 (foto Ivan Mrankov)

DA DOVE VIENE SINNER

Da Sesto Pusteria, un comune del Trentino Alto Adige che non raggiunge i 2000 abitanti e guarda (molto) da vicino Veneto e Austria; nel paese c’è una stazione meteorologica ma non un ospedale, così Jannik deve nascere a San Candido, una manciata di chilometri a nord-ovest. Per farvi capire quanto sia andata bene all’Italia, che se l’è ritrovato in casa: il fiumiciattolo Rio Sesto attraversa Sesto Pusteria, scorre per appena 16 chilometri e proprio all’altezza di San Candido va a buttarsi nella Drava, il quarto più grosso affluente del Danubio (750 km) che è anche il fiume più lungo tra quelli che scorrono parzialmente in Italia. Affari di confine in una terra di confine. Sinner nasce nell’angolo meno italiano d’Italia, imparerà tardi a parlare l’italiano ma geograficamente parlando la sua è una storia tutta italiana.

Mamma Siglinde e papà Hanspeter gestiscono – e vi lavorano come cuoco e cameriera – il piccolo rifugio “Fondo Valle” in Val Fiscalina. Quel che di mamma e papà trasmigra subito in Jannik è la passione per gli sci, che indossa già a quattro anni. Magrolino e già piuttosto arancione, Jannik affianca la racchetta alla tuta da sciatore a sette anni, quando i genitori lo spronano a provare anche un altro sport. Il suo primo maestro di tennis è Heribert Mayr da Brunico, che assieme ad Andrea Spizzica si fa carico del compito (a posteriori) più importante: indirizzare Jannik verso il tennis.

Hebi (Mayr, ndr) mi segnalò questo ragazzino di 7 anni” ha raccontato Spizzica un anno fa a Sportface. “Ci giocai nonostante io non parlassi una parola di tedesco e lui una parola di italiano. Inizialmente Jannik si divideva tra tennis e sci e quindi giocava poco. Il nostro obiettivo divenne presto fargli scegliere il tennis; è stato un lavoro certosino, anche ‘sporco’ perché dovevamo dargli un contenuto tale da renderlo forte tanto quanto lo era con gli sci ai piedi“. A quei tempi però, ammette Spizzica, non si intravedeva il suo potenziale. “Non a questi livelli, almeno“.

Jannik Sinner e Andrea Spizzica

Un aiuto decisivo arriva dall’innato senso della competizione di Sinner, come spiega Heribert Mayr. “A 12 anni era campione italiano di sci e si allenava tutti i giorni; a tennis era forte, ma per lui era ancora un hobby da due volte a settimana. Nello sci, però, iniziava ad accusare il colpo e non vinceva più. E Jannik è uno che ha sempre voluto vincere, non accettava di perdere neanche contro di me“. Riassumendo: Jannik ha 12 anni, è uno sciatore promettente che però fatica a progredire. Il tennis non è ancora il suo ‘tutto’, e soprattutto ha una struttura fisica tanto gracile che gli avversari riescono speso a renderlo innocuo tenendolo lontano dalla linea di fondo. Nel corso di un raduno nazionale, un maestro lo accusa addirittura di ‘non saper fare due palleggi’ perché ha un gioco troppo votato all’attacco. Questo perché Spizzica e Mayr lo stanno indirizzando in quella direzione.

Jannik metterà in soffitta gli sci un paio d’anni dopo, ma la sport delle nevi gli consegnerà un lascito fondamentale. La capacità di mantenere alta la concentrazione nei piccoli segmenti di tempo composti da un quindici, ereditata da uno sport in cui la performance dura un paio di minuti e non c’è tempo per gli errori.

Ancora conteso dallo sci, il talento tennistico di Jannik non è debordante ma comincia ad affiorare. Arrivano i primi risultati (una semifinale alla coppa Lambertenghi, la finale nazionale under 13) e con essi la sua dimensione si allarga abbastanza da lambire l’interesse di Massimo Sartori, storico coach di Seppi, che proprio col suo allievo vuole farlo palleggiare durante il challenger di Ortisei del novembre 2014. Quella mattina però Seppi sta male, ‘e in campo con quel ragazzino ci sono finito io. Dopo un’ora, sono uscito morto!‘ racconta Sartori al Messaggero. Uno dei primi a intuire che Jannik è speciale, Sartori convince i suoi genitori a portarlo a Bordighera per sottoporlo all’attenzione di Riccardo Piatti. Qualche mese di assestamento e nell’estate 2015 il ragazzo si trasferisce in pianta stabile al centro di Bordighera (adieu, piste da sci!), dove attorno a lui si forma un team composto – oltre che da Piatti – anche da Andrea Volpini e Cristian Brandi, che lo ha accompagnato a Sofia.

Sinner gioca un’ottantina di match con la casacca di junior senza mai eccellere (best ranking di n.133 del mondo) e nel 2018 si tuffa definitivamente nel circuito dei Futures. Nel febbraio 2019 vince il suo primo challenger a Bergamo, senza aver ancora mai vinto un Futures; ci riuscirà la settimana successiva a Trento e poi a Santa Margherita di Pula, prima di vincere ancora a livello challenger a Lexington e Ortisei. Quest’ultimo successo, ottenuto pochi giorni dopo aver vinto le Next Gen Finals e a pochi chilometri da casa, coincide in qualche modo con l’abbandono del nido. A quel punto Sinner spicca il volo: il resto, più o meno, è storia che conosciamo.

Jannik Sinner – Sofia 2020 (foto Ivan Mrankov)

SINNER OGGI. E SINNER DOMANI

Sinner è molto più vicino ai più forti di quanto si pensi“, afferma sempre Sartori – che non è certo un tipo dagli entusiasmi facili. “Durante la pandemia gli ho fatto vedere molte partite di grandi campioni come Federer o Djokovic” aggiunge invece Piatti, intervistato dal Corriere dello Sport e dal Secolo XIX. “Di quelle sfide ho selezionato 40-45 minuti, i periodi in cui avevano giocato male. Volevo che Jannik capisse come erano comunque riusciti, in una situazione in cui non si stavano esprimendo al meglio, a cambiare il corso del match“. Esattamente ciò che Sinner ha fatto a Sofia contro Pospisil. Se giocare da favorito diventerà un problema? “No, perché è un atleta di alto livello” conclude secco Piatti. “La migliore educazione non è mettere timori, ma mostrare la strada. Perché c’è ancora tanta strada da fare“.

La pressione (e l’esaltazione un po’ stucchevole) sembra orbitare più fuori che all’interno dell’universo Sinner, dove tutto funziona a meraviglia. Il ragazzo è consapevole dei propri mezzi ma non ha fretta – ‘perché è la cosa più difficile da gestire, la fretta‘ – né si preoccupa che la pandemia gli abbia fatto perdere tempo e posizioni in classifica. “Non rimpiango i mesi saltati per il ranking, sono solo contento che la mia famiglia e i miei amici stiano bene. Magari potevo essere N.20, ma anche se non lo sono pace, la cosa più importante è rimanere in salute e sperare di viaggiare con meno problemi il prossimo anno. Prendo tutto quello che mi è arrivato”.

Peraltro, c’è il caso che lo stop lo abbia addirittura aiutato. Non possiamo essere certi che una stagione completa, senza gli allenamenti intensi dei mesi senza tennis – ‘2-3 sessioni al giorno di tattica e tecnica’, dice Piatti – che gli hanno consentito di lavorare sui suoi punti deboli, si sarebbe conclusa ugualmente con un quarto di finale Slam e il primo titolo in carriera. Perché Jannik Sinner, in questo momento, è soprattutto un tennista in costruzione. Anche se è già fortissimo, e ha dimostrato di poter già vincere, ha bisogno di crescere ancora per poter arrivare – non è più il caso di nascondersi – dove tutti credano possa o persino debba arrivare. E rimanerci. Top 10, o magari ancora più su come sospetta Pospisil.

Non possono né devono essere un problema le smisurate attenzioni che lo stanno braccando. Quelle dei media (non tutte giuste). Paragonarlo a Federica Pellegrini o Alberto Tomba è prematuro e ingeneroso nei confronti di chi ha ampiamente fatto la storia dello sport italiano, ma a Sinner deve cambiare poco: lui ha la sua strada e sta dimostrando di poterla percorrere senza distrazioni. Quelle degli sponsor (tutte giuste). Secondo la Gazzetta dello Sport Sinner è un brand che vale già due milioni a stagioneRolex, Technogym, Parmigiano Reggiano e Alfa Romeo sono saliti quest’anno sul carro già occupato da Nike e Head – ed è perfettamente normale che sia così, perché ad oggi non esiste un under 20 che prometta come Sinner. Oltre ad essere normale, se Jannik manterrà le promesse, questa attenzione crescerà in modo esponenziale e durerà per tutta la carriera. Meglio iniziare già oggi a trovare il modo di gestirla: è una delle tante cose che tornerà utile domani.

Jannik Sinner – Roland Garros 2020 (foto Twitter @Rolandgarros)

L’immediato domani dello Jannik mono-pensiero – ‘vuole sapere tutto del tennis, del resto c’è chi se ne occupa‘ dice sempre papà Piatti – sarà il ritorno a casa a Montecarlo, dove risiede, e la partenza per l’Australia a metà dicembre, dove smaltire l’obbligo di quarantena e cominciare ad allenarsi in vista del 2021. A 19 anni, da numero 37 del mondo, avrà ancora un po’ di tempo per fallire. Ma neanche troppo.

Continua a leggere
Commenti

Flash

“Sonego è migliorato tanto nel rovescio e nel servizio”

Il coach Gipo Arbino entusiasta dei progressi del torinese in partenza per l’Australian Open. Il sogno delle ATP Finals forse non è una chimera

Pubblicato

il

Con una preparazione invernale del tutto inedita (per durata) e a poche ore dalla prima conferenza stampa sulle ATP Finals torinesi che tanto sogna, Lorenzo Sonego è in partenza per l’Australia con molte certezze e con un bagaglio tecnico decisamente migliorato.

Forte di un finale di stagione strabiliante (primi ottavi in un major e la finale di Vienna condita dal successo sul numero 1 Djokovic), il tennista torinese ha sfruttato al meglio le settimane di preparazione in vista della nuova stagione: “Solitamente ne abbiamo tre a disposizione, questa volta, con lo slittamento degli Australian Open, otto abbondanti. Sono contento del lavoro che abbiamo svolto”, ci confida Lorenzo a margine dell’ultimo allenamento prima della partenza.

Ed è altrettanto contento il suo storico coach Gipo Arbino: “Abbiamo lavorato per perfezionare i suoi punti forti e per migliorare qualche situazione. Lorenzo ha potenziato ancora di più il suo servizio, sia migliorando la percentuale di prime palle, sia alzando la velocità in modo particolare della seconda, che adesso viaggia intorno ai 150-160 km/h. Sono poi molto soddisfatto anche del suo rovescio: è migliorato non solo sullo scambio, ma anche in risposta”.

 

Merito, secondo Gipo, anche di un lavoro mirato sul piano atletico e tecnico (con Fabio Nervi e con il video analyst Danilo Pizzorno) e di una qualità sempre alta degli allenamenti svolti. Sui campi del Circolo della Stampa Sporting Lorenzo ha infatti incrociato la racchetta nel corso degli ultimi due mesi con l’amico e spesso compagno di doppio Andrea Vavassori, Federico Gaio (ora anche lui di stanza a Torino agli ordini del direttore tecnico del circolo Fabio Colangelo) e Roberto Marcora (oggi 180 ATP). Sono passati dallo Sporting anche l’emergente Giulio Zeppieri, seguito da Piero Melaranci e da Umberto Rianna, e il classe ’98 Enrico Della Valle (444 ATP). Senza dimenticare la settimana trascorsa a Manacor, dove l’azzurro si è confrontato con il promettente finlandese Ruusuvuori, il talentuoso Felix Auger Aliassime e ovviamente il padrone di casa, Mr. 20 Slam Rafa Nadal.

Tra i vari sparring partner (come Marco Corino e Gianluca Bellezza) si è fatto notare Edoardo Zanada, uno dei cinque talenti piemontesi, premiati con la borsa di studio Torino Tennis Talents, che cercano di seguire la strada tracciata proprio da Lorenzo. Il progetto, realizzato da I Tennis Foundation, ha l’obiettivo infatti di sostenere e aiutare concretamente quei giovani talenti che non hanno alle spalle grandissimi successi da junior ma hanno tennis e determinazione a sufficienza per tentare la scalata al grande tennis. Che poi è quanto avvenuto con Sonego: “Io credo tantissimo in questo progetto perché Lorenzo non era un predestinato – spiega ancora Gipo Arbino, parte integrante dell’iniziativa – Era un ragazzino che si è presentato qui allo Sporting a fare una prova per entrare a giocare nella SAT.  Dalla sua c’era il vantaggio che giocando a calcio aveva un grande senso del rimbalzo e grandi capacità tecniche, quindi era evidentemente portato. Sono quindi convinto che la valorizzazione dei ragazzi in età giovanile dia più chance per tirare fuori dei giocatori”.

Il progetto, portato avanti dall’associazione di Simone Bongiovanni, consentirà ai cinque ragazzi (oltre a Zanada, anche Alessia Tagliente, Chiara Fornarsieri, Ludovico Madiai e Mario Alarcon) di poter disputare tornei fuori regione e anche fuori nazione: “È importantissimo avere un aiuto economico per poter girare e fare esperienze che ti servono veramente, perché anche se perdi al primo turno comunque ogni sconfitta ti insegna qualcosa – spiega Sonego, testimonial dell’iniziativa – Per me ogni partita è un insegnamento. Lo dico sempre a Gipo: io o vinco o imparo, perché da ogni sconfitta ho imparato le cose più importanti del tennis. Non conta l’età in cui arrivi o cosa succede durante il percorso. È fondamentale applicarsi e dare tutto quello che hai, sia dentro che fuori dal campo, perché poi il campo è importante, ma sono le piccole cose che fanno la differenza ogni volta che sali di gradino e giochi ad un livello superiore. Un consiglio che mi sento di dare oggi a questi ragazzi è che nonostante l’età bisogna crederci sempre, continuare a lavorare e inseguire il proprio sogno, ma con assoluta serenità e passione”.

Impossibile non fare un accenno con Lorenzo al torneo dei Maestri, nella sua città dal prossimo 14 novembre: “Le ATP Finals sono con gli Slam il torneo più importante del mondo. Appena ho saputo la notizia che Torino avrebbe ospitato cinque edizioni, ho pensato che un giorno mi piacerebbe riuscire a qualificarmi. È un sogno, che vorrei raggiungere, perché giocare in casa sarebbe un’emozione fantastica. Ho visto da spettatore una volta quelle di Londra e sono sicuro che Torino saprà fare altrettanto bene”.

Per raggiungerlo o quantomeno mettersi nelle condizioni di rendere la rincorsa meno proibitiva, servirebbe partire subito forte in questo inizio di 2021, anche se Lorenzo ha dimostrato di giocare bene su tutte le superfici e quindi di poter far punti nel corso dell’intera stagione. Guarda caso lo Slam australiano è proprio il torneo in cui Lorenzo nel 2018 ha fatto il suo primo grande exploit, qualificandosi nel main draw da numero 219 (sconfiggendo tra gli altri Tomic) e superando il primo turno con il successo in quattro set su Robin Haase, all’epoca 43 ATP. Nell’edizione 2020 Lorenzo era stato invece stoppato all’esordio da Nick Kyrgios in tre set, ma con due di questi finiti al tie-break.

Nelle due settimane di quarantena, Sonego si allenerà con Dusan Lajovic (oggi 26esimo giocatore del pianeta ma già top 20), proprio il primo dei quattro tennisti che ha sconfitto durante la splendida settimana viennese dello scorso ottobre.

Insomma, tanti buoni auspici per un ragazzo che, tra vittorie sull’erba (Antalya 2019) e scalpi prestigiosi, ha tutte le intenzioni di continuare a stupire.

Matteo Musso

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, qualificazioni femminili: Errani e Cocciaretto strappano il pass per Melbourne

Le due tenniste azzurre battono nel turno decisivo rispettivamente Ana Konjuh e Harmony Tan, guadagnandosi un posto nel tabellone principale dello Slam

Pubblicato

il

Sara Errani - Qualificazioni Australian Open 2021 (photo Tennis Australia)

Una delle tante peculiarità dell’edizione 2021 degli Australian Open riguarda le qualificazioni. Per permettere alle giocatrici e ai giocatori di arrivare in tempo per effettuare i 14 giorni di quarantena a Melbourne, si è scelto di disputarle a Dubai. La città degli Emirati Arabi certamente suscita bei ricordi a Sara Errani, infatti qui nel 2016 è arrivato il titolo WTA più importante della sua carriera e chissà che questo possa aver giovato nel terzo turno di qualificazione contro Ana Konjuh. La 23enne croata a causa dei tanti infortuni si ritrova ora alla posizione n. 476 ma il suo valore è ben più alto. Contro Sara però non è riuscita a dare continuità al suo gioco e dopo aver vinto il primo set per 6-3 è stata sopraffatta dalla tennista bolognese che ha finito per vincere gli altri due parziali per 6-2 6-4. Non sono mancati momenti di tensione dato che nel set decisivo Errani si è fatta rimontare da 4-0 a 4-4 salvo poi chiudere con un break al secondo match point.

Per il secondo Slam consecutivo dunque Errani riesce a superare i tre turni di qualificazione e nell’ultima occasione, al Roland Garros autunnale dello scorso anno, aveva anche vinto un match nel tabellone principale salvo poi perdere l’epica sfida con Kiki Bertens. Il successo dell’attuale n. 131 del mondo è stato seguito da quello della n. 132: Elisabetta Cocciaretto. Anche quest’ultima è riuscita a guadagnarsi un posto nel main draw, battendo nel turno decisivo la francese Harmony Tan (23 anni, n. 234) col punteggio di 6-3 6-1. Per la 19enne nata ad Ancona si tratterà della seconda partecipazione assoluta in uno Slam, dopo quella dello scorso anno sempre a Melbourne dove venne sconfitta da Angelique Kerber. I nomi di Errani e Cocciaretto dunque portano a cinque il gruppo di giocatrici italiane che si presenteranno in Australia, aggiungendosi a Camila Giorgi, Martina Trevisan e Jasmine Paolini.

 

Uscendo fuori dai confini italici, uno dei nomi di spicco che prenderà parte agli Australian Open 2021 è quello di Tsvetana Pironkova. La bulgara era tornata in campo dopo la maternità agli US Open della passata stagione, e sprovvista di ranking si era arresa solamente ai quarti di finale contro Serena Williams. Vederla quindi battere 6-3 7-5 Margarita Gasparyan (una delle poche rappresentati del rovescio ad una mano nel tennis femminile) dà una conferma ulteriore della sua buona condizione. Un’altra veterana ad aver strappato il pass è Timea Babos. L’ungherese, ben avvezza a questo tipo di battaglie, l’ha spuntata 6-2 al terzo contro la slovacca Anna Karolina Schmiedlova. Tra le giovani da tenere d’occhio c’è invece la serba Olga Danilovic, la quale con la vittoria in tre set su Ankita Raina si è qualificata a 19 anni per la prima volta ad un major.

L’ELENCO COMPLETO DELLE QUALIFICATE

[1] K. Juvan
F. Jones
[3] G. Minnen
[17] S. Errani
W. Osuigwe
C. Burel
[7] T. Babos
M. Hibi
O. Danilovic
C. Paquet
R. Marino
[18] E. Cocciaretto
V. Savinykh
[21] T. Pironkova
[15] L. Samsonova
[16] M. Sherif

Il tabellone delle qualificazioni femminili con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

Flash

Sonego scavalcato in classifica ma sorride lo stesso: sarà testa di serie all’Australian Open

Il tennista torinese è stato sorpassato da Hurkacz, finalista a Delray Beach. Ma sarà comunque nel seeding grazie ai ritiri di Federer, Isner e Garin. Ci sono speranze anche per Jannik Sinner

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - ATP Vienna 2020 (via Twitter, @atptour)

Lorenzo Sonego ha preferito non giocare in questa prima settimana del 2021 bensì concentrarsi sulla preparazione (prima in compagnia di Nadal e poi a Torino). Questa scelta conservativa avrebbe potuto rivelarsi sconveniente in vista degli Australian Open, dato che è stato scavalcato in classifica da Hubert Hurkacz e ciò ha messo a rischio il suo ruolo di testa di serie nel primo Slam della stagione. L’ottima prestazione del polacco sul cemento di Delray Beach – si giocherà la finale con Sebastian Korda – gli ha permesso di guadagnare tre posizioni nel ranking ATP raggiungendo la numero 32. Adesso quindi Sonego si ritrova a occupare la numero 34, ma sono ancora una volta i ritiri altrui a confermargli la tanto desiderata testa di serie a Melbourne.

Nelle ultime ore infatti sono arrivate due defezioni degne di nota. La prima è stata quella del n. 25 John Isner mentre la più recente è quella del cileno Cristian Garin. C’era grande attesa nel vedere il n. 22 del mondo impegnato nel suo primo torneo sotto la guida di Franco Davin, ma una caduta in allenamento con successivo infortunio al polso sinistro hanno compromesso la sua preparazione. Lo stesso Garin ha detto di non poter essere in grado di sostenere la trasferta australiana, soprattutto in virtù del fatto che le limitazioni anti-contagio gli impediscono di viaggiare col suo fisioterapista, figura in questo momento fondamentale per il suo recupero. Il cileno ha dato quindi appuntamento ai tornei sudamericani, con il primo che inizierà il 22 febbraio a Cordoba, Argentina.

A questo ritiro va aggiunto ovviamente anche quello annunciato già da tempo di Roger Federer, portando a tre i tennisti in top 30 non presenti agli Australian Open quest’anno. Nel caso in cui un altro nome dovesse aggiungersi a questa lista, sarebbe di nuovo un italiano ad approfittarne: attualmente infatti Jannik Sinner occupa la posizione n. 36 e con un ritiro diventerebbe anche lui testa di serie, precisamente la numero 32. Se ciò dovesse accadere si tratterebbe di un evento storico per il tennis italiano. Infatti per la prima volta si avrebbero quattro giocatori azzurri teste di serie in uno Slam. L’unica occasione in cui si era andati vicini a questo traguardo fu al Roland Garros 2019 quando nel seeding erano presenti tre italiani: Marco Cecchinato, Fabio Fognini e Matteo Berrettini.

L’entry list aggiornata dell’Australian Open

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement