Da Sesto a Sofia: chi è Jannik Sinner e come è diventato il tennista da 2 milioni all'anno

Italiani

Da Sesto a Sofia: chi è Jannik Sinner e come è diventato il tennista da 2 milioni all’anno

Nato a San Candido nel 2001, ma cresciuto a Sesto, è stato conteso da tennis e sci fino a 14 anni. Poi ha spiccato il volo con la racchetta, grazie all’intuito di Sartori e Piatti. A Sofia ha vinto il primo (di tanti?) torneo e gli sponsor già se lo contendono

Pubblicato

il

Io ormai ho novant’anni, e questa di Sinner rimane tra le giornate migliori che abbia passato“. A pronunciare – o meglio, scrivere – questa frase è Gianni Clerici, che possiamo ipotizzare in cima al piano inclinato in fondo al quale, il 14 novembre 2020, la pallina degli eventi ha finito per produrre il primo titolo di Jannik Sinner nel circuito maggiore. Sul veloce indoor dell’Arena Armeec di Sofia, il torneo che ha ereditato la licenza di Zagabria (che fu prima di Milano, dove Federer vinse il primo titolo nel 2001), Sinner ha battuto in tre set Pospisil giocando così così per tutto il match ma splendidamente nel tie-break decisivo, condotto da veterano.

Perché Gianni Clerici abbia a che fare con Jannik Sinner è presto detto. Fu Clerici a incoraggiare il destino di Riccardo Piatti nel tennis, facendogli da maestro in una scuola tennis di Como mezzo secolo fa e poi consigliandogli di recarsi al campus di Bollettieri, quando Piatti aveva già scelto la via dell’insegnamento. Oggi Piatti è l’allenatore di Sinner. Più che un semplice allenatore, funge anche da padre, da mentore, da parafulmine. È l’intercapedine di sicurezza tra Jannik e il mondo esterno.

Gianni Clerici, il miglior cantore italiano del tennis. Riccardo Piatti, il miglior coach italiano. Promette di chiudere il triangolo Jannik Sinner, diventando il miglior tennista italiano di sempre. Il percorso che ha portato al clima attuale di euforia, all’interesse della TV di Stato e ai paragoni con Tomba, Pellegrini o Valentino Rossi – invero assai prematuri – cominciava 19 anni fa, il 16 agosto 2001.

 
Sinner con trofeo – Sofia 2020 (foto Ivan Mrankov)

DA DOVE VIENE SINNER

Da Sesto Pusteria, un comune del Trentino Alto Adige che non raggiunge i 2000 abitanti e guarda (molto) da vicino Veneto e Austria; nel paese c’è una stazione meteorologica ma non un ospedale, così Jannik deve nascere a San Candido, una manciata di chilometri a nord-ovest. Per farvi capire quanto sia andata bene all’Italia, che se l’è ritrovato in casa: il fiumiciattolo Rio Sesto attraversa Sesto Pusteria, scorre per appena 16 chilometri e proprio all’altezza di San Candido va a buttarsi nella Drava, il quarto più grosso affluente del Danubio (750 km) che è anche il fiume più lungo tra quelli che scorrono parzialmente in Italia. Affari di confine in una terra di confine. Sinner nasce nell’angolo meno italiano d’Italia, imparerà tardi a parlare l’italiano ma geograficamente parlando la sua è una storia tutta italiana.

Mamma Siglinde e papà Hanspeter gestiscono – e vi lavorano come cuoco e cameriera – il piccolo rifugio “Fondo Valle” in Val Fiscalina. Quel che di mamma e papà trasmigra subito in Jannik è la passione per gli sci, che indossa già a quattro anni. Magrolino e già piuttosto arancione, Jannik affianca la racchetta alla tuta da sciatore a sette anni, quando i genitori lo spronano a provare anche un altro sport. Il suo primo maestro di tennis è Heribert Mayr da Brunico, che assieme ad Andrea Spizzica si fa carico del compito (a posteriori) più importante: indirizzare Jannik verso il tennis.

Hebi (Mayr, ndr) mi segnalò questo ragazzino di 7 anni” ha raccontato Spizzica un anno fa a Sportface. “Ci giocai nonostante io non parlassi una parola di tedesco e lui una parola di italiano. Inizialmente Jannik si divideva tra tennis e sci e quindi giocava poco. Il nostro obiettivo divenne presto fargli scegliere il tennis; è stato un lavoro certosino, anche ‘sporco’ perché dovevamo dargli un contenuto tale da renderlo forte tanto quanto lo era con gli sci ai piedi“. A quei tempi però, ammette Spizzica, non si intravedeva il suo potenziale. “Non a questi livelli, almeno“.

Jannik Sinner e Andrea Spizzica

Un aiuto decisivo arriva dall’innato senso della competizione di Sinner, come spiega Heribert Mayr. “A 12 anni era campione italiano di sci e si allenava tutti i giorni; a tennis era forte, ma per lui era ancora un hobby da due volte a settimana. Nello sci, però, iniziava ad accusare il colpo e non vinceva più. E Jannik è uno che ha sempre voluto vincere, non accettava di perdere neanche contro di me“. Riassumendo: Jannik ha 12 anni, è uno sciatore promettente che però fatica a progredire. Il tennis non è ancora il suo ‘tutto’, e soprattutto ha una struttura fisica tanto gracile che gli avversari riescono speso a renderlo innocuo tenendolo lontano dalla linea di fondo. Nel corso di un raduno nazionale, un maestro lo accusa addirittura di ‘non saper fare due palleggi’ perché ha un gioco troppo votato all’attacco. Questo perché Spizzica e Mayr lo stanno indirizzando in quella direzione.

Jannik metterà in soffitta gli sci un paio d’anni dopo, ma la sport delle nevi gli consegnerà un lascito fondamentale. La capacità di mantenere alta la concentrazione nei piccoli segmenti di tempo composti da un quindici, ereditata da uno sport in cui la performance dura un paio di minuti e non c’è tempo per gli errori.

Ancora conteso dallo sci, il talento tennistico di Jannik non è debordante ma comincia ad affiorare. Arrivano i primi risultati (una semifinale alla coppa Lambertenghi, la finale nazionale under 13) e con essi la sua dimensione si allarga abbastanza da lambire l’interesse di Massimo Sartori, storico coach di Seppi, che proprio col suo allievo vuole farlo palleggiare durante il challenger di Ortisei del novembre 2014. Quella mattina però Seppi sta male, ‘e in campo con quel ragazzino ci sono finito io. Dopo un’ora, sono uscito morto!‘ racconta Sartori al Messaggero. Uno dei primi a intuire che Jannik è speciale, Sartori convince i suoi genitori a portarlo a Bordighera per sottoporlo all’attenzione di Riccardo Piatti. Qualche mese di assestamento e nell’estate 2015 il ragazzo si trasferisce in pianta stabile al centro di Bordighera (adieu, piste da sci!), dove attorno a lui si forma un team composto – oltre che da Piatti – anche da Andrea Volpini e Cristian Brandi, che lo ha accompagnato a Sofia.

Sinner gioca un’ottantina di match con la casacca di junior senza mai eccellere (best ranking di n.133 del mondo) e nel 2018 si tuffa definitivamente nel circuito dei Futures. Nel febbraio 2019 vince il suo primo challenger a Bergamo, senza aver ancora mai vinto un Futures; ci riuscirà la settimana successiva a Trento e poi a Santa Margherita di Pula, prima di vincere ancora a livello challenger a Lexington e Ortisei. Quest’ultimo successo, ottenuto pochi giorni dopo aver vinto le Next Gen Finals e a pochi chilometri da casa, coincide in qualche modo con l’abbandono del nido. A quel punto Sinner spicca il volo: il resto, più o meno, è storia che conosciamo.

Jannik Sinner – Sofia 2020 (foto Ivan Mrankov)

SINNER OGGI. E SINNER DOMANI

Sinner è molto più vicino ai più forti di quanto si pensi“, afferma sempre Sartori – che non è certo un tipo dagli entusiasmi facili. “Durante la pandemia gli ho fatto vedere molte partite di grandi campioni come Federer o Djokovic” aggiunge invece Piatti, intervistato dal Corriere dello Sport e dal Secolo XIX. “Di quelle sfide ho selezionato 40-45 minuti, i periodi in cui avevano giocato male. Volevo che Jannik capisse come erano comunque riusciti, in una situazione in cui non si stavano esprimendo al meglio, a cambiare il corso del match“. Esattamente ciò che Sinner ha fatto a Sofia contro Pospisil. Se giocare da favorito diventerà un problema? “No, perché è un atleta di alto livello” conclude secco Piatti. “La migliore educazione non è mettere timori, ma mostrare la strada. Perché c’è ancora tanta strada da fare“.

La pressione (e l’esaltazione un po’ stucchevole) sembra orbitare più fuori che all’interno dell’universo Sinner, dove tutto funziona a meraviglia. Il ragazzo è consapevole dei propri mezzi ma non ha fretta – ‘perché è la cosa più difficile da gestire, la fretta‘ – né si preoccupa che la pandemia gli abbia fatto perdere tempo e posizioni in classifica. “Non rimpiango i mesi saltati per il ranking, sono solo contento che la mia famiglia e i miei amici stiano bene. Magari potevo essere N.20, ma anche se non lo sono pace, la cosa più importante è rimanere in salute e sperare di viaggiare con meno problemi il prossimo anno. Prendo tutto quello che mi è arrivato”.

Peraltro, c’è il caso che lo stop lo abbia addirittura aiutato. Non possiamo essere certi che una stagione completa, senza gli allenamenti intensi dei mesi senza tennis – ‘2-3 sessioni al giorno di tattica e tecnica’, dice Piatti – che gli hanno consentito di lavorare sui suoi punti deboli, si sarebbe conclusa ugualmente con un quarto di finale Slam e il primo titolo in carriera. Perché Jannik Sinner, in questo momento, è soprattutto un tennista in costruzione. Anche se è già fortissimo, e ha dimostrato di poter già vincere, ha bisogno di crescere ancora per poter arrivare – non è più il caso di nascondersi – dove tutti credano possa o persino debba arrivare. E rimanerci. Top 10, o magari ancora più su come sospetta Pospisil.

Non possono né devono essere un problema le smisurate attenzioni che lo stanno braccando. Quelle dei media (non tutte giuste). Paragonarlo a Federica Pellegrini o Alberto Tomba è prematuro e ingeneroso nei confronti di chi ha ampiamente fatto la storia dello sport italiano, ma a Sinner deve cambiare poco: lui ha la sua strada e sta dimostrando di poterla percorrere senza distrazioni. Quelle degli sponsor (tutte giuste). Secondo la Gazzetta dello Sport Sinner è un brand che vale già due milioni a stagioneRolex, Technogym, Parmigiano Reggiano e Alfa Romeo sono saliti quest’anno sul carro già occupato da Nike e Head – ed è perfettamente normale che sia così, perché ad oggi non esiste un under 20 che prometta come Sinner. Oltre ad essere normale, se Jannik manterrà le promesse, questa attenzione crescerà in modo esponenziale e durerà per tutta la carriera. Meglio iniziare già oggi a trovare il modo di gestirla: è una delle tante cose che tornerà utile domani.

Jannik Sinner – Roland Garros 2020 (foto Twitter @Rolandgarros)

L’immediato domani dello Jannik mono-pensiero – ‘vuole sapere tutto del tennis, del resto c’è chi se ne occupa‘ dice sempre papà Piatti – sarà il ritorno a casa a Montecarlo, dove risiede, e la partenza per l’Australia a metà dicembre, dove smaltire l’obbligo di quarantena e cominciare ad allenarsi in vista del 2021. A 19 anni, da numero 37 del mondo, avrà ancora un po’ di tempo per fallire. Ma neanche troppo.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wildcard per Lorenzo Musetti a Barcellona

Seconda di fila per il classe 2002, che si aggiunge ad Alcaraz e Munar fra i giocatori invitati al 500 catalano

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Acapulco 2021 (foto AMT2021)

Continuano ad aumentare le presenze di Lorenzo Musetti nel circuito maggiore: il carrarese ha infatti ricevuto una wildcard per il 500 di Barcellona in programma la prossima settimana, il suo quinto torneo ATP di fila dopo Acapulco, Miami, Cagliari e Montecarlo (anche in quest’ultimo aveva beneficiato di un pass per il tabellone principale).

Fino a questo momento, Musetti ha quasi sempre saputo sfruttare le opportunità avute: a Roma, lo scorso settembre, ha ricevuto una wildcard per le qualificazioni, vincendo cinque partite e raggiungendo gli ottavi; poche settimane dopo, ha raggiunto la semifinale del Sardegna Open; qualche giorno fa, invece, ha perso al primo turno del 1000 monegasco contro Aslan Karatsev.

Le altre due wildcard confermate fino a questo momento dagli organizzatori dell’Open Banco Sabadell saranno invece Carlos Alcaraz Garfia, il classe 2003 considerato l’erede della grande tradizione maschile iberica, e Jaume Munar, recente finalista a Marbella dopo aver battuto proprio Alcaraz in semifinale.

 

Qui l’entry list aggiornata di Barcellona e degli altri tornei della prossima settimana

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup, i playoff: Cocciaretto-Bara il primo incontro

A Cluj, l’Italia affronta la Romania priva di Halep; Trevisan-Buzarnescu il secondo match. In campo anche Ostapenko, Svitolina e Bertens per le rispettive nazionali

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

La squadra azzurra di Billie Jean King Cup torna in campo nella giornata di oggi contro la Romania, a oltre un anno di distanza dal successo sulla Croazia a Tallinn che è valso l’accesso ai playoff, inizialmente previsti per il 17 e 18 aprile del 2020 prima di essere rinviati al 2021. Il gruppo a disposizione di Tathiana Garbin include Elisabetta Cocciaretto, Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Jasmine Paolini e Bianca Turati, alla sua prima convocazione. Gli incontri saranno visibili su Supertennis dalle 14:30 di oggi e dalle 13 di domani.

Il tie si svolgerà presso la Sala Polivalenta di Cluj (cemento indoor), e vedrà l’Italia opposta ad una formazione decisamente rimaneggiata, visto che saranno assenti le cinque migliori giocatrici rumene (Halep, Tig, Cirstea, Begu e Bogdan). Le selezioni di Monica Niculescu hanno quindi incluso… sé stessa (N.173 in singolare e 55 in doppio), oltre a Irina Maria Bara (N.132 in singolare e 124 in doppio), Mihaela Buzarnescu (137 in singolare e 114 in doppio) e Elena Gabriela Ruse (168 in ambo le specialità).

Il primo incontro di oggi, a partire dalle 14:30 italiane, sarà Bara-Cocciaretto, a cui farà seguito Buzarnescu-Trevisan. Domani, invece, si inizierà alle 13 con Bara-Trevisan, poi Buzarnescu-Cocciaretto e infine il doppio Niculescu/Ruse vs Gatto-Monticone/Paolini.

 

Questi gli altri incontri di playoff:

REGNO UNITO-MESSICO

  • Sede: National Tennis Centre, Londra
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 15 italiane):

  • K. Boulter vs M. Zacarias
  • H. Watson vs G. Olmos

Incontri di sabato (a partire dalle 12:30 italiane):

  • H. Watson vs M. Zacarias
  • K. Boulter vs G. Olmos
  • H. Dart/H. Watson vs F. Contreras Gomez/G. Olmos

SERBIA-CANADA

  • Sede: Sport Hall Ibar, Kraljevo
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • O. Danilovic vs L.A. Fernandez
  • N. Stojanovic vs R. Marino

Incontri di sabato (a partire dalle 11 italiane):

  • N. Stojanovic vs L.A. Fernandez
  • O. Danilovic vs R. Marino
  • O. Danilovic/A. Krunic vs S. Fichman/C. Zhao

LETTONIA-INDIA

  • Sede: National Tennis Centre Lielupe, Jurmala
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 17 italiane):

  • J. Ostapenko vs A. Raina
  • A. Sevastova vs K.K. Thandi

Incontri di sabato (a partire dalle 15 italiane):

  • A. Sevastova vs A. Raina
  • J. Ostapenko vs K.K. Thandi
  • D. Marcinkevica/D. Vismane vs S. Mirza/A. Raina

UCRAINA-GIAPPONE

  • Sede: Elite Tennis Club, Chornomorsk
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs C. Muramatsu
  • M. Kostyuk vs Y. Naito

Incontri di sabato (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs Y. Naito
  • M. Kostyuk vs C. Muramatsu
  • L. Kichenok/N. Kichenok vs S. Akita/H. Sato

ARGENTINA-KAZAKISTAN

  • Sede: Córdoba Lawn Tennis Club, Córdoba
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 16 italiane):

  • N. Podoroska vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle vs E. Rybakina

Incontri di sabato (a partire dalle 15:30 italiane):

  • N. Podoroska vs E. Rybakina
  • M.L. Carle vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle/N. Podoroska vs A. Danilina/Y. Shvedova

OLANDA-CINA

  • Sede: Maaspoort Sports & Events, s-Hertogenbosch
  • Superficie: terra indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xiyu Wang
  • A. Rus vs Xinyu Wang

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xinyu Wang
  • A. Rus vs Xiyu Wang
  • L. Pattinama Kerkhove/D. Schuurs vs S. Zhang/S. Zheng

POLONIA-BRASILE

  • Sede: Hala Na Skarpie, Bytom
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • M. Frech vs C.M.R. Alves
  • U. Radwanska vs L. Pigossi

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • M. Frech vs L. Pigossi
  • U. Radwanska vs C.M.R. Alves
  • W. Falkowska/P. Kania Chodun vs G. Ce/L. Stefani

Continua a leggere

Focus

Classifica ATP e non solo. Quale tennista italiano ha la più grande fan base?

Questa particolare classifica social vi stupirà. O forse no. Così come la prepotente ascesa di Jannik Sinner

Pubblicato

il

È insita nel concetto stesso di sport. Non riusciremmo a immaginare nessuna attività agonistica sportiva che possa prescindere da una graduatoria. Si compete anche per quello; per far sì che il proprio valore sul campo possa essere estrinsecato in qualcosa che dia un senso alle fatiche e un gusto ancora più particolare alle vittorie, permettendo di superare il confine puramente edonistico del labile piacere della vittoria, per concretizzarsi in qualcosa di concreto.

“In questa squadra si combatte per un centimetro, in questa squadra ci massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi per un centimetro”; questo mantra cinematografico motivazionale, libera citazione di “Any Given Sunday” (Regia Oliver Stone, 1999), raffigura pienamente lo sforzo che ogni agonista compie per primeggiare, quello sforzo che sta dietro ad ogni piccolo passo in avanti. Basta concettualmente sostituire centimetri con una posizione in classifica e il gioco (più o meno al massacro, fate voi) è fatto.

Concretizzando il tutto e riportandola nel concetto più caro ai lettori di Ubitennis, mai come in questo periodo storico, la classifica ATP sorride ai colori azzurri. Sono infatti ben dieci i giocatori italiani a rappresentare il tennis nostrano nelle prime 100 posizioni, quattro addirittura tra i primi 30, segno tangibile dello stato di forma della racchetta maschile italiana. Il capofila nel ranking è Matteo Berrettini (numero 10) seguito da Fabio Fognini (18). Appena più dietro, Jannik Sinner (22) seguito da Lorenzo Sonego (28), poi più distaccato Stefano Travaglia (67). A completare il quadro dei ’10 cavalieri azzurri’ sono Lorenzo Musetti (84), Salvatore Caruso (89), Marco Cecchinato (92), Andreas Seppi (96) e Gianluca Mager (97): pas mal, direbbero gli amici transalpini considerando anche solo l’età media dei singoli giocatori.

Tutto molto bello fin qui. Ma ci siamo chiesti, qual è l’appeal di questi giocatori nei confronti del pubblico? Se prendessimo gli stessi dieci e stilassimo una classifica in base a quella che è la fan base di ognuno di loro, cosa otterremo? Chi, tra questi, è il tennista con più follower? Ci ha aiutato a rispondere la ricerca in tal senso portata avanti dalla IQUII Sport, società che si occupa di trasformazione digitale a supporto di atleti e team per misurare il dato di fan engagement. Il risultato che ne viene fuori è abbastanza sorprendente e ve la mostriamo:

Grafica IQUII Sport

Il leader indiscusso di questa classifica è Fabio Fognini che, sommando i follower di Instagram e Twitter, supera abbondamene i 675.000 fan. Ben distanziato al secondo posto (ma crediamo con ottimi margini di miglioramento) troviamo Jannik Sinner con “soli” 363.000 fan (340.000 dei quali su Instagram, dove un anno fa erano appena un terzo). Completa questo particolare podio Matteo Berrettini che somma quasi 239.000 follower. Chiude questa speciale classifica Gianluca Mager che può contare una fan base stimata in circa settemila unità.

“Il successo che sta avendo Sinner e la performance di sabato 10 aprile di Sonego che vola in finale all’ATP 250 di Cagliari, sono tutti segnali che il movimento del tennis italiano è in salute, forse come non lo è mai stato dagli anni ’70-’80 e questo si riflette nei numeri che ritroviamo nel ranking social da noi sviluppato”. Queste sono le parole di Fabio Lalli, Chief Business & Innovation Officer di IQUII, raggiunto telefonicamente per un commento a questa particolare classifica. La nuova generazione ha una forte prospettiva di coinvolgimento digitale attraverso le piattaforme come Twitter o Instagram e questo è un grande volano per il tennis in Italia e per le opportunità di sponsorizzazione legate ai giovani atleti emergenti, soprattutto in prospettiva delle Nitto ATP Finals di Torino del prossimo novembre”.

È indubbio quindi che l’attenzione al tema sia giustamente massima, perché è inevitabile che il tennista di oggi debba essere ancora più attento che in passato alla propria immagine e che il focus sulla propria reputazione sui social media sia da considerare come elemento imprescindibile. In tal senso si inserisce anche l’operazione compiuta dallo staff di Jannik Sinner di dotarsi di un logo. Sebbene Jannik abbia specificato da Montecarlo che il logo ha la funzione di supportare una iniziativa benefica di recente ideazione, resta il segno concreto dell’attenzione che l’atleta, il tennista e l’uomo devono riservare a dei canali di comunicazione diretta che rappresentano il tornaconto della propria attività, fuori e dentro il campo. Parafrasando nuovamente “Any Given Sunday” e con un minimo di licenza più o meno poetica potremmo dire: “È il marketing ragazzi, è tutto qui”.

Articolo a cura di Carlo Galati

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement